Jump to content
Sign in to follow this  
Drakken

F-35b Test Di Atterraggio Verticale

Recommended Posts

Ultime news sull' F-35B JSF dal sito del SOLE24ORE...

 

4721582087_aa7b3c2fd5_o_590-490.jpg

 

Settantadue decolli corti e atterraggi verticali (Stovl) sulla portaelicotteri da assalto anfibio Wasp (guarda il video) hanno costituito il test di rilancio del cacciabombardiere F-35B, la versione più costosa e complessa delle tre del programma Joint Strike Fighterdestinato ad equipaggiare le forze aeree ed aeronavali degli Stati Uniti e di almeno una dozzina di Paesi alleati, Italia inclusa.

 

I ritardi nel programma e i continui aumenti dei costi sembravano dover portare a una forte riduzione dei velivoli e alla soppressione della versione B, capace di atterrare verticalmente in pochi metri quadrati come il suo predecessore Harrier. Un taglio che avrebbe comportato un risparmio di oltre 300 miliardi di dollari azzoppando però le future possibilità di impiego delle forze aeree dei marines. A ridare fiato al velivolo hanno contribuito le pressioni dell'Italia, che intende equipaggiare con questa versione Aeronautica e Marina e quelle dei marines, che hanno utilizzato anche la campagna di Libia (dove hanno dimostrato i vantaggi economici di impiegare portaelicotteri con velivoli Stovl al posto delle grandi e costose portaerei) per sottolineare l'esigenza di disporre di un sostituto dell'Harrier.

 

I test sulla Wasp (la stessa nave che nel 2007 testò il rivoluzionario convertiplano V-22 Osprey) sono stati predisposti per raccogliere dati sulla capacità del velivolo di effettuare decolli corti e atterraggi verticali su una nave in mare aperto, oltre a valutare in che modo l'aereo si integri con i sistemi di atterraggio della nave e con le operazioni sul ponte e nell'hangar. Questo periodo di prova, il primo dei tre previsti in mare nel corso del programma di sviluppo, raccoglierà anche dati ambientali sul ponte, attraverso l'utilizzo di strumenti supplementari per misurare l'impatto dell'F-35B sulle operazioni sul ponte di volo.

 

Dopo molte notizie pessimistiche circa il futuro del programma Joint strike Fighter le ultime indiscrezioni sembrano indicare prospettive di compromesso tra l'esigenza del Pentagono di ridurre i costi e quelli di Lockheed Martin di avere certezze sulle commesse e sul rateo di produzione e consegna degli F-35 Lightning II realizzati in tre versioni: A convenzionale, B a decollo corto e atterraggio verticale, C con cavo d'arresto per l'impiego su portaerei. In attesa di una ridefinizione ufficiale dell'intero programma fonti ben informate riferiscono che David Van Buren, sottosegretario per le acquisizioni dell'Aeronautica statunitense, avrebbe mostrato soddisfazione per i progressi nello sviluppo dell'F-35B rassicurando Lockheed Martin e Corpo dei marines circa il futuro del velivolo.

 

Il Pentagono dovrebbe quindi mantenere inalterato il numero totale di velivoli F-35 da acquisire, fissato i 2.443 tra Aeronautica, Marina e Marines, allungandone però i tempi di acquisizione per far fronte alle riduzioni di bilancio annunciate per i prossimi anni. Così nel 2012 verranno finanziati 30 velivoli dei 32 previsti e l'panno successivo una trentina su 42. In risposta agli aumenti di costo fatti balenare da Lockheed Martin il Pentagono pare pronto a impegnarsi ad aumentare il rateo di acquisizione del velivolo negli anni successivi tenuto conto che il programma si svilupperà per 30/40 anni ed è valutato complessivamente attorno ai 3 mila miliardi di dollari. In Italia il programma F-35, al centro di molte pressioni a causa del suo costo valutato circa 18 miliardi di dollari in 30 anni.

 

Roma ha aderito al programma di sviluppo nel 2002 versando 1,3 miliardi di dollari ma che gli accordi di cooperazione con l'industria italiana (che riguardano 1200 ali da realizzare negli stabilimenti di Alenia Aeronautica e numerose componenti per molti aspetti ancora da formalizzare contrattualmente) garantiranno compensazioni comprese tra il 65 e il 75 per cento. Incluso lo stabilimento di Cameri che consentirà l'assemblaggio dei velivoli italiani e la manutenzione anche di quelli degli alleati. Aeronautica e Marina hanno ordinato rispettivamente 110 e 21 F-35 (69 F-35A e 62 F-35B) un per un costo medio previsto in 78 milioni di dollari ad esemplare.

 

Cifra destinata a salire considerevolmente aggiungendovi i costi di addestramento, infrastrutture, gestione e integrazione degli armamenti anche se gli F-35 rimpiazzeranno un numero quasi doppio di velivoli (tra Tornado, Amx e Harrier oggi in servizio) ottimizzando sensibilmente i costi logistici. Da tempo circolano voci di una probabile riduzione del numero complessivo dei velivoli italiani ma non ci sono indicazioni ufficiali in merito. Per la Marina l'acquisizione della versione B è essenziale per dare un senso alla costruzione della portaerei Cavour che oggi imbarca gli Harrier AV-8B ma che in futuro verrebbe penalizzata dall'assenza di velivoli Stovl.

