Jump to content
Totiano

Raduno "ca(gn) Ranieri" - Taranto 2011

Recommended Posts

questo vuole essere un primo rapido rapporto, da apliare con i vostri contributi e documenti!

 

il transito inizia alle 17.15 da ancona con quasi unquarto d'ora di ritardo: devo stabilire un contatto con l'unità di Gilbyit elle 19.00 e invece prima delel 21 non riesco a giungere nel punto di rendezvous. Stabilito il contatto all'aeroporto prcedo all'imbarco mentre penso al team di incursori che dovevo sbarcare a Taranto ( totianina col ragazzo) che è rimasta bloccata da... problemi di denti.

a Taranto stabiliamo contatto con l'Unità di Lefa prima, di Magico 8/88 e Baracca/Thresher successivamente per poi dirigere verso un rapido rifornimento a base di Puccia e birra Raffo in un forno vicino al ponte girevole che è storico per queste cose!

 

si va a nanna e il giorno dopo iniziaoma il transito per la base di Grottaglie dove il gruppo riesce a formare il branco di lupi con qualche difficoltà a causa della forte mimetizzazione della base aerea e dei relativi cartelli indicatori!

 

effettuiamo trasferimento dal corpo di guardia alla Palazzina comando al seguito di un gentilissimo (ed efficace) ufficiale di ispezione per poi godere del benvenuto da parte del comandante in seconda e del relativo briefing sulla giornata che ci attende.

IMG_2251.JPG

 

prima tappa all'officina dove alcuni harrier parzialmente smontati ci consentono di godere di bellezze non disponibili a tutti e, proprio sul piu bello, l'assordante rumore di un harrier che sta atterrando ci fa capire che ci siamo parziamente spersi uno spettacolo! saro totalmente smentito in questa affermazione ...

IMG_2256.JPG

 

infatti poco dopo, mentre dirigiamo verso il simulatore di volo, il nostro accompagnatore (davvero da elogio) ci spiega che sta per decollare un aereo ed è prevista anche attività con elicotteri. meno male che non ci avevano promesso attività di volo!

IMG_2254.JPG

 

il simulatore, articolato su 2 piattaforme fisse che riproducono l'abitacolo e circodate da otto schermi retroilluminati per dare una visione a 360° è davvero un'opera imponenete e gli occhi dei 2 piloti della base (Zulu e Baracca) diventano improvvisamente "famelici"!

IMG_2259.JPG

 

IMG_2262.JPG

 

usciamo per assistere al decollo dell'Harrier, impressionante (ma per questo vi rimando al canale youtube di betasom)! sono in operazione di volo anche un SH3D e un AB 212, che competano il panorama di un abase che evidenzia lapropa attività e operatività al massimo livello. in fin dei conti la Libia è ancora un impegno

IMG_2263.JPG

 

IMG_2264.JPG

poi i laboratori di manutenzione ci aspettano e sono una sorpresa (forse sarebbemeglio dire una conferma) per la loro pulizia e efficienza! il tempo scorre fin troppo rapido e il comandante ci aspetta per i saluti, in effetti non prima di assistere ad un altro paio di touch and go del precedente harrier che sta, evidentemente, facendo attività addestrativa. prima della tappa veloce al bar per acquistare un po di gadget e successivo scambio di doni c'è però una ottima presentazione della parte elicotteri, con un AB212 in versione assalto e un SH3D che ci vengolo illustrati con tatnta passione ed impegno del personale presente. ne approfitto per scattare anche qualche foto ad un limitrofo 212 in versione ASW per Bartom, trattenuto da impetgni famliari,

e che postero in altra sezione

IMG_2266.JPG

 

 

IMG_2272.JPG

 

 

IMG_2276.JPG

 

IMG_2288.JPG

 

IMG_2294.JPG

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Brevissimo intervento (sono sul posto di lavoro in questo momento :s06: ), per i saluti a tutti gli amici di Betasom che hanno partecipato al raduno ed un GRAZIE immenso a coloro che ci hanno ospitato con estrema gentilezza e molta competenza, sopportando i nostri continui assalti di richieste d'informazioni e chiarimenti sugli argomenti più disparati.

 

Ringrazio per mio conto, ma penso che sia idea di tutti, l'ineccepibile organizzazione del nostro Dir :s20: :s20: e la sua disponibilità a riparare le diverse "falle" create dai partecipanti.

 

Mi riprometto di continuare o aggiungere un post con la sintesi delle giornata di visita, con l'inserimento di qualche foto...anche se devo dire di aver lasciato questo compito quasi esclusivamente al buon Matteo (Lefa) con il quale mi scuso per le continue richieste :s10: di info

 

Un gentile saluto anche alle signore che con estrema pazienza hanno sopportato questi compagni di vita che alla vista di un'aeromobile, o di un battello sembravano tanti bimbi alle prese con un nuovo gioco :s03:

 

magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

dopo avere inserito le foto nelprimo post proseguo il rapporto:

 

Credo che il pranzo si sia rivelato soddisfacente, a giudicare da come il gruppo ha "spazzolato" i piatti ed al termine, forse un po traballanti per la zavorra aggiuntiva che pregudica il nostro assetto, dirigiamo per Taranto dove una collisione (per fortuna lieve) trattiene uno dei nostri comandanti. dopo lo spiacevole contrattempo il brando di lupi si riunisce all'ingresso del castello e conosce l'ultimo comandante acquisito: McGaiver con la graziosa ragazza.

