Jump to content
Sign in to follow this  
sertore

Debriefing ~ Mission Letal Embrace

Recommended Posts

Purtroppo ieri sera sono stato spazzato via dalla furia degli elementi: un nubifragio, con tanto di tuoni e fulmini, ha temporaneamente interrotto il mio collegamento impedendomi di terminare la missione con i miei compagni! :s68:

 

Peccato, fino a quel momento eravamo andati alla grande! :s20:

 

Riporterò al piu presto dettagliato debriefing della partita: per ora lascio lo spazio a coloro che sono riusciti a giocarla fino alla fine... :s10:

Share this post


Link to post
Share on other sites

La missione parte con una premessa molto semplice : raggiungere la nostra base navale, eventualmente facendo pit stop in mezzo alla mappa per rifornire le batterie del Lada, e non dare fastidio alle unita' ai.

Sembra facile vero ?

Ahi ahi ahi sfortunatamente non abbiamo tenuto conto delle altre 2 squadra, una delle quali si scatena lanciando l'apocalisse contro povere imbarcazioni cinesi poco dopo l'inizio della partita.

Io, Sertore e Alex continuaimo per il Central Hawaii (la centrale di rifornimento) ma ci troviamo in mezzo alla zona di guerra che R.Hunter e Von Faust hanno scatenato. Panico che si fa ? Evadiamo, andiamo a nord, o continuiamo verso est ? Decidiamo di approfittare del casino per lanciare un attacco contro la squadra di Hunter. Il sub di Von Faust lancia contromisure, io sul Lada decido di fare una triangolazione sulla sua posizione (non avendo array rimorchiato) e' l'unica cosa che posso fare, e poi do le coordinate a Sertore che lancia due stallion. Uno dei due becca l'akula in pieno, l'altro invece se ne va per i fatti suoi e Hunter ha salva la pelle.

Dopo questo piccolo interludio riprendiamo la rotta verso central hawaii, cerchiamo disperatamente la squadra di Truffa ma non ce' niente da fare. L'unica unita' che sentiamo e' sempre quella di Hunter che procede spedita verso il suo porto. Ma dove diavolo e' finita l'altra squadra ? Boh saranno scomparsi in un altra dimensione. A un certo punto si sentono esplosioni a raffica a est della nostra posizione, qualcuno dice che ci stanno attaccando da dietro. Contro-ordine virata per 90 e vediamo di tracciare la squadra di Truffa. Ma anche cosi' niente. Ce' un enorme casino, ma dei 3 sub neanche l'ombra. Alex pare avere una traccia sul sub di Bubbe, poco dopo io lancio un test-71 ma non arrivera' mai sulla presunta posizione del nemico perche' ha un range troppo corto. Bon visto l'impossibilita' di attaccare loro si riprende la rotta verso CH che e' ormai a poche centinaia di yarde.

Salgo in superficie ed eccola li, una piattaforma petrolifera in mezzo alla rotta del Lada. Secondo i miei calcoli ero a meno di 400 yarde per far scattere il trigger ma niente, le batterie non si ricaricano.

Ed io intanto che cerco di convincere Sertore che qualcosa non va nel trigger, tutto questo mentre il Lada si avvicina pericolosamente a 2 nodi alla piattaforma. Appurato che il trigger e' inoperativo Sertore da il commando per impostare una nuova rotta per lo sprint finale, io mi preparo ad immergere il Lada, sto virando per la rotta corretta e a quel punto il mio sub prende in pieno la piattforma. Collisione frontale, con esito alquanto scontato. La mia partita finisce li, che finale inglorioso. :s68:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innanzi tutto devo complimentarmi con tutti per come è stata condotta la missione di ieri sera: l'obiettivo principale, l'attracco al porto, è stato raggiunto quasi da tutti, tranne il povero Danijl che di riportare a casa il suo sommergibile sano non ne vuole proprio sapere. :s68:

 

Purtroppo sia io che Bubbe e Truffa siamo stati vittime della disconnessione della linea o del solito crash di DW, che ad ogni missione non manca di fare le sue vittime! :s05:

 

Nel post partita ho appreso da Truffa che la loro tattica è stata in parte dettata dal fatto che Bubbe, non avendo letto bene i suoi ordini, li ha costretti ad una corsa indemoniata in costante cavitazione quando invece avrebbero potuto prendersa con più calma e giocarsela meglio: spero vi siate comunque divertiti, anche se più di 2 ore di raschiamento del fondo senza possibilità di eseguire rilevamenti nè confrontarsi con le altre squadre non penso sia stato il massimo della vita...

