Jump to content
Sign in to follow this  
bussolino

26 Luglio 1956 - Ci Lascia Una Bellissima Nave

Recommended Posts

Bravo Marco per aver ricordato questo luttuoso disastro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica marco

guardate cosa ho trovato in sito: in scala 1:50---- :s12:

http://home.planet.nl/~denne073/mainpage1building.html

 

33687755.jpg

36904858.jpg

 

65rasterfrontside.jpg

 

250cabinsportside173196.jpg

 

ect ect INCREDIBILE HANNO FATTO TUTTO IN SCAL !.%= PERSINO INTERO ARREDAMENTO E MACHINARI:

 

credo che andro ad autofondare i miei modelli...... :s68:

saluti marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s03: ECCEZZIUNALE VERAMENTE! :s03: Grazie, BUSSOLINO!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro Marco,

ho trovato quest'articolo in "Le vie d'Italia" N°10- 9 settembre 1956

e desidero postarlo in questa discussione da te aperta.

Spero possa far piacere a te ed agli altri Com.ti.

 

Più grande e veloce la nuova ANDREA DORIA-

 

La turbonave ANDREA DORIA poteva senz'altro esser considerata (assieme alla gemella CRISTOFORO COLOMBO) la più moderna e,assieme,la più elegante della marina mondiale.

Costruita e allestita nei Cantieri Ansaldo di Genova per la Società "ITALIA" (la maggiore delle quattro grandi Compagnie p.i.n.,che gestisce i nostri servizi marittimi per il Nord,Centro,Sud America e il Pacifico) era partita da Genova il 23 dicembre 1952 per il suo primo viaggio (la "Crociera del Sole" mediterranea e atlantica) conclusosi a Genova il 7 gennaio 1953.Una settimana dopo,il 14 gennaio,era entrata ufficialmente in linea iniziando,sempre d Genova,il viaggio inaugurale sulla Linea Espresso Italia-Nord America.Da New York,dove aveva ricevuto da parte delle autorità e del grande pubblico accoglienze trionfali (grandiose ma soprattutto calorose) prima di iniziare il viaggio di ritorno era ripartita per una crociera alle Antille che era riuscita un vero e proprio "giro d'onore".

Ricordiamo che fu precisamente dopo l'apparizione dell'ANDREA DORIA nel porto di New York e la conseguente crociera che tecnici e autorità statunitensi affermarono che "le navi italiane sono fatte col cuore" e proclamarono che quella nave era "il miglior ambasciatore d'italianità".

Le stesse, sparodiche riserve (non disinteressatamente)formulate quà e là,e non negli Stat Uniti,non riguardavano le brillanti caratteristiche della nave,ma piuttosto l'opportunità di costruire una nave così grandiosa e elegante.Si disse,da qualcuno,che con l'ANDREA DORIA l'armamento italiano "giocava la carta del lusso" e si aggiungeva che l'avvenire avrebbe detto se questa carta era o no un "atout".Il successo della nave ha risposto che la via scelta dal nostro armamento era quella giusta.Anche perchè l'ANDREA DORIA,pur con tutte le sue caratteristiche di eleganza e di lusso,non era una nave esclusivamente di lusso.Infatti essa era stata concepita e realizzata in modo da permettere un adattamento sufficientemente elastico alle fluttuazioni che si verificano nelle caratteristiche,nelle possibilità economiche e nelle esigenze dei passeggeri.A bordo dell'ANDREA DORIA non c'era posto soltanto per i passeggeri i grandi mezzi,ma amche per il viaggiatore di risorse limitate,non escluso l'emigrante,stretto dalla necesità di misurare il proprio danaro.Non la carta del lusso aveva giocato,quindi,l'armamento italiano,ma la carta del turismo.E i fatti gli hanno dato ragione;non bisogna infatti dimenticare che l'ANDREA DORIA,che aveva sistemazioni per 1241 passeggeri (di cui 218 in prima classe,320 di seconda e 703 di classe turistica) nel solo primo anno di esercizio (1953) ha effettuato 13 viaggi completi (pari a 26 traversate atlantiche) trasportando un totale di 34000 passeggeri.E si può senz'altro calcolare che dal giorno della sua entrata in linea fino a quello della sua scomparsa la nave ha totalizzato un complesoo di 88 traversate atantiche e di oltre 100.000 passeggeri.Inoltre essa è stata uno dei coefficienti più preziosi della magnifica affermazione che ha permesso alla Soc."ITALIA" di conquistare il secondo posto fra tuitte le Compagnie del mondo (non essendo preceduta che dalla "CUNARD" nel traffico sulla linea del Nord Atlantico.Un evento che ha superato i limiti di ogni previsione ha fatto sì che la bella nave,orgoglio della marina mercantile italiana ed esempio alla marina mondiale,scomparisse nelle profondità profondità dell'oceano tante volte solcato vittoriosamente;e solo si deve allo spirito di abnegazione e di disperato attaccamento al dovere da parte dei marinai italiani,nonchè alla fraterna solidarietà che lega fra loro gli uomini del mare sotto qualunque bandiera militino,se il numero delle vittime ha potuto esser contenuto entro limiti sempre dolorosi ma,fortunatamente assai modesti.In questa circostanza appare pertanto piena di significato la notizia che la nave verrà ricostruita che i preliminari del del relativo contratto (e non vero eproprio contratto,come è stato annunciato dalla stampa) sono già stati firmati l'8 agosto dall'ing.C.A.Linch,presidente dell'"ITALIA" e dell'avv.De Barberi,presidente dell'"ANSALDO".

