Jump to content
Sign in to follow this  
Regia Marina

Debriefing - Google Wars

Recommended Posts

Questa volta il debriefing lo inizio io che sono curioso di sapere come è andato a finire il tiro alla fune (nave) finito per me prematuramente causa siluri aggressivi.

 

Iniziamo dagli schieramenti che vedevano il RED SIDE composto dall'unità aerea Tupolev Bear (soprannominato dal suo stesso pilota "Il Silenzioso") comandato dal prode Comandante Pilota Von Faust (il quale a inizio partita richiedeva a gran voce un elicottero ma gli è stato dato l'orsacchiotto russo), e dalle unità sottomarine Akula II Improved del comandante Iscandar e Sierra II sotto il mio comando.

 

Il BLU SIDE vedeva invece la presenza di una unità di superficie Italiana Bergamini sotto il comando del Comandante Drakken, accompagnata dalle unità sottomarine U212A Todaro del Comandante Serservel e dal 688i del comandante Sertore.

 

Entrambi gli schieramenti erano dotati di una unità di appoggio in superficie che serviva agli scopi della missione che vedremo in seguito.

 

L'obbiettivo di missione era comune ad entrambi gli schieramenti e prevedeva il recupero (per mezzo di abbordaggio) di una unità navale alla deriva (GSHIP), per abbordare tale unità era sufficiente arrivargli molto vicino ed essa avrebbe preso la direzione verso le unità madri del rispettivo side che l'aveva abbordata.

La cosa curiosa di questa missione erano le ROE, l'editor ha lasciato carta bianca ai comandanti su come gestire le ROE e poi vedremo quanto bianca è rimasta questa carta dopo pochi minuti di partita.

 

La mia unità inizia in posizione NW dell'isola principale sulla mappa a circa 12 / 15 mn dall'ipotetica posizione della GSHIP abilmente passata dal Tupolev di Faust il quale nel frattempo aveva individuato anche l'unità Italiana Bergamini e si preparava ad aprire il fuoco su di essa.

 

Io sfrutto una delle cose positive del Sierra II, ovvero il poter reggere altissime profondità, il sonar mi dava un layer a 225 metri circa e un fondale di oltre 1000 metri, decido così di testare le capacità di immersione di questa unità arrivando con somma gioia e sorpresa alla bellezza di 790 metri senza che essa emetta il minimo scricchiolio, essi cominciano a 791 e quindi decido di stabilizzarmi a 780 e iniziare una rotta di avvicinamento sempre aggiornato costantemente da Faust.

 

Nel frattempo Iscandar la cui nascita è avvenuta un po' distante dalla zona inizia anche lui ad avvicinarsi alla posizione, contemporaneamente Faust dopo averci litigato un po' riesce ad agganciare i suoi missili antinave sulla bergamini e affondarla.

 

Tolta la Bergamini Faust può iniziare il suo lavoro di posatore di boe e noi abbiamo finalmente qualche contatto e anche qualche siluro vagante.

Io inizio a ridurre la profondità quando sono a circa 5 mn dalla nave bersaglio, non appena esco dal layer inizia contro di me (almeno credo) un lancio di siluri provenienti da un bearing nel quale io ricevo segnali di una unità di superficie neutrale forse usata come protezione, infatti nemmeno Faust riesce a confermarmi il bersaglio così devo tirare di risposta sul bearing.

Dopo 2 Schkval andati praticamente a vuoto ne lancio altri 2 (questa volta uno Schkval e un Test-71M), il secondo colpisce e affonda l'U212A di Serservel.

 

Resta così il 688 di Sertore, nel frattempo un azione di paracadutisti lanciati dal Bear abborda la GSHIP e la dirige verso la nostra nave madre.

 

Nel frattempo il sonar è illegibile, vi sono decine di siluri tra amici e nemici in acqua, io sono oggetto di un tiro da fuoco amico da parte del mio stesso compagno il quale forse pensava ancora di essere tra i BLU (suo abituale schieramento), fortunatamente il suo siluro non mi ha sentito ed è scivolato via.

Nel frattempo l'Akula di Iscandar viene colpito ma non affondato dal sub di Sertore (credo almeno , a meno che non è stato il Sub in AI che vagava) il quale poi dirige i suoi siluri anche verso di me, non sò di preciso quanti me ne abbia lanciati (mi sono dimenticato di vedermi il replay quando ho staccato), nè se io ne abbia evaso qualcuno ma alla fine sono stato colpito e affondato, senza possibilità di scampo.

 

Non essendo rimasto connesso fino alla fine, nè aver visto il replay non sò come sia andata a finire.

 

La partita è stata divertentissima, alla fine la preoccupazione iniziale sullo sbilanciamento dei due SIDE non si è verificata anche grazie all'arrivo inatteso di Sertore, il Bear è stato di grande utilità per sopperire ad esempio la minore efficacia dei sensori del mio Sierra rispetto a quelli del U212A, 688 e Bergamini.


