Jump to content
Sign in to follow this  
Varo5

Ancore e Cubie

Recommended Posts

RIMORCHIATORE MM IN BACINO. LIBERA LA CUBIA, LE ANCORE E LE CATENE SONO APPOGGIATE ALLA PLATEA DEL BACINO GALLEGGIANTE.

 

 

rimorchiatore.jpg

Edited by STV(CP)

Share this post


Link to post
Share on other sites

BRUTTA

 

La fregata francese COURBET - 1997 - di dislocamento 3.200 tonn. e velocità 25 nodi, di forma particolare a bassa evidenza radar, ha una sola ancora apparentemente grossa sulla prua.

Forse entrerà in cubia meglio delle altre ma a mio avviso piuttosto brutta.

Anche l'occhio vuole la sua parte. :s10:

 

coubet.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è che l'hanno fatta così per ridurre la segnatura radar, anche se di poco?

Per un buon risultato stealth ogni dettaglio è rilevante: forse l'ancora disposta orizzontalmente ha una sezione radar un pò minore.

 

Comunque concordo: è brutta, anche se altre realizzazioni stealth la battono (es DDG-1000 Zumwalt, e non solo per le cubie!!! :s68: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

ANCORE INCASTRATE

 

Le seguenti foto mostrano altrettante ancore che non vogliono entrare in cubia - S'incastrano nella scatola che ha l'apertura esterna della cubia e restano così, sperando che alla prossima volta che si da "fondo" risalgano orientate in modo migliore per l'entrata in cubia.

Io ritengo che il progetto della cubia non sia stato sufficientemente studiato,

 

 

fletchercubie.jpg

FLETCHER - 1944 - 174 unità costruite dagli USA dislocamento 2940

tonn. PC HP 60.000 per 38 nodi. L'ancora ha la marra sopra il trincarino.

 

 

moqueuse.jpg

LA MOQUEUSE - 1987 - dislocamento 373 tonn. 23 nodi, francese.

L'ancora è incastrata nella scatola troppo piccola e resta bloccata.

 

 

hmsjuno1967.jpg

JUNO - 1967 - fregata inglese della classe "Leander" di 2.300 tonn di dislocamento. L'ancora è puntata sull'orlo della cubia, pare congegnata da disegnatori novellini senza esperienza.

 

 

schlesholsteinaincastra.jpg

SCHLESWIG - HOLSTEIN - 1908 - dislocamento 13.200 tonn

HP 17.000 per 18 nodi 3 eliche.

Come si può vedere anche i nostri nonni sbagliavano nel progettare le cubie..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non è che l'hanno fatta così per ridurre la segnatura radar, anche se di poco?

coubet.jpg

 

La derivata Supreme, sembrerebbe non aver ancore nè cubie ...

xqcob9.jpg

 

E' difficile credere che abbiano fatto quella soluzione sull'Unità francese " Courbet" per ottenere una minore segnatura radar.

L'Unità non ha un finestrino né oblò né altre aperture tranne il ponte di comando.

Tutto per ottenere la minore segnatura. La soluzione che vediamo è dunque un errore madornale. Le due scatole che ci stanno a fare ?

Non proteggono l'ancora, ma appaiono molto efficienti a fare segnatura.

L'ancora appare forse in buona posizione, ma la sua base doveva essere coperta da una piastra liscia con spigolo al centro per riflessione angolata.

La soluzione è avere l'ancora sotto il livello del mare perché un'ancora ci deve essere, magari solo a poppa, come ci mostra l'amico Odisseo.

 

Un cordiale saluto a tutti e grazie per gli interventi.

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
La derivata Supreme, sembrerebbe non aver ancore nè cubie ...

 

xqcob9.jpg

 

 

Però, sotto la cima che si intravede a prora, si nota un rettangolo. Che sia un portello per nascondere l'ancora?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ero convinto che fosse gia stata postata da tempo ma non la trovo...

 

L'ancora del sauro, ovviamente!

 

img0878qd.jpg

 

 

Toh, ecco dove avevo lasciato il mio portachiavi!!! :s68:

 

Vabbe, perdonatemi ma non ho saputo resistere! :s03: Anche perchè sarei veramente capace di usare questa scusa per accaparrarmi quel cimelio! :s10:

Share this post


Link to post
Share on other sites
ero convinto che fosse gia stata postata da tempo ma non la trovo...

