Jump to content
Sign in to follow this  
pugio

Relitto In Liguria

Recommended Posts

Hanno mostrato anche alcune immagini su tg5 delle 20

Share this post


Link to post
Share on other sites

con le storie dei vecchi pescatori che in quel punto "perdevano gli ami".

 

Perdevano gli ami...su un relitto a 630 m. di profondità??? Ma cosa pescavano?? :s33:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Occhioni, Lama, Naselli, Cernie, Gronghi e tanta altra roba (tecnica bollentino di profondità, noioso..).

 

Ma le cernie vivono a quelle profondità??? :s12: :s12: :s12:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Occhioni, Lama, Naselli, Cernie, Gronghi e tanta altra roba (tecnica bollentino di profondità, noioso..).

Non per fare il pignolo, ma mi pare improbabile pescare a bolentino (e anche con palamito...) a quella profondità!

Considerando la profondità dichiarata (630m), le correnti di superficie e di profondità, ci vorrebbero dai 700 ai 900 metri di filo, per recuperare i quali ci vorrebbe un attrezzo tipo salpareti a motore...

Mi immagino poi i pescatori che affermano di aver perso gli ami (ed anche un bel po' di lenza...): seduti a bordo gozzo, con il braccio sporto all'infuori, il dito teso sotto il filo che scende, scende, scende...

Poi, dopo il giusto tempo d'attesa un paio di strappi, tanto per capire se c'è qualcosa la' in fondo...

Ed ecco, sempre dopo il giusto intervallo di tempo (5, 10 minuti?), il filo fa resistenza, alè ho preso, come tira, cosa sarà?...

Come dicevo, mi pare improbabile, ma in mare tante cose improbabili sono possibili...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La pignoleria è la benvenuta...quando ci prende! :s11:

Scherzi a parte, il bollentino di profondità, pesca noiosa che sono costretto a fare in quanto piace a mio padre (io sono più il tipo da traina col vivo) arriva senza problemi anche a più di 600m. Come hai giustamente osservato c'è tanta lenza (costoso dacron) e se c'è corrente la piombatura attaccata al filaccione è importante, per questo vengono usati mulinelli elettrici, sia da canna che tramite i cosiddetti 'affondatori' (noi usiamo i kristal fishing http://www.kristalfishing.it/nuovo%20sito/...dice/index.html ).

Se cerchi in rete un minuto 'bollentino di profondità', o anche su youtube, ti rendi conto di come viene effettuata: a bollentino di profondità ho tirato su un Calamaro Gigante (non è un aggettivo, è proprio il nome, Architeuthis) da circa 400m che aveva una corona di denti affilatissimi per ogni ventosa, sullo stesso filaccione c'era un Gattuccio di mezzo metro (il calamaro ha probabilmente attaccato il Gattuccio e c'è rimasto..), tanto per citare una cattura insolita.

 

[edit]

 

Ma le cernie vivono a quelle profondità??? :s12: :s12: :s12:

 

Scusa Pugio mi ero perso questa domanda, certo, anche oltre (ovviamente non la Cernia Bruna, icona in estinzione del Mediterraneo, ma altre specie come quella di fondale (Polyprion Americanus).

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non per essere pignolo e nemmeno critico, ma proprio i Carabinieri dovevano fare questo lavoro? Quando si parla di spreco di denaro pubblico, queste cose dovrebbero essere prese come parametro per misurarlo.....

Ogni corpo dello stato dovrebbe avere una propria prerogativa....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tieni presente che l'Arma ha un reparto subacquei alquanto fornito, non tutti hanno gli strumenti per ficcanasare a -600, avranno mandato la squadra dotata di ROV più vicina..

I Carabinieri hanno ROV dal 1993, i cinque Pluto dell'Arma sono dislocati a Genova, Napoli, Taranto, Messina e Cagliari. Per l'indagine è stato usato un nuovo veicolo nato dalla collaborazione Carabinieri/Gaymarine, per questo credo che abbia partecipato anche la ditta, sul sito tuttavia non ho trovato una pagina dedicata a questo Pluto Palla..

Alcune immagini da: http://www.ivg.it/2011/10/relitto-transylv...ot-pluto-palla/

 

 

normal_07102011244.jpg

 

normal_07102011240.jpg

 

normal_relitto01.jpg

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites

La pignoleria è la benvenuta...quando ci prende! :s11:

.... tramite i cosiddetti 'affondatori' .... a bollentino di profondità ho tirato su un Calamaro Gigante

 

Grazie della ...tiratina d'orecchi (anche se mi ero riservato una via di fuga: "Come dicevo, mi pare improbabile, ma in mare tante cose improbabili sono possibili...).

