Jump to content
Sign in to follow this  
corazzata_littorio

Modding & Customizing Di Un Radiocomando Modellistico (Entro I Limiti Di Legge)

Recommended Posts

Come da titolo, mi piacerebbe iniziare questa discussione su un argomento di cui in questo forum si parla davvero poco, ovvero il Radiocomando.

Parliamo spesso di materiali, tecniche, documentazioni per migliorare questo o quel particolare, su come riprodurlo e renderlo funzionale al vero, ma poco o mai di quello che è il cuore di un modello dinamico.

 

L'unica premessa (come da titolo) le modifiche riguarderanno l'architettura, miglioramenti elettronici, customizzazioni e installazioni di comandi aggiuntivi e dove previsto di espansioni per funzioni/canali, il tutto, rimanendo rigorosamente nei termini di legge.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ottima iniziativa :smiley19: a volte si cercano delle soluzione che magari la radio stessa te le può offrire e non lo sai, allora impariamo ad usarlo.

DB

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

sto realizzando un radiocomando "personalizzato" e totalmente configurabile di cui è mia intenzione rendere open source l'intero progetto (schemi elettrici, pcb, sorgenti di firmware e sw) una volta che l'avrò completato.

 

Componenti HW:

 

Encoder:

 

Il cervello è un modulo encoder basato su board a microcontrollore UBW32 al quale verranno connessi:

 

- Ingressi digitali (32+4+4+6+2+2):

 

- 16 switch a levetta di tipo mom-off-mom

ciascuno dei quali può essere configurato via sw per funzionare in una di queste modalità:

- 2 push buttons distinti

- 2 toggle buttons distinti

- 1 push button + 1 toggle button

- un deviatore A o B

 

- 2 encoder esadecimali

ciascuno degli encoder può selezionare 16 combinazioni diverse su 4 linee di dati digitali [0, 1, 2, ..., 13, 14, 15]

Ad esempio uno degli encoder può essere utilizzato per selezionare il modello da comandare tra 16 possibili modelli diversi sullo stesso canale radio

L'altro encoder può essere utilizzato per selezionare uno tra 16 possibli sottositemi in un modello

Ogni sottosistema verrebbe controllato tramite gli altri input digitali e/o analogici in modo totalmente indipendente e distinto rispetto agli altri sottosistemi

 

- 2 switch a scorrimento a 3 posizioni e 2 vie

utilizzati per impostare le modalità di funzionamento della radio (allievo, maestro, connessione PC, connessione su porta ausiliaria e altre)

 

- 6 mini switch di tipo push button

configurabili via sw

 

- 1 switch a bilanciere di tipo mom-off-mom - questo è l'unico componente che mi manca, non riesco a trovarlo delle dimensioni giuste :-P

configurabile via sw

 

- 2 push buttons

configurabili via sw

 

- Ingressi analogici (16 in totale):

 

- 10 potenziometri / trimmer rotativi

configurabili via sw

 

- 2 potenziometri lineari

configurabili via sw

 

- 2 joystick analogici (contengono ciacuno 2 potenziometri rotativi)

configurabili via sw

 

- LED di segnalazione (36 in totale):

 

- 32 led ad alta intensità da utilizzare come display dello stato dei 16 switches mom-off-mom

- 4 led colorati da utilizzare come replica dei led di stato presenti nella board UBW32

 

- Uscite digitali/PPM:

 

- slot mini SD card per il salvataggio della configurazione e per la registrazione del segnale PPM (tipo scatola nera)

 

- connettore USB

per la configurazione delle funzioni tramite PC o smarphone Android

 

- connettore DB15 (tipo quello della VGA)

con degli I/O seriali vari (SPI,I2C,UART) e PPM DSC (direct servo control) per connettere la radio a dispositivi esterni quali ROV o trasmittenti a infrarossi

 

- connettore DB9 (tipo quello della seriale RS-232)

con degli I/O per il debug e la programmazione del firmware da PC (JTAG) e altri I/O PPM DSC per il controllo dei SW di simulazione di volo su PC

 

Per questo connettore ho realizzato un cavo apposito a Y per la connessione della radio al PC

 

- dal lato del PC c'è:

- un connettore DB25 per porta parallela (contenente la circuiteria elettronica per il JTAG)

- un connettore DB9 per porta seriale RS232 (contenente la circuiteria elettronica per i S/W di simulazione di volo)

 

- dal lato della radio c'è il connettore multifunzione DB9.

 

- Modulo trasmittente:

 

La board UBW32 verrà connessa ad un modulo trasmittente di tipo commerciale a scelta, io ho un modulo Hitec Specra AIR HP PLL nella banda dei 40 MHz

 

- Prescaler/Frequenzimetro:

 

Inoltre ci sarà anche una parte di circuiteria elettronica, che sto attualmente sviluppando a livello prototipale, che, connessa alla board UBW32 fungerà da prescaler/frequenzimetro in modo da "leggere", tramite una piccola bobina avvolta intorno al filo che va dal modulo trasmittente all'antenna, la frequenza (canale) di trasmissione e la larghezza di modulazione del segnale radio.