 

L'ancora del sauro, ovviamente!

 

img0878qd.jpg

 

Caro Totiano, questa esibizione proprio ci mancava. Hai fatto venire la voglia ad Argo75 del ciondolo per il suo portachiavi. :s14:

Vado ad avvisarlo che il ciondolo é un pò pesante e gli buca le tasche... :s10:

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Toh, ecco dove avevo lasciato il mio portachiavi!!! :s68:

 

Vabbe, perdonatemi ma non ho saputo resistere! :s03: Anche perchè sarei veramente capace di usare questa scusa per accaparrarmi quel cimelio! :s10:

 

Fai attenzione Argo75, quel ciondolo é un pò pesante (960 Kg.).

Ti buca le tasche e non voglio avere rimorsi. :s06:

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Le ancore di queste torpediniere, esistono ancora. Le torpediniere, purtroppo, no.

 

ABBA e LIBRA

 

torpedinieraabba.jpg

 

torpedinieralibra.jpg

 

Le torpediniere erano probabilmente gemelle, ma le ancore no.

L'ancora della torprdiniera Abba é del modello "Ansaldo", più gradita alla M.M.I.

L'ancora della torpediniera Libra é del modello "Hall".

 

palazzomarina1.jpg

 

Sul Portone del Ministero M.M.I. sul Lungotevere ci sono le ancore della Viribus Unitis, affondata in porto a Pola da sommozzatori Itaiani nella prima guerra mondiale.

 

Io queste ancore non le ho mai viste, perché tutte le volte che sono andato al Ministero, per partecipare a riunioni, sono entrato sempre dal retro.

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fai attenzione Argo75, quel ciondolo é un pò pesante (960 Kg.).

Ti buca le tasche e non voglio avere rimorsi. :s06:

 

Varo5

 

 

Nessun problema ho già preso accordi con Fincantieri per un rinforzo della fodera dei pataloni! :s03:

Cosa non farei pur di rivedere a Monfalcone uno dei Sauro! :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nessun problema ho già preso accordi con Fincantieri per un rinforzo della fodera dei pataloni! :s03:

 

Benissimo ora sono tranquillo... :s20:

Ciao Argo75

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nessun problema ho già preso accordi con Fincantieri per un rinforzo della fodera dei pataloni! :s03:

Cosa non farei pur di rivedere a Monfalcone uno dei Sauro! :s06:

 

a parte il rinforzo dei pantaloni, come fai quando vai in banca? dove lo trovi il box per mettere il portachiavi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
a parte il rinforzo dei pantaloni, come fai quando vai in banca? dove lo trovi il box per mettere il portachiavi?

 

 

Macchè box! Ho le chiavi agganciate ad un moschettone: lì ci sta benissimo anche il "ciondolo"! :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

catenaallaboa.jpg

HMS "Newcaste" - 1938 - dislocamento PC 12.680 tonn. 75.000 HP per 32 nodi.

 

Per ormeggiarsi alla boa con la catena dell'ancora hanno dovuto fare una ben complicata manovra.

Da notare l'ancora che bisognava togliere d'attorno pesava 6 tonnellate. Dato che non sono gru adatte nei paraggi, è necessario usare gli argani di tonneggio.

Prima bisogna armare due cavi (non uno) che possano reggere le 6 tonn. ciascuno (cavi di canapa di diametro almeno 50 m/m).

Filare l'ancora in modo che la cicala dell'ancora esca dalla cubia. Calare un marinaio all'esterno sull'ancora e legare i due cavi alla cicala

dell'ancora.

Bastano due gasse d'amante ? io non credo, è necessario che le cime dei due cavi siano armate da radance adeguate a sopportare le sei tonnellate e ganci chiudibili.

Un cavo serve a tirare l'ancora orizzontalmente in quella posizione e il secondo cavo serve per alzarla nella posizione che si vede.

La catena con traversino può aver un diametro di 60 m/m. Deve essere aperta in corrispondenza di una maglia Kenter per poter effettuare l'ormeggio mostrato.

