Jump to content
Febea

Il Mare Nelle Canzoni Italiane

Recommended Posts

Grazie Gichiano per l'ultima canzone che hai aggiunto, non l'ho mai sentita sebbene Guccini sia un mio conterraneo: le frasi che compongono il testo sono molto profonde.

 

Io aggiungo invece una canzone che sentivo quando da bambina "rubavo" i dischi ai miei fratelli e che ho risentito stamattina alla radio:

1984, Guido piano, Fabio Concato

Guido piano

e ho qualcosa dentro al cuore

che mistero

non so neanche dove andare

e m'allontano

anche se dovrei tornare

lei m'aspetta

si potrebbe preoccupare ma c'è tanto sole

e mi accorgo che ne ho bisogno come un fiore

e ho bisogno di stancarmi e di camminare

di sentire l'acqua il vento e di respirare

peccato che qui vicino non c'è il mare

guido piano

che mistero dopo il ponte cambia il mondo

viene voglia di cantare

questa sera

te lo voglio raccontare

son sereno

come se fosse Natale

e ho tanta voglia

di sdraiarmi su questa terra cosi calda

di dormire e di sognare che questo fiume

lentamente mi porta fra i monti e le pianure

e mi culla come un bambino fino al mare.

Amore mio perché ogni volta scappo via

siamo cosi lonatani dalla vita e dai profumi

forse t'incontrerò dove comincia il mare

quando mi sveglierò sarò migliore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per fortuna Guccini ha messo una volta la parola mare in questa canzone così struggente,

 

Il più bel verso che Guccini abbia scritto sul mare, per me resta: "... l'odore d'olio e mare che fa Le Havre..". E quelle cinque o sei battute mi tornano da trent'anni in mente come una colonna sonora costante.

Edited by marat

Share this post


Link to post
Share on other sites
le frasi che compongono il testo sono molto profonde.

 

E quelle cinque o sei battute mi tornano da trent'anni in mente come una colonna sonora costante.

Già.

Share this post


Link to post
Share on other sites

....dedicato alle mamme scomparse....

 

Ho ancora il vizio di barare con la vita e col destino

E la paura di dormire che c'avevo da bambino

Soldi e debiti o colpe e meriti

Ma anche il colore dei tuoi occhi e la mia stanza dei balocchi

Ho ancora i dischi che ascoltavi al nostro vecchio pianoforte

Il desiderio di parlarti e di scoprire le mie carte

Ho tante maschere ma devo ammettere

Non ti assomiglio in questa cosa

Anche se è tardi ormai ti chiedo scusa

 

Ho la stessa voglia di giocare

Che avevo già a tre anni

E un'altra casa che non sai

E un altro cane e un'altra età

Ma l'inverno è già alle porte

 

E tu, ogni giorno tu

Mi manchi come il sole

Che s'appoggia all'orizzonte immenso e blu

Ed io mi sento perso qui

 

Ho ancora dentro il cuore il ritmo delicato dei tuoi passi

E le parole che mi hai detto prima che ti addormentassi

Ormai le critiche non mi feriscono

Ma devo a te questa fortuna

A te che abiti la Luna

 

A cosa pensi in quella foto con me in braccio sulla spaggia

Ascolti ancora divertita la canzone della pioggia

O è più credibile che ormai sia polvere

E tu non possa più pensarmi

E a questa idea non riesco a rassegnarmi

 

E tu, ogni giorno tu

Mi manchi come l'aria

Nei silenzi di ogni mia preghiera

Tu, che non piangi più

E resti sempre giovane

Al centro di ogni sogno

 

Io ci provo a vivere

A cambiare e a credere

In qualcosa che assomigli a quella tua semplicità

E ti cerco nella scia

Che ogni donna semina

Ma mi perdo in storie ormai sfocate di ogni verità

Sono uno spettacolo

Tragico e ridicolo

E avrei voglia di scambiare la tua vita con la mia

Di tornare a correre

Dietro alle lucertole

E quegli anni incancellabili che ancora io mi porto dentro

 

Se potessi almeno rivederti

(anche per un momento)

Se credessi a quell'idea

Che tu, ogni giorno tu

Ancora mi proteggi

Mentre invece so che invece non puoi farlo più

Ed io mi sento perso qui

Lontano dai tuoi angeli

 

Marco Masini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Franco Califano E’ la malinconia.

Dei libri imporverati sur comò

che ho appena aperti e che mai rivedrò

le mie chitare che ho dimenticate

per tera co' le corde arugginite

er caminetto nun l'ho acceso più

da quanno a casa nun ce sei più tu

le lettere so' ormai 'na rarità

de tutto er resto che ne parlo a fa'

È la malinconiaâ�¦ è la malinconia... è la malinconia...

Un vecchio pescatore nun po' più

portà la barca a remi fin laggiù,

se guarda er mare suo co' nostalgia,

poi spegne la lampara e così sia.

Cammina ma nun c'ha 'na meta sua,

o' 'n' ombra che je tiene compagnia,

'na vita dedicata tutta ar mare,

ch'è stato er primo e l'urtimo suo amore.

È la malinconia... è la malinconia... è la malinconia...

'N amico che nun ricordavi più

lo incontri 'n giorno co' diec'anni 'n più

c'ha tante rughe che te fa' pietà

e odi le parole: tempo fa !

Perché nun poi fa' a meno de pensà

che pure tu sei nato pe' 'nvecchià

e te fai 'n pianto sulla vita tua

perché la trovi inutile follia.

È la malinconia... è la malinconia... è la malinconiaâ�¦

Se tu pentita ritornassi qui

cor nodo 'n gola te verei ad aprì

convinto de volette ancora bene

ma nun te potrei dì tornamo 'nzieme,

perché non troverei nell'occhi tua,

l'antico amore della vita mia

e te direi co' tutta l'onestà

"perché stai qui!... che sei tornata a fa !â�¦

È la malinconia... è la malinconia... è la malinconia...

è la malinconia... è la malinconia... è la malinconia...

 

Pino Daniele Mareluna.

Stanotte questa luna,

c'illumina la mia vita e la tua

La casa sulla duna, lontana è la città

Il mare ci porterà via, via

Mareluna questa notte

sarai mia ancora

Fino a che la luce arriva ed allora

La luna se ne andrà

Mareluna questo amore ci

sconvolge ancora

Fino a che arriverà l'aurora

Ma il mare resterà

Mareluna

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una canzone popolare che ho recentemente sentito dal

Quartetto Cetra Mamma mia dammi cento lire.

 

Ho scoperto che di questa canzone della fine dell'Ottocento, nel periodo delle emigrazioni contadine verso "La 'Merica", esistono numerose versioni e varianti. Ne propongo alcune.

 

Mamma mia, dammi cento lire

che in America voglio andar

e voglio andar

mamma mia dammi cento lire

che in America vo...

che in America voglio andar

e voglio andar.

 

Cento lire io te le do

ma in America no no no

cento lire io te le do

ma in America no...

ma in America no e poi no

 

Suoi fratelli alla finestra

mamma mia, lasciala andar

suoi fratelli alla finestra

mamma mia, lascia...

mamma mia, lasciala andar

 

Pena giunti in alto mare

bastimento si ribaltò

pena giunti in alto mare

bastimento si ri...

bastimento si ribaltò

 

Le parole della mamma

sono venute la verità

le parole della mamma

sono venute la ve...

sono venute la verità.

 

 

Versione alternativa

Mamma mia dammi cento lire

che in America voglio andar

e voglio andar

mamma mia dammi cento lire

che in America voglio andar

 

Cento lire io te le do

ma in America no no no

no no no no

cento lire io te le do

ma in America no no no

 

Suoi fratelli a la finestra

mamma mia lasséla andà

lasséla andà

suoi fratelli a la finestra

mamma mia lasséla andà

 

Quan' fu stata in mezzo al mare

bastimento si l'è fundà

si l'è fundà

quan' fu stata in mezzo al mare

bastimento si l'è fundà

 

I miei capelli son ricci e belli

l'acqua del mare li marcirà

li marcirà

i miei capelli son ricci e belli

l'acqua del mare li marcirà

 

Le parole dei miei fratelli

sono quelle che m'àn tradì

che m'àn tradì

le parole dei miei fratelli

sono quelle che m'àn tradì

 

Le parole della mia mamma

son venute la verità

la verità

le parole della mia mamma

son venute la verità

 

Versione degli alpini.

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar

Cento lire te le darò ma in America no no no

Cento lire te le darò ma in America no no no

Cento lire te le darò ma in America no no no

Se in America non vuoi che vada vo lontano vo a fa il soldà

Se in America non vuoi che vada vo lontano vo a fa il soldà

Se in America non vuoi che vada vo lontano e farò il soldà

Vattene pure o figlio ingrato il bastimento si affonderà

Vattene pure o figlio ingrato il bastimento si affonderà

Vattene pure o figlio ingrato il bastimento si affonderà

E quan fui stato in mezzo al mare il bastimento si rivoltò

E quan fui stato in mezzo al mare il bastimento si rivoltò

Quan fui stato in mezzo al mare il bastimento si rivoltò

E le parole della miai mamma son venute la verità

E le parole della miai mamma son venute la verità

E le parole della miai mamma son venute la verità

E invece quelle dei miei fratelli son stà quelle che m'han tradì

E invece quelle dei miei fratelli son stà quelle che m'han tradì

E invece quelle dei miei fratelli son stà quelle che m'han tradì

I miei capelli ricci e belli in fondo al mare si marciran

I miei capelli ricci e belli in fondo al mare si marciran

I miei capelli ricci e belli in fondo al mare si marciran

 

E la mia carne è tanto tenera i pesci del mare la mangeran

E la mia carne è tanto tenera i pesci del mare la mangeran

E la mia carne è tanto tenera i pesci del mare la mangeran

Ed il mio sangue è tanto dolce la balena lo beverà

Ed il mio sangue è tanto dolce la balena lo beverà

Ed il mio sangue è tanto dolce la balena lo beverà

Addio mamma addio fratelli addio tutti più non vi vedrò

E addio mamma addio fratelli addio tutti più non vi vedrò

Addio mamma addio fratelli addio tutti più non vi vedrò

 

Versione raccolta fra la popolazione delle colline torinesi

A Torino alla Rosa Bianca c’è una ragazza da sposare

E la madre la pettina con un pettine d’oro e d’argento

E suo papà la accarezza con la piuma del pavone bianco

Mamma mia non fatemi troppo bella che gli amanti mi ruberanno

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar

Cento lire io te le do ma in America no e poi no

Fratellino dalla finestra mamma mia lasciatela andare

Appena giunto fu in mezzo al mare il bastimento è sprofondato

Pescatore che peschi il pesce va a pescare la mia Rosina

La tua figlia è andata a fondo mai più al mondo ritornerà.

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Viene sempre questo momento e non si guarda certo indietro.

 

Marco Masini T'innamorerai.

T'innamorerai

forse non di me

starai ferma lì

e succederà da sé ... da sé

Della libertà

degli amici tuoi

te ne fregherai

quando t'innamorerai ... vedrai

Sarà bello da guardare

come un poster di James Dean

sarà dolce la paura

sganciandosi i blue jeans

Sarà grande come il mare

sarà forte come un Dio

sarà il primo vero amore

quello che non sono io

T'innamorerai

di un bastardo che

ti dirà bugie

per portarti via da me ...

Chi ti difenderà

dal buio della notte

da questa vita che non da

quel che promette

T'innamorerai lo so

certo non di me

in profondità

che non sai di avere in te ... in te

Sarai sola contro tutti

perché io non ci sarò

quando piangi e lavi i piatti

e la vita dice no

Un ritardo di sei giorni

che non sai se dirlo a lui

avrai voglia di pensarmi

tu che adesso non mi vuoi

T'innamorerai ... di me

ma non sarò io ... con te

T'innamorerai

quando sarà tardi ormai

E il cielo piangerà

gli mancherà una stella

vai con la tua felicità

sei troppo bella

T'innamorerai

T'innamorerai

T'innamorerai

non di me ma t'innamorerai.