IMG_2297.JPG

 

dopo un inzio abbastanza soporifero, dovuto a un filmato illustrativo proiettato in una (bellissima) sala in penombra che favoriva particolarmente la digestione

 

IMG_2298.JPG

riunione nel piazzale del castello ed inizio del tour con un capo di prima che dovrebbe essere preso ad esempio da molte guidi di musei ed istituti estremamente piu blasonati! prearato sulla storia, ironico, un filo irriverente, quel tanto che basta per non essere polemico ma semplicemente simpatico. e soprattutto accattivante, ha saputo coinvolgere in maniera esemplare i visitatori!

 

IMG_2300.JPG

Non entrerò nei dettagli della storia, ma qualche foto potra essere sicuramente di aiuto per capire come pochi appassionati sono riusciti a svolgere (da soli) un lavoro immenso e con importi irrisori rispetto a cifre faraoniche di altri istituti! Dicono essere merito del precedente comandante in capo del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio, che ha saputo creare il team e affiatarlo. E ciò non mi sorprende visto che l'amiraglio Ricci era un sommergibilista

IMG_2302.JPG

IMG_2308.JPG

 

CONTINUA

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

dopo la serata in pizzeria a chiaccherare del piu e del meno ma, sopratutto (e con un po di noia delle ragazze) dei bei giocattoli visti in mattinata suona la ritirata in attesa degli impegni del giorno successivo.

sabato mattina la sveglia è di buon ora, mi aspetta la fioraia con i lcuscino che doberenmo alla cappella in memoria dei caduti, ma questo è un'altro discorso. imbarco dunqueil citato cuscino e dirigo per l'albergo allo scopo di ralizzare un contatto con il resto della colonna per apprntare un aformazine che consenta l'attacco dei possenti cancelli dell'Arsenale. in efftti il traffico tarantino, potente arma di difesa del'arsenale, riesce a smembrare le forze e riusciremo a ricongiungerci solo dopo avere forzato il traffico e le mura esterne dllo stabilimento. il sempre gentilissimo Capo DeCarlo ci conduce alla scuola e, per prima cosa, decidiamo di scattare la foto di gruppo

IMG_2309.JPG

assieme a quelle meravigliose persone che sono gli ammiragli Arena e Patrelli Campagnano mentre un pensiero va all'amm. Ranieri che seppe accompagnarci in maniera sublime lo scorso raduno. veniamo condotti in auloa CBT ed inizia il brifieng ella visita, prima con un abreve introduzione dle Direttore della Scuola e a seguire l'illustrazione di storia e tecnica da parte di uno degli allievi

IMG_2311.JPG

briefing seguito dal coffe break, immacabile tradizione nella componente, e dalal sucecsiva suddivisione in 3 gruppi, 2 da 5 e uno da 10 persone, che ci permetteranno di godere al meglio della visita.

Mi metto al seguito di uno dei gruppi che rimangono a scuola e il tour inizia dalla mitica sala cimeli che, in questi anni, ha acquisito molto materiale dall'ultima visita, tra cui la famosa divisa dell'ammiraglio Pelosi che fu oggetto delle attenzioni della Base qualche anno fa e la tenuta di navigazione in pelle dell'allora comandante Longanesi Cattani che operò in Atlantico su Brin e daVinci. Per non appesantire troppo questo post, comunque, creero un post dedicato alla sala cimeli della scuola in altra parte del forum

IMG_2314.JPG

 

IMG_2316.JPG

dopo la squisita contemplazione dei cimeli dirigiamo per i simulatori della scuola. quello dei Sauro è ancora impegnato per cui iniziamo dalal timoneria dei 212 per poi dirigerci alla garitta di fuoiriuscita e all'allenatore falla e fumo. Quest'ultimo, peraltro, con un apiccola dimosrazione dal vivo con tanto di falla e luci russe di emeregenza!

 

IMG_2331.JPG

 

IMG_2336.JPG

 

IMG_2338.JPG

ma ho l'impressione che la chicca che ha maggiormente impressionato i visitatori sia stato il simulatore di piattaforma del Sauro, cui accediamo dopo quello dipropulsione della stessa classe. Il simulatore è stato infatti messo in movimento simulando una piccola esercitazione e mandando in visibilio tutti i partecipanti. e se è stato un delizioso ritorno al passato per il sottoscritto posso immaginare che sia stata be altro tip di esperienza per chi ne assaggiava le possibilità per la prima volta. Perdo la concentrazione e dimentico di fare le foto finchè non arriviamo alla cappella dedicata a Santa Maria dei sommergibilisti o, se preferite, la Madonnina di Betasom. E nel mezzo c'è la visita al resto della scuola e ai 2 battelli ormeggiati in banchina, il Todaro (ormai siamo di casa) e il Longobardo che ci ha permesso un breve ingresso per chiarire alcuni dettagli emersi sul simulatore. La cerimonia alla Cappella inizia con una breve allocuzione dell'amm. Arena che ricorda la fatica nel ritrovarla e nel poterla poi portare a Taranto dove approderà nel 1985. segue la preghiera scritta da P.Messori Roncaglia per la nostra Madonnina e, infine, ci mettimo a curiosare per i cimeli presenti nella sala, tra cui uno scritto autografo di P. Messori Roncaglia mentro gli ammiragli ci rapiscono con i loro racconti

 

IMG_2340.JPG

 

IMG_2347.JPG

ancora sotto l'effetto della breve ma intensa cerimonia alla Cappella dirigiamo per la torretta del Cagni ovvero il monumento ai sommergibilisti. Gli aneddoti si sprecano mentre ogni tanto qualcuno si allontana un po tropo dal gruppo.... in effetti chi ha dato piu da lavorare è stato MacGaiver, un vero terrorista dell'organizzazione, pero anche i loschi figuri nella foto non sono da meno! Ovviamente anche qui non puo mancare una foto ricordo della base, sempre pensando che 3 anni fa era l'amm. Ranieri a guidarci negli stessi luoghi e facendo una foto simile....