 

- Scocca/guscio/contenitore:

 

Come guscio sto utilizzando la radio Robbe/Futaba F14

 

Cose da fare sull'H/W:

 

- completare il prototipo del moduletto prescaler/frequenzimetro

- procurare lo switch a bilanciere di tipo mom-off-mom ancora mancante

- trovare o costruire dei connettori per i 16 switch mom-off-mom e per i 10 potenziometri / trimmer rotativi

- mettere ordine agli schemi elettrici

- realizzare il circuito stampato che ospiterà la board UBW32 e i vari connettori e la circuiteria di adattamento delle linee di input analogico e del prescaler/frequenzimetro

- cablare il tutto

 

Cose da fare sul S/W:

 

- sviluppare il firmware di controllo per la board UBW32 (gestione degli I/O, codifica/decodifica PPM, accesso all'SD card, accesso all'USB per gestione del controllo remoto da PC/smartphone)

- sviluppare il S/W per PC per la configurazione e monitor della radio che si interfacci con le porte RS232 e USB del PC

- sviluppare il S/W per smartphone Android per la configurazione e monitor della radio connessa alla porta micro USB

 

A breve posterò qualche foto dello stato attuale dei lavori.

 

Francesco

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Gepard, ottimo lavoro, ne avevamo iniziato a parlare più di un anno fa, ai tempi mi ricordo lavoravi con una Zebra sempre in 40MHz, o ricordo male?

 

quello che volevo fare io però è molto più semplice, dare info su come manutenzionare, modificare ed aggiungere moduli aggiuntivi sulle radio, oppure su come inserire dei semplici potenziometri o switch per funzioni aggiuntive, del resto non tutti hanno necessità di così tante funzioni e se non sei un minimo pratico rischi di perderti, però io che uso almeno 3 moduli di espansione sulle mie radio Futaba quello che proponi (soprattutto perchè open source) lo trovo interessante. Inoltre, lavorando in una azienda che realizza circuiti elettronici molto spinti, il minimo è l'smd.. mi metto a tua disposizione se hai bisogno di componenti per accelerare il tuo lavoro, così posso metterci anche io le mani ed usarlo magari sul Cesare in 1/72...quando riprenderò a lavorarci!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,
ecco come promesso le foto dello stato attuale dei lavori (click sulla foto sottostante per fa partire lo slideshow delle immagini):

RCTX.jpg

corazzata_littorio grazie per la tua disponibilità, appena riesco a recuperare un po' di tempo metto a posto gli schemi elettrici e se ti interessa te li mando (io utilizzo gEDA su linux ma te li mando anche in formato PDF) per adesso solo via PM, non vorrei rendere pubbliche delle castronerie.

Se non ti da troppo fastidio ti contatterei vi PM anche per chiederti qualche consiglio per il prescaler e per una dritta per un oscilloscopio che non costi troppo... solo con il DMM sto diventando matto per cercare di capire come far funzionare al meglio il circuito del prescaler/frequenzimetro... :tongue:

Edited by gepard

Share this post


Link to post
Share on other sites

fai pure, non ho segreti e se posso aiuto volentieri. Anche io uso le F14, sono le migliori, dei carri armati oserei dire, i Tiger fatti radiocomandi per fare un paragone! però utilizzo espansioni futaba o di altri produttori, più o meno programmabili. Ma qualcosa come nel tuo caso non l'avevo vista, apparte qualche amico tedesco o americano completamente fuso di cervello....

considera che sono arrivato alla massima espansione con l'ultimo radiocomando Futaba, 64 funzioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io utilizzo gEDA su linux

 

BRAVISSIMO !

 

Linux Rulez !

 

venendo al punto, credo che sia superfluo farti notare che si puo' facilmente implementare un protocollo che permetta di distinguere i messaggi di cui si è destinatario, e il sottosistema (Comparazione+salto se uguale....) e inviare il segnale corretto al sottosistema (OK, quando si è uno che sistematicamente ravana qui:

 

http://ntrs.nasa.gov/search.jsp

 

probabilmente ha qualche idea sulla telemetria (non nel senso Navale....) ) :biggrin:

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

che dire, sei un grande, ti aiuto volentieri ! ho giusto una F14 di avanzo (ne ho 5) e una la modificherei volentieri con il tuo sistema, dobbiamo testarlo al massimo però per evitare qualsiasi spiacevole inconveniente!

Solo un paio di appunti :

 

prima di tutto la batteria, hai bisogno di almeno un pacco da 8 elementi 1,2V 3A, che ti occupa tutto il vano batteria, si potrebbe optare però per un pacco Lipo come sto facendo sulle ultime, e si guadagnerebbe in spazio, i LED di Segnalazione sono ottimi, ma sono troppo ravvicinati, opterei per un semplice pannello con numeri e sopra il corrispondente LED, così da avere un controllo immediato della funzione abilitata. cambierei quei selettori a slitta laterali per degli interruttori a tre posizioni ma con scatto più pesante, alcuni nel pannello frontale li differenzierei con leve più lunghe o colorate e magari con interruttori momentanei (o pulsanti)

 

Per il lato TX è tutto chiaro, ma la parte RX?? che si occupa di decodificare il segnale?