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

1985, Uno su mille, F. Migliacci e R. Fia, canta Gianni Morandi

 

Se sei a terra non strisciare mai

Se ti diranno sei finito non ci credere

devi contare solo su di te

 

Uno su mille ce la fa

ma quanto è dura la salita

in gioco c'è la vita

 

Il passato non potrà

tornare uguale mai

forse meglio perché no, tu che ne sai

non hai mai creduto in me

ma dovrai cambiare idea

 

La vita è come la marea

ti porta in secca o in alto mare

com'è la luna va

 

Non ho barato né bluffato mai

e questa sera ho messo a nudo la mia anima

ho perso tutto ma ho ritrovato me

 

Uno su mille ce la fa

ma quanto è dura la salita

in gioco c'è la vita

 

Tu non sai che peso ha

questa musica leggera

ti ci innamori e vivi ma ci puoi morire quando è sera

io di voce ce ne avrei

ma non per gridare aiuto

 

Nemmeno tu mi hai mai sentito

mi son tenuto il mio segreto

tu sorda e io ero muto

 

Se sei a terra non strisciare mai

Se ti diranno: sei finit non ci credere

Finchè non suona la campana vai

Share this post


Link to post
Share on other sites

I Tazenda Miele amaro.

Serena era l’aria

La luna un’alleluia

Il passato ha in sé il dolore

Ma la memoria è gioia

E sento il suo sapore

Di miele amaro

Antigas emossiones m’hatant a leare

Su tempus s’ischidat

Che sole ‘e su manzanu

Momentos ammentant oh oh

Oh oh oh

Momenti di pace

Si sciolgono in un canto

E indietro sanno tornare

Su queste antiche vie

Che portano al mare

Sa vida hat a passare

A s’infinitu hap’a arrivare

Si s’anima connosches

Il viaggio è nostalgia

E porta in sé il profumo

Di miele amaro

Antiche emozioni migrano nel cuore

Il giorno s’inchina

All’ombra della sera

Indietro si guarderà oh oh oh

oh oh

Su tempus chi colet

Che sole a s’inghelada

Sas domos reposant

Su queste antiche vie

Che portano al mare

E cando penso a tie

Est pro mi consolare

Mm mm mm mm mm mm

Antigas emossiones m’hatant a leare

E cando penso a tie

Est pro mi consolare

Su tempu s’ischidat

Che su sole a manzanu

Momentos ammentant oh oh

Oh oh oh

Ricordi di pace

Legati a questo canto

Che il vento disperderà

E questa lieve pioggia tutto può guarire

Mm mm mm mm mm mm

Miele amaro

 

Lucio Battisti Respirando

Respirando

la polvere dell'auto che ti porta via,

mi domando

perché più ti allontani e più mi sento mia.

Respirando

il primo dei ricordi che veloce appare

sto fumando

mentre entri nel cervello e mi raggiungi il cuore.

Proprio in fondo al cuore,

senza pudore

per cancellare

anche il più antico amore.

Respirandoti,

io corro sulla strada senza più frenare,

respirandoti,

sorpasso sulla destra e vedo un gran bagliore

Lontano una sirena e poi nessun rumore.

Lasciarti è fra i dolori quel che fa più male.

Fra tanta gente nera una cosa bella tu al funerale.

Respirando

pensieri un po' nascosti mentre prendi il sole

ti stai accorgendo

"che un uomo vale un altro" sempre no non vale.

Respirando più forte

ti avvicini al mare.

Stai piangendo.

Ti entro nel cervello e ti raggiungo il cuore.

Proprio in fondo al cuore

senza pudore

per cancellare

anche il più nuovo amore.

Respirandomi

ti vesti e sorridendo corri e poi sei fuori

Respirandomi

tu metti in moto l'auto e accarezzi i fiori

Lontano una sirena e poi nessun rumore.

Dolore e una gran gioia che addolcisce il male.

Fra tanta gente nera una cosa bella tu a me uguale.

Respirandoci ,

guardiamo le campagne che addormenta il sole.

Respirandoci,

le fresche valli, i boschi e le nascoste viole.

le isole lontane, macchie verdi e il mare,

i canti delle genti nuove all'imbrunire

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bianchi cristalli sereni,

scritta e cantata da Don Backy, ma che ha avuto altri eccellenti interpreti, primo fra tutti Claudio Baglioni e poi Morandi e Claudio Villa.

 

Sono i tuoi occhi, due bianchi cristalli sereni

mentre cammini nell'aria di questa mattina

senti, ti dico, sono innamorato

sono innamorato di te.

 

Tu non rispondi e i tuoi occhi, gelosa, nascondi

io posso amarti, io posso perfino sognarti

io posso amare, l'azzurro del mare

ma non sono amato da te.

 

Ma non senti l'incanto

di un'aria profumata

che ti porta le note di questa serenata

fà che ritorni da me

con un sorriso

d'innamorata.

 

Ed io t'aspetto sperando, come ogni mattina

ecco che arrivi, tremando, mi vieni vicina

tu, sei l'amore e con il mio cuore, io non posso

amare

che te.

 

Hai sentito l'incanto

di questa serenata....

Come un miracolo tu

la mia preghiera hai ascoltato

e sei venuta da me, con un sorriso, d'innamorata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Francesco Guccini Un altro giorno è andato

E un altro giorno è andato, la sua musica ha finito,

quanto tempo è ormai passato e passerà?

Le orchestre di motori ne accompagnano i sospiri:

l' oggi dove è andato l' ieri se ne andrà.

Se guardi nelle tasche della sera

ritrovi le ore che conosci già,

ma il riso dei minuti cambia in pianto ormai

e il tempo andato non ritroverai...

 

Giornate senza senso, come un mare senza vento,

come perle di collane di tristezza...

Le porte dell'estate dall' inverno son bagnate:

fugge un cane come la tua giovinezza.

Negli angoli di casa cerchi il mondo,

nei libri e nei poeti cerchi te,

ma il tuo poeta muore e l' alba non vedrà

e dove corra il tempo chi lo sa?

 

Nel sole dei cortili i tuoi fantasmi giovanili

corron dietro a delle Silvie beffeggianti,

si è spenta la fontana, si è ossidata la campana:

perchè adesso ridi al gioco degli amanti?

Sei pronto per gettarti sulle strade,

l' inutile bagaglio hai dentro in te,

ma temi il sole e l' acqua prima o poi cadrà

e il tempo andato non ritornerà...

 

Professionisti acuti, fra i sorrisi ed i saluti,

ironizzano i tuoi dubbi sulla vita,

le madri dei tuoi amori sognan trepide dottori,

ti rinfacciano una crisi non chiarita:

la sfera di cristallo si è offuscata

e l' aquilone tuo non vola più,

nemmeno il dubbio resta nei pensieri tuoi

e il tempo passa e fermalo se puoi...

 

Se i giorni ti han chiamato tu hai risposto da svogliato,

il sorriso degli specchi è già finito,

nei vicoli e sui muri quel buffone che tu eri

è rimasto solo a pianger divertito.

Nel seme al vento afferri la fortuna,

al rosso saggio chiedi i tuoi perchè,

vorresti alzarti in cielo a urlare chi sei tu,

ma il tempo passa e non ritorna più...

 

E un altro giorno è andato, la sua musica ha finito,

quanto tempo è ormai passato e passerà!

Tu canti nella strada frasi a cui nessuno bada,

il domani come tutto se ne andrà:

ti guardi nelle mani e stringi il vuoto,

se guardi nelle tasche troverai

gli spiccioli che ieri non avevi, ma

il tempo andato non ritornerà,

il tempo andato non ritornerà,

il tempo andato non ritornerà...

 

http://www.youtube.com/watch?v=nL7z4FwOkp4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ivan Graziani Agnese

Se la mia chitarra

piange dolcemente

stasera non è sera

di vedere gente

e i giochi nella strada

che ho chiusi dentro al petto

mi voglio ricordare...

Io penso ad un barcone

rovesciato al sole

in un giorno in pieno agosto

le biciclette in riva al mare

Agnese mi parlava

nella sabbia infuocata

ed io non so perchè

non l'ho dimenticata [...]

 

 

Alunni del sole Jenny

Jenny sembrava felice di correre lungo il mare di andare tornare,

giocare di farsi perdonare, io le baciavo le ciglia che meraviglia

felici eravamo felici ma l'estate finiva e dovevo lasciarla.

Jenny era tanto sicura

che noi ci saremmo trovati di nuovo,

di certo anche lei non sapeva dove però io l'ho creduta.

Quante promesse scambiate dimenticate,

sincera sembrava sincera e poi

davvero era bella, per me la più bella.

Jenny era la mente mia, era dentro le foglie,

nel vento dentro l'acqua, nel sale, [...]

 

Pino Daniele Anna verrà

Anna verrà

col suo modo di guardarci dentro

dimmi quando questa guerra finirà

noi che abbiamo un mondo da cambiare

noi che ci emozioniamo ancora davanti al mare

Anna verrà

e sarà un giorno pieno di sole

e allora ti cercherei

forse per sognare ancora

ancora…

Anna, dimmi

se è così lontano il mare

 

Anna verrà

col suo modo di rubarci dentro

di sorridere per questa libertà

noi che abbiamo un mondo da cambiare

noi che guardiamo indietro

cercando di non sbagliare

Anna verrà

raccoglieremo i cani per strada

ci inventeremo qualche altra cosa

per non essere più soli

Anna, dimmi

se è così lontano il mare

 

Sicily

Un posto ci sarà

per questa solitudine

perché mi sento così inutile

davanti alla realtà

Un posto ci sarà

fatto di lava e sole

dove la gente sa che è ora di cambiare

Un posto ci sarà

dove puoi alzarti presto

il giorno finisce per dispetto

e haje voglia di alluccà

 

Che un posto ci sarà

dove si pesca ancora

e il mare porterà

una storia nuova

io son pazzo di te

'e chesta furtuna

Sicily terra e nisciuno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Francesco De Gregori Raggio di sole.

Benvenuto raggio di sole, a questa terra di terra e sassi

a questi laghi bianchi come la neve, sotto i tuoi passi stanchi

a questo amore a questa distrazione, a questo carnevale

dove nessuno ti vuole bene, dove nessuno ti vuole male.

A questa musica che non ha orecchi, a questi libri senza parole

benvenuto raggio di sole, avrai matite per giocare

e un bicchiere per bere forte, e un bicchiere per bere piano

un sorriso per difenderti e un passaporto per andare via lontano

Benvenuto a questa finestra, a questo cielo sereno

a tutti i clackson della mattina, a questo mondo gi troppo pieno

a questa strana ferrovia, unica al mondo per dove può andare

ti porta dove porta il vento, ti porta dove scegli di ritornare

A questa luna tranquilla, che si siede dolcemente

in mezzo al mare c’è qualche nuvola ma non fa niente

perché lontano passa una nave, tutte le luci sono accese

benvenuto figlio di nessuno, benvenuto in questo paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ivano Fossati C’è tempo

Dicono che c'è un tempo per seminare

e uno che hai voglia ad aspettare

un tempo sognato che viene di notte

e un altro di giorno teso

come un lino a sventolare.

 

C'è un tempo negato e uno segreto

un tempo distante che è roba degli altri

un momento che era meglio partire

e quella volta che noi due era meglio parlarci.

 

C'è un tempo perfetto per fare silenzio

guardare il passaggio del sole d'estate

e saper raccontare ai nostri bambini quando

è l'ora muta delle fate.

 

C'è un giorno che ci siamo perduti

come smarrire un anello in un prato

e c'era tutto un programma futuro

che non abbiamo avverato.

 

È tempo che sfugge, niente paura

che prima o poi ci riprende

perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo

per questo mare infinito di gente. […]

 

 

Alex Britti Piove

Piove

sui monti e sulle scale

su petali e parole

sul cuore mio che batte

Piove sui poveri soldati

sui campi abbandonati e sulla mia città.

Piove

e mentre guardo il mare

ripenso alle parole

che mi hai lasciato scritte

Provo

un po’ a dimenticare

infatti guardo il mare e non ci penso più

Agosto sembra ormai lontano

ma io sono vicino

a dove ti incontravo

semplice vestita in modo semplice

sei diventata complice e non ti scordo più…

Piove,

adesso come prima sto nella mia cucina

che mi preparo un pesce.

Cuoce lentamente il sugo

e nel frattempo annego

e non ci penso più.

Agosto è ancora nei miei sensi

ma tu cosa ne pensi

mi vuoi ancora bene

indice di una vita semplice

sei diventata complice ma non ti fidi più.

Chissà dove sarai adesso

dov’è tutto quel sesso,

quel caldo, quel sudore…

Chissà se ancora pensi al mare

al caldo da morire

che non si sente più..

