Jump to content
Sign in to follow this  
DVostrikov

Debriefing ~ Chimera Rossa

Recommended Posts

Ore 21.00

i nostri si attardano giocando a beachvolley con gli altri equipaggi...

maverick07.jpg

Purtroppo il buon Djmitri prende un pò freddo alla gola e sussurra di aver problemi con TS ma in realtà da diverse parti ci confermano che il buon pilota invece di affrontare i nemici in missione si attardi con qualche ragazza pon-pon nei pressi degli spogliatoi della base...

:s03:

(Sarà per la prossima volta susu...)

 

Ma veniamo ai fatti...

Dopo vari tentativi di riuscire a settare correttamente l'audio del pc nuovo di Djmitri decidiamo di partire per la missione mentre lui (e le ragazze pon-pon ci salutano dalla base mentre decolliamo).

Mi avvicino alla zona operazioni e nel giro di mezzoretta mi ritrovo nei pressi del sub di R.Hunter e della fregata di eliosurf, a sud ci son già delle boe quindi su consiglio del commodoro sgancio 3 sonoboe sull'ingresso del tratto di mare a nord delle due isole teatro dell'operazione.

Svolazzo allegramente sul tratto di mare e le boe diventano tutte calde man mano che i minuti passano, e puntualmente il buon elio inviava i suoi elicotteri a sondare il terreno...

Triangolazioni di boe e la prima vittima è già li che prende la via per il fondo del mar, purtroppo al momento l'alfa non è mai riuscito a tornare in porto, sarà una fregatura stò sub russo?!? :s07:

 

R.Hunter mi segnala un contatto e mi chiede d'indagare, prima con una sonoboa e poi decido di passare a bassaquota...

MAD-MAD-MAD (evvai c'è qualcosa)

Manovro, ritorno indietro lancio contro la vela del sub e si ripete la storia con la fregata di elio la volta scorsa, il mio non và a segno ma subito dopo il mezzo affonda, incuto terrore nei miei nemici?!? :s10:

 

Con grande sprezzo del pericolo e con una manovra degna di venir annoverata negli annali mi metto tra il sub di truffa e l'elicottero di elio impedendo al sam di abbatterlo...

Purtroppo il sam abbatte me...

(Truffa mi confermerà poi che non aveva lanciato a me... attiro i sam che vagano nell'aeree... :s05: )

 

Nonostante l'abbattimento son abbastanza contento della missione:

- il P3 andava esattamente dove gl'indicavo questa volta non prendendo giri strani

- il sub di truffa era esattamente dove l'avevo tracciato

 

L'unico rammarico è che con l'equipaggio al completo le cose sarebbero potute andare in modo differente...

(Djmitri arrivo... Ragazze pon-pon aspettatemi...) :s03:

Edited by DVostrikov

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ieri sera, tra il tripudio della folla, hanno esordito un sacco di nuovi 'mostri', alias computer ultrapotenti, tra la maggior parte dell'allegra brigata: l'esito è stato l'esclusione di Djmitri dalla singolar tenzone, causa impostazioni impossibili dell'audio della sua 'bestia', e l'andar in fumo di un banco di 2Mb di RAM per il Drakken, che nel tentativo di far decollare la sua nuova creatura a mo' di Enterprise si è bruciato i motori prima del lancio... peccato, sia per Federico che avrebbe potuto divertirsi, sia per Marco che ora è fuori gioco fino alla sostituzione del pezzo fumato! :s68:

 

Veniamo alla partita: dopo il ritardo introdotto dai problemi ormai noti, per la seconda volta in due settimane DW ci ha permesso di iniziare la missione al primo colpo, senza alcun ritardo o disconnessione durante il gioco... secondo me il gruppo sta ingranando, e con lui la tecnologia.

 

Parto in prossimità del porto dell'isola su cui erano presenti tutte le installazioni, mentre Truffa e Drakken sono più a N in mare aperto: procedo al solito alla predisposizione delle armi, rapido check sullo stato dei dintorni, ed in assenza di minacce salgo a quota peri per individuare il Command Center verso il quale avrei dovuto inviare gli incursori.

