Jump to content
Sign in to follow this  
Totiano

I Racconti Del Dir

Recommended Posts

Animato da follia, credo generata da precedenti post sull’argomento, sono andato a rispolverare i vecchi fasti dell’imbarco sul Bersagliere e, sperando di fare cosa gradita., mi sono messo a romanzare gli avvenimenti di quei tre mesi che furono una esperienza indimenticabile. Ecco dunque nascere una nuova rubrica : “I racconti del Dir”
18485555_1865055983760836_84047469989855
Accomodatevi in camerino, sorseggiate il vostro Spalletti mentre raccolgo le idee e inizio il racconto (Il testo è ispirato ad un articolo uscito su RID di Gennaio 2004)

Pattugliatore d'altura BERSAGLIERE (F-584) classe SOLDATI, "choke point" tra Creta e Karpathos, Mediterraneo orientale.
Missione: pattugliamento dell'area per monitoraggio del traffico mercantile. L'unità è in propulsione diesel (per contenere i consumi ed aumentare l'autonomia) e da qualche giorno incrocia nelle acque dell'Egeo dopo una sosta per manutenzioni nel porto di Aksaz.
18446633_1864540783812356_71960381777119

Programma del giorno: rifornimento di gasolio e kerosene dall'AOR tedesco SPESSART, esecuzione di esercitazione di difesa passiva (oggi tentiamo un abbandono nave…), addestramento a favore del personale dell'RSM con armi leggere, operazione di volo per allargare le capacità di monitoraggio dell'unità, seggiovia con i tedeschi dell’Emden. Questa è la giornata tipo durante il pattugliamento, mentre continuano le manutenzioni ed il ripristino delle apparecchiature in avaria, un lavoro senza fine.
18425431_1864540677145700_52556133080099
Esercitazione di abbandono nave
18446805_1864541023812332_44938775978062
Seggiovia con l'Emden

I monitor della COC mostrano al personale di guardia la situazione del traffico mentre i "sospetti" sono evidenziati su un tabellone a parte, il tutto con periodici aggiornamenti al comandante.
Le mense si susseguono monotone, seguite da qualche momento di relax, sia esso soleggio sul ponte di volo o una partita alla playstation, anche se qualcuno preferisce le vecchie carte da gioco.
Oltre tre mesi di lontananza da casa pesano, specialmente su unità di piccolo dislocamento, e spesso la tensione fa la sua comparsa nonostante i tentativi per mantenere alto il morale. E pensare che la gente paga fior di denari per venire da queste parti.
Questa STANAVFORLANT (oggi SNMG) è attiva già da un mese e operativa nel Mediterraneo orientale alla ricerca di traffici di armi o di terroristi. E’ dal 2002 che è le unità della NATO, chiamate in soccorso dagli Stati Uniti dopo l’attacco del 11 settembre in base all’articolo 5 del Patto Atlantico, solcano queste acque. In questo momento la forza è composta dal Cacciatorpediniere inglese Cornwall (che imbarca il commodoro comandante la squadra), una fregata e un rifornitore tedeschi, una fregata portoghese, una americana e il nostro pattugliatore d’altura. Ma sono saltuariamente assegnate alla forza dei sottomarini e degli aerei da ricognizione ,come d’altronde sono state rese permanentemente disponibili alla forza le basi di Aksaz (Turchia), Souda (Grecia) e Augusta (Italia).
In genere si rimane una zona una settimana per poi ricevere il cambio da altra unità della forza e mantenere il controllo dei settori assegnati; e mentre metà della forza è in porto a ritemprarsi, l’altra è in mare. Le interrogazioni ai mercantili sono continue: una costante nell’arco della giornata, mentre la vita di bordo prosegue scandita dai rigidi orari.

