Jump to content
Sign in to follow this  
malaparte

Mercantili In Paesi Neutrali 2 Gm

Recommended Posts

Domanda: esiste un repertorio, o qualcosa del genere, dei (tanti....) mercantili sorpresi "fuori Mediterraneo" al 10 giugno 1940? E magari, ancora meglio (ma non credo che ci sia), di quelli sorpresi in paesi neutrali?

Sto cercando notizie su un certo Aurora (o Anfora? Boh?) , italiano, comandante Liedemann, che , a quanto pare, rimase bloccato a Goa.

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Domanda: esiste un repertorio, o qualcosa del genere, dei (tanti....) mercantili sorpresi "fuori Mediterraneo" al 10 giugno 1940? E magari, ancora meglio (ma non credo che ci sia), di quelli sorpresi in paesi neutrali?

Sto cercando notizie su un certo Aurora (o Anfora? Boh?) , italiano, comandante Liedemann, che , a quanto pare, rimase bloccato a Goa.

Grazie

 

Un repertorio (incompleto, naturalmente) c'è in appendice a "Navi Mercantili Perdute" dell'USMM (ediz. 1997).

Su ANFORA ti rispondo tra poco. Se non ricordo male, subì la stessa sorte di un gruppo di mercantili italiani e tedeschi internati a Goa, e oggetto di una incursione inglese che li costrinse ad autoaffondarsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Un repertorio (incompleto, naturalmente) c'è in appendice a "Navi Mercantili Perdute" dell'USMM (ediz. 1997).

Su ANFORA ti rispondo tra poco. Se non ricordo male, subì la stessa sorte di un gruppo di mercantili italiani e tedeschi internati a Goa, e oggetto di una incursione inglese che li costrinse ad autoaffondarsi.

Infatti. E' quel che dice Milesi Ferretti, ma volevo verificare ( è lui che prima dice Aurora, poi Anfora). Parla anche di un attacco simile a Fernando Po, in territorio spagnolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un episodio che non ricordavo! (anzi, faccio prima a dire che non lo conoscevo affatto...)

 

Dal mare magnum internettiano:

 

In 1943, in the middle of the war, there were anchored in the port of Mormugao-Goa, in Portuguese India, four foreign cargo ships, three German and one Italian, which had taken refuge in this neutral port since the beginning of the war.

 

The Italian ship, Anfora, of 5,452 tons, belonging the company Lloyd-Triestino, the Erhenfels, of 7,752 tons (the most modern of the ships, built in 1935, with two six cylinder diesel motors producing 3,820 HP each, was being prepared to be armed and transformed into an auxiliary cruiser), the Drachenfels of 6,342 tons, and the Braunfels of 7,847 tons, all belonging to the German Hansa Line. The crews of these four ships numbered about one hundred twenty in all.

 

The four ships with their German and Italian flags could be seen from the upper levels of the Grande Hotel Palace in Mormugao. And this created a true tourist attraction for the Portuguese and above all for the English residents in India and who, during the war, passed their holidays in Goa. In addition, the seamen from these ships could be seen in the streets and in the local shops.

 

At the beginning of the conflict, the Portuguese authorities, in their position as a neutral country, had shut down the radios of the four ships.

 

In 1943, the British Secret Service (Special Operation Executive), with its General Headquarters at Meerut in North India, identified the existence of coded radio transmissions sent during the night from the port of Mormugao from on board one of the German ships, transmitted on different frequencies and at different hours. These transmissions contained detailed information of the movement of various Allied ships, such as their location at determined times and their destination. They were transmitted from the Erhenfels following this information having been received from German spies operating in the port of Bombay.

 

This ship had quickly left the port of Calcutta on the eve of the beginning of the war, in a suspicious manner, and without informing the local authorities nor with the habitual use of a pilot, crossed the bar at the entrance to the harbor and sought refuge in the neutral port of Mormugao.