 

L'Aeronautica ha voluto con forza il JSF la cui acquisizione significa restare agganciati agli Stati Uniti in termini di capacità operative, integrazione e cooperazione multinazionale e industriale e consentirà di disporre di una forza da combattimento su due velivoli: caccia EF -2000 Typhoon e cacciabombardieri F-35. Del resto il Joint strike Fighter sarà il velivolo da combattimento standard dell'Occidente e dei suoi alleati e l'intero programma prevede oggi 3.173 velivoli.

 

Ecco il link al video dei test di appontaggio... CLICCA QUI

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Drakken....

Eh eh!.. costicchia il nuovo giocattolino eh!? :s14: :s12:

 

...ci si aspetta molto da quest'aggeggio...... :s02: :s10:

 

ciaoooo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultime news sull' F-35B JSF dal sito del SOLE24ORE...

 

4721582087_aa7b3c2fd5_o_590-490.jpg

 

 

 

Ecco il link al video dei test di appontaggio... CLICCA QUI

 

 

Ciao Drakken....

Eh eh!.. costicchia il nuovo giocattolino eh!? :s14: :s12:

 

...ci si aspetta molto da quest'aggeggio...... :s02: :s10:

 

ciaoooo

 

L'unico problema rimane il forte consumo di kerosene quando usato in decollo o atterraggio in configurazione VTOL che comporta una forte riduzione nell'autonomia operativa. Quindi o imbarco il carico bellico ma riduco i tempi operativi o carico kerosene ma con poco carico bellico. :s12:

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'unico problema rimane il forte consumo di kerosene quando usato in decollo o atterraggio in configurazione VTOL che comporta una forte riduzione nell'autonomia operativa. Quindi o imbarco il carico bellico ma riduco i tempi operativi o carico kerosene ma con poco carico bellico. :s12:

probabilmente, il decollo sarà in orizontale... diciamo una via di mezzo in base al tuo post

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'unico problema rimane il forte consumo di kerosene quando usato in decollo o atterraggio in configurazione VTOL che comporta una forte riduzione nell'autonomia operativa. Quindi o imbarco il carico bellico ma riduco i tempi operativi o carico kerosene ma con poco carico bellico. :s12:

 

Beh, certamente... ma l'alternativa era quella di costruire una portaerei "tradizionale" con tanto di catapulte e cavi di arresto...

comunque in partenza dovrebbero sfruttare il ponte inclinato senza VTOL, quest'ultimo solo in fase di arrivo (in teoria senza carico bellico e a serbatoi quasi vuoti) dovrebbe essere significativo la perdita del peso.

 

Come evidenziato dall'articolo, in giro non ci sono molte altre alternative... una volta conclusa la vita operativa dei ns AV8... che fare della CAVOUR ? Una bella e grossa portaelicotteri ? Mah !!! :s68:

Share this post


Link to post
Share on other sites

li vedremo presto sulla Cavour... se ce li prestano !!! non credo di vederli tanto presto dalle nostre parti, ma già abbiamo noleggiato alcuni aerei statunitensi, magari l'affare si ripeterà quando ce ne sarà bisogno.anche la royal navy sta dismettendo i propri aerei vstol, avranno le portaerei senza aerei.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti secondo me non ha senso una portaerei atta ad ospitare velivoli VTOL: o ti fai una portaelicotteri oppure rinunci all'idea se non vuoi dotarti di una classica portaerei da 340 metri.

Il concetto di un bellissimo e modernissimo aereo da attacco al suolo o da caccia che non ha autonomia se lo armi non sò a cosa possa servire. :s12: :s12:

 

Falkland docet

Edited by pugio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo dovrebbe essere lo schema di configurazioni possibili dell'F-35. Ma con 2 GBU sotto le ali se decolla in verticale esaurisce metà deò carburante :s03: :s03:

16kp8c2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
li vedremo presto sulla Cavour... se ce li prestano !!! non credo di vederli tanto presto dalle nostre parti, ma già abbiamo noleggiato alcuni aerei statunitensi, magari l'affare si ripeterà quando ce ne sarà bisogno.anche la royal navy sta dismettendo i propri aerei vstol, avranno le portaerei senza aerei.

... ma stanno comprando la vercione "C" dell'F-35, quella standard dell'US Navy.

Il futuro (se c'è) sembra assicurato.

 

Infatti secondo me non ha senso una portaerei atta ad ospitare velivoli VTOL: o ti fai una portaelicotteri oppure rinunci all'idea se non vuoi dotarti di una classica portaerei da 340 metri.

Il concetto di un bellissimo e modernissimo aereo da attacco al suolo o da caccia che non ha autonomia se lo armi non sò a cosa possa servire. :s12: :s12:

Però, se vogliamo un'aviazione imbarcata, non c'è alternativa: per missioni di proioezione di forza dal mare quello ci possiamo permettere.

Non avremo mai una Nimitz. :s01:

 

Se gli Harrier, molto meno performanti, sono andati bene andranno bene anche gli F-35B. Il dubbio maggiore è se avremo i denari per comprarli o meno.

La US Navy ed l'USMC ora stanno pubblicizzando (molto) i primi appontaggi dei due prototipi sulle unità d'attacco anfibio della classe Tarawa, che non hanno skyjump.