 

Se hai poco spazio puoi sempre optare per una Graupner JR 414 o 4014, sono + grandi soprattutto in spessore!

 

Se mi aiuti ad avere tutte queste funzioni, contraccambio con un pulpito in carbonio che sto facendo per le mie F14

Share this post


Link to post
Share on other sites

Francesco sei un gallo!! davvero ammirevole.

Ma che ci controlli una volta ultimato? ti fai un UAV? :dribble:

Se ti metti a venderli uno te lo compro, a prescindere dal fatto che non avrei nulla da mandare.. :laugh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

I/O seriali, PPM DSC, ingressi analogici, uscite digitali :huh: .... per me parlate arabo ma, vi seguo con interesse :smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

I/O seriali, PPM DSC, ingressi analogici, uscite digitali :huh: .... per me parlate arabo ma, vi seguo con interesse :smile:

Idem :blush: ho un pò di dimestichezza con l'elettronica ma qui si va oltre alla mia capacità di comprensione...... :huh: ma sono interessato all'argomento continuate.... io possego due radio Hitec una eclipse 7 ch e una Flash 5 ch.

lo so che non ha molta attinenza con le radio ma io mi trovo sempre in difficoltà con i regolatori ne ho costruiti un paio tempo fa, tengono 40/50 ampere di carico ma, sono ingombranti e sopratutto non hanno la retro.....adesso si trovano solo per motori brushless che non uso e i cinesi non valgono un tubo...vi viene in mente qualche soluzione?

Edited by dasboot

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ dasboot : se mi viene in mente una soluzione? ahahha ne ho molte, e vi aiuterò a capire di più, devo solo uscire prima da lavoro per organizzarmi. Per le tue radio, domani finisco quanto vi sto preparando così potrai modificare a tuo piacimento le tue radio, cambiare una funzione o modificare i comandi, sono cose elementari, ma spesso non ci pensiamo!

 

@ lefa : come hai letto sopra è un open-source come linux non è in vendita si parla di libero scambio,

Share this post


Link to post
Share on other sites

apparte qualche amico tedesco o americano completamente fuso di cervello....

 

e io no ? :rofl:

 

Linux Rulez !

 

Sempre, ovunque e comunque ! ;-)

 

venendo al punto, credo che sia superfluo farti notare che si puo' facilmente implementare un protocollo che permetta di distinguere i messaggi di cui si è destinatario, e il sottosistema (Comparazione+salto se uguale....) e inviare il segnale corretto al sottosistema

 

Pensavo di utilizzare la larghezza (in tempo) dello stato alto di ogni impulso PPM, se rimane alto meno di 0.5 millisecondi la cifra binaria rappresentata è 0, se rimane alto tra 0.6 millisecondi e 0.8 millisecondi la cifra binaria rappresentata è 1.

 

Con 8 canali si può codificare in questo modo, oltre agli 8 canali PPM anche un numero di 8 cifre binarie, da 0 a 255 in decimale (oppure due numeri da 4 cifre binarie ciascuno 0-15 + 0-15 in decimale, nella mia radio sarebbero codificati in questo modo i due encoder esadecimali)

 

dobbiamo testarlo al massimo però per evitare qualsiasi spiacevole inconveniente!

 

sono d'accordo in pieno ;-)

 

Solo un paio di appunti :

 

prima di tutto la batteria, hai bisogno di almeno un pacco da 8 elementi 1,2V 3A, che ti occupa tutto il vano batteria, si potrebbe optare però per un pacco Lipo come sto facendo sulle ultime, e si guadagnerebbe in spazio

 

Il porta batterie che sto utilizzando ora è già per 8 batterie di tipo AA e... sì le LiPO sono più leggere e meno ingombranti però vorrei progettare le schede elettroniche considerando il caso "peggiore" in fatto di ingombri

 

i LED di Segnalazione sono ottimi, ma sono troppo ravvicinati, opterei per un semplice pannello con numeri e sopra il corrispondente LED, così da avere un controllo immediato della funzione abilitata.

 

Ho messo la porta USB a fianco dell'aggancio dell'antenna proprio per poter connetterci uno smartphone con touch screen (con apposito supporto, ancora da pensare, per tenerlo facilmente a vista e a portata di dita). Lo schermo dello smartphone fungerà proprio allo scopo di avere una migliore visione dello stato di tutti i controlli :-P

 

cambierei quei selettori a slitta laterali per degli interruttori a tre posizioni ma con scatto più pesante, alcuni nel pannello frontale li differenzierei con leve più lunghe o colorate e magari con interruttori momentanei (o pulsanti)

 

Per i selettori a slitta laterali, sono già abbastanza resistenti, inoltre non devono essere maneggevoli, infatti servono solo per impostare la modalità di funzionamento della radio una volta ogni tanto e non per controllare i modelli.

