Jump to content
Sign in to follow this  
bartom

Classe R (1942)

Recommended Posts

Sommergibili classe " R "

 

classeRIsommergibiliItaliani-19631024.jpg

da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti

 

Catteristiche generali della classe " R " :

 

Tipo: Sommergibile da trasporto

 

Dislocamento:

- in superficie: 2220,00 t

- in immersione: 2616,00 t

Dimesioni:

- Lunghezza: 87,00 m

- Larghezza: 7,80 m

- Immersione: 6,13 m

Apparato motore superficie: 2 motori diesel Tosi, 2 eliche

- Potenza: 2.600 cv

- Velocita max. in superficie: principale 14,0 nodi

- Autonomia in superficie: 12.000 miglia a 9 nodi

Apparato motore immersione: 2 motori elettrici di propulsione Marelli

- Potenza: 900 cv

- Velocita max: 6,5 nodi

- Autonomia in immersione: 110 miglia a 3,5 nodi

Capacità di carico

- 4 stive stagne da 600 mc totali

Armamento:

- 3 mitragliere da 20 mm su affusti a scomparsa

Equipaggio: 7 ufficiali, 56 tra sottufficiali e marinai

Profondità di collaudo: 100 m

 

 

Unità della classe " R " :

 

Regio sommergibile ROMOLO

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 21.07.1942, Varo: 21.03.1943, Consegna: 19.06.1943, Affondato: 18 luglio 1943, Radiazione: 18.10.1946

 

Regio sommergibile REMO

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 05.09.1942, Varo: 28.03.1943, Consegna: 19.06.1943, Affondato: 15 luglio 1943, Radiazione: 18.10.1946

 

Regio sommergibile R 3

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 01.03.1943, costruzione sopesa dopo l'8 settembre 1943 e ripresa nel dopoguerra, Varo: 07.09.1946, e succesivamente demolito.

 

Regio sommergibile R 4

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 01.03.1943, costruzione sopesa dopo l'8 settembre 1943 e ripresa nel dopoguerra, Varo: 30.09.1946, e succesivamente demolito.

 

Regio sommergibile R 5

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 25.03.1943, costruzione sopesa dopo l'8 settembre 1943 e succesivamente demolito sullo scalo.

 

Regio sommergibile R 6

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 25.03.1943, costruzione sopesa dopo l'8 settembre 1943 e succesivamente demolito sullo scalo.

 

Regio sommergibile R 7 (poi tedesco U.IT. 4 )

Cantiere: C.R.D.A. Monfalcone

Impostazione: 01.03.1943, Catturato dai tedeschi: 09.09.1943, Varato: 31.10.1943, Affondato: 25 maggio 1944,

 

Regio sommergibile R 8 (poi tedesco U.IT. 5 )

Cantiere: C.R.D.A. Monfalcone

Impostazione: 01.03.1943, Catturato dai tedeschi: 09.09.1943, Varato: 28.12.1943, Affondato: 20 aprile 1944,

 

Regio sommergibile R 9 (poi tedesco U.IT. 6 )

Cantiere: C.R.D.A. Monfalcone

Impostazione: 06.03.1943, Catturato dai tedeschi: 09.09.1943, Varato: 27.02.1944, Affondato: 16 marzo 1945,

 

Regio sommergibile R 10 (poi tedesco U.IT. 1 )

Cantiere: O.T.O. La Spezia

Impostazione: 24.02.1943, Catturato dai tedeschi: 09.09.1943, Varato: 13.07.1943, Affondato: 24 aprile 1945,

 

Regio sommergibile R 11 (poi tedesco U.IT. 2 )

Cantiere: O.T.O. La Spezia

Impostazione: 10.03.1943, Catturato dai tedeschi: 09.09.1943, Varato: 06.07.1944, Affondato: 24 aprile 1945,

 

Regio sommergibile R 12 (poi tedesco U.IT. 3 )

Cantiere: O.T.O. La Spezia

Impostazione: 13.05.1943, Catturato dai tedeschi: 09.09.1943, Varato: 29.09.1944, Affondato: 24 aprile 1945,

 

Cl_RsezionecollATurrini1024.jpg

 

 

