Jump to content
Sign in to follow this  
Steffsap

Cantiere Betasom U boot 1/72

Recommended Posts

Come d'accordo, postate qui le foto e i commentio dei vostri! Discussione aperta su tecniche, colori, periodo storico etc...

Potremmo anche organizzare un riconoscimento:

miglior montaggio

miglior camouflage

migliore tecnica suggerita

etc (suggerite)

ufficiali del genio navale, avanti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

OTTIMA IDEA C.te STEFFSAP..... :s02: :s02: :s02: :s02:

 

BERILLO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, cominciamo:

Contrariamente a quanto scritto sulle istruzioni, ho cominciato dalla torretta xchè… mi andava di fare così.

Ho studiato per bene le istruzioni stesse prima di procedere e ho visto che la cosa non pregiudicava affatto la costruzione. Anzi penso che poi passerò al pezzo di prora da 88 mm, così ho qualcosa di finito sott’occhi.

Fin’ora ho incollato il minor numero possibile di pezzi in modo da poter provare e riprovare gli assemblaggi e portare gli eventuali aggiustamenti ove necessario.

Nella prima foto vedrete l’esploso degli elementi fondamentali che compongono la falsatorre dell’U-Boot: ho incollato solo le due metà inferiori, le due superiori con la bussola ed il tubo portavoce e la battagliola circolare del “giardino d’inverno”.

 

04_06_20_8042.jpg

Torr_alto_8040.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questa immagine del fianco si può gustare l’accuratezza dei dettagli che la Revell ha riservato a questo bel modello.

04_06_20_8037.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardando la falsatorre dal ¾ anteriore spicca in primo piano l’alloggiamento per la bussola magnetica, alcuni portelli, i paraonde e le luci di posizione (quella inquadrata andrà di colore rosso).

Per giuntare le metà ho usato colla liquida per plastica: scioglie leggermente la plastica in modo da rendere, facendo un po’ di pressione, la giunta perfetta con una sola accurata carteggiatura, senza (quasi mai) bisogno di stucco.

Torr_3_4ant_8039.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il modello è in una scala tale che vale la pena di forare con una micropunta e svasare il tubo portavoce. Mi chiedevo se non valesse la pena di forare e costruire anche una griglia sulla parte superiore dei due cofani di protezione alle prese d’aria dei diesel (non me la sento mai di lasciare un modello come Revell l’ha fatto!) ma non sono ancora riuscito a capire se, così facendo, farei una cosa anacronistica. Se qualcuno ne sapesse di più si faccia avanti.

04_06_20_8038.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella prossima immagine si capisce chiaramente quanto ancora il lavoro sia indietro.

Aspetto vostri suggerimenti e domande… e le immagini dei lavori di qualcun altro!

Ora vi saluto e scappo per una diecina di giorni, porto moglie e figlia al mare e… mi ci fermo!

Grazie a Steffsap per l’iniziativa. Speriamo di essere all’altezza.

Alla prossima!

 

Ah, ancora una "quasi" anticipazione... lo dico sottovoce ma credo di aver trovato dei figurini in scala fatti apposta per questo modello da Andreas miniatures. In metallo: Comandante, primo ufficiale e tre vedette... se la cosa andrà in porto vi informerò.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Come fai a pitturare poi i particolari che si trovano in posizioni anguste? Devi avere mano fermissima!!!!o ce un truccoù?

 

Scusa C.te Prien se ti rispondo solo adesso.

Ti premetto che non sono un genio del modellismo... semplicemente mi piace e cerco di fare del mio meglio. Quindi, per risponderti, posso solo portarti delle considerazioni personali:

la regola sarebbe di dipingere le parti minori prima del montaggio. Questo se conti di colorare il tutto esclusivamente a mano... ma quando si lavora con l'aerografo?!!

... In quel caso occorre valutare caso per caso perchè spesso vale la pena di impazzire in spazi ristrettissimi piuttosto che cimentarsi in improbabili mascherature a modello montato o semi-montato.

Chi ha pazienza, la mano buona e i pennelli fini procede prima al montaggio e poi alla verniciatura generale. Seguono i ritocchi e i dettagli che si possono estendere anche all'infinito (dipende dallo stato maniacale del modellista...). In ultimo all'invecchiamento del mezzo attraverso la "rottura" del colore, la ruggine, l'inserimento delle lumeggiature, ecc... Questo anche perchè colla e colori generalmente non vanno d'accordo!

 

Nel caso del Sommergibile in questione che, ripeto, non ho ancora incollato (sono ancora alla fase carteggiature per la preparazione dei pezzi, causa figlia di 10 mesi mooooolto esigente), al momento, pur non avendo ancora fatto un piano serio di organizzazione del lavoro, ho deciso solo che colorerò a parte i periscopi. Questi infatti sono estendibili e vanno racchiusi nelle loro rispettive camicie. Se non li dipingo prima del montaggio non riuscirò mai a colorarli per intero in modo da non far trasparire le parti irraggiungibili.