IMG_2359.JPG

 

IMG_2360.JPG

 

la visita alla Scuola volge al termine e per non affaticare troppo i nostri ospiti, specialmente il Decano dei Sommergibilisti o ne sarei smplicemente linciato dai miei colleghi, rientriamo a Scuola per i saluti. per prima cosa il rituale scambio di crest Betasom/Comforsub, di cui la Scuola è un Reparto. Successivamente il nostro apprezzamento per l'amm. Patrelli, costiutito da un quadro con un atavola del R.sommergibile Platino, che Patrelli comando durante la guerra (realizzato dal c.te Alagi e dal sottoscritto a tempo di vero record!) ed infine la raccolta completa di tavole di sommergibili (che i membri sostenitori ben conoscono) a favore dell'amm. Arena

 

IMG_2366.JPG

 

IMG_2369.JPG

 

IMG_2371.JPG

Poi tutti quanti al Circolo Ufficiali per ricaricare un'ultima volta le batterie, sia sotto forma materiale con il cibo che sotto forma morale con i graditi racconti degli ammiragli. è stata l'occasione per scoprire come portava il Platino sottocosta per sbarcare gli informatori: tanto semplice quanto affascinante!

 

il raduno è finito e dopo il caffè le unità dirigono per il rientro, ognuno verso il suo porto di appartenenza.

Non posso che ringraziare tutti per il magnifico raduno! a cominciare da chi ci ha seguito a Grottaglie, al castello e a Comforsub, per proseguire con il gentilsesso che ha stoicamente sopportato i nostri "giocattoli" ed arrivare alla magnifica amicizia che emerge in ogni occasione, anche se ci si incontra per la prima volta!

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due giorni come quelli appena trascorsi assieme meritano di essere raccontati nel dettaglio, per quanto mi riguarda è stato il raduno più riuscito al quale ho partecipato.

Vorrei iniziare coi ringraziamenti, anzi tutto ai numerosi accompagnatori e Comandanti di MARISTAER e SCUOLASOM (non dimenticando il coinvolgente cicerone di Castel Sant’Angelo) che ci hanno pazientemente accolto e coccolato durante le varie visite alle installazioni, sono stati davvero impeccabili, educati, disponibili, competenti e simpatici, il lato umano della MMI! Grazie al nostro rappresentante Totiano che si conferma un eccellente organizzatore e un brillante capo-gruppo, agli Ammiragli che ci hanno generosamente onorato con la loro presenza non risparmiando per altro racconti e spiegazioni, a tutti gli amici che conoscevo già e a quelli nuovi, la vostra godibile amicizia ha incorniciato due giorni che ricorderò con piacere.

 

GIORNO ZERO:

 

Mollo gli ormeggi alle 14.00 da Milano e mi dirigo su Brindisi, dove un paio d’ore morte mi permettono di andare a caccia di Sparviero, trovo invece la San Giorgio e qualche rimorchiatore.

 

IMG_5202.jpg

 

IMG_5211.jpg

 

IMG_5203.jpg

 

Finita la pausa arrivo verso le 23.00 in albergo a Taranto, dove trovo Gilbyt e Totiano che ci regala il primo assaggio di Taranto, Puccia con birra Raffo, un connubio paradisiaco!! :s44:

Con pancia piena e soddisfatta facciamo due passi e poi in branda, appuntamento alle 07.45 del giorno uno per muovere verso Grottaglie.

 

GIORNO UNO:

 

Arrivati a MARISTAER (dopo qualche depistaggio) si forma il gruppo, ci affidano a un gagliardo giovanotto (sosia di Enrico Lucci de ‘Le Iene’ :s03: ) che ci guiderà durante tutta la visita, prima tappa in sala conferenze per la presentazione della base e del percorso.

 

nhgf.jpg

 

Muoviamo quindi verso il primo step, l’hangar officina degli Harrier TAV-8B e AV-8B Plus (qui niente foto).Qui c’era materiale per imbarazzare qualsiasi tecnico, l’officina era viva e si vedevano ragazzi al lavoro sui componenti esposti a nudo, il capo ci permette anche di salire sulla scaletta per guardare un mezzo moooolto nudo, un vero spettacolo!

Nel piazzale dell’hangar ci sfila davanti un AV-8B, facile immaginare verso chi era rivolta l’attenzione.

 

IMG_5229.jpg

 

mly.jpg

 

etrjk.jpg

 

i8.jpg

 

IMG_5242.jpg

 

jhbvf.jpg

 

IMG_5255.jpg

 

Sebbene avessero annunciato il contrario, durante la visita c’è stato molto movimento aereo!

Aerei monoposto e biposto come anche elicotteri di ambedue i tipi si sono avvicendati in atterraggi e decolli per tutto il tempo, purtroppo la distanza era notevole.

 

sfs.jpg

 

etj.jpg

 

rwy.jpg

 

fewf.jpg

 

e5y5.jpg

 

IMG_5361.jpg

 

IMG_5346.jpg

 

La nostra guida ci indirizza dunque al simulatore, questo ragazzo ci ha accompagnato con l’uniforme invernale per tutta la base sotto un cocente sole tarantino, trainando per altro una bici! Un grande! :s20:

 

IMG_5260.jpg

 

IMG_5262.jpg

 

Al simulatore ci attendono degli istruttori e dei piloti, oltre a un omone spagnolo radicato in loco per il programma congiunto con l’Aviazione di Marina di quel paese.

