Jump to content
Sign in to follow this  
GM Andrea

Mussolini's Navy

Recommended Posts

Titolo: Mussolini's Navy - A Reference Guide to the Regia Marina, 1930–1945

Autore: Maurizio Brescia

Casa editrice: Pen & Sword Books

Anno di edizione: 2012

Pagine: 256

Dimensioni: ------

Prezzo: ----

Reperibilita: facile

 

 

Uscirà indicativamente per agosto/settembre questo volume del nostro comandante Alagi, che nella vita reale si cela sotto il misterioso pseudonimo di Maurizio Brescia, e la cui preparazione nel settore della storia navale non credo necessiti di troppi peana.

L'Autore sta facendo gemere i torchi per il pubblico anglosassone col suo Mussolini's Navy: La Marina di Mussolini - Una guida alla Regia Marina, 1930-1945.

Nell'opera, la prima realizzata dalla pubblicistica italiana specializzata per i lettori non di casa nostra, descrive lo sviluppo della Marina nel corso degli anni '30, la sua organizzazione e le operazioni condotte prima e dopo l'armistizio. Vengono inoltre descritte minuziosamente le singole tipologie di navi, con dettagliati particolari tecnici, piani costruttivi e fotografie (circa 250).

Sono poi dedicati specifici capitoli alla mimetizzazione delle unità navali, alle uniformi e alle decorazioni nonchè a un "who's who" delle personalità più rilevanti della Marina di quegli anni.

L'opera si porrà certamente quale punto di riferimento per la pubblicistica all'estero, ma anche i lettori italiani anglofoni potranno trarne giovamento; nella - si spera - non vana attesa che venga realizzata un'edizione italiana.

 

9781591145448.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti vivissimi C.te Alagi! :s20: :s20: :s20:

Vento in poppa e Spalletti a fiumi per tutti!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

accipicchia Maurizio!!!

I miei complimenti... non vedo l'ora che arrivi agosto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Reference Guide...oh yeah!!! :s03: Complimenti per lo sbarco, oltretutto, in terra albionica!!!

 

 

EDIT. : posso però, fermo restando l' ovvio apprezzamento per il lavoro storico di Maurizio/Alagi...come dire,,.., posso aver qualche dubbio sul titolo ??

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maurizio,

sai quanto sia importante per me la ricerca storiografica. E' importante dunque che a continuare l'opera degli storici venuti a mancare giunga una nuova generazione di ricercatori.

Tu sei fra essi.

Continua. Un abbraccio.

 

Roberto

 

:s32:

Share this post


Link to post
Share on other sites
posso aver qualche dubbio sul titolo ??

Sono gli stessi dubbi che ho anch'io, anche perché la scelta del titolo non è mia. :s01:

Inizialmente, avevo proposto un titolo molto più asettico (Regia Marina at War 1940 - 1945), ma poi la casa editrice Seaforth Publishing (del gruppo britannico "Pen and Sword", che agisce come "capocommessa" anche per l'edizione statunitense, che sarà pubblicata in contemporanea dll'U.S. Naval Institute) ha deciso di modificarlo in Mussolini's Navy.

Ciò per una serie di ragioni, soprattutto editoriali, poiché il libro entrerà a far parte di una collana di analoghi "companions" sulle Marine della seconda guerra mondiale ove sono già presenti un Churchill's Navy per la Marina britannica e un Hitler's Navy per la Kriegsmarine (e sono anche in lavorazione un Roosevelt's Navy per quella americana e uno Stalin's Navy per quella sovietica).

E' chiaro che, all'estero (ove certe figure storiche sono viste con sicuramente maggior distacco) un titolo che cita Mussolini ha molte meno implicazioni che qui in Italia anche se - per quanto ovvio - nel testo ho ribadito il concetto che la Regia Marina era - nel caso - più monarchica che fascista, e che il personale aderiva a determinate istanze o ideali nella medesima misura (e con i medesimi eventuali dubbi) della maggioranza della popolazione italiana.

Sicuramente, il titolo è di maggiore impatto emozionale (e quindi, perchè no, commerciale), tant'è vero che l'ottimo volume degli anni Ottanta di J.P. Mallmann Showell The German Navy in World War Two (A reference guide to the Kriegsmarine, 1939-1945), quando è stato rivisto e aggiornato per l'inserimento nella collana della Seaforth è diventato, per l'appunto, Hitler's Navy...

