Jump to content
Sign in to follow this  
corazzata_littorio

Costruzione Passo Passo Del R.i. Emanuele Filiberto Duca D'aosta

Recommended Posts

Ciao a tutti, vi presento la costruzione del mio piccolo sogno, l'Incrociatore leggero Duca d'Aosta, in scala 1:72 , totalmente autocostruito, radiocomandato e completamente funzionante.

 

Al momento non ho finito di riordinare tutte le foto, quindi, vi allego un link al forum del sito Ondalunga, spero sia di vostro gradimento, le immagini sono grandi, almeno si vede tutto bene, spero solo di finire a riordinare tutto, al momento sono quasi alla fine della realizzazione, manca la verniciatura e l'assemblaggio finale e la verniciatura mimetica.

La versione è quella del giugno 1942.

 

A breve mi mostrerò anche le immagini delle altre nostre realizzazioni.

A presto, Luca.

 

ecco il link :

 

clicca per vedere il modello

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica, marco

finalmente un modelo nazionale...!!! :s20: :s20:

complimenti (ma che fatica a veder le foto.. :s68: .)

saluti e continua a tenerci informati, marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie marco, appena ho 2 minuti liberi, apro un post dedicato alla littorio di mio padre sempre in 1:72 di 3,36m

per le foto, se le facevo piccole purtroppo non si vedevano bene i dettagli!!ai che ce ne saranno molti da notare quando sarà finita!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica, marco

ok aspetteremo ........pazientemente :s01: :s01:

saluti marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

da quello che ho capito i pezzi principali sparano, non è che potresti postare una foto del sistema di brandeggio torri? :s01:

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti e grazie di queste interessanti notizie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ andreavcc

 

il brandeggio delle torri è comandato dal radiocomando, un 16ch, il movimento è affidato a dei microriduttori 12V molto precisi,con planetario, che mi hanno permesso di rendere la velocità di rotazione quanto più simile alla realtà, per ora l'alzo dovrebbe essere fatto "manualmente" in quanto il microscopico motore che avevo preventivato di utilizzare (con un costo abnorme 65€ cad.x 4) purtroppo non ha sufficiente coppia, sto aspettando che per l'estate il mio rifornitore importi dei nuovi motori giapponesi, le canne sono in ottone con la "culatta" avvitabile alla canna.L'accensione del colpo, è affidata a dei microaccenditori elettrici per pirotecnica, la polvere è un mix appositamente preparato, bilanciato, che permette di avere molto fumo ed un discreto rumore, purtroppo anche se in 1:72 le canne dei 152mm sono piccole per avere un effetto buono, come quello che invece mio padre riesce ad ottenere con i 381 che ha sulla Littorio...il colpo è simile allo scoppio di un "raudo" con notevole fumo....

 

hai visto il sistema delle cortine fumogene??

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, e oso solo immaginare il modello in acqua che si nasconde nella cortina.... di sicuro effetto!!

ho un'altra domanda da porti sul brandeggio torri, vista la tua esperienza...

io ho in "giacenza" una bismarck 1/350 da rczzare e vorrei far brandeggiare le torri con l'idea seguente...

come sappiamo i dati di tiro alle torri venivano comunicate dalla centrale dopo aver inserito i dati rilevati dal telemetro; l'idea per il modello è questa: con la radio faccio brandeggiare solo il telemetro nella direzione voluta (acquisizione bersaglio), dopodichè switchando dalla radio dò il consenso alle torri che dovranno allinearsi al telemetro, ed eventualmente seguirne i movimenti.... detta così è un nulla ma approfondendo il discorso (e considerando che in elettronica sono meno di zero) la cosa non è molto semplice (almeno per me) soprattutto se ad allinearsi sono tutte le torri....

in origine pensai di collegare al telemetro e alle torri prodiere un servo ciascuno, con lo switch controllo l'alimentazione dei servi "torre" ed il gioco è fatto, ma con le torri poppiere come faccio? :s46:

pensai di invertire la corsa dei servi torre poppieri, ma la cosa farebbe allineare i pezzi al telemetro solo con un brandeggio di 90 gradi......