Visitiamo la sala controllo, il cervello e la sala dove sono ubicate le piattaforme vere e proprie, che grazie a un sistema di proiezioni retro illuminate riproducono un ambiente tridimensionale a 360° (dietro al pilota si chiudono altri due poligoni dello schermo, tipo scrigno), senza parole!

I piloti al comando dei due simulatori si sono divertiti con evoluzioni e passaggi sotto i ponti, missà che con gli aerei veri però non gli è permesso.. :s11:

 

IMG_5267.jpg

 

IMG_5279.jpg

 

IMG_5276.jpg

 

IMG_5283.jpg

 

Il giro prosegue nelle officine degli apparati (qui niente foto) dove il capo ci illustra le diavolerie diagnostiche con le quali fanno la manutenzione e i controlli, altro luogo di culto per gli amanti! All’ingresso troviamo questo dipping sonar (non lo immaginavo così grosso!), ci viene detto che la parte cilindrica superiore è il sensore passivo, quella sottile inferiore è la parte attiva.

 

IMG_5323.jpg

 

Passando per il deposito carburante ci dirigiamo verso l’hangar degli elicotteri, SH-3D e AB-212, dove ci lasciano liberi di avvicinarci e salire sui mezzi, altri due piloti soddisfano ogni nostra richiesta.

Nel mezzo era stato allestito un banchetto con un po’ di armi e attrezzatura varia, anche qui non sono mancate spiegazioni approfondite.

 

IMG_5378.jpg

 

IMG_5365.jpg

 

IMG_5368.jpg

 

IMG_5356.jpg

 

IMG_5371.jpg

 

IMG_5402.jpg

 

IMG_5403.jpg

 

IMG_5413.jpg

 

IMG_5419.jpg

 

IMG_5379.jpg

 

fjr.jpg

 

In fine muoviamo dopo una lunga sosta agli hangar verso il punto iniziale (non prima di una puntata al bar per l’acquisto di gadget), dove avviene lo scambio di crest e i dovuti ringraziamenti al Comandante che ci ha permesso di mettere il naso praticamente in tutta la base.

 

IMG_5431.jpg

 

IMG_5433.jpg

 

Tempo di pranzo, al ristorante piatti vuoti e pance piene!

 

IMG_5438.jpg

 

IMG_5440.jpg

 

Se qualcuno posta per piacere un commento posso inserire altre 40 immagini, la parte 2 di 3.. :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites

2/3

 

Con molta calma, prendiamo coraggio e ci spostiamo verso Castel Sant’Angelo, dove ci attende una vulcanica guida che con simpatia e competenza ha reso la visita al castello davvero interessante!

 

IMG_5443.jpg

 

IMG_5444.jpg

 

IMG_5445.jpg

 

IMG_5448.jpg

 

IMG_5457.jpg

 

IMG_5484.jpg

 

IMG_5460.jpg

 

IMG_5464.jpg

 

IMG_5465.jpg

 

IMG_5474.jpg

 

IMG_5481.jpg

 

IMG_5483.jpg

 

IMG_5487.jpg

 

IMG_5488.jpg

 

p.jpg

 

Verso le 18.30 finiamo la visita e dirigiamo verso un po’ di riposo, doccia e alle 21.00 cena tutti assieme, ritrovo alle 08.30 del giorno due per andare in Arsenale.

 

GIORNO DUE:

 

Dopo un turbinio di sensi unici arriviamo verso le 09.00 in Arsenale, subito ci dirigiamo verso la Scuola Sommergibili godendo del paesaggio che regalava il tragitto.

Subito una presentazione iniziale per poi dirigere a una colazione preparata per l’occasione, un gesto davvero accogliente e garbato, tenuta nella sala del simulatore di propulsione del Sauro.

In questo luogo trovo una cosa mi ha fatto cadere le braccia, un’opera di modellistica talmente fine ed elaborata che mi ha letteralmente rapito: parlo di un modello trasparente e fedele al bullone della struttura e delle componenti (sistemi, tubolature, meccanica) di un 212, in scala 1:10 credo, diviso in sezione trasversale e longitudinale (si camminava in mezzo), una cosa da brividi di maniacale produzione crucca.

Visto il ghiotto modello, io e Fabrizio Magico 8°/88 cominciamo a lavorare ai fianchi un ragazzo che si è prodigato in interessanti spiegazioni, avendo a portata di mano (e anche belli grossi) tutti i componenti più intimi del battello, ovviamente niente foto!

Vengono poi formati i gruppi, il mio è il primo a salire a bordo del Todaro (niente foto), dove ritrovo con piacere il geniale 2° (Comandante a breve!) col quale avevo pranzato a Spezia, un ragazzo squisito che come al solito ci ha guidato in lungo e in largo per tutto il suo battello, perfino sui sollevamenti!

 

IMG_5640.jpg

 

IMG_5501.jpg

 

IMG_5585.jpg

 

IMG_5496.jpg

 

IMG_5638.jpg

 

IMG_5634.jpg

 

IMG_5502.jpg

 

Finito l’abbondante giro sul battello ci spostiamo nella sala dei cimeli, un luogo che grazie alla sua incredibile collezione lascia a bocca aperta, ci sono talmente tante cose interessanti che parlando di una farei uno sgarbo ad un’altra, lascio che parlino le immagini! (chiedo perdono per i riflessi, non avevo il polarizzatore).