 

The information transmitted at night by radio was destined for German submarines (U-boats) operating in the Indian Ocean which, in a precise and systematic manner located and sank allied shipping.

 

In just six weeks, and due to this precious information, the German submarines had succeeded in sinking 46 Allied ships totaling 250,000 dead-weight tons. During the first 11 days of March, 1943, three German submarines--the U-160, U182, and U506--had sunk 12 ships of different nationalities--English, American, Norwegian, and Danish for a total of 80,000 tons.

 

Because of this catastrophic challenge to the Allies, and because the loss of this shipping was impossible to replace, destroying the entire resupply system, the English Secret Services decided to eliminate the radio transmitter on board the German ship.

 

A very delicate military mission was mounted as it was to be carried out in a neutral country. For this reason, it was decided not to use a conventional military unit, but to use a group of twenty middle aged men who had completed their military service, and who were based in India in a variety of professions. They were recruited among the members of the prestigious military clubs in Calcutta, the Calcutta Light Horse Club, and the Calcutta Scottish Club.

 

This mission was prepared and executed with the greatest of secrecy as any fight or identification of the organizers and the participants could generate a serious diplomatic conflict which the English wanted to avoid at whatever cost.

 

In the early hours of March 9, 1943, this group, carried in a small boat improvised for this purpose, entered the port of Mormugao and under cover of night, boarded the Ehrenfels, destroyed the radio transmitter, set fire to, and sank the ship. The crew of the other two German ships and of the Italian ship, afraid to suffer the same fate, set fire to and sank their ships as well.

 

At the time, the official version given by the press (The Times of India and the Illustrated Weekly of India) and by the English radio stations in India, was that the destruction of the ships had been caused by mutinous conflicts among the crews.

 

The truth of what had happened was kept secret by the British Crown until 1978. This action was considered as an act of war by the Portuguese authorities, having all of the crews of these four ships made prisoner and kept imprisoned in the Aguada Fort until the end of the war.

 

Without the information on the location of merchant shipping provided by these ships, which had been transmitted with a great degree of precision by radio from the port of Mormugao, the commandants of the U-boats had to search for their victims in the entire Indian Ocean.

 

Thus, in the remaining days of March and after destruction of the radio transmitter and the sinking of the Ehrenfels, the 3 U-boats which operated in the Indian Ocean only sank one Panamanian flag vessel, the Nortun of 3663 tons. During the month of April, they only sank three other vessels.

 

x2nzg2.jpg

 

Os navios alemães e italiano consumidos pelas chamas no porto de Mormugão em 9 de Março de 1943. ( Illustrated Weekly of India )

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ANFORA, 5452 tsl, del 1922, costr. al Cantiere San Rocco di Trieste, armato dal Lloyd Triestino dal dic. 1936, prima dalla Navig. Libera Triestina. Il 10 giugno 1940 si rifugia a Mormugao (Goa portoghese). L'8/9 marzo 1943 le forze britanniche dall'India compiono un'incursione di commandos contro tre mercantili tedeschi tutti dell'armatore Hansa DDS, che si trovavano anch'essi in rada dal settembre 1939, e che si sostiene preparassero una sortita per raggiungere Singapore.

Le navi tedesche si autoaffondano per sfuggire alla cattura: DRACHENFELS (6342 tsl del 1921), EHRENFELS (7752 tsl del 1936, facente parte di un gruppo di sette/nove navi moderne, due delle quali erano divenute gli incrociatori ausiliari ATLANTIS ex GOLDENFELS e PINGUIN ex KANDELFELS) e BRAUENFELS (7847 tsl del 1927), e così fa pure l'ANFORA. Sarà recuperata e demolita nel 1948.

