Jump to content
Sign in to follow this  
Lefa

Debriefing ~ *** Barents Defence *** Cold War : Arctic Circle Campaign M02_12

Recommended Posts

Posto le mie due righe: partita divertente, quando mi collego scopro che sono stato imbarcato su una nave dello USS tipo, mi ritrovo catapultato nella chiacchierata categoria dei surfacers.

All’inizio un po’ di panico, troppe stazioni, troppa roba, troppa poca esperienza e il corso con Marco è troppo distante nel tempo; prendo coraggio e cerco di attuare tutti gli accorgimenti iniziali che mi ricordo, CIWS su semi auto, orientamento della nave, elicotteri in allerta e via discorrendo.

Riguardo la tattica non avevo ben chiaro cosa fare, l’unico accorgimento è stato quello di rimanere sempre passivo e di fornire difesa AA ad almeno una piattaforma.

All’inizio abbiamo fatto un po’ di confusione pensando che i nostri avversari fossero a nord anzi che a sud, una volta corretto il tiro le nostre navi di supporto in attivo cominciano a passare link di navi distanti, che vengono identificate come i nostri bersagli.

Le navi in AI sono state le prime ad iniziare gli attacchi missilistici, noi abbiamo provato ad imbucarci nella festa ma il Kara e l’Udaloy abbattono decine di missili; personalmente lancio tutti i miei Harpoon ma nessuno raggiunge i bersagli.

Nel frattempo decolla il mio primo eli ASW e nota la posizione del nemico faccio attenzione a non farlo entrare nel range dei Gauntlet; durante la battaglia uno dei nostri type 42 passa il link di un Kilo che si è pericolosissimamente avvicinato ad una piattaforma, mando subito l’elicottero sul posto e poco prima del suo arrivo il sommergibile attacca il nostro type 42 che in seguito afonderà.

Quando l’eli raggiunge il punto lancio due armi molto vicine che agganciano immediatamente e affondano Gladiatore, tutto merito dei link, io non ho fatto nulla.

Dopo qualche tempo viene passato più a sud un altro link di un SMG, il mio eli ha ancora un siluro e decido di mandarlo sul nuovo contatto, che dalla velocità battezziamo in Alfa.

Una volta sul bersaglio il siluro non viene sganciato quando avrei voluto e nel medesimo tempo la soluzione del contatto si aggiorna con uno scarto considerevole, non so che fine abbia fatto quell’arma poichè da li a poco crasho senza avere la possibilità di guardare il replay. Il crash è avvenuto subito dopo il decollo del mio secondo eli ASUW, quando stavo posizionando i waypoint per andare ad attaccare le navi.

 

Una domanda: sulle navi e durante le partite online, l'ESM è da tenere in autocrew?

 

Grazie a tutti per la piacevole serata! :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente mi sono fatto una bellissima missione a bordo di un missile, sfrecciando a 43 Knots a sinistra e destra, in condizioni acustiche pessime e con un'armamento realmente scarso, ma ciò non ha diminuito il divertimento.

 

All'inizio parto all'attacco, rendendomi conto della scarsa efficienza dei sonars, e mi dirigo a tutta velocità verso uno dei bersagli di superficie, con l'intenzione di affondarlo per lasciare spazio agli elicotteri dell'Udaloy di Drakken.

 

Mi avvicino quindi ad una Type-42 e l'ingaggio con due TEST-71 in modalità wakehoming ma l'attacco, portato da circa 7 nm, si rileva inefficace e i siluri di disattivano per dopo aver individuato e seguito la scia del bersaglio per un po' di tempo.

 

Riprendo quindi la caccia, bersagliato da siluri da ogni dove, ma a forza di contromisure e velocità smodata riesco ad avvicinarmi a meno di 5 nm dalla Type-42, riproponendo l'attacco con i wakehoming che questa volta raggiungono con successo la nave, affondandola.