Valore aggiunto, gli Ammiragli Patrelli e Arena che ci spiegavano con entusiasmo ogni cimelio, un’occasione davvero unica!

 

IMG_5513.jpg

 

IMG_5515.jpg

 

IMG_5512.jpg

 

IMG_5522.jpg

 

IMG_5523.jpg

 

IMG_5526.jpg

 

IMG_5528.jpg

 

IMG_5529.jpg

 

IMG_5531.jpg

 

L'Ammiraglio Patrelli legge interessato la tavola sul Platino, ancora non sa che quello è il suo presente da parte dell'Associazione! :s41:

 

IMG_5533.jpg

 

IMG_5534.jpg

 

IMG_5537.jpg

 

IMG_5539.jpg

 

IMG_5540.jpg

 

IMG_5544.jpg

 

Parte 3/3 a seguire dopo commento..

Share this post


Link to post
Share on other sites

3/3

 

 

In seguito il gruppo si snellisce ulteriormente, io Fabrizio e Cesare passiamo ai simulatori, si comincia con l’esperienza più coinvolgente e inaspettata (un fuori programma di tutto rispetto) di tutta la visita, la simulazione nella piattaforma del Sauro!

La dinamica è stata all’incirca questa: siamo partiti in quota e ci siamo portati a quota periscopica, per poi riscendere sui 100 metri circa, a quella quota hanno simulato una falla con emersione d’emergenza con la sola propulsione, niente aria.

Durante la rapida risalita (non immagino il rate di risalita con le casse gonfie) il simulatore era davvero appoppato, probabilmente sui 20°! Ringrazio di nuovo per questa magnifica esperienza! :s15:

 

IMG_5549.jpg

 

IMG_5552.jpg

 

IMG_5556.jpg

 

IMG_5557.jpg

 

Ancora scioccato dal simulatore del Sauro passiamo per una rapida visita su quello del 212, dove ci viene illustrata la consolle della timoneria e la sua controparte manuale d’emergenza.

Il giro prosegue agli allenatori di fuoriuscita prima, e di falla e fumo poi (il secondo era acceso), che vengono illustrati nel dettaglio come tutto il resto.

 

IMG_5561.jpg

 

IMG_5560.jpg

 

IMG_5565.jpg

 

IMG_5566.jpg

 

IMG_5571.jpg

 

IMG_5574.jpg

 

IMG_5576.jpg

 

dtyku.jpg

 

IMG_5580.jpg

 

Sosta per acquistare i gadget e poi diritti verso la Cappella dove depositiamo il cuscino dell’Associazione sotto alla Madonnina e assistiamo alla cerimonia, anche la Cappella era piena di cimeli, spiccavano oltre alla Maddonnina stessa dei santini di padre Messori Roncaglia e il sostegno della bussola del Giuliani, trovata da un cacciatore di tesori australiano.

 

IMG_5589.jpg

 

IMG_5590.jpg

 

IMG_5587.jpg

 

IMG_5592.jpg

 

IMG_5591.jpg

 

Prima di finire la visita in sala cimeli, per i dovuti ringraziamenti e gli scambi di presenti e crest, scattiamo una foto di gruppo vicino ai monumenti ai sommergibilisti caduti.

 

IMG_5600.jpg

 

IMG_5604.jpg

 

IMG_5606.jpg

 

IMG_5615.jpg

 

IMG_5621.jpg

 

IMG_5626.jpg

 

IMG_5641.jpg

 

IMG_5653.jpg

 

IMG_5657.jpg

 

IMG_5664.jpg

 

IMG_5669.jpg

 

IMG_5671.jpg

 

Salutiamo la Scuola Sommergibili e ci spostiamo per la tappa finale del raduno, pranzo al circolo ufficiali in compagnia degli Ammiragli con caffè finale al bar, con la sua sala piena di crest.

Saluti, baci e abbracci finali e mi sposto in squadra con Tuttociòchesuccede (socio come me dell’invidiatissimo club degli under 30) e padre per tornare verso Brindisi, fra un ritardo e un altro sono a casa per le 12.00.

 

IMG_5675.jpg

 

IMG_5677.jpg

 

Che dite, missione compiuta? :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi vengono le lacrime agli occhi... bellissimo! :s20:

 

Grazie Matteo per tutto il materiale e per il racconto... peccato non aver avuto la possibilità di condividere la bella esperienza! :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites
2/3

Con molta calma, prendiamo coraggio e ci spostiamo verso Castel Sant’Angelo, dove ci attende una vulcanica guida che con simpatia e competenza ha reso la visita al castello davvero interessante!

 

IMG_5443.jpg

 

Parte 3/3 a seguire dopo commento..

?!?!? :s12: :s12: :s12:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da Base Asti,tutti rientrati...

Eccoci qui..che dire: e' stato un tour de force,ma ne valeva proprio la pena....di fare 2100 KM ...a dire il vero !!

Ringraziare e' di rito ...perche' non v'e' stata comunque volta,nonostante ormai capito, che la professionalita',l'entusiasmo e la pazienza del personale

coinvolto nei ns. assalti ,non ci abbia piacevolmente confermato quanto amore e dedizione questi uomini dedichino al loro lavoro.

Quindi il GRAZIE a tutti loro e' ben poca cosa,rispetto ai sentimenti che ci hanno sicuramente entusiasmato e commosso.