 

Marco un Cargo in uscita dal porto, poi il porto e quello che mi sembrava un Command Center: la TMA automatica fa paura, per cui procedo in manuale e posiziono in contatto lì dove doveva essere, poi lo seleziono e tento di inviare gli incursori e... sorpresa!

 

Il menù di lancio rapido delle armi non è attivo: Truffa si scatena e chiede a Francesco di attivarlo... pochi secondi e tutto è a posto!

 

A posto un corno: dove sono gli incursori?

 

Sul menù di sgancio della NAVMAP non ci sono, nell'elenco delle armi neanche... cavolo, mi sono perso le special force!

 

Provo, riprovo, mi invento procedura di sgancio fantastiche... niente: non compaiono.

 

Decido di avvicinarmi di più al porto, e giusto per essere più tranquillo eseguo un paio di giri di radar: meno male che mi è venuto in mente di farlo perchè individuo subito il P3 in rapido avvicinamento e se rimanessi nel basso fondale quasi in vela mi individuerebbe immediatamente.

 

Per cui abbasso tutto, mi immergo e faccio rotta verso l'imbocco dell'insenatura del porto, ponendomi per sicurezza sotto la cargo ship che era salpata.

 

Intanto sento che il Drakken non ha rilevamenti, mentre Truffa litiga con un contatto a N della sua posizione che rileva ma non riesce a marcare ed a tracciare.

 

Dopo un leg a 14knts, quando sono praticamente fuori dal porto in mezzo al canale, mi fermo e mi metto in ascolto: rilevo Truffa a NO, gamberetti a N-NO e sento anche Drakken a N-NE... mamma mia, i miei soci vanno a 4 knts ma fanno un casino bestia!

 

Avverto Marco della sua rumorosità e sento Umberto che continua a litigare con il contatto a nord, che di farsi marcare proprio non ci pensa.

 

In assenza di rilevamenti la tensione sale e sia Truffa che Drakken decidono di portarsi a quota peri per cercare o il P3 o qualche heli da abbattere: io vorrei fare altrettanto, ma ogni volta che mi muovo a cavallo del layer rilevo degli strani transitori che mi insospettiscono ed interrompono le mie manovre...

 

Passano i minuti ed iniziano i ping delle boe attive... mhhh, ci stanno triangolando: allora torno sotto il layer e aspetto gli eventi, che purtroppo non tardano ad arrivare.

 

Il Drakken è la prima vittima: dal replay si vedrà che un heli, inviato da Eliosurf, gli ha sganciato proprio sopra, e nonostante l'evasione magistrale, è capitato proprio nel senso di rotazione della ricerca del siluro che dopo aver passato per ben due volte le contromisure lo ha sempre riagganciato fino a colpirlo.

 

Truffa a questo punto aggancia con il peri l'heli assassino ed il P3, attendendo il loro avvicinamento: quando l'heli è a tiro emerge, ma non fa in tempo a mettere fuori la vela che il P3 lo centra con un missile... e bravo Daniel!

 

Nonostante questo Umberto riesce a lanciare contro l'heli che intanto aveva sganciato un siluro e... colpisce il P3: Un istante dopo è centrato dal siluro dell'heli e mi ritrovo solo!

 

Cosa fare adesso?

 

Andare a cercare il nemico è un suicidio: perso per perso, penso di tornare a cercare il Command Center per prendere almeno possesso dell'isola, ma come con una selva di sonoboe intorno e due heli, un sub ed una fregata contro?

 

Decido di adottare una tattica di difesa, andando quasi a spiaggiarmi e navigando appena sotto il pelo dell'acqua.

 

Mentre mi avvicino alla spiaggia ad E del golfo, sento un TIW inaspettato: mi precipito al sonar, vedo che è un siluro che mi punta fisso, contromisura passiva deep e fuga verso la spiaggia... mi è andata bene, siluro evitato.

 

Intanto riesco ad arrivare nei pressi dell'arenile dove mi sento un po' più sicuro: qui devono stare attenti a come mi lanciano se non vogliono perdere siluri nella sabbia!

 

Procedo verso l'interno della baia, in un crescendo di ricerche attive; intanto torno a quota peri e identifico un heli dalla parte opposta del golfo in ricerca con il microfono.

 

Il tempo passa, ed improvvisamente vedo l'heli che si alza e mi punta, arriva vicinissimo e... sgancia un siluro: - "Maledetto, ma prima di morire ti porterò con me!"