Chissà se agosto è ancora nostro,

se ancora splende il sole

o poi magari piove..

Chissà se mai la frustrazione

diventa un’emozione

così non piove più.

Piove,

sui banchi della scuola

su ogni mia parola che non riesco a dire,

provo un po’ a dimenticare

infatti guardo il mare

e non ci penso più…

 

 

Lucio Dalla Cosa sarà

Cosa sarà che fa crescere gli alberi, la felicità

Che fa morire a vent'anni anche se poi vivi fino a cento

Cosa sarà a far muovere il vento a fermare il poeta ubriaco

A dare la morte per un pezzo di pane o un bacio non dato

Oh oh cosa sarà che ti svegli al mattino e sei serio

Che ti fa morire ridendo di notte, all'ombra di un desiderio

Oh oh cosa sarà che ti spinge ad amare una donna bassina perduta

La bottiglia che ti ubriaca anche se non l'hai bevuta

Cosa sarà che ti spinge a picchiare il tuo re

Che ti porta a cercare il giusto dove giustizia non c'è

Cosa sarà che ti fa comprare di tutto

Anche se è di niente che hai bisogno

Cosa sarà che ti strappa dal sogno

Oh oh cosa sarà che ti fa uscire di tasca dei "no, non ci sto"

Ti getta nel mare, ti viene a salvare

Oh oh cosa sarà che dobbiamo cercare

Che dobbiamo cercare

Cosa sarà che ti fa lasciar la bicicletta sul muro

E camminare la sera con un amico a parlar del futuro

Cosa sarà questo strano coraggio o paura che ti prende

E ci porta ad ascoltare la notte che scende

Oh oh cosa sarà quell'uomo ed il suo cuore benedetto

Che sceso dalle scarpe e dal letto

Si è sentito solo è come un uccello che in volo

è come un uccello che in volo si ferma e guarda laggiù.

 

 

 

Francesco De Gregori Ti leggo nel pensiero

Sarà come sarà , ...se sarà vero, ...sarà come sarà ......sarà che inciamperò da qualche parte e poi ripartirò da zero......però... ...ti leggo nel pensiero...

...E chiedimi perdono per come sono...perchè è così che mi hai voluto tu! Prendimi per il collo, prendimi per mano......che non mi trovo più.

Torno a casa la notte, ...e non mi lasciano entraree nemmeno ci provo a chiamarti per nome, e nemmeno ci provo a bussare...Ma tu davvero sai prendere il miele ...e trasformarlo in pane......davvero sai pescare un uomo ...caduto nel mare...

Sarà come sarà , ...se sarà vero...Sarà come sarà , e mi vedrai ...davvero...Poco prima dell'alba, ...quando il buio è più nero... ...però...

Ti leggo nel pensiero...Ti leggo nel pensiero...Ti leggo nel pensiero...

 

 

 

Pierangelo Bertoli Pescatore

getta le tue reti

buona pesca ci sarà

e canta le tue canzoni

che burrasca calmerà

pensa pensa al tuo bambino

al saluto che ti mandò

e tua moglie sveglia di buon mattino

con un dio di te parlò

con un dio di te parlò

dimmi dimmi mio signore

dimmi che tornerà

l'uomo mio difendi dal male

dai pericoli che troverà

troppo giovane son io

ed il nero è un triste colore

la mia pelle bianca è profumata

ha bisogno di carezze ancora

ha bisogno di carezze ora

pesca forza tira pescatore

pesca non ti fermare

poco pesce nella rete

lunghi giorni in mezzo al mare

mare che non t'ha mai dato tanto

mare che fa bestemmiare

quando la sua furia diventa grande

e la sua onda è un gigante

e la sua onda è un gigante

dimmi dimmi mio signore

dimmi se tornerà

quell'uomo che sento meno mio

ed un altro mi sorride già

scaccialo dalla mia mente

non indurmi nel peccato

un brivido sento quando mi guarda

e una rosa egli m'ha dato

una rosa lui mi ha dato

rosa rossa pegno d'amore

rosa rosa malaspina

nel silenzio della notte ora

la mia bocca gli è vicina

no per dio

non farlo tornare

dillo tu al mare.

è troppo forte questa catena

io non la voglio spezzare

io non la voglio spezzare

pesca forza tira pescatore

pesca non ti fermare

anche quando l'onda ti solleva forte

e ti toglie dal tuo pensare

e ti spazza via come foglia al vento

che vien voglia di lasciarsi andare

tu leggero nel suo abbraccio forte

mai così cattiva poi la morte

è così cattiva poi la morte

dimmi dimmi mio signore

dimmi che tornerà

quell'uomo che sento l'uomo mio

quell'uomo che non saprà

che non saprà di me e di lui

e delle sue promesse vane

di una rosa rossa qui tra le mie dita

di una storia nata e già finita

di una storia nata già finita

pesca forza tira pescatore

pesca non ti fermare

poco pesce nella rete

lunghi giorni in mezzo al mare

mare che non t'ha mai dato tanto

mare che fa bestemmiare

e si placa e tace senza resa

e ti aspetta per ricominciare

e ti aspetta per ricominciare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due splendide canzoni di Ivano Fossati.

 

Ivano Fossati C'è tempo

Dicono che c'è un tempo per seminare

e uno che hai voglia ad aspettare

un tempo sognato che viene di notte

e un altro di giorno teso

come un lino a sventolare.

 

C'è un tempo negato e uno segreto

un tempo distante che è roba degli altri

un momento che era meglio partire

e quella volta che noi due era meglio parlarci.

 

C'è un tempo perfetto per fare silenzio

guardare il passaggio del sole d'estate

e saper raccontare ai nostri bambini quando

è l'ora muta delle fate.

 

C'è un giorno che ci siamo perduti

come smarrire un anello in un prato

e c'era tutto un programma futuro

che non abbiamo avverato.

 

È tempo che sfugge, niente paura

che prima o poi ci riprende

perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo

per questo mare infinito di gente.

 

Dio, è proprio tanto che piove

e da un anno non torno

da mezz'ora sono qui arruffato

dentro una sala d'aspetto

di un tram che non viene

non essere gelosa di me

della mia vita

non essere gelosa di me

non essere mai gelosa di me.

 

C'è un tempo d'aspetto come dicevo

qualcosa di buono che verrà

un attimo fotografato, dipinto, segnato

e quello dopo perduto via

senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata

la sua fotografia.

C'è un tempo bellissimo tutto sudato

una stagione ribelle

l'istante in cui scocca l'unica freccia

che arriva alla volta celeste

e trafigge le stelle

è un giorno che tutta la gente

si tende la mano

è il medesimo istante per tutti

che sarà benedetto, io credo

da molto lontano

è il tempo che è finalmente

o quando ci si capisce

un tempo in cui mi vedrai

accanto a te nuovamente

mano alla mano

che buffi saremo

se non ci avranno nemmeno

avvisato.

 

Dicono che c'è un tempo per seminare

e uno più lungo per aspettare

io dico che c'era un tempo sognato

che bisognava sognare.

 

 

Ivano Fossati Questi posti davanti al mare.

Le ragazze di Firenze vanno al mare

le ragazze di Firenze vanno all'amore

le ragazze di Milano han' passo di pianura

che è bello da vedere

che è bello da incontrare

in questi posti davanti al mare

con questi cieli sopra il mare

quando il vento riscalda a suo tempo

il mare.

 

Le ragazze di Torino han' smesso di lavorare

alle sette hanno smesso di lavorare

e anche il treno da Torino è un treno di pianura

però dovrà arrivare

però dovrà arrivare

in questi posti davanti al mare

con questi cieli sopra il mare

fin da Pavia si pensa al mare

fin da Alessandria si sente il mare

dietro un curva improvvisamente

il mare.

 

E noi che siamo gente di Riviera

dove passano i cuori d'avventura

e noi non ci sappiamo perdonare

di non sapere ballare

sapendo troppo aspettare.

E noi che siamo gente di Riviera

dove passano i cuori d'avventura

e noi non ci sappiamo perdonare

di non sapere ballare

sapendo troppo aspettare.

 

E noi non ci sappiamo vestire

e noi non ci sappiamo spogliare

e noi non ci sappiamo raccontare

quand'è il momento raccontare

nei bar davanti al mare.

 

Le ragazze di Firenze vanno al mare

hanno tutte cuori da rivedere

le ragazze di Milano han' quel passo di pianura

che è bello da incontrare

che è bello da ricordare

in questi posti davanti al mare

con questi cieli sopra

quando il vento raffredda a suo tempo

il mare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una bella canzone di Francesco Guccini dedicata è ovvio al nostro Odisseo :s01: :s01: :s20:

Odysseus.

"Bisogni che lo affermi fortemente

che, certo, non appartenevo al mare

anche se Dei d'Olimpo e umana gente..."

"...concavi navi dalle vele nere

e nel mare cambiò quella mia vita

ma il mare trascurato mi travolse, seppi che il mio

futuro era sul mare, con un dubbio però che non si sciolse,

senza futuro era il mio navigare"

"l'urlo dell'accecato Polifemo"

" La via del mare segna false rotte"

 

Ma se tu guardi un monte che hai di faccia

senti che ti sospinge a un altro monte,

un'isola col mare che l'abbraccia

ti chiama a un'altra isola di fronte

e diedi un volto a quelle chimere

le navi costruii di forma ardita,

concavi navi dalle vele nere

e nel mare cambiò quella mia vita

ma il mare cambiò quella mia vita

ma il mare trascurato mi travolse:

senza futuro era il mio navigare

 

Ma nel futuro trame di passato

si uniscono a brandelli di presente,

ti esalta l'acqua e al gusto del salato

brucia la mente

e ad ogni viaggio reinventarsi un mito

a ogni incontro ridisegnare il mondo

e perdersi nel gusto del proibito

sempre più in fondo

 

E andare in giorni bianchi come arsura,

soffio di vento e forza delle braccia,

mano al timone e sguardo nella pura

schiuma che lascia effimera una traccia;

andare nella notte che ti avvolge

scrutando delle stelle il tremolare

in alto l'Orsa è un sogno che ti volge

diritta verso il nord della Polare.

E andare come spinto dal destino

verso una guerra, verso l'avventura

e tornare contro ogni vaticino

contro gli Dei e contro la paura.

 

E andare verso isole incantate,

verso altri amori, verso forze arcane,

compagni persi e navi naufragati;

per mesi, anni, o soltanto settimane?

La memoria confonde e dà l'oblio,

chi era Nausicaa, e dove le sirene?

Circe e Calypso perse nel brusio

di voci che non so legare assieme.

Mi sfuggono il timone, vela e remo,

la frattura fra inizio ed il finire,

l'urlo dell'accecato Poliremo

ed il mio navigare per fuggire.

 

E fuggendo si muore e la morte

sento vicina quando tutto tace

sul mare, e maledico la mia sorte

non trovo pace

forse perché sono rimasto solo

ma allora non tremava la mia mano

e i remi mutai in ali al folle volo

oltre l'umano.

 

La vita del mare segna false rotte,

ingannevole in mare ogni tracciato,

solo leggende perse nella notte

perenne di chi un giorno mi ha cantato

donandomi però un'eterna vita

racchiusa in versi, in ritmi, in una rima,

dandomi ancora la gioia infinita

di entrare in porti sconosciuti prima.