 

A Santa Isabel de Fernando Po, colonia spagnola nel Golfo di Guinea, si era rifugiato il 10 giugno 1940 il piroscafo DUCHESSA D'AOSTA, 7872 tsl del 1921, costr. Stabilim. Tecnico Triestino Cant. San Marco, anch'esso del Lloyd Triestino (ex Navig. Libera Triestina fino al dic. 1936). Nel gennaio 1942 una trasmissione radio tedesca sostiene che le forze alleate avevano violato la neutralità spagnola inviando una spedizione per catturare le navi dell'Asse rifugiate a Fernando Po. L'Ammiragliato nega le accuse, ma invia unità navali a verificare la situazione locale. Il 14 gennaio 1942 DUCHESSA D'AOSTA, in base ai timori creati dalla trasmissione tedesca, lascia il porto cercando di raggiungere Dakar in Senegal (Francia di Vichy), ma le macchine vanno subito in avaria e la nave va alla deriva. Viene quindi catturata da una nave della marina della France Libre (gaullista) e portata a Calabar in Nigeria, poi in Gran Bretagna per scaricarvi il suo carico. Durante lo scarico a Greenock (13 luglio 1942) scoppia un incendio a bordo, che provoca gravi danni alle stive, e la nave piena d'acqua si posa sul fondo. Rimessa a galla il 22 luglio, riparata, in servizio con il MOWT (Ministry Of War Transport) britannico come EMPIRE YUKON. Nel 1946 al governo canadese, nel 1947 PETCONNIE per l'armatore Petrinovic & Co. di Londra, nel 1951 LIU' O. per la C.O.C. SpA (o Cosca, Fin. Agr. Comm. e Ind. di Roma) della Spezia, ivi demolita nel novembre 1952.

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites
AAt the time, the official version given by the press (The Times of India and the Illustrated Weekly of India) and by the English radio stations in India, was that the destruction of the ships had been caused by mutinous conflicts among the crews.

 

The truth of what had happened was kept secret by the British Crown until 1978.

 

Milesi Ferretti aveva scritto le stesse cose nel 1948...

 

This action was considered as an act of war by the Portuguese authorities, having all of the crews of these four ships made prisoner and kept imprisoned in the Aguada Fort until the end of the war.

 

[

E questo non lo capisco: in base a quale principio gli equipaggi furono imprigionati a Panjim, Nuova Goa, il che è, a mio parere, palesemente contrario al principio di neutralità. Il Portogallo ha in pratica subito un atto di guerra sul suo territorio da parte dalla GB. E invece , chi ci ha rimesso sono stati gli equipaggi ; prima, attaccati dagli inglesi in territorio neutrale, poi imprigionati dalla potenz neutrale... :s14:

 

A Santa Isabel de Fernando Po, colonia spagnola nel Golfo di Guinea, si era rifugiato il 10 giugno 1940 il piroscafo DUCHESSA D'AOSTA, 7872 tsl del 1919, costr. Stabilim. Tecnico Trieste, anch'esso del Lloyd Triestino. Nel gennaio 1942 una trasmissione radio tedesca sostiene che le forze alleate avevano violato la neutralità spagnola inviando una spedizione per catturare le navi dell'Asse rifugiate a Fernando Po. L'Ammiragliato nega le accuse, ma invia unità navali a verificare la situazione locale. Il 14 gennaio 1942 DUCHESSA D'AOSTA, in base ai timori creati dalla trasmissione tedesca, lascia il porto cercando di raggiungere Dakar in Senegal (Francia di Vichy), ma le macchine

 

la fonte è il suddetto testo dell'USMM, giusto? Questo contraddice, almeno in parte, MF, che dice che in effetti a Fernando Po "tre piroscafi italiani e tedeschi" furono aggrediti di sorpresa durante una notte di carnevale, e gli equipaggi in parte uccisi, in parte fatti prigionieri (p. 172 ). L'italiano, quindi, fece una fuga sfortunata, uscendo dalle acque neutrali. Che peraltro , a quanto pare dalla sorte dei tedeschi, non avrebbero dato comunque garanzie....

 

Grazie ad entrambi!!

