Jump to content
Sign in to follow this  
corazzata_littorio

Informazioni Su F-104 Caduto

Recommended Posts

Ciao a tutti cari comandanti,

come da titolo, sono alla ricerca di qualsiasi possibile informazione circa lo schianto di un velivolo AMI F-104 (non conosco altro) che si schiantò sugli appennini Marchigiano-Laziali (pochi km sopra la piana di Castelluccio di Norcia) più precisamente sul Monte Vettore, il periodo è tra fine anni 60 inizio anni 70. Poi vi spiego il perchè... la cosa non è semplice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo non ne so niente, però conoscendo quelle zone, mi ha incuriosito il tuo racconto.

Spero ci farai sapere di più quando sarà il momento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sei sicuro del periodo? Ho fatto una ricerca ma non risulta nessun F104 caduto nel periodo che hai indicato.

Ho trovato questa lista che dovrebbe contenere tutti gli incidenti aerei (compresi quelli a velivoli militari) accaduti in Italia http://it.wikipedia.org/wiki/Incidenti_aerei_in_Italia

Da alcune verifiche incrociate l'elenco risulta incompleto: qui, ad esempio, sono elencati tutti gli incidenti ad aerei del 155° stormo http://www.panterenere.it/storia/incivolo.html dove se ne trovano altri non nell'elenco precedentemente menzionato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho trovato qualcosa: la matricola era MM6534 e si trattava di un F 104G prodotto dalla FIAT in forza al 154° gruppo http://www.aeronauti...taliana/it.html

 

L'incidente è avvenuto l' 11.07.1967 http://www.google.it...4,d.Yms&cad=rja

 

il pilota è morto nell'incidente (qui però la data risulta essere il 12/7) http://www.alatricol...civolo/1967.htm cosa confermata anche qui ma in data 11/7 http://www.ejection-...untry/italy.htm

 

Altro non ho trovato ma potresti provare a contattare qualcuno del 154° gruppo facente parte del 6° stormo diavoli rossi. :wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille Argo,

hai notato che in nessuna pagina è presente il nome del pilota? A cosa potrebbe essere attribuita questa mancanza, forse era in missione?

Mio padre e mio zio, più altri "ragazzi" arrivarono quasi subito al Vettore perchè erano molto esperti di arrampicata e della appena si seppe dello schianto, considerate che i resti erano sparsi per tutto il crinale della montagna, e che salire su, è cosa non proprio semplice, inoltre l'aereo non fu trovato subito, da quello che ricordo (quello che sto scrivendo è quanto mi raccontava mio padre) si parlava anche di tempo molto brutto.

 

to be continued...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, l'avevo notato: avevo immaginato che, visto il periodo in piena guerra fredda, si preferì dare meno dettagli possibili sull'incidente; magari non era impegnato in nessuna operazione particolare ma la riservatezza non è mai troppa.

 

Racconta, racconta, che sentire queste storie da chi ne è stato testimone è sempre interessantissimo! :smiley19:

Share this post


Link to post
Share on other sites

la mia idea era simile, ma se vedi, ce ne sono altri che invece queste info le riportano.

Per la cronaca, mio padre e mio zio (peraltro, fratello di mia madre) erano entrambi radioamatori, e mio nonno era allora Maresciallo presso la Questura di Ascoli, quindi mio padre fece praticamente subito a sapere di questo incidente, le ricerche sono durate alcuni giorni, e l'AMI insieme a Polizia VVFF e Carabinieri ha impiegato diversi giorni per individuarlo. Si dice che abbia spanciato superando il crinale direttamente difronte al Monte Vettore, quindi l'impatto con la montagna. L'urto è inutile dirlo è stato violentissimo. ed i rottami, tra cui alcuni resti del pilota caddero dentro il lago di Pilato sottostante, forse chiamarlo lago è un eufemismo, in quanto è di circa 70m di lunghezza nel periodo di piena...però rimanendo dentro una conca dall'alto ti impedisce la facile individuazione.

Mio padre raccontava che alcuni pezzi del motore erano a notevolissima distanza dal punto di impatto, questo con tutta probabilità aveva disorientato le ricerche.

Da cosa nasce questa mia richiesta di informazioni? semplice, pochi giorni fa, un caro amico (modellista) esperto rocciatore, nonostante i quasi 60 anni!! mi invita a casa sua, parlando del più e del meno passiamo a discutere di aerei, e di come siano diminuiti i passaggi nella zona di ascoli e montagne limitrofe, quando invece negli anni passati, e specie durante gli anni 90 sugli appennini circostanti potevi vedere dagli A6 agli AMX, agli EFA2000, F104 a iosa, F18 ed F16 come se piovesse...questo perchè, e me lo confermarono diverse persone "esperte" l'orografia locale rispecchiava quella della zona d'oltreadriatico, all'epoca zona di conflitto, bene dicevo del mio amico, ad un certo punto mi fa, g"uarda cosa ho trovato, vicino lo zilioli" (lo zilioli è un punto del sentiero che porta alla cima, lo trovi a circa 1,5h dalla partenza, vicino il rifugio degli Alpini, quindi corrispondente a quanto mi disse mio padre) era un piccolo frammento metallico, non molto ossidato, piccolo, leggero ma durissimo e piegato come fosse però di carta stagnola....era una paletta della turbina!

