Vai al contenuto
Aggiornamento Forum Leggi di più... ×
gichiano

Fotografie Navali E Altro Sul Mare.

Messaggi raccomandati

Sosta a Cagliari di un Gruppo NATO per la lotta antimine, 9 settembre.

3142pno.jpg

 

Cezayirli Gazi Hassan Pasha, Turchia.

30svw9i.jpg

 

Duero, Spagna e Akcay, Turchia.

2yynsdt.jpg

 

2eyggmw.jpg

 

10y0s1y.jpg

 

Bad Bevensen, Germania, con, forse, sulle rotaie, mine da esercitazione.

2en5hfm.jpg

Modificato da gichiano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aretusaimg0183rid.jpg

Non concordo con la didascalia: a mio parere la nave è operativa al 100%, in ordine e la "Gente" al posto di manovra. La pitturazione è veramente insolita: per un certo periodo le ns navi hanno avuto lo scafo in grigio scuro e le sovrastrutture in grigio chiaro, mentre quì è proprio il contrario!

 

Probabilmente il fatto si spiega con la sana abitudine, tipica della M.M., del non buttar via niente e di dare fondo a tutte le scorte di vernici prima di passare alla nuova colorazione uguale per l'intera nave.

 

P.S. :s68: Ma nel 1952-53 le ns unità avevan ancora le lettere dipinte sullo scafo? :s68:

Modificato da Alfabravo 59

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
P.S. :s68: Ma nel 1952-53 le ns unità avevan ancora le lettere dipinte sullo scafo? :s68:

 

Gli identificativi ottici NATO sono comparsi intorno alla metà del 1953. Infatti i due caccia ARTIGLIERE, le tre fregate classe CANNON (ALTAIR ecc.) e le sei cannoniere d'appoggio LCSL ALANO, tutte consegnate all'Italia all'inizio del 1951, hanno avuto prima le due lettere (per breve tempo) e poi le sigle NATO.

Modificato da de domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non concordo con la didascalia: a mio parere la nave è operativa al 100%, in ordine e la "Gente" al posto di manovra. La pitturazione è veramente insolita: per un certo periodo le ns navi hanno avuto lo scafo in grigio scuro e le sovrastrutture in grigio chiaro, mentre quì è proprio il contrario!

 

Probabilmente il fatto si spiega con la sana abitudine, tipica della M.M., del non buttar via niente e di dare fondo a tutte le scorte di vernici prima di passare alla nuova colorazione uguale per l'intera nave.

 

P.S. :s68: Ma nel 1952-53 le ns unità avevan ancora le lettere dipinte sullo scafo? :s68:

 

 

Che la torpediniera Aretusa abbia subito lavori di ammodernamento nel periodo 1952-1953 è riportato nel volume dell'U.S.M.M. dedicato alle torpediniere italiane e nella rivista Storia Militare n. 197 febbraio 2010 in un articolo di Erminio Bagnasco.

 

Non c'è dubbio che l'equipaggio delle navi militari siano sempre in ordine durante le uscite in mare, anche se si tratta di unità ai lavori; almeno è quello che ho sempre visto con i miei occhi e con l'obiettivo della macchina fotografica.

 

Ufficialmente l'adozione dell'identificativo NATO parte da febbraio 1953, naturalmente possono esserci stati dei ritardi nell'applicazione della norma.

 

Nell'ipotesi che l'unità abbia appena terminato i lavori di ammodernamento, non mi sorprende la diversa colorazione delle infrastrutture,

che furono interamente interessate ai lavori di modifica; mi sembra di ricordare che in quel periodo si utilizzava il minio, che nelle fotografie

monocromatiche risulta di colorazione piuttosto scura.

 

Le mitragliere bofors iniziarono ad essere installate all'inizio degli anni '50.

Modificato da BUFFOLUTO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
crisalide7giu68571.jpg

:s03: :s07: TRE colori diversi! :s03: :s03:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo non ho l'originale. Solo una cartolina degli anni 30 che riproduce lo scritto su carta intestata del Settembrini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tre immagini fresche di giornata

 

30set2011rp133013d2rid.jpg

 

30set2011rp133024v9rid.jpg

 

30set2011rp13305b5trid.jpg

 

Per massimo gaudio del C.te Anteo :s03: :s03:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La fregata Guepratte la settimana scorsa a Cagliari.