 

Ecco il link http://www.youtube.com/watch?v=t6S5szIiXXY

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vinicio Capossela S.S. Dei Naufragati

 

E venne dall’acqua, e venne dal sale

la penitenza dalla mano del mare

il comandante avanza e niente si puó fare

vuole una morte, la vuole affrontare

e lí l’attandeva, dove il sole cala

cala e non muore, e l’acqua non lo lava

e il demone lo duole, sui banchi d’acqua

stregati di olio e petrolio

e il vento non alzava, e il mare imputridiva

legati a un solo raggio, tutti presi in ostaggio

avanzavamo lenti, senza ammutinamenti

e il comandante é pazzo, e avanza nel peccato

e il demone ch’é suo, adesso vuole mio

e brinda con il sangue all’odio ci convince,

che se é sua la barca che vince, dev’essere la mia

e gli occhi non videro, non videro la luce

non videro la messe, che altri non l’avesse

e il cielo fece nero, e urló la nube al cielo

e s’affamó d’abisso, che tutti ci prendesse

Matri mia, salvezza prendimi nell’anima

Matri mia, le ossa nell’acqua

anime bianche, anime salvate

anime venite, anime addolorate

che io abbia due soldi, due soldi sopra gli occhi

due soldi per l’onore, due monete in pegno

per pagare il legno, la dura voga del traghettatore

e vieni occhi di fluoro, vieni al tuo lavoro

vieni spettro del tesoro

la vela tende, il vento se la prende

la vela cade, le remi allontanate

e accese sui pennoni

i fuochi fatui, i fuochi alati

della Santissima dei naufragati

Matri mia, salvezza prendimi nell’anima

il tempo stremava, l’arsura ci cuoceva

parlavamo alle vare e il silenzio dal mare

e il legno cedeva all’acqua suo pianto

la vela cadde, la sete ci asciugó

acqua, acqua, acqua in ogni dove

e nemmeno una goccia, nemmeno una goccia da bere

e gli uomini spegnevano, spegnevano il respiro

spegnevano la voce, nel nome dell’odio

che tutti ci appagó, il cielo rigó di sbarre il suo portale

il volto di fuoco, dentro imprigionó

lo spettro vedemmo venire di lontano

venire per ghermire, nero di dannazione

vita e morte, vita e morte era il suo nome

Matri mia, salvezza prendimi nell’anima

Matri mia, salvezza prendimi

questa é la ballata di chi si é preso il mare

che lapide non abbia, ne ossa sulla sabbia

né polvere ritorni, ma bruci sui pennoni

nei fuochi sacri, nei fuochi alati

della Santissima dei naufragati

O Santissima dei naufragati vieni a noi che siamo andati

senza lacrime senza gloria, vieni a noi, perdon, pietá.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vinicio Capossela Con una rosa

Con una rosa hai detto

vienimi a cercare

tutta la sera io resterò da sola

ed io per te

muoio per te

con una rosa sono venuto a te

 

bianca come le nuvole di lontano

come una notte amara passata invano

come la schiuma che sopra il mare spuma

bianca non è la rosa che porto a te

 

gialla come la febbre che mi consuma

come il liquore che strega le parole

come il veleno che stilla dal tuo seno

gialla non è la rosa che porto a te

 

sospirano le rose nell'aria spirano

petalo a petalo mostrano il color

ma il fiore che da solo cresce nel rovo

rosso non è l'amore

bianco non è il dolore

il fiore solo è il dono che porto a te

 

rosa come un romanzo di poca cosa

come la resa che affiora sopra al viso

come l'attesa che sulle labbra pesa

rosa non è la rosa che porto a te

 

come la porpora che infiamma il mattino

come la lama che scalda il tuo cuscino

come la spina che al cuore si avvicina

rossa così è la rosa che porto a te

 

lacrime di cristallo l'hanno bagnata

lacrime e vino versate nel cammino

goccia su goccia, perdute nella pioggia

goccia su goccia le hanno asciugato il cuor

 

portami allora portami il più bel fiore

quello che duri più dell'amor per sé

il fiore che da solo non specchia il rovo

perfetto dal dolore

perfetto dal suo cuore

perfetto dal dono che fa di sé.

 

http://www.youtube.com/watch?v=QLFQxS02XR4

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una novità...

Max Gazzè, Mentre dormi, 2010

 

Mentre dormi ti proteggo

e ti sfioro con le dita

ti respiro e ti trattengo

per averti per sempre

Oltre il tempo di questo momento

arrivo in fondo ai tuoi occhi

quando mi abbracci e sorridi

se mi stringi forte fino a ricambiarmi l'anima

Questa notte senza luna adesso

vola... tra coriandoli di cielo

e manciate di spuma di mare

Adesso vola

Le piume di stelle

sopra il monte più alto del mondo

a guardare i tuoi sogni

arrivare leggeri

Tu che sei nei miei giorni

certezza, emozione

Nell'incanto di tutti i silenzi

che gridano vita

sei il canto che libera gioia

sei il rifugio, la passione

Con speranza e devozione

io ti vado a celebrare

come un prete sull'altare

io tivoglio celebrare

come un prete sull'altare

Questa notte ancora vola

tra coriandoli di cielo

e manciate di spuma di mare

Adesso vola

Le piume di stelle

sopra il monte più alto del mondo

a guardare i tuoi sogni

arrivare leggeri

Sta arrivando il mattino

stammi ancora vicino

sta piovendo

e non ti vuoi svegliare

resta ancora resta per favore

e guarda come...

vola tra coriandoli di cielo

e manciate di spuma di mare

Adesso vola

Le piume di stelle

sopra il monte più alto del mondo

a guardare i tuoi sogni

arrivare leggeri

Vola... Adesso vola

Oltre tutte le stelle

alla fine del mondo

vedrai, i nostri sogni diventano veri!

Edited by Febea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cara C.te Febea, (mi passi il Cara) adoro la sua raccolta di canzoni sul mare, specialmente una di cui mi sono accorto, dopo 10 mesi, di essere fan

 

Vinello, Stessa spiaggia stesso mare:

"Per quest'anno non cambiare

stessa spiaggia stesso mare

per poterti rivedere

per tornare per restare insieme a te

e come l'anno scorso

sul mare col pattino

vedremo gli ombrelloni

lontano lontano

nessuno ci vedrà vedrà vedrà [...]

 

.....cantiamola insieme al ns. amico Spalletti e sono sicuro che dopo qualche ora faremo un mare di risate

 

Scusami ma non ho resistito!!!!!!

 

un caro saluto

 

Marcoz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marcoz, i fan silenziosi di questo musicale post sono molti! :s02:

 

Un'altra novità, ma dalle sonorità tipiche e, consentitemi, prevedibili dell'autore e comunque niente di eccezionale...

 

Ligabue, Un colpo all'anima, 2010

 

Tutte queste luci

tutte queste voci

tutti questi amici

tu dove sei?

 

Tutto questo tempo

pieno di frammenti

e di qualche incontro

e tu non ci sei

 

Tutte queste radio

piene di canzoni

che hanno dentro un nome

ecco chi sei

 

Non ti sai nascondere per bene

 

Quante volte sei passata

quante volte passerai

e ogni volta è sempre un colpo all’anima, all’anima

 

Tutto questo posto

forse troppo visto

deve avere un guasto

tu non ci sei

 

tutte quelle case

piene di qualcuno

e fra quei qualcuno

tu con chi sei?

Tutte queste onde

pronte a scomparire

resta solo il mare

quanto ci sei

Non ti sai nascondere davvero

 

Quante volte sei passata

quante volte passerai

e ogni volta è sempre un colpo all’anima, all’anima

 

quante volte sei mancata

quante volte mancherei

un colpo al cerchio ed un colpo all’anima, all’anima

 

Quante volte sei passata

quante volte passerai

e ogni volta è un colpo sordo all’anima, all’anima

 

Quante volte sei mancata

quante volte mancherai

un colpo al cerchio ed un colpo all’anima, all’anima … !!!

 

 

E poi devo citare anche il vincitore (???????? :s68: ) del festival di Sanremo 2010

Valerio Scanu, Per tutte le volte che, 2010

 

Per tutte le volte che

mi dici basta e basta più non è

non corrisponde il flusso delle tue parole al battito del cuore

per tutte le volte che

mi chiedi scusa e scusa più non è

ma trovi sempre il modo di farmi sembrare il simbolo del male

Per tutte le volte che

è tua colpa, forse non lo è

ma il dubbio basta a farmi ritrovare quella voglia di gridare ma,

poi c’è una volta in cui scatta qualcosa fuori e dentro di noi e tutto il resto è piccolo

Come uno spillo impercettiible

come se un giorno freddo in pieno inverno

nudi non avessimo poi tanto freddo perchè

noi coperti sotto il mare a far l’amore in tutti

i modi, in tutti i luoghi in tutti i laghi in tutto il mondo

l’universo che ci insegue ma ormai siamo irraggiungibili…

per tutte le volte che

un pugno al muro nulla fa perchè

questo dolore è dolce come il miele

confrontato con il male che noi ci facciamo

se così potente questo amore che ci difendiamo con tutta la forza ma non basta quasi mai

come se un giorno freddo in pieno inverno

nudi non avessimo poi tanto freddo perchè

noi coperti sotto il mare a far l’amore in tutti i modi, in tutti i luoghi in tutti i laghi in tutto il mondo

l’universo che ci si insegue ma ormai siamo irraggiungibili

come se un giorno freddo in pieno inverno

nudi non avessimo poi tanto freddo perchè

noi coperti sotto il mare a far l’amore in tutti i modi, in tutti i luoghi in tutti i laghi in tutto il mondo

l’universo, l’universo, l’universo…

come se un giorno freddo in pieno inverno

nudi non avessimo poi tanto freddo perchè

noi coperti sotto il mare a far l’amore ma ormai siamo irraggiungibili

Edited by Febea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Correva l'anno 1996... giusto ieri :s06:

Metto tutte le parole di questa canzone in fila data la lunghezza del testo (che comunque so quasi tutta a memoria)... un piccolo e forse vago cenno al mare, ma mi fa piacere inserirla.

 

Articolo31, Domani

Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani), se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà.

Oggi c'ho in testa te, non so perché, domani chissà... perciò se ti va senti qua: i ricordi sono in fila e non mi mollano, ad uno ad uno salgono e mi tormentano. Sono in para, noia dura, dolce tortura, paura, come quella sera indeciso sul baciarti o meno, a parlare sul divano ore, la prima volta che assaggiavo il tuo sapore e già ne ero strettamente dipendente, shhh, cotto immediatamente. Ed era tipo che c'importa di domani? , stringimi le mani, ma i baci non risolvono i problemi, e ora non ci sei, domani è già arrivato, e brucia dentro sai, anche se ero preparato, e cadono parole come pioggia sulla strada, forse verrà domani il sole che le asciuga. Non so dove mi porterà questa marea, a largo o a riva non ne ho idea, se con qualcuno o se con te, non so domani neanche se sarò con me. Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani). Se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà. L'autostrada scivola veloce, sto mangiando quel gelato che ti piace, che ti fa ingrassare, tutte le menate quante volte le ho sentite, mi gira in testa ancora la tua voce, dolce musica, pure quando isterica, quasi psichedelica, senza dubbio erotica. E penso a quanto spesso son finito nel tuo letto a smaltire quel gelato, a restare impigliato nei tuoi capelli con il mio orecchino, a fare casino, per farmi stare zitto mi schiacciavi sulla bocca il tuo cuscino. Fumare sigarette, raccontarti barzellette fino al mattino, e mi divertivo quando mi correggevi se sbagliavo un congiuntivo. E come t'incazzavi quando t'abbracciavo e non m'ero tolto l'orologio e ti graffiavo, cento volte buonanotte e non dormivo, ti fissavo, poi mi muovevo e ti svegliavo: ...E lasciami dormire Ale ti prego..., ed eri così bella che non ci credevo... Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani). Se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà. Forse domani un nuovo vento la mia passione soffierà via (domani), chissà domani quale fuoco ecciterà i peccati miei (domani), perché domani non ci sei, perché domani non c'è noi, perché domani, c'è solo domani (domani), domani. E ancora cambio umore se ti penso, è un bel po' che non ti sento, ma non mi frega cosa stai facendo, dentro ho un'immagine di te che non parla, l'ho fatta per guardarla e non voglio rovinarla. E tengo solo il buono, come il tuo profumo, che mi ha sballato più di ogni cosa abbia bevuto o fumato, e mai nessuna foto renderà giustizia al tuo sorriso quando esplode all'improvviso sul tuo viso, lascia stare, domani avrò un altro posto dove andare, e un'altra rima da inventare, e neanche so dove saranno i miei pensieri, forse sarai solo una luce che illumina il mio ieri. Ma ancora rido se penso ai soprannomi che mi hai dato, li sapesse anche il mio amico, sarei rovinato!! Non credi?? Sono ancora in piedi, e lontano che non mi vedi, ma oggi tu sei la mia musa, baby, fata benedetta e strega maledetta insieme, faccio di te le rime mentre domani viene, la notte muore schiaccio l'acceleratore, oggi sarà un giorno senza te, domani pure. Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani). Se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà. Non so dove mi porterà questa marea, a largo o a riva non ne ho idea, se con qualcuno o se con te, non so domani neanche se sarò con me. Domani...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cesare Cremonini - Jovanotti, Mondo, 2010

 

 

Ho visto un posto che mi piace si chiama Mondo

Dove vivo non c’è pace ma la vita è sempre in torno

Più mi guardo, più mi sbaglio, più mi accorgo che

dove finiscono le strade e proprio li che nasce il giorno

Ma questo è il posto che mi piace si chiama mondo….