 

A parte i selettori laterali e gli encoder esadecimali, tutti gli altri pulsanti e i deviatori sono momentanei in modo da gestirne il loro stato con la massima flessibilità possibile data dal software... ecco a cosa servono i 32 mini LED ;-)

 

Riguardo ai colori, non so se si vede dalle foto, su ogni deviatore c'è un tappino "colorato" io ne ho 8 deviatori con tappini neri e 8 con tappini rossi.

 

Per quanto riguarda la lunghezza delle levette dei deviatori nei pannelli superiori... beh, effettivamente sono tutti uguali, perchè...

1) sono quelli più economici che ho trovato su e-bay

2) sarei diventato matto solo per decidere dove mettere quelli più lunghi e quelli più corti :-P

 

Però... la butto lì... come per il colore, di cui vendono già dei tappini appositi, forse si potrebbero fare dei tappini un po' più lunghi e altri un po' più corti ;-)

 

Per il lato TX è tutto chiaro, ma la parte RX?? che si occupa di decodificare il segnale?

 

La radio dovrà uscire con un segnale compatibile con le riceventi preesistenti (ovviamente non sarebbero in grado di decodificare lo stato degli encoder esadecimali, vedi la mia risposta a dott.Piergiorgio) ma per il resto non dovranno esserci incompatibilità e in ogni caso sarà tutto configurabile via software, anche il formato di uscita del segnale PPM.

 

Per la realizzazione di una RX specifica... beh non nascondo che ci sto pensando... questa è l'idea di massima:

 

- a conversione diretta con sintesi di frequenza

- controllata da un dsPIC per la decodifica FM/FSK e l'nterpretazione dei codici degli encoder esadecimali

- con uscita seriale multiplexata (un solo pin di uscita del segnale PPM, in pratica non decodificato)

 

Ogni dispositivo associato ad un canale (servo comando, ESC o sottosistema) verrà connesso ad un piccolo microcontrollore PIC (di quelli che non richiedono componenti esterni per il clock).

Questo microcontrollore avrà in ingresso il segnale PPM seriale e due linee in uscita:

 

- una uscita sarà verso il dispositivo da controllare

su questa sarà presente il segnale PPM corrispondente al primo canale rimasto nello stream PPM seriale in ingresso ed estratto da quest'ultimo

 

- l'altra uscita sarà verso il PIC successivo

su questa sarà presente lo stream PPM seriale rimasto dopo che il primo canale presente è stato estratto dallo stream PPM in ingresso

 

Schema ipotetico del sistema con stream PPM seriale:

 

RX

|

| stream PPM seriale completo

|

v

PIC_SOTTOSISTEMA_1 (ed in parallelo, opzionalmente, PIC_SOTTOSISTEMA_2 ... PIC_SOTTOSISTEMA_16)

|

| stream PPM seriale completo in uscita dal PIC_SOTTOSISTEMA_1 (oppure in uscita dai PIC_SOTTOSITEMA_2, 3, ..., 16)

|

v

PIC_CH1.1->(dispositivo CH1.1)

|

| stream PPM seriale senza il CH1.1

|

v

PIC_CH1.2->(dispositivo CH1.2)

|

| stream PPM seriale senza il CH1.1 e il CH1.2

|

v

PIC_MULTI_CH1.3->PIC_CH1.3.1->(dispositivo CH1.2.1)...PIC_CH1.3.2->(dispositivo CH1.3.2)...PIC_CH1.3.#->(dispositivo CH1.3.#)

|

...

|

| stream PPM seriale senza i CH da 1.1 a 1.#-1

|

v

PIC_CH1.#->(dispositivo CH1.#)

 

I PIC_SOTTOSISTEMA_1...16 analizzano lo stream PPM seriale completo e fanno passare ai PIC_CHx.1 ad essi collegati solo i frames pertinenti al proprio sottosistema.

 

I PIC_MULTI_CH sono simili ai PIC_CH solo che demultiplexano i segnali PPM dei moduli multicanale come i multi switch o i multi prop

 

Ma questo è solo un abbozzo di idea...

 

ultima cosa...ma quel regolatore di tensione...lo sai si che consuma un fottio ? è una stufa !! occorre un regolatore di tensione diverso.

 

Il regolatore del prototipo del prescaler/frequenzimetro mi serve solo per i miei esperimenti... in "produzione" la tensione stabilizzata verrà prelevata dalla board UBW32

 

Francesco sei un gallo!! davvero ammirevole.

Ma che ci controlli una volta ultimato? ti fai un UAV?

Se ti metti a venderli uno te lo compro, a prescindere dal fatto che non avrei nulla da mandare..