Una lunghezza di catena per navi militari (25 metri) di quel dislocamento pesa due tonnellate. Le lunnghezze di catena sono congiunte con maglie apribili, come si vede sul disegno.

 

... penso che gli elementi che Vi ho dato possano essere sufficienti per farsi un'idea delle difficoltà operative, che bisogna affrontare per attuare un simile ormeggio alla boa.

 

Il penzolo di sicurezza su tutte e tre ancore, in questo caso sono indispensabili.

Anche il collegamento all'ancora ha qualche cosa del genere. Manca però il tenditore ed al suo posto c'è il tornichetto che serve ad evitare che la catena si attorcigli su se stessa col variare dei venti che fanno girare la nave ancorata. Vedi sui disegni come sono organizzate.

 

 

bozza.jpg

Il penzolo di sicurezza che trattiene la catena con l'ancora in mare.

 

 

kenter.jpg

La maglia Kenter che unisce tra di loro le lunghezze di catena. 25 metri le navi militari - 27,5 metri le navi mercantili.

 

 

Una maglia della catena viene stretta dalla bozza. Per aprirla basta un colpo di martello sulla staffa dopo tolta la sicura. Il tenditore serve a tesare la presa e liberare l'argano da pericolosi strappi sulla catena.

 

Le cose non sono così semplici come possono sembrare.

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
La derivata Supreme, sembrerebbe non aver ancore nè cubie ...

 

xqcob9.jpg

Sono stati bravi. Bisogna aguzzare la vista oppure vederla in porto. Osservando con molta attenzione vedo che l'ancora è nascosta dietro una portella che si apre con qualche congegno meccanico e quando chiusa scompare completamente.

 

Ottima osservazione STV (CP), bravo ! E, soprattutto, complimenti a quel progettista che l'ha realizzata ! La soluzione è perfetta.

Altro che quello sgorbio di Bourbet.

 

Dopo preparata questa risposta, trovo addiritura la conferma.

 

 

800pxrssintrepid.jpg

 

 

Io ho fatto qualche cosa del genere con il posto di controllo manovre a prua sulla "Garibaldi".

Un piccolo impianto idraulico, manovrabile sul posto con pompa a mano, abbatte la porta, diventando una passerella con guardacorpo per il posto di manovra.

 

garibaldi1.jpg

 

si vede il posto sopra la cubia dell'ancora

 

garibaldi3l.jpg

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

PORTAEREI

Accade che talvolta l'ancora virata in cubia s'incastri. Bisogna filare la catena finché l'ancora è libera di girare ed in qualche modo aiutarla a girare quanto basta, per presentarsi nel modo più opportuno per l'entrata del fuso nel tubo e poggiare le marre sul bordo ingrossato della cubia.

L'ancora si gira facilmente perché c'è un componente prima della catena, adatto a consentirlo, che si chiama "tornichetto" .

 

E' più difficile se la cubia si trova sulla murata sottostante e non sul trincarino, ma è impossibile fare qualche cosa sulle portaerei, perché le ancore sono irragiungibili.

Ci rendiamo conto guardando le foto di tre portaerei costruite in Gran Bretagna.

I nomi non inglesi sono dovuti alla loro cessione ad altre nazioni.

 

albion.jpg

ALBION - 1954 - inglese - dislocamento 27000 tonn. e 76000 HP per una velocità di 28 nodi.

 

kareldoorman.jpg

KAREL DOORMAN - 1944 - olandese - dislocamento 18400 tonn.

(ex Venerable) 42000 HP per una velocità di 25 nodi.

 

arromanches.png

ARROMANCES - 1944 - francese - dislocamento 18400 tonn.

(ex Colossus) 42000 HP per una velocità di 25 nodi, gemella della Venerable.

 

Le ancore non sono pennellate (in attesa di dare fondo). Gli equipaggi sono schierati sul ponte di volo per qualche cerimonia.

Semplicemente i marinai hanno rinunciato di sistemare le ancore in modo più dignitoso.

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sopra ho postato il penzolo che unisce la catena all'ancora ed ho indicato il tornichetto che

acconsente all'ancora di girare senza attorcigliare la catena.

Ho trovato il disegno del pezzo e ve lo mostro come è fatto.