Il nostro Dir si e' confermato ancora una volta,anche se ormai e' assodato,un grande organizzatore ed a lui un plauso dal profondo del cuore.

un grazie a tutti i comandanti, che hanno con noi trascorso, queste bellissime giornate tarantine e che ci hanno regalato amicizia,goliardia e simpatia..

come sempre e' accaduto...in tutti i raduni...

Purtroppo il tempo volat ...e si ritorna alle routine quotidiane...ma nel cuore,nell'aria e nei pensieri, resta quel rispetto e quella simpatia profonda

per tutte le componenti della nostra Marina Militare che nel silenzio,nelle molteplici difficolta', svolgono la loro attivita' con dedizione ed entusiasmo

per noi tutti che nel quotidiano a volte, dimentichiamo(non NOI) che c'e' veramente gente splendida che lavora per noi , per la nostra tranquillita'

e che spesso non ci si ricorda che se e' tale e' grazie anche un poco a loro....

 

Un saluto a tutti i comandanti...

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites
?!?!? :s12: :s12: :s12:

 

è stata una scoperta anche per me Giacomo, ma il castello aragonese si chiama proprio cosi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una giornata piacevolissima, quella di sabato. Come ho detto a Marco (leader instancabile e onnipresente) Betasom non soffre né di conflitti territoriali né di guai generazionali. Non sono molte le realtà associative in cui prevale il piacere di stare insieme, di imparare e scoprire...Taranto vecchia, in particolare (stavo in un albergo con cena sulla terrazza panoramica a 360° o quasi) non sarebbe proprio niente male se si facessero un po' di restauri sulle parti barocche più dilapidate, tipo Ortigia a Siracusa o Livorno fronte a mare. Avendo poi visitato due sottomarini due in una sola mattinata grazie al Dir, ho fatto anche un po' di ginnastica. Il simulatore ci ha fatto provare in sedicesimo un'esperienza del tipo del battello nucleare americano che nel film "Caccia a Ottobre Rosso" emerge in superficie a tutta forza e a 45° dalla verticale... A quando la prossima?

 

Grazie a Magico 8°/88 e gentile signora per l'ospitalità nel suo coupé e a Matteo per le foto.

Francesco

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s20: :s20: :s20: :s20: :s20: :s20:

 

Bravi ragazzi!! Ottimo reportage.

 

Che bellissima visita! Non sapete con quale dispiacere ho dovuto constatare di essere impegnato nel week-end scorso!!

 

Purtroppo non ho potuto esserci questa volta, ma spero in una delle prossime occasioni di farne anche io parte.

(tra l'altro avrei avuto pure la presenza di un quasi mio compaesano, Smg Baracca)

 

Ciao da Tommaso

Base Casale Monferrato (AL)

Edited by TRC

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dimenticavo di aggiungere che le foto proposte sono una selezione, ne ho scattate circa 500 e sono tutte ad alta definizione, quindi se qualcuno volesse altre immagini più particolareggiate o più grandi basta chiedere, ho anche il video della presentazione di MARISTAER..

Share this post


Link to post
Share on other sites

un raduno spettacolare solo leggendo i rapporti...... immagino l'avervi partecipato quante emozioni vi abbia dato.

grazie a tutti per i resoconti e le immagini postate :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Matteo per le foto e il magnifico resoconto e comunque un grazie a tutti i C.ti che hanno postato Per motivi familiari non sono potuto intervenire e penso proprio che questa volta mi sono perso qualche cosa di irripetibile, ciò mi da dispiacere anche se spero che una simile esperienza si possa ripetere, comunque per quest'anno vedrò di farmi bastare il raduno di Genova al quale cercherò di partecipare a tutti i costi.

Un grazie ancora a tutti per averci fatto partecipi anche se solo in foto di questa "speciale" avventura

 

Sgt Marcoz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente riesco a scrivere.

Sono stati giorni memorabili, siete tutti fantastici.

In particolare ringrazio in nostro Dir che oltre che organizzatore mi ha fatto da autista e scorta all'aeroporto.

 

Cosa dire sul raduno, qui rubo due parole:

La vita è un insieme di luoghi e di persone che scrivono il tempo. Il nostro tempo.

Noi cresciamo e maturiamo collezionando queste esperienze.

Il raduno di Taranto è stata una bellissima esperienza, ma cosa ho imparato?

  • Ho imparato che gli aerei sono forti e potenti ma anche delicati e necessitano di mani abili per volare al 100%.
  • Ho imparato che non servono 1000 metri per decollare ne bastano 50 se sei forte abbastanza.
  • Un elicottero è nulla se il suo pilota viene a mancare, per questo va protetto.
  • La parte più vulnerabile dei battelli non è lo scafo ma il lanciarumenta (e per fortuna non hanno la differenziata).
  • Ho scoperto che 10 uomini ben motivati possono rimettere a nuovo un'intera fortezza.
  • Purtroppo i sommergibilisti sono in via di estinzione, e questo non è bello.
  • La Puccia è buonissima.
  • Lo Scirè affondato è in mezzo a tutti noi
  • Un "albero di Natale" può diventare un cimelio

 

E infine aggiungo che certe esperienze diventano speciali quando dietro c'e' tanta passione, passione per il proprio lavoro e passione per il proprio ruolo.

Grazie a tutti.

 

(seguiranno foto sceltissime)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Finalmente riesco a scrivere.

Sono stati giorni memorabili, siete tutti fantastici.

In particolare ringrazio in nostro Dir che oltre che organizzatore mi ha fatto da autista e scorta all'aeroporto.

 

Cosa dire sul raduno, qui rubo due parole:

La vita è un insieme di luoghi e di persone che scrivono il tempo. Il nostro tempo.

