Jump to content
Sign in to follow this  
sertore

Debriefing ~ Quantum

Recommended Posts

Inizio io il debriefing di ieri sera così mi tolgo il pensiero. :s10:

 

Fondamentalmente la missione consisteva in 3 duelli 1 contro 1, con scelta degli avversari affidata alle dynamic locations: io mi sono trovato a fronteggiare le unità del porto ad est dell'isola, rivelatesi poi la powerboat e il Seawolf di Goldorak.

 

Dopo le prime fasi di avvicinamento sono riuscito ad individuare bene la powerboat, ma a tratti ed in modo impreciso il Seawolf: l'idea era quella di cacciarlo al fine di eliminarlo o allontanarlo dalla powerboat per poi portare a termine l'abbordaggio.

 

Tattica banale, che si è peraltro rivelata non troppo vincente: infatti, dopo circa un'oretta di confronto con Goldorak, senza risultati da entrambe le parti, mi sono trovato nella condizione di dover necessariamente abbordare la powerboat per evitare che sfuggisse, con il Seawolf fuori dal teatro d'azione e con dei siluri nemici in acqua. :s12:

 

Era come navigare in un secchiello con dentro la powerboat, il mio Akula e 2 MK48 che cercavano di tutto e di più: il risultato è stato che dopo circa 20 minuti in queste condizioni, all'ennesimo tentativo di avvicinamento alla powerboat, uno dei siluri mi ha agganciato mentre ero in fase di emersione a bassa velocità, ed in queste condizioni gli MK48 non lasciano scampo!

 

Intanto Goldorak, saggiamente, si era portato a più di 15nm dalla mia posizione, da dove ha potuto dirigere tranquillamente i suoi siluri nella loro ricerca fino a quando sono riusciti a trovare qualcosa... il mio Akula! :s68:

 

Purtroppo la missione era difficile, questo lo si sapeva, e la caccia iniziale non ha dato i risultati attesi, con l'epilogo che ho descritto.

 

Non mi sembra di aver sbagliato molto: ho lanciato anche 2 stallion in modo un po' impreciso, ma comunque nei pressi del nemico, e forse l'errore più grosso è stato quello di contrattaccare con un solo siluro in snapshot al primo lancio di Goldorak.

 

E poi la missione ha confermato che la quantità industriale di contromisure del Seawolf è proprio esagerata: ma come fa un povero 53 a districarsi in mezzo a tutte le contromisure lanciate in rapida successione... è proprio un vantaggio rilevante dei sommergibili americani rispetto ai russi! :s05:

 

Riassumendo... affondato, alle 23:30, senza neanche sapere che fine ha fatto la partita a causa del crollo del server TS di Truffa, che la prossima volta metterà sicuramente sotto UPS, oltre che il PC, anche il marchingegno per il collegamento ad internet: maledetti temporali!

 

Attendo perciò di sapere com'è finita dagli altri partecipanti alla missione... ed un grazie a Drakken per il lavoro di editing, questa volta un poco difficile per i Predator, e a tutti gli altri per la serata di compagnia e divertimento! :s02:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo detto che sarei partito dal pronostico…e infatti! :s03:

 

Onore a Drakken che ha colto l'input e ha impostato all'ultimo secondo una missione interamente sub vs sub. :s02: Che comunque si è rivelata difficile per i predator, ma almeno avvincente ed equilibrata, mentre la combinazione sonar attivo+silex dell'Udaloy avrebbe ridotto a zero le possibilità di sopravvivenza dopo i primi 20 minuti dello sventurato predator che se lo fosse trovato davanti.

 

Detto questo, la natura stessa della missione dava secondo me ai difensori un vantaggio tattico non da poco, (ma questo era il bello della sfida :s02: ) e difatti nessuno è riuscito ad abbordare nessuna powerboat…perché? Perché i predator per abbordarla dovevano prima eliminare il sub difensore, ma sparargli addosso metteva a serio rischio la sopravvivenza della powerboat stessa. Infatti in due casi le PB sono state distrutte prima dell'abbordaggio, e i rispettivi predator sono sopravvissuti, mentre chi ha provato ad avvicinarsi senza prima eliminare il difensore ci ha lasciato le penne (bravo comunque Sergio per averci provato!). Anche i difensori avevano comunque qualche limite, nel senso che intanto dovevano muoversi velocemente al passo della PB, il che ci ha consentito di identificarli presto, e poi avrebbero anche dovuto cercare di difenderla, 'sta barca, e forse nascondersi sotto ad essa non era proprio il modo migliore…

 

Vabbè comunque, venendo alla mia missione: partenza in direzione S-SW, sotto lo strato, per cercare di intercettare la PB lateralmente…al momento non sapevo ancora che sub avevo davanti! Pochissimo dopo…siluri in acqua in direzione 180!!! Il mio primo pensiero è stato: ho davanti il Drakken, profeta degli attacchi iniziali fulminei! :s20:

 