Pensa che per me superdilettante (pesco solo se voglio mangiare pesce fresco...) l'affondatore è l'"unghia" dell'artificiale da traina per tenerlo ad uno o due metri al massimo sotto la superficie...

Se non violi il segreto sul posto (segreti di solito gelosissimamente conservati...), l'architeutis dove l'hai preso? In uno dei nostri mari? quanto era lungo? l'hai mangiato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
In uno dei nostri mari? quanto era lungo? l'hai mangiato?

 

Mio Dio! Avendo avuto una bizzarra occasione per occuparmi di capodogli, o meglio di un particolare capodoglio :s10: , posso assicurare che i Calamari Giganti sono una pappa squisita per tali cetacei, che (si dice) proprio a questa loro dieta producono lo spermaceti, ovvero olio di capodoglio.

Ora, ho la massima stima del buon Lefa e della sua peculiare acquaticità: ma che sia confondibile un capodioglio, lo escludo. Se non altro perché è troppo giovane (ho conosciuto individui che mi ricordavano il capodioglio di cui mi sono occupata, ma avevano un' altra età)-

Da qualche parte, i pare in Parola di Marinaio, ci dev' essere pure una bella (oddio...bella... :s14: ) foto del calamarone di cui sopra , con assicurazioni sulla sua non.commestibilità.

Per quanto, ora che ci penso, conoscendo certi stomachi della Base...

 

PS per Leopard: ma com'è che quando ti si parla di una qualche specie a te poco conosciuta, la prima cosa a cui pensi, anziché i dati scientifici, naturalistici e faunistici, sono quelli gastronomici? :s03:

Tiorniamo a Pluto Palla che è meglio.... :s02:

 

http://www.ivg.it/2011/10/relitto-transylv...ot-pluto-palla/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie della ...tiratina d'orecchi (anche se mi ero riservato una via di fuga: "Come dicevo, mi pare improbabile, ma in mare tante cose improbabili sono possibili...).

Pensa che per me superdilettante (pesco solo se voglio mangiare pesce fresco...) l'affondatore è l'"unghia" dell'artificiale da traina per tenerlo ad uno o due metri al massimo sotto la superficie...

Se non violi il segreto sul posto (segreti di solito gelosissimamente conservati...), l'architeutis dove l'hai preso? In uno dei nostri mari? quanto era lungo?

 

Tiratina d’orecchie amichevole, s’intende! :s01:

 

Stiamo andando un filo OT ma mi fa molto piacere discutere di pesca e specie marine, sono alquanto appassionato.

Effettivamente la paletta degli artificiali si può considerare l’affondatore dell’esca, orientando l’inclinazione della stessa si modifica il nuoto del pesciolino (manovra utile soprattutto quando si traina con 6 canne in altura, certi grovigli se gli artificiali non nuotano dove devono..), gli affondatori ai quali ho fatto riferimento servono principalmente nella traina col vivo, dove serve far lavorare il calamaro, l’aguglia o il sugarello a un filo dal fondo.

L’affondatore governa una linea d’acciaio con una palla di piombo da 5kg, alla quale si attacca una pinza a sgancio rapido che morde la lenza, rilasciandola automaticamente se qualcosa prende l’esca.

In alternativa, per affondare un artificiale o un pesce vivo si può usare un piombo guardiano (un piombo da 300 attaccato a penzoloni sulla lenza con un elastico) o il monel, un filo metallico molto pesante e difficoltoso da recuperare.

 

Nessun segreto, il segreto sono le coordinate, non la zona.

Il calamaro l’ho preso da qualche parte sulla depressione della secca di S.Stefano, davanti a Marina degli Aregai, provincia di Imperia.

Non era grosso per essere di quella specie, un palo di circa 130cm contando le clavi, la caratteristica che mi ha lasciato attonito era la corona dentata di chitina su ogni ventosa, un killer che tiene testa a un Capodoglio! Devo avere una foto su pellicola a casa dei miei, ho sentito di qualche cattura simile in Sicilia, me ne ha parlato un amico pescasub che vive colà.

 

squid_architeuthis_sucker2.gif

 

mn013596_md.jpg

 

architeuthissuckers.jpg

 

l'hai mangiato?

 

Certamente, l’ho mangiato ma non ricordo le particolarità organolettiche (anni 90..), prendo molto seriamente la pesca e da sempre spingo per uno sfruttamento delle risorse ittiche mediterranee consapevole e sostenibile, ho la fortuna di pescare da tempo e di avere una tradizione di pesca in famiglia abbastanza presente, ho amici professionisti e ho constatato con i miei occhi le sporche che si consumano in mare per non parlare del drastico calo della consistenza, sono pescasub, faccio immersioni da più di 15 anni e mi diletto con la fotografia in apnea, sono in primissima linea e non ucciderei mai nulla che non finirei per onorare a tavola!