 

che cosa consigli tu?

scusa se divago dal soggetto di questo post, e grazie mille :s01:

Edited by andreavcc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto interessante. Posta le foto.

:s20: :s20: :s20:

Bella l'idea di farlo "funzionante" :s03: :s03:

 

Ciao

 

Vespucci

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie a tutti per i complimenti, tutti i modelli che sono a casa, o che sono stati venduti sono funzionanti!

 

per il brandeggio delle torri, come la nave vera è stata ricercata la velocità di rotazione, io non ho inserito i telemetri che ruotano, per non andare ad appesantire e quindi sbilanciare la dinamica del modello, ma cio non toglie che tutto sia possibile, nello specifico, tutta l'elettronica di controllo delle rotazioni , dalla singola torre, alla rotazione sincrona per la bordata sono state progettate e realizzate da mio padre, come anche i regolatori, se vedi bene ci sono delle foto, il problema che potresti incontrare è solo 1: esiste in commercio una elettronica per modellismo, o simile, che ti permetta di effettuare queste operazioni di rotazione??io non l'ho trovata, e quindi, si è dovuta creare da 0, da che so io, solo un giapponese, ha una cosa del genere su una yamato da 1,8m però statica! se vuoi ti passo il link di chi, in italia, commercializza ad ottimi prezzi materiale professionale come micromotori, riduttori, servi, però si ha bisogno di partita iva da che ne so io.

 

altrimenti potresti ricorre a soluzioni un po meno precise, che però non ti permettono di fermare la torre ad una precisa posizione nella rotazione, ovvero un uswitch, che comandi il fine-corsa e quindi fermi la torre, una volta terminata la rotazione.

 

scusa se mi sono dilungato!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco nuovi aggiornamenti:

la realizzazione delle 4 torri binate principali da 152mm, il loro scheletro, in compensato di betulla, che sarà poi rinforzato internamente con resina poliestere e fibra di vetro.

 

Quei 2 tubi in ottone sono i cannoni, che avevo già mostrato, mancano le filettature sull'otturatore ed appunto, l'otturatore.

I tubi grigi su cui sono posate le torri, sono la base ed il contenitore dei motori per la rotazione, e la loro scheda elettronica.

 

img2566.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie mille della spiegazione, non credo che possa servirmi il link, ma mettilo lo stesso per favore.... non si sa mai :s45: :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

interessante

 

si possono avere immagini un po' piu' complete della nave ? cosi' da ammirare meglio l'opera

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente nn mi ritengo minimamente al tuo livello

 

mi informo e ''rubo'' con gli occhi i vari lavori e lavoretti che gentili persone mettono online e non

 

 

se ci vai con calma e curi i dettagli puo' benissimo diventare un capolavoro

 

basta avere quelle piccole regole basilari come la pazienza, la costanza e soprattutto notare i propri difetti e cercare sempre di migliorare

 

ora come ora mi sembra un buon lavoro :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi confermato gli amici di A.M.M. che se vuoi venire a Chiaravalle il 18 ed il 19 mattina, non ci sono problemi per navigare.

Poi al pomeriggio fanno il loro spettacolo di simulazione di battaglia navale.

Per l'esposizione in forma statica aspetto di sapere se pensi di poter portare la Littorio.

Però dovrei saperlo con una certa urgenza perchè lo spazio è praticamente quasi esaurito.

Ciao

Bartom

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Bartom, purtroppo solo oggi ho saputo di un incontro di lavoro fuori, quindi sono dal 17 al 21 impegnato per lavoro,e non ce la faccio ad essere a Chiaravalle a portare i modelli.

Mi dispiace molto perchè ci tenevo, sarà per la prossima volta, grazie ancora per l'invito e scusami per il disturbo.