Invece da quel momento in poi è inizata per me una missione a dir poco surreale. Iniziata male, a dirla tutta, perché il mio primo lancio in snapshot sul rilevamento ha affondato subito la PB col primo siluro, mentre il secondo ha girato un po' proseguendo la sua corsa. Nel frattempo i siluri su di me sembravano lontani e inefficaci, e dopo averne identificato uno per un A184 ho capito di avere davanti l'U212 di Bubbe. A questo punto il problema era che dovevo avvicinarmi a 7 miglia dall'isola per riuscire ad avere le coordinate dalla chemical plant dalla squadra Delta Force, il che significava percorrere 15 miglia diritto in bocca ad un silenziosissimo U212 che teoricamente poteva starsene lì a vedermi arrivare e freddarmi come e quando voleva. Per niente entusiasmato da questa prospettiva, guardando il mio secondo siluro cercare nelle acque davanti all'isola, mi sono immaginato il Todaro nell'apprensione e mi è venuta un'idea: spararne un altro in direzione 180, e mettermi a correre follemente dietro a 38 nodi, coperto dalla sua traccia (avevo anche un bel biologico ed una cargo ship in linea dietro i me a coprirmi).

 

E' chiaro, mi aspetto una reazione immediata, e infatti sento una seconda, numerosissima serie di TIW. Fuori una CM passiva e piccola deviazione, ma i siluri non diventano mai attivi…possibile? Mi riallineo al mio siluro e riprendo la corsa, e quando il siluro raggiunge l'isola ne sparo un altro per mantenere la copertura. Arrivato dentro il range prestabilito mi fermo e mi metto in ascolto: l'U212 è lì a 3 miglia. Prima di iniziare gli attacchi a terra, voglio eliminarlo. Preparo 2 siluri, pingo una volta in attivo per avere il rilevamento esatto e faccio fuoco. Ma accidenti, ancora una volta i siluri non lo prendono. Un po' Bubbe è bravo ad evaderli, ma c'è da dire che è l'ennesima conferma del fatto che la ricerca attiva dei MK48 va completamente nel pallone quando si trova davanti ostacoli (le sponde dell'isola). Lui a sua volta mi spara una terza raffica, completamente fuori fase. Incredibile: col sonar HF vedo 3-4 siluri sfilarmi a fianco. L'U212 comunque sembra un fantasma, so che è lì, vicino a me, ma da quel momento non dà più segni di vita.

 

Visto che non dà più problemi (scoprirò dal replay che, avendo esaurito le munizioni, sta tornando mestamente in porto), vado a quota periscopio, acquisisco le coordinate del bersaglio, le passo a Sergio (che però ha altro a cui pensare, e infatti un minuto dopo viene colpito, mentre Umberto era già crashato) e organizzo il primo lancio: 4 TLAM dritti sulla chemical plant, con l'incognita SAM in agguato.

 

Purtroppo la prima raffica di missili viene completamente intercettata dalle batterie di SAM prima ancora di raggiungere la costa! Un po' demoralizzato da questo risultato disastroso, vado di ESM e radar per individuare le batterie costiere, e trovo proprio davanti a me una stazione radar. Decido di eliminare intanto quella, ricarico e sparo altri 4 TLAM…che fanno completamente cilecca!!!! Il morale a questo punto è sotto i tacchi, e in più oramai sia Drakken che Goldorak hanno sicuramente le mie coordinate e staranno dirigendo a tutta forza su di me. Temo soprattutto qualche lancio preciso di stallion dall'akula, e quindi mentre ricarico i tubi mi sposto di un paio di miglia verso ovest, consapevole comunque di avere i minuti contati. Terza raffica di SAM: un po' per disperazione, decido di fregarmene delle batterie di SAM e puntare dritto sul bersaglio. Questa volta ne vengono intercettati sulla costa solo due, e gli altri 4 filano dritti verso l'interno, dove non ci sono più difese, fino a colpire e distruggere la Chemical Plant: obiettivo raggiunto!!!!! :s20: :s20:

 

Missione strana, resa, ripeto, surreale dal comportamento dell'U212, che un po' all'inizio mi ha messo paura, ma poi mi ha favorito alla grandissima. A mio avviso il buon Bubbe non ha retto alla tensione e si è scolato 2 bottiglioni di grappa prima di immergersi, non si spiega altrimenti l'aver lanciato miriadi di siluri praticamente a caso, tutti sopra il layer quando io ero sotto, con distanze di attivazione sballate (i primi li hai attivati vicinissimo a te…ma neanche con un off shore arrivavo lì in così poco tempo!!! :s07: ) fino a trovarsi senza munizioni quando finalmente servivano…secondo me ha provato ad adottare la tattica "rastrelliamo il mare e facciamolo scappare" …mah, lascio ai tuoi compagni il piacere di scegliere per te il supplizio più adeguato! :s03: :s03:

Edited by R.Hunter

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora, premetto che i sensori del 212 fanno veramente pena... :s68:

All'inizio mi sono portato sotto il layer a tutta forza per mettemi davanti alla powerboat, mi sono messo in ascolto a 3 nodi e ti ho visto subito.. un puntino rosso sul display in banda stretta ma ovviamente non avevo la tua posizione esatta. Ho lanciato una salva di siluri contro di te tutti in snapshot e tutti sbagliati...

