Jump to content
Sign in to follow this  
furiere di servizio

Ravenna 24/8/2008

Recommended Posts

Domani mattina, a Ravenna, i guastatori dell'8° Rgt Genio Folgore, saranno impegnati nella spolettatura e rimozione di un'ordigno bellico rinvenuto in via Lanzoni. Alle 10.00 inizieranno le operazioni attorno al residuato bellico, precisamente una bomba d'aereo inglese General Purpose da 1000 libbre. Dopo la spolettatura, la bomba verrà trasportata al poligono militare di Foce Reno e verra fatta brillare sul sito della Contro-carri, probabilmente alle 13.00.

Questi rinvenimenti sono molto frequenti, sebbene siano passati oltre 60 anni dalla fine del conflitto. Ci sarò anch'io con un VM 90 ambulanza del Corpo Militare C.R.I, più altre due ambulanze stradali. Solamente noi del Corpo Militare C.R.I. saremo in 35. Quindi presumo che lo spiegamento di forze dell'ordine e militari sia consistente. Per ora non lo conosco.Ma ho fatto un'altra esperienza simile a Forlì, in gennaio. La bomba era da 500 lb. ed era in aperta campagna. Abbiamo fatto un campo di tende ed evacuato anche un nonnina di 101 anni da una casa colonica vicina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

già, me ne ero accorto visto che hanno fatto sfollare mezza ravenna e stanno bloccando tutto il traffico. spero di incontrarti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ero insieme ai genieri, sul luogo del ritrovamento. Hanno usato anche un robot teleguidato per despolettarlo.Ieri hanno evaquato anche una casa di cura con 50 pazienti. La zona attorno, come hai visto, era completamente sgombra. L'atmosfera era surreale, perchè non c'era anima viva, anche se molte case e appartamenti avevano le finestre aperte per evitare danni ai vetri causa spostamento d'aria. Questo se la bomba esplodeva sul posto, cosa che grazia a Dio non è avvennuta. L'ordigno era contenuto in una trincea alta almento 3 metri, fatta subito dopo il ritrovamento per ovvie ragioni di sicurezza. Anche la prefettura è stata evacuata e il centro operativo era dai VV.FF in viale Randi. A mezzogiorno abbiamo fatto il convoglio per Foce Reno scortati anche da un AB 212 della Polizia e alle 14.00 e' avvenuto il brillamento. 500 kg di tritolo più i panetti per far detonare la bomba ne fanno di rumore. Era presente anche un Generale di C.A. comandante del F.O.D. di Verona , dal quale dipende l'8°Rgt Genio Guastatori Folgore di Legnago. C'era anche la signora Prefetto e una gran polvere baciata da un bellissimo sole agostiano......

Share this post


Link to post
Share on other sites

non mi hanno fatto avvicinare, purtroppo e devo dire anche giustamente. però l'atmosfera era davvero surreale, una città fantasma!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chissà di quale bombardamento è reduce. A quei tempi era campagna, anche se era a ridosso della città.Comunque,secondo me è stato tutto un pò troppo esagerato.Erogazione energia elettrica e gas interrotte, ferrovie bloccate, evacuazioni e centinaia di persone impegnate a vario titolo. Però è così che funziona e, probabilmente, non si può fare diversamente. Forse in questi casi, è sempre meglio sovrastimare che prendere le cose alla leggera. Questa si era innescata nella caduta ma, chissà perchè, non è esplosa. La ruspa l'ha sbalottata per bene prima che si rendessero conto che era una bomba. Sono molto più insidiosi gli spezzoni caricati al fosforo. Ne ho visti fumare diversi al primo contatto con l'aria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo quello di novembre del 44. fu massiccio e aveva come obiettivi primari il porto, la stazione e la ferrovia in direzione nord. non è la prima che viene rinvenuta in quella zona, qualche hanno fa ne hanno rinvenuta una poco lontano dal mausoleo di teodorico, poche centinaia di metri in linea d'aria.