(...) questo è il posto che mi piace…

 

Viviamo in piccole città (nascosti dalla nebbia)

prendiamo pillole per la felicità (misericordia)

Noi siamo piccoli (amiamo l’Inghilterra)

Viviamo dell’eternità…

 

JOVANOTTI: Gira e gira e non si ferma mai ad aspettare

sorge e poi tramonta come un delfino dal mare

muove la sua orbita leggero e irregolare

distribuisce sogni e ritmo buono da danzare

Mondo cade, Mondo pane, Mondo d’abitare

Mondo che ci salva, Mondo casa da ristrutturare

Tutto è falso, tutto è vero, tutto è chiaro, tutto scuro

Questo è il posto che mi piace aldiqua aldilà del muro

 

Viviamo in piccole città (nascosti dalla nebbia)

prendiamo pillole per la felicità (misericordia)

Noi siamo piccoli (amiamo l’Inghilterra)

Viviamo dell’eternità…

Viviamo in piccole città (nascosti dalla nebbia)

prendiamo pillole per la felicità (misericordia)

Noi siamo piccoli (amiamo l’Inghilterra)

Viviamo dell’eternità…

Viviamo nell’eternità…

Viviamo nell’eternità…

 

Ho visto un posto che mi piace

Ho visto un posto che mi piace

Ho visto un posto che mi piace

si chiama Mondo

si chiama Mondo

si chiama Mondo

 

Gira e gira e non si ferma mai ad aspettare

Sorge e poi tramonta come un delfino dal mare

Gira e gira e non si ferma mai ad aspettare

Sorge e poi tramonta come un delfino dal mare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel giorno del mio compleanno n. 33 dedico a un "noi" questa bella canzone............

 

Amedeo Minghi, 1950

 

Come profumi... che gonna...

che bella che sei... che gambe...

Che passi sull’asfalto di Roma...

Serenella,

in questo vento di mare, di pini,

nel nostro anno tra la guerra ed il duemila.

Dal conservatorio all’università,

la bicicletta non va,

e tu che aspetti me,

con i capelli giù

io li carezzerò,

seduti al nostro caffè...

Serenella...

La radio trasmetterà

la canzone che ho pensato per te,

e forse attraverserà l’oceano

lontano da noi:

l’ascolteranno gli Americani che proprio ieri

sono andati via e con le loro camicie a fiori

colorano le nostre vie

ed i nostri giorni di primavera

che profumano dei tuoi capelli

e dei tuoi occhi così belli

spalancati sul futuro

e chiusi su di me

nel novecentocinquanta….

Amore,

ma come stiamo bene al sole…

Amore

da quest’anno tu,

sarai con me.

E’ tondo quest’anno,

che tiro diretto e che

bell’effetto al mio cuore,

Serenella

coi soldi cravatte, vestiti, dei fiori

e una vespa per correre insieme al mare.

Al mare di questa città

alle onde, agli spruzzi

che escono fuori dalle nostre fontane.

E se c’è un po' di vento

ti bagnerai,

mentre aspetti me

al nostro caffè.

Serenella...

La radio trasmetterà la canzone

che ho pensato per te,

e forse, attraverserà l’oceano

lontano da noi,

l’ascolteranno gli Americani

che proprio ieri sono andati via,

e con le loro camicie a fiori

che colorano le nostre vie

e i nostri giorni di primavera

che profumano dei tuoi capelli

e dei tuoi occhi così belli

spalancati sul futuro

e chiusi su di me,

nel novecentocinquanta….

E ti amo,

ti amo forte al sole

questo sole che sembra vicino

Serenella io,

voglio un bambino

nei nostri giorni di primavera

lo penseremo come una canzone

Serenella

ti porto al sole

Serenella

ti porto al mare…..

La radio trasmetterà la canzone

che ho pensato per Te,

e forse attraverserà l’oceano

lontano da noi

l’ascolteranno gli Americani

che proprio ieri sono andati via,

o Serenella

ti porto al mare,

io,

ti porto via……………

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto l'amore che ho, Jovanotti, 2010

 

 

Le meraviglie in questa parte di universo,

sembrano nate per incorniciarti il volto

e se per caso dentro al caos ti avessi perso,

avrei avvertito un forte senso di irrisolto.

 

Un grande vuoto che mi avrebbe spinto oltre,

fino al confine estremo delle mie speranze,

ti avrei cercato come un cavaliere pazzo,

avrei lottato contro il male e le sue istanze.

 

I labirinti avrei percorso senza un filo,

nutrendomi di ciò che il suolo avrebbe offerto

e a ogni confine nuovo io avrei chiesto asilo,

avrei rischiato la mia vita in mare aperto.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho.

 

Un prigioniero dentro al carcere infinito,

mi sentirei se tu non fossi nel mio cuore,

starei nascosto come molti dietro ad un dito

a darla vinta ai venditori di dolore.

 

E ho visto cose riservate ai sognatori,

ed ho bevuto il succo amaro del disprezzo,

ed ho commesso tutti gli atti miei più puri.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo...

Considerando che l'amore non ha prezzo,

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho.

 

Senza di te sarebbe stato tutto vano,

come una spada che trafigge un corpo morto,

senza l'amore sarei solo un ciarlatano,

come una barca che non esce mai dal porto.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo,

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fiorella Mannoia, Un aeroplano a vela, (testo di Gianmaria Testa)

 

Un transatlantico di carta ti regalerò

quando dovrai partire

e un capitano con le mani lo navigherà

da questo a un altro mare

 

Un transatlantico di carta ti regalerò

e un aeroplano a vela

ed un pilota con gli occhiali lo piloterà

da questo a un altro cielo

 

E un canarino canterino addomesticherò

per le giornate scure

di quando il mare e il cielo dicono di no

e non si può viaggiare

 

Una bandiera senza segni ti regalerò

quando dovrai partire

e il vento forte di levante la sventolerà

che si potrà vedere

 

Una bandiera senza segni ti regalerò

e una clessidra d'oro

quando la sabbia del deserto lo trascorrerà

ti potrai riposare

 

E un canarino canterino addomesticherò

per le giornate scure

di quando il vento e il tempo dicono di no

e non si può più tornare

 

E un canarino canterino addomesticherò

per le giornate scure

di quando il vento e il tempo dicono di no

e non si può più viaggiare

 

 

 

Fiorella Mannoia, Ogni volta che vedo il mare, (autore non pervenuto)

 

È solo notte proprio notte

occhi verdi come un gatto

ma nel buio frammenti di specchi

ingannano il cuore

Graffiano i miei pensieri

ma vorrei solo dormire

 

Sognare io voglio le stelle

che non mi facciano pensare

che un altro amore

una nuova emozione mi sappia dare

fuori niente luna

dentro niente amore

 

Ma ogni volta che vedo il mare

sono abbagliata mi devo fermare

non capisco mi metto a pensare

a chi di notte non riesco a vedere

ma ogni volta che vedo il mare

è difficile bluffare

con questo straccio d’anima dentro

è molto strano che io sia contenta adesso

 

Ogni volta che vedo il mare

ogni volta che vedo il mare

 

Ma sui miei occhi un’altra notte

e sulle labbra altre canzoni

in fondo al cuore parole che non so più dire

che parlano troppo piano

volti e sorrisi lontani

amici pochi amici

stretti come pugnali sottili

e sanno anche come farmi divertire

dire che li posso amare

sarebbe un po’ come tornare

 

Ma ogni volta che vedo il mare

sono abbagliata mi devo fermare

non capisco mi metto a pensare

a chi di notte non riesco a vedere

ma ogni volta che vedo il mare

è difficile bluffare

con questo straccio d’anima dentro

è molto strano che io sia contenta adesso

 

Ogni volta che vedo il mare

ogni volta che vedo il mare

Edited by Febea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noi no, Claudio Baglioni, 1996

...un anno (e 2 settimane) è un attimo...

 

Come sarà un giorno perdere

la strada e andare via

incontro alla realtà

farsi travolgere da un vento di follia

come sarà

le mani stringere

con tutta l'energia

che l'aria ci darà

le onde a fendere

sassi schizzati via

avremo ancora braccia

come ali libere

di bere giorni e sere

e un sole di isole

su questa nostra faccia

parole e musica

ad asciugarci gole

per una verità

noi noi no

(...)

noi noi no

noi o noi mai più rubati

come sarà

spaccare il mondo in due

sputare il nocciolo

con quell'ingenuità

delle canzoni mie

di un cuore incredulo

avremo le speranze

di figli in prestito

che presto cresceranno

un anno è un attimo

e un cielo accenderanno

comete come te

e quanto amore e sete

che possa piovere

di più giù in fondo là

più su più in alto

ancora oltre

noi noi no

(...)

noi noi no

noi o noi mai più rubati

noi che mai

finimmo di aspettare

provando a vivere

e non vogliamo andare

in paradiso se

lì non si vede il mare

noi no

noi noi no

noi o noi mai più rubati

noi noi no

(...)

noi noi no

noi o noi mai più rubati

noi noi no

(...)

noi noi no

noi o noi mai più rubati

noi noi no

noi sogni di poeti

Edited by LT Melekhin

Share this post


Link to post
Share on other sites
...un anno (e 2 settimane) è un attimo...

 

A proposito: noi amanti del gossip interplanetario siamo a becco asciutto: sappiamo solo che Betasom è stata pronuba all'unione...

Attendiamo fidenti :s43: anche se ovviamente sono fatti solo vostri !!!! :s55:

Se vi sono sembrata indiscreta, scusatemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
A proposito: noi amanti del gossip interplanetario siamo a becco asciutto: sappiamo solo che Betasom è stata pronuba all'unione...

Attendiamo fidenti :s43: anche se ovviamente sono fatti solo vostri !!!! :s55:

Se vi sono sembrata indiscreta, scusatemi.

 

Semplicemente, passati un anno e due settimane dal primo incontro... ci siamo sposati... il tutto è, in fondo, "un attimo" :s01:

Aquila con aquila, elefante con elefante...

 

 

 

 

Luciano Ligabue, Atto di fede (da Arrivederci, Mostro), 2010

Ho visto belle donne

spesso da lontano

ognuno ha il proprio modo

di tirarsele vicino

e ho visto da vicino

chi c'era da vedere

e ho visto che l'amore

cambia il modo di guardare

 

Ho visto film di guerra

e quelli dell'orrore

e si vedeva bene che non erano invenzione

ho visto mari calmi

e mari tempestosi

e ho visto in sala parto

la potenza delle cose

 

E' tutto scritto

ed è qui dentro

e viene tutto via con me

 

Tu che cosa vedi

tu che cosa vedi

c'è ancora un orizzonte lì con te

 

Di tutta la vita passata questo è il momento

di tutta la vita davanti questo è il momento

vivere è un atto di fede

mica un complimento

questo è il mio atto di fede

questo è il tuo momento

 

Ho visto tanti giuda

tutti in buona fede

e ho visto cani e porci fatturare a chi gli crede

ho visto la bellezza

che ti spacca il cuore

e occhi come il mare nel momento del piacere

 

E' tutto scritto

ed è qui dentro

e viene tutto via con me

 

Tu che cosa vedi

tu che cosa vedi

c'è ancora un orizzonte lì con te

 

Di tutta la vita passata questo è il momento

di tutta la vita davanti questo è il momento

vivere è un atto di fede

mica un complimento

 

Questo è il mio atto di fede

questo è il tuo momento

 

E come la vedi la vedi

ma è tutto come la vedi

c'è chi vuol solo passare ad un altro rimpianto

 

Ho visto tanti pezzi per un mosaico solo

e certi giorni ho visto che c'è niente da capire

ho visto solo per come io sapevo

che c'era luce anche nelle notti più cattive

 

E' tutto scritto

ed è qui dentro

e viene tutto via con me

 

Tu che cosa vedi

tu che cosa vedi

c'è ancora un orizzonte lì con te

 

Vivere è un atto di fede

mica un complimento

questo è il mio atto di fede

questo è il tuo momento

e come la vedi la vedi

ma è tutto in come la vedi

c'è chi vuol solo passare ad un altro rimpianto

 

Vivere è un atto di fede

nello sbattimento

questo è il mio atto di fede

questo è un giuramento

 

 

 

 

Luciano Ligabue, La linea sottile (da Arrivederci, Mostro), 2010

A mia volta mi fido del mondo

non ti dico le botte che prendo

Non c'è modo di starsene fuori

da ciò che lo rende tremendo e stupendo

 

La canzone rimasta nel vento

le sorprese che fa il firmamento

ed i primi che mangiano tutto

e gli ultimi pagano tutto quel conto

 

Per il cielo è un po' presto

per l'inferno non c'è posto

per qualcuno è solo buio pesto

 

A mia volta ti apro la casa

e ti trovi davanti un vampiro

che a mia volta devo succhiare

tutto l’amore che riesco a rubare per me

 

La linea sottile fra baciare e mangiare

la linea sottile fra venire e partire

c'è una linea sottile

fra star fermi e subire

Cosa pensi di fare?

