Jump to content
Sign in to follow this  
Alagi

Photoshop - Alcune "dritte"

Recommended Posts

Penso che alcuni comandanti (è capitato a suo tempo anche a me...) hanno "Photoshop" installato sul proprio computer e non sanno come utilizzarlo.

Spero che alcune semplici indicazioni permettano - perlomeno in una fase iniziale - di "restaurare" una fotografia, più o meno così:

immagine1am2.png

Premetto che io utilizzo la versione "CS3" di "Photoshop" (quella compresa nella suite CS3 di Adobe per MAC), ma anche versioni precedenti e per Windows consentono di raggiungere i medesimi risultati.

 

Vediamo quindi di "restaurare" una foto a colori, le cui tonalità si sono "arrossate" nel tempo e che presenta un po' di macchie, righe e segni.

 

Innanzitutto, la foto andrà rilevata allo scanner sempre in modalità "colore" (anche se si tratta di un'immagine in bianco e nero): la densità di rilevamento dovrà essere almeno 300 o 400 dpi e, nel caso di foto da negativo, NON andrà utilizzata la modalità "deretinatura" (da utilizzare al contrario per foto da stampa, ma con una densità max di 350 dpi).

Ecco la foto "originale" (si tratta dell'USS Topeka - CLG-8 a Trieste nel 1967):

01wv9.jpg

 

Nel menù a tendina "Immagine", sottomenù "Regolazioni", facciamo clic su "Luci e ombre".

immagine2mc9.png

Il comando automatico ci permetterà di ottenere questo primo risultato:

02sg0.jpg

 

Sempre nel menù a tendina "Immagine", sottomenù "Regolazioni", facciamo clic su "Colore automatico"

immagine1da9.png

Se la foto non ha problemi particolari il risultato sarà già di questo genere:

03lg2.jpg

 

A questo punto, per l'ennesima volta, apriamo il menù a tendina "Immagine" e dal sottomenù "Regolazioni" scegliamo "Bilanciamento colore".

Si aprirà un riquadro con tre cursori:

immagine2aj0.png

Manovrando opportunamente sui cursori riusciremo a ridurre gli eccessi di rosso, o blu o di altre tonalità, restituendo all'intera immagine colori più "naturali":

04zs2.jpg

 

Si tratta ora di applicare un'ulteriore regolazione.

Ancora una volta, nel menù a tendina "Immagine", sottomenù "Regolazioni", facciamo clic su "Luminosità/Contrasto"

immagine2fq4.png

Anche qui si aprirà un riquadro con due cursori, che utilizzeremo sempre con variazioni graduali e di piccola entità, per regolare questi due fattori. Nel caso qui sotto, l'immagine è stata leggermente schiarita e maggiormente contrastata:

05ad7.jpg

 

Resta un ultimo problema: come eliminare tutte le macchie, segni ecc. alcuni dei quali sono evidenziati dalle frecce rosse?

05ad7.jpg

 

Utilizzeremo lo strumento "Timbro clone", la cui icona è indicata dalla freccia blu nell'immagine qui sotto.

immagine2st5.png

Cliccando sul pulsante si creerà un "pennello" sull'immagine (freccia rossa), spostabile con il mouse, le cui dimensioni (ossia il diametro) possono essere regolate con il comando indicato dalla freccia gialla.

Per eliminare le macchie, bisognerà selezionare una misura del "pennello" non troppo grossa. Si proceda quindi come di seguito indicato:

1) posizionare il "pennello" in una zona di colore vicino alla macchia;

2) premere insieme il tasto "alt" della tastiera e il tasto sinistro del mouse (in modo che il programma acquisisca il colore dell'area selezionata;

3) spostare il pennello sulla macchia e cliccare con il tasto sinistro del mouse. La macchia, il segno o la riga spariranno.

4) ripetere i clic sulla macchia più volte, se l'area da correggere è più grande delle dimensioni del "pennello. Tuttavia, scegliendo opportunamente il diametro del "pennello", di solito le macchie spariscono in un solo clic. Per righe o abrasioni di maggiori dimensioni, la procedura va invece ripetuta più volte.

 

Alla fine, il risultato è questo:

06ct6.jpg

 

Buon lavoro a tutti!

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Alagi...questo è veramente un topic più che utile.