Questo può forse valere come esempio. Per il resto... vedremo!

Per concludere non credo che ci siano trucchi particolari... per le parti poco accessibili serve comunque una buona mano (cosa che non sono sicuro di avere).

Appena possibile posterò gli sviluppi della costruzione.

 

Ah, una cosa certa ce l'ho! Pur non essendo ancora fra le mie mani, ho trovato i figurini di cui al precedente post.

Visitate il sito:

http://www.andrea-miniatures.com/market/As...uctoDetalle=897

Share this post


Link to post
Share on other sites

devo dire che la qualita' delle foto che hai postato è notevole,complimenti! Sono curioso di vedere il lavoro finito,ma.....senza fretta :s04:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tyoe VII di Bob Napp sta venendo benissimo, e Herr Professor produce foto e spiegazioni fantastiche... Speriamo in altri aggiornamenti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente mi sono arrivati i figurini in metallo degli uomini in torretta (by Andrea Miniatures) di cui vi avevo parlato.

Provvederò al più presto fotografare il tutto e a postare le immagini!

Share this post


Link to post
Share on other sites
SENZA FRETTA...

 

E' vero ragazzi! In fatto di tempi di esecuzione sono un disastro!

Però vi avevo avvertiti prima di dare avvio a questo Topic... :s02: :s01: ...

 

Comunque ho fotografato i figurini per la torretta e, come promesso, ve li posto.

Cominciamo dalla confezione:

Scatola.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

... poi arriviamo a quello che c'è dentro...

Tutti.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

... e infine a come dovrebbero venire...

 

( :s06: :s06: non ce la farò mai! :s06: :s06:)

 

Pensate che 'sti cosini sono alti solo 25 mm.! ???

Andrea_Miniatures128.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno carissimi,

da ex progettista di sottomarini per 36 anni (societa' COS.MO.S. di Livorno) mi sono deciso a comperare la scatola dell'U boot 47 della Revell in scala 1:72 per renderlo da statico a dinamico RC. Seguiro' con attenzione le fasi della V/a costruzione che mi saranno di aiuto. E' la prima volta che vengo sul sito.

Ringrazio e vi saluto

Sergio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Buongiorno carissimi,

da ex progettista di sottomarini per 36 anni (societa' COS.MO.S. di Livorno)

Sergio

 

 

!!! OSTEEEEEE APRI LO SPUMANTE !!!

 

Preparate un alloggio permanente al nuovo arrivato!

 

 

Sergio , benvenuto su betasom.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto a Sergio :s01: :s01:

 

Qui sarai in buona compagnia. Preparati solo alla tempesta di domande che noi tutti super appassionati ti faremo in merito ai tuoi 36 anni trascorsi!!

 

Approfitto dell'occasione per assicurare a tutti che presto riaprirà il cantiere.

Ieri ho fatto un alaggio di prova al mio battello ma... è andato a fondo. :s05:

Poi vi racconto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cantieri Riuniti Betasom, Officine di Genova – Stato Avanzamento Lavori al febbraio 2005.

 

Dopo svariate prove di alaggio in bacino (effettuate nel noto bacino di carenaggio genovese di “Vasca Da Bagno” :s02:) che hanno portato per ben tre volte all’affondamento del battello, sono riuscito ad individuare e fermare le numerose vie d’acqua che irrompevano all’interno dello scafo, attraverso rapidi e precisi interventi di sigillatura a base di silicone. Purché non mi si venga a parlare di coefficiente di sicurezza, l’obbiettivo è stato raggiunto: il battello ora, zavorrato da oltre 1 Kg e mezzo di piombini da pesca, sta a galla rispettando il giusto rapporto con la linea di galleggiamento. Tutto questo non è stato fatto nell’intento di rendere il modello dinamico, ma più semplicemente per togliermi lo sfizio di poterlo mettere a bagno a costruzione terminata, insomma: per poterci giocare un pò...! (...Naturalmente a mia moglie non ho certo raccontato che mi stavo trastullando come un bambino ed il suo giocattolo nella vasca da bagno, ma che, ed è cosa vera questa, prima della verniciatura occorre lavare per bene le superfici!... :s15:)

 

Ecco dunque l’U-Boot in “bacino”.

04_12_19_9363.jpg

Edited by Bob Napp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caspita, che vasc... ehm, che bacino! Non si vede l'orizzonte... :s04:

Mi ricorda le mie vecchie battaglie del mar della vasca da bagno con i modellini airfix... come affondavano!

 

PS: il modello è impressionante...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo un’accurata asciugatura del battello sono finalmente passato alla verniciatura di fondo dello scafo.

Lavorando con l'aerografo ho dovuto innanzitutto provvedere ad una accurata quanto artigianale mascheratura delle parti sopra e sotto la linea di galleggiamento.

Ecco una anticipazione.

Al prossimo S.A.L ne vedremo il risultato finale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Continua pure così, sarà una preziosa guida per tutti.

 

Visto che fra un pò acquisterò il kit della Revell.