Il nostro Cavour ha lo skyjump, quindi gli F-35B dovrebbero decollare in modalità "corta" e non verticale; d'altra parte, mi sembra di ricordare che parte dell'armamento dell'F-35 dovrebbe essere portato all'interno delle stive ...

 

P.S.: non ho cambiato idea sul Cavour, ma ... date a Cesare quel che è di Cesare. :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se gli Harrier, molto meno performanti, sono andati bene andranno bene anche gli F-35B.

 

Quoto, perchè avete timori riguardo l'autonomia? non è una sorpresa che gli aerei a decollo verticale consumano la maggior parte del carburante durante tali operazioni, che sono sempre ridotte al minimo in quanto la maggior parte dei decolli sono del tipo 'corto'.

Io credo che gli aerei arriveranno, abbiamo investito molto sia nel progetto che nelle piattaforme (Cavour), probabilmente le forniture saranno fortemente ridotte, con un costo unitario stimato di circa 150 milioni di dollari non so quante macchine potremmo permetterci (un 212 costa circa 450 milioni)...

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà il problema pare, oltre a quello economico, anche tecnico.

Oltre alle problematiche gia evidenziate per la versione B, come la possibilità di bring back, alcune problematiche proprio di tipo strutturale, ecc, le prove sulla Wasp stanno evidenziando i problemi attesi per il getto con l'aereo in modalità VTOL di atterraggio.

 

Erano problemi che la USN aveva già sperimentato col V22 sulle navi da sbarco, visto che per un elicottero\convertiplano, il restare a motori accesi sul ponte, in attesa degli imbarchi, anche per molti minuti, e' la norma. Se questo non dava alcun problema con CH46 o con I CH53, con i CV22 i problemi ci sono eccome, tanto da arrivare a fenomeni di buckling sui ponti, e questo dopo circa 10 minuti di funzionamento.

 

ora, e' evidente che le operazioni con gli F35B, che hanno un problema di scarichi enormemente più caldi di quelli dello Harrier, di sicuro genereranno problemi di carichi elastici e termici, con possibili danneggiamenti permanenti dei ponti di volo (tutti costruiti con le specifiche dello Harrier, che il B non esisteva ancora).

 

L'unica soluzione sicura sarebbe quella tradizionale;: inspessire le lamiere del ponte di volo, che e' una cosa che a livello progettuale si puo' sempre fare, ma che come retrofit e' decisamente più complessa, perchè cambia decisamente il baricentro e l'altezza metacentrioca della nave.

 

Ma sul resto, si sta ancora cercando di capirci qualcosa: sulla Wasp sonho evidenti interi pezzi di ponte di colore diverso, segno che si sta probabilmente sperimentando qualcosa, lo ONR ha da tempo avviato ricerche FDTMS per vedre di evitare deformazioni permamenti senza appesantire le strutture, lo stesso ONR ha recentemente emesso un banco per 'proposte' (!!) di nuove tecnologie per consentire la resistenza alle sollecitazioni termiche dei nuovi mezzi, ONR e DARPA pensano anche a headpipes per spruzzare liquidi di raffreddamento.... insomma la situazione e' seria, e se ne rendono conto.

 

Per Cavour il problema e' ancora più serio: mentre e' certo che la nave sarà perfettamente operativa con gli Harrier (a novembre la Nave parteciperà a Mare Aperto sicuramente con gli aerei a bordo) e' tutto da verificare se ci saranno problematiche con l'eventuale ingresso in servizio dello F35B, e come potranno essere risolte. Che i problemi, di certo, ci sono.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da Defense News del 12 maggio 2011 :s14:

The U.S. Air Force's F-35A Lightning II appears to be unable to fly as far as once predicted, according to a Pentagon document.

 

The aircraft is currently estimated to have a combat mission radius of 584 nautical miles, just short of the required 590 nautical miles, according to a Selected Acquisition Report dated Dec. 31.

 

Related Topics

Americas

Air Warfare

Program officials had previously estimated that the aircraft, unrefueled, would be able to strike targets 690 nautical miles away.

 

The report says the shortfall is caused by increased use of engine bleed air and fuel capacity issues "that are not yet fully known."

 

"This estimate is based on preliminary data," the report reads, and more testing will reveal whether it is close to the truth.

 

The report says the range estimates have also been cut for the Marine Corps' short take-off B-model and the Navy's carrier-base C-model. But those planes' ranges still exceed the requirements.

 

The B-model has a radius of 469 nautical miles and a requirement of 450; the C-model, 615 and 600.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questi invece, i dati di autonomia dell'F-18 A. Ora, vorrei sapere, levando le presunte potenzialità Sthealt del F-35, quali benefici ottengo in termini di prestazioni complessive? Non sarebbe, mi chiedo, stato più utile lasciare gli AV8 sulle Cavour e dotarsi di F-18 che anche l'aeronautica militare Svizzera usa? :s02: :s02:

Ovvio che parlo da profano. :s01: :s01:

Type: F-18A

Country: USA

Function: fighter / attack

Crew: 1

Year: 1980

Engines: 2 * 7250 kg GE F404-GE-400

Max.Weight: 22317 kg

Max. Speed: 1900 km/h

Ceiling: 15250 m

Max. Range: 3670 kmArmament: 1*g20mm, 7700 kg payloadUnit cost: 32 million USD

 