 

R.Hunter e sopratutto Von Faust sono stati sfortunati: hanno ingaggiato i sommergibili in AI e nelle manovre di evasione hanno sganciato delle contromisure che nello scenario proposto sono state letali.

Maestro Goldorak non si è infatti lasciato sfuggire l'occasione di tracciarle velocemente, passandomi la soluzione e permettendomi un lancio di Stallion non proprio immediato ma sufficiente a colpire Fausto e mancare Francesco veramente di poco: ho avuto così la dimostrazione di quanto fossero veri gli insegnamento di Ugo quando mi raccomandava di essere parsimonioso con le contromisure che possono rivelarsi un'arma a doppio taglio! :s07:

 

Per il resto si è visto un po' di tutto: R.Hunter, prima di essere disabilitato a causa della perdita del compagno, ha fatto una strage di sommergibili e navi in AI, utilizzando siluri, missili, ricchi premi e cottilons; Von Faust ha seguito il COMMODORO, ma la sua azione è stata tarpata dallo allo strabordante potere distruttivo del suo compagno.

 

La mia squadra... è stata grandissima: l'intesa con Alex ed Ugo è stata pressochè perfetta, e per tutta la missione ci siamo coordinati chi ai rilevamenti, chi alle armi, chi alla tattica, interagendo al punto di sembrare sulla stessa unità in una sorta di DW-EXTREME!

Peccato che una manovra maldestra, provocata un po' da un mio errore di editing che ha costretto Goldorak ad avvicinarsi più del previsto ad una piattaforma marina, un po' per la mia richiesta di un brusco cambiamento di rotta e un po' dalla distrazione di Ugo, lo abbia fatto scontrare con la piattaforma marina provocandone la mutua distruzione, altrimenti saremmo potuti arrivare in parata alla nostra base navale! :s10:

 

Mi complimento poi con tutti per la cavalleria che abbiamo usato con il nostro COMMODORO dopo l'affondamento del suo compagno, lasciandolo proseguire indenne fino al suo porto al quale ha felicemente attraccato, primo tra l'altro della missione e vincitore virtuale: solo poche partite fa sarebbe stato colpito, tritato e massacrato senza pietà e con gridolini di piacere da parte dei nemici... questo punto di vista siamo cresciuti molto! :s02:

Certo che R.Hunter avrebbe potuto anche evitare di cavitare a meno di 2 NM dal nostro gruppo per gran parte della missione, saturando i sonar e rendendoci la vita complicata, ma si sa, questi yankees pensano di esserci solo loro sulla faccia della terra... :s03:

 

Riprendo il pensiero rivolto a Danijl, che per una volta ancora ha gravato sull'ormai ridottissimo budget della Base con un altro Akula II: va beh, era tardi e si voleva concludere, ma schiantarsi sul molo ad un passo dal successo è stato proprio un peccato! Comunque è stato tra i pochi sopravvissuti a raggiungere la propria base navale, e questo deve essere riconosciuto al nostro sciupa sommergibili! :s20:

 

Peccato anche per Bubbe che non avendo letto bene i propri ordini ha vissuto la partita in costante battaglia con le proprie batterie fino a quando un forse insperato crash lo ha liberato dalla sofferenza: varrà di lezione per le prossime partite, in cui sono sicuro che leggerà benissimo gli ordini iniziali... :s12:

 

Spero che i partecipanti si siano divertiti e che la formula delle squadre unite dall'"Abbraccio Letale", che ha permesso a tutti di vivere la partita in costante interazione con i propri compagni, sia piaciuta: dal punto di vista dell'editing ho imparato moltissimo dai miei errori, o presunti tali, e spero proprio di riuscire a migliorare i prossimi scenari. :s01:

 

Grazie a tutti per la compagnia ed alla prossima! :s02:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alpha Team (Truffa, Bubbe, DVostrikov)

"Comandanti, dovete andare dal punto A al punto B in due ore, poi una volta arrivati nel punto prefissato dovete parcheggiare i vostri sub e poi tutti a bere da Vilma la dolce..."