La nuova grande unità sarà costruita sugli stessi piani che servirono per le due navi gemelle ANDREA DORIA e CRISTOFORO COLOMBO,salvo qualche modificazione suggerita dall'esperimento e dai progressi della tecnica navale.Così sembra,ad esempio,che la nuova unità sarà lunga circa 220 metri,cioè 6-7 in più della precedente.Ciò allo scopo di ottenere una linea più aerodinamica,il che vorrebbe dire miglior galleggiamento e quindi velocità superiore di circa un miglio orario (cioè 24 nodi in navigazione ordinaria,27,3 di velocità contrattuale).Sembra anche che,senza nulla sacrificare in fatto di servizi e di comodità,saranno aumentate le installazioni per i passeggeri in modo da portare la capienza-passeggeri da 1241 a circa 1500 unità.Tutti provvedimenti che,com'è ovvio,accresceranno anche il valore commerciale della nave.Nulla è possibile dire,allo stato attuale delle cose,circa l'epoca di entrata in linea della nuova unità;e qusto tanto più che non si può neppur precisare,in questo momento,la data d'impostazione della nave,dato he gli scali sono tutti occupati e che i cantieri sono legati anche da impegni contrattuali;difficoltà che però si è intenzionati a superare mediante opportuni spostamenti ni programmi di lavoro.Tutto sommato ( e calcolato specialmente l'impegno connesso ad un lavoro di questa mole e di questa responsabilità,che nn ammette improvvisazioni) si può,secondo un concetto prudenzialeprevedere l'entrata in linea della nuova unità per la primavera-estate del 1959.Intanto il miglior saluto alla nave scomparsa è dato dalla certezza che un'altra nave ne raccoglierà la bella tradizione e continuerà a portare nel mondo il messaggio del lavoro e della rinascita italiani.

 

Firmato da :

m.l.f.

 

1-La turbonave "Cristoforo Colombo" e la sua gemella "Andrea Doria" alla fonda nel porto di Genova-

(Foto Metvan,Genova)

and1c.jpg

 

2-L"Andrea Doria",sta lasciando il porto di New York per il suo ultimo viaggio completo,la mattina del 5 luglio 1956.Questo è l'ultimo saluto della nave alla grande metropoli.Sulla destra si nota il molo della "American Export Lines" e della "Italiens Lines" all'altezza della 44^Street,appena lasciato libero dalla bella nave.Al molo della "United States Lines" sono attraccati l'S/S "United States" (sulla sinistra della foto) che detiene il nastro azzurro.(Foto Umberto Manuzzi,La Spezia)

and2.jpg

 

 

Grazie

 

RED

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stavo cercando (se esisteva) la discussione relativa ai profili delle navi mercantili ma penso che il lavoro di Enrr e mio possa trovare una giusta collocazione in questa.

 

Eccovi dunque il profilo dell'Andrea Doria con il gran pavese a riva.

 

SS-AndreaDoria.png

 

A proposito di gran pavese: ho preso lezioni private per poterlo disegnare correttamente, ovvero con la sequenza corretta delle bandierine.

 

Lazer_ :s02: ne & Enrr

Edited by lazer_one

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica,marco

 

bello, molto :s20: :s20: bello lazer, continua cosi che magari ti/ci viene qualche ideona.

saluti marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,427
    • Total Posts
      513,529
×