Jump to content
Sign in to follow this  
sertore

Debriefing ~ Falkland Crisis

Recommended Posts

Bellissima partita, bravo Drakken!

 

Non ho capito chi e come mi ha mandato a fondo a causa del blocco del PC in fare di visualizzazione del replay, oltre anon sapere neanche come è finita, ma è stato comunque un interessante test per verificare l'affiatamento della squadra.

 

Mi sono divertito e anche se non è finita bene è stata una serata piacevole e interessante: mi raccontate come si è conclusa la missione e come l'avete vissuta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cominciando l'anno nuovo con il debriefing di una bella partita :s01:

 

Prendendo a spunto la mappa originale della partita:

nuovaimmaginek.png

 

Avviata la partita (non senza un prematuro riavvio a causa mia, chiedo ancora scusa) il mio U212 viene posizionato a sudovest rispetto le isole Falkland (o Malvine, a seconda dell'orientamento socio-politico :s02: ); a una ventina di miglia a nord da me ci sono Sertore e R.Hunter su SSn classe Trafalgar e Trenchant.

Un ben coordinato scambio di posizioni individuali, contatti e dati dello scenario ci permette di avere una situazione abbastanza chiara dello scenario.

I nostri sub prendono rotta verso nord/nordovest con l'obiettivo di ascoltare e raggiungere una buona posizione di agguato. Dopo poco R.Hunter avvisa il gruppo di avere sui propri sensori alcuni contatti provenienti da ovest: si parla di contatti di superficie che con il tempo vengono sentiti da tutti gli altri e si comincia a indagare.

Io cambio rotta, dietro consiglio dell'Amm. volante Subbuster_ITA, per spingermi ancora più verso ovest: dovrei cercare di accorciare le distanze senza dovergli finire in bocca ed essere soggetto di caccia spietata.

Con il tempo lo scenario di contatti si fa strano: a parte i normali civili una zona di convergenza mi fa classificare i contatti come Los Angeles FLTI o, comunque, unità di superficie occidentali, nulla a che vedere con navi russe. In più la TMA, dopo più di mezz'ora, non è in grado di unire contatti Sierra vicinissimi tra loro.

 

Passa il tempo e cambia la mia rotta più volte alla ricerca di una buona posizione di ascolto/attacco. A circa metà partita comincio a sentire ping attivi da una, due e poi tre unità, le cui posizioni sono coerenti con quelle precedentemente rilevate dagli altri sensori. Sertore e R.Hunter decidono di rompere il ghiaccio lanciando verso i miei rilevamenti alcune salve di missili, le quali vengono abbattute. Alcuni missili riescono però a raggiungere una certa Udaloy, di un certo Mito :s41:

 

Cmabio rotta per avere tutti i sensori puntati verso la zona di mare interessante e finalmente la TMA ottiene una buona soluzione sue tre contatti di superficie: due a ovest, distantucci ma non inarrivabili, e uno a 7 nodi a sudovest.

Lancio tre salve da due siluri ciascuno: in effetti tanti ma le prime due avevano un tempo di attivazione lungo e avevo deciso di lanciarmi e, accertatomi della rotta, tagliare il filo e ricaricare. E' in effetti quello che poi ho fatto, sebbene abbia aspettato più del preventivato per non lasciarmi sfuggire la ghiotta preda.

Dopo pochi minuti una prima esplosione conferma la posizione del Drakken, al quale fa seguito un'altra che lo finisce (era già stato danneggiato).

 

Tracciata una nuova rotta per i contattattia ovest ricarico i tubi, però decidiamo di concludere.

 

 

Partita molto bella, attesa lungamente causa impegni di tutti. La zona di coonvergenza mi ha fatto confusione: avevo contatti con posizioni abbastanza buone ma le cui classificazioni erano distorte; alla fine, incrociando dati e rilevamenti, lo scenario si è chiarito, anche se dopo un bel po' di tempo.

 

Grazie a tutti della serata!