Poi hai risposto e mi sono messo in superfice facendo si che la pw.boat si trovasse nel mezzo tra me e i tuoi siluri e mi sono salvato per questo! :s03:

Poi li ti ho perso, mi sono messo a correre inseguito dai tuoi siluri per gran parte della partita virando e sprecando aria compressa per le emersioni. Ho finito pure le contromisure!!

Mi hanno agganciato bene almeno 2 o3 volte! Sapevo che uno dei tuoi siluri mi avrebbe preso quindi ho iniziato a lanciare dove una volta avevo il tuo contatto, supponendo che tu ti muovessi verso est... e invece sei venuto a sud coperto dal siluro... :s14: Quindi siluri sballati in quanto direzione e distanza...

Poi ho un'attimo di tregua dai tuoi siluri, mi metto nel mezzo di due contromisure a qp e inizio a ricaricare le batterie che ormai erano scese al 10%. Poi sento un PING, sicuro che eri tu ho controlanciato l'ultima salva di siluri sempre in snapshot...perchè il sonar del 212 è un troiaio...ed infatti hanno fatto cilecca. Con i siluri finiti le contromisure anche le batterie allo 0% mi trattengo un po in immersione a 0 nodi poi emergo e torno a casa con i diesel..

 

Bella partita, ma se avessi un rimorchiato e un reattore sarebbe meglio! :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi qui. Allora che dire se non che Darth Sertore ha ancora bisogno di far pratica sul quel trabicolo russo. :s03:

La missione di ieri sera era di scortare la powerboat ed impedire alle forze nemiche di abbordarla. La mia tattica primaria era quella di superare la powerboat e andare a posizionarmi a circa 5-6 nm davanti e poi restare in ascolto. Volevo anche sganciare una linea di mine per impedire alle forze speciale di avvicinarsi ma cosi' facendo rischiavo di compromettere la powerboat. Quindi non se ne fa niente. Decido di usare esclusivamente siluri per la difesa.

Mentre supero la powerboat ricevo una serie di messaggi torpedo in the water bearing 320 o giu' di li. Panico, come e' possibile che il sub nemico si trovi a nord ovest ? Ero talmente convinto che si trattasse di un attacco nei miei confronti (poi si vedra' che era un buontempone che lanciava missili) che ho cambiato rotta facendo una serie di zig zag e poi andando a sud cercando di allontanarmi dal presunto pericolo e ovviamente allontanandomi dall'obiettivo primario che dovevo difendere. Rilevo erroneamente un primo contatto verso nord ovest (ve l'avevo detto che quei TIW mi avevano incasinato) e lancio due siluri in snapshot. A quel punto io di Darth Sertore non ho la minima idea di dove si trovi, anche perche' non lo becco sul TA visto che mi sono posizionato in modo da coprire la parte ovest e non est (dove si trova lui :s68: ). Dopo aver lanciato i siluri procedo verso sud. I siluri procedono a nord indisturbati. Dopo un po' mi fermo e ottengo un flebile contatto a est, decido di lanciare altri due siluri e di ridirigere i primi due verso sud. Vediamo di ingabbiare il trabicolo russo. Nel frattempo Darth Sertore contrattacca con tutto, siluri e stallion. Ma niente da fare. Io cambio radicalmente velocita', rotta e lancio una serie di contromisure per rendergli la tma difficile se non impossibile. Dopo un po' mi fermo, tiro fuori il TA e becco un contatto non meglio indentificato a nord della powerboat. Classificato come nave civile ma mi pare strano molto strano. Non ho tempo di restare a classificare (sempre nel timore di un attacco con gli stallion) e quindi faccio ridirigiere i due siluri di nuovo verso nord. Uno dei due dopo un po' aggancia quel contatto civile che si rivelera' essere non altro che il sub di Darth Sertore.

 

Oh ora veniamo alle considerazioni tattiche. La missione per l'akula era difficile, ma lo era anche per me. Mi sono trovato costretto a difendere la pwoerboat di quasi 10nm se non oltre. Non riuscivo ad ottenere una TMA su Darth Sertore (anche perche' avevo disabilitato la tma automatica). Procedevo con singoli rilevamenti. Questo per evitare di restare troppo tempo sulla stessa posizione e rendermi vulnerabile ad un attacco di stallion. Ecco perche' cambiavo continuamente rotta e velocita'. Anche il TA lo tiravo fuori soltanto quando rallentavo. In questo tipo di situazioni l'akula deve usare il suo punto di forza e cioe' un attacco su rilevamenti multipli con gli stallion seguito da un attacco convenzionale con siluri filoguidati. Lanciare 2 stallion non serve a niente, primo perche' l'avversario mantiene una rotta imprevedibile, e secondo perche' con il numero di contromisure che il seawolf puo' lanciare beh due stallion che cadono in acqua dietro al seawolf hanno piu' probabilita' di beccare le contromisure che non il sottomarino. La tattica giusta e diifficile in questa situazione era quella di lanciare 4 o piu' stallion contemporaneamente in modo da ingabbiare il seawolf. Un stallion entra' in acqua leggermente a nord, uno a sud, uno a est e uno a ovest della posizione del seawolf. A questo punto per il nemico evadere questa gabbia diventa una missione impossibile. Se poi questo attacco era seguito da due siluri filoguidati lungo una rotta che li porta in mezzo alla gabbia il gioco e' quasi fatto.