Noi cresciamo e maturiamo collezionando queste esperienze.

Il raduno di Taranto è stata una bellissima esperienza, ma cosa ho imparato?

  • Ho imparato che gli aerei sono forti e potenti ma anche delicati e necessitano di mani abili per volare al 100%.
  • Ho imparato che non servono 1000 metri per decollare ne bastano 50 se sei forte abbastanza.
  • Un elicottero è nulla se il suo pilota viene a mancare, per questo va protetto.
  • La parte più vulnerabile dei battelli non è lo scafo ma il lanciarumenta (e per fortuna non hanno la differenziata).
  • Ho scoperto che 10 uomini ben motivati possono rimettere a nuovo un'intera fortezza.
  • Purtroppo i sommergibilisti sono in via di estinzione, e questo non è bello.
  • La Puccia è buonissima.
  • Lo Scirè affondato è in mezzo a tutti noi
  • Un "albero di Natale" può diventare un cimelio

 

E infine aggiungo che certe esperienze diventano speciali quando dietro c'e' tanta passione, passione per il proprio lavoro e passione per il proprio ruolo.

Grazie a tutti.

 

(seguiranno foto sceltissime)

 

Buonasera a tutti, mi spiace davvero non essere stato dei vostri ma come al solito faccio i complimenti al Dir per la sua instancabile capacità organizzativa!

Mi permetto di rettificare l'amico Gil sulla differenziata....si fa...eccome se si fa!Anzi devo dire che uno dei vanti di un bravo secondo è l'organizzazione della stessa! A bordo mi sentivo spesso il Capo Servizio AMIU (azienda tarantina per la raccolta dei rifiuti...)piuttosto che il Capo Servizio Logistico!! :s06: ..un caro saluto a tutti! Moreno1975

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi permetto di aggiungere, tra le tante foto postate dagli altri C.ti, l'unica in mio possesso che ritrae un "personaggio" che non si riusciva quasi mai ad inquadrare... :s02:

 

Lefa-AB212.jpg

 

perchè sempre impegnato a lavorare per la Base. :s20: :s20:

 

Di nuovo un grande GRAZIE all'amico Matteo.

 

magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites
Finalmente riesco a scrivere.

Sono stati giorni memorabili, siete tutti fantastici.

In particolare ringrazio in nostro Dir che oltre che organizzatore mi ha fatto da autista e scorta all'aeroporto.

 

Cosa dire sul raduno, qui rubo due parole:

La vita è un insieme di luoghi e di persone che scrivono il tempo. Il nostro tempo.

Noi cresciamo e maturiamo collezionando queste esperienze.

Il raduno di Taranto è stata una bellissima esperienza, ma cosa ho imparato?

  • Ho imparato che gli aerei sono forti e potenti ma anche delicati e necessitano di mani abili per volare al 100%.
  • Ho imparato che non servono 1000 metri per decollare ne bastano 50 se sei forte abbastanza.
  • Un elicottero è nulla se il suo pilota viene a mancare, per questo va protetto.
  • La parte più vulnerabile dei battelli non è lo scafo ma il lanciarumenta (e per fortuna non hanno la differenziata).
  • Ho scoperto che 10 uomini ben motivati possono rimettere a nuovo un'intera fortezza.
  • Purtroppo i sommergibilisti sono in via di estinzione, e questo non è bello.
  • La Puccia è buonissima.
  • Lo Scirè affondato è in mezzo a tutti noi
  • Un "albero di Natale" può diventare un cimelio

 

E infine aggiungo che certe esperienze diventano speciali quando dietro c'e' tanta passione, passione per il proprio lavoro e passione per il proprio ruolo.

Grazie a tutti.

 

(seguiranno foto sceltissime)

 

Ciao a tutti,

ottimo resoconto Gilberto, i tuoi punti mi sono piaciuti proprio.

Detto questo, è stato uno dei più bei raduni a cui ho partecipato, forse il migliore.

Sono stati due giorni intensissimi, ricchi di eventi e di momenti in cui scoprire e vedere cose nuove.

Ringrazio il nostro Dir per l'ottima organizzazione, tutto è andato benissimo sia venerdì a Grottaglie che sabato a Taranto: per me che non ero mai stato in Puglia, è stata una piacevole, anche se breve, scoperta. :s20:

Alcuni momenti li conserverò per sempre perchè ogni volta che riesco ad avvicinarmi a quello che avrei tanto voluto fare, bè divento come un bambino nell'attesa dei regali.. superipermegacontento

 

Grazie a tutti

a presto..

 

p.s. rimango a disposizioni per eventuali missioni :s41: eheh

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Gil e Andrea: aspettiamo le vostre foto!

 

@tutti:

1.mi è stato chiesto se realizzeremo un articolo per aria alal rapida/notiziario della marina: c'è qualche volontario?

2.come per altri eventi stavo pensando di realizzare un DVD con foto/filmati nostri e le presentazioni in .ppt (se COMFORSUB E COMFORAER autorizzano). non posso garantire sull'omaggio pittosto che sulla necessità un contributo spese, sarà anche in funzione delle richieste che vi prego dipostare a seguire di questo post.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo di quante battute e volto ad esaltare cosa? :s01:

 

@Davide Baracca: Davide ricorda per piacere la foto con Fabrizio e il 2° sulla vela del Todaro! (io ne ho una tua sotto la vela del Cagni) :s54:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco le prime, evito i doppioni

 

Il sorriso del Dir racconta tutto

SAM_2050.jpg

 

Uno Zulu ai comandi

SAM_2053.jpg

 

SAM_2058.jpg

 

SAM_2060.jpg

 

A presto le altre

Share this post


Link to post
Share on other sites
Articolo di quante battute e volto ad esaltare cosa? :s01:

 

in genere è piu che sufficiente una pagina in A4 con caratteri times new roman 12.

l'articolo dovrebbe semplicemente illustrare le nostre visite, mettendo in evidenza cio che ci è piaciuto.

tenendo conto che sarà letto al 90 % da personale che è già in Marina non potrà che far piacere sapere che chi è fuori dall'ambiente apprezza il loro operato.