Ma state tranquilli, tutt'ora non è raro sentire di persone che rinvengono frammenti di questo aereo, tanto è vero che chi intervenne, portò via la scatola nera, alcuni componenti principali ed i resti del pilota (cosa macabra, lo so e non voglio mancare di rispetto, ma si racconta che il casco del pilota con la testa, furono rinvenuti nei pressi del lago). Bene, la zona mio padre racconta che fu recintanta e loro che riuscirono ad avvicinarsi non poterono toccare nulla (e mi sembra logico!) ma nel riscendere i frammenti erano ovunque, e quando oramai tutti se ne furono andati, mio padre riuscì a raccogliere da terra un piccolo componente elettronico, un potenziometro,in alcuni punti riporta delle piccole bruciature, ma la scritta Lockheed è ben visibile.

Di certo c'è che circa 4 anni fa, un escursionista ha rinvenuto un frammento metallico, presumibilmente della fusoliera, piegato malamente, di circa 30x30 cm di lato, è chiaramente visibile la mimetizzazione. Sono convinto inoltre che nel lago ci siano ancora piccoli frammenti, ma è proibitissimo avvicinarsi al lago in quanto, oltre ad essere difficile da raggiungere (l'ultimo morto si è avuto ad Agosto 2012, come tutte le montagne non perdona e lassù il tempo cambia molto velocemente e senza preavviso..) è la dimora di alcuni rarissimi microcefali, che durante il periodo estivo si riproducono e grazie alla luce del sole cambiano la propria colorazione da semitrasparenti a rosso vivo, dando all'acqua un particolarissimo effetto.

Piccolo cenno storico, la leggenda narra che il lago sia rosso, e prenda il nome di lago di Pilato da quando questi in fuga attraversando la cima del monte Vettore cadde nella conca ed il suo sangue colorò l'acqua, un'altra leggenda invece narra che fosse stato un angelo a tagliare la testa di Pilato mentre egli era in cima, la testa poi cadendo nel lago lo tinse di rosso e Dio volle lasciare quel lago perennemente rosso a monito delle generazioni future.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono di certo un esperto della materia ma da come mi pare di capire i frammenti paiono essere sparsi in una zona così ampia che più che un impatto al suolo sembra quasi ci sia stata un'esplosione in volo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per il chiarimento! Ad ogni modo leggevo che in quel decennio c'è stata una quantità impressionante di incidenti che hanno visto protagonisti i primi F104 dell'aeronautica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me, ma trattasi di parere strettamente personale, si tratta di un "trascinamento involontario" di segreto militare; mi spiego meglio: se all'epoca ogni notizia riguardante le forze armate era nascosta per non favorire il nemico, chi in tempi successivi ha scritto in merito all'episodio, così come per altri fatti analoghi, si è basato sulla stampa dell'epoca che riportava i fatti resi noti al pubblico... e lo stesso per la "terza generazione" di scrittori che a sua volta si è basata sugli articoli precedenti arrivando così fino ai giorni nostri. Probabilmente se oggi qualcuno volesse fare una ricerca storica ed approfondire la questione, rivolgendosi alle opportune sedi non vedrà negarsi notizie più complete: la mia idea è che, visto l'argomento di non ampia diffusione, nessuno oggi si sia mai interessato di aggiornare quelle storie che tanti anni fa sono state censurate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per l'elevato numero d'incidenti F104 su soprannominato la bara volante, se non ricordo male ci fu un incidente che interesso una intera sezione in volo di trasferimento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il problema principale era l'elevata velocità di stallo unita alla poca esperienza del mezzo.

Edited by Iscandar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso però che sia seriamente l'aereo più amato di tutti i tempi insieme al P-51 Mustang...

 

 

 

 

 

Ti dirò: a me non è mai piaciuto! :wacko:

 

 

 

 

beh, si potrebbero chiedere maggiori informazioni ai rispettivi Gruppi, che ne pensi?

 

 

Potresti provare: temo però che serva un valido motivo, ad esempio la stesura di un qualche articolo giornalistico o una ricerca storica, e delle credenziali... ma magari mi sbaglio; tentar non nuoce! :wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

ho da poco avuto notizie Molto dettagliate in merito all'incidente, ma vista la delicatezza e la particolarità, voglio prendermi qualche giorno per pensarci, soprattutto per capire se sia giusto, in primis per il rispetto del Pilota, e del suo ricordo. Voglio intanto però ringraziare chi ha voluto con me condividere le informazioni ed i ricordi, non è una persona iscritta al forum ma sono certo che ci leggerà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo punto la mia curiosità è alle stelle!

Confermo e sottoscrivo!!! :smile:

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi associo alla curiosità storica dell'evento!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

mha forse amato da noi, non avendo rinnovato le squadriglie per 35 anni, ma il 104 non era affatto amato all'estero,si parla della versione G, Fu progettato per intercettare ad alta quota ed in salita verticale i bombardieri strategici russi Bear, poco performanti per le altre specialità fù dismesso presto dall' Us Air Force e venduto o dato in licenza di costruzione a tutti i Paesi della Nato, durò pochi anni come aereo di prima linea, ma essendo stati prodotti in grande quantità furono venduti anche a Paesi non Nato dove non ebbe fortuna provocando molti morti per incidenti trà i piloti vedi Turchia e Grecia. Come caccia avendo un radar il Setter , costruito per la salita a razzo aveva molti lati oscurati, la manovrabilità era scarsa e difficile da pilotare forse noi siamo stati i piloti più esperti avendolo migliorato nell'avionica e negli armamenti con l'aim 7 sicuramente all'antitesi dello stealth, con il motore J 79 molto rumoroso e fumoso, comunque lo stesso montato in due esemplari sull'f4 Phantom, Comunque non a caso chiamato fabbrica di vedove o bara volante. Io ci ho perso un amico del ° stormo di Rimini precipitato vicino Foggia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,423
    • Total Posts
      513,427
×