Jump to content
Sign in to follow this  
serservel

Debriefing ~ Diplomatic Games

Recommended Posts

Di seguito il mio debriefing della missione.

 

Lo scopo era l'imbarco di un diplomatico da una AOT e successivo sbarco dello stesso in una delle tre città liberate da un'altra unità del side BLU. Era quindi fondamentale la sopravvivenza di almeno due BLU: una con il diplomatico e una addetta alla conquista del punto di sbarco.

 

A bordo del mio Scirè, insieme a Miqui sull'Amethyste, dirigiamo verso la città più a nord, Latakia, che risulta essere la più vicina. Nel frattempo Sertore e il suo Salvatore Todaro provvedeva al recupero del diplomatico.

 

Dopo una corsa molto veloce e prolungata, io e miqui cerchiamo di rilevare contatti attorno a me, ma i silenziosi Lada di Regia Marina e DragoRed sono invisibili. Contavamo sul più rumoroso Gepard di Drakken, ma anche lui non appare sugli schermi.

 

A metà strada dalla città Sertore ci raggiunge e cerchiamo di coprilo, ma la caccia si apre e cominciano a volare siluri e missili, uno dei quali mi affonda. Un bel tiro di Regia Marina che ha giustamento approfittato della mia incauta velocità.

 

 

Sbattuto fuori assisto poco dopo all'affondamento di Miqui per mano di Drakken, precludendo la possibilità di vincere la partita, mancando la squadra di special forces addetta alla conquista del punto di sbarco.

 

 

 

Mi dispiace per alcuni errori commessi: avevo posizionato un relitto all'imboccatura dei porti di partenza dei RED per rendere più interessante prendere il mare, in più avevo aggiunto i relitti di alcuni sub nelle banchine dei porti per fare scenografia; alcuni di questi sono esplosi dopo una ventina di minuti facendo un po' di caos, ma alla fine mi pare non fosse stato un enorme problema. Durante le mie prove non era successo, sicuramente perchè ero riuscito a provare le uscite dai porti e l'avvio dei trigger in meno tempo.

 

Alla prossima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intervengo causa tempo tiranno solo per ringraziare Serservel per l'editing che, a parte l'inconveniente dei sottomarini in AI che si sono autodistrutti nelle basi del side red, si è rivelata comunque interessante e pienamente giocabile. :smiley19:

 

Editare non è un lavoro semplice, ci vuole esperienza e ore ed ore di test e sviluppo e anche i veterani come Drakken spesso perdono giornate intere nel realizzare le missioni e i relativi briefing: se qualcosa poi nel corso della missione non avviene come previsto, l'editor, dopo l'impegno già profuso fino a quel momento, vive anche momenti di frustazione dovuti alla responsabilità che sente disattesa nei confronti degli altri giocatori.

 

Quindi, se qualcosa non va nel verso giusto e come ieri sera è comunque un elemento marginale che non inficia il buon esito della partita, piuttosto che scaglirsi contro l'editor perchè non fare tesoro dell'esperienza per compilare un bel debriefing in cui elencare le cose che a proprio parere non sono funzionate nel migliore dei modi, aiutando così a correggere gli errori per migliorare sempre di più le nostre serate?

 

Ripeto, editare non è semplice, non è solo questione di mettere insieme quattro unità su cui imbarcarsi e giocare: ci vuole immaginazione, inventiva, tempo, buona volontà, passione e tanta pazienza per superare gli insuccessi e l'aiuto del gruppo è fondamentale per non trasformare un bel divertimento in un momento di delusione e frustazione.

 

Quindi, bravo Simone per la partita di ieri sera, bravi ai giocatori che vi hanno partecipato e via a dei bei debriefings che riportino nel nostro gruppo la voglia di giocare sempre meglio, divertendosi in buona compagnia (inizio io segnalando agli editors che i subwrecks nei porti non ci devono più andare! :happy:).

 

PS: per la cronaca, ieri sera ho vendicato i miei compagni affondando sia DragoRed sia Drakken, terminando la missione in compagnia del solo Regia Marina con un bel pareggio! :wink:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nato nel porto centrale e dopo le manovre per evitare l'impatto con il relitto, mi sono diretto per 270 a 21 nodi mantenendo questa rotta per circa 8 nmi, a questo punto rimanendo sotto il layer a circa 200 metri mi sono messo al sonar e dopo pochi minuti ho individuato la prima frequenza di un contatto sospetto a 10 nmi a nord-ovest che si dirigeva a velocità sostenuta verso Drakken, riesco dopo poco ad avere anche la seconda frequenza, è l'Amethiste , nel frattempo a 270 rilevo a poco meno di 10 miglia sul trainato la traccia di un u212a (Serservel) in avvicinamento, riuscendo poi a beccarlo anche sullo sferico, sicuro dei contatti ne comunico la posizione agli altri comandanti , RegiaMarina si trova alla quota giusta per il lancio di due ss-n-27 che dirige verso il 212 di Serservel affondandolo , mentre il Drakken, alle prese con l'Amethyste di Miqui riuscirà ad affondarlo con un UGST.
Rimaneva l'u212a di Sertore, mentre ci chiedevamo dove potesse essere , percepisco sul broadband il rumore di un sub nemico che si avvicinava velocemente ma lo perdo quasi subito e non riesco ad ottenere una soluzione, da quel momento in poi l'ho cercato invano sia sopra che sotto il layer ma ne io ne RegiaMarina riuscivamo a beccarlo, così Drakken ha incominciato a pingare con l'attivo comunicandoci la posizione di un contatto che avevo a soli 3 nmi, poco dopo rileviamo un UUV in attivo proprio su quel bearing, lancio 2 UGST , cui seguiranno il lancio dei siluri nemici, lancio le contromisure e me ne vado (forse un po' tardi) il siluro nemico mi ha agganciato , poi sembra essere stato ingannato ed invece dopo un giro sulle contromisure mi ritrova , tento una manovra disperata ma è troppo tardi , al replay vedo i miei siluri dirigersi precisi sull'obiettivo , nonostante le notevoli contromisure uno dei miei torpedo aggancia il nemico ma lo perde per un soffio in seguito ad un repentino cambio di profondità del U212a


