Jump to content
Sign in to follow this  
BUFFOLUTO

Classe Torricelli (1959)

Recommended Posts

logo.smg.trasp.50.png

 

Sommergibili classe "Evangelista Torricelli"

SSK.TORRICELLI.CLASS.2.png

 

Caratteristiche generali della classe "Torricelli":

Tipo: sottomarino SS

Dislocamento:
- in superficie: 1.846 t
- in immersione: 2.466 t
Dimensioni:
- Lunghezza: 95,20 m
- Larghezza: 8,33 m
- Immersione: 4,65 m
Apparato motore superficie: 4 gruppi elettrogeni composti da motori Diesel General Motors e dinamo General Electric , 2 eliche a 4 pale
- Potenza: 3200 cv (2.355,2 kW)
- Velocità max. in superficie: 18 nodi
- Velocità max. con lo schnorkel: -- nodi
- Autonomia in superficie: 6.885 miglia a 17,3 nodi - 15.055 miglia a 10,2 nodi
- Autonomia con lo schnorkel: --
Apparato motore immersione: 4 motori elettrici di propulsione Generai Electric, 1 batteria di accumulatori al piombo
- Potenza: 2.750 cv (2.024 kW)
- Velocità max in immersione: 10 nodi
- Autonomia in immersione: 25,5 miglia a 8,5 nodi - 81 miglia a 4,5 nodi
Armamento:
- 6 tls AV da 533 mm, 16 siluri da 533 mm (Mk 14 o Mk 23)
- 4 tls AD da 533 mm, 8 siluri da 533 mm (Mk 14 o Mk 23)
Apparecchiature operative:
- radar di navigazione e scoperta di superficie
- IFF trasponditore per il riconoscimento amico/nemico
- ESM sistema per il riconoscimento di emissioni radar nemiche
- Sistema idrofonico ed ecogoniometrico
Equipaggio: 7 ufficiali, 71 sottufficiali e comuni
Profondità di collaudo: 125 m
- coefficiente di sicurezza: 1,5

 

SSK.COLORED.TORRICELLI.CLASS.2.png

 

Unità della classe “Torricelli”:

Evangelista Torricelli – S 512
(ex Lizardfish SS 373)
Cantiere: Manitowoc Shipbuilding Company, Manitowoc (Winsconsin, USA)
Impostazione: 14.03.1944, Varo: 16.07.1944, In servizio nell'US Navy: 30.12.1944, In servizio nella M.M.I.: 09.01.1960, Disarmo: --. --. ----,* Radiazione: 30.09.1976

Alfredo Cappellini (2°) – S 507
(ex Capitaine SS 336)
Cantiere: Electric Boat Company, Groton (Connecticut, USA)
Impostazione: 02.12.1943, Varo: 01.10.1944, In servizio nell'US Navy: 26.01.1944, In servizio nella M.M.I.: 05.03.1956, Disarmo: --.--.----,* Radiazione: 01.11.1977

 

Francesco Morosini (2°) – S 507
(ex Besugo SS 321)
Cantiere: Electric Boat Company, Groton (Connecticut, USA)
Impostazione: 27.05.1943, Varo: 27.02.1944, In servizio nell'US Navy: 19.06.1944, In servizio nella M.M.I.: 31.03.1956, Disarmo: --.--.----,* Radiazione: 30.11.1977

* Alcune differenze nelle date di iscrizione, disarmo e radiazione delle unità sono state riportate nelle relative schede.

Generalità della classe “Torricelli”:

Dopo l’acquisizione dei due battelli della classe “Gato”, nel corso degli anni ’60 entrarono a far parte della M. M. I. altri tre sommergibili ex U. S. Navy, realizzati per le esigenze belliche verso la fine del secondo conflitto mondiale.

In questo caso si trattava di unità appartenenti alla classe “Balao”, che si distingueva dalla precedente solamente per un particolare tenuto rigorosamente segreto; lo scafo resistente di questi battelli era realizzato con “high-tensile steel”, che con un leggero aumento dello spessore delle lamiere, garantiva una quota operativa di 400 piedi.

Dei 256 battelli previsti, ne furono completati 119; la decisione di bloccare il completamento della classe risultò molto saggia in quanto molti battelli nel 1946, dopo pochi anni di servizio, risultavano in riserva per essere trasformati o venduti a paesi terzi.

