Jump to content
Sign in to follow this  
chimera

Fondamenti Di Tattica Navale

Recommended Posts

Titolo: FONDAMENTI DI TATTICA NAVALE

Autore: Romeo BERNOTTI

Anno di edizione: 1910

Pagine: 243

Dimensioni(cm): 23,5 x 15,5

Prezzo originale: N.D.

Reperibilità: difficile

 

tattica1.th.jpg

 

 

Negli ultimi tre decenni del XIX secolo le navi da guerra subirono una radicale evoluzione a causa dei continui progressi tecnici che interessarono la propulsione, l'armamento e la corazzatura.

Le tattiche in uso all’epoca si rivelarono ben presto inadeguate per sfruttare appieno le caratteristiche belliche delle "moderne" unità navali. A metà degli anni novanta il giovane Bernotti, cominciò a pubblicare sulla Rivista Marittima interessanti ed apprezzati articoli sulla tattica navale che fornirono un importante contributo di pensiero al vivace dibattito che, sulle pagine della medesima pubblicazione, importanti studiosi quali i Comandanti Baggio, Bonamico, Sechi e Ronca (solo per citarne alcuni) stavano intavolando sullo stesso argomento.

"Fondamenti di tattica navale", pubblicato dal Bernotti nel 1910, riprende e sviluppa, alla luce degli insegnamenti scaturiti dalle battaglie del recente conflitto russo-giapponese, molti dei concetti illustrati negli articoli che l’autore pubblico negli anni precedenti ("Sui fondamenti della tattica navale" del 1901, "Il tiro fra navi" del 1902, "Lo studio della tattica navale" del 1902 ed altri).

Nell'opera il Bernotti suddivide la trattazione della materia in tre distinte parti. Una prima parte in cui vengono descritti gli elementi della manovra (direzioni di massima offesa e miglior condizione difensiva, posizioni di vantaggio tattico, distanze ottimali di combattimento), una seconda parte in cui si illustrano evoluzioni e manovre tattiche di navi e formazioni ed un'ultima sezione in cui l'autore suddivide l'azione tattica in due distinte fasi: avvicinamento al contatto e contatto tattico cioè il combattimento con le armi vero e proprio.

Un'opera di grande pregio ed interesse, che ha costituito il punto di riferimento per altri importanti pensatori navali della nostra Marina Militare, non ultimo il Fioravanzo che la cita in cima alla scarna bibliografia del suo interessantissimo "Storia del pensiero tattico navale".

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Del Bernotti ho letto "Cinquant'anni nella marina militare" e come avevo già trovato su testi di altri autori, si capisce la sua grande qualità di pensatore navale. Grande uomo di mare e grande mente navale....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo quel libro mi manca C.te Corto Maltese! :s06:

Sono riuscito ad accaparrarmi "L'arte della guerra sul mare" dell'Ammiraglio Di Giambernardino. Saggio interessante ma forse un po troppo permeato di retorica fascista. Del resto e' un libro del 1937.

Grazie mille comunque di tanta immeritata considerazione! :s14:

 

Per il C.te STV CP:

Cinquant'anni nella Marina Militare l'ho letto anche io. Molto bello.

Due cose mi sono rimaste particolarmente impresse di quella lettura: l'uso (se cosi' si puo' dire) della Rivista marittima come mezzo di scambio di idee (veri e propri botta e risposta) tra "pensatori di cose navali" anche molto giovani (un forum su internet ante litteram, se vogliamo) e l'idea di mettere a disposizione del CSMM l'Istituto di Guerra Marittima per avere pareri su argomenti e scelte strategiche per la Forza Armata. Veramente un'intuizione geniale: usare la vivacita' intellettuale dei giovani per avere un punto di vista qualificato al momento di fare scelte strategiche per la Marina. Usanza stroncata dalla rigidita' intellettuale (diciamo cosi') del regime fascista e, ahime, mai piu' ripristinata.

Del resto, di Bernotti non ne nasce uno ogni anno....

Una buona serata

Edited by chimera

Share this post


Link to post
Share on other sites
Purtroppo quel libro mi manca C.te Corto Maltese! :s06:

Sono riuscito ad accaparrarmi "L'arte della guerra sul mare" dell'Ammiraglio Di Giambernardino. Saggio interessante ma forse un po troppo permeato di retorica fascista. Del resto e' un libro del 1937.

Grazie mille comunque di tanta immeritata considerazione! :s14:

 

La mia considerazione nasce dal suo background culturale (mi pare di capire che frequenta delle ottime letture :s20: ).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,465
    • Total Posts
      514,623
×