Jump to content
Sign in to follow this  
BUFFOLUTO

Corvette Classe Gabbiano

Recommended Posts

ADDENDA UJ ex GABBIANO

 

UJ 201 ex EGERIA affondamento: era in convoglio da Pola per il Pireo il 28/29.2.1944. Insieme alle torpediniere TA 36 ex STELLA POLARE, TA 37 ex GLADIO, a UJ 205 ex COLUBRINA, e ai motodragamine R 188, R 190 e R 191, stava scortando un solo, grande mercantile, il KAPITAENE DIEDERICHSEN di 8037 tsl e 10490 tpl. Si trattava dell' ex SEBASTIANO VENIER, varato da CRDA Monfalcone il 19.6.1943 per la Soc. Italiana di Armamento di Fiume, catturato dai tedeschi durante l'allestimento e da loro completato il 3.1.1944 per la gestione della Mittelmeer Reederei GmbH . Come si vede, un convoglio quasi interamente composto di navi ex italiane. Durante l'attacco al largo di Isto, LE MALIN colpisce con un siluro la UJ 201, mentre LE TERRIBLE affonda il DIEDERICHSEN: anche TA 37 viene colpita in sala macchine, ma presa a rimorchio e condotta in salvo.

 

UJ 202 ex MELPOMENE e UJ 208 ex SPINGARDA affondamento: i caccia di scorta inglesi HMS WHEATLAND e HMS AVON VALE affondano a sud di Lussino le due corvette insieme alla vecchia ex torpediniera TA 20 ex AUDACE l'1.11.1944.

 

Fonte: Juergen Rohwer, "Chronology of the War at Sea. The Naval History of World War II", Chatham, ultima ediz. 2005.

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

carissimo BUFFOLUTO hai qualche foto della corvetta persefone per caso mi pare di non averle viste

grazie mille anticipate se le hai

Asteria

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre fantastiche queste foto. :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho inserito due immagini della classe Gabbiano che recentemente ho tratto dal volume di Achille Rastelli "LE NAVI DEL RE"

"IBIS" postata nelle unità costruite nei cantieri Ansaldo di Genova pag. 1

"EUTERPE" postata nelle unità costruite nei cantieri R.C.D.A di Monfalcone a pag. 3

scusate questo metodo di procedere, ma mi sembra l'unico per tenere insieme le foto e non disperderle nel TOPIC in maniera casuale

Marcello/Buffoluto

Edited by BUFFOLUTO

Share this post


Link to post
Share on other sites
scusate questo metodo di procedere, ma mi sembra l'unico per tenere insieme le foto e non disperderle nel TOPIC in maniera casuale

Marcello/Buffoluto

Va benissimo, almeno così la componente iconografica è raggruppata in un unico post.

Share this post


Link to post
Share on other sites

www.betasom.it è lieta di presentare, in questo topic sulle corvette classe "Gabbiano", un articolo pubblicato su "Storia militare" nel 2002 (opera del nostro Comandante ICEMAN - Marco Ghiglino), relativo ad un interessante metodo per l'identificazione delle unità di questa classe.

Ringraziando "Storia militare" per aver concesso l'autorizzazione a pubblicare l'articolo, esprimiamo anche l'auspicio che ICEMAN possa continuare, in futuro, la sua collaborazione e i suoi proficui apporti alle attività della nostra Base.

 

immagine2kh8.png

 

 

Come riconoscere una corvetta

 

Metodologie per lidentificazione delle corvette classe “Gabbiano”

(dal n.ro 101 – febbraio 2002 - di "STORIA Militare")

 

Di Marco Ghiglino

 

senzatitolo1pg2.jpg

 

Una delle difficoltà più frequenti incontrate da un appassionato di storia navale é il riconoscimento delle singole unità appartenenti ad una stessa classe dalle foto dell'epoca che, in molti casi, non riportano le didascalie necessarie all'identificazione delle navi rappresentate.

Per quanto riguarda la Regia Marina questa problematica non si pone nel caso si tratti di unità maggiori o comunque riprodotte in pochi esemplari come ad esempio navi da battaglia e incrociatori; qualche ulteriore perplessità viene invece incontrata con unità cosiddette "minori", come - ad esempio - torpediniere, corvette, motosiluranti ecc. in quanto la maggior parte di esse sono state costruite in serie e, date le relativamente piccole dimensioni, é difficile apprezzare le minime differenze che comunque esistono tra navi della stessa classe.

