Jump to content
Sign in to follow this  
Massimiliano Naressi

Il Deterrente Di Ieri

Recommended Posts

u063.jpg

Titolo: IL DETERRENTE DI IERI. Tipiz e la nascita della Flotta da battaglia tedesca.

Autore: Jonathan Steinberg

Editore: Sansoni, Firenze, 1968

Reperibilità: Facile (usato in rete)

Costo: 10 -15 euro (usato in rete)

 

Attraverso lo studio dei documenti dell’archivio della Marina tedesca, l’autore ricostruisce in questo volume la nascita della Hochseeflotte voluta dall’amm. Tirpiz. Il testo si apre con un contributo del Cap. Saunders della Royal Navy relativo alle vicende degli archivi della Marina teutonica e sul loro arrivo a Londra dopo la seconda guerra mondiale.

Il volume si può considerare articolato in tre parti. Nella prima si esamina la situazione della nazione, della Marina tedesca e del governo tedesco dopo la proclamazione del Reich. La seconda descrive le vicende che portarono all’ascesa di Tirpiz, mentre la terza illustra il percorso che portò il Reichstag all’approvazione della legge navale del 1898.

Dall’analisi dei documenti emerge come Tirpiz abbia usato proprio la teoria del deterrente per giustificare l’approvazione della legge navale e la creazione di una grande flotta che, secondo l’ideatore del progetto, doveva consolidare l’equilibrio mondiale e la pace. Invece ne derivò una gara di armamenti con l’Inghilterra che fu tra le concause della Grande Guerra.

Dal testo inoltre emerge il vivo interesse che il Kaiser Guglielmo II aveva nei confronti della Marina. Tre le illustrazioni vi sono anche alcuni schizzi e progetti di unità navali realizzati dal monarca di proprio pugno. Tra questi la serie di profili riportati sulla copertina del volume.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica, marco

 

il problema era e rimane che chi comincia x secondo una cosa, sovente rimane quello che rincorre e non precede.

 

la corsa navale messa in atto da tirpiz fu causa del problema poi politico che porto l' inghilterra a creare la coalizzione anglo francese russa da opporre

al "kaiser" e suoi alleati.

Curiosita quasi italiana:

allora fu introdotta la tassa della flotta, che significava che su tutte le bottiglie di liquori e schampagne ( allora quasi tutto inportto dalla francia),

si mise una tassa speciale, detta tassa del kaiser, che stranamente (o non in italia) rimase anche ai giorni d' oggi.

 

Sicuramente lo sviluppo di una flotta da battaglia contribui a creare a retro anche una potente industria per attuarla ( poi in mano di pochi gruppi di famiglia)

ma allo stesso tempo porto a un indebolimento generale del potere politico.

non per nulla il cancelliere BISMARCK, creatore dell unita forzata) tedesca nella 2 1/2 del 800,

si dimise dalla sua carica quando non pote piu opporsi a tali progetti navali, vedendo in essi la minaccia dell equilibrio

con l' inghilterra a vantaggio francese allora ( e forse oggi) il piu temibile avversario politico della germania di allora.

 

Anche in italia si cerco alcuni anni dopo a fare la stessa cosa per riequilibrare il peso presenza mediteraneo con la francia,

portando si al paese tante unita, ma che poi ai fatti, non vennero mai usate per paura di sciuparle, cosa salvo gli inglesi che tutti avevano.

 

saluti marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,531
    • Total Posts
      516,305
×