 

Emersione rapida, subito in vela e lancio i SAM contro il nemico: i primi due lo mancano a causa della vicinanza, il terzo lo becca in pieno!

 

Intanto il siluro sganciato sparisce, e dal replay si vede che è scomparso nella sabbia: ahhh, allora la tattica della spiaggia funziona!

 

Mi immergo di nuovo a quota peri e continuo verso il Command Center, che ho finalmente individuato proprio sul fondo della baia a E del porto.

 

Nell'ora successiva vengo fatto segno di ogni cosa possibile ed immaginabile: siluri, missili, water, ciabatte, insulti... insomma, tutto l'immaginabile.

 

Ma ogni volta evito la minaccia, vedo sul sonar che i siluri mi sfilano, evito di lanciare qualsiasi contromisura che possa fungere da guida per i siluri (grazie per gli insegnamenti maestro Goldorak! :s03:) ed arrivo infine a meno di mezzo miglio dal Command Center, ma di sganciare le Special Force non c'è verso!

 

Faccio qualche screenshot, che ho inoltrato a Eliosurf per documentare le mie vicissitudini, e giro il sommergibile verso il mare aperto: visto che di catturare il Command Center non c'è verso, vado alla ricerca del nemico... BANZAI!

 

Ma improvvisamente "Host disconnected": cosa succede?

 

Vado su TS dai sopravvissuti della squadra avversaria che mi dicono che si era fatta l'una, non riuscivano a beccarmi e la missione era finita... ma allora si dichiara la vittoria per sfinimento!

 

A parte gli scherzi ci intratteniamo a controllare i replay, che confermano tutto quanto ho raccontato, inclusa una mia fuga miracolosa dai siluri sganciati sia da un elicottero fantasma che non ho mai visto al periscopio ma che mi ha sempre braccato nel mio cammino, sia da tre (e dico tre) siluri lanciati a rastrello da Francesco, a saturazione del golfo, che non sono riusciti ad agganciarmi e colpirmi.

 

Devo dire che per ogni siluro ho controllato che non mi puntasse mai direttamente al sonar ed ho sempre adottato vie di fuga 'ragionate', e forse complice anche un aiutino di DW in qualche occasione, mi auguro che il fatto di non essere stato colpito non sia stato solo un caso.

 

Una volta passato ad Eliosurf il replay e gli screenshots che provavano la mia buona fede per la storia delle Special Force, e la cattura virtuale del Command Center visto che vi sono andato praticamente sopra, sono andato a letto, senza riuscire a dormire fino a quasi le due a causa dell'offesa subita ai timpani... da che cosa vi chiederete?

 

Mah, fate voi... ping, Ping, PIng, PINg, PING, PING, PING, PING, PING! :s14:

Edited by sertore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella missione!!!! E sicuramente la più misteriosa finora giocata dal sottoscritto…ma andiamo per ordine: in partenza tutto regolare, il buon Eliosurf fa bene il suo dovere di editor e non rivela un accidente, quindi perdo abbastanza tempo a perlustrare al sonar le zone a est-nordest di Unalaska nell’ipotesi che i sub russi vengano da lì. Ma presto mi accorgo che in realtà sono già molto più vicini alla costa, e cerco di concentrare lì le ricerche. Individuo una traccia debolissima a sud vicino ad un cargo. La traccia è davvero debole e intermittente, pochi pixel neri che vanno e vengono, ma questo mi dà la certezza che non si tratta di un peschereccio bensì di un bel sub russo. Anche se Anche se erano due i sub in zona, probabilmente si trattava del kilo di Sertore, più rumoroso del Victor a causa dei bassi fondali. Comunque va via tutto liscio, Eliosurf intercetta e affonda con l’elicottero l’alfa di Drakken e poco dopo avviene un epico duello tra il P3c di Dvostrikov e il Victor di Truffa che si conclude con la fine di entrambi…che Umberto venda cara la pelle lo sappiamo…ma bravo Daniel col P3 stai facendo davvero progressi!!!!! Nel frattempo mi comunicano che il sub a sud è in emersione. Provo a vedere se riesco a colpirlo con due TASM, ma probabilmente è solo in affioramento e i missili non agganciano e tirano dritti.