Per agevolare le nostre ricerche bisogna usare piccoli espedienti che, insieme all'analisi della storia delle singole unità, possono risolvere le ambiguità di identificazione.

Per quanto riguarda il riconoscimento delle corvette classe "Gabbiano", ho adottato una metodologia che consente l’identificazione del cantiere di costruzione – permettendo quindi di restringere la ricerca ad un minor numero di unità - in base all'analisi della disposizione della fila superiore di oblò, ovvero quelli dei locali equipaggio del sottocastello (la seconda fila, per i locali sul copertino, non sempre era presente, soprattutto nelle ultime unità costruite).

Le corvette vennero ordinate in numero di 60 (1a serie di 40 e 2a serie di 20), a cinque cantieri navali (Ansaldo, C.R.D.A., O.T.O., Breda e Navalmeccanica), a guerra ormai iniziata per le impellenti necessità di protezione del traffico mercantile nazionale. Non tutte vennero completate ed alcune, dopo l'Armistizio dell'8 settembre 1943, vennero catturate ed entrarono in servizio nella Kriegsmarine; é soprattutto sulle poche foto che ci sono rimaste sulle navi in servizio nelle file germaniche che esistono molti dubbi di identificazione, in quanto esse non portavano pitturate sulle fiancate la caratteristica (U.J. seguita da un numero, cui la prima o le prime due cifre rappresentavano il numero della flottiglia) e diverse delle quali non erano mimetizzate.

Come si può notare dai disegni di massima che ho preparato, le navi costruite da Ansaldo e Breda avevano la stessa disposizione degli oblò , mentre le navi varate dai C.R.D.A. potevano avere due varianti (non dipendenti dalla costruzione effettuata a Trieste o Monfalcone) che differivano per il posizionamento di una coppia di oblò al centro.

O.T.O. e Navalmeccanica adottavano altri due tipi di schemi; sulle navi costruite a Castellammare, in particolare é difficile individuare un criterio univoco poiché su alcune unità si nota la soppressione di alcuni oblò: peraltro, anche se in linea di massima, si può fare riferimento ai disegni presentati.

La linea degli oblò inoltre, poteva seguire la curvatura del ponte di coperta (come nel caso delle costruzioni Ansaldo, Breda e O.T.O.), o quella del ponte di castello, come nelle costruzioni C.R.D.A. e Navalmeccanica.

Queste differenze sembrano essere dovute a scelte tecniche di cantiere in fase di stesura dei disegni che comunque derivavano tutti da quelli elaborati dall'Ansaldo; forse per questo motivo le unità costruite dai cantieri Breda ebbero la stessa disposizione di quelle realizzate nei cantieri genovesi.

Nel dopoguerra, con i vari ammodernamenti e modifiche che le navi subirono in fasi diverse, queste distinzioni si accrebbero anche tra unità costruite dal medesimo cantiere, per poi non corrispondere esattamente agli schemi elaborati in questo studio.

Una particolarità : si può notare che sulle prime unità costruite era presente la fila più bassa di oblò, ma sulle ultime unità della prima serie e su tutte quelle della seconda (e sembra anche in tutte quelle entrate in servizio con la Kriegsmarine), questa fu soppressa, forse perché troppo prossima alla linea di galleggiamento. Dopo la fine della guerra, tuttavia, sulle unità sopravvissute al conflitto che ne erano prive, gli oblò in questione vennero addirittura realizzati "ad hoc", per agevolare la circolazioni d'aria all'interno dello scafo (tranne per Farfalla e Crisalide che, entrate in linea negli anni '50, erano provviste di impianti di ventilazione forzata). Oltre al “metodo degli oblò”, l’osservazione delle foto d’epoca consente anche di rilevare l’esistenza di ulteriori elementi distintivi per individuare l’origine delle corvette classe “Gabbiano”, come indicato nella tavola che si allega. Ad esempio, tutte le unità portavano la motolancia da 6,5 mt sul lato dritto, tranne quelle costruite dalla O.T.O. che l'avevano a sinistra. Esistevano delle differenze nella forma della coffa che potevano identificare il cantiere di costruzione e talvolta anche la serie di appartenenza (Ansaldo). Poteva anche differire la forma degli schermi aerodinamici, mentre le unità del gruppo costruito a Castellammare di Stabia avevano i finestrini inclinati e sporgenti nella parte superiore.