 

tornichetto.png

 

 

Varo 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

NOME DELLE ANCORE

 

Dopo aver visto tante ancore e notato le loro diversità di forma (non di sostanza) individuiamo la loro forma su disegni e nome tipologico. Probabilmente il loro nome si riferisce a quello del loro progettista.

Non ho mai letto né sentito sulla loro funzionalità. Cioè se adatte ad un determinato fondo marino (sabbioso, roccioso, più o meno accidentato) ed eventuali difficoltà di spedamento.

 

ancoraadmiral.pngancoraammiragliato.png

 

ancoraansaldo.pngancorahall.png

 

Raccontiamo il "Filare per occhio" termine marinaresco che non tutti conoscono.

Qualche volta l'ancora si incastra tra le asperità del fondo e per virarla a bordo non basta la bravura del nostromo.

Allora la nave non può stare lì a chiedere ed aspettare l'aiuto dei palombari.

 

L'ordine di "Filare per occhio" è quello di sfilare la catena e lasciare l'ancora e la catena in fondo al mare. Se possibile agganciare un gavitello per segnalare il luogo del recupero.

Per le navi miilitari c'è un secondo motivo per dare quest'ordine.

In caso di bombardamento con la nave "pronta a muovere", l'Unità deve salpare rapidamente senza perdere prezioso tempo a recuperare la catena e l'ancora. In questo caso l'ancora non va perduta ma recuperata senza fretta.

 

Un dettaglio certamente sconosciuto. L'ultimo anello della catena non è libero a sfilare ma trattenuto da un gancio che evita lo sfilare per occhio involontario.

E' una delle prove di collaudo in mare col fondale più profondo della lunghezza della catena. Se tiene lo strappo.

E' una botta sonora oltre ad essere forte! fa vibrare la prora.

Il suddetto gancio ha un comando a distanza meccanico che libera la catena al detto ordine, ma serve anche a liberare la catena in bacino per manutenzione.

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

La più grande differenza tra quella a marre fisse (Ammiragliato) e quella a marre mobili (le altre disegnate), sta' nel fatto che la prima prende il fondo con una marra sola, mentre le altre con tutte. Inoltre, con i bassifondi, la marra non insabbiata di quella di tipo ammiragliato, potrebbe danneggiare lo scafo di un'unità navale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
La più grande differenza tra quella a marre fisse (Ammiragliato) e quella a marre mobili (le altre disegnate), sta' nel fatto che la prima prende il fondo con una marra sola, mentre le altre con tutte. Inoltre, con i bassifondi, la marra non insabbiata di quella di tipo ammiragliato, potrebbe danneggiare lo scafo di un'unità navale.

 

Sono d'accordo STV (CP) con le tue osservazioni.

Abbiamo posto foto della "Vespucci" per capire le complesse operazioni di recupero dell'ancora, al fine di evitare che toccasse lo scafo.

Travi come corna per poter alarle e piccole, ma robuste gru, per metterle in posizione di riposo.

 

Non conosco il loro peso. Stimo intorno alle 2 tonnellate.

Anche dare "fondo" è complicato, perché bisogna posizionare l'ancora con una manovra a ritroso rispetto il recupero, per averla appesa per tempo all'ordine "fondo".

 

Le ancore a marre mobili sono praticamente pronte all'ordine "fondo". Con un colpo di martello alla bozza che la trattiene (vedi figure già posizionate) e strettoio aperto in attesa di chiuderlo a manovella, all'ordine di arresto della catena corrente in cubia.

Il recupero è altrettanto agile per le ancore a marre mobili, che vanno in cubia con semplicità e senza problemi, se la cubia è ben progettata.

 

Posterò altri disegni di ancore a marre mobili di foggia diversa in breve.

 

Varo5.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E che dire delle ancoresse, non usate direttamente dalle navi, ma utilizzate per il fissaggio al fondo delle boe. Rispetto alle ancore di tipo ammiragliato, possiedono una sola marra e unite, solitamente in un sistema di tre, assicurano le boe di ormeggio delle navi in rada, in sostituzione della ancore di bordo.