Eppure il tutto è partito quasi sei mesi fa, quando l’Unità, al termine di alcuni lavori, è stata chiamata a Taranto per affrontare il TIRNAV (una serie di esercitazioni che certificano la nave “combat ready”) e poco dopo ai poligoni per sparare tutto quanto c’è a bordo e verificare che quanto appreso al TIRNAV lo sappiamo davvero mettere in pratica.
Eccoci dunque a sparare con il nuovissimo 127/54 LW
18403173_1864540847145683_25478982027537
A lanciare i missile A/A Aspide
18402934_1864540667145701_43618812664656
E i missili antinave OTOMAT
18402689_1864540997145668_89113378791705

Gli esami sono superati e dopo una giusta e copiosa innaffiata dei complimenti a cura del Capo Reparto Operazioni in quadrato Ufficiali arriva un messaggio che era già nell’aria da tempo: si parte per una missione operativa!
Abbiamo già lavorato sui compiti che ci saranno assegnati durante Active Endeavour, ma un ripasso è sempre il benvenuto. Se una Unità si rivela sospetta si deve procedere ad una ispezione e, per rimanere dal lato della ragione ci si posiziona sul lato dritto del sospetto. C'è diritto di precedenza ma a dare torto può essere la fisica viste le masse in gioco.
18403475_1864540803812354_12647043481196
Ed è anche per questo che l’unità è in posto di combattimento in questi casi
18342401_1864541100478991_17034682586862


Dopo avere imbarcato tutte le dotazioni e sbarcato tutto il superfluo si parte dalla Spezia sotto Pasqua, con l’uovo in mano da dare ai figli per consolarli. E’ difficile spiegare questa strana guerra e forse è più comodo dire che è la solita esercitazione, forse un po più lunga. E come sempre accade, durante il trasferimento per congiucerci alla Stanavforlant, arriva l’imprevisto: uno dei disel alternatori è un po troppo assetato di acqua e i motoristi si ritrovano a fare straordinario.
18446962_1865055967094171_46268441672385
Non è una operazione semplice in mare, ma neppure impossibile. Si tratta di smontare la linea cilindro e la camicia, riprendere una camolatura con un po di stucco metallico e rimontare il tutto con nuove guarnizioni.
Tornato a nuova vita e con il Comandante che torna a respirare (chissa che ne capisce questo direttore, è sommergibilista e per di più è a bordo solo da sei mesi...) il diesel manifesta la sua contentezza frullando allegramente. Non passa molto tempo che i compagni di viaggio si palesano al’orizzonte. Ecco l’ammiraglia: il Cornwall
18403340_1864541047145663_37210114898974
E un’altra unità della squadra: l’Emden
18402690_1864540947145673_28840876711614
Dopo qualche saluto di rito il Commodoro decide di onorarci della sua visita e non credo fosse solo una visita di cortesia. E’ vero che ha cortesemente accettato i vari brindisi, ha visitato tutta la nave facendo domande e informandosi sul benessere dell’equipaggio (a confronto delle altre unità il Bersagliere è un po “stretto”), si è voluto perfino soffermare in Centrale di propulsione
18342486_1864540897145678_38634167946998
con tanto di foto ricordo assieme alla squadra di guardia. Eppure la sua attenzione era verso prora e per quanto cercasse di nascondere molto educatamente il suo interesse, alla fine non poteva non palesarsi: il nuovo cannone 127/54 Light Weight!
18342716_1864540950479006_30264119330726
Spero mi sara perdonato l’eufemismo ma… se lo è mangiato con gli occhi, dal sistema di caricamento nelle stive più basse alla scudatura superiore.

Un incontro da brivido si verifica dopo poche settimane di missione. Niente a che vedere con Active Endeavour in verità, ma per un marinaio nato sotto guerra fredda queste sono occasioni partiocolari. La flotta Russa del Mar Nero si sta trasferendo e ci transita a fianco. Vero, a poppa c’è la croce di Sant’Andrea e non la falce e il martello, ma la linea è quella studiata sugli almanacchi navali, quella di un possibile nemico che poteva essere chiamato ad annientarti viste le caratteristiche antisom.
18447447_1865056053760829_57813520038383