 

Balao_profilo.1024.jpg

 

Caratteristiche generali della classe "Balao"

Dislocamento:
- in superficie: 1.550 t
- in immersione: 2.460 t
Dimensioni:
- Lunghezza: 93,60 m
- Larghezza: 8,31 m
- Immersione: 4,70 m
Apparato motore superficie: 4 gruppi elettrogeni composti da motori Diesel General Motors e dinamo General Electric , 2 eliche a 4 pale
- Potenza: 5.400 cv
- Velocità max. in superficie: 20 nodi
- Autonomia in superficie: 11.000 miglia a 11 nodi
Apparato motore immersione: 4 motori elettrici di propulsione Generai Electric, 2 batteria di accumulatori al piombo
- Potenza: 2.750 cv
- Velocità max in immersione: 9 nodi
- Autonomia in immersione: 100 miglia a 2,0 nodi
Armamento:
- 6 tls AV da 533 mm, 16 siluri da 533 mm (Mk 14 o Mk 23)
- 4 tls AD da 533 mm, 8 siluri da 533 mm (Mk 14 o Mk 23)
- 1 cannone da 127/25 mm
- 2 mitragliere da 12,7 mm
- 2 mitragliere da 7,62 mm
Equipaggio: 6 ufficiali, 54 sottufficiali e comuni
Profondità di collaudo: 125 m

 

FONTI CONSULTATE:

Mario Cecon “L’ evoluzione del sommergibile in Italia dal 2° dopoguerra” – R.I.D. n° 11 - novembre 1993

Alessandro Turrini “Almanacco dei sommergibili” tomo III supplemento alla Rivista Marittima n° 2 - febbraio 2003

Michele Cosentino “Sommergibilisti in America” Rivista Marittima marzo 2005

Notiziario della Marina n° 3 - marzo 1967

http://it.wikipedia.org/wiki

http://www.navsource.org/archives/08/08247.htm

 

01balaoclass.jpg

 

10torricelli1960001c.jpg

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

distintivoMM2.PNG

 

Evangelista Torricelli (4°) – S 512
(ex SS 373 Lizardfish)
In silentio et spe

(Nel silenzio e nella speranza)

 

SSK.Evangelista.Torricelli.2_S.512.png

 

Cantiere: Manitowoc Shipbuilding Co., (Manitowoc, Wisconsin U.S.A.)
Impostazione: 14 marzo 1944
Varo: 16 luglio 1944
In servizio: 30 dicembre 1944 (nella U.S. Navy)
In riserva: 24 giugno 1946 Rimesso in servizio per essere trasferito a Pearl Harbour per i lavori di trasformazione in “Fleet Snorkel”: 16 marzo 1959

Consegnato alla M.M.I.: 9 gennaio 1960

Disarmo: 1 luglio 1976
Radiazione: 1 ottobre 1976

Restituzione ad U.S.Navy: 1976 (nota 1)

 

 

Attività:

Manitowoc, nello stato del Wisconsi, si affaccia sul lago Michigan ed il Lizardfish, partito dopo la consegna all’ U. S. Navy il 20 gennaio 1945, giunse a Pearl Harbour il 23 marzo; dovette affrontare un lungo trasferimento; attraverso il lago nel canale di Chicago raggiunse la località di Lockport, dove immesso in un bacino galleggiante fu trasportato in Atlantico lungo il fiume Missisipi e poi attraverso il canale di Panama continuò la navigazione per la sua base operativa.

 

Il sommergibile Lizardfish entrato nel teatro operativo del Pacifico all’inizio del 1945 ebbe scarsa attività e per le ragioni espresse precedentemente il 24 giugno 1946 fu messo in disarmo.

 

Prima di essere concesso in prestito alla M. M. I. nel 1959 fu sottoposto a lavori di trasformazione in “Fleet Snorkel”, versione limitata per ragioni economiche rispetto al programma “GUPPY”; l’aspetto esterno del battello in confronto a Tazzoli e Da Vinci differiva solamente nel dritto di prua, che nel Torricelli manteneva il profilo originale; il 9 gennaio 1960 ci fu a Pearl Harbour la cerimonia della consegna e il 19 febbraio la partenza per l’Italia; dopo tappe intermedie a Balboa (per il transito nel Canale di Panama), Key West (Florida), Azzorre e Gibilterra, in aprile il Torricelli giunse a Taranto; poiché il battello era armato con l’obice da 5 pollici, sistemato a poppavia della vela, durante il trasferimento fu effettuata una prova della sua funzionalità; il contraccolpo fu impressionante e mandò in frantumi a bordo stoviglie e lampadine elettriche; l’arma fu poi sbarcata a Taranto e conservata presso la Scuola Sommergibili.

