Jump to content
Sign in to follow this  
dott.Piergiorgio

2A Esercitazione Su Mappa Sperimentale

Recommended Posts

Quest' esercitazione su mappa sarà mooolto più gradita, spero:

 

a bordo del R. Sommergibile Luigi Torelli, dopo rilevamento idrofonico, una occhiata al periscopio mostra una situazione definitivamente interessante:

 

AffondateLaLusty.pngI

 

Il problema tattico è naturalmente: Come si può rimuovere, preferibilmente permanentemente, il GROSSO problema per la Squadra da Battaglia, e tornare a prendersi la meritatissima MOVM ?

 

A voi trovare la soluzione del problema tattico !

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Edited by dott.Piergiorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ipotizzando che la squadra inglese abbia una rotta per 000, con il Torricelli manovrerei per una rotta 270... affinchè con la mia prua avrei un AoB di 090, ottimale per un lancio.

 

Mi avvicinerei il più possibile, appena a tiro, lancerei una "salva" di siluri verso la CV Illustrious. Confidando di colpirarla almeno per far rallentare la velocità

 

Poi ordinerei la massima profondità possibile a "macchine avanti tutta", per disimpegno dalla caccia dei DD, confidando in uno strato termico, per far perdere le mie traccie.

 

Cambio repentino di rotta e "macchine" avanti ad andatura silenziosa.

 

In caso necessario, risalita e successivo lancio di siluri di poppa, con rotta di disimpegno a bassa velocità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo con Drakken, anche se visti i relativi posizionamenti bisogna dare per scontanto che la distanza iniziale sia piccola, quasi nell'ordine di quella di lancio, altrimenti il torelli con i suoi 8 kts in immersione non riuscirà mai a portarsi in tempo a distanza utile.

 

Se chiamiamo infatti X il punto posto a 000 dalla squadra navale e 275 dal Torelli, abbiamo che la distanza tra il Torelli e X è circa uguale a quella tra L'Illustrious e X. Chiamiamo questa distanza d. Perchè il Torelli riesca a trovarsi a circa 2 nm dall'Illustrious, in posizione 090, d non deve essere superiore a 3,6 nm. Per distanze inferiori o uguali a d, la tattica di Drakken è perfetta. Per distanze superiori, il Torelli dovrà a mio avviso cambiare obiettivo, concentrandosi sulle unità che seguono l'Illustrious. In particolare l'HMS Shylla è quella che dà al Torelli il miglior rapporto di distanze...oltre che essere un ottimo bersaglio e a consentire le maggiori possibilità di disimpegno, vista la maggiore distanza del resto della squadra navale e la necessità di quest'ultima di massimizzare l'inversione di rotta per intercettarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Distanze e velocità incidono molto sull'attacco, mi preoccuperei molto della manovra evasiva....a scapito della "bontà" dell'attacco.

Non so se con i nostri siluri era possibile settare di quanti gradi virare dopo l'uscita dai tubi di lancio (il giroangolo sugli uboot), se sì non eseguirei un lancio con AOB a 90° ma lascerei defilare il gruppo da battaglia ed attaccherei da circa 135° rispetto al gruppo, in teoria l'arrivo dei siluri dai loro 90° li porta a darmi la caccia in quella direzione mentre in realtà mi trovo più indietro guadagnando tempo prezioso e consentendomi di andare in direzione della loro poppa, zona cieca per loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

a quanto pare, sembra che un particolare voluto della formazione britannica sia passato inosservato.. Notate l' Isis: ed anche lo Scyilla: un Incrociatore AA nel Mediterranneo generalmente sta di prora o di poppa, in modo da avere i campi di tiro sgombri su entrambi i lati; quindi, osservando l' Isis nella classica posizione di "plane guard destroyer" si capisce che avevano da poco scambiato le posizioni nell' imminenza di operazioni di volo, ossia il momento in cui una nave portaerei e' più vulnerabile all' offesa subacquea in quanto deve tenere una rotta e velocità fissa. quindi, nel caso che il vento soffia proprio verso il nostro battello, la dottrina subacquea errata della "boa silurante" viene ad essere a vantaggio, in quanto i sonar del periodo erano ben poco efficaci su una nave scorta navigante ad alta velocità e tutto quello che c' era da fare era di aspettare che la malcapitata flat-top di sua Maestà entrasse nelle fauci dello squalo Italiano che nel frattempo aveva calcolato con cura la soluzione di tiro....

 

Forse avrei dovuto mettere un segnalino indicante la direzione del vento, ma pensavo che avrebbe reso troppo facile intuire la soluzione....

 

Drakhen and R. Hunter sono andati molto vicini, andando a rotta 270° col massimo dei motori elettrici avrebbe probabilmente permesso di guadagnare una posizione "indifferente" rispetto alla direzione del vento (beta molto stretto di prora) anche se forse ci sarebbe stato poco tempo per manovrare e settare la rotazione dei siluri (anche i siluri Italiani avevano la rotazione dopo il lancio...)

 

Congratulazioni, quindi a Drakken e R.Hunter !

 

ovviamente sono più che graditi commenti che permettano di perfezionare il metodo di presentazione :smile:

 

Saluti, e grazie a tutti per la partecipazione !

dott. Piergiorgio.

Edited by dott.Piergiorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi, nel caso che il vento soffia proprio verso il nostro battello, la dottrina subacquea errata della "boa silurante" viene ad essere a vantaggio, in quanto i sonar del periodo erano ben poco efficaci su una nave scorta navigante ad alta velocità e tutto quello che c' era da fare era di aspettare che la malcapitata flat-top di sua Maestà entrasse nelle fauci dello squalo Italiano che nel frattempo aveva calcolato con cura la soluzione di tiro....

 

Dr. Piergiorgio,

 

probabilmente c'è qualcosa che mi sfugge: se dici che il vento soffia verso il nostro battello, la portaerei, mettendosi controvento per i decolli, se ne allontanerà.

Oppure ho capito male io?

 

Grazie

Ocean's

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Iscandar.

 

In effetti, anch'io avevo pensato di scrivergli un PM, ma poi ho notato che sta continuando scrivere su atri thread e proprio ieri ha aperto un'altra discussione.

Quindi, presumo che l'interesse per questa sia finito.

 

Forse è meglio bloccare questo thread. Non c'è più molto da dire e quanto Dr. Piergiorgio ha scritto sulla direzione del vento probabilmente è stato un lapsus.

E' meglio chiuderla qui.

 

Saluti

Ocean's

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,337
    • Total Posts
      511,014
×