 

Una volta ultimato il radiocomando... sarò in pensione :-D e potrò dedicarmi alla costruzione del Leonardo da Vinci con il CA2 in groppa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Da Vinci con CA2 in 1/72 lo sto già tirando su io...che fai copi! hahahha

 

ovviamente, quello che ti ho detto su leve e trimmer te lo dico in virtù dell'esperienza pratica che ho, sulle mie radio JR o Futaba o sempre avuto moduli di espansione, il problema è che le leve sono molto vicine e di lunghezza simile, io ho modelli che usano tutte quelle funzioni (ed a volte non mi bastano nemmeno) ed ho sempre avuto il problema di muovere agilmente più leve insieme, visto che sei in fase di progetto ancora, hai il tempo per cambiare le leve con modelli di altezze differenti sulle due file, oh che poi è solo il mio personalissimo parere, fate vobis. per la ricezione, siccome non conosco il sistema che vuoi usare, parlami in maniera più semplice, hai una ricevente con 8 canali tipo la FR18r di Futaba, ed alla trasmittente assegni 4 canali a stick per i 4 canali base, poi tu con il tuo sistema espandi le funzioni, ed alla ricezione avrò di nuovi i 4 canali standard e poi un sistema di decodifica delle funzioni aggiuntive, a questo punto avrai bisogno di una serie di relais per attivare le funzioni e di vari regolatori per attivare motori o comunque controllare i servomotori collegati. Quindi ricapitolando, se ho ben capito, per adesso hai approntato la trasmissione del segnale e poi passerai alla ricezione e decodifica, corretto?

Se hai bisogno di componenti particolari fammi sapere.

 

Ah, io lo smartphone li sopra non ce lo collego!!! se mi cade in acqua sono morto!! io preferisco dei bei LED alta luminosità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

me la sono riletta con calma...

 

"I PIC_SOTTOSISTEMA_1...16 analizzano lo stream PPM seriale completo e fanno passare ai PIC_CHx.1 ad essi collegati solo i frames pertinenti al proprio sottosistema.

 

I PIC_MULTI_CH sono simili ai PIC_CH solo che demultiplexano i segnali PPM dei moduli multicanale come i multi switch o i multi prop "

 

ora mi è più chiara la cosa!!

 

io invece, da amante dell'analogico... mi sto rifacendo le espansioni, ma senza linux et similia... ho visto diversi tedeschi inglesi ed olandesi che se le sono rifatte, con led di stato, relais a stato solido etc. poi ti mostro una foto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Da Vinci con CA2 in 1/72 lo sto già tirando su io...che fai copi! hahahha

 

Pensavo di farlo in scala 1:50 o 1:48... in lamiera di ferro zincato

 

il problema è che le leve sono molto vicine e di lunghezza simile, io ho modelli che usano tutte quelle funzioni (ed a volte non mi bastano nemmeno) ed ho sempre avuto il problema di muovere agilmente più leve insieme

 

 

Effettivamente lo spazio per i deviatori e i trimmer è quello che è, per i trimmer si può aumentare l'ergonomia utilizzando dei pomelli con diametro il più piccolo possibile, quelli che ho trovato sono piccoli ma effettivamente non abbastanza piccoli... ma va beh, per adesso li tengo così fino a quando non ne trovo di più stretti.

 

Per le levette dei deviatori, come puoi vedere dalle foto dell'interno della radio, li ho montati angolati di 45° verso il centro, in modo che ci sia un po' più spazio tra una levetta e l'altra (quasi il 50% in più che se li avessi montati paralleli ai bordi della radio) e anche che il movimento per azionarli sia più agevole rispetto alla posizione delle mani per azionare i joystick.

 

Ammetto che non mi sono mai posto il problema di dover azionare più leve contemporaneamente... con il montaggio ortogonale dei deviatori viene più semplice azionare più leve contemporaneamente perché sono parallele tra loro, con il montaggio a 45° come ho fatto questo non è possibile... hmmm caspita... ci devo pensare...

 

Quindi ricapitolando, se ho ben capito, per adesso hai approntato la trasmissione del segnale e poi passerai alla ricezione e decodifica, corretto?

 

 

Esatto, la radio deve poter funzionare anche con sistemi di ricezione tradizionali

 

Ah, io lo smartphone li sopra non ce lo collego!!! se mi cade in acqua sono morto!! io preferisco dei bei LED alta luminosità.

 

:smile: lo smartphone è opzionale quando si utilizza la radio per controllare i modelli anche perché ritengo che i display in genere distolgano l'attenzione... e così ho optato per una bella schiera di 32 led ad alta luminosità :tongue:

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono sempre più interessato anche se confesso che alcuni linguaggi tecnici mi sono di difficile digestione...........magari ci prendo su una bella dose di bicarbonato! :smiley27:

continuate....