Mi auguro che questo breve lavoro possa contribuire ad aggiungere un piccolo tassello alla storia di una serie di belle navi che, costruite verso la fine di una guerra ormai perduta, costituirono per molti anni l'ossatura del naviglio minore della rinata Marina italiana, tra l’altro formando, con la loro lunga assegnazione alla Scuola Comando, intere generazioni di ufficiali, tra i quali quelli che oggi sono ai vertici della Forza Armata.

 

img499jt9.jpg

Identificazione del cantiere di costruzione in funzione della posizione e del numero degli oblò all'entrata in servizio

 

img500vt1.jpg

Altri particolari differenzianti le singole unità e i cantieri di costruzione (1942-1943)

Share this post


Link to post
Share on other sites

UNITA\' COSTRUITE NEI CANTIERI C. R. D. A. SAN MARCO - TRIESTE (1^ PARTE)

311driade1943001gen1943km7.jpg

 

312driade1943002copycopqm1.jpg

 

314driade1943004copyry7.jpg

 

313driade1943003copyfa7.jpg

 

321danaide1943002copydz7.jpg

 

322danaide1943005mar194rr4.jpg

 

323danaide1943004hj9.jpg

 

324danaide1943003copycosb0.jpg

 

331pomona1943001copysk6.jpg

 

332apomona1943004copy.jpg

 

332pomona1943003copypk5.jpg

 

333pomona1943002copyxz7.jpg

 

341flora1943001copylp9.jpg

 

342flora1943002copyey8.jpg

 

343flora194300716lug195vt8.jpg

 

344flora1943006copyyk0.jpg

 

345flora1943008x031066cfg8.jpg

 

346flora1943009x031066cok2.jpg

 

351sfinge1943001copytv2.jpg

 

352sfinge1943005copybz1.jpg

 

353sfinge19430021946copxw3.jpg

 

354sfinge1943010copyok0.jpg

 

355sfinge1943004copypg6.jpg

 

356sfinge1943003copygj6.jpg

 

357sfinge1943006x070666oi0.jpg

 

358sfinge1943007x070666er8.jpg

 

361chimera1943001copywc7.jpg

 

362chimera1943002copyah6.jpg

 

363chimera19430051943cozs5.jpg

 

364chimera19430061966cova9.jpg

 

365chimera1943004copyrh6.jpg

 

366chimera1943003x30126sa8.jpg

 

 

.........................SEGUE................................................

per indisponibilità di spazio sono costretto a continuare su un altro POST

Edited by BUFFOLUTO

Share this post


Link to post
Share on other sites
caro ALAGI apprezzo il tuo contributo e ti ringrazio

BUFFOLUTO

 

il contributo è di ICEMAN... :s68: Io ho solo fatto da tramite! :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero prezioso questo materiale. Grazie. :s20: :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto interessanti queste ultime tavole. :s20: :s20: Grazie.

Edited by brin

Share this post


Link to post
Share on other sites

caro Gichiano i disegni li ho fatti vario tempo fa c'è il mio nome e la data; le tavole le ho preparate per questa occasione; secondo il mio parere i disegni non sono molto buoni perché ho riscontrato numerose inesattezze, comunque non è un lavoro facile da fare e ci vuole molto tempo; ringrazio tutti per l'apprezzamento del lavoro che sto allestendo ; questo mi stimola molto a prendere in esame altre iniziative anche perché materiale a disposizione ne ho in quantità

saluti Buffoluto/Marcello

Share this post


Link to post
Share on other sites
caro Gichiano i disegni li ho fatti vario tempo fa c'è il mio nome e la data; le tavole le ho preparate per questa occasione; secondo il mio parere i disegni non sono molto buoni perché ho riscontrato numerose inesattezze, comunque non è un lavoro facile da fare e ci vuole molto tempo; ringrazio tutti per l'apprezzamento del lavoro che sto allestendo ; questo mi stimola molto a prendere in esame altre iniziative anche perché materiale a disposizione ne ho in quantità

saluti Buffoluto/Marcello

 

Caro BUFFOLUTO, grazie per questo "servizio" sui GABBIANO. Hai mai pensato di scrivere un libro magari in collaborazione con ALAGI? Nel mio piccolo anch' io ho qualche foto senza pretese di queste navi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

danaide1943disa03copyfv9.jpg

 

CARATTERISTICHE TECNICHE ALL’ ENTRATA IN SERVIZIO

 

Dislocamento Standard: 670 tonn.

Carico normale: 728,8 tonn.

p.c.: 740 tonn.