Sulle contromisure, come Darth Sertore sa benissimo le contromisure sono un arma a doppio taglio. Io ieri sera credo di averne lanciato 8 in totale, non so se il mio avversario ha preso la palla al piede e triangolato la mia posizione. Questo poteva essere un vantaggio per te non certo per me. Inoltre le contromisure si possono sempre superare usando siluri filoguidati e SPEGNENDO la ricerca attiva quando il siluri entra nella zona in cui ci sono le contromisure. In questo caso non agganceranno mai le contromisure. E l'unica tattica per non "perdere" i siluri. Poi quando si supera la cortina "fumogena" si riattiva il siluro.

Questo pero' presuppone di usare siluri filoguidati e non stallion o altre diavolerie che non consentono di accendere spegnere il meccanismo di ricerca. Ecco perche' era fondamentale portare un attacco con 4 o piu' stallion e 2 siluri filoguidati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innanzi tutto ringrazio Goldorak per l'esortazione a far ancora pratica sull'Akula... è bello sentirsi apprezzati! :s03:

 

Ricordo poi che per il lancio degli stallion bisogna portarsi a meno di 120m, con una velocità inferiore ai 6knts... meglio se a meno di 100m e 4knts per non sbagliare: a causa anche di questo ieri sera non ho lanciato di tutto, ma solo 3 siluri, un 53 e due stallion, ed il 53 ha anche agganciato il Seawolf più di una volta, ma contro la multitudine di contromisure l'attaco non è andato a buon fine. :s14:

 

Tornando agli stallion, avevo il layer a 297m, e dal momento del lancio dei primi MK48 non ho mai avuto un momento di pace: Ugo, mi spieghi come facevo ad eseguire lanci multipli di stallion quando avevo delle TMA decenti mentre ero sotto il layer ad evadere i tuoi confetti?

 

Avrei dovuto ogni volta emergere di quasi 200m perdendo la copertura del layer, a velocità bassa per non farmi beccare subito, lanciare e reimmergermi: tempo minimo per l'operazione non meno di 5 minuti... un'eternità con gli MK48 che facevano giro giro tondo intorno a me. :s06:

 

Insisto nel dire che il mio errore più grosso sia stato quello di contrattaccare con un solo 53, senza lanciare anche l'UUV che avevo pronta e magari qualche altro 53 di rinforzo, ma nell'eccitazione del lancio di contrattacco in snapshot mi è sfuggito.

 

E poi sarebbe piaciuto anche a me andare a nord con gli MK48 che arrivavano da sud, peccato che la powerboat era proprio a sud-ovest, e ho dovuto rischiare l'avvicinamento, con esito tragico! :s68:

 

Mi limiterei perciò a dire che ieri sera non è stata la mia serata... :s02:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Innanzi tutto ringrazio Goldorak per l'esortazione a far ancora pratica sull'Akula... è bello sentirsi apprezzati! :s03:

 

Ricordo poi che per il lancio degli stallion bisogna portarsi a meno di 120m, con una velocità inferiore ai 6knts... meglio se a meno di 100m e 4knts per non sbagliare: a causa anche di questo ieri sera non ho lanciato di tutto, ma solo 3 siluri, un 53 e due stallion, ed il 53 ha anche agganciato il Seawolf più di una volta, ma contro la multitudine di tutte le contromisure l'attaco non è andato a buon fine. :s14:

 

Si qui sono d'accordo. E stato un errore molto grave quello di lanciare un singolo 53. Non era necessario lanciarne 5 ma 2 si.

Sul discorso contromisure, bisognava perdere tempo (6 minuti) per triangolare la mia posizione. Tempo che forse ritenevi di non avere.

E giustamente anche io ho fatto lo stesso ragionamento. Il motivo per cui non restavo mai piu' di 5 minuti a velocita' bassa.

 

Tornando agli stallion, avevo il layer a 297m, e dal momento del lancio dei primi MK48 non ho mai avuto un momento di pace: Ugo, mi spieghi come facevo ad eseguire lanci multipli di stallion quando avevo delle TMA decenti emntre ero sotto il layer ad evadere i tuoi confetti?

 

Avrei dovuto ogni volta emergere di quasi 200m perdendo la copertura del layer, a velocità bassa per non farmi beccare subito, lanciare e reimmergermi: tempo minimo per l'operazione non meno di 5 minuti... un'eternità con gli MK48 che facevano giro giro tondo intorno a me. :s06:

 

Eh eh le gioie del combattimento ravvicinato 1 vs 1. Come hai sudato freddo tu, ho sudato freddo anch'io. :s03:

Non ti dico le imprecazioni che facevo perche' non mi davi un attimo di tregua per fare una tma su di te.