 

a ravenna sono in tanti a pensare che le misure fossero esagerate. però come dare torto a chi con gli esplosivi ci lavora quotidianamente e vuole essere prudente?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao cari Comandanti! beh la prudenza non è mai troppa, nelle mie zone anni fa (Bassano del Grappa, VI) trovarono una bomba da 1000 libbre dentro a un campo, mobilitazione generale e per fortuna riuscirono a portarla via.

sempre 4 o 5 anni fa venne trovata a Vicenza una enorme bomba Blockbuster inglese, sapete quelle fatte a forma di bidone a forma non aerodinamica, da 2 tonnellate. venivano sganciate dai Wellington o dai Lancaster, e avevano questo nome perchè quando impattavano spianavano letteralmente interi quartieri o fabbriche. beh, anche in questo caso hanno dovuto fare evaquare mezza città, pensate agli effetti di 1500 kg di Torpex se per sfortuna saltava tutto.

Davide U 324

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito dell'EI:

 

Gli specialisti dell’8° reggimento Genio Guastatori, sono intervenuti sabato a Ravenna, su un ordigno bellico inglese ad alto potenziale ancora attivo, residuo dell’ultimo conflitto mondiale.

La bomba, una volta disinnescata, è stata rimossa e fatta brillare nel poligono di Foci del Reno.

Gli artificieri del 1° Comando Forze di Difesa, ogni anno disinnescano mediamente duemila bombe inesplose, residui bellici che affiorano frequentemente all’interno di cantieri.

 

Impressionante: solo quelli del 1° FOD disinnescano 2.000 bombe inesplose all'anno, se aggiungiamo gli interventi che faranno sicuramente anche il 2° FOD ed il Comando Truppe Alpine, c'è di che spaventarsi.....

Edited by brin

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' vero, la prudenza non è mai troppa! Tant'è che ci sono ancora persone che si feriscono con ordigni che saltano fuori da ogni affratto. Qualche mese fa, nei pressi di Bertinoro, tra Cesena e Forlì, un agricoltore è stato ferito dall'esplosione di una bomba a mano colpita accidentallmente con il decespugliatore. E un altro, vicino a Bologna, si è ferito gravemente maneggiando incautamente un proiettile di artiglieria. E questi sono piccoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Salvatore Todaro

il fatto che sia un bomba GP, ci dice che fosse "meno innocua"" delle HC (vedi la Block Buster) e delle cosiddette bombe mina,ovvero quelle che perforavano gli obiettivi e scoppiavano dopo 10 15 sec dall'atterraggio. Cmq credo che da quelle parti ci siano bombe ben + grosse e pericolose

Edited by Salvatore Todaro

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Salvatore Todaro

Messina si beccò molti bombardamenti in più rispetto a quelli documentati nel sito

Share this post


Link to post
Share on other sites

qui a trieste nel nostro carso a suo tempo vi e' stato appiccato un inciendio

 

e parte di esso si e' spento a causa delle bombe della 1gm che esplodevano per simpatia ...

 

e ogni tanto si sentiva pum pam ... e i pompieri usavano elicotteri o dalla ferrovia con le cisterne

 

pochi andavano nella boscaglia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS: potete vedere a questo link come i ritrovamenti purtroppo non manchino di certo

http://www.biografiadiunabomba.it/news.html

[/quote

Il sito proposto da "Davide" è davvero molto interessante. Guardatelo!! Solamente quest'anno sono stati fatti un sacco di rinvenimenti in tutta Italia e sono mote le foto riferite a questi interventi......

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il sito proposto da "Davide" è davvero molto interessante. Guardatelo!! Solamente quest'anno sono stati fatti un sacco di rinvenimenti in tutta Italia e sono mote le foto riferite a questi interventi......

 

L'ultimo ordigno ritrovato in ordine di tempo è stato disinnescato proprio l'altro giorno dal Reggimento Genio Ferrovieri di Bologna:

 

Dal sito dell'EI:

 

Nei giorni scorsi, un nucleo EOD del reggimento genio ferrovieri di Castel Maggiore (BO), è stato protagonista delle operazioni di disinnesco e brillamento di un razzo da 280 mm del peso di 80 kg circa, risalente al secondo conflitto mondiale.

L'ordigno è stato rinvenuto all’interno di una fitta boscaglia nel comune di Castel d’Aiano, in provincia di Bologna.

La particolarità dell’intervento deriva dalla rarità dell’ordigno, difficilmente rinvenibile inesploso.

La delicata operazione è consistita nella rimozione della spoletta anteriore e nel successivo trasporto in sicurezza dell’ordigno presso una cava, dove è infine avvenuta la distruzione dell'ordigno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,453
    • Total Posts
      513,999
×