 

Dimensioni Lunghezza: f.t. 64,4 m; fra p.p. 58,8 m

Larghezza: 8,7 m

Immersione media: c.n. 2,54 m; p.c. 2,8 m

 

Apparato Motore

2 Diesel FIAT M 407, costruti nel 1942 dalla FIAT Grandi Motori Di Torino

2 Diesel tipo FIAT M 407, costruiti dalla Fabbrica Macchine S. Andrea (Trieste), per tutte le unità

realizzate nei cantieri C.R.D.A. di Monfalcone e Trieste

2 motori elettrici per la navigazione silenziosa in attività antisom

2 eliche a tre pale (diametro 1,8 m)

 

Potenza 3.500 HP

 

Velocità 18 nodi massima

 

Combustibile dotazione normale 57,8 tonn. di motorina

dotazione massima 70 tonn.

 

Autonomia 3.450 miglia a 10 nodi

2.060 miglia a 16,8 nodi

1.450 miglia a 18 nodi

 

Equipaggio 5 ufficiali(più 2 complementi di guerra)

12 sottufficiali

93 marinai

 

(fonte consultata U.S.M.M. ESPLORATORI FREGATE CORVETTE ED AVVISI ITALIANI 1861-1968 ed. 1969)

 

gabbianodisegnocopybs1.jpg

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

DOPO I LAVORI DI AMMODERNAMENTO DEGLI ANNI ‘50

 

 

 

Dislocamento 771 tonn.

 

Lunghezza 64,8 m

 

Larghezza 8,7 m

 

Immersione 2,7 m

 

Apparato Motore

2 Diesel FIAT M 407, costruti nel 1942 dalla FIAT Grandi Motori Di Torino

2 Diesel tipo FIAT M 407, costruiti dalla Fabbrica Macchine S. Andrea (Trieste), per tutte le unità realizzate

nei cantieri C.R.D.A. di Monfalcone e Trieste

2 eliche a tre pale (diametro 1,8 m

 

Potenza 3.500 HP

 

Velocità 15 nodi

 

(fonte consultata “LE MARINE” n° 5/7 maggio/luglio 1969)

 

 

aggiungo una nota informativa prodotta dal comandante ICEMAN

 

tutte le corvette costruite dalla O.T.O. piu' Gabbiano, Procellaria, Folaga, Ibis, Ape, Vespa, Lucciola e Grillo furono dotati di motori M 407 forniti direttamente dalla FIAT, mentre per Cormorano, Pellicano, Cicogna, Gru, Tuffetto, Marangone, Strolaga, Cicala, Calabrone, Cavalletta, Libellula, Crisalide e Farfalla vennero ordinati motori M 407 pero' costruiti dall'Ansaldo. Sembra che per l'Armistizio i motori Ansaldo per Crisalide e Farfalla non vennero consegnati quindi non so in seguito, (cioe' quando entrarono in servizio negli anni '50) quali motori imbarcarono. Per l'Ardea furono ordinati alla FIAT motori speciali di tipo pero' imprecisato e non si ha la certezza se poi vennero realmente imbarcati o se furono montati motori M 407 di riserva prodotti in precedenza. Per le corvette costruite dalla Breda di Venezia non ho notizie certe ma se ben ricordo avevo visto da qualche parte che imbarcarono motori costruiti dalla FIAT.

(Marco Ghiglino)

Edited by BUFFOLUTO

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie alla collaborazione attiva del comandante OSTRO ho potuto inserire nel POST dedicato alle unità costruite nei cantieri Ansaldo di Genova, una bellissima ed interessante immagine del "GRU", fotografata insieme ad altre unità della sua classe, mentre transita nel canale navigabile di Taranto; anche se la cartolina non è datata ritengo che il periodo dovrebbe andare dal 1950 al 1951 e poiché si tratta dell' estate, sarei più propenso per il 1951, anno in cui iniziò il 1° ciclo dei lavori di ammodernamento

 

