Jump to content
Sign in to follow this  
Alagi

Una Foto Dalla " Rivista H "

Recommended Posts

Premetto che - per tutta la parte biografica e uniformologica di questo topic - il merito va al nostro Presidente GM Andrea che, stamattina, mi ha segnalato tutto il segnalbile in merito... :smiley19::wink:

Ho ricevuto tramite un amico di Rapallo la scansione di questo "cartoncino commemorativo" relativo alla celebre "Rivista H", tenuta nel Golfo di Napoli il 5 maggio 1938 in occasione della visita in Italia di Adolf Hitler.

 

 

f3o8.jpg

7ky8.jpg

 

Nella foto in alto, da destra, sono raffigurati gli incrociatori pesanti Fiume, Zara, Pola e Gorizia all'ormeggio alla testata del Molo della Stazione Marittima di Napoli.

La foto in basso è stata scattata tra le 10.00 e le 10.30 a bordo della nave da battaglia Cavour, sul ponte a poppa, poco dopo l'imbarco di Hitler e di Mussolini e prima che iniziassero le manovre della "Rivista H" (le unità partecipanti uscirono dal porto tra le 10.45 e le 11.15). Al centro della fotografia si individuano, ovviamente, Hitler, Vittorio Emanuele III, Mussolini e il Principe Ereditario Umberto di Savoia.

E' più interessante l'identificazione degli altri due personaggi in uniforme, a sinistra e a destra della foto.

Il capitano di vascello a sinistra è il c.v. Antonio Bobbiese, comandante del Cavour. Si noti che sulla spalla destra dell'uniforme si intravedono le cordelline dorate da "Comandante di Bandiera", che contraddistinguevano il comandante di un'unità su cui era imbarcato un Comando navale superiore (il Cavour, difatti, all'epoca era nave ammiraglia della V Divisione Navi da battaglia). Questo particolare elemento uniformologico faceva sì che - nelle occasioni in cui era previsto indossare la sciarpa azzurra - questa scendesse dalla spalla sinistra verso destra (e non dalla spalla destra verso sinistra come avveniva - e avviene - per le uniformi degli ufficiali della Marina Italiana).

Il militare a destra è il generale di corpo d'armata Giuseppe Mario Asinari di Bernezzo, primo aiutante di campo generale del Re, il cui incarico è evidenziato dalla presenza di una corona al di sopra della stelletta sul bavero della giacca (nell'immagine i due elementi sono due puntini chiari difficilmente distinguibili).

A poppavia del Cavour c'è il Cesare, ed entrambe le unità stanno per procedere a lento moto verso l'imboccatura del porto (sullo sfondo si intravede il Molo S. Vincenzo, perpendicolare alla Calata Beverello, non visibile nella foto perché di poppa al Cesare).

Bibliografia:

- T. Marcon, Riviste navali a Napoli negli anni Trenta, in "Bollettino d'Archivio dell'Uff. Storico della M.M." (giugno 1995)

- E. Bagnasco, E. Cernuschi, Rivista H, in "STORIA militare" n. 200 (maggio 2010)

Naturalmente, Andrea è pregato di intervenire qualora non avessi riportato dei dati corretti. :rolleyes:

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissime foto e notizie interessantissime!

Grazie c.ti!

Ciao,

C.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

@Alagi, come sempre sei impeccabile... farti solo i miei più sinceri complimenti credo risulti un po riduttivo... :smile:

 

Scusa, si vedono delle catene (mi sembrano del Cesare) a che servivano se erano in moto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Alagi, come sempre sei impeccabile... farti solo i miei più sinceri complimenti credo risulti un po riduttivo... :smile:

I più complimenti, come ho detto, vanno a GM Andrea...

 

Scusa, si vedono delle catene (mi sembrano del Cesare) a che servivano se erano in moto?

Me ne ero accorto anch'io... e difatti ho corretto il post con "... le unità stanno per procedere a lento moto".

Ottima osservazione, Vincenzo, e da marinaio non da scrivania. :biggrin:

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Ottima osservazione, Vincenzo, e da marinaio non da scrivania. :biggrin:

Il buon Vincenzo è un "vecchio" lupo di mare mica micio micio bau bau :biggrin:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie degli immeritati elogi, ma davvero non era così difficile risalire ai due personaggi

 

A proposito di Bobbiese, spulciando qua e là ho rinvenuto una testimonianza su un episodio avvenuto al Principe Umberto pochi minuti prima di quella foto. Lo raccontò lui stesso, trovando riscontro nell'intervistatore, in un resoconto pubblicato qui: http://www.reumberto.it/incom5.htm

 

Trascrivo quanto d'interesse (evidenziando l'impreciso "appartamenti" di bordo citati dal Principe e il fatto che Bobbiese a Spalato comandava MARIDALMAZIA, non il Basso Adriatico):

 

A questo punto Umberto mi narra un gustoso episodio di cui fu testimone a Napoli, durante la magnifica parata navale che fu fatta in onore di Hitler. L'allora Principe ereditario era salito a bordo della

A mia volta, riferisco a Umberto lo stesso episodio come me lo aveva raccontato qualche amo dopo, a Spalato ove comandava il dipartimento del Basso Adriatico, l'ammiraglio Bobbiese. il quale aveva comandato la Cavour proprio al tempo della parata di Napoli. Disse Bobbiese che l'uniforme era stata mandata dal Comando Marina, con l'ordine che venisse consegnata a Mussolini. L'ammiraglio Bobbiese era uno dei non molti ufficiali superiori che fossero sinceramente legati al partito fascista, pur facendo la premessa che naturalmente anteponeva in ogni caso la fedeltà al Re alla fedeltà al partito; tuttavia, in quell'occasione - come disse poi, e non era uomo da vanterie puerili - aveva ricevuto un colpo in pieno petto, geloso - come ogni buon ufficiale della Regia Marina della serietà dell'uniforme. Disse che entro di sé aveva fatto proponimento che, nel caso che Mussolini avesse indossato la divisa di Grande Ammiraglio, avrebbe immediatamente chiesto il collocamento in pensione. Accompagnò Mussolini nel suo appartamento, che era quello dell'ammiraglio, e rimase sulla soglia ad attendere gli avvenimenti. Mussolini si avvicino al letto, osservò l'uniforme e chiese di chi fosse. Bobbiese rispose: «E' stata mandata per voi, Duce,. Mussolini si volse a guardare l'ammiraglio, che sostenne lo sguardo senza battere ciglio. Fu un attimo, poi Mussolini disse a mezza voce: «Fatela portare via».
Umberto è soddisfatto per la conferma venuta da altra e sicura fonte, come quella dell'ammiraglio Bobbiese, ma non è del pari soddisfatto per una frase che io dico a deplorazione delle ambizioni di Mussolini ». Dice: .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,654
    • Total Posts
      518,048
×