 

http://xoomer.virgilio.it/cherini/Ancore/slides/an_0180.html

Edited by STV(CP)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posto una foto da me scattata all'ingresso del National Maritime Museum di Greenwich, l'ancora in questione potrebbe essere del tipo 'Admiral' (la parte del diamante è comunque diversa) anche se nel disegno che ha postato Varo non riesco ad essere certo se sia marre mobili come questa...

ancoranavalmuseum.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
E che dire delle ancoresse, non usate direttamente dalle navi, ma utilizzate per il fissaggio al fondo delle boe. Rispetto alle ancore di tipo ammiragliato, possiedono una sola marra e unite, solitamente in un sistema di tre, assicurano le boe di ormeggio delle navi in rada, in sostituzione della ancore di bordo.

 

Posto anche il disegno dell' "ancoressa" molto usata nei porti per boe e gavitelli. Inoltre le navi faro sono pure vincolate con ancoresse.

Certamente la marra alta fuori dal fondo marino, oltre ad essere inutile è pure pericolosa nei porti con acque poco profonde.

 

ancoressa.png

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posto una foto da me scattata all'ingresso del National Maritime Museum di Greenwich, l'ancora in questione potrebbe essere del tipo 'Admiral' (la parte del diamante è comunque diversa) anche se nel disegno che ha postato Varo non riesco ad essere certo se sia marre mobili come questa...

 

L'ancora sistemata al Museo di Greenwich è bella e degna del posto d'onore di un grande Museo.

Non è del tipo Admiral, che ha le marre mobili come tutte le ancore di quel tipo, ma piuttosto del tipo "Byers" con qualche particolare diverso.

Le marre hanno la stessa forma, ma rinforzata sui bordi che danno la possibilità d'alleggerimento di peso. Fatto non utile per un'ancora. Il peso dell'ancora è stabilito da tabellati in base al dislocamento della nave che la usa, quindi, il peso va spostato su altri particolari dell'ancora, oppure, richiede di costruire un'ancora più grande.

Se osserviamo i diversi tipi di ancore, notiamo che le marre sono grosse al centro e con il bordo smussato a cuneo per poter penetrare meglio nel fondo del fondo marino. Le marre sono pesanti per potersi buttare di lato e resistere alla repulsione del terreno marino favorendo l'incastro.

 

A mio modo di vedere, l'ancora del Museo di Greenwich è bella ma meno efficiente delle altre.

 

ancorabyers.png

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il peso dell'ancora è stabilito da tabellati in base al dislocamento della nave che la usa, quindi, il peso va spostato su altri particolari dell'ancora, oppure, richiede di costruire un'ancora più grande.

 

Varo5

 

Il calcolo del famoso modulo di armamento...

 

Varo che dire... hai un nuovo fan! Grazie delle delucidazioni! :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il calcolo del famoso modulo di armamento...

 

Varo che dire... hai un nuovo fan! Grazie delle delucidazioni! :s20:

A pate l'esperienza e le opinioni, l'ancora che hai fotografato al Museo di Greenwich, è stata impiegata sulle unità militari inglesi. Se vai alla pagina 4 di questo stesso post troverai la foto dell'incrociatore HMS "Newcastle" di 12.680 tons a p.c., ormeggiato alla boa, che mostra l'ancora del tipo che hai fotografato.

 

E' gemello del famoso "Belfast" ormeggiato nel Tamigi a Londra a far da Museo galleggiante.

 

hmsbelfastlondon.jpg

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
E che dire delle ancoresse, non usate direttamente dalle navi, ma utilizzate per il fissaggio al fondo delle boe. Rispetto alle ancore di tipo ammiragliato, possiedono una sola marra e unite, solitamente in un sistema di tre, assicurano le boe di ormeggio delle navi in rada, in sostituzione della ancore di bordo.

 

ancamm.png

 

Questa immagine mostra l'ancora "Ammiragliato" appennellata, in attesa dell'ordine "Fondo".

L'immagine è eloquente per suggerire quanto lavoro richiede le sue manovre per usarla sia per l'ancoraggio che per il recupero.

Il suo peso è di qualche tonnellata e non di pochi kilogrammi, che il verricello salpancore può poco aiutare.

Non mi dilungo sulla sua posizione di riposo a bordo, che non può essere definito di "sgombero".

 

Varo5 .