A presto, Luca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessun disturbo, figurati.

Comunque se solo per la mostra statica possiamo rifarci al prossimo natale, quando ci sarà la VIII edizione della mostra.

Ciao

bartom

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti,

ecco una piccola ulteriore novità, questo che vi presento sotto è il modellino dell'idroricognitore IMAM RO 43 (1:72), realizzato dal caro amico modellista (aggiungerei artista!!) Maurizio Fantechi;

è il velivolo che sarà presente sull'Aosta nel suo apposito ricovero al lato del fumaiolo di prora, è un bellissimo modello, e le foto non rendono davvero l'idea della maniacale e precisa realizzazione che ha fatto, in quanto ci tengo a sottolinearlo, non esiste una versione del RO 43 con le ali ripiegate, quindi , visto il risultato un GRAZIE è più che doveroso!!

 

img2655dbt.jpg

 

img2656t.jpg

 

img2658xdy.jpg

 

 

ciao a tutti, al prossimo aggiornamento!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uhm... domandina: è autocostruito oppure è partito dal relativo kit in resina?

 

Ora però con l'aereo verniciato così sarai costretto a fare l'Aosta nella colorazione prebellica :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

è un kit 1:72 della pavla, ma non esiste nella versione con ali ripiegate, cioè, nessuno (dei pochi che fanno questo kit) lo realizza in questa variante, e Maurizio ha fatto una dettagliata ricerca per trovare la soluzione al problema.

Non è esatto, Secondo, perchè pare che quando fu realizzata la verniciatura mimetica del maggio 1942, quella con andamento curvilineo, uno dei 2 aerei fosse stato sostituito e quindi fosse come quello nella foto, di colore argento, l'altro che sto realizzando io, con elica motorizzata sarà invece nel classico verde oliva.

Share this post


Link to post
Share on other sites

wooooww bello. Fai i complimenti al tuo amico da parte mia. Sai per caso se ci sono in circolazione i kit degli IMAM Ro.43 e Reggiane Re.2000 che si trovavano sulla Roma in scala 1:200 (in scale più grandi li ho trovati su moduni)????

 

Ciao e buon lavoro.

:s20: :s20: :s20:

 

Vespucci

Edited by vespucci

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco le foto dell'incollaggio e chiodatura del ponte, è stato chiodato tutto il bordo e tutti i listelli che compongono il ponte, intervallati in modo trasversale usando chiodi a testa piccola e testa grande, in acciaio, idem per il bordo.

la fase successiva è la stuccatura del bordo con resina caricata con fibra di vetro

img2666wpx.jpg

img2659s.jpg

img2671e.jpg

img2673t.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco qualche novità:

 

è stata creata la chiusura del ponte all'estrema poppa per accedere al sistema fumogeno ed al servo del timone, camuffando la chiusura con 4 argani filettati, e fissando sul ponte 4 viti M4.Alle viti, in ottone è affidato anche il compito di fungere da contatto per l'illuminazione della scala presente sul ponte.

img2709x.jpg

img2708r.jpg

img2713k.jpg

 

semprea poppa è stato fissato l'albero con l'asta per la bandiera, e la relativa luce, purtroppo ho fatto la foto quando era già incartato e pronto per la verniciatura. Questo albero è stato davvero un lavoraccio realizzarlo, ci sono volute circa 4 ore, perchè come già ho spiegato, è stato pensato il modello con un occhio anche alla manutenzione, purtroppo se in quel punto si bruciasse la lampada sostituirla sarebbe quasi impossibile, così lalbero è stato pensato creando l'alimentazione della lampada sfilabile.A parole sembra davvero facile...

img2742u.jpg

img2744jnx.jpg

 

sempre in tema di luce è stato realizzato il faro (o fotoelettrica) presente dietro il fumaiolo di poppa, utilizzando un led da 55Kcand. ed una piccola parabola, ricavata da una torcia surefire.ecco l'effetto, purtroppo sembra poco luminosa, ma considerate che nel locale le luci erano accese.

img2729f.jpg

img2731x.jpg

 

A centro nave, sono state realizzate le 4 strutture che sorreggevano le scialuppe, interamente in ottone, ecco il particolare di una di esse.

img2735wbl.jpg

 

Infine ecco iniziate le protezioni presenti sul ponte della zona di comando, sono realizzate in stirene, per ora eccone 1, stasera le foto del lavoro ultimato, in cui si nota il diverso spessore delle 2 protezioni.

img2750mfk.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco altre immagini.

