Jump to content
Sign in to follow this  
Leopard1

Il Potere Nucleare Strategico Italiano: La 36^ Aerobrigata 1960-63

Recommended Posts

Titolo: La 36^ Aerobrigata da interdizione strategica “Jupiter” - Il contributo italiano alla guerra fredda
Autore: Antonio Mariani
Casa editrice: Ufficio Storico Aeronautica Militare
Anno di edizione: 2012
Pagine: 368
Dimensioni: 29x20,5
Prezzo originale: Euro 15,00
copertina20volume20mariani_zps1f334dd5.j

Che le forze Armate Italiane abbiano avuto durante la Guerra fredda (ed anche dopo...) un potere nucleare era cosa nota. A livello tattico, l'Esercito aveva in dotazione sia due tipi di missili in grado di colpire con testate a carica nucleare obiettivi a distanze relativamente brevi (dai 50 km dell'Honest John ai 130 del Lance), sia pezzi di artiglieria tradizionale, trainata e semovente, in grado di sparare a distanze ancor più brevi (17 km per gli obici da 203mm), proiettili con piccole cariche nucleari.
La Marina Militare ebbe la tentazione di fare un salto di qualità, ipotizzando di poter installare missili Polaris su due unità di superficie, gli incrociatori Giuseppe Garibaldi e Vittorio Veneto, ma non se ne fece nulla
Fu però con l'Aeronautica Militare che l'Italia ebbe, seppur per un breve periodo, un certo potere nucleare stategico. Dal 1960 al 1963 fu costituita infatti la 36^ Aerobrigata da Interdizione Strategica, dotata di missili Jupiter con gittata di oltre 3000 km e con una testata nucleare da 1,44 megatoni.
La soluzione della crisi di Cuba, se da un lato determinò il ritiro dei missili sovietici dall'isola caraibica, dall'altro causò la fine del potere nucleare strategico italiano.

Antonio Mariani ci racconta proprio la storia poco conosciuta di un sistema d’arma nucleare - il missile Jupiter- e della 36^ aerobrigata in quel particolare contesto storico che fu la Guerra Fredda dei primi anni ‘60 del secolo scorso.
Edited by malaparte
inserimento copertina

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oibò. Da quel che ho capito, siamo stati quasi-potenza nucleare senza saperlo. La soluzione della crisi di Cuba, quindi, ha risolto anche il nostro problema di nucleare in affitto. a quel che capisco. Mica vero che tutti lo sappiano. Neanche tanti. Direi pochi.

A quell' epoca (anni '60-70, giusto?) non ricordo stracciamenti di vesti, cortei, digiuni ecc. sull' argomento. E sì che di "antenne" ce n'erano...forse impegnate a digiunare per altre faccende.

 

Curiosa l' eterna diatriba tra Marina ed Aeronautica. Mi chiedo, da ignorante, come stanno le cose oggi....

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

come stanno le cose oggi, sull' uso strategico-diplomatico degli armamenti, beh, se ho capito bene il dietro le quinte sulla recente crisi siriana, più o meno le stesse, senza bisogno di negare le proprie chiavi.....

 

glisso sul come stanno le cose oggi tra MMI ed AMI. Presumo comprendi da sola che la discussione potrebbe facilmente degenerare...

 

Storicamente, dopo lo scioglimento della 36a areobrigata, poi c' è stata la corsa al nucleare più assurda della storia (tra Italia e Svizzera...), che dubito seriamente che verrebbe trattata da un ufficio storico, che he portato allo sviluppo del vettore IRBM Alfa, e l' ancora discussa questione se Doria e Veneto erano predisposti per imbarcare più o meno velocemente pozzi per missili balistici.

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,338
    • Total Posts
      511,017
×