I ping degli stallion e del 53 mi stavano rompendo seriamente le scatole.

In questo tipo di situazione bisogna prima di tutto valutare dove si trovano i siluri nemici, e poi eventualmente vedere se e' possibile perdere tempo a salire di quota per fare un lancio con svariati stallion. L'unica cosa che non ho capito e' perche' quando hai lanciato la prima salva di stallion, ne hai lanciati 2 e non 4 o 6.

 

 

Insisto che il mio errore più grosso sia stato quello di contrattaccare con un solo 53, senza lanciare anche l'UUV che avevo pronta e magari qualche altro 53 di rinforzo, ma nell'eccitazione del lancio di contrattacco in snapshot mi è sfuggito.

 

E poi sarebbe piaciuto anche a me andare a nord con gli MK48 che arrivavano da sud, peccato che la powerboat era proprio a sud, e ho dovuto rischiare l'avvicinamento, con esito tragico! :s68:

 

Mi limiterei perciò a dire che ieri sera non è stata la mia serata... :s02:

 

Si il singolo lancio del 53 insieme a due soli stallion non ti hanno certo aiutato contro il seawolf.

Il lancio del uuv non era strettamente necessario, io sono riuscito a triangolare piu' o meno correttamente la posizione di 2 siluri soltanto usando l'active intercept. Certo l'uuv ti da il vantaggio di non restare sordi mentre evadi, tuttavia lo svantaggio e' che se fai un cambio di rotta troppo brusco rischi di rompere il filo. Quindi l'uso del uuv ti limita le opzioni di manovra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mentre supero la powerboat ricevo una serie di messaggi torpedo in the water bearing 320 o giu' di li. Panico, come e' possibile che il sub nemico si trovi a nord ovest ? Ero talmente convinto che si trattasse di un attacco nei miei confronti (poi si vedra' che era un buontempone che lanciava missili)

 

No caro mio, io i missili li ho sparati alla fine della missione...quello che sentivi era il buontempone del tuo compagno di squadra che spendeva e spandeva A184 mod3 a 6 alla volta come se fossero missili!!! :s03: :s03: :s03:

 

Leggendo del vostro avvincente duello, penso che comunque l'errore (se di errore si può parlare) di Sergio sia stato quello di voler avvicinarsi alla powerboat senza aver prima eliminato il SW...è vero che Ugo furbescamente cercava di distrarti lontano dall'obiettivo, ma forse era il caso di lasciare un attimo stare la PB, concentrarsi sul Seawolf e, una volta eliminato, passare all'abbordaggio. Certo, col senno di poi tutto sembra facile... :s68: :s03:

Comunque, al di là delle osservazioni fatte da Ugo, mi sembra che sia stato un gran bello scontro, condotto bene da entrambe le parti, e il buon Sertore ha davvero ceduto con l'onore delle armi! :s20:

Edited by R.Hunter

Share this post


Link to post
Share on other sites
No caro mio, io i missili li ho sparati alla fine della missione...quello che sentivi era il buontempone del tuo compagno di squadra che spendeva e spandeva A184 mod3 a 6 alla volta come se fossero missili!!! :s03: :s03: :s03:

 

Leggendo del vostro avvincente duello, penso che comunque l'errore (se di errore si può parlare) di Sergio sia stato quello di voler avvicinarsi alla powerboat senza aver prima eliminato il SW...è vero che Ugo furbescamente cercava di distrarti lontano dall'obiettivo, ma forse era il caso di lasciare un attimo stare la PB, concentrarsi sul Seawolf e, una volta eliminato, passare all'abbordaggio. Certo, col senno di poi tutto sembra facile... :s68: :s03:

Comunque, al di là delle osservazioni fatte da Ugo, mi sembra che sia stato un gran bello scontro, condotto bene da entrambe le parti, e il buon Sertore ha davvero ceduto con l'onore delle armi! :s20:

 

In effetti, in questa missione era la squadra defender a dover prendere l'iniziativa.

Aspettare che i predator si avvicinassero troppo alle powerboat era un tattiche sbagliata.

Bisognava prenderli in contropiede e fare in modo che perdessero tempo a gestire i siluri nemici piuttosto che concentrarsi sul abbordaggio della nave.

Ecco perche' la tattica vincente per i predator era quella di affondare i defender prima, e poi in secondo luogo abbordare la nave.