Le mitragliere da 40/70 vengono disposte per chiglia e si tenta un timido approccio scambiandosi segnali a lampi di luce. Qualcosa tipo un buongiorno e buonasera tra due sconosciuti al bar…
E come se fossimo al bar, anzi in quadrato, al Direttore scappa detto che ha dei dubbi sull’assetto della nave. Saranno delle manie sommergibilistiche ma non sono convinto e chiedo una motobarca per farmi un giro appena possibile. “dov’è il problema?” fanno i piloti, “dall’alto si vede meglio e tra mezz’ora andiamo in volo”. Gia, la dimensione aerea mi sfugge ancora…. Ma non perdo l’occasione e cosi ecco il nostro prode sommergibilista librarsi su un elicottero che, a suo tempo, fece caccia antisom….
18402836_1865055907094177_61664503123682

"Il Comandante è pregato di comunicare con la Plancia"
La decisione di ispezionare un contatto di interesse, presa a livello centrale sulla base di informazioni intelligence, sentito il parere dello stato di bandiera del mercantile e dietro la dichiarata cooperatività da parte del comandante del mercantile, arriva via etere sotto forma di messaggio.
Dati del sospetto, porto di partenza, probabile destinazione, possibile carico sospetto. Alcuni "stati canaglia" curano certe "relazioni" sul Mar Nero e non dovrebbe essere difficile trovare il mercantile dopo il passaggio dei Dardanelli.
Sono le acque territoriali il punto interrogativo, se il nostro "amico" decide di passare sotto costa può farla in barba a tutti.
Il dispositivo viene applicato nella sua totalità e altre unità della forza vengono richiamate dai loro settori per serrare le maglie della rete. Per avere maggiore velocità e agilità di manovra si inseriscono i 50.000 cavalli delle turbine a gas ed inizia la caccia. Fedele al suo nome il Bersagliere, si dirige “di corsa verso il luogo dell’”appuntamento” e i 32 nodi raggiunti meritano di essere immortalati!
18447564_1864540687145699_67330562339158

La vecchia carretta del mare si dichiara nella prima mattinata ed inizia l'ombreggiamento in attesa dell'ordine definitivo di abbordaggio: il comandante del mercantile si è dichiarato cooperativo.
18402911_1864540970479004_75135423069451

Non passa molto tempo prima che l'autorizzazione arrivi ed il personale del SAN MARCO, i primi ad andare sul mercantile per proteggere il team ispettivo da colpi di testa, si prepara. Entrambi sono in mensa per il briefing, è indispensabile non lasciare nulla la caso e ricordare continuamente le “lezioni”.
18425154_1864540820479019_70710658927975


Mimetica, anfibi, giubbotto antiproiettile ed elmetto in kevlar. Un fucile a pompa o l'HK MP-5 sono le armi in dotazione. A seguire si prepara anche il team ispettivo, ufficiali e sottufficiali del BERSAGLIERE, che imbarcherà con la seconda ondata, con la stessa dotazione, tranne l'arma: una Beretta cal.9 Parabellum. Il team del San Marco è chiamato sul ponte di volo per imbarcare sull’elicottero
18423696_1865055913760843_24900517626467
e "Sting", cosi si chiama il nostro elicottero AB-212, decolla con il team di protezione. In pochi minuti i ragazzi dello RSM scendono mediante "barbettone" sulla poppa del sospetto e incomincia la messa in sicurezza del mercantile da controllare: rapida ispezione dei locali e accentramento dell'equipaggio in mensa: sono elementari norme di sicurezza.
18403480_1864540717145696_14258472226700

"Sting" ritorna a bordo e non appena si riceve il "nave sicura" dai Leoni torna a decolare: deve trasportare anche il team ispettivo, ma questa volta calandolo con il verricello.
18403199_1864540733812361_83502142402329

L'ispezione inizia: controllo dei documenti della nave in una plancia disadorna, controllo dei passaporti del personale (Siriani, Palestinesi ... ), controllo visivo di tutti i locali di vita, controllo del carico nelle stive.
18486368_1865056057094162_34915070625749