 

8vu25w.jpg

 

10nfdld.jpg

 

k0g0g8.jpg

 

izucnl.jpg

 

3dlit.jpg

Modificato da gichiano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
izucnl.jpg

:s03: :s03: Vedo, presso la "tenda dello sceicco", che i "Cugini" han sbagliato il verso delle rispettive Bandiere nazionali! :s03: :s03:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spero di non uscire fuori tema proponendo tre immagini, che per me rappresentano

uno dei tanti aspetti che legano la Marina italiana alla città di Taranto.

 

Il pontile Rota, di cui si poteva leggere, molti lustri addietro, nome e cognome del personaggio

a cui era stato intitolato, era già negli anni '60 spezzato in tre tronconi.

 

All'epoca non mi era noto che il pontile era stato realizzato per permettere la franchigia del

personale imbarcato sulle unità alla fonda in mar Grande; che numeroso si riversava nella

loro vicina meta preferita: via D'Aquino. D'inverno la strada era un tappeto di cappelli neri;

d'estate di cappelli bianchi.

 

01ta0798pontilerota4c9b.jpg

L'aspetto del pontile negli anni '30

 

02ta1396pontilerotabeta.jpg

Marinai in franchigia negli anni '50

 

0319novembre2010taranto.jpg

I resti del pontile Rota oggi, utile per qualche immagine d'effetto.

Modificato da BUFFOLUTO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ta0666betasom.jpg

 

Periodo posteriore al 1972: Vedetta, GIS 62, Magottini, 1 cl. Albatros, 4 unità francesi, Vittorio Veneto,

Caorle e Grado, Garibaldi, 1 cl. Impavido, 1 cl. Impetuoso, 1 cl. Rizzo.

Modificato da BUFFOLUTO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La nave appoggio francese è la RHIN, A 621, poi ci sono tre ct tipo T 47 e T 53 (quello più vicino, coi fumaioli più bassi).

Modificato da de domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella ricorrenza del 4 Novembre, colgo l'occasione di postare

alcune interessanti immagini dell'esposizione di materiali e mezzi

delle Forze Armate, allestita a Roma nel Circo Massimo.

 

Elicottero Agusta A106 costruito in due prototipi, sperimentati

a bordo dei cacciatorpediniere lanciamissili Impavido ed Intrepido

tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70.

 

a1061005172betasom.jpg

 

a1061005241betasom.jpg

Modificato da BUFFOLUTO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:s20: non possono esserci altri commenti,avete archivi di foto marinare da fare invidia alla collezione Alinari di firenze

guardando le foto dei vecchi sommergibili ho ricordato un aneddoto su come è cominciata l'avventura militare della mia famiglia...

era il '40,mio padre era con un suo cugino e disse:Piero ho deciso vado volontario in marina e costui rispose.....io voglio volare mi arruolo in aeronautica,nel frattempo si avvicina un'altro cugino e,messo al corrente delle intenzioni degli altri sbottò...

uno sul mare? uno in cielo? allora io vò sott'acqua e divenne sommergibilista forse proprio su uno di quelli postati

io ho questa per voi.....c'è stato un anno dal 12/42 al 11/43

marina9.jpg

 

Uploaded with ImageShack.us

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
io ho questa per voi.....c'è stato un anno dal 12/42 al 11/43

Uploaded with ImageShack.us

---------------------------------------------------------------------------------------

:s43: Serve forse il nome? :s03: Si tratta dell'incr. leggero CADORNA, gemello del DIAZ. Navi dalle linee armoniose ebbero problemi di robustezza strutturale, tenuta al mare ed all'app. motore.

Modificato da Alfabravo 59

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:s43: Serve forse il nome? :s03: Si tratta dell'incr. leggero CADORNA, gemello del DIAZ. Navi dalle linee armoniose ebbero problemi di robustezza strutturale, tenuta al mare ed all'app. motore.

:s06: peccato perchè appunto a vedersi è una bella nave

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gagliardociogliabetasom.jpg

 

 

Si tratta di un'immagine già postata di Stefano Cioglia relativa al rimorchiatore Gagliardo;

ho notato però che l'aspetto delle sovrastrutture è molto diverso; c'è qualcuno che può

darmi chiarimenti al riguardo?

Modificato da BUFFOLUTO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gagliardociogliabetasom.jpg

 

 

Si tratta di un'immagine già postata di Stefano Cioglia relativa al rimorchiatore Gagliardo;

ho notato però che l'aspetto delle sovrastrutture è molto diverso; c'è qualcuno che può

darmi chiarimenti al riguardo?

 

Rimotorizzato con macchine diesel, chiaramente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

×