Buffoluto

Edited by BUFFOLUTO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buonasera, per completezza di informazione,

tutte le corvette costruite dalla O.T.O. piu' Gabbiano, Procellaria, Folaga, Ibis, Ape, Vespa, Lucciola e Grillo furono dotati di motori M 407 forniti direttamente dalla FIAT, mentre per Cormorano, Pellicano, Cicogna, Gru, Tuffetto, Marangone, Strolaga, Cicala, Calabrone, Cavalletta, Libellula, Crisalide e Farfalla vennero ordinati motori M 407 pero' costruiti dall'Ansaldo. Sembra che per l'Armistizio i motori Ansaldo per Crisalide e Farfalla non vennero consegnati quindi non so in seguito, (cioe' quando entrarono in servizio negli anni '50) quali motori imbarcarono. Per l'Ardea furono ordinati alla FIAT motori speciali di tipo pero' imprecisato e non si ha la certezza se poi vennero realmente imbarcati o se furono montati motori M 407 di riserva prodotti in precedenza. Per le corvette costruite dalla Breda di Venezia non ho notizie certe ma se ben ricordo avevo visto da qualche parte che imbarcarono motori costruiti dalla FIAT.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre più completo e ricco d'informazioni utili questo topic... :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno,

un'altra piccola curiosità che purtoppo anche l'USMM dimentica. Le nostre belle corvette classe Gabbiano vennero costruite utilizzando per lo scafo acciaio tipo Thomas, fino a quel momento non utilizzato neppure per la costruzione di naviglio mercantile a causa della poca omogeneità, e non acciaio ad alta resistenza (tipo Martin-Siemens) come spesso indicato. La notizia e' presa da Rivista Marittima gennaio-giugno 1944 e l'articolo e' stato scritto da un certo Leonardo Fea......si prorpio lui, il Generale del Genio Navale a cui si deve il progetto delle corvette classe Gabbiano.

 

Cordiali saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s55: Buongiorno a Tutti!

Ancora mille e mille ringraziamenti a tutti quei Betasomiani che hanno arricchito il Forum col topic sui GABBIANO! :s20: :s10: :s15: :s20: Vi annuncio che fra circa una settimana posterò anch'io qualcosa su queste navi: il materiale è dal mio fotografo che lo deve scannerizzare e trasferire su CD.

 

Ad integrazione di quanto ha scritto ICEMAN nel suo ultimo post preciso che la scelta di questo ottimo progetto fu fatta dall' Amm. Alberto DA ZARA nel periodo in cui era responsabile dell' Ispettorato Antisom.

 

Scrive DA ZARA nel suo libro "Pelle d'ammiraglio" a pag 364: "Sotto la direzione del Gen. del G.N. L. FEA, preposto alla loro costruzione ed al loro allestimento,le corvette riuscirono bastimenti pienamente soddisfacenti sotto ogni punto di vista; non è senza commozione che ancor oggi ne sento parlare dai loro giovani comandanti, sempre fieri delle loro piccole barche (! :s03:).

Edited by Alfabravo 59

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Alfabravo,

evidentemente l'Ammiraglio Da Zara aveva una visione un po' piu' moderna della guerra Navale rispetto a tanti altri colleghi.

Sempre per curiosità allego un disegno tratto dall'Archivio dell'Associazione Navimodellisti Bolognesi riguardante il progetto di trasformazione in Navi Trasporto Fari di alcuni scafi di corvette recuperati in vari porti italiani dopo la guerra. Il piano e' datato 1947 eseguito dall'Arsenale di La Spezia.

 

gabbianofarieq0.jpg

 

Cordiali saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

................continua......................

UNITA' COSTRUITE NEI CANTIERI C.R.D.A. SAN MARCO - T (2^ PARTE)

371sibilla1943003mar194gs9.jpg

 

372sibilla1943017copyqr0.jpg

 

373sibilla19430041946cofm6.jpg

 

374sibilla19430101966cojz5.jpg

 

375sibilla1943005copyik1.jpg

 

376sibilla1943011x05106ha6.jpg

 

377sibilla1943007x23036tv0.jpg

 

378sibilla1943009x19086bj9.jpg

 

379sibilla1943008x19086br7.jpg

 

380sibilla1943001copycoyu1.jpg

 

381sibilla1943012x06126cp9.jpg

 

382sibilla19430131972coec8.jpg

 

391fenice1943002copynh0.jpg

 

392fenice1943006copyma8.jpg

 

393fenice1943001copycopyr1.jpg

 

394fenice1943003copyqo3.jpg

 

395fenice1943004x251161km9.jpg

Edited by BUFFOLUTO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per motivi di insufficienza di memoria sono stato costretto a suddividere la trattazione delle unità costruite nei cantieri C.R.D.A. San Marco - Trieste in due POST: nella 1^ parte sono state inserite le foto di Driade, Danaide, Pomona, Flora, Sfinge e Chimera; nella 2^ parte le foto di Sibilla e Fenice.