Dimenticavo: l'F-18 costo solo 32 milioni di dollari contro i 150 milioni dell'F-35. E il nostro bilancio per la difesa è sempre stato molto strettino

Edited by pugio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questi invece, i dati di autonomia dell'F-18 A. Ora, vorrei sapere, levando le presunte potenzialità Sthealt del F-35, quali benefici ottengo in termini di prestazioni complessive? Non sarebbe, mi chiedo, stato più utile lasciare gli AV8 sulle Cavour e dotarsi di F-18 che anche l'aeronautica militare Svizzera usa? :s02: :s02:

Proseguendo su questo ragionamento, avremmo potuto sviluppare una versione specializzata d'attacco del Typhoon (gli Inglesi sarebbero stati d'accordo), che è un prodotto in buona parte italiano.

Pero gli AV-8B invecchieranno molto prima della Cavour ... o compri F-35B oppure modifichi profondamente la Cavour. :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Proseguendo su questo ragionamento, avremmo potuto sviluppare una versione specializzata d'attacco del Typhoon (gli Inglesi sarebbero stati d'accordo), che è un prodotto in buona parte italiano.

Pero gli AV-8B invecchieranno molto prima della Cavour ... o compri F-35B oppure modifichi profondamente la Cavour. :s06:

 

Oppure fai una cosa tipo questa......

314fmog.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questi sono i dati per l'F18, cerco anche quelli dell'F35

 

 

Performance (At Maximum Takeoff Weight)

F/A-18C/D F/A-18E/F

Max level speed More than Mach 1.8

Max speed, intermediate power More than Mach 1.0

Approach speed 134 knots

Acceleration from 460 knots to 920 knots at 10,670 m under 2 min

Combat ceiling approx 15,240 m

T-O run Less than 427 m

Minimum wind over deck:

Launching

35 knots

Recovery

19 knots

Combat radius, interdiction, hi-lo-lo-hi 290 nm

Combat endurance, CAP 150 nm from aircraft carrier 1 h 45 min

Ferry range, unrefueled More than 1,800 nm

Maximum level speed at altitude more than Mach 1.8

Combat ceiling 13,865 m

Minimum wind over deck:

Launching 30 knots

Recovery 15 knots

Combat radius specification:

Interdiction with four 1,000 lb bombs, two Sidewinders,

and two 1,818 liter (480 U.S. gallon: 400 Imp gallon) external tanks,

navigation FLIR and targeting FLIR: Forward Looking Infra-Red

hi-lo-lo-hi

390 nm

Fighter escort with two Sidewinders and two AMRAAMs

410 nm

Combat endurance: maritime air superiority, six AAMs,

three 1,818 liter external tanks, 150 nm from aircraft carrier. 2h 15 min

Edited by pugio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Combat radius, interdiction, hi-lo-lo-hi 290 nm

Combat endurance, CAP 150 nm from aircraft carrier 1 h 45 min

Ferry range, unrefueled More than 1,800 nm

 

Combat radius specification:

Interdiction with four 1,000 lb bombs, two Sidewinders,

and two 1,818 liter (480 U.S. gallon: 400 Imp gallon) external tanks,

navigation FLIR and targeting FLIR: Forward Looking Infra-Red

hi-lo-lo-hi

390 nm

Fighter escort with two Sidewinders and two AMRAAMs

410 nm

Combat endurance: maritime air superiority, six AAMs,

three 1,818 liter external tanks, 150 nm from aircraft carrier. 2h 15 min

 

infatti... la mia memoria funziona ancora..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho trovato questo articolo sull'F-35

 

Over sea and air—but with a relatively short range

 

With the air force and navy versions of the F-35, the debate is more nuanced. Although a far more capable aircraft than those it is replacing, it may not be useful enough for long enough to justify the size of the planned order. Analysts question whether it is as stealthy as claimed and its ability to penetrate the best future air-defence systems. And to be as stealthy as it is, the F-35 can carry only two air-to-air missiles. The head of the air dominance branch of the Air Combat Command says he “wakes up in a cold sweat” thinking about it.

 

The F-35’s range of around 600 miles (1,000km) is another problem. The potential adversary that will dominate American military planning in the decades ahead is China. Even now, China is acquiring weapons, such as accurate anti-ship ballistic missiles, that will push American carriers out into the western Pacific, well beyond the range of seaborne F-35s. For all its sophistication, against a “near peer” opponent the F-35 may not be able to do the job for which it has been intended nearly as well as the next generation of pilotless armed drones and hypersonic cruise missiles. Indeed, it could be obsolescent only a few years after it enters service. At a time of shrinking defence budgets, the F-35’s huge cost and the affection of service chiefs for fast jets flown by brave chaps should not be allowed to crowd out the development of more capable weapon systems. Cut back the F-35s and spend the money there.

Share this post


Link to post
Share on other sites
... F-18C e F-18E sono due aerei profondamente diversi. :s02:

 

Qual è la fonte dei dati che stai postando ?

 

La fonte è USMilitary e questa è la tabella da loro pubblicata sulle versione dell' F-18

 

Features: The F/A-18 Hornet, an all-weather aircraft, is used as an attack aircraft as well as a fighter. In its fighter mode, the F/A-18 is used primarily as a fighter escort and for fleet air defense; in its attack mode, it is used for force projection, interdiction and close and deep air support.