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites
Milesi Ferretti aveva scritto le stesse cose nel 1948...

 

 

 

 

 

 

la fonte è il suddetto testo dell'USMM, giusto? Questo contraddice, almeno in parte, MF, che dice che in effetti a Fernando Po "tre piroscafi italiani e tedeschi" furono aggrediti di sorpresa durante una notte di carnevale, e gli equipaggi in parte uccisi, in parte fatti prigionieri (p. 172 ). L'italiano, quindi, fece una fuga sfortunata, uscendo dalle acque neutrali. Che peraltro , a quanto pare dalla sorte dei tedeschi, non avrebbero dato comunque garanzie....

 

Grazie ad entrambi!!

 

 

Nossignora, le fonti sono plurime: l'USMM, il "Repertorio di Marina Mercantile" dell'AIDMEN, e poi anche Sawyer e Mitchell, "The Empire Ships", Lloyd's of London Press, ediz. 1990, autori piuttosto autorevoli in questo campo. Non avevo voluto infierire, ma a questo punto ti traduco testualmente il loro scritto: "La cattura del DUCHESSA D'AOSTA nel 1942 fu direttamente dovuta alla propaganda tedesca. Una trasmissione radio tedesca affermò clhe le forze Alleate avevano "disonorato la neutralità" inviando una "spedizione di cattura" contro le navi dell'Asse rifugiate a Fernando Po. L'Ammiragliato negò questa affermazione, ma ritenendo che dietro la storia ci fossero dei motivi non dichiarati, inviò una forza navale ad investigare. Trovarono la nave italiana alla deriva in mare aperto, messa in difficoltà da problemi alle macchine."

Tutte le fonti parlano di cattura durante un tentativo di violare il blocco, nessuna di attacco alleato in acque territoriali spagnole. Temo purtroppo che invece il tuo ambascaitore abbia dato credito alla propaganda tedesca ... Probabilmente ha mischiato l'episodio di Goa (su cui pure tutte le fonti concordano sull'attacco dei commando alleato) con l'altro.

 

P.S. Per scrupolo, ho dato un'occhiata al sito Chronik des Seekrieges di Rohwer. Si dà la versione opposta.. "Una spedizione accuratamente pianificata, condotta dall'avviso francese SAVORGNAN DE BRAZZA, porta all'attacco a sorpresa e alla cattura a Fernando Po del mercantile italiano DUCHESSA D'AOSTA (7872 grt), della motonave tedesca LIKOMBA (199 grt) e della motochiatta tedesca BIBUNDO".

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ce ne fossero a "infierire " così!! :s20:

Milesi Ferretti non è "il mio ambasciatore" :s02: è il comandante del Berillo che da prigioniero fuggì a Goa e assistette alla fine dell'Anfora. (20.000 rupie di taglia, Danesi, Roma, 1948)

Bene, la faccenda di Goa ora è più chiara.

 

Curiosità: E'chiaro che la Duchessa d'Aosta fu presa in mare aperto, peggio per lei. Ma si sa niente del supposto attacco a pisroscafi tedeschi a Fernando Po?, Voglio dire: della realtà del supposto attacco? :s14: O non c'erano proprio navi tedesche? Mi sembra strano, perchè in questo caso la radio germanica non avrebbe parlato di "attacco a navi dell'Asse". Anzi, se a Fernando Po ci fosse stata solo una nave italiana, credo proprio che non ci avrebbe neanche fatto caso, tanto per essere perfida...

Tutto fa escludere che la Duchessa non fosse sola a Fernando Po, se, dopo la trasmissione radio tedesca, ha sentito l'esigenza di fuggire.