Share this post


Link to post
Share on other sites

eccomi qui,

allora, voglio cominciare con una modifica semplice semplice che ho apportato alla mia radio Futaba F-14, avevo la necessità di vedere bene l'indicatore di carica del pacco batteria, che per me era poco visibile inoltre, mi evita il problema di dimenticare acceso (come spesso mi è successo) il telecomando, la modifica come dicevo semplicissima consiste nell'inserire un LED Bianco (Bright-White) con una resistenza da 510ohm, e saldato direttamente ai pin dell'interruttore. L'ho semplicemente posizionato affianco al Voltmetro presente nella F-14 che ha due finestre laterali aperte, date dalla stampata del case plastico e per fissarlo ho usato del silicone trasparente, ma possiamo usare anche colla a caldo, sconsiglio il CA perchè ovviamente tende a formare una patina opaca.

ecco alcune foto.

imag1284a.jpgimag1292v.jpgimag1293l.jpgimag1283g.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

oltre a questo la cosa più bella, quando hai delle radio come le Futaba F-14, F-16, F-18, F20 ed F24 o per la Graupner la 414, 4014, e via dicendo è che ai canali originali puoi aggiungerne altri, per noi navimodellisti la Robbe propone anche un comando il Navy twin stick che permette di comandare 2 motori indipendentemente (con 2 regolatori) attraverso 2 manette separate ispirate ai comandi nautici, il costo non è proprio accessibile...circa €100,00 se ci va bene! così, ho iniziato a costruirne uno da solo, partendo da due potenziometri, ancora non l'ho ultimato, ma a breve ve lo mostrerò. Intanto vi voglio mostrare come costruire due comandi molto utili e di facile realizzazione, il primo è un comando proporzionale, lo realizziamo partendo da un potenziometro del valore di 10Kohm, ATTENZIONE!, nelle foto io mostro dei potenziometri con sigla 10k A, sono potenziometri Lineari, sarebbe meglio però utilizzare potenziometri LOGARITMICI, identificati dalla sigla 10K B o 10K log. Questo perchè la precisione è migliore. Se volete quindi muovere un servo in maniera proporzionale questo è il comando ideale. Andiamo a posizionare il potenziometro dove meglio crediamo, io per comodità ho usato lo spazio destinato ai comandi aggiuntivi che queste radio offrono, e dalle foto potete anche vedere come collegare i pin del potenziometro : centrale Rosso (+ Positivo) e gli esterni segnale Arancione o bianco a seconda dei cavetti utilizzati (S) e Nero (GND), ovviamente poi il collegamento è da farsi ad un piedino libero della trasmittente.

La seconda modifica possibile invece riguarda un canale per comando di un servo su tre posizioni, 0 o posizione di riposo, 1 tutto a destra e 2 tutto a sinistra. Questo comando lo realizziamo con un interruttore a 3 posizioni e per la saldatura dei pin consideriamo la stessa piedinatura dei potenziometri, rosso centrale, marrone e segnale ai pin laterali. Qualora volessimo accompagnare l'accensione di un led per segnalare le due posizioni basta prendere un interruttore a 3 posizioni con più contatti, ne occorre uno a due, a cui assegneremo un LED per ciascuna posizione, vi mostrerò più avanti come fare.

 

imag1286y.jpgimag1285h.jpgimag1291s.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso invece vorrei parlarvi delle possibilità maggiori oltre a quella di aver installato 4 funzioni aggiuntive su una radio che di serie "esce" come 4 canali ma che ha la possibilità di offrirne come appunto vedete dalla foto, ben 8 canali. Per aggiungere funzioni le strade sono 2

la prima, scegliere i kit di espansione che i produttori Futaba o JR Graupner offrono, oppure ricorrere a produttori (per lo più tedeschi od americani) che vendono kit anche programmabili per espandere un singolo canale, quindi 2 funzioni, oltre le 32 funzioni! Andiamo per ordine, intanto vi mostro quello che i produttori offrono,

io per la Littorio utilizzo una F-14 con la massima espansione delle funzioni ovvero 12 Interruttori a 3 posizioni, 8 comandi proporzionali ed 8 interruttori più 4 comandi proporzionali, 1 comando a slitta con stop centrale. I vari comandi ad interruttore o pulsante servono ad attivare le fuzioni luci, suoni fumogeni, spari etc, i comandi proporzionali alla rotazione delle torri, catapulta etc ed il comando a slitta lo utilizzo per regolare l'alzo dei cannoni da 381mm mentre i 4 canali base servono per la marcia avanti/dietro dei motori separata ed i 3 timoni (su 2 gruppi) separati, per essere il più realistici possibili. ecco un paio di foto del telecomando e dei "decoder" come vengono chiamati reputati ad attivare i vari comandi. Per l'attivazione dei comandi non proporzionali (quindi tutte le funzioni prive di servomotori) mi sono realizzato degli switch con relais ad una e 2 funzioni, nella versione a 2 funzioni puoi anche far andare in marcia avanti/indietro un motore, i relais sono da 20A-12V, ed occorre uno specifico circuito altrimenti il decoder non attiva l'uscita.