 

Background: The F/A-18 demonstrated its capabilities and versatility during Operation Desert Storm, shooting down enemy fighters and subsequently bombing enemy targets with the same aircraft on the same mission, and breaking all records for tactical aircraft in availability, reliability, and maintainability.

 

The aircraft's survivability was proven by Hornets taking direct hits from surface-to-air missiles, recovering successfully, being repaired quickly, and flying again the next day. The F/A-18 is a twin engine, mid-wing, multi-mission tactical aircraft. The F/A-18A and C are single seat aircraft. The F/A-18B and D are dual-seaters. The B model is used primarily for training, while the D model is the current Navy aircraft for attack, tactical air control, forward air control and reconnaissance squadrons. The newest models, the E and F were rolled out at McDonnell Douglas Sept. 17, 1995, and are currently undergoing further testing at the Patuxent Naval Air Station in Maryland. The E is a single seat while the F is a two-seater.

 

All F/A-18s can be configured quickly to perform either fighter or attack roles or both, through selected use of external equipment to accomplish specific missions. This "force multiplier" capability gives the operational commander more flexibility in employing tactical aircraft in a rapidly changing battle scenario. The fighter missions are primarily fighter escort and fleet air defense; while the attack missions are force projection, interdiction, and close and deep air support.

 

The F/A-18C and D models are the result of a block upgrade in 1987 incorporating provisions for employing updated missiles and jamming devices against enemy ordnance. C and D models delivered since 1989 also include an improved night attack capability.

 

General Characteristics, C and D models

 

Primary Function: Multi-role attack and fighter aircraft

Contractor: Prime: McDonnell Douglas; Major Subcontractor: Northrop

Unit Cost: $24 million

Propulsion: Two F404-GE-402 enhanced performance turbofan engines

Thrust: 17,700 pounds (8,027 kg) static thrust per engine

Length: 56 feet (16.8 meters)

Height: 15 feet 4 inches (4.6 meters)

Maximum Take Off Gross Weight: 51,900 pounds (23,537 kg)

Wingspan: 40 feet 5 inches (13.5 meters)

Range (w/external tanks):

Fighter: 1,379 nautical miles (1585.9 miles/2,537 km);

Attack: 1,333 nautical miles (1532.9 miles/2,453 km)

Ceiling: 50,000+ feet

Speed: Mach 1.7+

Crew:

A,C and E models: One

B,D and F models: Two

Armament: One M61A1/A2 Vulcan 20mm cannon;

External payload: AIM 9 Sidewinder, AIM 7 Sparrow, AIM-120 AMRAAM, Harpoon, Harm, Shrike, SLAM, SLAM-ER, Walleye, Maverick missiles; Joint Stand-Off Weapon (JSOW); Joint Direct Attack Munition (JDAM); various general purpose bombs, mines and rockets.

Date Deployed:

First flight - November 1978

Operational - October 1983 (A/B models); September 1987 (C/D models)

 

General Characteristics, E and F models

 

Primary Function: Multi-role attack and fighter aircraft

Contractor: McDonnell Douglas

Unit Cost: $ 35 million

Propulsion: Two F414-GE-400 turbofan engines

Thrust: 22,000 pounds (9,977 kg) static thrust per engine

Length: 60.3 feet (18.5 meters)

Height: 16 feet (4.87 meters)

Maximum Take Off Gross Weight: 66,000 pounds (29,932 kg)

Wingspan: 44.9 feet (13.68 meters)

Ceiling: 50,000+ feet

Speed: Mach 1.8+

Crew:

A,C and E models: One

B,D and F models: Two

Armament: One M61A1/A2 Vulcan 20mm cannon;

External payload: AIM 9 Sidewinder, AIM 7 Sparrow, AIM-120 AMRAAM, Harpoon, Harm, Shrike, SLAM, SLAM-ER, Walleye, Maverick missiles; Joint Stand-Off Weapon (JSOW); Joint Direct Attack Munition (JDAM); various general purpose bombs, mines and rockets.

Date Deployed: First Flight - December 1995

 

Information courtesy of United States Navy

Share this post


Link to post
Share on other sites

E queste dal sito della Lockeed/Martin

 

F-35C Specifications

Length 51.5 ft / 15.7 m

Speed Mach 1.6

Wingspan 43ft / 13.11 m

Wing area 668 ft2 / 62.06 m2

Combat radius (internal fuel) >640 nm / 1,185 km

Range >1,200 nm / 2,222 km

Internal fuel capacity 19,750 lb / 8,958.4 kg

 

Max g-rating 7.5

Weapons Payload 18,000 lb / 8,164.7 kg

Share this post


Link to post
Share on other sites

D'accordo, ma mettere a confronto l'F-35 e l'F18 non sta molto in piedi...

 

F18 ha bisogno di una portaerei da 350 metri di lunghezza... con tanto di catapulta e cavi d'arresto...

l'F35 è/sarà un veicolo adatto alla ns portaerei, almeno la versione B.

 

Le versioni A / C dell' F35 lo vedono più come sostituto dell' F-16 , in quanto a range e capacità di attacco al suolo e combattimento AAW (per l'elevata manegevolezza)

ed appunto come l' F16 è mono- reattore.