"Agli ordini..." (tse... e che ce vò...)

 

Fatta questa dovuta premessa sugli ordini missione :s43: veniamo ai fatti...

Iniziamo la missione alzando le antenne per ricevere gli ordini missione e linkarci in modo da tenere sotto controllo la distanza tra i nostri tre mezzi.

Segnamo dove si trova il porto a cui dobbiamo arrivare ed il buon Truffa si mette a "misurare" le miglia che ci separano dall'agognata bevuta e notiamo che abbiamo due possibili percorsi, a Est o a Ovest dell'isola, visto che qualcuno ha piazzato il porto proprio dall'altra parte.

Facciamo due conti e passando ad Est dell'isola risparmieremmo ben 8 miglia che con un kilo a batteria ci sembra la soluzione migliore.

 

Pronti via... Tutto non funziona... Ok ragazzi troppo distanti, stringiamo la formazione (il chè mi ha fatto tornare in mente quando si volava con Jester in Falcon4... "I'm the wingman...") e dopo poco tutti gli strumenti tornano operativi.

Navighiamo prima in emersione, poi arrivati in prossimità del punto più profondo del nostro viaggio sentiamo ping in ogni dove ma fortunatamente nessuno verso di noi, continuiamo tranquillamente verso sud quando Bubbe ci avverte che le batterie son quasi al limite, a questo punto con un abile gioco di squadra cerchiamo di portare a casa il risultato... E così nell'ordine...

 

- Truffa tira contro quello che ci appare come un Han ma sembra che il sub si sia arenato esplodendo da solo...

- decidiamo che Truffa sarà il nostro uomo di spinta, io e Bubbe seguiremo a distanza

- Truffa lancia un siluro per liberarsi la strada e si lancia a tutta birra verso il porto

- il pc di Bubbe decide che è ora di andare a nanna

- essendo rimasto da solo mi lancio anche io in direzione del porto

- arrivo mentre Truffa stà facendo manovra

- (adesso accade una cosa strana) Sertore ci dice che siamo dalla parte errata del porto, ma noi vediamo le banchine... mistero...

- il pc di Truffa si trasforma nella consueta zucca in prossimità della mezzanotte e si scollega

- il sub di Truffa continua a girare in tondo davanti al molo rendendo le mie manovre ancora più complicate (entrare in porto evitando il sub)

- prova a manovrare quando poi mi accorgo che abbiamo sforato le 2 ore e mezza previste, è mezzanotte passata, tra 5 ore suona la sveglia

- KABOOM...

 

I posteri mi daran ragione... :s33:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo la lettura del debriefing di DVostrikov penserete che la 'cosa strana' fosse una tattica per confondere il nemico.. ed invece no! :s07:

 

Anche Sertore, dopo 2 ore di gioco matto e disperatissimo, si era bevuto il cervello e non vedeva l'ora di incontrare Vilma la dolce... per cui 'accade una cosa strana': invertì nella sua mente la posizione del porto e comunicò l'informazione contraria a quella corretta ai compagni di gioco! :s68:

 

I posteri ti dan ragione Danijl! :s03:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest AleX24

io ho poco da aggiundere..una bella missione..ma nonostante tutto all'ultimo sono riuscito ad attraccare mentre il mio porto continuava a scoppiare per colpa della burke che mette le retromarcia e si schianta contro :s03: :s03: Però io non vedo l'ora di rifare la DW-EXTRA :s03: :s10:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Missione molto, ma molto difficile!