Generalità di classe

Le previsioni circa la durata del conflitto erano, nel 1942, tutt'altro che ottimistiche e, poiché già cominciavano a scarseggiare alle potenze dell'Asse alcune materie prime di provenienza oltremare (caucciù, stagno, zinco), si rese necessario pianificare l'approvvigionamento di tali materie prime dalle terre allora occupate dal Giappone. Il sommergibile era l'unico mezzo impiegabile per un sicuro, per quanto limitato rifornimento c pertanto, mentre si pensò subito ad adattare alcune unità (vedi classe "Calvi ", "Marconi" e "Liuzzi") per il trasporto di materiali per e dall'Estremo Oriente, fu messo allo studio un tipo di sommergibile da impiegare esclusivamente per il trasporto di materiali.

Il progetto elaborato dai Cantieri Tosi apparve rispondente ai requisiti richiesti dalla Marina e pertanto, già nell'estate del 1942, furono impostati i due primi esemplari di tale tipo di sommergibile.

Il programma di costruzioni prevedeva dodici di queste unità e la ripartizione delle ordinazioni ai cantieri fu fatta tenendo conto degli impegni già in atto per altre costruzioni; l'approntamento dei sommergibili da trasporto ebbe comunque una certa priorità rispetto alla costruzione di altre unità subacquee.

Dei dodici battelli previsti dal programma, solo due poterono essere consegnati alla Marina prima dell'armistizio; i rimanenti dieci, alcuni dei quali in avanzato stato d'approntamento, furono demoliti per ricupero materiali dopo il termine del conflitto.

Gli R furono i più grandi sommergibili costruiti per la Marina Italiana; il loro scafo riprendeva il tipo "Cavallini" (doppio scafo parziale), ma le sistemazioni interne differivano molto da quelle degli altri tipi di unità subacquee.

La principale caratteristica di queste unità furono le stive per il carico, in numero di quattro, sistemate a due a due a proravia e poppavia della camera di manovra, della capienza complessiva di circa 600 metri cubi il che permetteva il carico di 600 tonnellate di materiali con densità media di uno. Le quattro stive, resistenti alla profondità di collaudo, erano indipendenti ed allagabili, in caso di mancanza assoluta di carico o zavorra, per il dosaggio del sommergibile.

L'esperienza d'impiego di questi battelli fu praticamente nulla; in sede di accettazione da parte della Marina non emersero deficienze degne di menzione se si eccettua una minore velocità di circa un nodo in superficie rispetto a quella contrattuale.

Il progetto deve tuttavia essere considerato molto soddisfacente sia per la decisione presa dalla Marina Italiana di procedere direttamente all'ordinazione di una serie di dodici unità, sia per l'interesse dimostrato dalla Marina Germanica per tale tipo di unità subacquea della quale richiese i piani costruttivi.

 

 

Attività di classe

Come già è stato accennato, due sole unità della classe, il Romolo ed il Remo, entrarono in servizio.

Data l'urgente necessità di disporre di tali battelli, le prove ed i collaudi furono ridotti al minimo indispensabile e condotti con ritmo serrato.

Durante la loro prima navigazione in guerra entrambi i sommergibili andarono perduti: il Remo, poche ore dopo aver lasciato Taranto per trasferirsi a Napoli, fu affondato il 15 luglio 1943 dal Smg britannico United al largo di punta Alice; il Romolo, partito pure da Taranto il 15 luglio ed anch'esso diretto a Napoli, fu molto probabilmente vittima di un aereo britannico che lo colpì con bombe nella notte sul 18 luglio presso la costa calabra.

 

12361p3.jpg

 

palhu.jpg

 

SmgRdanneggiatoaMonfalconeSommergibiliitalianifraledueGM-1994800.jpg

Un battello classe " R " danneggiato da bombardamento aereo a Monfalcone.

da "Sommergibili italiani" di A. Turrini e O.O. Miozzi - USMM - 1999

 

SmgR3R4scaloTarantoSommergibiliinGuerra-1994800.jpg

Taranto 1944, sugli scali del Cantiere Tosi gli scafi semicompletati dei sommergibili R 3 e R 4

da "Sommergibili in Guerra" di E. Bagnasco e A. Rastelli - Albertelli - 1994, per g.c. Sergio Mariotti