Edited by serservel

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vengo posizionato come picchetto nel gruppo navale britannico, la prima parte della partita passata ad ascoltare sopra e sotto il layer, poi sento il primo lancio "utile" da 003, lancio in snapshot una coppiola, il primo siluro, in attivo, comincia a correre il secondo in passivo segue, nel frattempo salgo a quota radio, mi arrivano i link e vedo che c'è un Akula I vicino, attivo il secondo siluro un po' di guida, e bam.... fuoco amico vengo beccato e ridotto ad un pontone a quota statica, ma nel compenso il siluro colpisce l'Akula I, non sono riuscito a capire di chi era, nel frattempo qualcuno evita di farmi soffrire ulteriormente, delle voci mi dicono che o ha fatto il buon Lefa poi mentre cerco di vedere il replay chrash di DW.

 

per avere altre info mi rivolgo a voi...

 

nel sommato bella partita

Share this post


Link to post
Share on other sites

Missione davvero bella e difficile.

Mi trovo con il mio Trafalgar a sud ovest dell Falklands, assieme a Sertore sul Trenchant e a Serservel sull'U212. Dopo una breve fase iniziale di acquisizione coordinate (ottima regia di Subbuster_ITA che inizia al meglio nell'interpretare il suo tanto desiderato ruolo di Ammiraglio :s03: ) ecco subito apparire una serie di contatti a sudovest, molto lontani. Ho addirittura una classificazioen certa su un Akula II, oltre a un Udaloy e altre navi. La stima della distanza è circa 35-40 nm. Poco dopo i contatti vengono avvertiti anche da Serservel e questo ci permette di determinare molto bene la distanza della prima bnave del gruppo: 35 nm. Decido quindi di mettermi in ascolto passivo e attendere di migliorare l'identificazione delle navi man mano che si avvicinano, ma qui la presenza di una zona di convergenza acustica ci gioca un brutto scherz, perchè man mano che scorrono i minuti i contatti non migliorano, anzi dopo un'ora sono decisamente più vaghi e indefiniti. Per fortuna ci pensa il buon Drakken a toglierci le castagne dal fuoco, dando inizio a quell'antipaticissimo vizio delle navi di superficie di spazzare l'universo col sonar attivo. "Grilletto facile" Sertore con queste cose qua ci va a nozze, e infatti ben presto, dopo aver facilmente determinato la posizione dell'Udalou e di un altra nave di superficie (credo la Sheffield), lancia 4 TASM. Tutti abbattuti, come quelli di una successiva salva, la oramai sappiamo bene dove sono i nostri avversari. Nel frattempo me ne sto buono a sostituire 3 spearfish con altrettanti Harpoon e, quando sono pronto, lancio una salva di 5 Harpoon. 4 vengono intercettati, ma un quinto centra l'Udaloy, danneggiandolo. Saprò a fine partita di aver causato il 30 % di danni e soprattutto di aver quasi accecato il buon Drakken, che a quel punto è in serio pericolo. Serservel infatti si è avvicinato parecchio e non si fa pregare due volte ad attaccare.Per quanto messo male, Drakken riesce comunque nel lancio da tre punti, e il povero Sertore paga la sua audacia con un bel KIA. Lancio anch'io una serie di Spearfish contro l'Udaloy e la Sheffield, cercando di tenerli lenti per aumentarne la portata. Purtroppo la Sheffield è ancora troppo distante e quelli indirizzati a lei non ci arrivano. Viceversa arriverebbero i tre indirizzati all'udaloy, se non fosse che Serservel centra il bersaglio prima di me. :s20: :s20: :s20:

Rimango lì a galleggiare per i pochi minuti che rimangono, preoccupandomi più che altro dell'akula che mi ha lanciato un paio di siluri, che però, a show truth attivato, vedremo essersi smarriti in una vera propria foresta di sonoboe.

 

Nel frattempo dallo scenario a nord arrivano notizie fantasiose e discordanti: Tu-Bear che precipitano, sub colpiti da fuoco amico...insomma un macello! Alla fine mi sembra che siano stati colpiti Djmitri e Fonta per i RED e Iscandar tra i nostri...se cosi fosse....vittoria ai punti! :s20: :s20: :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Partita molto divertente e impegnativa da un punto di vista acustico, cosa ho fatto: nato in 100 metri d’acqua e senza strato, una volta salito a QP il messaggio radio mi dice che una flotta nemica incrocia verso ovest, comincio dunque il mio lento avvicinamento verso est in direzione 090, alternando ascolti sui 030.

Quando il P3 avversario arriva in zona operazioni si capisce subito, l’acqua era piena di ping sui 10k ai quali si sono aggiunti, dopo poco, le emissioni di due dipping sonar in caccia.