 

Come annunciato, la squadra a 2 sub, cioè quella mia e di Fausto, non ha vita facile fin dall'inizio, per almeno 3 motivi.

1) L'estrema vicinanza tra i sub: la necessità di viaggiare a 1.2 nm di distanza fa sì che siamo costretti a tenere un margine di sicurezza di 200 yds e navigare così a 1nm l'uno dall'altro!

2) L'immediata presenza di mezzi cinesi vicino a noi: quando partiamo lo XIA è subito a 4-5 nm circa e la nave a 7-8 nm

3) Il lungo tragitto da percorrere fino al porto, che ci impone di tenere una velocità media di circa 12-15 kts nelle due ore previste

 

I fondali profondi ci danno inizialmente una mano: ci posizioniamo in colonna, io davanti e Fausto dietro a tenere le distanze col sonar HF. Da sottolineare l'estrema disciplina che siamo riusciti a tenere in tutte le fasi dell amissione, anche le più concitate! Siamo riusciti davvero ad essere "un solo sub" e questo è motivo d'orgoglio più di ogni altra cosa successa poi. :s20: :s20: :s20:

 

Comunque, tracciamo subito lo XIA e la nave cinese, sono veramente vicini, anche se all'inizio sembra che ci ignorino. Ad ogni buon conto preparo siluri e missili. Il tempo però scorre via veloce e non possiamo star lì a dormire...ogni minuto che passa significa dover essere più veloci poi, quando i fondali saranno più bassi!!! La mia preoccupaione è che i cinesi ci tracino per benino, e poi al primo siluro in acqua lanciato magari da qualcun altro o da noi contro altri, ci possano fulminare. Comunque decidiamo di rischiare e aumentiamo la velocità a 15 kts...ed è a quel punto che lo XIA vira di brutto e inizia a puntarci addosso a velocità elevata. Che voglia o non voglia attaccarci (non potrebbe farlo a dire la verità), di sicuro ci ha visti, e ci saprà punire al primo cambiamento di ROE. DDecidiamo dunque di prendere inizativa e cambiarle noi, le ROE, sfruttando così il vantaggio della sorpresa. I primi due siluri vanno lunghi, merito dello XIA che corre loro incontro come un matto anticipandone l'attivazione. Il terzo però va a segno, e vi assicuro che filoguidarlo sul sub cinese ormai alle mie spalle, lì dove c'era anche Fausto, è stato da brivido! (continuavo a ripetere: Fausto, se senti pingare DIMMELO! :s03: )

Nel frattempo individuiamo anche l'HAN e Fausto si concentra su quello con un lancio di siluri, ma i cinesi sono questa volta bravi ad evadere...almeno uno dei nostri siluri azzoppa la nave. Metre Fausto si occupa del secondo sub, io passo alla nave: imposto 4 TASM, li assegno al contatto e lancio. Ovviamente i missili vanno per i fatti loro, e ad un certo punto virano secchi verso una fishing boat! :s68:

Riprovo con altri due, questa volta li imposto in snapshot sul bearing che dico io, e la nave cinese non ha scampo.

 

Quando i sonar tornano puliti, guardiamo bene e...FORMAZIONE NEMICA IN AVVICINAMENTO! Iniziamo freneticamente a tracciare ed identificare...purtroppo abbiamo appena capito che si tratta della squadra di Sergio e acquisiti bene i loro contatti, quando, proprio mentre passavo le consegne a Fausto di preparare degli stallion, sentiamo due TIW alle nostre spalle. Ahimè, sono stati bravi a vederci e colpirci per primi! Impostiamo una manovra evasiva, anche qui molto ben coordinata, ma purtroppo il lancio di Sertore è stato molto preciso, e Fausto, più vicino ai siluri, viene colpito da uno di essi. L'altro continua a pingarmi per un po', e poi improvvisamente smette. Due secondi dopo l'affondamento di Fausto, visto che mi sto allontanando dal suo relitto, perdo armi, sonar sferico e di scafo. Da questo momento in poi, grazie anche all'armistizio nei miei confronti delle altre squadre che decidono molto cavallerescamente di non infierire su un avversario in difficoltà, la mia missione diventa un lungo avvicinamento al porto, che si concluderà, dopo due ore e mezza circa complessive, con un approdo millimetrico del mio bestione al molo! :s20: :s20:

 

Ecco la foto ricordo dell'evento:

 

fotoapprodo.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
....Comunque decidiamo di rischiare e aumentiamo la velocità a 15 kts...ed è a quel punto che lo XIA vira di brutto e inizia a puntarci addosso a velocità elevata.Che voglia o non voglia attaccarci (non potrebbe farlo a dire la verità).....

 

La manovra dello XIA è causata da un cambio di ROE ??Non direi giusto ?Comunque è stata una mossa quasi obbligata attaccarlo per primi, era una minaccia troppo grossa

 

Complimenti a chi mi ha affondato, un lancio precisissimo, giusto il tempo di sentire due forti pingate ed ero ko. Peccato non esser riusciti a lanciare pure noi, si sarebbe scatenata una battaglia molto divertente.

Bravo Hunter che è riuscito a giungere alla base.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In verita' Von Faust, quello che vi ha fregato e' stato il fatto di non esservi spostati dalla posizione in cui avete lanciato la contromisura.

Sono generoso e' vi do questo "tip", quando lanciate la contromisura in acqua avete sostanzialmente 6 minuti per cambiare posizione, 6 minuti che sono il minimo necessario per consentire alla parte avversaria di triangolare la vostra posizione.

Se voi aveste accelerato a 30 nodi cambiando rotta vi sareste potuti spostare di 3 nm.

Il che e' sufficiente per non essere acchiappati dal sensore dello stallion. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì Ugo hai ragione, purtroppo la fase era piuttosto concitata, Fausto si era sentito minacciato dal siluro lanciato dallo XIA mentre io stavo filoguidando il mio sullo stesso sub, poi, quando lo XIA è stato affondato, della CM ce ne siamo...dimenticati! :s68: Se infatti guardi il replay, noterai che la manovra evasiva sul vostro successivo lancio è stata eseguita da manuale (e in perfetta sincronia), ma lo stallion di Sergio era troppo preciso e non c'è stato nulla da fare! :s20:

Sempre rivedendo il replay, credo che il secondo siluro (quello che mi cercava) sia stato ingannato dal fondale dove è andato a collidere pochi secondi dopo :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Col senno di poi non so quanto sia stato corretto lanciare la contromisura, forse serviva più freddezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
In verita' Von Faust, quello che vi ha fregato e' stato il fatto di non esservi spostati dalla posizione in cui avete lanciato la contromisura.

Sono generoso e' vi do questo "tip", quando lanciate la contromisura in acqua avete sostanzialmente 6 minuti per cambiare posizione, 6 minuti che sono il minimo necessario per consentire alla parte avversaria di triangolare la vostra posizione.

Se voi aveste accelerato a 30 nodi cambiando rotta vi sareste potuti spostare di 3 nm.

Il che e' sufficiente per non essere acchiappati dal sensore dello stallion. ;)

 

Verissimo, però chiedo (purtroppo non ho più il replay per controllare).......partire a 30 nodi con intorno i cinesi appena "stuzzicati" non era troppo rischioso ed attirarseli tutti come mosche ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, e' sempre facile a ragion veduta dire dovevate fare cosi' e cosi etc....

Voi eravate in una situazione complicata e purtroppo non cera una tattica giusta ed una sbagliata.

Qualche volta indipendentemente dalla scelte che si fanno, si finisce in fondo al mare. Vi rifarete la prossima volta dai. :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vi rifarete la prossima volta dai. :s01:

 

E rifarsi di che? Come squadra la missione l'abbiamo terminata! :s20:

Gli attracchi mio e di Alex hanno consentito alle duer rispettive squadre di concludere il proprio obiettivo! :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,691
    • Total Posts
      518,803
×