 

..Ora, ho la massima stima del buon Lefa e della sua peculiare acquaticità: ma che sia confondibile un capodioglio, lo escludo. Se non altro perché è troppo giovane (ho conosciuto individui che mi ricordavano il capodioglio di cui mi sono occupata, ma avevano un' altra età)..

 

Giuro nostra amata Signora, che non ho capito! :s03:

 

Meglio tornare IT..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovato ! http://www.betasom.it/forum/index.php?show...c=27655&hl=

 

 

! +Ripeto che non pare affatto commestibilr....se stiamo parlando della stessa specie.

 

Ma era davvero un calamaro gigante??? Perché in tal caso, vista questa immagine, risulta ovvio che , in campo di relitti, non siamo affatto OT...

calamarogigantericostru.jpg

 

 

 

Va bene, va bene. taccio e mi ritiro nell' ombra... :s10: [/url]

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma era davvero un calamaro gigante???

 

Decisamente un gigante, da non confondere col colossale!

D'altro canto, solo un folle potrebbe non credere a tutte le varie leggende che negli anni sono nate in ogni parte del mondo (Kraken e compagnia bella)! :s03:

 

Poi, voglio dire, ha dato un occhio in quadrato al polpo con apertura di quasi 10m che sovrasta una delle sale del Museo Oceanografico di Monaco? è un calco..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest giovannibandenere

Stavo giusto cercando qualche riferimento, ma i nomi sono tutti diversi dai correnti usuali.

La incisione successiva a quella qui sotto postata, si intitola: "Il mollusco Argonauta galleggiante in alto mare"; sembra gigantesco ma non mi assomiglia ad un calamaro.

gio.

 

"Pesca di un Polpo Gigantesco":

13ynnh3.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa incisione dovrebbe riferirsi a un avviso a ruote francese, Alecton, che cerca di raffiare nel 1891 una bestia grossa. Non ho trovato traccia di questa nave nei miei pochi libri..

Share this post


Link to post
Share on other sites
:s01: Per tornare al relitto in Liguria, sul noto photoship.co.uk ci sono alcune immagini.

 

transylvania01.jpg

 

Uploaded with ImageShack.us

 

Occhio, Giuseppe, che quello è il Transylvania costruito negli anni Venti con lo stesso nome di quello silurato nella prima guerra mondiale... :s02: La nave il cui relitto è stato individuato aveva due fumaioli:

2cnv3a1.png

(Foto tratta da: R. Aiolfi, L'affondamento del Transylvania, Savona, Sabatelli Editore, 1977 - un libro che prima o poi dovrò recensire... D'altra parte, è un volume ormai introvabile: più recente - e reperibile - sull'argomento consiglierei: F. Rebagliati, H.M.T. Transylvania, Pinerolo, Alzani Editore, 2007 - è recensito su "Storia militare" n. 184, gennaio 2009 :s02:)

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Occhio, Giuseppe, che quello è il Transylvania costruito negli anni Venti con lo stesso nome di quello silurato nella prima guerra mondiale... :s02:

Ooops ... :s68:

 

Cerco di rimediare. :s01: :s02:

 

transylvania02.jpg

 

Uploaded with ImageShack.us

 

(Stessa provenienza)

Edited by Odisseo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono rappresentazioni in scala fedele :s07:

2zhnqmd.jpg

Sulla destra del dinosauro vicino al calamaro piccolo c'è la sagoma di un uomo :s12: :s12:

Edited by pugio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Proprio oggi ho ricevuto il catalogo di Tutto Storia Ottobre 2011 e a pag. 20 si parla del libro "H.M.T. Transylvania - Storia del trasporto truppe silurato e affondato il 4 maggio 1917 al largo di Capo Vado (SV)", 183 pagine, numerose illustrazioni, Euro 15,00

Share this post


Link to post
Share on other sites
(...) più recente - e reperibile - sull'argomento consiglierei: F. Rebagliati, H.M.T. Transylvania, Pinerolo, Alzani Editore, 2007 - è recensito su "Storia militare" n. 184, gennaio 2009 :s02:)

 

Proprio oggi ho ricevuto il catalogo di Tutto Storia Ottobre 2011 e a pag. 20 si parla del libro "H.M.T. Transylvania - Storia del trasporto truppe silurato e affondato il 4 maggio 1917 al largo di Capo Vado (SV)", 183 pagine, numerose illustrazioni, Euro 15,00

 

et voilà, la recension :s01:, già pubblicata come detto su "Storia militare":

http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=37350

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,150
    • Total Posts
      508,174
×