Vai al contenuto
Radarista

Dragamine Rovere, Cerco Notizie

Messaggi raccomandati

Cerco notize e foto del Dragamine Rovere, dove sono stato imbarcato per 14 mesi nel 1964/65. A parte le foto che ho conservato e sono pubblicate sul mio sito, non ho avuto più notizie del Dragamine. So che è stato radiato e demolito ma niente d'altro.

Grazie a chi mi aiuta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L' MSC ROVERE è stato il primo dragamine da me visitato. Fu, appunto, in ANcona nei primi anni "70". A bordo un marinaio mi regalò il tipico distintivo della prestigiosa Ditta PICCHIANI & BARLACCHI che ho tuttora e che conservo gelosamente.

 

Mi era giunta voce (mai verificata) che il ROVERE sia stato il primo della classe "Alberi" (37 unità) ad essere radiato in seguito ad incendio a bordo.

 

A ROMA, presso la Stazione TERMINI, tempo fa ho acquistato una foto del varo della Nave presso i C.R.D.A. di MONFALCONE. Se, tramite MP mi dai il Tuo indirizzo, posso spedirTi una copia di tale foto.

Modificato da Alfabravo 59

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dragamine costieri (M.S.C.)

 

Dal 1953 al 1957 entrarono in servizio nella Marina Militare Italiana 36 dragamine amagnetici costieri (M.S.C. nella terminologia NATO), realizzati in legno e leghe

amagnetiche e suddivisi in due serie: la prima costituita da 17 unità prima “AMS” e poi”MSC” realizzati in America su specifiche N.A.T.O. e trasferiti alla M.M.I.

(classe “Abete”); la seconda formata da 19 unità costruite in cantieri italiani sullo stesso progetto (classe “Agave”), della quale le ultime 7

(“Bambù” 5521, “Ebano” 5522, “Mango” 5523, “Mogano” 5524, “Palma” 5525 , “Rovere” 5526, “Sandalo”5527) furono costruite nei C.R.D.A. di Monfalcone

su commessa “Off Shore”.

 

Nel 1961 fu trasferito in Italia un altro MSC il “Mandorlo” 5529 (in un primo momento denominato “Salice” 5518) di provenienza americana, che pur avendo

stesse caratteristiche degli altri dragamine aveva aspetto leggermente diverso ed apparecchiature più moderne; non fu mai inquadrato in nessuna

delle due classi e fu il primo ad essere trasformato in cacciamine nel 1975.

 

Per tutto il periodo della loro attività furono tutti impiegati in operazioni di dragaggio acustico, magnetico e meccanico; soprattutto negli anni ’50 e ’60

non era raro il ritrovamento di mine nella fascia costiera dell’ Italia.

 

Alla fine degli anni ’70 “Mirto” A 5306 e “Pioppo” A 5307 furono trasformate in navi idrografiche.

 

All’ inizio degli anni ’80 “Castagno” 5504, “Cedro” 5505, “Frassino” 5508, “Gelso” 5509,

 

“Platano” 5516 e “Loto” 5538 furono trasformati in cacciamine e dotati di moderne apparecchiature per l’individuazione e la distruzione delle mine.

 

“Bambù” P 495, “Mango” P 496, “Mogano” P 497, e “Palma” P498, che dal 1981 operavano nel Sinai per conto dell’ ONU, nel 1988 furono classificati

pattugliatori e ricevettero il nuovo distintivo ottico; tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del nuovo millennio furono sostituiti dalle moderne unità della classe

“Sentinella” e avviati in disarmo a Taranto.

 

“Rovere” 5526 classe “Agave”

 

C.R.D.A. Monfalcone

imp.: 1956

varo: 15 dicembre 1956

cons.: febbraio 1957

disarmo o radiazione: 1975

 

Caratteristiche:

 

Disloc.: standard. 375 t, p.c. 405 t

Dimensioni: 43,9x8,1x2,6 m

Apparato motore: 2 motori Diesel, 2 eliche

Potenza: 1,200 HP

Velocità: 13,5 nodi; 8 nodi in dragaggio

Autonomia: 2.500 mg a 10nodi

Equipaggio: 38 uomini

Armamento: un complesso binato a.a da 20/70 mm

 

roveredis.jpg

 

rovere1957003.jpg

 

rovere1957002ax07giu66.jpg

 

Comandante Radarista

penso che sia emozionante per te vedere questa scheda che ho preparato per il "Rovere", potresti perfino individuare il locale

dove avrai senz'altro trascorso parecchie delle tue ore a dormire; quella che vedi è l'unica fotografia che ho fatto del "Rovere"

nell'unica occasione in cui l'ho visto a Taranto, mi rammarico di non averne fatto altri scatti,

ma all'epoca non c'erano ancora le macchine digitali.

 

Considerando la tua qualifica di radarista e radioamatore credo che potresti darmi qualche informazione sui radar impiegati sui dragamine; per prima cosa il modello delle apparecchiature e poi qualche informazione sulla frequenza utilizzata, la portata o altro che possano soddisfare la curiosità di chi ha trascorso l'intera vita tra apparecchiature di

telecomunicazione di tutti i tipi, non sono però radioamatore.

 

Ho ancora un'altra foto del Rovere, se la vuoi con le altre con risoluzione maggiore mandami la tua e_mail per posta interna

 

Buffoluto/Marcello Risolo

Modificato da BUFFOLUTO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi sono appena accorto di questa discussione e vi segnalerei i disegni che sto facendo...

 

http://www.betasom.it/forum/index.php?show...mp;#entry282407

 

@C.te Buffoluto: avresti delle foto del Bambù pattugliatore???

 

Lazer_ :s02: ne

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

RADARISTA ha riaperto un nuovo Topic sul ROVERE.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15collezioneabenedettic.jpg

 

Il varo del ROVERE presso i C.R.D.A. di MONFALCONE. La bandiera U.S.A. indica che questa Nave, come molte altre del periodo, è stata costruita con i fondi M.D.A.P. , messi a disposizione dagli Americani, per incrementare le capacità difensive dell' Europa e contemporaneamente creare un occasione di lavoro locale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondo in ritardo, ringrazio tutti della partecipazione alle mie ricerche, purtroppo da un anno e più non ho potuto essere presente per vari motivi di salute ora quasi risolti.

sarò sicuramente presente

Radarista 4°/43

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi Subito

Sei già registrato? Accedi da qui.

Accedi Adesso

×