Da questo momento in poi la missione esce dal normale e entra nel paranormale…una roba mai vista, credo che generazioni e generazioni di analisti ne parleranno nei secoli dei secoli!!!!

Insomma, in poche parole, anche il kilo di Sertore viene individuato con precisione millimetrica da svariati incroci di sonobole sia in passivo che in attivo. Si trova molto a sud, sottocosta, all’imboccatura di un piccolo golfo ma in fondali comunque significativi (200-300ft). Parlando con Elio sembra cosa fatta. Io lancio due siluri da molto lontano, tanto ho possibilità di attivarli con grande precisione, e mi metto a correre dietro al oro per avvicinarmi al kilo. Nel frattempo Elio si prepara ad attaccare con i due MH-60r. Ma tutti gli attacchi degli elicotteri falliscono :s12: , e anzi uno di essi viene abbattuto da un SAM. Incredibile, visto la precisione con cui sono stati lanciati i siluri! Mi aspetto da un momento all’altro che il kilo risponda in snapshot contro di me, ma niente di niente :s07: . Sembra di avere a che fare con il relitto di legno anziché con un sub…se non fosse che il kilo è lì, ha abbattuto l’elicottero e continuiamo ad avere la sua posizione con la precisione di poche yds. In modo assurdo, i miei siluri gli passano letteralmente sotto e vanno a morire sulla costa. :s07: :s07: Senza che l’abbiano agganciato neanche per un attimo. Riproviamo, nel frattempo sono più vicino lui è entrato nel golfo, quindi è in trappola. Anche Elio ci riprova, ma nessun lancio ha successo, sembra che il kilo sia fatto di acqua. Quando l’MH-60r finisce i colpi a disposizione, imposto tre siluri…non sono sparati a caso, le coordinate del kilo continuiamo ad averle precisissime, solo che, immaginando a questo punto che ci siano evidenti difficoltà di aggancio, provo a distanziarli un po’ in modo da saturare il golfo e nello stesso tempo vedere se arrivando da direzioni un po’ diverse qualcuno ha un po’ di fortuna. E rimaniamo lì, sbalorditi, a vedere tre MK48 che non riescono ad agganciare un kilo in uno specchio d’acqua grande come una vasca da bagno!!!! :s07: :s14: :s16: Io veramente non ci posso credere…sono a bocca aperta che guardo i miei siluri impattare ad uno a uno sulla sabbia…e non un centimetro del golfo era stato escluso dalla loro ricerca! Lo smarrimento è totale, e mentre commentiamo con Elio l’assurdità della situazione, convenendo che, data l’impossibilità annunciata da Sertore di rilasciare le special forces, e l’inefficacia dei nostri attacchi, siamo ad un punto morto e si può anche finirla lì, non mi accorgo che il fondale è risalito velocemente e la finisco lì comunque!!!! :s68: :s68: :s68:

 

Robe da non credere!!!!!!

 

Comunque, a grande richiesta ecco a voi...

 

 

IL PAGELLONE!!!!

 

 

Drakken : Se la Russia ha perso la guerra fredda ci sono vari motivi… ma sicuramente uno di questi sono le montagne di rubli buttate per realizzare quelle ciofeche chiamate Alfa. Truffa è un po’ che lo predica, ma in nostro Mito decidere di sbattere da solo la testa contro il muro…e infatti è la prima vittima della serata. Il suo bell’Alfa a 3 nodi fa il rumore di un off shore da gara, e lo affonderebbe anche un elicottero radiocomandato da un bambino, figurarsi un MH-60r in pieno assetto da combattimento antisom controllato da un incazzatissimo Eliosurf. Chi è causa del suo mal…

Alfista : Voto: 4

 

Truffa: Non è gran serata per i comandanti russi, ma lui la illumina con un duello da Far West contro il P3c. Clint Eastwood nei panni del “Buono” diceva: “Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, quello con la pistola è un uomo morto” Truffa ha una pistola, ma la usa a dovere, e restano due cadaveri davanti al saloon

Sentenza : Voto: 7

 

Dvostrikov: Altro protagonista del duello con Truffa…magari la prossima volta tieni in canna un missile così se lo vedi in vela non gli dai il tempo di reagire, ma comunque bravissimo nella fase di ricerca (scusate la serietà del commento, ma è un mio aquilotto!!!) Comunque svolazza beato edà un ottimo contributo alla ricerca fino al momento della verità in cui non si scompone e affronta a viso aperto il Victor. Mentre precipitava in una palla di fuoco, le sue ultime parole in radio sono state: Porco di un Sentenza!