 

A questo punto, dopo che con il sacrificio del suo mezzo Gladiatore aveva abbattuto l'altra Type-45, la vittoria era ad un passo: decollo del Ka-27 dall'Udaloy e cattura degli oil-rigs sarebbe stato questione di minuti... ed invece l'ultimo elicottero dell'Udaloy si schianta in fase di decollo, eliminando la possibilità di raggiungere il nostro obiettivo primario.

 

Ci dedichiamo quindi al secondario, dando la caccia alla O.H.Perry, rimasta scossa per il CTD di Lefa, senza successo: al termine delle 2 ore e 30 di gioco viene dichiarata la vittoria del side BLUE.

 

Partita avvincente, sempre sul filo dell'affondamento, con attacchi multipli ad ogni tipo di bersaglio: complimenti ai nostri avversari per la tenacia con cui hanno difeso i nostri bersaglie e bravi anche noi per come abbiamo abbattuto ogni ostacolo per il raggiungimento della vittoria, impedita per un incidente 'tecnico'.

 

Grazie a tutti per la compagnia e il divertimento! :s02:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con mia felicità sono riuscito ad arrivare per tempo a casa ed ad aggiungermi nonostante il mio DW non volesse prendere la sessione di Drakken (fastweb su fastweb....mah!!!!).

 

Ho poco da aggiungere rispetto a quanto detto da Sergio; individuo le due Type 42 sul ricevitore passivo di impulsi e con quello faccio la TMA che mi porta ad intercettare efficacemente quella piu ad ovest. Sono riuscito a non farmi prendere col sonar attivo fino a quando ero molto vicino; salito a quota periscopica decido di lanciare nel momento della battaglia tra missili per approfittare della confusione con due Test in modalità wake homing. Appena metto fuori il periscopio (l'unico vero sensore del Kilo :-)) rilevo il radar di guida della Type in modalità continua, la cerco, la vedo ma inaspettatamente ha cambiato rotta per me la ritrovo al mascone di sinistra e non di prua (mia rotta per 45°). Intanto Drakken mi avverte dell'elicottero sopra di me e decido di lasciar perdere l'evasione pur di affondare la Type 42 la cui assenza doveva dare il via libera al ns elicottero. Mentre i siluri di Lefa arrivano rapidissimi lancio i due Test ed altri due Shkval per sicurezza sapendo di esere condannato. Purtroppo i due Shkval esplodono con me (penso perchè poi non ne ho avuto piu traccia) mentre i due Test intercettano e blastano la Type42.

 

Bella partita, quest'ambientazione mi piace davvero moltissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Missione molto interessante, vinta alla fine dalla side NATO grazie anche ad un incidente in fase di decollo dell'ultimo Helix russo rimasto.

 

Purtroppo non ho potuto vedere il replay, quindi tutto quello che vado a scrivere è unicamente frutto delle mie sensazioni durante le due ore e mezza di missione.

 

Partiamo a sud delle oil rig,, e inizialmente ci dirigiamo in direzione delle stesse pensando che i russi arrivino dalla parte opposta. Dopo una ventina di minuti di navigazione ci accorgiamo dell'errore e rivolgiamo a sud est la nostra attenzione. tuttavia ritengo che quella prima mossa iniziale non sia stata così sbagliata. E' vero che mi ha allontanato dalla flotta russa, lasciando un po' scoperti i Type42, ma mi ha consentito di trovarmi in una posizione di maggior sicurezza, fuori dalla portata dei sensori dell'alfa (inizialmente più vicino) e quindi libero di fare quello che dovevo, ovvero lanciare Harpoon contro l'Udaloy e il Kara. Ben presto arrivano i link delle due navi russe e inizio i lanci, cercando di coordinarli con quelli dei Type42. Ma i due DDG russi sono ossi durissimi, e riescono a difendersi sempre egregiamente. Anzi, a dire la verità il Kara viene danneggiato, ma - almeno secondo il mission status -, dal fuoco amico dell'Udaloy! :s12: :s12: :s12: Purtroppo Drakken abbatte il P3, ed è un primo duro colpo perchè fino a quel momento l'apporto del bravissimo Miqui era stato davvero importante in fase di ricognizione e scoperta.