Le ricetrasmittenti permettono di mantenere i contatti con tutti i membri della squadra e di questa con la plancia del BERSAGLIERE.
Nessuna volontà dell'equipaggio di cooperare oltre il minimo indispensabile ma è comprensibile. E comunque le ROE parlano chiaro: impiego della forza esclusivamente per autodifesa.
Nulla di anomalo è stato rilevato, ma non si può ispezionare visivamente il contenuto dei container (sono sigillati!), come non si può cercare qualcosa sotto un "monte" di fosfati. E' lo stesso problema che abbiamo in comune con gli amici Portoghesi, Americani, Tedeschi e Inglesi nei loro boarding.
L'elicottero torna a prendere il personale, riportandolo a bordo in ordine inverso, qualcuno potrebbe cambiare idea circa la cooperatività verso la NATO, nonostante la famosa cordialità dell"'homo italicus", universalmente riconosciuta e apprezzata.
18447057_1865055927094175_78973627229087

De-briefing sull'operazione compiuta, analizzando a caldo quanto effettuato o non effettuato, i filmati digitali girati sul COI, come si potrebbe migliorare l'attività.
Mentre il mercantile dirige verso la sua destinazione, partono i messaggi per informare le autorità militari di quanto rilevato: a volte particolari insignificanti possono nascondere rilevanti sorprese. Il nostro "amico" ha raggiunto il porto di destinazione, ora non è più un problema nostro e l'ordine è di riprendere il pattugliamento interrotto.


E’ lo scorrere del tempo in questa attività operativa: molta monotonia da cercare di annientare con le esercitazionie e, ogni tanto un “colpo di vita” , di quelli che fanno crescere l’adrenalina in corpo finchè non è tutto finito.
Ma Active Endeavour è stato anche molto altro: è stato un fraternizzare e scambiarsi visite impiegando ogni mezzo, perfino le Vertrep per raggiungere le altre Unità
18425138_1865055977094170_27507388406530

E’ la vita in mare, condita di quella fratellanza che è al di sopra delle bandiere e dei nazionalismi. Cosi, al termine dell’attivazione, mentre la nuova STANAVFORLANT è già in viaggio per sostituirci, dopo innumerevoli bicchieri di birra e wurstel a bordo dei tedeschi, dolci bevute di Porto sull’unità portoghese, scambi di scherzi e lazzi con inglesi e americani (che hanno gradito molto il vino, comunque) il bersagliere dirige verso Casa
18402631_1864541083812326_14339475965547

Questa storia finisce qui, con Bersagliere con il suo equipaggio schierato in una foto di chiaro stampo sommergibilistico per gli ultimi saluti
18403394_1865056027094165_49900509255417

Edited by Totiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gran bel post! :s20: :s20: :s20:

E' ovvio che è solo il primo di una serie... :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' ovvio che è solo il primo di una serie... :s02:

 

Lo spero anche io. Decisamente splendido anche perchè "vissuto". Grazie. :s20: :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero molto bello, grazie Dir! Le fotografie in particolare quelle vissute sono stupende, ma chissà che attacchi di nostalgia... Il Commodoro che rimira il 127 mm ( pensando ai suoi 114 presumibilmente ) è una perla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stupendo, sembrava di essere la.

 

Bellissima l'immagine dell'SH-3D e quelle del 127/54 LW

... Il Commodoro che rimira il 127 mm ( pensando ai suoi 114 presumibilmente ) è una perla.

Quoto, poi vedremo le facce quando sarà dotato di Vulcano :s02:

Edited by enrr

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest UPS2

Grazie Dir!

 

Se mai mi fossi chiesto che cosa mi lega alla nostra FA. le tue parole. più che il racconto (perchè racconto può "sapere" di favola, mentre questa è "vita") spiegano tutto. Sereno senso del dovere, servizio per il Paese e le Comunità (tutte, non solo la nostra), ma anche la noia dei lavori ripetitivi senza la certezza del ritentro a casa, ed in famiglia, alla sera, o le tensioni per un servizio più complesso... Senza grandi Eroi o attori di epici gesti, ma con tanti Grandi Uomini!

 

Grazie Marinai di ogni Grado!