..dopo il mio affondamento rimango per sentire come va a finire ed avere poi il replay completo ... Sertore sembra imprendibile i successivi lanci da parte dei comandanti rimasti non hanno fortuna, nel finire di partita un siluro passivo becca il Drakken, poi lo show true


partita divertente con un inizio snervante per il ridondante messaggio di esplosioni che non sono riuscite a minare la tenuta psicologica dei comandanti Red

i Red vincono , la diplomazia dovrà attendere

 

complimenti a tutti

..alla prossima

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco anche il mio contributo per quanto riguarda la versione RED SIDE.

 

La missione (per i RED) prevedeva di effettuare un blocco navale davanti alle coste Siriane per impedire qualunque arrivo di naviglio considerabile ostile.

Gli ordini erano di allontanare e/o affondare chiunque si fosse avvicinato alle coste per tentare uno sbarco di materiali/armi/e altro genere di rifornimento per le forze del fronte ribelle.

 

Lo schieramento di forze RED consisteva in 2 unità SSK Classe Lada rappresentate dalle unità B 587 Petrozavodsk (DragoRed) e B 588 Sevastopol (Regia Marina ovvero il mio comando), ad esse si aggiungeva un'altra unità SSN Classe Akula (tipo II Improved) rappresentata dall'unità Gepard (Drakken).

 

I diversi punti di partenza assegnateci prevedono di salpare rispettivamente ognuno da un porto diverso, Drakken con l'Akula in un porto situato più a Nord degli altri due, DragoRed con il primo Lada in posizione centrale rispetto a Drakken e me, e infine io posizionato più a Sud del resto dello schieramento.

Secondo informazioni di Briefing le zone calde per eventuali sbarchi erano esattamente tre zone molto prossime ad ognuno dei rispettivi porti di partenza delle unità RED.

 

L'uscita dai porti per quanto riguarda l'unità di DragoRed è stata immediata e senza intoppi, quella mia anche tranne per il fondale che mi ha impedito di immergermi per un bel pezzo di tragitto (ne ho tratto beneficio funzionando da ricevente radio per il resto della flotta ormai immersa nelle profondità).

L'uscita di Drakken è stata più lenta dovuta al fatto che aveva un po' di navi a sbarrarne la strada e dopo un po' di manovre è riuscito a prendere il mare anche lui.

Tutta la fase di partenza è stata accompagnata dalle grida dei vari operatori sonar che captavano numerose esplosioni proveniente dai 3 porti, dei relitti non volevano arrendersi alla loro condizione di relitti.

Tutto questo a parte stordire i 3 RED per buoni 20 minuti non ha influito sullo svolgimento della partita.

 

Una volta in mare impostiamo tutti e 3 una rotta 270 dalle rispettive posizioni in modo da andare a posizionarci ognuno di fronte ad una delle papabili destinazioni di sbarco.

 

Una volta in mare aperto iniziamo a captare qualcosa tutti e tre, dei segnali deboli provenienti da 2 probabili contatti molto vicini tra loro.

L'unità di DragoRed è quella più vicina ai contatti e riesce ad ottenere una soluzione di tiro migliore delle altre unità e comunica la posizione acquisita dai sensori al resto del gruppo.

La mia unità era quella in posizione adatta al lancio dei Sizzler ASW così grazie alla precisa informazione da parte dell'ottimo Lada di DragoRed i 2 missili/siluri arrivano dritti sulla posizione e colano a picco una unità Todaro che poi sapremo essere quella di Serservel.

Poco dopo arriva anche la posizione di un SSN Amethistè (Miqui) che forse aveva prolungato un po' troppo la corsa a forte velocità, l'incarico dell'affondamento viene preso dall'unità Akula di Drakken il quale apre il fuoco e cola a picco anche l'SSN.

 

Da qui in poi inizia una caccia all'unico superstite di cui non abbiamo alcuna percezione di dove possa essere tranne una serie di contatti che sia io che DragoRed captiamo andare e venire dagli schermi sonar sia stando sotto che sopra il layer presente in acqua.