Ai primi segni di dippata, lancio un IDAS con furia e sballo di 5m la quota massima di lancio, sprecando un’arma e un’occasione: non demordo e ricarico, nel frattempo l’emissione dell’eli se ne va, ma ritorna, e il bearing rate è accettabile, quindi o è fermo o è lontano (solo guardando il replay scopro che in effetti l’eli era quasi fermo e di pochissimo oltre il mio range max di 12nm).

Lancio il mio secondo e ultimo IDAS, che nonostante il bearing rate bassissimo manca il bersaglio con uno scarto di 0.5nm abbondanti sulla destra (in un’altra partita ho mancato un eli con BR basso e con scarto a destra di 700yds, comincio a sospettare che l’emissione attiva che viene intercettata non è fedele al grado con la posizione effettiva dell’emittente, nei prossimi lanci in partita leverò -2° al rilevamento).

Bellissimo vedere dal replay l’eli che dopo la semina riceve puntualmente un missile ad ogni fermata (che corrisponde a una dippata).. Questo per confermare che usare gli IDAS è davvero molto difficile anche con bersagli teoricamente facili con BR basso.

La partita continua, quando il gruppo navale arriva a distanza di rilevamento non sono in grado di isolare le navi e di capire quale fosse la portaerei: questo a causa della mia posizione rispetto a quella dei bersagli, che essendo disposti su due file riportano tracce a sonar perfettamente sovrapposte, indistinguibili, avrei dovuto muovere decisamente di qualche miglio verso un buon sito d’ascolto per procedere con l’identificazione. Il mare formato e la distanza rendono impossibile l’utilizzo del raid aereo, onde troppo alte e periscopio praticamente cieco. Ciò nonostante riesco ad avere tre master del gruppo navale, non identificati ma bene aggiornati.

Mi coordino da prima col Bear per un attacco missilistico, qualche secondo prima di lanciare però il nostro Ammiraglio viene abbattuto; ripiego allora sul mio compagno Fonta, che però preferisce tirare su un’altra nave. Rimango solo e ho 3 Harpoon allagati, tiro solo per svuotare i tubi senza alcuna speranza di sfondare lo schermo aereo, così accade.

In acqua è un delirio acustico, quando la formazione navale è a circa 17nm dalla mia posizione decido di lanciare due siluri a bassa velocità (36kt) verso il bersaglio più vicino, nel mentre rilevo la traccia di un SMG inglese e cerco di seguirlo per avere un master, lo ottengo e lancio altre due armi contro il nuovo bersaglio.

Durante la filoguida sul bersaglio appare il kill di un Akula I proprio dove stavo cacciando con le mie armi, ho timore di aver sbagliato tutto e di aver attaccato un compagno di squadra, ma l’analisi delle frequenze precedentemente effettuata non lascia scampo, è un SMG inglese e dev’essere a uno sputo dall’Akula! Così è.

I siluri (DM2A4) dimostrano tutti loro limiti, mancando di tutto: prima evitano il SMG bersaglio, poi anche l’Akula I in AI di cui ignoravo la presenza, dopo ripetuta filoguida ignoravano ancora l’Akula e solo in fine uno dei due si decide ad agganciare Iscandar, siluri baracca! Le armi lanciate a bassa velocità contro la nave non godono della spinta necessaria a raggiungerla, li ho attivati un filo troppo presto e all’attivazione la nave gira la prua ed inizia a correre.

Sono distante per colpire coi siluri, non ho missili e in acqua non si capisce più nulla, la partita giunge al termine allo scadere delle 2.3h.

 

Alla fine la squadra blu ha affondato 2 SMG di cui uno in AI, 1 nave e la sua AI ha abbattuto 1 aereo, i rossi affondano 2 SMG qualche neutrale e una balena (Fonta rulez! :s11: ) . Direi che vincono i BLU! :s20:

 

Grazie a tutti per la divertente serata! :s20:

 

PS: a qualche secondo dallo scadere, ho trovato un P3 bassino.. oggi una foto, domani chissà.. :s10:

 

vitooo.jpg

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Son contento che la missione sia piaciuta e sia riuscita bene.

 

Questo è stato un ottimo STRESS TEST in vista della campagna, dove abbiamo utilizzato tutte le tipologie di piattaforme pilotabili (AEREI-NAVI-SUB), e una buona presenza di unità in AI.

