Jump to content
Sign in to follow this  
malaparte

Ritorno A Dahlak Kebir

Recommended Posts

Titolo: RITORNO A DAHLAK KEBIR

Autore: Vincenzo MELECA

Editore: Greco&Greco

Anno: 2001

ISBN: 8879802666

Pag. 173 + 25 c. di tav.

14 x 21 cm.

 

dahlak.jpg

 

 

L’Autore ci racconta, con stile fresco e spesso scanzonato, le esperienze vissute durante alcuni dei suoi vari viaggi nello splendido arcipelago delle isole Dahlak: più di 200 isolette eritree, sparse nel Mar Rosso. Si presentano generalmente come banchi corallini, quasi tutti desertici, appena emergenti dalle acque, ma hanno forse i più bei fondali del mondo, con una fauna ittica di una varietà e ricchezza assolutamente inimmaginabili. Con i pesci Meleca interagisce, chiacchiera, si confronta.

 

Non è però un libro solo per appassionati di fondali, ma anche per gli interessati alla Storia Militare: nelle Dahlak sono state infatti presenti basi navali e batterie sia durante la recente guerra contro l’Etiopia, sia durante la 2^ guerra mondiale. Ancora oggi è possibile sorprendersi , ad esempio, nello scovare, ancora ben conservati nonostante la salsedine, pezzi d’artiglieria da 120/45 della OTO del 1937 e 1938, che “puntano le quattro canne verso occidente, minacciando inutilmente un nemico che non c’è più”, (forse gli impianti recuperati dai CT Nullo e Leone, oppure quelli destinati a riarmare la nave coloniale Eritrea) o nel fare snorkeling sull’affiorante relitto dell’Urania, autoaffondatasi (insieme a tante altre navi italiane), nel 1941. L’Autore, che di Storia militare è appassionato, non perde occasione di approfondire questi aspetti, ogni volta che una piazzola per batteria, un proiettile arrugginito, un muretto a secco al cui interno arrugginiscono decine di scatolette di antichi ranci, gliene danno l’occasione.

Una curiosità: come ricorda Meleca, quando, nell’aprile 1941, Massaua cadde, i britannici non si preoccuparono più di tanto della guarnigioni sparse tra le isole: si limitarono a mandare in giro un’imbarcazione, con un megafono, ad avvisare i militari italiani che potevano arrendersi o restare liberi, come preferivano. Però, in quest’ultimo caso, non avrebbero ovviamente ricevuto né cibo né acqua...

 

Il libro è riccamente illustrato con foto dei luoghi e con belle tavole a colori delle specie ittiche più diffuse. Suggestiva la presentazione di Enzo Majorca.

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

STUZZICANTE!

è questo il primo aggettivo che mi è passato per la testa. mette anche piante di sistemazioni militari e relitti o rimane sul vago?

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è una cartina dell'arcipelago (compilata da lui sulla scorta di una vecchia carta militare inglese, se ben ricordo), ma non indicazioni dei relitti. Però, se ti interessa, direi che posso fornirti e farti fornire indicazioni :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque, volevo secificare che nelk testo si danno parecchie indicaziuini su come e dove trovare questi relitti, davanti a quale baia ecc.. Se per esempio dice che gli OTO sono a Dohul,...ti assicuro che a Dohul , che pure è tra le più grandi, non ci si perde....in ogni caso spiega chiaramente dove si possono trovare.

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,185
    • Total Posts
      508,768
×