 

La supposizione che il Lizardfish avesse partecipato al film “Operazione sottoveste” è stata smentita; la circostanza è menzionata da Michele Casentino nel suo saggio storico “Sommergibilisti in America” R. M. marzo 2005: il colore rosa che affiorava durante le operazioni di carenaggio era probabilmente da attribuirsi al viraggio della colorazione del minio.

Fonte di provenienza americana riporta che in origine al battello fu assegnato il nome Luigi Torelli; comunque consegnato alla M.M.I. come Evangelista Torricelli fu impiegato in compiti operativi addestrativi e sperimentali, evidentemente con lo scopo di sperimentare alcune apparecchiature che sarebbero state adottate dai sommergibili classe “Sauro”. Cessata l’attività operativa fu restituito all’U. S. Navy che vendette lo scafo.

 

Lizardfish_1945.jpg

Il sommergibile Lizardfish (SS-373) nel suo aspetto originale, 15 January 1945.

Foto di Harry Berns, via navsource.org

 

Lizardfish_fine.1945_upgrade.Fleet.Snork

Il sommergibile Lizardfish (SS-373) alla fine degli anni '50, dopo l'upgrade alla versione "Fleet Snorkel".

Per g.c. John Hummel, USN (Riserva), via navsource.org

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(nota 1)

[Originally to be named LUIGI TORELLI, former LIZARDFISH was transferred to Italy on loan. Shifted from operational duties 5 March 1966, EVANGELISTA TORRICELLI (sometimes spelled TORICELLI) was used for training and experiments. She was discarded in 1976. Former LIZARDFISH was stricken from the US Navy Register on 15 July 1978.“Jane’s Fighting Ships, 1961-62,” p.134; “1976-77,” p.253 says the sub was discarded in 1975, however, she is shown in the 1977-78 edition, page 259, as a training and experimental vessel; she is listed as discarded in 1976, in the 1978-79 edition, page 255, and the 1979-80 edition, page 268.“Conway’s All The World’s Fighting Ships, 1947-1995,” p.212.K. Jack Bauer and Stephen S. Roberts, “Register of Ships of the U. S. Navy, 1775-1990,” p.277]Transcribed by Michael Hansenmhansen2@home.com Decommissioned, and transferred (loaned) to Italy, 9 January 1960; renamed Evangelista Torricelli (S-512); Struck from the Naval Register, 1 July 1976; Final Disposition, discarded by the Italian Navy in 1976, fate unknown. Lizardfish received one battle star for World War II service.

 

http://www.navsource.org/archives/08/08373.htm

 

---------------------------------------------------------------------------------------

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

distintivoMM2.PNG

 

Alfredo Cappellini (2°) – S 507
(ex SS 336 Capitaine)
Nec aspera terrent

(Non mi spaventano le difficoltà)

 

SSK.Alfredo.Cappellini_S.507.png

 

Cantiere: Electric Boat Company, Groton (Connecticut, USA)
Impostazione: 2 dicembre 1943
Varo: 1 ottobre 1944
In servizio: 26 gennaio 1945 (nella U.S. Navy)
In riserva: 10 fenbbraio 1950 (posto in riserva presso Mare Island Naval Shipyard), Rientro in servizio: 23 febbraio 1957 con destinazione San Diego, Classificato AGSS 336 dopo i lavori: 1 luglio 1960, Trasformato in “Fleet Snorkel”: 1966
Consegnato alla M.M.I.: 5 marzo 1966 (nota 1)
Disarmo: 1 giugno 1977 (nota 2)
Radiazione: 5 dicembre 1977 (nota 3)

 

 

Attività:

Entrato in servizio all’inizio del 1945, il Capitaine fu inviato in Pacifico dove svolse scarsa attività; il 10 febbraio 1950 fu messo in disarmo; fu quindi sottoposto a trasformazione e l’1 luglio 1960 fu classificato AGSS-336 (Miscellaneous Auxiliary Submarine); nel 1966, prima di essere ceduto in prestito alla M. M. I., fu trasformato in “Fleet Snorkel” (versione più economica del programma “GUPPY”); in questo caso, oltre a conservare la prora originale, era stato dotato di una vela diversa da quella del Torricelli, perché la carenatura era meno estesa e lasciava scoperta la zona riservata a periscopi, snorkel e radar.

 

Nel 1965 partecipò, insieme al DD 517 Walker (denominato in seguito Fante nella M. M. I.), ad un film di Otto Preminger “In Harm’ Way”, ambientato all’attacco a Pearl Harbour da parte del Giappone.