 

Anche in presenza di attacchi missilistici, tutto si è svolto abbastanza bene, con brevi momenti di LAG , subito rientrati dopo una breve pausa.

 

Per quanto riguarda la missione poco da aggiungere, la squadra BLUE stavolta ha giocato bene, senza concedere errori a noi REDS.

 

Diciamo che fino alla prematura scomparsa del ns AMMIRAGLIO "Volante", era tutto sotto controllo, poi siamo passati progressivamente in inferiorità numerica e tattica.

Dal mio lato, avevamo io e MIQUI le prime tracce sospette di diversi sub in avvicinamento, quando ho deciso di iniziare la ricerca attiva, purtroppo mi son ritrovato in una CZ a basso profilo acustico,

difatti non ho trovato nessun segno di sub intorno a me. Poi è iniziato il massiccio e coordinato attacco missilistico dei BLUE... ho resistito al primo, attacco di SERTORE, eliminado anche con qualche mio SA-N-9, qualche TASM,

poi ho mandato i miei ELI a supervisionare la zona presunta di lancio, e con due sonoboe sono riuscito a trovare il LOS ANGELES di SERTORE... ho lanciato due ATAKA ASW e un siluro AP-3, riuscendo ad affondare l'unità ostile.

 

Purtroppo nel frattempo MIQUI ha dovuto lasciare la partita per via di una telefonata (mi sembra) e poi un definitivo crash lo ha buttato furi della missione, lasciandomi completamente da solo.

Il successivo attacco missilistico di HUNTER, mi ha colpito con un HARPOON; purtroppo ho avuto danneggiati importanti sistemi, fra i quali il fondamentale ACTIVE Intercept, senza quello non capivo più quanti e quali siluri mi stavano venendo addosso. Per SERSERVEL è stato poi facile affondarmi ( :s07: 6 siluri :s68: ). Dalla quantità dei siluri lanciati, mi sembrava che fosse un attacco alla formazione di LSD e LST (che oltrettutto erano l'obiettivo principale) invece erano tutti diretti verso di me :s03: :s68:

 

Comunque, partita per me interessante, in quanto ho adottato tattiche differenti dalle mie solite, e son riuscito comunque ad affondare un sub, e a proteggere efficacemente le ns navi da sbarco.

 

 

Complimenti a tutti !!! :s20:

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per SERSERVEL è stato poi facile affondarmi ( :s07: 6 siluri :s68: ). Dalla quantità dei siluri lanciati, mi sembrava che fosse un attacco alla formazione di LSD e LST (che oltrettutto erano l'obiettivo principale) invece erano tutti diretti verso di me :s03: :s68:

Il resto della formazione nemica era troppo distante per un attacco efficace con il poco tempomrimanente, mentre tu...eri una preda più appetitosa :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fondo del mare piuttosto che una salva da 6 (ma anche da 3..) di BS contro una nave.. il fondo del mare! :s05: :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo aver lanciato una barriera di sonoboe a difesa della nostra Taskforce, in accordo con gli altri C.ti mi sono spinto un po a nord per osare l'inosabile... :s03: :s03: :s03:

 

Ma purtroppo, nonostante fossi a 3000 metri di quota e ad una distanza di circa 20 nm dalle navi, l'Ark Royal ha osato di me... :s68: :s03:

 

 

Vabbè me la sono cercata utilizzando il radar più volte e stavo per lanciare il mio carico bellico sulle navi nemiche quando sono stato colpito... Nemmeno il tempo di evadere (non ho sentito nessun allarme missile)... Maledetti missili IR... :s41:

 

Meno male che era un Test... :s41:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piccolo bug...

 

avevo qualche dubbio, ma nell'attacco missilistico fatto da Hunter con gli HARPOON, avevo i radar accessi, perciò mi ero preparato ad usare i miei missili di difesa, purtroppo non sono mai apparsi sul radar,

oggi andando a curiosare nel forum dei RedRodgers, ho visto che un altro utente ha avuto lo stesso problema.

 

Ho segnalato anch'io il problema avuto... difatti le navi in AI hanno reagito all'attacco, mentre io non vedevo nulla ...

mentre i missili TASM lanciati da Sertore, li ho visti perbene nello schermo, e ho potuto lanciare qualche missile.