Molto chiara ed esplicativa la spiegazione, tornerà senz'altro utile a molti com.ti per correggere le loro foto.

Bel lavoro davvero. Complimenti Comandante Alagi!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

non avevi proprio niente da fare oggi pomeriggio!!... :s03:

 

Invece di andare a perdere tempo spiattellando in giro a sinistra e a dritta i "segreti" del mestiere dei professionisti :s41: ... pensa ad organizzarti per essere presente alla franchigia spezzina!!! :s03:

 

(ottima spiegazione comunque! :s20: :s02: )

Share this post


Link to post
Share on other sites
non avevi proprio niente da fare oggi pomeriggio!!...

Veramente ero nell'intervallo di pranzo... e l'ho utilizzato per il "bene della causa"... :s67: :s34:

 

... pensa ad organizzarti per essere presente alla franchigia spezzina!!!

Purtroppo, come ho comunicato nel topic sulla franchigia ligure, non riesco ad esserci, e mi dispiace parecchio... :s06: :s05: Ma mi rifarò di sicuro alle prossime occasioni!

 

(ottima spiegazione comunque! :s20: :s02: )

Grazie Bob! :s02: :s10:

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest bollazero

C.TE ALAGI

sei un grande :s20:

ammirazione e un po di invidia :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Mauri, spiegato meglio che sul manuale :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto "in emersione" questo topic ad uso di Emanuele (com.te GFG Priaroggia).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Una curiosità: come mai si vedono i righelli doppi nelle tue schermate?

 

Perchè in taluni casi ho fatto un "fermo immagine" della schermata di Photoshop su cui stavo lavorando, poi la ho rielaborata sempre in Photoshop e ho fatto un altro "fermo immagine". Quindi, in quei casi, il righello in alto e quello a sinistra sono i righelli effettivi del programma, mentre quello più in basso e quello spostato un po' più verso il centro fanno parte dell'immagine su cui stavo lavorando. :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Salgàri

Maurizio,

mi potresti illustrare,passo passo,come si opera per trasferire immagini di Google Earth su files ?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurizio,

mi potresti illustrare,passo passo,come si opera per trasferire immagini di Google Earth su files ?

Grazie

 

A differenza di altre immagini rivenienti dalla rete (direttamente scaricabili sull'HD del computer), per le immagini di Google Earth non si può fare un download immediato.

Bisognerà quindi procedere come indicato di seguito:

 

1) Individuare con "Google Earth" l'area che interessa: prendiamo, per esempio, il centro di Rapallo (GE)

immagine1dq5.png

 

2) A questo punto bisogna "acquisire" l'immagine in formato jpg.

- Con Windows, se non vado errato, schiacciando il tasto-funzione "stamp" creeremo nella cartella dei documenti un file che avrà catturato l'intero schermo.

- Con MAC, schiacciando insieme i tasti "mela", "maiuscole" e "3" otterremo lo stesso risultato e il file sarà individuabile direttamente sul desktop.

In pratica, si verrà a creare un file jpg analogo all'immagine di cui sopra.

(Con MAC, è possibile selezionare direttamente una specifica zona della schermata: schiacciando insieme i tasti "mela", "maiuscole" e "4" si genererà un cursore sullo schermo. Tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, selezionare l'area che interessa e passare al punto 7)

 

Immaginiamo, però, che a noi interessi solo la parte inclusa nel rettangolo rosso, come indicato qui:

immagine1hy2.png

(oppure, in alternativa, pensiamo di voler selezionare l'intera fotografia, eliminando l'area degli "strumenti" a sinistra)

 

3) Aprire il file jpg in "Photoshop"

 

4) Selezionare lo strumento "selezione rettangolare" (indicato dalla freccia rossa):

immagine3yo8.png

 

5) Tenendo schiacciato il tasto sinistro del mouse, selezionare l'area che interessa. Si creerà un rettangolo con i bordi tratteggiati:

immagine2cg1.png

 

6) Dal menù a tendina "Immagine" (in alto nello schermo, selezionare "Ritaglia". Si creerà una nuova immagine con la nostra selezione:

immagine1jl8.png

 

7) Salvare l'immagine con una nuova denominazione e procedere, sempre in ambiente Photoshop, a inserire testi, scritte o altri elementi che ci interessa evidenziare.

immagine1mx0.png

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest seicolpi

Navigando su internet ho trovato un programmino di grafica abbastanza buono, completamente in italiano e soprattutto gratuito. Utile per chiunque voglia lavorare sulle foto ma non intende acquistare photoshop. Ovviamente non è ai livelli di quest'ultimo ma il suo lavoro lo svolge molto bene.