 

Denominato Alfredo Cappellini, la consegna alla M. M. I. avvenne a San Francisco; partito da questa base il 20 dicembre 1966, al comando del C.C. Veniero Di Marzio, arrivò a Taranto il 12 febbraio 1967, dove con la consueta cerimonia entrò ufficialmente a far parte della Squadra Navale, attraversando il canale navigabile con la scorta delle motocannoniere Freccia e Baleno, salutata alla voce dai marinai schierati lungo le banchine e mettendo in mostra la “Fiamma”, per testimoniare la lunga traversata tra America ed Italia; dalla cronaca del Notiziario della Marina dell’epoca si può risalire alle alte cariche militari che presiedettero alla cerimonia: l’ Ammiraglio di Squadra Luciano Sotgiu, Comandante in Capo della Squadra Navale e il Contrammiraglio Pasquale Gigli, Comandante di Maricosom trasbordarono sul battello al largo di Taranto; il Capo di Stato Maggiore della Marina Ammiraglio Alessandro Michelagnoli e il Comandante in Capo del Dipartimento Militare Marittimo Ammiraglio di Squadra Salvatore Pelosi, assistettero alla cerimonia dalla sede dell’Ammiragliato. Cessata l’attività operativa fu restituito all’U. S. Navy che vendette lo scafo.

 

------------------------------------------------------------------------

(nota 1) secondo il testo "Tutte le navi militari d'Italia 1861-20111" di Franco Bargoni l'iscrizione nel "Quadro del naviglio militare" è avvenuto il 12 febbraio 1967

(nota 2) secondo il testo "Tutte le navi militari d'Italia 1861-20111" di Franco Bargoni il disarmo dal "Quadro del naviglio militare" è avvenuto il 1 novembre 1977

(nota 3) secondo il testo "Tutte le navi militari d'Italia 1861-20111" di Franco Bargoni la radiazione dal "Quadro del naviglio militare" è avvenuto il 1 giugno 1978

-------------------------------------------------------------------------

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

distintivoMM2.PNG

 

Francesco Morosini (2°) – S 508
(ex SS 321 Besugo)
Ex undis signum victoriae

(Dalle onde il segno della vittoria)

 

SSK.Francesco.Morosini_S.508.png

 

Cantiere: Electric Boat Company, Groton (Connecticut, USA)
Impostazione: 27 maggio 1943
Varo: 27 febbraio 1944,
In servizio: 19 giugno 1944 (nella U.S. Navy)
In riserva: 21 marzo 1958 (nella U.S. Navy) Classificato AGSS 336 dopo i lavori: 1 dicembre 1962, Trasformato in “Fleet Snorkel”: 1966
Consegnato alla M.M.I.: 31 marzo 1966 (nota 1)
Disarmo: 30 settembre 1974 (nota 2)
Radiazione: (nota 3)

 

 

Atttività:

Entrato in servizio il 19 giugno 1944, il Besugo fu inviato a Pearl Harbour, dove arrivò il 25 luglio 1944; in Pacifico svolse una proficua attività bellica, affondando diverse unità nemiche; messo in riserva il 21 marzo 1958, rientrò in servizio con la classifica di AGSS-321 (Auxiliary Research Submarine) l’1 luglio 1962; nel 1966 fu trasformato in “Fleet Snorkel” subendo gli stessi lavori del “Capitaine”; dopo la cessione in prestito alla M. M. I. divenne Francesco Morosini; partito dall’America all’inizio del 1967 giunse a Taranto il 10 marzo 1967 per la tradizionale cerimonia d’ingresso nella squadra navale.

Dopo aver operato nella Marina Militare per circa un decennio, dopo la radiazione fu restituito all’U. S. Navy, che vendette lo scafo per demolizione alla ditta Nita Perllo Fedele & Alfonso S.p.A. di Genova per 69.000 dollari.

 

------------------------------------------------------------------------

(nota 1) secondo il testo "Tutte le navi militari d'Italia 1861-20111" di Franco Bargoni l'unità venne consegnata alla MMI il 5 marzo 1967 e l'iscrizione nel "Quadro del naviglio militare" è avvenuto il 10 marzo 1967

(nota 2) secondo il testo "Tutte le navi militari d'Italia 1861-20111" di Franco Bargoni il disarmo dal "Quadro del naviglio militare" è avvenuto il 1 dicembre 1973

(nota 3) secondo il testo "Tutte le navi militari d'Italia 1861-20111" di Franco Bargoni la radiazione dal "Quadro del naviglio militare" è avvenuto il 30 settembre 1974

-------------------------------------------------------------------------

 

 

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,689
    • Total Posts
      518,776
×