 

Ho fatto qualche prova in single... e confermo che gli HARPOON e gli EXOCET sono invisbili ai radar delle unità pilotate (anche la PERRY)

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per l'Harpoon la cosa potrebbe essere voluta. Gli Harpoon infatti, differentemente dai vecchi TASM, volano a pelo d'acqua proprio per evitare di essere rilevati dai radar...

Dovrebbe poter essere rilevato solo alla fine della sua corsa, quando si alza un po' per attivare la guida radar sul bersaglio. :s02:

 

Per quanto riguarda l'Exocet non saprei, ma dovrebbe comportarsi in modo abbastanza simile almeno nella fase finale di aggancio del bersaglio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

da http://www.designation-systems.net/dusrm/m-84.html

 

The missile flies at a low cruise altitude, and at a predetermined distance from the expected target position, its AN/DSQ-28 J-band active radar seeker in the nose is activated to acquire and lock on the target. The radar switch-on distance can be set to lower or higher values, the former requiring a more precisely known target location but reducing the risk to be fooled by enemy ECM. An alternative launch mode is called BOL (Bearing-Only Launch). In this mode, the missile is launched in the general direction of the target, and its radar activated from the beginning to scan for the target in a +/- 45° sector in front of the flight path. Once a target has been located and the seeker locked, the xGM-84A missile climbs rapidly to about 1800 m before diving on the target ("pop-up manoeuver").

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le fasi di crociera di quasi tutti i missili subsonici hanno profilo 'sea skimming', volo radente per cercare di sfuggire ai radar.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti bisognerebbe controllare le specifiche di DW, ma le unità AI potrebbero essere entrate in azione solo dopo aver rilevato i missili non con il radar ma con l'ESM, quindi all'accensione del radar di questi ultimi. A prova di questo venivano tutti colpiti abbastanza vicini ai bersagli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccolo bug...

 

avevo qualche dubbio, ma nell'attacco missilistico fatto da Hunter con gli HARPOON, avevo i radar accessi, perciò mi ero preparato ad usare i miei missili di difesa, purtroppo non sono mai apparsi sul radar,

oggi andando a curiosare nel forum dei RedRodgers, ho visto che un altro utente ha avuto lo stesso problema.

 

Ho segnalato anch'io il problema avuto... difatti le navi in AI hanno reagito all'attacco, mentre io non vedevo nulla ...

mentre i missili TASM lanciati da Sertore, li ho visti perbene nello schermo, e ho potuto lanciare qualche missile.

 

Ho fatto qualche prova in single... e confermo che gli HARPOON e gli EXOCET sono invisbili ai radar delle unità pilotate (anche la PERRY)

CrazyIvan ha risposto proponendo due missioni di test affermando che per lui è tutto a posto.

 

Ho provato ed effettivamente funziona tutto... provate anche voi e fatemi sapere! :s12:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho provato, e in effetti compaiono nel radar .... a questo punto non vorrei che sia un problema legato alle multyplayer quando il gioco va un pò in LAG.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piccolo bug...

 

avevo qualche dubbio, ma nell'attacco missilistico fatto da Hunter con gli HARPOON, avevo i radar accessi, perciò mi ero preparato ad usare i miei missili di difesa, purtroppo non sono mai apparsi sul radar,

oggi andando a curiosare nel forum dei RedRodgers, ho visto che un altro utente ha avuto lo stesso problema.

 

Ho segnalato anch'io il problema avuto... difatti le navi in AI hanno reagito all'attacco, mentre io non vedevo nulla ...

mentre i missili TASM lanciati da Sertore, li ho visti perbene nello schermo, e ho potuto lanciare qualche missile.

 

Ho fatto qualche prova in single... e confermo che gli HARPOON e gli EXOCET sono invisbili ai radar delle unità pilotate (anche la PERRY)

 

Anche io non ho visto i missili lanciati dal sub presente a Nord,pur avendo acceso i radar,non ricordo comandato da chi,mentre le navi in AI rispondevano al fuoco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho provato, e in effetti compaiono nel radar .... a questo punto non vorrei che sia un problema legato alle multyplayer quando il gioco va un pò in LAG.

 

Hai provato a verificare quello che dicevo, cioè se è una cosa legata alla distanza relativa - missile/nave?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,288
    • Total Posts
      510,000
×