Che fine hanno fatto le navi tedesche? Attaccate? Non attaccate? Fuggite? Inesistenti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi scusi com.te Malaparte, cerco di essere esaustivo nelle ricerche, ma mi ci vuole un po' di tempo. Mi pare un classico: due versioni inconciliabili. Se mi dai tempo, cercherò se trovo qualcosa sulla carriera dell'avviso coloniale gaullista SAVORGNAN DE BRAZZA, quello che affondò il gemello di Vichy- mi pare si chiamasse RIGAULT DE GENOUILLY - in singolar tenzone davanti a Libreville nel settembre-ottobre 1940.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mi scusi com.te Malaparte, cerco di essere esaustivo nelle ricerche, ma mi ci vuole un po' di tempo.

 

 

Macché scusarsi! La mia era una battuta! :s01: Alludevo al fatto che, appunto, quando si fanno ricerche di questo tipo salta spesso fuori..."tutto e il contrario di tutto".

E meno ale che c'è qualcuno coe te, che documenta "tutto e il contrario di tutto"!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo faticosa ricerca, ho trovato una storia del SAVORGNAN DE BRAZZA su "Marines Magazine Hors Série n° 4 - 100 ans Marine Francaise" (genn. 2004), a firma Henri Landais. Non dice assolutamente nulla dell'episodio: l'avviso coloniale il 9 novembre 1940, dopo l'infelice tentativo di Dakar, e dopo aver portato alla causa gaullista il Cameroun francese, è a Libreville (Gabon) dove - episodio ben noto in Francia - affonda il gemello di Vichy BOUGAINVILLE (mi ricordavo male il nome), il 14 novembre è a Port Gentil per l'adesione del Gabon alle Forces de la France Libre. Nel 1941 passa in Mar Rosso (Port Sudan) e Oceano Indiano per collaborare con la Royal Navy al blocco di Gibuti. Nell'aprile 1942 va al cantiere Swan Hunter di Wallsend per riparare avarie, adeguarsi agli standard britannici e migliorare l'armamento. Nulla su Fernando Po. Anche io conoscevo bene l'episodio di Goa, ma di quello africano avevo letto solo il resoconto "pepato" di Mitchell e Sawyer.

Lunedì arriva una foto dell'avviso coloniale.

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel sito ufficiale del Governo di Goa si può trovare in PDF la pubblicazione

Goapuri & Velha Goa A Tale of Two Cities -

Walking the Labyrinths of History di Mario Cabral e Sá (risulta essere un appassionato di storia di Goa,) che conferma la versione dell'emissione di info radio, aggiungendo che la spia che le trametteva era Herr Koch, che fu poi rapito ed ucciso con la moglie. All'inizio dell'opera Cabral cita parecchia bibliografia, ecc.ma non si dice in dettaglio da dove abbia tratto questo particolare.

 

Dell'episodio parla appunto anche Milesi Ferretti, che però descrive la coppia come due anziani pensionati, assolutamente innocui....

 

Inoltre, si dice che sull'episodio fu girato un film, The Sea Wolves, con attoroni come Gregory Peck, Roger Moore, Trevor

Howard e David Niven....

Inoltre, l'episodio fu elogiato da Lord Mountbatten già nel '43, altro che attendere il 1978 per avere la verità, come si dice in http://www.pps-uk.net/Website_Articles/Bar...irosArticle.htm citato da pescepersico...mah....siamo alle solite :s14:

 

 

 

In Altinho lived, till he was abducted and killed by the British

intelligence agents in 1942, the German Consul General, Mr. Koch, a master spy who was

responsible for the sinking of a large number of Allied Ships in the Indian Ocean. He

operated through the transmitters of a German ship, the Ehrenfells, anchored at Mormugao

Port, then Portuguese and, therefore, a neutral port. Along with the Ehrenfells, the other

German merchant ships of the Hansa line, Braunfels and Drachenfels, and an Italian ship,

the Anfora, had sought refuge in the Goan port at the outbreak of World War II. Koch and

his accomplices, one of them a young Indian nationalist stationed at Bombay, a Bengali

called Gupta, had sent to their doom, in a deadly spell of six weeks, 46 Allied ships with

a total capacity of 250,000 tons. Eventually, Koch and his wife were kidnapped and shot

dead in the woods of Castle Rock, a logging station on Goa’s eastern border, then in British