In tutto questo trambusto, accade però una cosa che si rivelerà fondamentale: i Type42 abbattono una serie di elicotteri russi, e le possibilità del nemico di inviare le special forces sulle oil rig calano rapidamente.

Poco dopo c'è lo sconto tra il Type42 e il Kilo descritto bene da Lefa, e risolto da quest'ultimo. Più o meno Contemporaneamente arriva anche un link dell'Alfa di Sertore, impegnato in una strenua lotta con l'altro Type42 (che affonderà). Lefa lancia subito un suo elicottero all'attacco, ma è vittima di un crash e ci lascerà per la restante ora in balìa di un fastidiosissimo dipping sonar attivato! :s68: :s03:

 

Mentre succedono tutte queste belle cose, iniziano a piovere i subroc nella mia direzione, cosa questa abbastanza scontata visto che fin lì ho lanciato missili come fossero coriandoli. Cerco sempre di disimpegnarmi al minimo degli spostamenti, per non abbandonare la posizione di difesa a ridosso della oil rig di mia competenza (quella a nord est). Avevo già lanciato in precedenza due MK48 sull'alfa di Sertore, ma, essendo quasi impossibile seguire gli spostamenti a velocità smodata di quel dannatissimo sub, erano arrivati a fine corsa poco prima di raggiungerlo. Avendo dunque finito la mia scorta di Harpoon, decido di starmene buono ed attendere gli elicotteri russi che certamente arriveranno. Purtroppo su quello che penso essere un subroc a me indirizzato commetto un errore, e lancio una CM passiva. Poco dopo sento due siluri per 132, controllo per vedere se si tratta dei soliti UGST e invece no: sono due Test71!!!!!!! L'Alfa dunque ha sentito la mia CM, ma nello stesso tempo mi ha rilevato la sua esatta posizione: senza pensarci su controrilancio sul rilevamento e mi metto in posizione di sicurezza. Alla fine questo scontro tra me e Sergio non avrà nè vincitori nè vinti: l'Alfa scappa a velocità smodata e io non insisto oltre, molto preoccupato per l'attacco dei DDG che sicuramente arriverà. E invece no, passano i minuti ma l'orizzonte rimane sgombro, e finalmente arriva il messaggio : Obiettivo primario raggiunto!!!! :s20: :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco il mio debriefing...

 

seconda missione avvincente di questa mini-campagna ambientata negli anni della guerra fredda.

 

Sulla DDG è stata una bella faticata uscire vivi, dopo gli svariati attacchi della NATO.

 

Nonostante sia Sertore (+ 1 punto ) (oltre ad un ELI Lynx inglese ( + ½ punto )) , che Gladi (+ 1 punto ) abbiano affondato le DDG TYPE42, purtroppo il mio secondo eli si è schiantato in fase di decollo. ( - ½ punto )

Durante i corsi ai miei cadetti, lo ripeto sempre di stare attenti alla velocità in fase di decollo degli eli, questa volta purtroppo ho rischiato e mi è andata male.

Purtroppo precedentemente il mio primo eli era stato colpito (+ ½ punto ) (insieme a quello decollato dalla KARA ( + ½ punto )).

 

Contavo sulla difesa AAW della KARA, invece in pratica per tutta la partita ho fatto io da copertura AAW... (anche con qualche colpo del CIWS andato a finire sulla stessa DDG KARA :s68: )

 

Viene acnhe affondata da R.HUNTER una trawler neutrale (- 1 punto )

 

Molto particolare anche l'attacco che ho portato verso il P3 (+ 2 punto ), visto che i miei SAM non riuscivano ad arrivare così in alto... quando MIQUI si è portato nella posizione ideale ho fatto fuoco con la

coppia di cannoni a prua... RAPID FIRE... incrociato. :s07: :s10:

 

Verso fine della partita son riuscito anche ad affondare una Trawler spia (+ 1 punto ).