imag1294i.jpgimag1297e.jpgimag1295q.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima ho parlato dei kit di espansione previsti dalle case madri, ora invece vorrei mostrarvi un prodotto interessantissimo, e volendo anche economico, permette di avere 12 comandi a 2 posizioni e 4 comandi proporzionali per comandare 4 servomotori, e per di più programmabile ed applicabile a quasi tutte le radio. Il produttore è anzi, era un tedesco, ho cercato di contattarlo poco tempo fa per un amico che ne aveva bisogno ma pare che per problemi con l'equivalente della nostra guardia di finanza per adesso non possa vendere...dice che può solo fornire assistenza, ma gli ho scritto 2 settimane fa ed ancora nulla. Un solo Grosso Problema, parla tedesco di cermania solamente, gl scrissi a suo tempo in inglese e mi rispose in tedesco "io sono tedesco e parlo tedesco, se lei ha problemi a parlare la mia lingua si rivolga altrove" insomma, per poco non lo offendevo...poi una volta acquistato a causa del manuale in solo tedesco (aridaje...) gli chiesi un info sulla programmazione (non semplice ma nemmeno facilissima, se solo parlassi tedesco...comunque, grazie a mia cugina che fa l'interprete sono riuscito a venirne a capo) e mi rispose più o meno così " signor çççççç se lei non parla tedesco questo prodotto non fa per lei e non doveva acquistarlo" la mia risposta? "però i miei 250€ ITALIANI te li sei presi eh? ora, vengo a cercarti in occasione dell'October Fest o pensi di aiutarmi?" 2gg dopo mi rispose con tanto di immagini per la programmazione....ma questa è storia.... Il prodotto è questo nelle foto ed il produttore è Modellbau-city, presente a questo link : http://www.modellbau-city.de. Il pistola in questione aveva fatto anche una versione programmabile evoluta con interfaccia via PC e collegamento tramite USB, insomma, potevi impostare tutto, poi però come potete leggere è fermo con le vendite. Ecco alcune foto.

imag1290h.jpgimag1289.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

...ovviamente poi il collegamento è da farsi ad un piedino libero della trasmittente.

 

nel caso si tratti di altre marche e/o modelli, come si può identificare il piedino in questione? (ammesso che ci sia...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

allora, in teoria è la parte dove vengono riportati i collegamenti degli stick, nel caso tu non avessi dei pin liberi, puoi scollegare uno stick, o meglio devi sacrificarlo...e poi ricollegare a quello zoccolo libero l'interrtuttore o il potenziometro, se hai una foto dell'interno del tuo radiocomando posso aiutarti meglio ad identificarlo, ma in generale, basta seguire la piattina a 3 fili che parte appunto, dallo stick che vorrai escludere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
:blink: effettivamente no.... pensato ti fosse sfuggito di mente, così come per le info circa la resina trasparente da usare per il modello del 214....

Share this post


Link to post
Share on other sites

per la resina mi hanno detto che temporaneamente è fuori produzione, mi avviseranno appena sarà rimessa in produzione, io considera che contatto il produttore per le resine che utilizzo nelle mie costruzioni con materiali compositi almeno una volta al mese, ancora non mi hanno detto nulla di nuovo, ti tengo aggiornato. Per i film li ho spediti...vabbè che sono rimba...ma non mi sono dimenticato quella volta!

Share this post


Link to post
Share on other sites

no, non voglio assolutamente dare del rimba a nessuno :smile: !

è che molti, a volte troppi, sono gli impegni che attanagliano ognuno di noi.... e qualcosa può sempre sfuggire...

Share this post


Link to post
Share on other sites

caro andrea, per trovare i vari punti dove collegare i potenziometri e/o gli interruttori, posso esserti di aiuto io, forse...

sulla mia "ciofeca" a 40mhz, tempo fà, purtroppo senza aver avuto il prezioso aiuto di corazzata (purtroppo perchè avendo scarse conoscenze di elettronica, sono andato secondo cosa mi diceva la testa e per tentativi) ho montato sia il comando proporzionale che quello con interruttori, mettendo anche un interruttore per escludere uno dei due... devo solo trovare il "coraggio" di riaprire la radio e fotografare il tutto

 

a proposito di "scienziato pazzo", solo a scopo didattico, si dice così no? :ph34r: sempre procedendo a tentativi, con il rischio di far fuori la radio (ma era una vecchia walkera a 35mhz, unitilizzabile ormai) ho montato un modulo da 2,4 ghz... la parte relativamente facile è stata quella di trovare il segnale ppm (preso dal pin della presa "multipin" esterna) il difficile è stato impedire che la radio "cuocesse"... per ragioni che ignoro (in quanto ignorante in materia) nel circuito originale della radio, quella che ho individuato " a crai" come la sezione dedicata all'emissione della frequenza, scaldava maledettamente... in particolare c'era un componente dotato di aletta di raffreddamente che diventava rovente dopo pochi minuti di uso... quindi, perso per perso, munito di dremel, ho "tosato" le piste che l'alimentavano, ho levato due o tre resistenze e... miracolo, la radio ha iniziato a funzionare perfettamente.... va beh, lo sò, tutta questione di cu..o ma che ci volete fare, un'oscilloscopio non entra nella mia tana (e non esce dalle mia tasche...)

