Jump to content
Sign in to follow this  
Steffsap

Cantiere Betasom U boot 1/72

Recommended Posts

 

Eccola, in realtà non è di un type VII ma il meccanismo di apertura penso possa andar bene lo stesso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Due immagini dei nuovi fusi di supporto per gli asse portaelica con relativi ancoraggi, le eliche dipinte con il colore base ed una con il ponte incollato allo scafo e relativa costruzione del trincarino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piccole meraviglie crescono.... :s15: Davvero efficace la ricostruzione delle eliche e il super-dettaglio. La colorazione mi piace in modo particolare.

 

Un particolare sul colore metallico degli assi e delle eliche appunto. Usi l'aerografo anche per questi piccoli dettagli? Te lo chiedo perchè in particolare i colori metallici sono più difficili da stendere (almeno per me). Vedo invece che il tuo risultato è ottimo. Per esempio i periscopi nel mio modello li volevo rendere metallizati/specchiati come in realtà erano. Invece ho dato il colore argento a pennello e non è completamente "liscio". Quindi quell'effetto lo ottengo con l'aerografo giusto? Oppure ci sono colori appositi? Dimenticavo il mio era un argento ad olio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli assi delle eliche sono in aciaio quindi non li ho dipinti, per le eliche ho usato una miscela di acrilici che presto sarà in produzione. I colori metallo vengono bene solo se dati ad aerografo, sia acrilici sia smalti, ma sotto devi dare del nero lucido, sempre ad aerografo, per ottenere una superficie ben liscia e scura. Questo procedimento è necessario per far risaltare bene i pigmenti metallici ed è anche utile perchè il nero di fondo ti aiuta a vedere quanto colore stai applicando con l'aerografo. Di norma con questi pigmenti metallici è bene dare numerose mani di colore molto sottili applicate una dopo l'altra. Gli argenti ad olio non li conosco, ma penso ache anche per questi il pennello non sia l'attrezzo ideale. Comunque, quando si può, conviene ricostruire ex novo alcune parti in metallo, alluminio o ferro, come nel caso dei periscopi e degli assi portaelica perchè per quanto sia buona la vernice e perfetta la sua applicazione "l'effetto" del metallo vero è impossibile da riprodurre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille, non smetto mai di imparare da te!

Farò tesoro del fondo nero per i colori metallici allora, non lo sapevo. Il colore che ho per l'argento è uno smalto e non un olio, mi sono sbagliato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho trovato questo, sembra interessante come realizzazione, da un sito tedesco. Ci sono molti particolari autocostruiti, sembra ottimo.

Bento che ne dici? Sembrano molto belli, ad averli visti prima avrei preso spunto.

I vii-c sono 2

 

LINK1

LINK2

 

Alcune immagini

u5521537ob.jpg

 

u5521543be.jpg

 

usperling031ej9.jpg

 

u552196xm3.jpg

 

09Rumpf.JPG

 

Pos

Edited by Poseidon

Share this post


Link to post
Share on other sites

post-1383-1183399265_thumb.jpg

caspita Pos! bei dettagli! ne terrò conto! intanto proseguo.. questi sono i corrimano ricostruiti in rame.. sono ancora da terminare..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissimi Benedetto! :s10:

Colgo al volo l'occasione per farti un paio di domande che tenevo da parte per quando fosse uscito l'argomento.

Il filo di rame che hai usato è stato irrigidito in qualche modo? Anche io ho usato fili di rame ma erano piuttosto "morbidi" e avevo difficoltà a tenerli ben tesi.

Come fai per tenere in posizione i fili da saldare? Per dare la giusta curvatura è necessario un lavoro di precisione. La plastilina potrebbe essere d'aiuto? Cosa usi?

 

grazie in anticipo

Ciao Pos

Edited by Poseidon

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho usato filo di rame cotto, quello morbido dei cavi elettrici, per raddrizzarlo lo tiro tenendo un capo nella morsa e l'altro con una pinza.

Ho saldato i vari pezzetti tenendoli pressati con le dita, protette da un cerotto. su un disegno in scala fatto al pc, ma il segreto sta nel saldare i pezzi dopo averli bagnati sul punto di saldatura con acido muriatico nel quale si è sciolto dello zinco (me lo ha insegnato un mio amico professore di chimica e modellista) così lo stagno corre sui pezzi velocemente, si può usare pochissimo stagno ed il saldatore sta posato sulle parti solo per pochi secondi.. insomma la saldatura si semplifica moltissimo..

In questo caso per piegare i pezzi non ho usato nessuna dima

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×