Jump to content
Sign in to follow this  
sertore

Debriefing ~ The Fortress

Recommended Posts

Ieri serata sfortunata per me: CTD dopo 23 minuti di gioco, proprio nel momento in cui stavo portando il mio primo attacco alle strutture di difesa nemiche. :s68:

 

E va beh, dopo tantissime serate passate senza il minimo problema doveva capitare prima o poi: speriamo che ora la statistica faccia il suo corso e mi riservi un mucchio di giornate senza crashes! :s20:

 

Ma come è andata a finire la missione? Affondamenti, distruzioni, evasioni... raccontate gente, raccontate! :s12:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi dispiace ma alla fine non è successo NIENTE :s12: , nessun kill, solo crash, mio (dopo 1 h e 45 min) ed anche di miqui. sono crashato mentre avevo deciso di salire e fare fuori una postazione sam..... vabbè... ed ho lasciato soli Hunter e Stefano..... Stefano dopo aver terminato i TLAM fatti fuori TUTTI dai sam ha deciso di provare a passare.... e boom (da quello che ho capito) penso silurato da una mina passiva russa..... Francesco non è riuscito nemmeno lui ad avere un contatto visivo con le postazioni di terra che gestivano le mine....... un tempo veramente pessimo ed una scarsa visibilità hanno impedito il tutto..... senza tenere conto che chi viaggiava in zone scoperte non poteva accelerare troppo non sapendo che i REDS partivano dal porto e da una zona molto distante.... peccato, la seconda parte della missione sarebbe stata più interessante :s44: :s44: ..... :s06:

Edited by fonta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Missione veramente difficile per gli yankee, resa quasi impossibile dalle condizioni meteo pessime che impedivano di identificare i contatti a terra. Da qui il primo e unico appunto che mi sento di fare all'editor: in condizioni normali, se si vuole basarsi sul visual contact e ci sono onde di 3000 metri, l'azione viene annullata. Oppure si imposta il passaggio di un bel satellite che, ad una data ora, trasmette le coordinate dei bersagli... Stop, per il resto lo scenario era sì da incubo, ma di quelli che costituiscono adrenalina pura, quindi assolutamente da rifare! :s20: :s20: :s20:

 

Comunque la nostra tattica predeva una distribuzione di questo tipo:

team NORD: Fonta (688i) e R.Hunter (Seawolf)

team SUD: Stefano74 (688i) e Sertore (Virginia)

 

La tattica era la stessa per i due team: i sub più silenziosi dovevano avvicinarsi alla costa e trasmettere ai due 688i le coordinate dei bersagli terrestri. I 688i a quel punto avrebbero dovuto condurre l'attacco strike sfruttando la potenza dei 12 tubi verticali. Liberato il campo dalle mine, il Seawolf e il Virginia avrebbero avuto campo libero (Udaloy permettendo) per arrivare a rilasciare le special forces, mentre i due Los Angeles erano incaricati di avvicinarsi a loro volta, a distanza, pronti a subentrare se qualcosa andava storto alla prima ondata.

 

Fin qui, tutto bellissimo.

Ma siccome tra il dire e il fare, come dice Elio, c'è di mezzo "e il" :s03: , dopo la prima fase di avvicinamento liscia come l'olio, sono inziati i problemi. Non c'era infatti modo di avere un contatto visivo decente sulla costa, costantemente coperta da enormi cavalloni. Solo dopo molto tempo di costante osservazione, usando il puntatore laser in modalità infrared, e dirigendolo nella direzione da cui provenivano i segnali ESM delle postazioni SAM, sono riuscito a identificare una di queste e a distruggerla. A quel punto però era già passata più di un'ora (credo una e mezza), Sertore era già crashato e di lì a poco è crashato pure Fonta, scombinando tutti i piani. Sempre col puntatore laser all'infrared, ho visto alla fine un secondo puntino: purtroppo i miei TLAM hanno raso al suolo una lighthouse (e va a saperlo...). Del command center nemmeno l'ombra.

A quel punto Stefano salta su una mina, tento qualche vano attacco su una possibile coordinata dell'Udaloy, ma è solo tempo sprecato, tanto vale buttarsi nel campo minato e cercare di passarlo di slancio. Ovviamente vengo fatto oggetto di una ricerca spietata da parte dell'helix dell'udaloy, e alla fine un siluro mi raggiunge causandomi il 78% di danni. Emersione d'emergenza, mi sfogo sul povero Helix abbattendolo con un SAM (praticamente l'unica cosa che ancora funzionava) e comunico al Drakken l'impossibilità di continuare, mentre piovono subroc dal cielo in uno scenario apocalittico.

 

Come dicevo, missione bellissima e davvero tosta, purtroppo condizionata dai crash, e da sistemare per quanto riguarda l'acquisizione dei bersagli a terra. Io come suggerimento terrei il meteo pessimo, che rende interessanti le condizioni acustiche di superficie e la sfida con l'Udaloy, e metterei una trasmissione satellitare delle coordinate di SAM e command center :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s05: :s05: :s05:

 

Sto un po rosicando, ma è un periodo un po così...Spero di poter rientrare, ma temo che se ne riparlerà a Settembre... :s06: :s06: :s06:

 

Il mio Akula II, rimarrà ormeggiato ancora per un po in banchina a Murmansk... :s41:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo Debrifing di Francesco,poco da aggiungere.

Ho lanciato 9 TALM che non hanno fatto una beata ceppa...

Ho provato a passare facendomi strada con i MK48,la prrima volta mi hanno aperto un varco,sfortunatamente,mentre ricaricavo ho incocciato in una mina che non avevo visto.

Le condizioni meteo non erano proprio favorevoli,cmq bella partita e grazie a tutti per la bella serata

Paradossalmente l'unico sub che è riuscito a passare indenne il campo minato è stato quello di Sergio :s68: :s68:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh poco da aggiungere al debriefing.... accolgo il suggerimento di Hunter per lo scenario , lo possiamo rifare con i suggerimenti proposti.

 

Sinceramene avevo fatto una prova, (non ricordo su quale base BC..) ed ero riuscito con il peri elettronico con set infrared a marcare agevolmente la base... ma molto probabilmente forse era l'unica agevole da colpire... boh...

 

ho inserito il cattivo tempo, per rendere le fasi iniziali un pò più difficili ai BLUE visto che la base di partenza dei REDS era parecchio lontano e le unità all'inizio poco potevano interferire con i lanci TLAM del Team Blue.

 

Comunque sono soddisfatto della base "impenetrabile" che ho editato.... :s03: :s68: appunto the "FORTRESS" :s02:

 

La possiamo tenere come "mission impossible" da fare per i neo cadetti ... che dite ???

 

 

Alla prossima .... (mission impossible) :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,652
    • Total Posts
      518,022
×