 

P.S.: non commento le foto che non posso vedere... :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande esperienza di vita e posso immaginare cosa provi nel ricordarla anche se magari quando la vivevi, come hai detto, scontavi noia e nostalgia, spero comunque che sia ilprimo di una lunga serie, sono molto interessato ed attendo a questi racconti anche perchè da me mai vissuti, anche se anche io, forse potrei inyteressare qualcuno con qualche racconto di vita sulla cp 2019 sia per operazioni strettamente militari(poche!) che in aiuto alla popolazione civile (tante!). Grazie Dir ottimo post che spero diventi molto ricco anche di altri racconti.

 

NON CHI COMINCIA MA QUEL CHE PERSEVERA :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Marco,

 

Grazie :s20: :s20: bellissimo e interessante il post , e non sapevo che il Bersagliere aveva montato il nuovo 127 :s01:

 

Ne aspettiamo degli altri

 

Ciao

Giampiero

 

 

Ps ti ricordi dell'apertuta del lanciatore degli aliscafi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parte le foto, che mi han fatto venire il "magone",il tuo racconto è stato coinvolgente. Inoltre mi ha colpito il fatto che ritieni il "Bersagliere"stretto. Un sommergibilista come te, dovrebbe essere abituato "all'infinitamente piccolo". Da cosa deriva questa tua constatazione,visto che non provenivi certo da navi più grandi?

Comunque grazie per questa tua "follia". Sai benissimo che con queste argomentazioni, trovi chi le sa apprezzare pienamente, cogliendone persino i profumi!

Alla via così, Dir!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Marcuzzo

Racconto bellissimo ed emozionante Dir. :s20: :s20: :s20: ma non hai omesso una sostina in quel di Augusta dove a bordo del Bersagliere (e del Da Vinci) accogliesti un losco figuro??? :s41:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magnifico report vissuto, veramente bello. Non ho mai visto però tanto personale di macchina afflitto dal torcicollo.... :s03: :s03:

cdrincp1qd0.jpg

 

sono i soliti "stracci" per il sudore dovuto al caldo dei termici oppure è un cappuccio... non riesco a capire :s68: :s68:

 

............ ne vogliamo ancora........ sulla porta dell'armadio si intravede un bel manifesto d'annata......... e poi lo credo che andavate a 32 nodi, avevate i tecnici della Ferrari a bordo :s03: :s03:

 

 

:s20: :s20: continua :s20:

Edited by lugher

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie a tutti per i complimenti, di cuore! E grazie anche a nome dei ragazzi del Bersagliere.

sicuramente non con grande frequenza ma spero di potervi narrare qualche altra storia

 

... anche se anche io, forse potrei interessare qualcuno con qualche racconto di vita sulla cp 2019 sia per operazioni strettamente militari(poche!) che in aiuto alla popolazione civile (tante!).

non interesserestio solo qualcuno ma molti! non farti pregare...

 

Ingordo !!!

Se ci dai dentro pure con la letteratura di mare, cosa rimane a noi miseri pennivendoli ?

Illustrissimo, nonostante gli articoli e i libri pubblicati il sottoscritto non si è mai sentito un abile scrittore. E se la S.V. è un umile pennivendolo mi domando a quale misera categoria dovranno ascriversi gli scarabocchi dello scrivente... (grazie del complimento Marat!)

 

 

Inoltre mi ha colpito il fatto che ritieni il "Bersagliere"stretto. Un sommergibilista come te, dovrebbe essere abituato "all'infinitamente piccolo". Da cosa deriva questa tua constatazione,visto che non provenivi certo da navi più grandi?