Ad eccezione di alcune delle quali non riesco a recuperare i crediti, ho postato tutte le foto che posseggo della classe "Gabbiano"; mi sono riservato la possibilità, qualora ce ne sia l'occasione, di inserire ulteriori immagini, rispettando l'ordine che mi sono proposto.

Colgo l'occasione per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito, che si sono proposti di contribuire e che vorranno contribuire all'arrichimento di un argomento che ha suscitato un vivo interesse.

Buffoluto/Marcello Risolo

Edited by BUFFOLUTO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo due foto di Nave Driade datemi dal Sig Adonide Gianfranco lì imbarcato ed ora consigliere del gruppo Anmi di Savona fatte in navigazione con mare " formato" :s03:

 

image0072fs3xc7.jpg

 

image0073pb0ra5.jpg

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Deltaricci

Ho sistemato le immagini in modo che occupino meno spazio "informatico"...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rif. post 79 di ICEMAN: grazie, proprio non sapevo nulla di questo progetto!

 

Rif. post 83 di DELTARICCI: grazie anche a Te per le spettacolari (ed impressionanti! :s07: ) immagini!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro Marcello,

per dimostrarti tutto il mio apprezzamento per il tuo lavoro posto alcune foto, di cui sono gelosissimo, di corvette classe Gabbiano tratte dal mio archivio.

 

Incomincio col Gabbiano stesso da me fotografato a Cagliari verso la fine degli anni Sessanta.

v333aeb6.png

 

Il Folaga in una delle prime foto di Giorgio Ghiglione ripreso a Genova nell'ottobre 1958. Mi scuso per la deformazione dello scafo dovuta ad una piega del cartoncino fotografico.

v334ahm6.png

 

Una foto di Nicola Siracusano eseguita da lui stesso a Messina il 19 novembre 1965, appaiono Albatros e Chimera che vanno ad ormeggiare in banchina.

v335akz5.png

Dovrei riuscire a postare altro nei prossimi giorni.

Un caro saluto,

Stefano

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s20: I miei complimenti per questo spettacolare post :s20: state facendo rivivere questa classe di navi :s01:

Edited by giampyg

Share this post


Link to post
Share on other sites

caro Stefano ti ringrazio per le belle foto che hai postato, ti pregherei di raggrupparle tutte in un unico POST in modo che sia più semplice la consultazione, in questa maniera puoi anche tenerle in un ordine da te stabilito ciao Marcello

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nemmeno io avevo mai sentito parlare di quel progetto... :s07:

 

Bellissime le ultime foto di Deltaricci. :s20: :s20: Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre grazie all'amico Gianfranco del Gruppo Anmi Savona alcune pagine della prova di stabilità eseguita a Marinarsen Messina sulla corvetta Driade nel lontano 1955. Penso sia un documento non comune e sopratutto poco conosciuto ai non addetti ai lavori.

stab1yr1.jpg

stab2gj3.jpg

stab3ox3.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero interessanti questi documenti. :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

nel POST dedicato alle unità costruite nei cantieri NAVALMECCANICA di Castellammare di Stabia

a pagina 2 ho inserito una nuova foto del "Crisalide"

Buffoluto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come avevo promesso posto alcune foto del mio archivio.

Sibilla con catapula per lancio bersaglio a prua e apparecchiature per dragaggio a poppa, presumibilmente anni Sessanta.

v338acd2.png

 

Sfinge a Venezia in una foto di Aureliano Molinari risalente al marzo 1976.

v339alc4.png

 

Cormorano probabilmente a Tolone.

v340adb8.png

 

Ibis nel novembre del 1964 a Malta fotografata dai Pavia per la Wright and Logan.

v341ags6.png

 

Ancora Sfinge nella stessa occasione.

v342aqf1.png

 

Farfalla a Taranto probabilmente nei primi anni Sessanta.

v343aoj3.png

 

Ape e Cavezzale a Cagliari durante una sosta operativa, circa 1970,

Le due unità sono impiegate per appoggio incursori.

v344akc1.png

Saluti

Stefano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto belle. :s20: :s20: In modo particolare quelle dell'Ape e della Sibilla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

foto stupende ed inedite quelle di DELTARICCI e GICHIANO, che arricchiscono sempre più questa raccolta di immagini della classe Gabbiano

Buffoluto/Marcello

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,054
    • Total Posts
      506,762
×