Edited by maxmodifica

Share this post


Link to post
Share on other sites

...il buon max.... :biggrin: , numero uno!

ieri sera non ho avuto il tempo di aprire la radio... è una multiplex royal evo 9. la mia speranza è che i componenti siano gli stessi della royal evo 12, con l'unica differenza che in fabbrica non abbiano montato i tre potenziometri.... ma lo scopriremo presto :wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites
hai tagliato il finale di potenza? sei pazzo? cioè se non lo sei poco ci manca ahahhahahahhahaha

 

Pol'esse'... comunque tal Machiavelli diceva che il fine giustifica i mezzi (anche se come sanno "gli addetti ai lavori" tale frase solo con il tempo ha acquisito il significato quasi "negativo" odierno, il pensiero di Niccolò volava più alto...) a me serviva solo il segnale PPM, il negativo, il positivo ed i comandi dei potenziometri.. il resto orpelli inutili, visto che il finale di potenza della 2,4 Ghz è integrato nel modulo (boh, forze...) comunque il tutto funziona a meraviglia

 

per andrea.. appena lo tzunami "preparativi per verona" abbandona la mia tana, posto le foto della modifica degli interruttori... porta pazienza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao ragazzi, perdonate se sto "riesumando" un post non proprio recente ma volevo sapere:

 

@gepard: le varie idee del post hanno preso piede? sono state diffuse per le masse? ci sono disponibili schematici e fw open come leggo dalla discussione? se si dove posso trovarli?

 

@corazzata: complimenti per le varie idee riguardo le modifiche, molto utili.....anche se io ancora devo decidere quale radio comprare come mio primo acquisto da neofita :biggrin:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Vincenzo, per il tuo primo acquisto l'unica dritta che posso dare io è evitare le radio 2.4 Ghz e prenderne una con frequenze in Mhz (35 oppure 40). questo perché l'acqua dev'essere attraversata dal segnale radio e tanto maggiore è la frequenza, tanto minore è la sua capacità di penetrare sotto la superficie. con acqua salata poi non ne parliamo proprio... :smile:

personalmente è tanto che non mi affaccio nel mondo delle trasmittenti dato che la mia vecchia multiplex, non ostante l'età, riesce ancora a soddisfarmi appieno. comunque mi sembra che buona parte delle trasmittenti abbiano la possibilità di aggiornare il firmware, quanto poi questo sia modificabile non saprei dire...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Vincenzo, per il tuo primo acquisto l'unica dritta che posso dare io è evitare le radio 2.4 Ghz e prenderne una con frequenze in Mhz (35 oppure 40). questo perché l'acqua dev'essere attraversata dal segnale radio e tanto maggiore è la frequenza, tanto minore è la sua capacità di penetrare sotto la superficie. con acqua salata poi non ne parliamo proprio... :smile:

personalmente è tanto che non mi affaccio nel mondo delle trasmittenti dato che la mia vecchia multiplex, non ostante l'età, riesce ancora a soddisfarmi appieno. comunque mi sembra che buona parte delle trasmittenti abbiano la possibilità di aggiornare il firmware, quanto poi questo sia modificabile non saprei dire...

 

Grazie per la dritta Andrea, credo che aprirò un post dedicato per affrontare l'argomento "acquisto prima radio", perché essendo alle prime armi nel mondo del modellismo vorrei fare un acquisto mirato e utile anche per il futuro. Poi ho anche notato che ormai non ne vendono più di radio nuove a 35-40Mhz, sono tutti passati alle 2.4Ghz......per ovvie ragioni :smile:

Perciò vorrei provare ad affrontare con voi lo stato dell'arte attuale dei radiocomandi per sottomarini/sommergibili.

 

Solo per curiosità, che radiocomando hai? Modello? Anno di produzione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Vincenzo, tra impegni vari, lavoro, escursioni nei week-end, più o meno piccoli viaggi escursionistici, uscite alla ricerca di qualche spunto fotografico, sovrapposizioni di idee e progetti e molta, moltissima pigrizia (quando torno a casa la sera do un'occhiata a La Stampa, ceno e poi mi spalmo sul divano a vedere la TV...) non riesco a mettere insieme almeno un paio d'ore consecutive alla volta per riprendere i miei progetti hw/fw/sw.

 

Quindi è ancora tutto un work in progress e non ho ancora rilasciato e pubblicato nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Immagino, alla fine anche io tra vari impegni, lavoro e soprattutto famiglia, il tempo diventa sempre più risicato.....in ogni caso liberare la mente fa sempre bene e per questo motivo mi sono "imbarcato" in quest'avventura. :biggrin:

 

Comunque grazie per il feedback era doveroso capire se qualche post di radiocomando e modding poteva essere "riesumato" e sviluppato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

...Solo per curiosità, che radiocomando hai? Modello? Anno di produzione?

 

io ho una multiplex royal evo 9 comprata circa 11 anni orsono :smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho una multiplex royal evo 9 comprata circa 11 anni orsono :smile:

 

Ammazza.....radiocomando spettacolare......lo avrai pagato na fortuna!!!

 

Vista la complessità di tale comando, la mia idea di modifica/riprogettazione di na roba simile sarebbe un "passo più lungo della gamba".

Mi orienterò sicuramente su qualcosa di molto più semplice come primo prototipo :biggrin:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,337
    • Total Posts
      510,997
×