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' indubbio che l'invenzione delle ancore a marre mobili è stata una cosa molto importante, non solo per la facilità con la quale viene calata o salpata, ma anche per la maggior presa al fondo che essa può offrire, utilizzato contemporaneamente le 2 marre e per le sue più limtate dimensioni. Mi son fatto spiegare da chi ha manovrato le ancore del Vespucci (un cinquantennio orsono) e devo dire che il racconto è stato interessante.

Share this post


Link to post
Share on other sites
'STV(CP)' date='Dec 27 2010, 09:23 PM' post='338857']

E' indubbio che l'invenzione delle ancore a marre mobili è stata una cosa molto importante, non solo per la facilità con la quale viene calata o salpata, ma anche per la maggior presa al fondo che essa può offrire, utilizzato contemporaneamente le 2 marre e per le sue più limtate dimensioni. Mi son fatto spiegare da chi ha manovrato le ancore del Vespucci (un cinquantennio orsono) e devo dire che il racconto è stato interessante.

Io non l'ho mai vista una manovra con l'ancora "Ammiagliato". Solo la immagino con l'esperienza che ho.

Mi piacerebbe che tu la raccontassi.

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando rientrerà mio padre, mi farò raccontare meglio. E' tutta una serie di manovre di gruette, cavi, salpaancore, verricello, etc. e le mie idee sono confuse; oltre al semplice ancoraggio, l'ancora va assicurata e bloccata nel miglior modo possibile, per evitare che una massa di metallo così pesante vada a colpire la murata e più limitatamente per la stabilità trasversale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho postato la foto notturna del museo galleggiante (che usa l'ancora di Greenwich) perché più bella.

Eccoti la foto che trovi invece sulla pubblicità per i turisti che vanno a Londra.

 

belfast.png

 

l' HMS "BELFAST" ancorato sul Tamigi a Londra fotografato dalla Tower Bridge a fare museo dei ricordi illustri. La scelta di questa Unità e dovuta probabilmente al fatto di aver scoperto al radar l'incrociatore da battaglia tedesco "Scharmhorst" nel mare artico, alla ricerca di un convoglio alleato di rifornimenti bellici per l'esercito russo.

Il "Belfast attirò la squadra inglese, costituita dalla corazzata "Duke of York" da 45.360 tons e calibri da 355 mm e dall'incrociatore "Jamaica" da 11.270 tons con numerosa scorta di cacciatorpediniere. La battaglia che seguì portò all'affondamento dell' Unità tedesca.

Si salvarono 27 persone raccolte in mare dagli inglesi, ma morì l'ammiraglio tedesco Bey con tutti i suoi ufficiali.

 

belfast2.png

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho scoperto solo ora questo interessantissimo thread sulle ancore.... :s01:

A me le ancore sono sempre piaciute e quando viaggio sono un soggetto fotografico che amo moltissimo....

 

Ecco lo scatto di una delle possenti ancore dalla portaerei USS Midway a San Diego - California....

 

2uyhp2d.jpg

 

... ma del resto tutta la nave è "possente"!!

 

Queste foto le ho scattate nell'ottobre scorso durante un lungo viaggio sulla costa del Pacifico.

Oggi la USS Midway è diventata un bellissimo museo dell'aria della U.S. Navy.....

2qithtv.jpg

 

 

oj2yxu.jpg

 

Anche quest'ancora è possente....

 

104qj4y.jpg

 

...la foto l'ho scattata in ottobre a Long Beach - CA :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa immensa ancora, invece, era a bordo del transatlantico Queen Mary, oggi trasformato in museo galleggiante nel porto di Long Beach in California....

 

bgwjk1.jpg

 

Un'ancora molto più piccola..... davanti all'ingresso del Museo Marittimo a Santa Barbara - CA.

n2ejie.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho scoperto solo ora questo interessantissimo thread sulle ancore.... :s01:

A me le ancore sono sempre piaciute e quando viaggio sono un soggetto fotografico che amo moltissimo....

Bel "colpo" MARPOLA ancore del genere sono assai rare. Pesano intorno alle 15 tonnellate ciascuna.

grazie per la "pesante" partecipazione.

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Portaerei museo US Navy - INTREPID

NY, USA, primi giorni di novembre 2010

 

Belle immagini. Io mi auguro che facciano lo stesso anche in Italia con la "Garibaldi"

Sarebbe una bella soddisfazione personale.