La tipologia di missione era qualcosa di nuovo ed è tutto andato bene, trascurabile il problema del trigger sulla mancanza di controllo se l'unità era in superficie o meno (infatti è stato possibile abbordarla da immersi e dall'aria), alla fine la carta bianca data dalle ROE libere ha fatto passare in secondo piano la GSHIP e ha trasformato l'area in una pozza piena di siluri.

 

Grazie per la bella serata e alla prossima!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi, sebbene in ritardo rispetto alle mie abitudini.

 

Poco da dire rispetto al completo e molto divertente debriefing di Regia Marina, che ho sottovalutato alla grande contando di riuscire a rimanere nei pressi della GShip, che volevo rimanesse assolutamente nostra, e nel contempo individuare e lanciare contro i contatti avversari.

Purtroppo i fatti hanno dimostrato che il Sierra è un temibile nemico, ma andiamo per ordine.

 

Generato a SE, ricevo il messaggio radio con le coordinate dell'aerea di ricerca e lì mi dirigo, alla velocità di 10/15kn sotto il layer. In una pausa di ascolto rilevo le unità civili e biologiche nella zona e, dopo una buona mezz'ora, la GShip alla deriva.

 

Nel frattempo Drakken e Von Faust si dileggiano a salutarsi in superficie, saluti che dovevano rimanere amichevoli almeno all'inizio della partita. Dovevo prevedere che il buon Mito non sarebbe rimasto a guardare il Bear di Von Faust dall'aletta di Plancia, tantè che ci fa: "E che è, mi passa un aereo russo davanti e non gli sparo?". E difatti gli spara, ma inizialmente lo manca. Von Faust non gli lascia molto tregua e, poco dopo, lo fa segno di missili molesti e lo cola a picco.

 

Reimpostate così le ROE su WAR, cerco di prestare un po' di più attenzione e mi avvicino alla GShip a 7kn. Alla distanza opportuna ne prendo il controllo e rimango in zona mentre lei punta la prua verso la nostra nave madre.

 

Districandomi tra i molteplici contatti di siluri in acqua, individuo il Sierra di Regia Marina a 5nmi da me. Maledicendomi per la poca attenzione, stabilisco una soluzione su di lui e lancio due siluri attivo/passivo, più un successivo attivo quando vedo i miei non percorrere la traiettoria che prevedevo in caso di aggancio del bersaglio.
I miei siluri falliscono, probabilmente a causa dell'estrema profondità a cui si è gettato Regia Marina, ma i suoi mi centrano in pieno (ne basta uno) e mi mandano a fondo.

 

Resto collegato in attesa dell'esito finale, con Iscandar che lamenta strani sabotaggi e danni al suo Gepard e Von Faust che svolazza libero e felice.

 

 

Sono abbastanza contento di come è andata, se mi fossi ricordato di impostare la profondità massima per l'abbordaggio alla GSHip saremmo stati tutti costretti a emergere, diventando a turno dei bersagli. Anche le distanze del TU-142 di Von Faust hanno condizionato un po' l'andazzo, purtroppo sono poco pratico e non credevo di vederlo tanto presto...alla prossima ti riempio i serbatoi di melassa!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regia Marina ha descritto tutto alla perfezione, scusate se urlo ma sono ancora mezzo sordo visto che Serservel non ha voluto cambiarmi unità :wink:

 

Parto ad Est della zona calda ad un'altezza di 25 metri, pensavo di essere a bordo di un'idrovolante ma poi "visto" il rumore mi sono accorto che era un Bear (Serservel mi piace menartela :laugh: ).

 

Pensavo che le unità avversarie fossero molto più distanti e, complice una errata interpretazione da parte mia delle ROE, mi ritrovo con la Bergamini del Drakken sotto la fusoliera, chiudo gli occhi aspettando un attacco, controllo possibili arrivi di missili, sono passati pochi minuti e chiedo ai miei compagni "Ma......posso attaccarlo ???", questi mi aprono gli occhi rispondento "Potesse lui lo farebbe subito" :wink:

Provo l'attacco ma gli SSN-X-26 non sono attivi pur avendo tutto impostato alla perfezione, mi allontano e mi riavvicino, le provo tutte, finalmente me li ritrovo disponibili (l'addetto armi non aveva sentito il mio comando probabilmente essendo il Bear molto rumoroso....vero Serservel ?), attacco la Bergamini e riesco ad affondarla.

 

Inizia così una lunga ricerca con le sonoboe, l'unico che riesco ad individuare è Sertore in attivo ma questo non mi dava la sicurezza sul contatto per poterlo attaccare (e non ero nemmeno sicuro che ci fosse qualcosa) vista la presenza nelle immediate vicinanze di un'unità neutrale.

 

Peccato essermi accorto in ritardo dell'attivazione del trigger di approccio all'unità bersaglio quando gli passavo sopra, ci chiedevamo perplessi chi avesse completato l'abbordaggio.

 

Bella partita e difficile la ricerca con sonoboe da là sopra vista la presenza di numerosi contatti in un range ristretto.