 

Ad ogni buon conto, è già stato a suo tempo concordato che la futura edizione italiana avrà un titolo sicuramente diverso.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

... ce l'hai fatta, finalmente!

Ti senti più leggero, ora? :s01:

 

Bravo, bravo bravo! sono certo sarà un punto di riferimento per un lungo futuro di generazioni di studiosi e appassionati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dimenticavo...

La componente Betasomiana del volume è rafforzata dalla sezione a colori, con profili delle principali unità con colorazione mimetica, per i quali ha validamente collaborato la nostra Marea. :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo punto credo sia da estendere un bel "Bravo Zulu" alla mitica Marea....

:s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono gli stessi dubbi che ho anch'io, anche perché la scelta del titolo non è mia. :s01:

Inizialmente, avevo proposto un titolo molto più asettico (Regia Marina at War 1940 - 1945), ma poi la casa editrice Seaforth Publishing (del gruppo britannico "Pen and Sword", che agisce come "capocommessa" anche per l'edizione statunitense, che sarà pubblicata in contemporanea dll'U.S. Naval Institute) ha deciso di modificarlo in Mussolini's Navy.

Ciò per una serie di ragioni, soprattutto editoriali, poiché il libro entrerà a far parte di una collana di analoghi "companions" sulle Marine della seconda guerra mondiale ove sono già presenti un Churchill's Navy per la Marina britannica e un Hitler's Navy per la Kriegsmarine (e sono anche in lavorazione un Roosevelt's Navy per quella americana e uno Stalin's Navy per quella sovietica).

E' chiaro che, all'estero (ove certe figure storiche sono viste con sicuramente maggior distacco) un titolo che cita Mussolini ha molte meno implicazioni che qui in Italia anche se - per quanto ovvio - nel testo ho ribadito il concetto che la Regia Marina era - nel caso - più monarchica che fascista, e che il personale aderiva a determinate istanze o ideali nella medesima misura (e con i medesimi eventuali dubbi) della maggioranza della popolazione italiana.

Sicuramente, il titolo è di maggiore impatto emozionale (e quindi, perchè no, commerciale), tant'è vero che l'ottimo volume degli anni Ottanta di J.P. Mallmann Showell The German Navy in World War Two (A reference guide to the Kriegsmarine, 1939-1945), quando è stato rivisto e aggiornato per l'inserimento nella collana della Seaforth è diventato, per l'appunto, Hitler's Navy...

 

Ad ogni buon conto, è già stato a suo tempo concordato che la futura edizione italiana avrà un titolo sicuramente diverso.

 

Propongo di intitolare correttamente i topic dedicati alla Rivista H come "la parata di Hitler" :s07:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, l'USNI mi ha proposto l'acquisto di questo volume mesi fa, certamente l'anno scorso, com'è possibile?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Scusate, l'USNI mi ha proposto l'acquisto di questo volume mesi fa, certamente l'anno scorso, com'è possibile?

E' una pratica dell'USNI - che non mi trova particolarmente d'accordo - di inviare alla propria mailing list la pubblicità di volumi che saranno pubblicati in futuro, anche a medio/lungo termine.

Serve unicamente per prenotare il volume in oggetto, ma resta il fatto che i tempi, a mio avviso, sono troppo anticipati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Maurizio per la spiegazione.

Sono certo che me lo propone da mesi, ma non in prevendita, i libri in prevendita mi sembra che siano prenotabili ma non pagabili (ne ho presi solo due con la prenotazione quindi potrei ricordare male) mentre questo è prezzato e spacciato per disponibile.

Anche andando a guardare la relativa scheda sul sito, nonostante Andrea abbia scritto che uscirà dopo l'estate, secondo loro sarebbe disponibile da Giugno del 2011 (forse han sbagliato l'anno?).. tu che sei l'Autore potrai sicuramente smentire/confermare..

 

http://www.usni.org/store/books/catalog-sp...mussolinis-navy

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites
tu che sei l'Autore potrai sicuramente smentire/confermare..

Come si dice in diplomazia, "smentisco recisamente". :s03:

Il "giugno 2011" è un errore di digitazione da parte di chi ha compilato la scheda: dovrebbe intendersi come "giugno 2012" (che poi, nella realtà, sarà agosto / settembre).

Non vorrei che - per come è costruito il database dell'USNI - dall'errore di inserimento della data derivasse una "virtuale" disponibilità del volume: il che non è vero, perché sto consegnando tutto il materiale alla Seaforth proprio in questi giorni... :s02:

L'USNI è già stato avvertito di modificare la data, ma evidentemente anche là hanno i loro tempi lunghi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non vorrei che - per come è costruito il database dell'USNI - dall'errore di inserimento della data derivasse una "virtuale" disponibilità del volume: il che non è vero, perché sto consegnando tutto il materiale alla Seaforth proprio in questi giorni...