 

Varo5

Edited by Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho postato la foto notturna del museo galleggiante (che usa l'ancora di Greenwich) perché più bella.

Eccoti la foto che trovi invece sulla pubblicità per i turisti che vanno a Londra.

 

belfast.png

 

l' HMS "BELFAST" ancorato sul Tamigi a Londra fotografato dalla Tower Bridge a fare museo dei ricordi illustri. La scelta di questa Unità e dovuta probabilmente al fatto di aver scoperto al radar l'incrociatore da battaglia tedesco "Scharmhorst" nel mare artico, alla ricerca di un convoglio alleato di rifornimenti bellici per l'esercito russo.

Il "Belfast attirò la squadra inglese, costituita dalla corazzata "Duke of York" da 45.360 tons e calibri da 355 mm e dall'incrociatore "Jamaica" da 11.270 tons con numerosa scorta di cacciatorpediniere. La battaglia che seguì portò all'affondamento dell' Unità tedesca.

Si salvarono 27 persone raccolte in mare dagli inglesi, ma morì l'ammiraglio tedesco Bey con tutti i suoi ufficiali.

 

belfast2.png

 

Varo5

 

Carissimo Varo, mi era sfuggito il tuo post di risposta e me ne scuso!!! L'HMS Belfast è stato il più grande rimpianto della mia visita londinese unito allo 'strazio' di non poter raggiungere Portsmouth e Gosport per visitare i rispettivi musei! Specialmente quello dello dei Sommergibili di Gosport! Per non parlare dell'HMS Victory! Riguardo all'HMS Belfast arrivai sulle sponde del Tamigi che era già ora di chiusura ma stetti almeno 2 ore buone a riempirmi gli occhi di cotanto naviglio!! :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nell'oceanica esposizione delle foto "BELFAST" ho trovato tre foto interessanti a questo post di ancore e cubie.

 

la zona di prora adibita alla manovra delle ancore e relative catene dove si vede in primo piano la bozza ed il tenditore. Sono oggetti "internazionali".

 

belfastponte.jpgbelfastd.jpg

 

 

L'ancora di riserva è sistemata sotto l'asta bandiera di bompresso come si può notare con l'avvicinamento fotografico.

belfastavanti.jpgbelfastavanti2.jpg

 

Infine un belllissimo primo piano dell'ancora.

belfastancora.jpg

 

Varo5.

Share this post


Link to post
Share on other sites

img6782f.jpg

 

Ho cercato d'immaginare la manovra per agganciare la cicala dell'ancora per sollevarla all'altezza della puleggia di appenellazione, inserita nella gru del capone

(trovato il nome dei corni che non ricordavo).

La cicala dell'ancora è appena fuori dall'acqua sotto la murata.

Vanno con l'imbarcazione di servizio? No, perché al recupero la nave è in moto con l'elica al minimo di giri o tirando con l'argano a salpare fino allo spedamento

con la catena verticale sul fondo.

Allora ho scherzosamente pensato al gancio della gru, per tirare l'ancora a bordo, agganciata alla cintura dei pantaloni del marinaio (lato posteriore ovvio) per calarlo

come un pacco a bagnarsi con l'onda di prua finché non riesce a finire l'operazione.

Lo immaginate al recupero.

 

Uno schizzo della gru del capone come quello della "Vespucci"

 

serrabozze.jpg

 

guardate un po' la realtà. Non sono andato lontano, si bagna i piedi e le mani.

Ha salvato i pantaloni stando seduto.

 

vespuccimanovrancora001.png

 

 

Mi piacerebbe vedere le manovre per armare l'ancora di riserva che si dice "di rispetto".

 

ancoravespuccipoppa.jpg

 

 

Credo che sia stata una manovra più facile quando la "Vespucci" è andata al raduno dei velieri d'epoca a Kiel nel mar Baltico.

Immaginate di vedere le facce dei partecipanti quando la "Verpucci" è arrivata a Kiel uscendo dal canale navigabile.

...Come ha fatto a passare sotto il ponte ?

 

vespucciatuttavela.png

 

 

Varo5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,338
    • Total Posts
      511,018
×