 

Ma visto che alla fine comunque la squadra predator ha vinto direi che non ce niente da criticare sulle vostre tattiche. :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ultima osservazione sullo scontro Titano Goldorak e Darth Sertore, poi lascio spazio agli altri: avevo nei tubi 4 stallion pronti al lancio, con una TMA scarsina. :s09:

 

Ho perciò lanciato un primo stallion sulla migliore TMA che sono riuscito ad avere: a seguito di questo hai accelerato allontanandoti ma dandomi una soluzione migliore ma non ottimale... ho lanciato perciò il secondo stallion, dopo circa 2 minuti, ma poi mi sono dovuto immergere perchè gli MK48 stavano iniziando ad avvicinarsi pericolosamente senza aver modo di lanciare la salva finale degli ultimi 2 stallion rimasti nei tubi. :s68:

 

Da quel momento non sono più riuscito a trovare il tempo di emergere a quota di lancio... :s17:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima osservazione sullo scontro Titano Goldorak e Darth Sertore, poi lascio spazio agli altri: avevo nei tubi 4 stallion pronti al lancio, con una TMA scarsina. :s09:

 

Ho perciò lanciato un primo stallion sulla migliore TMA che sono riuscito ad avere: a seguito di questo hai accelerato allontanandoti ma dandomi una soluzione migliore ma non ottimale... ho lanciato perciò il secondo stallion, dopo circa 2 minuti, ma poi mi sono dovuto immergere perchè gli MK48 stavano iniziando ad avvicinarsi pericolosamente senza aver modo di lanciare la salva finale degli ultimi 2 stallion rimasti nei tubi. :s68:

 

Da quel momento non sono più riuscito a trovare il tempo di emergere a quota di lancio... :s17:

 

Capito, e' un peccato perche' se avessi lanciato inizialmente i 4 stallion forse avresti potuto beccarmi. :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche dal mio lato lo scontro si stava facendo avvincente, guardando il replay, il buon Drakken era ben coperto dalla poweroboat e non sono mai riuscito ad avere una soluzione precisa su di lui. Però dopo aver sentito diversi siluri venire verso di me ho deciso di contrattaccare almeno per non lasciargli proprio tutto il tempo e lo spazio mentre io correvo a destra e a sinistra.

Unico mio errore, usare un solo 53 per il contrattacco, che alla fine ha colpito la powerboat... l'akula nemico sarà stato si e no un Km a nord-est della nave e se fossero stati 2 i miei siluri, suppongo che uno avrebbe colpito la nave e uno il sub. Avevo anche settato un 15m come profondità minima del siluro per non colpire la nave ma probabilmente era troppo poco.

La mossa successiva, se non mi fosse caduta la connessione a internet, sarebbe stata quella di spedire sul luogo della nave affondata almeno 4 stallion dato che oramai mi ero quasi convinto che il nemico fosse li, i miei compagni di squadra possono confermare il mio commento: "eh, son capaci tutti di imboscarsi dietro alla nave, adesso gli riempio la zona di siluri!". Tempo un minuto ed ero fuori partita :s06: .

 

Ritengo invece di aver agito bene, non tanto sul lancio impreciso di stallion del Drakken, ma sul lanciare immediatamente una contromisura passiva contro il 53 che stava arrivando e cambiare layer, portandmi fuori dal suo raggio d'azione ed ingannando chi stava dall'altro lato, infatti proprio prima di cadere mi sembrava che il siluro fosse stato fatto girare verso la posizione giusta, usando la filoguida suppongo. Avrei avuto comunque il tempo per lanciare e togliermi di nuovo di mezzo, peccato davvero per l'uscita prematura :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi qua. il MITO sempre più immortale....

 

comunque sia andata è stata una bella partita... e leggendo i vs commenti ognuno ha cercato di mettere in atto delle mosse e contromosse per tentare di beccare il proprio avversario.

 

Certo con il senno di poi si fanno un sacco di bei discorsi ma è durante la partita che bisogna prendere le decisioni giuste e tempestive, ma non sempre quello che si calcola si traduce in risultati favorevoli.

 

Premessa: Anche in una situazione che "naturalmente" portava la squadra DEFENDER come favorita, non si è tradotta in una vittoria già di per sè scritta... difatti alla fine alcune manovre da "COMMODORO" ha

permesso al buon c.te HUNTER (anche se troppo timoroso nei confronti dell'UDALOY) di portare la vittoria finale a casa.

Come già detto in tanti altri post, non soltanto i mezzi a dispsosizione, contribuiscono alla vittoria, ma gli uomini e le tattiche adottate sono il delta in più.

 

Debriefing: Parto dal lato OVEST dell'isola, la powerboat ha rotta 270 velocità 7 nodi, perciò decido di rimanere dietro a bassa velocità e impostare una rotta a zig zag per far funzionare al meglio il mio trainato.

 

Decido quasi subito di lanciare anche una UUV sopra il layer, e portandomi contemporaneamente sotto il layer, così ho un doppio ascolto.

 

Però del mio sub rivale non ho ancoRa nessuna traccia. Che fare ??? :s12:

Bubbe nel frattempo decide di attaccare e dai sui rilevamenti sonar si capisce che ha contro il SEAWOLF di Hunter... (peccato volevo esserci io in zona Commodoro)... allora capisco che di fronte a me ho due compagni russi,

e conoscendoli bene sia SERTORE che TRUFFA, e sapendo la loro naturale propensione al grilletto facile, organizzo una bella trappola... lancio uno stallion in una zona dove non c'è nulla.... non avendo nessun rilevamento e sapendo che devo coprire davanti a me una zona di almeno 10 miglia per non far sganciare le special force, spero in una risposta in snapshot dell' akula ostile.