Indian territory. The Axis ships were scuttled in a daring operation by 14 volunteers of the

Calcutta Light Horse and four from Calcutta Scottish, both of them part of the Auxiliary

Forces and in their daily routine, executives and employees of British commercial

establishments in Calcutta (James Leasor, The Boarding Party). It was a feat as remarkable

for its daring as for its unprincipledness. It was an operation greatly lauded by Lord

Mountbatten, who reaped its benefits when he was appointed, in July 1943, Supreme Allied

Commander, South East Asia. A film, The Sea Wolves, was made in 1980 on this World War

II incident in Goa, with some big stars on the cast: Gregory Peck, Roger Moore, Trevor

Howard and David Niven amongst others. The former German Consul’s house still exists.

 

https://www.goa.gov.in/portalweb/login/Depa.../Appendix-3.pdf

 

https://www.goa.gov.in/portalweb/login/Depa...TourismDept.pdf

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti per la ricerca, e faccio ammenda per l'errore su MF, ma se non ricordo male esiste anche un Milesi Ferretti ambasciatore ..

Concordo con te: l'episodio dell'attacco a Goa è noto da tempo: io lo conoscevo bene. Churchill e de Oliveira Salazar avevano in piedi un estenuante negoziato sulla concessione di basi aeree e navali alle Azzorre, che si sarebbe concluso solo nell'agosto-ottobre 1943 con l'arrivo delle navi inglesi a Terceira (Praia da Vitoria) e a Horta (isola di Faial, dove progetto di tornare a Natale: è uno dei posti più belli che conosco). Quindi nessuna delle due parti aveva interesse a nascondere l'episodio.

Occorre anche tener conto di un fatto importante: in Asia il Portogallo non era poi tanto "neutrale", dal momento che i giapponesi avevano occupato Macao e Timor portoghese senza tanti complimenti: nelle trattative sulle Azzorre l'Inghilterra garantiva al Portogallo il pieno recupero delle sue colonie, offrendo anzi la partecipazione di navi portoghesi a fianco di quelle alleate. Un lungo intoppo fu invece determinato dal fatto che gli americani non erano altrettanto ben disposti verso il recupero delle colonie. Come ricorderai, le forze americane non parteciparono né al recupero delle colonie inglesi a fine guerra (Hong Kong, Malesia, Borneo), né di quelle olandesi (Indonesia) né di quelle francesi (Indocina). Furono sempre e solo gli inglesi a dare una mano, sopratutto agli olandesi (scontri a fuoco a Sumatra sin dal settembre 1945 con i nazionalisti locali).

 

Del film ho solo un ricordo vago, ma non credo fosse ambientato a Goa.

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites
se non ricordo male esiste anche un Milesi Ferretti ambasciatore ..

 

Come al solito, ricordi bene: era il fratello minore.

Il film è questo

 

http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=16723

 

ma in altro sito si dice che l'Oca selvaggia qui non c'entra proprio nulla, si tratta di uno specchietto per allodole (per restare in campo ornitologico)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il film è questo

 

http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=16723

 

ma in altro sito si dice che l'Oca selvaggia qui non c'entra proprio nulla, si tratta di uno specchietto per allodole (per restare in campo ornitologico)

 

Mi ricordo l'assassinio del conte di Mountbatten (Battenberg fino al 1914 ...) con una bomba messa sulla sua barca davanti a Ballina, County Mayo, in Irlanda, negli anni '70. C'era stato lì un fallito sbarco francese e un'altrettanto fallita, contestuale rivolta irlandese nel 1806, e l'IRA voleva ricordare l'evento. All'epoca ero da quelle parti in vacanza.

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,427
    • Total Posts
      513,529
×