 

In più l' F35 è un veicolo STEALTH, con caratteristiche tali che il suo eco radar è molto ridotto rispetto ad esempio all' F18.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, il rapporto di acquisto è di 4 a 1.: io penso che sia più utile avere un buon numero di aerei operativi e validi, che pochi esemplari per fare "figura". Non puoi montare delle torri da 460 mm. sullo scafo di un cacciatorpediniere :s03: :s03: Questa mi è venuta così......chiedo venia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non riesco a seguire numeri & ragionamenti.

Paragonare l'F-18 (varie versioni) con l'F-35 (varie versioni) non ha un gran senso (mi pare); si tratta di aerei che appartengono a generazioni diverse, ispirati a filosofie diverse ... nessuno paragona l'F-16 con l'F-22 ...

Un'altra considerazione, rammentiamo che dall'altra parte della Cortina di Ferro non ci sono più orde di corazzati e blindati sovietici, la VVS non fa più paura e la VMF costruisce corvette e fregate. Rimpiazzare 1:1 gli armamenti in dotazione non serve, a parte il fatto che non ci sono i soldi.

Il problema vero è che non sappiamo chi o che cosa troveremo dall'altra parte della Cortina di Ferro (o di Bambù) la prossima volta, se ci sarà una prossima volta).

 

P.S.: umili opinioni da dilettante. :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non riesco a seguire numeri & ragionamenti.

Paragonare l'F-18 (varie versioni) con l'F-35 (varie versioni) non ha un gran senso (mi pare); si tratta di aerei che appartengono a generazioni diverse, ispirati a filosofie diverse ... nessuno paragona l'F-16 con l'F-22 ...

Un'altra considerazione, rammentiamo che dall'altra parte della Cortina di Ferro non ci sono più orde di corazzati e blindati sovietici, la VVS non fa più paura e la VMF costruisce corvette e fregate. Rimpiazzare 1:1 gli armamenti in dotazione non serve, a parte il fatto che non ci sono i soldi.

Il problema vero è che non sappiamo chi o che cosa troveremo dall'altra parte della Cortina di Ferro (o di Bambù) la prossima volta, se ci sarà una prossima volta).

 

P.S.: umili opinioni da dilettante. :s02:

 

E' solo un puro ragionamento teorico. ormai credo che i futuri scacchieri (sperando che non ce ne siano) bellici sono di impossibile interpretazione. E comunque ad oggi siamo chiamati più che altro ad operazioni di Peace Keeping o di controllo. Immaginare grandi battaglie aeronavali penso sia solo fantascienza, datosi che in questo caso si parlerebbe di un conflitto tra grandi potenze e che dispone di arsenali atomici non è intenzionato ad una guerra tradizionale. per quanto riguarda il nostro Paese, afflitto quasi perennemente da problemi di bilancio, è mia personalissima opinione, che spendere 150 milioni di dollari per un aereo nuovo sia una spesa superflua. La nostra aeronautica dispone di mezzi validissimi (Efa), quindi penso che si potrebbero spendere i soldi in maniera più utile. certo, una portaerei è una bella unità, ma costa tanto, e averne solo 1 o 2 non credo possa fare la differenza: se a questo aggiungiamo i costi elevatissimi per dotarla di F-35 diventa una roba per ricchi. Gli aerei possono tranquillamente decollare dagli aeroporti, come si è visto nell'ultima crisi Libica, mentre troverei più utile dotare le nostre unità portaeromobili di AV8 e, magari, Osprey che avrebbero anche un'ottima funzione di trasporto truppe in tempi ridotti. Ma è solo un Pour Parler... :s01: :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' solo un puro ragionamento teorico. ormai credo che i futuri scacchieri (sperando che non ce ne siano) bellici sono di impossibile interpretazione. E comunque ad oggi siamo chiamati più che altro ad operazioni di Peace Keeping o di controllo. Immaginare grandi battaglie aeronavali penso sia solo fantascienza, datosi che in questo caso si parlerebbe di un conflitto tra grandi potenze e che dispone di arsenali atomici non è intenzionato ad una guerra tradizionale. per quanto riguarda il nostro Paese, afflitto quasi perennemente da problemi di bilancio, è mia personalissima opinione, che spendere 150 milioni di dollari per un aereo nuovo sia una spesa superflua. La nostra aeronautica dispone di mezzi validissimi (Efa), quindi penso che si potrebbero spendere i soldi in maniera più utile. certo, una portaerei è una bella unità, ma costa tanto, e averne solo 1 o 2 non credo possa fare la differenza: se a questo aggiungiamo i costi elevatissimi per dotarla di F-35 diventa una roba per ricchi. Gli aerei possono tranquillamente decollare dagli aeroporti, come si è visto nell'ultima crisi Libica, mentre troverei più utile dotare le nostre unità portaeromobili di AV8 e, magari, Osprey che avrebbero anche un'ottima funzione di trasporto truppe in tempi ridotti. Ma è solo un Pour Parler... :s01: :s01:

 

Concordo in pieno... ma torniamo alla domanda principale... che scopo ha la CAVOUR senza una componente di volo ? Gli AV8 sono prossimi alla pensione... mentre la vita operativa della CAVOUR è ancora tutta da fare...

perciò l'unica risposta per darle un significato operaivo è dotarla di qualche aereo, e l'unico sembra essere l' F-35. Il dato negativo è che il costo è elevato.