 

un altra foto dei 4 supporti per le scialuppe

img2737p.jpg

 

altra foto del faro

img2734ijc.jpg

 

il ponte estremo di poppa finalmente incollato

img2710j.jpg

 

tutte le porte, portelli e boccaporti puramente estetici (ovvero che non sono mobili) realizzati in stirene per non gravare ulteriormente sul peso.

img2740z.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devo dire che è un'opera gigantesca. Inoltre deve anche essere bello poter avere le stesse passioni del proprio padre e lavorarci insieme :s20: :s20: :s20: :s20:

Ciao e tienici aggiornati sui lavori. :s02:

 

Vespucci

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao vespucci, a breve inizierà (mio padre) dei lavori sulla Littorio, più che altro di aggiornamento dell'elettronica, a cui ovviamente farà seguito una dettagliata raccolta fotografica, li veramente vedrai l'opera gigantesca...3,36m di modello!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica, marco

complimenti x modelli, ma dove li mettete poi, dovreste avere un box solo come porto d´ormeggio.

io purtroppo per motivi di spazio devo regalare quello finito x aver spazio per il prossimo. (io faccio in 1:50)

saluti marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

bussolino, se vuoi regalare io accetto tutto!!! Natale quando arriva arriva!!!!!!! :s44:

 

comunque si abbiamo quasi esaurito lo spazio,con circa 12- 14 modelli che sono rimasti...

forse seguirà solo un altra grande nave, che è da definire, se la Missouri/Alabama o rimanere in Italia con Trento o Giulio Cesare...conta che già c'è pronta la San Giorno versione Tobruck....

Share this post


Link to post
Share on other sites

ulteriori aggiornamenti

 

Mio padre ha quasi ultimato il traliccio posteriore, che rimane a ridosso del 2° fumaiolo tutto in lamiera e filo di ottone da 0,5 ed 1 mm

 

img2838dvx.jpg

img2837kfr.jpg

 

 

realizzati gli sfoghi dell'aria che sono a poppa, realizzati uno aperto l'altro chiuso per dare un po di movimento al modello....

 

img2844b.jpg

 

quasi completati i telemetri...ecco un immagine...al momento in cui scrivo sono stati terminati ....la foto è di ieri...

 

img2836.jpg

 

 

modificate le aperture dei boccaporti sui ponti, è stato aggiunto un filo di ottone da 0,5mm per permettere ad essi di rimanere aperti, dalla foto sembrano un po sgraziati e sproporzionati, ma dal vivo sono una chicca!!

 

img2839i.jpg

img2840k.jpg

 

saluti ed a presto con altre novità...non sto nella pelle , ho troppa voglia di vederla solcare i mari!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

aggiornamenti vari,

realizzati i tagliamare in plasticard,

tagliamare.jpg w1024.png

 

installati i telemetri dei pezzi da 100mm, forati e pronti per alloggiare i proiettori (funzionanti) che sono sopra di essi e la ringhiera.

img2845.jpg w1024.png

 

ecco il maestro d'ascia all'opera....

img2850u.jpg w1024.png

img2848.jpg w768.png

 

vediamo se indovinate cosa sono questi 2 oggetti....

lampeggiatorimorse.jpg w1024.png

sono i componenti a tendina dei lampeggiatori morse, posti ai lati del fumaiolo prodiero e che ovviamente sono funzionanti, sono stati realizzati dall'amico Maurizio Fantechi.