 

In seguito il SeaHawk di LEFA (+ 1 punto ) affonda il KILO di GLADI.

 

Comunque la NATO alla fine delle due ore e mezza di gioco conquista l'obiettivo primario (+ 5 punti )

 

 

Ecco il Tabellone dello SCORE:

Sistema Punteggi: obiettivo primario: 5 punti --- obiettivo secondario: 3 punti ---- aerei asw: 2 punti ----- nave/sottomarino: 1 punto ----- elicotteri: ½ punto ----- civile: - 1 punto

 

 

******************************************

Arctic Circle Campaign M02_12

******************************************

 

NATO SIDE

 

socialnato.gif PUNTI: (7) + 6 ---> 13

 

CCCP SIDE

 

320px-Flag_of_the_Soviet_Union.svg.png PUNTI: (3) + 5 ---> 8

 

 

*******************************************

UNITA' AFFONDATE NON PIU' UTILIZZABILI

*******************************************

 

SSN 653 Ray

FFG 54 Ford

SSK 518 Nazario Sauro

DDG 86 Birmingham

DDG 88 Glasgow

 

SSN K-371 Victor II

SSN K-123 Alfa

SSK B-800 Kaluga

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites

..praticamente non sono mai stato in partita ...è iniziata male e finita in questa costante ...non ho affondato ne sono stato affondato

 

dei bug del gioco hanno condizionato in parte la mia missione e in parte c'ho pensato io tra indecisioni e casini vari

 

all'inizio sulla mia NAVMAP non so perché ma non è apparso l'oil rig verso cui mi sarei dovuto dirigere , quindi in questa inconsapevolezza mi sono diretto verso quello che poi ho scoperto essere di Gladiatore , solo a un'ora dalla fine della partita mentre Sertore ripeteva le coordinate degli OIL RIG a Drakken mi sono reso conto di essere distante più di 20 miglia da quello che doveva essere il mio obiettivo iniziale , a quel punto un elicottero incomincia a pingare a 10 nm da me a 270 , e rimaneva fermo immobile senza spostarsi , mi stavo avvicinando per attaccarlo ma era troppo tardi , partita finita!!

 

all'attivazione dello SHOW TRUTH , sulla nav map non c'era alcun elicottero in quella posizione e con mia grande sorpresa avevo la PERRY (ormai fuori controllo per il crash di Lefa) a 6 nm e nel sonar non vi era alcuna traccia

 

il replay con lo show truth attivato va a confermare gli stessi bug : niente piattaforma e niente eli!!

 

 

..alla prossima

Edited by DagoRed

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh... non ho niente da aggiungere ai vari report, a parte che NON SI SENTE NIENTE...

 

in ogni caso partita bella, veramente bella....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao comandanti, mi scusa per il ritardo con cui posto queste due mie righe.

 

La partita è stata molto bella. Per me era la prima missione su un P3, con tutte le conseguenze del caso. La piattaforma mi è piaciuta molto anche se mi sono reso conto che da soli richiede un grande impegno lungo tutta la durata della missione.

Come giustamente Lefa ricordava nei primi minuti abbiamo fatto leggermente confusione ed abbiamo perso un attimo di vista la giusta rotta... Dopo però una sana spazzata radar da parte del mio P3 ci siamo resi conto della direzione da cui stavano arrivando i contendenti!!

Io mi sono portato a 37000 piedi cercando così di restare fuori dalla portata dei missili, riuscendoci. Questa posizione mi ha permesso di dare una visione di insieme del campo di battaglia ai miei compagni (gergo russo, è l'abitudine). Tutta questa confidenza mi ha portato praticamente sopra la testa di Drakken che accortosi della quota mi ha tirato giù a cannonante!!!!!!

Bella partita, e bella l'idea di rivivere momenti storici ben definiti.

 

:biggrin: :biggrin: :biggrin:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,288
    • Total Posts
      510,000
×