Trappola che funziona alla perfezione, difatti il buon TRUFFA, lancia un siluro in direzione del mio stallion, così facendo capisco almeno dove si trova... non perdo tempo e lancio un 53 seguito da due stallion, così non gli dò tregua

e non lo faccio arrivare in zona utile. Poi il siluro di Truffa cambia direzione puntando sulla powerboat, e colpendola (erano essenziale settare bene i siluri x i predator errore che è costato caro).

Tattica che funziona bene fino al crash di Truffa... poi quello che sarebbe potuto succedere è tutta una bella ipotesi....

 

Poi mi concentro verso la posizione di Hunter ma la distanza era elevata e da quel lato il mio sonar era qualcosa di indescrivibile, ping attivi, siluri in acqua come se fossimo alla fiera dei siluri, insomma un caos paranormale. Bubbe mi passa delle coordinate ma del tutto errate, lancio un 53 guidato verso l'unica certezza che era data dai ping di hunter vs Bubbe, ma la distanza era troppa elevata. Peccato per il mio secondo lancio di stallion, un pò troppo lontano ma nella giusta direzione.

 

Analisi tattica: Ottima partita del Commodoro, poi la manovra eseguita stando dietro i siluri è da antologia, qualche critica a Bubbe, nella fase di attacco, troppo frettolosa e troppi siluri lanciati in contemporanea, difatti ancora a metà partita eri

senza siluri e senza niente, certo avevi di fronte un SEAWOLF, ma dovevi gestire meglio il vantaggio tattico proprio di chi difende contro chi attacca. Onore a Sertore, che comuque sia andata, vorrei ricordare che è l'asso indiscusso dei lanci di STALLION, vedere il suo CV, please. E comunque è stato l'unico dei predator a non sbagliare i lanci e colpire le powerboat.

 

P.S.: A proposito dell'UDALOY, vorrei ricordare che per PAR CONDICIO in teoria nelle partite non si dovrebbero usare allora neanche i SEAWOLF.... visto la loro differenza tecnologica con il resto dei sub... che dici COMMODORO ???? :s02:

 

Lo so.... il MITO ha posto dei nuovi punti di riferimento.... chiunque ha paura solo al pensiero.... di affrontare una tale :s07: minaccia :s07: !!!! :s03: :s68:

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites
P.S.: A proposito dell'UDALOY, vorrei ricordare che per PAR CONDICIO in teoria nelle partite non si dovrebbero usare allora neanche i SEAWOLF.... visto la loro differenza tecnologica con il resto dei sub... che dici COMMODORO ???? :s02:

 

 

Ti rispondo io con un secco no. Se togli il seawolf, l'akula 2 non ha nessun avversario di pari livello.

L'akula 2 e' una bestia se gestito bene, cosi' come lo e' il seawolf.

Hanno vantaggi e svantaggi diversi, ma dire che seawolf la spunta sul akula 2 e' nonsense.

 

Se vuoi togliere il seawolf, allora propongo che tutti gli akula ad ogni missione vengano equipaggiati soltanto con siluri 53.

Cosi adcap 48 vs 53, 2 contromisure del 688 contro le 2 contromisure del akula. Ti sta bene, questa e' par condicio. :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gold la mia era solo una provocazione scherzosa, :s02: :s68: :s03:

menomale che solo da quando le edito io le missioni c'è sempre più la presenza dei SEAWOLF, prima sinceramente almeno nei primi tempi che son arrivato io, c'erano un" mucchio di divieti assurdi " del tipo non si usa il SEAWOLF, non si lanciano missili alle fregate, ecc ecc

ma che significa ??? ogni mezzo bisogna usarlo con i propri pregi e difetti.

 

E se ti ricordi bene, proprio tu avevi descritto il SEAWOLF come un mezzo contro cui è impossibile vincere... vuoi che ti prendo la citazione... sta tutto scritto. Ora tutto d'un tratto è l'AKULA un mezzo fenomenale... ma dai...

 

"FROM DISCUSSIONE TOPIC

Citazione di Goldorak:

Con AT3 ci sono centomila unita' da scegliere. Non vedo perche' focalizzarsi sul seawolf.

 

Vuoi sapere tutti i vantaggi del seawolf : ha i vantaggi della classe kilo/u212 piu' quelli della classe 688i + velocita' senza contare la miriade di contromisure che si porta dietro. Aggiungiamo i sensori molto piu' sensibili rispetto agli altri sottomarini, nonche' la presenza del WAA e della detterminazione rotta/distanza automatica tramite periscopio. Poi se ti metti a giocare con la tma automatica e' finita'. Il seawolf diventa una belva indistruttibile

 

Ti ricordi Gold ??? :s03: :s68:

 

Perciò in DW si utilizzano tutte le piattaforme senza restrizione, poi sta alla bravura dei comandanti, utilizzarle al meglio. :s02:

Edited by Drakken

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo per precisare che le mie considerazioni sull'Udaloy, unità per la quale nutro comunque grande ammirazione e timore (e ci mancherebbe) perchè ritengo abbia un'accoppiata, anzi un'attriata :s03: , ASW micidiale (sonar attivo + eli + silex) , venivano unicamente da una valutazione del suo impatto su questa missione: in altre parole ero e sono convinto che un Udaloy in posizione difensiva, se usato al meglio come indiscutibilmente Drakken sa fare, unito al fatto che per i predator sarebbe stato estremanete rischioso l'utilizzo di missili ASM, azzerava le possibilità di riuscita della missione (per il sub che si trovava lì nell' 1 vs 1, ovvio, mica per tutti :s02: ).