Da che parte vuoi stare?

 

A mia volta non smetto di andare

anche se non si sa ancora dove

a mia volta invecchio alla svelta

perché non rinuncio a una certa illusione

una faccia che sembra destino

ed un vecchio che torna bambino

e traguardi che sono partenze

e un tramonto che è come un mattino

 

Per il cielo è un po’ presto

per l’inferno non c’è posto

per qualcuno è solo l’antipasto

 

A mia volta mi lascio un po' stare

e mi faccio un periodo di mare

che a mia volta non è che mi cerco

che poi non si sa cosa posso trovare da me

 

La linea sottile fra il tuo bene e il tuo male

la linea sottile fra dormire e sognare

c’è una linea sottile fra tacere e subire

Cosa pensi di fare?

Da che parte vuoi stare?

 

Vuoi vedere che non era niente

vuoi vedere che era già tutto lì

vuoi vedere che è venuto il tempo

e che è facile cosi

 

Fra la voglia e il piacere

fra la noia e il bicchiere

c’è una linea sottile fra aspettare e scoppiare

Cosa pensi di fare?

Da che parte vuoi stare?

 

La linea sottile fra baciare e mangiare

la linea sottile fra venire e partire

C'è una linea sottile

fra star fermi e subire

Cosa pensi di fare?

Da che parte vuoi stare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tutto l'amore che ho, Jovanotti, 2010

 

 

Le meraviglie in questa parte di universo,

sembrano nate per incorniciarti il volto

e se per caso dentro al caos ti avessi perso,

avrei avvertito un forte senso di irrisolto.

 

Un grande vuoto che mi avrebbe spinto oltre,

fino al confine estremo delle mie speranze,

ti avrei cercato come un cavaliere pazzo,

avrei lottato contro il male e le sue istanze.

 

I labirinti avrei percorso senza un filo,

nutrendomi di ciò che il suolo avrebbe offerto

e a ogni confine nuovo io avrei chiesto asilo,

avrei rischiato la mia vita in mare aperto.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho.

 

Un prigioniero dentro al carcere infinito,

mi sentirei se tu non fossi nel mio cuore,

starei nascosto come molti dietro ad un dito

a darla vinta ai venditori di dolore.

 

E ho visto cose riservate ai sognatori,

ed ho bevuto il succo amaro del disprezzo,

ed ho commesso tutti gli atti miei più puri.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo...

Considerando che l'amore non ha prezzo,

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho.

 

Senza di te sarebbe stato tutto vano,

come una spada che trafigge un corpo morto,

senza l'amore sarei solo un ciarlatano,

come una barca che non esce mai dal porto.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo,

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tutto l'amore che ho, Jovanotti, 2010

 

 

Le meraviglie in questa parte di universo,

sembrano nate per incorniciarti il volto

e se per caso dentro al caos ti avessi perso,

avrei avvertito un forte senso di irrisolto.

 

Un grande vuoto che mi avrebbe spinto oltre,

fino al confine estremo delle mie speranze,

ti avrei cercato come un cavaliere pazzo,

avrei lottato contro il male e le sue istanze.

 

I labirinti avrei percorso senza un filo,

nutrendomi di ciò che il suolo avrebbe offerto

e a ogni confine nuovo io avrei chiesto asilo,

avrei rischiato la mia vita in mare aperto.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho.

 

Un prigioniero dentro al carcere infinito,

mi sentirei se tu non fossi nel mio cuore,

starei nascosto come molti dietro ad un dito

a darla vinta ai venditori di dolore.

 

E ho visto cose riservate ai sognatori,

ed ho bevuto il succo amaro del disprezzo,

ed ho commesso tutti gli atti miei più puri.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo...

Considerando che l'amore non ha prezzo,

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho.

 

Senza di te sarebbe stato tutto vano,

come una spada che trafigge un corpo morto,

senza l'amore sarei solo un ciarlatano,

come una barca che non esce mai dal porto.

 

Considerando che l'amore non ha prezzo,

sono disposto a tutto per averne un po',

considerando che l'amore non ha prezzo

lo pagherò offrendo tutto l'amore,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho,

tutto l'amore che ho.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Taataatattataa, taataaatattataa ta ta taaaaa Perché Sanremo è Sanremo!

Al via da pochi minuti il 61° Festival della canzone italiana e le prime tre canzoni sono da inserire in questo bel topic (me lo dico da sola :s35: ):

 

 

Per comodità scrivo gli interpreti in esatto ordine di esibizione:

 

Giusy Ferreri, Il mare immenso

 

A volte io vorrei arrivare in cima ai tuoi segnali

per intuire tutti i sensi unici

a volte o quasi sempre io mi perdo nella notte

decido poi di scivolarti addosso

e cancellare tutto e niente mi appartiene

ma c’è qualcosa dentro che mi morde l’anima

L’amore che distrugge come cielo a fulmine

il nostro cuore fuorilegge

spara colpi di dolore

è troppo tempo che non si fa più l’amore

non scorre il sangue dentro al fiume

che ci portava verso il mare, quel mare immenso

adesso non mi pento più e rimango qui da sola

dipingo la memoria alle pareti

lo so che quasi sempre io dimenticavo il senso

non respiravo venti più leggeri

è scivolato tutto e niente ti appartiene

ma c’è qualcosa dentro che mi brucia l’anima

L’amore che distrugge come cielo a fulmine

il nostro cuore fuorilegge

spara colpi di dolore

è troppo tempo che non si fa più l’amore

non scorre il sangue dentro al fiume

che ci portava verso il mare immenso

Come radici agli alberi d’inverno, senza più foglie

quel mare dentro

che spegne e annega ogni tormento mi toglie il fiato

Ma poi ancora respiro

Senza più fiamme

è troppo tempo che non si fa più l’amore

non scorre il sangue dentro al fiume

che ci portava verso il mare, quel mare immenso...

 

 

 

Luca Barbarossa e Raquel del Rosario, Fino in fondo

 

Voglio solo un po’ di pace, fare quello che mi va

Non avere niente intorno, solo una candela accesa

E guardarti in fondo agli occhi e con gli occhi attraversarti piano

Voglio spegnere il rumore, disarmare la mia mente

E lasciare fuori il mondo fino a quasi non sentirlo

E non cercare sempre un senso a tutto quello che facciamo

E andare su su su nel cielo

Giù giù giù nel mare

Su su su nel sole

Giù giù fino in fondo al cuore

Voglio prendermi il mio tempo, non disperderlo così

Sempre dietro a qualche cosa che non serve poi davvero

E respiro il tuo respiro fino a sentirmi vivo dentro

E andare su su su nel cielo

Giù giù giù nel mare

Su su su nel sole

Giù giù senza più dolore dolore

Non mi dire che non hai mai sentito la tristezza

Che non torni poi felice, basta solo una carezza

E andare su su su nel cielo

Giù giù giù nel mare

Su su su nel sole

Giù giù fino in fondo al cuore

Fino in fondo al cuore, fino in fondo al cuore

Voglio solo un po’ di pace, fare quello che mi va

Non avere niente intorno, solo una candela accesa

Voglio spegnere il rumore, disarmare la mia mente

E respiro il tuo respiro fino a sentirmi vivo

Su su nel cielo

Giù giù giù nel mare

Se su su nel sole

Giù giù senza più dolore dolore

Sei un’isola (giù nel mare)

Un deserto (nel cielo)

Una stella (su nel sole) in un cielo sempre aperto

Un’isola (giù nel mare)

Un deserto (fare quello che mi va)

Una stella in un cielo sempre aperto

Un’isola

 

 

 

Roberto Vecchioni, Chiamami ancora amore

 

E' per la barca che è volata in cielo

che i bimbi ancora stavano a giocare

che gli avrei regalato il mare intero

pur di vedermeli arrivare

per il poeta che non può cantare

per l’operaio che non ha più il suo lavoro

per chi ha vent’anni e se ne sta a morire

in un deserto come in un porcile

e per tutti i ragazzi e le ragazze

che difendono un libro, un libro vero

così belli a gridare nelle piazze

perché stanno uccidendo il pensiero

per il bastardo che sta sempre al sole

per il vigliacco che nasconde il cuore

per la nostra memoria gettata al vento

da questi signori del dolore

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da qui

di musica e di parole

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

in questo disperato sogno

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

anche restasse un solo uomo

chiamami ancora amore

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

perché le idee sono come farfalle

che non puoi togliergli le ali

perché le idee sono come le stelle

che non le spengono i temporali

perché le idee sono voci di madre

che credevano di avere perso

e sono come il sorriso di dio

in questo sputo di universo

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da qui

di musica e parole

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

continua a scrivere la vita

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

che è così vera in ogni uomo

chiamami ancora amore

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da qui

di musica e parole

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

in questo disperato sogno

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

anche restasse un solo uomo

 

chiamami ancora amore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Taataatattataa, taataaatattataa ta ta taaaaa Perché Sanremo è Sanremo!

Al via da pochi minuti il 61° Festival della canzone italiana e le prime tre canzoni sono da inserire in questo bel topic (me lo dico da sola :s35: ):

 

 

Per comodità scrivo gli interpreti in esatto ordine di esibizione:

 

Praticamente in diretta dalla nostra Principessa inviata!

Share this post


Link to post
Share on other sites

AH L'AMORE L'AMORE di Luigi Tenco

 

 

Ah...l'amore l'amore

quante cose ti fa fare l'amore,

ah....l'amore l'amore,

quante parole ti fa dire l'amore,

quanta vita, quante ore

dedicate all'amore,

quante frasi dette al vento

dedicate all'amore.

 

Ah....l'amore l'amore

quanti sogni ti brucia l'amore,

ah....l'amore l'amore,

quante notti non ti lascia dormire,

e ti senti più grande del mare

e ti senti ancor meno di niente.

Poi un giorno ti accorgi

che è finito il tempo dell'amore:

 

giuri che ormai

sei rimasto deluso,

che non crederai

più all'amore.

Poi una sera

uno sguardo

ti dice qualcosa

e sei fuori dal mondo.

 

Ah....l'amore l'amore,

come puoi dir di no all'amore?

ah....l'amore l'amore,

chiudi gli occhi e ti lasci sognare,

e ti trovi a inventare poesie,

a sognare le valli lontane

dove il sole raggiunge la luna

e le parla d'amore....

 

Passano i giorni

e l'amore ti lascia da solo,

di nuovo da solo.

 

Ah....l'amore l'amore

come gioca con te l'amore,

ah....l'amore l'amore,

come puoi dir di no all'amore?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jovanotti (Lorenzo Cherubini), Tanto (3), 2005

 

Metto prima il video, il n. 11 tratto da www.marina.difesa.it - multimedia -you tube, e poi il testo perché... i "ragazzi" di Nave Chimera son stati grandi (per non dire di quelli di Nave Vesuvio)!!! :s20: :s14: :s20:

 

http://www.youtube.com/watch?v=I97g2zTIqJ0

 

 

Che stai facendo? Lavoro

Che cosa cerchi? L’oro

Hai uno scopo? Credo

Dove ti trovi? In Italia

E come vivi? Suono

Di dove sei? Toscano

Qual è il tuo aspetto? Meno sereno di un tempo, ma non per questo stanco

A cosa pensi? Al deserto

Qual è il tuo impegno? Immenso

Ed il tuo tempo? Denso

CHe risultati hai? Alti e bassi

CHe risultati hai? Alti e bassi

Rido di me, di te, di tutto ciò che di mortale c’è e che mi piace

 

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

 

Come va il mondo? Male

Come va il mondo? Bene

Come va il mondo? Male

Come va il mondo? Bene

Rido di me, di te, di tutto ciò che di mortale c’è e che mi piace

 

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

 

Che cosa fai? Vivo

Quando sei in forma? Scrivo

Innamorato? Credo

E lei ti ama? A suo modo

Come va il mondo? Male

Come va il mondo? Bene

Che dice il cielo? Tuona

E la chitarra…suona!!!

