Jump to content
Sign in to follow this  
GM Andrea

La Marina Militare Attraverso L'8 Settembre 1943

Recommended Posts

Titolo: La Marina Militare attraverso l'8 settembre 1943 - Il senso dell'onore tra dimensione storica e dimensione retorica

Autore: Concetta Ricottilli

Casa editrice: Il Poligrafo

Anno di edizione: 2007

Pagine: 154

Dimensioni: cm 21 x 14

Prezzo: €20,00

Reperibilita: facile

 

aaamn8.jpg

 

L'Autrice, ricercatrice presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Venezia, dedica questo breve saggio all'interpretazione delle vicende della Regia Marina l'8 settembre, e nei mesi successivi, nella prospettiva di valori il cui significato spesso si dà per scontato: Patria, dovere, morale, e finalmente onore.

La trattazione in effetti indugia ripetutamente (a volte anche troppo) nello sforzo di fornire al lettore definizioni universalmente valide di tali concetti, per poi applicarle ai diversi comportamenti degli uomini della Regia Marina, della Marina Repubblicana, della Decima Mas nel tribolato periodo 1943-1945. Vengono così analizzate le motivazioni, tutte astrattamente riconducibili al senso dell'onore nelle sue molteplici accezioni, che portarono uomini quali De Courten, Borghese, Fecia di Cossato e tanti altri a comportamenti apparentemente antitetici.

Il lavoro è sicuramente pregevole, non giunge a conclusioni scontate ed è chiaramente supportato da buone fonti bibliografiche, archivistiche (USMMI) e orali (interviste a Birindelli e Nesi).

Rimangono tuttavia alcune mende che mi pare corretto evidenziare.

Anzitutto, manca una approfondita analisi della psicologia dell'Ufficiale di Marina in quel periodo. E' un peccato, anche perchè l'Autrice aveva a disposizione (e le cita ripetutamente) fonti illuminanti al riguardo, quali la dispensa sull'Etica militare marittima pubblicata in Accademia, oppure la biografia di Fecia di Cossato ad opera di Rastelli.

In alcuni casi poi (ma in minor misura rispetto ad analoghe pubblicazioni) alcuni termini spiccatamente militari o marinareschi sono errati (Borghese ad esempio era il "capitano" dello Scirè); una breve opera di revisione da parte di un occhio esperto non sarebbe guastata

Inoltre su molte vicende dall'Autrice richiamate sarebbe stato opportuno un ulteriore approfondimento bibliografico. Vengono dedicate alcune pagine alle famose missioni di Giorgio Zanardi, indicando quali fonti solo l'archivio dell'USMMI, laddove il protagonista ha narrato tutto - e anche più - in un libro accessibile a chiunque.

Da ultimo, l'Autrice asserisce genericamente che la Decima Mas non potrebbe ergersi a depositaria dell'onore avendo intrapreso attività antipartigiana. Al di là della opinabilità dell'affermazione, va rilevato che manca nel volume qualsiasi accenno alle note vicende che portarono alla predetta attività (caso Bardelli) e ai traumi che ne conseguirono. D'altra parte la fonte principe a sostegno di tali deduzioni, a detta dell'Autrice, è la "Relazione sull'attività della X Mas dell'aspirante guardiamarina De Angelis il quale da sud compì una missione di ispezione e controllo a nord assieme al nocchiero Gianni Corrado". Un po' pochino, in verità.

Edited by GM Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,562
    • Total Posts
      516,762
×