 

SmgRdemolitoaTarantoSommergibiliitaliani-1999800.jpg

Sempre Taranto ma nel 1946, si procede alla demolizione di un sommergibile classe " R " recuperato nel dopoguerra.

da "In Guerra sul mare" di E. Bagnasco - Albertelli - 2005

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

distintivo2a.png

 

Regio sommergibile ROMOLO

 

 

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 21 luglio 1942

Varo: 21 marzo 1943

Consegnato: 19 giugno 1943

Affondato: 18 luglio 1943

Radiazione: 18 ottobre 1946

 

Attività operativa

Al comando del capitano di corvetta Alberto Crepas, lasciò Taranto il pomeriggio del giorno 17 luglio 1943 per trasferirsi a Napoli.

Dopo la sua partenza non diede più sue notizie.

Da fonte ufficiale si è appreso che alle ore 03,20 del 18 luglio l'unità fu attaccata da un aereo che la colpì a poppavia della torretta. Rimasto momentaneamente immobilizzato per circa una ventina di minuti, fu visto mentre navigava in superficie, a lento moto, lasciando dietro di sé una scia di nafta. Si presume che il Romolo sia in seguito affondato al largo della costa calabra dello Ionio non solo per le avarie riportate dall'attacco aereo ma per lo scoppio delle batterie o del deposito di munizioni. Non vi furono superstiti.

 

x3aij4.jpg

 

fyki0y.jpg

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

distintivo2a.png

 

Regio sommergibile REMO

 

 

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 5 settembre 1942

Varo: 28 marzo 1943

Consegnato: 19 giugno 1943

Affondato: 15 luglio 1943

Radiazione: 18 ottobre 1946

 

Attività operativa

Al comando del tenente di vascello Salvatore Vassallo, verso mezzogiorno del 15 luglio salpò da Taranto per trasferirsi a Napoli. Alle ore 18.00, in navigazione circa 25 miglia a levante di Punta Alice (Golfo di Taranto), fu silurato ed affondato dal sommergibile britannico United. Perirono 55 dei 59 uomini d'equipaggio.

 

altre informazioni a questi

LINK1

LINK2

 

eja68h.jpg

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 3

 

 

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 1 marzo 1943

Varo: 7 settembre 1946

 

 

Attività operativa

Costruzione sospesa dopo l'armistizio con il battello pronto al 77%. Varato nel 1946 dalla Marina per liberare lo scalo e recuperare il materiale di costruzione.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 4

 

 

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 1 marzo 1943

Varo: 30 settembre 1946

 

 

Attività operativa

Costruzione sospesa dopo l'armistizio con il battello pronto al 77%. Varato nel 1946 dalla Marina per liberare lo scalo e recuperare il materiale di costruzione.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 5

 

 

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 25 marzo 1943

Varo:

 

 

Attività operativa

Costruzione sospesa dopo l'armistizio con il battello pronto al 58%. Demolito sullo scalo nel 1944.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 6

 

 

Cantiere: Tosi, Taranto

Impostazione: 25 marzo 1943

Varo:

 

 

Attività operativa

Costruzione sospesa dopo l'armistizio con il battello pronto al 58%. Demolito sullo scalo nel 1944.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 7

(poi tedesco U.IT. 4)

 

 

Cantiere: Cantieri Riuniti dell'Adriatico, Monfalcone

Impostazione: 1 marzo 1943

Varo: 31 ottobre 1943

Consegnato : catturato dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943

Affondato : 25 maggio 1944

Radiazione:

 

 

Attività operativa

Catturato sullo scalo dai tedeschi il 9 settembre 1943, viene successivamente varato completato al 75% il 31 ottobre 1943, e danneggiato da bombardamento aereo a Monfalcone il 25 maggio 1944. Recuperato ed inviato alla demolizione nel 1946.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 8

(poi tedesco U.IT. 5)

 

 

Cantiere: Cantieri Riuniti dell'Adriatico, Monfalcone

Impostazione: 1 marzo 1943

Varo: 28 dicembre 1943

Consegnato : catturato dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943

Affondato : 20 aprile 1944

Radiazione:

 

 