Sei felice? A volte

Hai distrazioni? Molte

E la salute? Buona

E la chitarra…suona!!!

 

Cosa ti piace? Viaggiare

Tra il dire e il fare? Il mare

Cosa ti piace? Viaggiare.

Tra il dire e il fare? Il mare

Cosa ti piace? Viaggiare

Tra il dire e il fare? Il mare

Cosa ti piace? Viaggiare

Tra il dire e il fare? Il mare

 

Rido di me, di te, di tutto ciò che di mortale c’è e che mi piace

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

Tanto tanto tanto tanto tanto

 

Sei felice? Quanto quanto quanto tanto tanto tanto tanto..

Qual’è il tuo impegno? Quanto quanto quanto tanto tanto tanto tanto..

Innamorato? Quanto quanto quanto tanto tanto tanto tanto..

Come va il mondo? Quanto quanto quanto tanto tanto tanto tanto..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noemi, I sentimenti (da Sulla mia pelle 2009)

 

I sentimenti non hanno età,

non hanno sesso, nè volontà.

Non c'è l'amore senza il tradimento,

non c'è una storia che resista al tempo.

 

I sentimenti non hanno lingua,

non hanno scarpe, non hanno stringa.

La libertà è una giustificazione,

cambiare donna la tua soluzione.

 

L'amore vola come un aquilone

e la passione spossa la ragione.

Tre anni insieme sono un lungo viaggio,

guardarti in faccia, non c'è più coraggio.

 

Per l'insistenza non c'è la cura.

Tu non sei niente, tu non sei pura.

Nessuno ha riso, nessuno ha pianto,

non c'è la colla per il vaso infranto.

 

Due vele in collisione,

un battito di ali,

un'onda, una stagione,

imparare a camminare.

Un'anfora di sale,

un cielo per volare,

due gocce di rugiada,

un ombrello che fuori piove, piove,

piove, piove.

 

I sentimenti non hanno senso,

cade la piuma, crolla l'universo.

Inseguire la scia fino in alto mare,

i sentimenti fanno naufragare.

 

E innamorarsi è una pura follia,

specialmente adesso che non sei mio,

ma i sentimenti non danno scampo

e non sono colla per il vaso infranto, infranto.

 

Due vele in collisione,

un battito di ali,

un'onda, una stagione,

imparare a camminare.

Un'anfora di sale,

un cielo per volare,

due gocce di rugiada,

un ombrello che fuori piove, piove,

piove, piove.

 

I sentimenti sono grano,

sono il pane quotidiano,

sono che mille volte ho pianto

a cercare colla per il vaso infranto, infranto.

 

[...]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sergio Endrigo, L'arca di Noè.

Un volo di gabbiani telecomandati

e una spiaggia di conchiglie morte

nella notte una stella d'acciaio

confonde il marinaio

strisce bianche nel cielo azzurro

per incantare e far sognare i bambini

la luna è piena di bandieri senza vento

che fatica essere uomini

partirà

la nave partirà

dove arriverà

questo non si sa

sarà come l'Arca di Noè

il cane il gatto io e te

un toro è disteso sulla sabbia

e il suo cuore perde kerosene

e ogni curva un cavallo di latta

distrugge il cavaliere

terra e mare polvere bianca

una città si è perduta nel deserto

la casa è vuota non aspetta più nessuno

che fatica essere uomini

 

 

partirà

la nave partirà

dove arriverà

questo non si sa

sarà come l'Arca di Noè

il cane il gatto io e te

 

partirà

la nave partirà

dove arriverà

questo non si sa

sarà come l'Arca di Noè

il cane il gatto io e te

 

partirà

la nave partirà

dove arriverà

questo non si sa

sarà come l'Arca di Noè

il cane il gatto io e te

 

partirà

la nave partirà

dove arriverà

questo non si sa

sarà come l'Arca di Noè

il cane il gatto io e te

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jovanotti (Lorenzo Cherubini), Il più grande spettacolo dopo il Big Bang, (da Ora - 2011)

 

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi...io e te!

 

Ho preso la chitarra senza saper suonare

volevo dirtelo, adesso stai a sentire

non ti confondere prima di andartene

devi sapere che....

 

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi...io e te!

 

Altro che il luna park, altro che il cinema,

altro che internet, altro che l'opera,

altro che il Vaticano altro che Superman,

altro che chiacchiere....

 

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi...io e te!

 

Io e te...

che ci abbracciamo forte,

io e te, io e te...

che ci sbattiamo porte,

io e te, io e te...

che andiamo contro vento,

io e te, io e te...

che stiamo in movimento,

io e te, io e te...

che abbiamo fatto un sogno

che volavamo insieme,

che abbiamo fatto tutto

e tutto c'è da fare,

che siamo ancora in piedi

in mezzo a questa strada,

io e te, io e te, io e te!

 

Altro che musica, altro che il Colosseo,

altro che America, altro che l'exstasi,

altro che nevica, altro che Rolling Stones,

altro che football...

altro che Lady Gaga, altro che oceani,

altro che argento e oro, altro che il sabato,

altro che le astronavi, altro che la tv,

altro che chiacchiere....

 

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi...io e te!

 

che abbiamo fatto a pugni,

io e te, io e te...

fino a volersi bene,

io e te, io e te...

che andiamo alla deriva,

io e te, io e te...

nella corrente....io e te!

Che attraversiamo il fuoco

con un ghiacciolo in mano,

che siamo due puntini

ma visti da lontano,

che ci aspettiamo il meglio

come ogni primavera,

io e te, io e te, io e te!

 

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi...io e te!

 

Ho preso la chitarra senza saper suonare,

è bello vivere anche se si sta male,

volevo dirtelo perchè ce l'ho nel cuore,

son sicurissimo...amore!

Edited by Febea

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto Vecchioni - Stranamore

 

Bello l'eroe con gli occhi azzurri dritto sopra la nave,

ha più ferite che battaglie, e lui ce l'ha la chiave,

Ha crocefissi e falci in pugno e bla bla bla fratelli,

ed io ti ho sollevata figlia per vederlo meglio,

io che non parto e sto a guardarti

e che rimango sveglio.

 

Forse non lo sai ma pure questo è amore.

 

 

direi che ve la cavate benissimo da soli :s02:

 

 

Umberto Tozzi, Eva (1982)

 

Prima o poi di follia scoppierà mezza umanità

su di noi stormi di nucleari avvoltoi

ma l'amore è un dio

e saremo io e te l'arca di Noè

questo amore crea e alla fine

di questa odissea

sarò Adamo e tu sarai

una piccola Eva Eva

il nostro amore è l'ultima astronave Eva

staremo stretti ma ci salverà

come un uovo di eternità

che si torna ad aprire Eva

abbracciami di mare dolce piovra Eva

e ci respireremo finchè vuoi con

le ali di arcangelo

nello spazio di un attimo

al di là degli oceani

anfibi come nuovi

marinai su New York

su Beirut teschi di mammouth

su maree di bambini ridotti a bambù

la mia vita è un flash

per chi liscia i bottoni antiatomici

ma l'amore crea

e alla fine di questa odissea

sarò Adamo e tu sarai

una piccola Eva Eva

il nostro amore è l'ultima astronave Eva

staremo stretti ma ci salverà

come un uovo di eternità

che si torna ad aprire Eva

abbracciami di mare dolce piovra Eva

e ci respireremo finchè vuoi con

le ali di arcangelo

nello spazio di un attimo

al di là degli oceani

anfibi come nuovi Adamo ed Eva Eva

il nostro amore è l'ultima astronave Eva

staremo stretti ma ci salverà

come un uovo di eternità

oh mia piccola Eva Eva

abbracciami di mare dolce piovra Eva

staremo stretti ma ci salverà

come un uovo di eternità

oh mia piccola Eva Eva

abbracciami di mare dolce piovra Eva

staremo stretti ma ci salverà

come un uovo di eternità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giorgia, Il mio giorno migliore (2011)

 

Viaggerò fino al mare

passando dal sole e tu mi vedrai.

Vengo a prenderti

Quanto costa l’amore nel telegiornale,

non crederci.

Vengo a prenderti.

Quanto basta ad un cuore

per dirsi felice di vivere

Tu sorridimi

Dammi 24 ore ti vengo a cercare

tra venere e le lucciole

Un giorno migliore, migliore migliore

Dimmi cos’è

questa luce che viene dall’anima

e mi fa ballare

Dimmi cos’è

che distende le pieghe dell’anima,

dimmi cos’è,

è il mio giorno migliore migliore

Viaggerò senza sosta

qui nella mi stanza

e tu ci verrai sto aspettandoti

Quanto cosata la guerra

se non c’è speranza di vincerla,

devi arrenderti,

a me basta trovarti stanotte

ai confini dell’essere o non essere,

dammi un attimo e arrivo

mi vesto di scuro

tu mi vedrai

vengo a prenderti

Dimmi cos’è

questa luce che viene dall’anima

e mi fa ballare

Dimmi cos’è

che distende le pieghe dell’anima

questa voce mi parla di te,

dimmi cos’è

che distende le pieghe,

è il mio giorno migliore

Dimmi cos’è

questa luce che viene dall’anima

e mi fa ballare

Dimmi cos’è

che distende le pieghe dell’anima,

dimmi cos’è

È il mio giorno migliore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lucio Dalla Due ragazzi.

 

 

[...] E’ bello ascoltare

così, la vita che striscia

la vita strisciare adagio come un serpente annoiato

baciarsi dieci volte senza paura in un minuto

parlare di oggi, parlare d’amore, parlare domani

toccarsi con le mani

 

La vita è così vicina

ogni cosa è ancora da fare

il futuro è verde è freddo è profondo come il mare

tentano di toccarlo con i loro piedi

prima di decidersi, decidersi a buttare

 

Sei un topino bianco

Io io io

io ti ho trasformato in un angelo

con ali formidabili.

Tu lavavi stiravi le camicie

e io seduto in un angolo fumavo.

Guardami ancora con amore

lo so che sono vecchio

lo so che ho già vent’anni. [...]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Litfiba, Vivere il mio tempo (1999)

 

Ti farei volare sulle onde

Sulla vita come un'altalena

E parlare pure con i pesci

Come una sirena

Ti vorrei insegnare l'equilibrio

Sopra un mare che è sempre tempesta

Per vivere il tuo tempo

E starci bene dentro

Se ridi ora sorridi

Questo gioco è un gioco di equilibrio

Devi solo farci un po' la mano perché

Stare nel mio tempo è viverlo da dentro

Sorridi ora

Ti direi "hai ancora voglia di nuotare in questo mare?"

Aspettiamo l'aurora quando i più bei frutti saranno di tutti

Ti farei volare sulle onde

Sopra un mare che è sempre tempesta perché

Vivere il tuo tempo

È un equilibrio dentro

Sorridi ora

Ti direi "hai ancora voglia di nuotare in questo mare?"

Aspettiamo l'aurora quando i più bei frutti saranno di tutti

Ti direi "hai ancora voglia di nuotare in questo mare?"

Aspettiamo l'aurora quando i più bei frutti saranno di tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eros Ramazzotti Bambino nel tempo

 

Mentre guardo il mare, il mio pensiero va

alla latitudine di un’altra età,

quando ci credevo nelle favole,

sempre con la testa fra le nuvole,

sogni e desideri diventavano realtà

dentro il libro della fantasia.

Era la stagione della vita in cui non c’è malinconia.

 

Ora in questo tempo d’inquietudine,

sento che non ci si può più illudere.

Nonostante tutto, resta un po’ d’ingenuità,

dentro, la speranza ancora c’è,

come allora, voglio continuare sempre a chiedermi perché

 

e dipingo a modo mio il mondo intorno a me,

come un bambino nel tempo che non perde mai

la sua curiosità,

è l’istinto che mi fa volare via di qua.

Un bambino nel tempo non si arrende mai,

cerca la felicità,

 

Respirando l’aria di salsedine,

mi fa compagnia la solitudine.

Questo posto mi sembrava magico

nel ricordo di quand’ero piccolo.

Come allora, cerco una risposta che non c’è

e non so che differenza fa:

rimanere fermo ad aspettare oppure andare via di qua.