 

Comunque a parte gli EF-2000, c'è il problema di rimpiazzo dei vari AMX e Tornado... e anche qui l'unica alternativa mi sembra sia l'F-35, visto che non c'è più la volontà di creare un consorzio europeo (come appunto PANAVIA) per la creazione e sviluppo di un caccia/bombardiere.

 

P.S.: Mi sarebbe piaciuto anche come alternativa alla sostituzione dei vari AMX - F16 , il SAAB GRIPEN :s10: .... ho un debole per gli aerei della Corona Svedese...

ve lo ricordate il DRAKEN ... :s10: bellissimo per i suoi tempi .... appunto da lì deriva il mio NICKNAME :s03: :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Concordo in pieno... ma torniamo alla domanda principale... che scopo ha la CAVOUR senza una componente di volo ? Gli AV8 sono prossimi alla pensione... mentre la vita operativa della CAVOUR è ancora tutta da fare...

perciò l'unica risposta per darle un significato operaivo è dotarla di qualche aereo, e l'unico sembra essere l' F-35. Il dato negativo è che il costo è elevato.

 

Comunque a parte gli EF-2000, c'è il problema di rimpiazzo dei vari AMX e Tornado... e anche qui l'unica alternativa mi sembra sia l'F-35, visto che non c'è più la volontà di creare un consorzio europeo (come appunto PANAVIA) per la creazione e sviluppo di un caccia/bombardiere.

 

P.S.: Mi sarebbe piaciuto anche come alternativa alla sostituzione dei vari AMX - F16 , il SAAB GRIPEN :s10: .... ho un debole per gli aerei della Corona Svedese...

ve lo ricordate il DRAKEN ... :s10: bellissimo per i suoi tempi .... appunto da lì deriva il mio NICKNAME :s03: :s02:

 

Un "doveroso" omaggio al C.te Drakken :s03: :s03:

ic24aw.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Un "doveroso" omaggio al C.te Drakken :s03: :s03:

ic24aw.jpg

 

Grazie PUGIO.... :s20: bellissimi, ancora oggi, una linea mozzafiato... :s02:

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se alla Cavour fossero state previste catapulte ed un ponte laterale forse avrebbe potuto imbarcare i Rafale o no?? :s12: :s12:

 

Grazie PUGIO.... :s20: bellissimi, ancora oggi, una linea mozzafiato... :s02:

 

Concordo in toto :s01: :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se alla Cavour fossero state previste catapulte ed un ponte laterale forse avrebbe potuto imbarcare i Rafale o no?? :s12: :s12:

 

Beh si... se solo i francesi ce lo avessero concesso... aha aha :s03: :s68:

In realtà si poteva pensare a questo punto ad una versione NAVALE dell' EF2000... (EF2000 M) :s02: Le caratteristiche di peso e accelerazione sono molto vicino al Rafale... :s41:

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beh si... se solo i francesi ce lo avessero concesso... aha aha :s03: :s68:

In realtà si poteva pensare a questo punto ad una versione NAVALE dell' EF2000... (EF2000 M) :s02: Le caratteristiche di peso e accelerazione sono molto vicino al Rafale... :s41:

 

Ma il Rafale navalizzato esiste già........ :s03: :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites
In realtà si poteva pensare a questo punto ad una versione NAVALE dell' EF2000... (EF2000 M) Le caratteristiche di peso e accelerazione sono molto vicino al Rafale...

 

se non ricordo male qualche mese fa avevo letto un articolo su una rivista di aeronautica in cui si diceva che l'EFA sarebbe stato proposto alla marina indiana anche per la specifica riguardo gli aerei che dovranno essere imbarcati sulle loro future portaerei proponenendo un'irrobustimento del carrello e della struttura per sostenere gli appontaggi (leggevo anche che non si tratterebbe di "rifare" tutto da capo poichè l'efa già di suo è molto robusto); questo per incentivare la scelta dell'EFA rispetto al Rafale riguardo l'MMRCA e metterlo alla pari anche per quanto riguarda la versione NAVY.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricordi bene, versione MMRCA (Medium Multi-Role Combat Aircraft), caccia imbarcata senza la necessità di catapulta, l'ho letto anche io recentemente (forse recupero l'articolo).

 

[edit]

 

Non trovo l'articolo, ma in internet c'è una bella pagina wikipedia sulla gara, sembra che dei 6 partecipanti siano stati selezionati il Rafale e l'Eurofighter, entro qualche mese il governo indiano dovrebbe decidere.

Nel caso dovessero preferire l'aereo europeo, verrà fornito con un'apposita configurazione di ugelli orientabili.

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Indian_MRCA_competition

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, mi ricordo un simulatore di EF2000 di qualche anno fa, dove era stato ipotizzato il suo impiego anche sulle portaerei Inglesi...

 

bellissimo , appontare era veramente difficile.... :s10: :s01:

 

Naval_Eurofighter.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
li vedremo presto sulla Cavour... se ce li prestano !!! non credo di vederli tanto presto dalle nostre parti, ma già abbiamo noleggiato alcuni aerei statunitensi, magari l'affare si ripeterà quando ce ne sarà bisogno.anche la royal navy sta dismettendo i propri aerei vstol, avranno le portaerei senza aerei.