 

Probabile!

Tutto chiaro ora, anyway, complimenti per il volume! :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

questa la recensione sul sito dell USNI

 

This book is the only complete guide in English to the Regia Marina, the Italian navy with which Mussolini fought World War II. Starting with the historical background, it describes how the navy developed, how it was organized, the facilities that supported it, and the operations it conducted both before and after the armistice in 1943. It also details all its ships, with full technical particulars, plans and photos. There are chapters on special topics like camouflage; uniforms, decorations and insignia; and a “who’s who” of important naval personalities. The reference value of the book is enhanced by a comprehensive bibliography and guide to sources. The illustrations are drawn from the author’s collection of naval photographs, considered one of the best in Italy.

 

Maurizio Brescia has published a number of books on Italian warships and provided illustrations for many more. He is on the editorial board of the monthly Storia Militare and is a regular contributor to other magazines, including the Italian navy’s official Revista Marittima.

 

azz... questa non la sapevo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricevuto oggi il pdf delle bozze, per la correzione.

Questo è il frontespizio:

 

schermata052456079alle1.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amazon me lo ha promesso per la metà di luglio, mentre ha rinviato lo Ships & Aircraft of the US Fleet di Norman Polmar...

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amazon me lo ha promesso per la metà di luglio,

Opterei per un più probabile settembre... :dry:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che spettacolo la copertina!

Molto meglio di quella iniziale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che spettacolo la copertina!

Molto meglio di quella iniziale.

Non è la copertina (che resta quella iniziale), sono le due pagine interne del frontespizio. :wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è la copertina (che resta quella iniziale), sono le due pagine interne del frontespizio. :wink:

 

In ogni caso un tocco di classe. :happy:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avendo partecipato anch'io alla preparazione del volume per la parte grafica, riporto - di seguito - la recensione (opera del com.te Erminio Bagnasco) del volume di Maurizio Brescia Mussolini's Navy pubblicata sul numero di gennaio 2013 di "Storia militare".

E' stato davvero un piacere collaborare! :rolleyes:

----------------

 

Titolo: Mussolini's Navy

Autore: Maurizio Brescia

Editore: Seaforth Publishing, Londra - U.S. Naval Institute Press, Annapolis

Anno: 2012

Pagine: 240

Dimensioni: cm 24 x 29, oltre circa 500 tra fotografie in b/n e profili in b/n e a colori, rilegato

Prezzo: Euro 48

reperibilità: facile

 

2jfj700.jpg

 

Il titolo di questo bel volume è di stampo prettamente anglosassone, per poterlo allineare a opere analoghe che l’hanno preceduto per i tipi della Seaforth (Hitler’s Navy, Churchill’s Navy ecc.) e di altri editori britannici e statunitensi (Roosevelt’s Navy, Stalin’s Oceangoing Fleet). Come il sottotitolo chiaramente specifica, si tratta di una “guida” volta all’illustrazione della Regia Marina nel suo complesso dall’inizio degli anni Trenta alla conclusione del secondo conflitto mondiale. Argomento assai “ghiotto” per i lettori di lingua inglese, il cui mercato editoriale è sempre stato piuttosto parco di titoli dedicati alle unità e alle vicende navali italiane. Qualcosa è però recentemente cambiato in queste inveterate abitudini e lo dimostra anche il successo di The Littorio class - traduzione del 2011 del noto volume di Erminio Bagnasco e Augusto de Toro per Albertelli - di cui i medesimi editori di Mussolini’s Navy hanno curato la distribuzione nel mondo anglofono.

Questa “guida” è stata pensata e realizzata appositamente per dei lettori le cui conoscenze sulla Marina italiana, sui suoi uomini, sulle sue navi e sulla sua attività in pace e in guerra sono tutt’al più superficiali. Pertanto, l’autore affronta l’intera materia sviluppandola a tutto campo e in modo organico.

Dopo un primo capitolo che traccia sinteticamente le vicende navali italiane dalla costituzione della Regia Marina nel 1861 alla vigilia della seconda guerra mondiale, Maurizio Brescia dedica una consistente parte del suo lavoro all’illustrazione delle infrastrutture legate alla Marina o che ne fanno parte integrante: porti, cantieri, arsenali, basi navali, difese costiere ecc., a cui ne segue un’altra che tratta dell’organizzazione delle forze navali e del loro impiego in guerra. Numerose in questa parte le tabelle e gli inquadrati riferiti alla consistenza del naviglio e a vari, specifici aspetti dell’attività bellica.