 

Io ho sofferto di agorafobia passando dal Toti al Sauro, imbarcando a bordo del bersagliere con un camerino tutto mio che aveva anche il bagno in camera mi sentivo un principe! L'affermazione non vuole essere mia ma un confronto con le altre unità della squadra, tutte di generazioni successive e dove gli spazi abitabili sono davvero più ampi e confortevoli

 

 

Racconto bellissimo ed emozionante Dir. :s20: :s20: :s20: ma non hai omesso una sostina in quel di Augusta dove a bordo del Bersagliere (e del Da Vinci) accogliesti un losco figuro??? :s41:

Se dovessi inserire tutto il racconto farebbe la fine dei 3 libri che ho iniziato e mai finito.... però fu una giornata divertente

 

 

Magnifico report vissuto, veramente bello. Non ho mai visto però tanto personale di macchina afflitto dal torcicollo.... :s03: :s03:

sono i soliti "stracci" per il sudore dovuto al caldo dei termici oppure è un cappuccio... non riesco a capire :s68: :s68:

 

............ ne vogliamo ancora........ sulla porta dell'armadio si intravede un bel manifesto d'annata......... e poi lo credo che andavate a 32 nodi, avevate i tecnici della Ferrari a bordo :s03: :s03:

 

Nessun torcicollo, Luca. In attività operativa tutti, da comandante all'ultimo maro, indossano la teuta operativa e il kit antiflash. è tutto materiale trattato per essere resistente alla fiamma (perchè un attacco può arrivare in qualsiasi momento: ricordate il DDG Cole?). quello straccio è il cappuccio del kit antiflash.

 

il "tecnico della ferrari" è in realtà il comandante del Bersagliere che per l'occasione spolvero quel berretto invece del solito copricapo ....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nessun torcicollo, Luca. In attività operativa tutti, da comandante all'ultimo maro, indossano la teuta operativa e il kit antiflash. è tutto materiale trattato per essere resistente alla fiamma (perchè un attacco può arrivare in qualsiasi momento: ricordate il DDG Cole?). quello straccio è il cappuccio del kit antiflash.

 

il "tecnico della ferrari" è in realtà il comandante del Bersagliere che per l'occasione spolvero quel berretto invece del solito copricapo ....

 

..... ecco cos'era.... ai miei "tempi" non erano ancora in uso........... in fatto di materiali tecnici si sono fatti passi da gigante..... il vecchio giubotto di navigazione (quello con collo di "pelo sintetico" color sabbia) era ottimo ma niente a che vedere con quello attuale in gore-tex........

... molto spiritoso il Boss :s03: 32 nodi sono comunque motivo d'orgoglio :s02:

(PS.... complimenti, questa volta hai beccato il nome :s03: )

 

Luca

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest luciano pietri

Dire bello e avvincente mi sembra scontato, dire che il Dir. scrive bene anche, quindi complimenti e potrei chiudere qui.

Voglio invece evidenziare quella foto dove un operatore viene calato da un elicottero in volo: avete notato la curvatura della pala dell'elicottero? Impressionante!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Voglio invece evidenziare quella foto dove un operatore viene calato da un elicottero in volo: avete notato la curvatura della pala dell'elicottero? Impressionante!!!

 

è un problema della mia ex macchina fotografica Luciano! le pale erano e sono dritte come in tutti gli elicotteri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti un resoconto a dir poco avvincente !!!! :s01:

 

EVVIVA il ns DIR !!!! :s07: :s03: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie del bel "racconto".

 

Mi piace capire e "partecipare" alla vita di bordo.

Allora .... Comandanti di Betasom ... chi è il prossimo che ci racconta una nuova "avventura - esperienza"?

 

 

E’ la vita in mare, condita di quella fratellanza che è al di sopra delle bandiere e dei nazionalismi.

Anche tu me lo confermi, ma allora è proprio vero! :s07: Fantastico! :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s55: Buonasera a Tutti! :s20: :s20: :s20: OTTIMO LAVORO!! :s20: :s20: :s20: Poche parole e molte foto tengono viva l'attenzione dei lettori! Anch'io mi attendo le puntate successive!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Allora .... Comandanti di Betasom ... chi è il prossimo che ci racconta una nuova "avventura - esperienza"?

 

nessun altro che partecipa a questi racconti? serve un'altro incoraggiamento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie

Adesso dovrebbero esserci tutte, le foto, però non mi sento di garantire siano le stesse dell'articolo originale...

mi sembrano comunque nen inserite nel testo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella esperienza e ben raccontata,complimenti,fa venir voglia di arruolarsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,150
    • Total Posts
      508,208
×