VSTOL Vertical/Short Take-Off and Landing, i VTOL sono altra cosa.

Edited by nostromodiroma

Share this post


Link to post
Share on other sites
VSTOL Vertical/Short Take-Off and Landing, i VTOL sono altra cosa.

 

Si, certo... era chiaro :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rafale??

GIAMMAI.

 

Bartom

Quoto: anche solo per principio, al di là di ogni considerazione tecnico/tattica

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pugio, tu che sei del settore un piccolo commento??

 

Beh, il mio settore è l'aviazione civile e non militare ma posso fare un paragone per quanto riguarda l'acquisto di nuovi aerei. Prendiamo per esempio il famoso e iperpubblicizzato Boeing 787 "Dream Liner" prodotto in parte anche da Alenia Aeronautica. Sono circa dieci anni che questo progetto ha cominciato a muovere i primi passi. Aereo rivoluzionario sia per i materiali compositi utilizzati quasi al 95% e motori turbofan di ultima generazione con consumi ridotti. Ebbene, i costi sono lievitati quasi del 180% e ancora non è stato consegnato un solo aereo alle Compagnie che avevano opzionato un sostanzioso portafoglio acquisti. Commercialmente, questi ritardi dovuti ad errori di assemblaggio che hanno comportato il rifacimento delle varie sezioni di fusoliera, è stata una bella mazzata per la Boeing che si è vista cancellare molte opzioni di acquisto. Per le Compagnie si è tramutata in opzioni di acquisto di altri aerei già disponibili sul mercato e con costi di acquisto molto più favorevoli. Quindi è mia opinione che se ho bisogno di acquistare degli aerei che mi facciano un determinato servizio, ma ho a disposizione un budget non eccezionale, ripiegherò su un aereo avente caratteristiche abbastanza simili in termini di prestazioni ma di costo accessibile, per poter svolgere il servizio che devo fare, con la possibilità che potrò acquistare più aerei rispetto al nuovo super aereo. Poi pazienza se il passeggero non volerà su un aereo costruito in compositi e turbofan next generation (ammesso che a lui interessi). In termini militari, ma non sono assolutamente in grado di poter valutare esattamente, non credo che mi interessi se il mio carico bellico sia esterno o interno, e nemmeno se consumo più o meno kerosene, ma che raggiunga l'obiettivo previsto. E credo che onestamente, l'F-35 non sia così talmente superiore ad un F-18 o ad un F-22. Sò solo che costa molto ma molto di più e se lo può permettere chi non ha problemi di budget. Mi pare che questo discorso sia simile a quello fatto non molto tempo fa sulle portaerei. L'America può permettersi una Carl Winson, l'Italia o l'Inghilterra o la Francia no. :s01: :s01:

Ma ripeto, non ho competenze nel settore aeronautico militare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

.... e,.. se li prendessimo finti... di legno.... (dipinti bene.. ovvio).... da tenere sul ponte di volo.... così.. tanto per ingannare l'occhio...

 

la guerra psicologica è importante nè!! :s02:

 

eh eh!

 

ciaoooo

Share this post


Link to post
Share on other sites
.... e,.. se li prendessimo finti... di legno.... (dipinti bene.. ovvio).... da tenere sul ponte di volo.... così.. tanto per ingannare l'occhio...

 

la guerra psicologica è importante nè!! :s02:

 

eh eh!

 

ciaoooo

 

Non dimentichiamo che era un azienda italiana, che tutt'ora esiste, che forniva all'Iraq di Saddam durante la prima guerra del Golfo, i simulacri in scala 1/1 delle rampe Scud e dei carri T-72 e cosi via. :s03: :s03: Quindi a buon intenditor..... :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites
.... e,.. se li prendessimo finti... di legno.... (dipinti bene.. ovvio).... da tenere sul ponte di volo.... così.. tanto per ingannare l'occhio...

 

la guerra psicologica è importante nè!! :s02:

 

eh eh!

 

ciaoooo

Finalmente qualcuno ha fatto un "proposta" sensata :s68: :s68:

con tanta gente che fa modellini (qualcuno prima o poi mi mena!! :s03: :s03: ), si potrebbe chiedere a loro di fare un modello a grandezza naturale :s02:

protremmo scialare e magari fornire sia il Cavour che il Garibaldi con Tanti tanti aerei :s01: :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Finalmente qualcuno ha fatto un "proposta" sensata :s68: :s68:

con tanta gente che fa modellini (qualcuno prima o poi mi mena!! :s03: :s03: ), si potrebbe chiedere a loro di fare un modello a grandezza naturale :s02:

protremmo scialare e magari fornire sia il Cavour che il Garibaldi con Tanti tanti aerei :s01: :s01:

 

Vedendo quello che è riuscito a fare il nostro Comandante Arturo, il fornitore lo avremmo già trovato :s03: :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vedendo quello che è riuscito a fare il nostro Comandante Arturo, il fornitore lo avremmo già trovato :s03: :s03: :s03:

si potrebbe già chiedergli di cambiare nome in ArturoLenia :s68: :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,427
    • Total Posts
      513,529
×