Tuco Benedicto Pacifico Juan Maria Ramirez Voto: 7

 

Sertore : Prima della missione deve aver fatto una seduta spiritica, un patto col diavolo, insomma qualcosa. Perché non è possibile che almeno dieci siluri non riescano ad agganciarlo passandogli sopra, sotto, a destra e a sinistra. E non è che li evada…non lo agganciano proprio mai. Per il resto non è che faccia nulla di particolare, ma c’è un campo di forza attorno al suo kilo, e non solo: lancia perfino fatture e riesce a “possedere il 688i scagliandolo sul fondo come in un rito vodoo

Negromante voto: 6

 

Eliosurf : Che dire…perfetto. Fa fuori l’alfa, individua VictorIII e Kilo, insomma nella metà di partita “normale” mette in scacco tutta la task force russa…poi quando scende in campo la magia nera di Sertore il Negromante, può ben poco anche lui. Ma sulla sua Reuben James è ogni giorno più bravo e pericoloso!

Lupo di mare voto: 9

 

R.Hunter: La posizione defilata a nord lo toglie inizialmente dal vivo dell’azione, e il suo contributo è solo di ascolto e intercettazione sonar. Poi vedendo gli elicotteri in difficoltà nell’attacco contro Sertore, decide di entrare in azione e scatena contro il kilo tutta la potenza del suo Los Angeles. Ma a quel punto le potenze sovrannaturali si sono già messe in opera, i riti magici del comandante russo superstite rendono ciechi i suoi siluri e pian piano si impossessano della sua anima, rendendolo catatonico fino al collasso finale

Stregato Voto: 6

Edited by R.Hunter

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno a tutti.

 

Della situazione tattica e dei risultati se ne è abbondantemente parlato, quindi in questo intervento voglio parlare dell’ ideazione missione.

 

L’obiettivo più importante per la squadra URSS era prima di tutto eliminare il comand center USA, in questo modo le basi SAM e SSM sarebbero passate sotto il loro controllo. Questo era fondamentale poiché avrebbe costretto le forze aeree USA a stare distanti e non avrebbero permesso altresì alla fregata di avvicinarsi.

Naturalmente se questo fosse accaduto avremo avuto anche noi la possibilità di distruggere il comando provvisorio URSS (Tlam dal 688) e disattivare le postazioni SAM se non distruggerle direttamente poichè la posizione sarebbe a noi stata nota.

 

Il Kilo è stato posizionato in prossimità del suo obiettivo in modo che entro 15 minuti poteva svolgere il suo compito. Alfa e Victor a copertura più al largo.

Le unità Usa erano tutte piuttosto distanti dal golfo per ovvi motivi di scenario.

 

Ad inizio missione ero certo che avremo preso una sonora batosta perché le squadre erano piuttosto sbilanciate e soprattutto una volta distrutto il ns. CC eravamo nei guai con 4 SAM e 1 SSM contro + 2 sub in agguato + il kilo che avrebbe ripreso posizione. Cosa è invece accaduto lo sappiamo!

 

@ Sergio, ho visto il replay che mi hai mandato e si vede chiaramente che non hai mai marcato il comand center (se non a fine partita 10,12) e quindi non ti si poteva attivare nel menù a tendina il rilascio delle forze speciali. La missione la puoi ritestare anche tu spostandoti il file in scenario.

 

A parte tutto mi sono divertito, sarà sempre più difficile passare indenni vicino alle sonoboe sotto controllo della Reuben James che poco per volta sta trovando la sua collocazione ideale negli scenari “Gli occhi dei sub”.

 

PS: a nessuno della squadra URSS è venuto in mente che il comand center si può distruggere anche con un missile Strike?? oppure le unità che avevate ne erano sprovviste??

 

alla prossima

 

elio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,888
    • Total Posts
      521,241
×