 

E dipingo a modo mio il mondo intorno a me.

Come un bambino nel tempo che non perde mai

la sua curiosità,

è l’istinto che mi fa cambiare la realtà.

Un bambino nel tempo non si arrende mai,

ma cerca la felicità

e per sempre invisibile e vera

questa parte di me resterà…

 

E dipingo a modo mio il mondo intorno a me,

un bambino nel tempo non si arrende mai,

ma cerca la felicità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Roberto Vecchioni, Un lungo addio, I colori del buio 2011

 

In fondo lo sapevo già

Dal primo istante che l’ho vista,

Dalla felicità,

Perché la vita è un grande artista:

“Metti via un sorriso,

Un piccolo sorriso al giorno.

Tienili”, – dicevo –

“Conservali per quando torno”;

Lo sapevo già dal cuore in gola,

A sentir la sua prima parola,

A vederla su una corda al vento

Traballare dentro un cielo spento;

Lettera d’amore,

Alba che non ha tramonto,

Ma è un tramonto all’alba

Di due colori che confondo

 

Ce l’ho avuto sempre addosso

Questo lungo addio,

Questo lasciarla indietro

E non lasciarla mai;

Un’altalena a dondolare

Come un pendolo,

Tra quei due attimi

Che siamo io e lei:

Imitavamo Dylan Dog

O parlavamo di Marx ed Hegel.

 

Quanto puo’ mancare

Una voce in una stanza,

Tutto quel dolore

Perché qualcuno non ti pensa;

E l’amore che più mi assomiglia

È un messaggio dentro una bottiglia,

Il finale atteso di una veglia,

Tutto questo mio passar di foglia;

E lo so da quando

Sua madre l’ha tenuta in mano

Che pesava un niente,

un ninnolo si’ e no di grano

 

Ce l’ho avuto sempre addosso

Questo lungo addio,

questo lasciarla indietro

e non lasciarla mai,

Un’altalena dondolare

Come un pendolo

Tra quei due attimi

che siamo io e lei;

E ridero’, perché in quel giorno

Tutti ridono,

E tutti bevono

E nessuno sa chi è;

Ci sarà un mare di confetti

Sopra il tavolo

E una discreta nostalgia

Dentro di me… pero’

Io lo sapevo

Che saresti venuto tu

Un giorno a prenderla

 

“Mamma, tata bosco

Tanto bene, non c’è l’olco”

“Ninna nanna stella, dormi dormi bimba bella”

“Tanto bene non c’è l’olco,

bacio mamma tata bosco”

“Chiudi gli occhi piano piano,

dormi, noi non ce ne andiamo…”

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vogliamo ignorare questo piccolo capolavoro?

 

Vinicio Capossela, Pryntyl, dall'album Marinai, Profeti E Balene (2011)

 

Nel fondo del mar, nel fondo del mar..

La foca barbuta, sempre piaciuta

Che è solitaria, le piace cantar,

Una sirena si sente coi baffi,

Una sirena nel fondo del mar

E i pesci uccelli le batton le ali

E scrosciano applausi di pinne e di bolle

Nel fondale spettacolare

Dell'abisso musicale

 

Io la vispa Pryntyl

Dal caschetto malizioso

Nettuno si gettava ai miei piedi

Implorando chiamami Nunù

Prima stella del corpo di ballo

Del balletto delle onde

Un tutù di alghe nel blu.. chiamami Nunù

Perchè sono una sirenaaa canto in sirenese

Ondeggia il pavimento, nel mare si stringono i cuori

Li assalgono i mali della nostalgia

Si avvicinano narvali e gamberi

schiudono perle le ostriche

 

Non ho perso la voce per un paio di gambe

Come la Sirenetta in pegno d'amor

Ma io la perdo fumando e bevendo

Nell'orgia dei sensi mi butto cantando

E mi ubriaco e stordisco ballando

Nell'ebrezza felice abbracciando

Sulla terra tutto si consuma

L'amore all'alba si trasforma in schiuma

 

Ma nell'abisso è tutto uno spasso

Puoi sempre incontrare un pesce pagliaccio

E quando sei triste basta una siiiireeennaaaaaaaa

Sbarazzina, civettuola, piena di squame dalla coda alla gola

 

Fatevi attorno focene volanti, cavallucci di mare, di terra e bagnanti

Ascoltate come sturo l'abisso

Ora lo scandalo lo darò io

Perchè sono una sireeennaaaa, canto in sirenese

Pryntyl slash slash smack smack glu glu

Chiamami Nunù

 

Ora Pryntyl sei finita in taverna

In esilio da kraken e krill

Sei finita a guadagnarti la birba

Tra le biffe, i lenoni e i play boy

E i papponi del porto ti tengono

Alla lenza di grog e di skunk

E mi ubriacano a furia di spriz

E mi ubriacano se faccio le biz

 

Bell'ufficiale buttiamoci a mare, voglio tornare

squamata a brillare

Ma che non lo sappia, il capitano testa di morto

O a tutte due finirà il collo torto

Finiremo con lui tra gli scogli a schiamare:

kruag kruag kruag affondate con me

E non è proprio un verso da sirenaaaaa

Che canta in sirenese..

Pryntyl slash slash smack smack glu glu

Pryntyl slash slash smack smack glu glu

Pryntyl, smack smack glu glu

Chiamami Nunù

Edited by Corto Maltese

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vogliamo ignorare questo piccolo capolavoro?

 

Vinicio Capossela, Pryntil, dall'album Marinai, Profeti E Balene (2011)

 

Bravo! Mi ero fatta un appunto mentre guidavo... niente, io dire di metterci proprio tutto l'album :s14:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stadio, Onde d'inverno, Diamanti e caramelle, 2011

 

Te l'ho scritto in un messaggio che sei bella come il mare

te lo dico sottovoce, io non ti voglio svegliare

a volte serve dormire

e pur d'averti per un'ora o anche solo due minuti

farei mille giri su me stesso

come un acrobata e poi ti verrei a cercare

 

Tra le onde d'inverno trascinate al ritorno

sei un cerchio perfetto in un centro profondo

sei un attimo eterno e un paradiso nel cuore

mentre accanto al tuo viso posa ancora quel fiore

 

Ho passato già da tempo i confini della mente

ora sto entrando dentro al cuore

non ci pensare, a volte serve soffrire

e se potessi accarezzarti anche solo una volta

curerei la mia parte migliore come un dottore

e poi ti verrei a trovare

 

Tra le onde d'inverno trascinate al ritorno

sei un cerchio perfetto in un centro profondo

sei un attimo eterno e un paradiso nel cuore

mentre accanto al tuo viso posa ancora quel fiore

Sei coperta nel gelo e acqua fresca d'estate

un bacio profondo dato a labbra salate

sei frasi studiate e un percorso nel cuore

un comodo letto su cui fare l'amore.. l'amore

 

Tra le onde d'inverno trascinate al ritorno

sei un cerchio perfetto in un centro profondo

sei un attimo eterno e un paradiso nel cuore

mentre accanto al tuo viso posa ancora quel fiore

Sei coperta nel gelo e acqua fresca d'estate

un bacio profondo dato a labbra salate

sei frasi studiate e un percorso nel cuore

un comodo letto su cui fare l'amore

...trascinate al ritorno

sei un cerchio perfetto in un centro profondo

sei un attimo eterno e un paradiso nel cuore

mi raccomando però

porta con te questa canzone

Edited by Febea

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti :s03: ...Anche nel precedente album comunque si era speso in favore del mare: in ovunque proteggi prima dell'omonima canzone si può ascoltare S.S. dei Naufragati, che definirei però una ballata con accompagnamento musicale più che una canzone (considerata anche la citazione di S.T. Coleridge che la introduce).

 

 

Vinicio Capossela, S.S. dei Naufragati, dall'album Ovunque Proteggi (2006)

 

E venne dall’acqua, e venne dal sale

la penitenza dall'amaro del mare

 

E il comandante avanza e niente si puó fare

vuole una morte, la vuole affrontare

 

E lí l’attandeva, dove il sole cala

cala e non muore, e l’acqua non lo lava

e il demone lo duole, sui banchi d’acqua

stregati di olio e petrolio

 

E il vento non alzava, e il mare imputridiva

legati a un solo raggio, tutti presi in ostaggio

avanzavamo lenti, senza ammutinamenti

 

Il comandante é pazzo, e avanza nel peccato

e il demone che é suo, adesso vuole mio

Brinda con il sangue all’odio ci convince,

che se é sua la barca che vince, dev’essere la mia

 

E gli occhi non videro, non videro la luce

non videro la messe, che altri non l’avesse

e il cielo fece nero, e urló la nube al cielo

e s’affamó d’abisso, che tutti ci prendesse

 

Oh Madre mia, salvezza prendimi nell’anima

Oh Madre mia... le ossa nell’acqua

 

Anime bianche, anime salvate

anime venite, anime addolorate

 

Che io abbia due soldi, due soldi sopra gli occhi

due soldi per l’onore, due monete in pegno

per pagare il legno, la dura voga del traghettatore

 

Vieni occhi di fluoro, vieni al tuo lavoro

vieni spettro del tesoro

la vela tende, il vento se la prende

la vela cade, le Erinni allontanate

e accesi sui pennoni

i fuochi fatui, i fuochi alati

della Santissima dei naufragati

 

Oh Matri mia...

Salvezza prendimi nell’anima

 

Il tempo stremava, l’arsura ci cuoceva

parlavamo a levare

il silenzio dal mare

e il legno cedeva all’acqua suo pianto

la vela cadde, la sete ci asciugó

 

Acqua, acqua, acqua in ogni dove

e nemmeno una goccia, nemmeno una goccia da bere

 

E gli uomini spegnevano, spegnevano il respiro

spegnevano la voce, nel nome dell’odio

che tutti ci appagó, il cielo rigó di sbarre il suo portale

il volto di fuoco dentro imprigionó

lo spettro vedemmo venire di lontano

venire per ghermire, nero di dannazione

vita in morte, vita in morte

Quello era il suo nome

 

Oh Matri mia...

Salvezza prendimi nell’anima

Oh Matri mia...

Salvezza prendimi

 

Questa é la ballata di chi si é preso il mare

che lapide non abbia, ne ossa sulla sabbia

né polvere ritorni, ma bruci sui pennoni

nei fuochi sacri, nei fuochi alati

della Santissima dei naufragati

 

O Santissima dei naufragati vieni a noi che siamo andati

senza lacrime senza gloria, vieni a noi, perdon, pietá.

Edited by Corto Maltese

Share this post


Link to post
Share on other sites

Roberto Vecchioni, I colori del buio, I colori del buio, 2011

 

 

Uscivamo dal mare e tu

Gia’ correvi con l’asciugamano:

“Su bambini, venite qui,

Svelti, subito che ci asciughiamo”;

Ma in un mare piu’ grande

Gia’ sentivo mia

La tristezza cantata dagli uomini

Per non buttarsi via.

Un alunno del tempo e’ solo

In una frase di una sola parola,

Come una stella non segnata in cielo

O un orologio che non sa mai l’ora;

E mio figlio era li’ cosi’ pallido,

Cosi’ bello fra tutti quei camici

Con l’uomo ragno in mano:

Ma perche’ te ne vai, dove vai,

Con chi mai farai l’amore ?

A chi darai la bocca, i baci

I morsi al seno, i nostri tuffi al cuore ?

Poi si e’ voltato mio padre

E c’era tutta Napoli a salutare,

E ho chiesto scusa a un amico

Di come ho fatto a fargli tanto male…

Chiudere gli occhi e vedere

Tutti i colori del buio;

Chiudere gli occhi e rivedere

Tutti i colori del mio buio.

 

E tu che sei passata

E che ti sei fermata

Col tuo filo d’argento;

E tu che mi sei nata

E che mi sei cresciuta

Andando controvento;

Il mio cane che e’ steso sul tavolo

E mi guarda e lo sente che e’ l’ultima,

L’ultima volta insieme;

Ma perche’ te ne vai, dove vai,

Con chi mai farai l’amore ?

Cosa racconto ai ragazzi

Domani a scuola

In tutte quelle ore ?

E tu dall’alto dei cieli

Che mi vorresti come un pescatore

In questa notte infinita

Che ho appena appena forza di cantare…

Chiudere gli occhi e vedere

Tutti i colori del buio,

Chiudere gli occhi e rivedere

Tutti i colori del mio buio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×