 

Buon lavoro

 

 

 

:s15: :s15:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho capito cosa chiede Jack. Provo comunque a rispondere dicendogli che l'U-Boot in questione è lungo una novantina di centimetri abbondante (93 mi pare).

 

Per il resto vado a postare qualche particolare dello scafo "in fase di" e "appena terminata" la stesura della tinta di fondo. Così com'è sembra appena uscito dai cantieri di Brema.

 

@Sidescanner: :s04: si, sono orgoglioso del mio bacino di carenaggio... è assolutamente all'avanguardia... e grazie alle ottime maestranze che vi lavorano, l'Impresa Moglie & C, è tenuto talmente in ordine ed in perfetto stato che, A VOLTE, ci si può fare il bagno!! :s02: :s04: :s04:

 

1° foto: Poppa in lavorazione sull'opera viva

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domanda: cosa è quel mini sommergibile che si vede nella foto accanto al "gigante"?

 

Lhai fatto tu? Gli fai una foto?

 

E sullo sfondo si vede un CD a che serve?è un caso?

Share this post


Link to post
Share on other sites

...accanto al "gigante" c'è una sua... fotocopia rimpicciolita! :s03: Si tratta di un vecchio modello in scala 1:400 in plastica di una famosa casa polacca di cui non ricordo il nome.

Siccome stavo verniciando il "gigante" ho approfittato per dare una ripassatina anche al "nanetto". Ti allego un ingrandimento qui sotto.

 

Comunque lo potrai ritrovare in qualche vecchio topic... uno dove si parlava di diorami, di acqua finta... non ricordo, ma ci guarderò.

 

Per quanto riguarda il CD sullo sfondo: è solo un "avanzo" di mia figlia (16 mesi). La lascio giocare con tutto quello che vuole purchè non tocchi i miei modellini!! :s15:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vengo speso nella sezione modellismo... ho le mani grosse e le dita non fatte pr lavori dlicati... ma ho sempe avuto ammirazione pe chio riesce a realizzare cosi belle meraviglie in miniatura...

 

i miei complimenti sinceri... davero intressante e bello... e anche l altro post quello dell'acqua finta... splendido!!!

 

 

fly37

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho fatto una prova: ho appoggiato la torretta sullo scafo e ne ho fatto una foto che ora vi posto.

 

Appena potrò metterò le foto delle fasi antecedenti per cercare di descrivere come sono arrivato a quest'ultima: giunzioni, stuccature e carteggiature, modifiche all'originale, tracciamento della linea di galleggiamento... e... boh! Quello che mi verrà in mente e che avrò fotografato in modo decente.

 

Appena potrò :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cantieri Riuniti Betasom, Officine di Genova – Secondo Stato Avanzamento Lavori al febbraio 2005.

Facciamo un passo indietro per vedere cosa c’è sotto la vernice.

Si tratta di assemblaggi parziali, gran lavoro di stuccatura e carteggiatura delle parti incollate per eliminarne ogni traccia, piccole migliorie.

Contrariamente a quelle che erano le mie intenzioni iniziali, ho desistito dal voler rendere realmente forata la struttura leggera. Ho scoperto che si tratta di un lavoro troppo lungo (già che i miei tempi sono biblici!!) e difficoltoso, col rischio di fare più danni che migliorie. Sarà poi compito del pennello dare un tocco che sia il più realistico possibile.

Purtroppo quando poi ho visto questo post:

http://www.betasom.it/forum/index.php?boar...y;threadid=4938

...mi sono mangiato le mani. Ma ormai era troppo tardi. Le due metà erano già incollate, stuccate e carteggiate!

Troppo tardi perché se si vuol forare lo scafo é consigliabile lavorare dall’interno sullo spessore della plastica, senza forare direttamente il modello asola per asola, ma assottigliando le porzioni di rivestimento in prossimità dei fori esterni fino, appunto, a fare saltare fuori i buchi. Naturalmente questo va fatto a scafo aperto, ma il mio non lo é più: quindi... pennello e colore!

Gli unici fori che ho aperto sono quelli di estrema prua, quelli posti appena al disopra della linea di galleggiamento, perché sono passanti e non mi piace che siano completamente tappati; ci si deve vedere attraverso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devo dire che ho perso molto tempo nell’assemblaggio delle due metà della chiglia. Date le non trascurabili dimensioni del modello, la giunzione longitudinale (circa 90 cm.) non è delle più semplici, anche perché le parti non combaciano perfettamente. E poi, detesto vedere la linea di giunzione. Così ho carteggiato, stuccato e ancora carteggiato accuratamente tutta la famigerata e, fino a quel momento, evidentissima linea di giunzione fino a farla sparire completamente. Ora nessuno direbbe che il modello è fatto in due pezzi speculari longitudinali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo, naturalmente, vale per ogni particolare:

 

Quella strana scatoletta contiene uno fra i tipi di piombini che ho utilizzato per zavorrare lo scafo. Non c'entra niente con quello che stiamo dicendo: scusate ma non ho scattato le foto pensando a come avrei scritto i post! :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×