Segue il capitolo più corposo dell’intera opera, quello dedicato al naviglio, il quale è esaminato e descritto categoria per categoria, dalle navi da battaglia alle piccole unità ausiliarie. Molti i dati tecnici forniti, oltre alla sorte delle principali unità che hanno partecipato al conflitto.

I capitoli successivi sono dedicati ai mezzi d’assalto, agli idrovolanti e agli aerei imbarcati, alla colorazione e alla mimetizzazione bellica del naviglio, alle bandiere e alle uniformi, per finire con un utile, se pur sintetico, “Chi è?” delle figure più importanti della Marina italiana nel secondo conflitto mondiale.

Un’ampia bibliografia e un indice delle persone e delle unità navali completano brillantemente il volume.

Sino ad ora, però, non si è fatto cenno a quella che chi scrive giudica la caratteristica dominante di questo eccellente lavoro: la vasta e bellissima iconografia. Ovvero centinaia di fotografie, tutte di elevata qualità, e di chiari disegni al tratto, in bianco e nero e a colori, che arricchiscono immensamente il volume e che si dipanano dalla prima all’ultima pagina.

Le foto - provenienti dalle principali raccolte pubbliche e collezioni private italiane, i cui “crediti” appaiono sempre correttamente riportati - sono state scelte con estrema cura e riprodotte splendidamente, sovente anche in grandi dimensioni, addirittura anche su due pagine affiancate senza che la cucitura al centro crei eccessivo fastidio grazie all’accuratezza con cui è stata eseguita la legatura del volume. Si tratta di belle immagini per lo più già conosciute da noi, ma nello stesso tempo sicuramente inedite fuori dall’Italia, che riusciranno sicuramente di grande interesse per i lettori anglofoni a cui, non dimentichiamolo, questo lavoro è destinato. Per i disegni, è necessario un discorso a sé. Salvo qualche chiara cartina di porti e basi navali, sono soprattutto dei dettagliati profili, per la massima parte opera dell’autore stesso e per i rimanenti riproduzioni di disegni costruttivi originali senza che la forte riduzione ne abbia compromesso la qualità. I profili contenuti nelle undici tavole a colori dedicate al camouflage costituiscono una serie di significativi esempi dei molti e diversificati schemi mimetici adottati dalle navi italiane di tutte le categorie a partire dal 1941; eseguiti da Maurizio Brescia con la collaborazione di Paola Zaio per la parte colore, sono davvero molto realistici e ben fatti.

Sotto l’aspetto grafico Mussolini’s Navy è certamente una delle opere meglio concepite ed eseguite tra quante si sono viste negli ultimi tempi.

Per quanto riguarda i contenuti, questi saranno certamente di grande interesse per i lettori anglofoni. Rimane peraltro l’incognita del lettore italiano che, se già esperto della materia, potrebbe non trovarvi delle novità in assoluto, ma certamente dovrebbe apprezzare la comodità di potersi avvalere di una “guida” sulla Regia Marina nella seconda guerra mondiale con elevate caratteristiche di completezza. D’altra parte, un’opera simile in lingua italiana non esiste.

Edited by marea

Share this post


Link to post
Share on other sites

:smiley19: Quest' opera del mio Frà insegnerà al mondo Anglosassone che la REGIA MARINA di allora era tuttaltro che "sole e mandolino"... :Italy: Il fatto poi che la guerra sia stata persa è tutta un altra questione... :unsure:

 

Da notare che il libro è stato stampato presso il prestigioso U.S. NAVAL INSTITUTE PRESS di Annapolis.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sei un Ciclone, Maurizio,...Complimenti,...verra' tradotto anche in Italiano?..

 

BERILLO :smiley19: :smiley19: :smiley19:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sei un Ciclone, Maurizio,...Complimenti,...verra' tradotto anche in Italiano?..

 

BERILLO :smiley19: :smiley19: :smiley19:

Sono in corso contatti con alcune case editrici... :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attendo l'edizione italiana; complimenti per il felice e meritorio nuovo lavoro all'autore e collaboratori dello stesso.

Grazie per esserci :smiley19:

saluti,

Francesco :smile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,451
    • Total Posts
      513,866
×