Attività operativa

Catturato sullo scalo dai tedeschi il 9 settembre 1943, viene successivamente varato completato al 72% il 28 dicembre 1943, e danneggiato da bombardamento aereo a Monfalcone il 20 aprile 1944. Recuperato ed inviato alla demolizione nel 1946.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 9

(poi tedesco U.IT. 6)

 

 

Cantiere: Cantieri Riuniti dell'Adriatico, Monfalcone

Impostazione: 6 marzo 1943

Varo: 27 febbraio 1944

Consegnato : catturato dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943

Affondato : 16 marzo 1945

Radiazione:

 

 

Attività operativa

Catturato sullo scalo dai tedeschi il 9 settembre 1943, viene successivamente varato completato al 67% il 27 febbraio 1944, e danneggiato da bombardamento aereo a Monfalcone il 16 marzo 1945. Recuperato ed inviato alla demolizione nel 1946.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 10

(poi tedesco U.IT. 1)

 

 

Cantiere: O.T.O., La Spezia

Impostazione: 24 febbraio 1943

Varo: 13 luglio 1944

Consegnato : catturato dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943

Affondato : 24 aprile 1945

Radiazione:

 

 

Attività operativa

Catturato dai tedeschi il 9 settembre 1943 sullo scalo, dagli stessi varato, e autoaffondato incompleto presso la diga est di La Spezia. Recuperato nel 1946 e adibito per alcuni anni a deposito galleggiante di combustibili GR 522 in vari porti italiani, poi demolito.

 

SmgR10subitodopovaro1Sommergibiliitaliani-1999.jpg

Il sommergibile R 10 subbito dopo il varo.

da "Sommergibili italiani" di A. Turrini e O.O. Miozzi - USMM - 1999

 

SmgR10recuperatoLaSpezia16061946SommergibiliinGuerra-1994800.jpg

La Spezia 16 giugno 1946, lo scafo del sommergibile R 10 in primo piano subito dopo il recupero da parte della Marina Italiana.

da "Sommergibili in Guerra" di E. Bagnasco e A. Rastelli - Albertelli - 1994, per g.c. Sergio Mariotti

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 11

(poi tedesco U.IT. 2)

 

 

Cantiere: O.T.O., La Spezia

Impostazione: 10 marzo 1943

Varo: 6 agosto 1944

Consegnato : catturato dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943

Affondato : 24 aprile 1945

Radiazione:

 

 

Attività operativa

Catturato sullo scalo dai tedeschi il 9 settembre 1943, viene successivamente varato incompleto e rimorchiato a Genova per terminarne la costruzione, dove verra autoaffondato il 24 aprile 1945.

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Regio sommergibile R 12

(poi tedesco U.IT. 3 e GR 523)

 

 

Cantiere: O.T.O., La Spezia

Impostazione: 13 maggio 1943

Varo: 29 settembre 1944

Consegnato : catturato dai tedeschi dopo l'8 settembre 1943

Affondato : 24 aprile 1945

Radiazione:

 

 

Attività operativa

Catturato dai tedeschi il 9 settembre 1943 sullo scalo, dagli stessi varato, e autoaffondato incompleto presso la diga est di La Spezia. Recuperato nel 1946 e adibito per alcuni anni a deposito galleggiante di combustibili GR 523 in vari porti italiani, ed infine ad Ancona fino al 1978. Trasferito ad Ortona per essere demolito negli anni 80, dove la falsa torre veniva recuperata ed eretta a monumento ai Caduti del mare nella stessa cittadina adriatica.

 

SmgR12Ancona031974Sommergibiliitaliani-1999800.jpg

Il sommergibile R 12 ad Ancona nel marzo 1974, adibito a deposito galleggiante di combustibili con la sigla GR 523.

da "Sommergibili italiani fra le due G.M." di A. Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti

 

altre informazioni: LINK

 

SmgR12adOrtona2005AIubatti800.jpg

Una trista immagine della falsatorre dell'R 12 in stato di completo abbandono nella zona antistante la stazione ferroviaria di Ortona a mare (A. Iubatti - 2005)

 

Dopo un lungo periodo di abbandono e diverse traversie, ad oggi la falsatorre dell'R 12 è in viaggio per una destinazione più diginitosa...Vai al link

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,185
    • Total Posts
      508,768
×