 

aggiungo (ma questa è nota mia) che potrebbe anche rivelarsi un veicolo di promozione per la nostra base e quindi il metetre in luce brevemente le nostre attività potrebbero avere unritorno postivo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono perso un Raduno eccezionale !!!

Avrei visto luoghi e cose da me mai viste !

Grazie per i Vostri reportage e le bellissime foto !!!

 

RED

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche questo documento merita di essere ricordato in queste pagine:

 

Matteo un tocco di sensibilità che ti fa onore... :s20: :s20: :s20:

 

magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco altre foto, comincio con gli elicotteri

 

AB-212

SAM_2068.jpg

 

SAM_2070.jpg

 

SAM_2067.jpg

 

SH 3D dentro e fuori

SAM_2065.jpg

 

SAM_2074.jpg

 

SAM_2066.jpg

 

SAM_2069.jpg

 

 

SAM_2073.jpg

 

SAM_2071.jpg

 

SAM_2072.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

E gli aerei

 

SAM_2045.jpg

 

SAM_2043.jpg

 

Quindi le navi

 

Vittorio Veneto

SAM_2200.jpg

 

SAM_2199.jpg

 

SAM_2198.jpg

 

SAM_2197.jpg

 

Nave Granatiere

SAM_2196.jpg

 

Nave Aviere??

SAM_2146.jpg

 

Un bel pezzo AA

SAM_2145.jpg

 

Battello??

SAM_2147.jpg

 

Athos

SAM_2195.jpg

Edited by gilbyit

Share this post


Link to post
Share on other sites

E infine il Circolo Ufficiali

 

Atrio stile impero

SAM_2205.jpg

 

I bagni, ma le sedie sono li per chi asciuga i capelli?

SAM_2202.jpg

 

Bagno con sorpresa

SAM_2201.jpg

 

Saluti

SAM_2209.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

C.ti, il vostro entusiasmo è traboccante! :s51:

Grazie :s20: per le foto (varie e variegate...)

Che peccato non aver potuto partecipare :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

E ora qualche video

 

Harrier Decollo

 

Simulatore di volo Harrier

 

Harrier atterrato che parcheggia

 

SH 3D atterraggio

 

 

 

Video non miei ma di sicuro interesse

 

Qualche dato sull'Harrier

 

 

Il successore F35

 

 

@Totiano ho due video girati dentro il simulatore, tu che spieghi come si governa e uno con il nostro "esercizio" posso pubblicarli?

Edited by gilbyit

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s12:

 

Ti invidio molto Gil (per l'ultima parte), i ragazzi di DW (e non solo) te ne sarebbero grati....

Edited by Lefa

Share this post


Link to post
Share on other sites
@Totiano ho due video girati dentro il simulatore, tu che spieghi come si governa e uno con il nostro "esercizio" posso pubblicarli?

 

 

naturalmente. essendo video che riguardano il raduno sarebbe bello se fossero pubblicati sul nostro canale youtube, magari.

 

sei vuoi il punto di contatto per gli insrimenti è argo 75

 

nota x Lefa: non è molta "roba", sai....

Share this post


Link to post
Share on other sites
nota x Lefa: non è molta "roba", sai....

 

 

Hai ragione, è tantissima roba! :s68:

Fra questa e il Sauro, la prossima volta (che sia una panetteria o un arsenale), se qualcuno si interporrà fra me e la tua privilegiata compagnia, a schifio finisce! :s03: :s02:

 

Aspettiamo il video! :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho preso contatto con ARGO75 per i filmati

Intanto lo pubblico io

 

Come si guida (governa) un sottomarino

Share this post


Link to post
Share on other sites

e meno male che c'è questo video!

noi abbiamo visto e sentito solo un decimo delle spiegazioni di Totiano!!!

Non presento un reclamo ufficiale...........VOGLIO TORNARCI

come penale andro' in cockpit e un voletto ai comandi dell'harrier

grazieanticipate

Share this post


Link to post
Share on other sites

Signori, complimenti per il raduno e i racconti. Mi sto mangiando i gomiti dal'invidia! :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Signori, complimenti per il raduno e i racconti. Mi sto mangiando i gomiti dal'invidia! :s06:

 

Oltre ai gomiti mi sto mangiando le ginocchia :s44:

Che raduno spettacolare !!! Sono molto contento per tutti i partecipanti.....e grazie per le foto e video.

 

Bellissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cari Amici,

chiedo scusa a tutti voi per il ritardo con il quale scrivo per ringraziarvi per la bellissima esperienza vissuta insieme. Purtroppo per svariate ragioni non ero proprio al meglio di me ma nonostante questo,avervi conosciuti,aver vissuto insieme a voi quei bellissimi giorni e aver potuto visitare luoghi così interessanti hanno reso il mio incontro con voi indimenticabile.

Un saluto e un ringraziamento particolari al caro Totiano.

 

Paola Toti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,104
    • Total Posts
      507,659
×