Poi posso anche sbagliarmi eh... :s02:

 

Per quanto riguarda il SW, credo anch'io che sulla carta abbia un qualcosa più degli altri sub, anche se l'akula II se la gioca. Diciamo che uno ha dalla sua silenziosità, sensori, quantità di CM e armi imbarcate, l'altro (l'Akula) ha una potenza di fuoco contemporanea spaventosa, ottimi sensori anch'esso e gli stallion che fanno la differenza. Detto questo, bisogna vedere i contesti. Cioè ci sono situazioni in cui il SW è davvero irresistibile, altre in cui o è l'akula (se ci sono zone di convergenza e il sub russo ti trova da lontano, puoi solo pregare che chi lo pilota sbagli i lanci :s02: ), altre ancora in cui prevale un banale SSK (voglio vederli SW e Akula in 200 ft d'acqua cosa combinano...) Ad esempio ieri sera quando ho capito di aver davanti l'U212 ho anche pensato che molto difficilmente l'avrei individuato...credo sia in assoluto il battello più silenzioso in DW, anche se ieri non contava ha missili ASM micidiali e ottimi siluri, e se avesse sensori all'altezza della realtà sarebbe davvero letale! :s20:

 

ps: grazie per i complimenti sulla manovra del siluro, la brevettiamo? :s20: :s20: :s20:

Edited by R.Hunter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Solo per precisare che le mie considerazioni sull'Udaloy, unità per la quale nutro comunque grande ammirazione e timore (e ci mancherebbe) perchè ritengo abbia un'accoppiata, anzi un'attriata :s03: , ASW micidiale (sonar attivo + eli + silex) , venivano unicamente da una valutazione del suo impatto su questa missione: in altre parole ero e sono convinto che un Udaloy in posizione difensiva, se usato al meglio come indiscutibilmente Drakken sa fare, unito al fatto che per i predator sarebbe stato estremanete rischioso l'utilizzo di missili ASM, azzerava le possibilità di riuscita della missione (per il sub che si trovava lì nell' 1 vs 1, ovvio, mica per tutti :s02: ).

Poi posso anche sbagliarmi eh... :s02:

 

Certo, su questo non si discute. L'arte del progettare missioni equilibrate passa anche nel riconoscere quali unita' inserire in una determinata missione.

Ed e' per questo che io cerco sempre di spingere gli allievi dell'accademia per ottenere almeno due abilitazioni sui sub, uno nucleare e uno diesel elettrico.

 

Per quanto riguarda il SW, credo anch'io che sulla carta abbia un qualcosa più degli altri sub, anche se l'akula II se la gioca. Diciamo che uno ha dalla sua silenziosità, sensori, quantità di CM e armi imbarcate, l'altro (l'Akula) ha una potenza di fuoco contemporanea spaventosa, ottimi sensori anch'esso e gli stallion che fanno la differenza. Detto questo, bisogna vedere i contesti. Cioè ci sono situazioni in cui il SW è davvero irresistibile, altre in cui o è l'akula (se ci sono zone di convergenza e il sub russo ti trova da lontano, puoi solo pregare che chi lo pilota sbagli i lanci :s02: ), altre ancora in cui prevale un banale SSK (voglio vederli SW e Akula in 200 ft d'acqua cosa combinano...) Ad esempio ieri sera quando ho capito di aver davanti l'U212 ho anche pensato che molto difficilmente l'avrei individuato...credo sia in assoluto il battello più silenzioso in DW, anche se ieri non contava ha missili ASM micidiali e ottimi siluri, e se avesse sensori all'altezza della realtà sarebbe davvero letale! :s20:

 

Come dici bene dipende dal contesto. In missioni in aqua profonda il seawolf se la gioca contro l'akula 2. D'altronde facendo riferimento al libro di norman polmar "cold war submarines", l'akula 2 e' un gradino sotto al seawolf, ma di gran lunga piu' avanzato del 688i. Dispone di sistemi che per esempio non sono neanche modellati in DW e che secondo me lo mettono alla pari del seawolf.

In missioni costiere invece i sub nucleari hanno piu' problemi rispetto agli ssk. Mi ricordo ancora di una missione progettata da djmitri che era ambientata in uno stretto di mare di circa 100 ft di profondita'. Non ti dico gestire il seawolf, o l'akula 2 in quelle condizioni. :s03:

 

ps: grazie per i complimenti sulla manovra del siluro, la brevettiamo? :s20: :s20: :s20:

 

 

Arrivi in ritardo, e' una mossa conosciuta dai tempi di 688 hunter/killer. :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,655
    • Total Posts
      518,061
×