Con queste soluzioni approssimative i nostri lanci lo sono altrettanto.

Dal replay noteremo che alcuni nostri lanci erano effettivamente andati "a segno" ma le ottime manovre di Sertore hanno impedito di coglierne il risultato.

Nel frattempo veniamo a nostra volta fatti bersagli di siluri (spesso lanciati in Passivo) così da impedirci di calcolare una posizione di origine non sempre stato possibile ottenerla.

 

Uno di questi siluri cola a picco un innocente peschereccio che ha avuto la sola sfortuna di trovarsi sulla stessa posizione della mia unità solo che ad una quota differente.

Un altro siluro arriverà a sfiorarmi ma poi dalle mie parti scende il silenzio.

Situazione differente avverrà invece più a nord dove sia DragoRed che Drakken finiranno affondati dal silenzioso U212A di Sertore.

 

Considerazione a parte: Tutti i nostri lanci miei e di DragoRed sono stati possibili solo grazie al sacrificio di Drakken il quale ha fatto da antenna Sonar Attiva pingando in diverse direzioni, quote e distanze per permetterci di avere almeno delle soluzioni prossime al bersaglio.

Purtroppo questo significherà il suo affondamento.

 

Alla fine siamo rimasti solo la mia unità e quella di Sertore, il secondo ormai impossibilitato a completare la missione assegnata loro e il primo senza la più pallida idea di dove fosse l'altro (cosa poi scoperta reciproca dalle parole dello stesso Sertore).

Verrà così decisa l'attivazione dello show truth e la fine della partita.

 

---------------------------------

Una vittoria tattica per i RED ma pagata a caro prezzo (2 unità perse).

 

 

P.s

 

Riguardo l'editor, se per qualsiasi motivo le parole mie di ieri scritte in chat interna al gioco sono state viste come un attacco o una critica non costruttiva a chi si è speso per farci giocare (in questo caso Simone / Serservel) e passare una serata in compagnia di amici a ridere, scherzare e giocare ad una passione comune a tutti, ha completamente travisato le mie parole.

Non mi permetterei mai di criticare su una cosa che non conosco, non sono assolutamente in grado di editare una partita quindi non saprei proprio dove iniziarla una critica, su quali basi portare avanti eventuali argomenti di critica.

 

La partita passate le esplosioni iniziali (che sono state frutto di eventi randomici e casuali non "preventivabili" in anticipo a parte mettersi a testare la partita per 2 ore e mezza, e che comunque non hanno influito sullo svolgimento della partita) ha avuto uno svolgimento preciso (credo tutto secondo i piani di chi l'ha editata).

La missione per i BLU era effettivamente tosta perchè consisteva in un recupero, avvicinamento e sbarco il tutto condito da unità nemiche in agguato chissà dove.

La selezione delle unità era bilanciata, 2 Fantasmi per parte e 1 un po' meno silenzioso ma comunque letale per parte, bilanciamento poi confermato dal risultato finale della partita che ha visto 2 unità perse per parte.

 

Per i RED la missione era sulla carta semplice ma insidiosa proprio per via della tipologia di unità che si affrontavano e soprattutto del fatto che le unità BLU non dovevano svolgere una missione di attacco e che quindi non sarebbero venuti loro a cercarci ma il cui obiettivo era non essere sentiti prima del previsto, mentre noi non avendo una loro destinazione certa avevamo un ventaglio di possibili rotte e posizioni talmente vasto che infatti Sertore non è stato possibile scoprirlo se non con l'attivo, che però è costato un sub ai RED (e forse 2).

 

Quindi ribadisco il mio GRAZIE a chi permette di giocare la sera a tutti.

 

E un altro grazie al resto della flotta per la bella serata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi qua...

 

bella partita editata dal ns Serservel... mi piacciono sempre le sue "idee" originali... :smiley19: ... per arrivare all'eccellenza bisogna sempre fare dei tentativi ...

appunto l'unica nota da mettere nel taccuino degli appunti è quella che in caso di inserimento di unità "statiche" è oportuno disinserire le correnti

o in alternativa inserire una area di marea/corrente personalizzata (con vento e mare a forza "zero") così da lasciare le altre aree del gioco con le correnti...

 

A parte questo appunto la missione si è svolta come sopradescritto dai miei "compagni" comandanti... purtroppo alla fine ho "giocato" :tongue: troppo con il sonar attivo... e

giustamente il "buon" Sertore mi ha punito... :sleep::smile:

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai ragione Drakken, infatti ho segnato di stare attento ai relitti e alle correnti. Il fatto che durante le prove non sia successo mi ha fatto rimanere un po' male durante la partita...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Immaginavo anchio che il problema potesse essere le correnti, andava tolto dalle opzioni multiplayer il waveriding... O come ha suggerito il buon Drakken, inserire una corrente a 0. :wink:

 

Ma come si suol dire, non si smette mai di imparare no? :smiley19: :smiley19: :smiley19:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,224
    • Total Posts
      509,269
×