 

GRAZIE A TUTTIIII !!! (Scusate se urlo ma è colpa di Serservel) :wink::laugh:

Edited by Von Faust

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono abbastanza contento di come è andata, se mi fossi ricordato di impostare la profondità massima per l'abbordaggio alla GSHip saremmo stati tutti costretti a emergere, diventando a turno dei bersagli. Anche le distanze del TU-142 di Von Faust hanno condizionato un po' l'andazzo, purtroppo sono poco pratico e non credevo di vederlo tanto presto...alla prossima ti riempio i serbatoi di melassa!

 

Ai volatili di solito in fase di editing di solito assegno la velocità massima e lo metto ad una distanza tale che sia necessaria una ventina di minuti buoni prima che raggiunga la zona calda, pensando che di solito i sub iniziano con dei leg ad alta velocità facili da individuare con le sonoboe (se presenti) in poco tempo.

 

Altra suggerimento se non vuoi "regolare" le quote di approccio è assegnare il Bear ad un side alleato a quello Red, il trigger di approach lo lasci per i side Bleu e Red.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nulla da aggiungere a vari rapporti dei colleghi comandanti :), a parte che sono riuscito a danneggiarmi da solo, non so come. per il resto gli stallion andvano dovunque meno che dove gli avevo detto, arttuando il solito salto della rana, gli skrval ( o come cippimerlo si chiamano) gli dicevo di andare a 138° (Regia Marina) ed andavano per 180°, salvo poi scomparire e riapparire dietro a Regia, per il resto mi sono divertito, ottima la durata della partita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si belli Debrief e tutto il resto ma mi sorge una domanda....

 

Come è finita la partita????

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si belli Debrief e tutto il resto ma mi sorge una domanda....

 

Come è finita la partita????

 

Cheeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ? Cos'hai dettoooooooooo ? E' finita la partitaaa ? Non sento nienteeee, sono ancora quì in voloooo :laugh::wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cheeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ? Cos'hai dettoooooooooo ? E' finita la partitaaa ? Non sento nienteeee, sono ancora quì in voloooo :laugh::wink:

 

Finirai come quei giapponesi che negli anni 70 stavano ancora nascosti nelle foreste del pacifico per difendere l'impero giapponese dagli americani (peccato che nessuno gli aveva detto che la guerra era finita nel 45).

 

:biggrin: :biggrin: :biggrin:

 

Tranquillo a te finirà il carburante molto prima, spero ti sarai portato il paracadute così poi alla prossima missione ti ritroviamo sul canotto giallo canarino come quando abbiamo fatto la lezione di accademia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh stavolta poco da raccontare....

 

per dire la verità appena visto (quasi subito :huh:) il Bear di Von Faust sono rimasto interdetto... in quanto risultava essere un contatto neutrale.... NEUTRALE ??? :ohmy:

 

Il tempo di fare due conti... ed è uscito fuori dal range dei miei missili... :dry: poi Fausto dopo qualche giro mi ha lanciato i micidiali missili... che non hanno dato il tempo neanche ai miei sistemi difensivi di attivarsi... :sad::sleep:

 

la prossima volta QUALUNQUE OGGETTO volante identificato o non... sarà polverizzato all'istante !!! Altro che ROE !!! :happy::wink::tongue:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oddio, come è finita la partita??? noi abbiamo affondato una nave e un sub, loro un sub

 

però se non cè lo dice l'editor non sappiamo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, considerando che l'obiettivo della missione era l'acquisizione della GShip, direi che bisogna chiedere a Sertore se è riuscito a riprenderla dopo il lancio di paracadutisti dall'assordante Bear :wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me la partita si è conclusa in parità anche se al momento dell'attivazione dello show truth la nave era in mano ai rossi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me la partita si è conclusa in parità anche se al momento dell'attivazione dello show truth la nave era in mano ai rossi.

 

Sì ma forse l'avevo "conquistata" io, quindi non era molto regolare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì ma forse l'avevo "conquistata" io, quindi non era molto regolare

 

All'inizio avevo pensato di rendere disponibile un elicottero, il quale avrebbe potuto abbordare la nave dall'alto, rimanendo in posizione per un tot di secondi. Con l'aereo dovremmo pensare ad una specie di lancio con paracadute, poco fattibile ma...perchè no?

 

Secondo me vincono i RED, sia per obiettivi che per unità affondate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

facciamo che ci siamo divertiti, e pari e patta??? anche se ancora devo capire come ho fatto a colpirmi da solo...

 

Guarda che nessuno sta inseguendo chissà quale risultato, la mia era solo la curiosità non essendo rimasto fino alla fine e non avendo visto il replay ero curioso di saperre come era finita questa divertentissima e "atipica" partita.

 

Sul colpirti da solo io non c'ho capito nulla, sò solo che ad un certo punto hai subito danni, non è che hai sparato un siluro al di sotto dei 500metri? (siluro intendo gli UGST)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ha vinto il Bear....ha affondato la Bergamini e conquistato la Gship da 15.000 metri con le orecchie sfondate.....fate voi :laugh::wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ha vinto il Bear....ha affondato la Bergamini e conquistato la Gship da 15.000 metri con le orecchie sfondate.....fate voi :laugh::wink:

 

Casomai hanno vinto gli Spetsnaz sopravvissuti al lancio da 15.000 metri :D :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,230
    • Total Posts
      509,311
×