Vai al contenuto
Ursus Atlanticus

Classe Micca (1931)

Messaggi raccomandati

Dist.smg.RM.(trasp).png

Regio sommergibile Pietro MICCA
Fino al sacrificio

classeMICCA2IsommergibiliItaliani-196310
da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti

Caratteristiche generali:

Tipo: Sommergibile posamine

Cantiere: Tosi, Taranto
Impostazione: 15 ottobre 1931
Varo: 31 marzo 1935
Consegna: 1 ottobre 1935
Affondato: 29 luglio 1943
Radiazione: 18 ottobre 1946

Dislocamento
- in superficie: 1.567 t
- in immersione: 1.967 t
Dimensioni
- Lunghezza: 90,30 m
- Larghezza: 7,70 m
- Immersione: 5,30 m
Apparato motore in superficie: 2 motori Diesel Tosi, 2 eliche
- Potenza complessiva: 3.000 cv
- Velocità max. in superficie: 15,5 nodi
- Autonomia in superficie: 2.600 miglia a 14,5 nodi - 6.400 miglia a 9,0 nodi
Apparato motore in immersione: 2 motori elettrici di propulsione Marelli
- Potenza complessiva: 1.500 cv
- Velocità : 8,5 nodi
- Autonomia in immersione: 7 miglia a 8,5 nodi - 60 miglia a 3,0 nodi
Armamento:
- 4 tls AV da 533 mm, 6 siluri da 533 mm
- 2 tls AD da 533 mm, 4 siluri da 533 mm
- 2 cannoni da 120/45 mm
- 4 mitragliatrici 13.2 binate
- 20 mine
Equipaggio: 7 ufficiali, 65 sottufficiali e marinai
Profondità di collaudo: 100 m

SmgMICCA2sezionelongitudinaleepianocoper
Sezione longitudinale e piano di copertino, tratto dai piani generali dell'A.N.B.

Generalità
L'idea di disporre di un tipo di sommergibile posamine e silurante, che non fu realizzata con le unità delle classi "Balilla" e "Fieramosca", portò allo studio di un tipo di unità subacquea che avesse una dotazione di mine sufficiente a costituire ovunque uno sbarramento di modesta entità e potesse anche essere impiegata incondizionatamente come silurante su tutti i mari.
Il progetto fu elaborato dal Cavallini e l'ordinazione fu passata ai cantieri Tosi che impostarono il sommergibile nell'ottobre 1931; la costruzione durò quattro anni. Il sommergibile era a doppio scafo parziale; quello interno, resistente a 100 metri, nella sua parte centrale conteneva due cilindri eccentrici, pure resistenti, uniti a forma di 8 e destinati, il superiore a camera di manovra e l'inferiore a camera mine: nell'interspazio fra le due strutture resistenti trovavano posto le casse emersione, rapida, assetto e compenso mine; lo scafo leggero esterno delimitava i doppi fondi (4) nella sua parte centrale e, agli estremi, i depositi combustibile.
L'armamento dell'unità risultò ben distribuito e adeguato al dislocamento; il sommergibile dette prova di buone qualità nautiche, ebbe confortevoli sistemazioni per il personale e risultò abbastanza manovriero.
Anche questa unità, come il "Fieramosca", non venne riprodotta in altri esemplari, ma non perché nel corso dell'esercizio avesse palesato delle deficienze, bensì a causa del suo elevato costo e perché era già in corso la progettazione di altri tipi di posamine siluranti che, con un dislocamento sensibilmente inferiore, avrebbero potuto avere un armamento simile a quello del Micca.

SmgMICCAleggendapianigeneraliIsommergibi
tratto da "Sommergibili italiani fra le due Guerre Mondiali" di A. Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti

Attività operativa
Assegnato al Gruppo Sommergibili di Taranto, nell'ottobre del 1935 iniziò il normale addestramento sia come unità singola sia, successivamente, in collaborazione con altri sommergibili per sperimentare un sistema di sbarramento mobile.
Nell'ottobre del 1936 compì una crociera a Tripoli toccando porti della Sicilia e Pantelleria.
Durante la guerra di Spagna effettuò tre missioni speciali rispettivamente della durata di dodici, ventitré e diciotto giorni.
Il 5 maggio 1938, in occasione della rivista navale in onore di Hitler a Napoli, il Micca alzò l'insegna di unità ammiraglia dei sommergibili italiani. Dalla fine del 1938 all'inizio della seconda guerra mondiale fu distaccato presso il Gruppo di La Spezia per lavori e a Livorno a disposizione dell'Accademia Navale.
Il Micca iniziò la propria attività bellica con la posa di due sbarramenti presso Alessandria, effettuati nel giugno e nell'agosto 1940; nel corso della missione di agosto lanciò contro un Ct avversario senza poter accertare l'esito del lancio.
Dopo un lungo periodo di lavori e di modifiche il Micca, dal marzo del 1941, fu principalmente adibito al trasporto di benzina e materiali alle basi oltremare.
Durante le prime due missioni di trasporto a Lero ebbe occasione di attaccare navi avversarie senza possibilità di accertare l'esito dei lanci; fu a sua volta attaccato e colpito da siluro da unità subacquea avversaria il 5 aprile 1941 nei pressi di Lero: le avarie riportate permisero tuttavia al Micca di entrare in porto e di raggiungere in seguito Taranto per le riparazioni.
Durante ulteriori undici missioni di trasporto non effettuò azioni contro forze avversarie; fu invece attaccato due volte da aerei senza peraltro riportare avarie.
Complessivamente, in tredici missioni di trasporto, fra il marzo 1941 e il maggio 1943, trasportò benzina e munizioni per 2.163 tonnellate con destinazione Lero (2), Bengasi (8) e Tripoli (3).
II 29 luglio 1943, mentre rientrava a Taranto in seguito ad avaria, il Micca fu silurato presso S. Maria di Leuca dal Smg britannico Trooper; colpita al centro, l'unità affondò rapidamente e solo diciotto persone, fra le quali il comandante, sopravvissero.

SmgMICCAalvaroil31031935Sommergibiliital

2my4608.jpg

SmgMICCAinemersioneprima2GMIsommergibili
Il sommergibile MICCA 2° in fase di emersione,
tratto da "Sommergibili italiani fra le due Guerre Mondiali" di A. Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti

eaqbyh.jpg

SmgMICCAmimetizzatodurantela2GMIsommergi
Il sommergibile MICCA 2° durante la guerra con livrea mimetica,
tratto da "Sommergibili italiani fra le due Guerre Mondiali" di A. Turrini - MariStat/UDAP - 1990, per g.c. Sergio Mariotti

SmgMICCAdettagliocannoneSommergibiliital
Dettaglio del cannone prodiero del sommergibile Pietro MICCA da "Sommergibili italiani" di A. Turrini e O.O. Miozzi - USMM - 1999

SmgMICCAaTaranto8febbraio1941Sommergibil
Il sommergibile Pietro MICCA a Taranto l'8 febbraio 1941, da "Sommergibili italiani" di A. Turrini e O.O. Miozzi - USMM - 1999

Modificato da magico_8°/88

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

da base artica, marco

 

esposto nella chiesa del cristo re di santa maria di leuca:

 

sommpietromiccaesposton.jpg

 

Uploaded with ImageShack.us

 

foto non mia.

saluti marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

×