 

lo scafo pronto per la vernice di fondo, ed il ponte verniciato con la 1°mano di colore.

img2852.jpg w1024.png

 

SIAMO PROSSIMI AL VARO!!

Edited by corazzata_littorio

Share this post


Link to post
Share on other sites

da base artica, marco

attendiamo tutti il varo :s20: :s20: , con spallletti :s29: .

auguri e tante foto.

saluti marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una informazione:

un modello di codeste dimensioni quanto viene a pesare????

 

Ciao e buon lavoro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie marco, manca poco, le foto sono del 1/6 ad oggi sto verniciando l'opera viva, sono completate al 90% le strutture superiori, mancano solo i cannoni da 100mm, e da posare la mimetizzazione, prima del varo vero e proprio faremo alcune prove in una vasca da 3,5m casalinga...dove provare il carico di zavorra, verificare le regolazioni elettroniche, la radio e la taratura dei canali (è una 14ch), e la durata delle batterie. Poi in Adriatico per il varo!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao vespucci, credo secondo una stima (ancora non è stata pesata perchè manca di assemblare tutti i componenti) siamo abbondantemente oltre i 25Kg direi anche 30Kg, ma spero di stare sotto quella cifra, perchè ad esempio abbiamo eliminato 3,5Kg di zavorra precedentemente prevista per via di alcuni allegerimenti, esempio le torri da 152 non sono in rame ma in compensato di betulla, ma forse ( se ho il tempo) le rifarò in carbonio.Considera che la Littorio di mio padre da 3,3metri supera agevolmente i 58Kg...ma ha anche 3 batterie da 27A più 4 da 12A....certo però che prima di 1h non ti fermi....

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh si per forza, in genere portiamo sempre 2-3 modelli con noi, quindi è obbligatorio un furgone, si potrebbe caricare sul portapacchi (come abbiamo già fatto) ma capisci che peso e delicatezza non consentono questo tipo di trasporto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
beh si per forza, in genere portiamo sempre 2-3 modelli con noi, quindi è obbligatorio un furgone, si potrebbe caricare sul portapacchi (come abbiamo già fatto) ma capisci che peso e delicatezza non consentono questo tipo di trasporto.

Io avrei paura a portarlo nel bagagliaio, figuriamoci nel portapacchi :s68: :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualche aggiornamento, siamo in dirittura di arrivo, manca la madrina per il varo!!!

 

ecco qualche immagine, purtroppo ne metto solo un paio, a breve le caricherò sul sito che mio fratello ha finalmente realizzato dopo lunghissime suppliche!! (www.navimodellismo.eu se vi interessasse..)ovviamente continuerò a tenervi sempre aggiornati non fuggirò mai!!

 

bando alle ciance, ecco la mimetizzazione dello scafo ultimata, domani finirò quella delle sovrastrutture, a quel punto mancherà solo di colleare e settare l'elettronica ed i meccanismi.

 

mimetizzazionescafoterm.th.jpg

 

 

 

 

 

questa invece è la prova di sparo di uno dei 4 cannoni da 152mm, più precisamente il cannone di sinistra della prima torre prodiera.

 

provafuococannone.th.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il giorno 26 agosto alle ore 8:30, è venuto a mancare mio padre, stroncato da un infarto all'età di 64 anni.

Penso che non andrò avanti con i lavori per un bel pezzo, purtroppo senza di lui, continuare questo hobby per me vuol dire soffrire, in quanto tante, tantissime sono le giornate passate insieme a costruire i nostri modelli.

Ma appena mi sarò ripreso, vi assicuro che provvederò a continuare ciò che lui mi aveva insegnato a fare, guidandomi fin da piccolo in questo bellissimo e sano passatempo, glielo devo!, e sono sicuro che lui volesse che io non lo abbandonassi.

 

ciao papà mi mancherai tantissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,338
    • Total Posts
      511,030
×