 

Photofiltre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che ne abbiamo parlato nel quiz con Gichiano, ecco alcune indicazioni per antichizzare con il "viraggio seppia" delle foto attuali.

 

Partiamo proprio da una foto di questo genere...

immagine1i.png

 

... Il cui "originale" è questo

photo131.jpg

 

Ecco quindi la procedura per trasformare la foto:

 

1) Aprire la foto in ambiente "Photoshop", nel menù a tendina "Immagine" selezionare "Metodo" e verificare che il colore corrisponda a uno dei profili "RGB" oppure "CMYK". Se non è così, selezionare una delle due opzioni (entrambe vanno bene, per il prosieguo del lavoro non cambia nulla):

immagine1trq.png

 

2) Una volta verificato quanto sopra, sempre nel menù "Immagine" sottomenù "Metodo", selezionare "Scala di grigio" e cliccare su "OK" oppue "Invio". Il risultato sarà questo:

immagine2s.png

 

3) L'immagine modificata come nel punto 2), andrà nuovamente trasformata in colore "RGB" oppure "CMYK" come da punto 1). Questa procedura è molto importante perchè trasforma i toni di grigio (che come tali continuano a venire visualizzati dai nostri iocchi) in toni di colore.

 

4) A questo punto, sempre nel menù a tendina "Immagine", scegliamo "Regolazioni" e da qui "Bilanciamento colore":

immagine3l.png

 

5) Si aprirà una finestra dove tre cursori permettono di regolare le tre componenti principali del colore (Cyan/Rosso - magenta/Verde - Giallo/Blu):

17bmmc.png

 

6) Ora sta alla sensibilità e al gusto di ognuno scegliere una combinazione che soddisfi l'occhio con l'effetto "seppia" o "antichizzato". Di norma, il cursore in basso va spostato più verso il "giallo" (a sinistra), quello centrale va mosso poco e quello superiore va spostato un poco verso il "rosso" (a destra).

L'effetto finale sarà questo:

immagine2z.png

Come ripeto, molto dipenderà dal nostro gusto: l'importante è fare un po' di prove, e non esagerare mai con variazioni troppo marcate... Conviene procedere sempre gradualmente.

Una volta raggiunto un risultato che ci piace, cliccare su "OK", salvare la fotografia. :s02:, e il gioco è fatto.

 

Naturalmente, la stessa procedura si può fare anche con le foto già originariamente in bianco e nero, partendo dal punto 3) della spiegazione.

immagine2l.png

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites
2) A questo punto bisogna "acquisire" l'immagine in formato jpg.

- Con Windows, se non vado errato, schiacciando il tasto-funzione "stamp" creeremo nella cartella dei documenti un file che avrà catturato l'intero schermo.

 

Io non riesco ad ottenere niente schiacciando "stamp" nella tastiera. Nella cartella documenti non appare nulla.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io non riesco ad ottenere niente schiacciando "stamp" nella tastiera. Nella cartella documenti non appare nulla.

 

 

Il file rimane negli appunti.

 

Se usi photoshop fai così: dopo aver catturato la schermata che ti interessa, vai su File→Nuovo (la dimensione sarà impostata automaticamente in base alla dimensione della schermata catturata)→OK→Modifica→Incolla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho fatto come mi hai detto ma appare una pagina bianca e quando vado su modifica un appare la voce incolla.

Come faccio a incollare una cosa che non so dov'è?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho fatto come mi hai detto ma appare una pagina bianca e quando vado su modifica un appare la voce incolla.

Come faccio a incollare una cosa che non so dov'è?

 

 

Prima di aprire photoshop fai lo screenshot col tasto stamp: l'immagine rimane memorizzata negli appunti ed è disponibile per essere incollata nel nuovo documento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ce la fai ad essere paziente ?:s10:

Non so come si fa ad aprire gli appunti, nè cosa sia uno screenshot :s14:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ce la fai ad essere paziente ?:s10:

Non so come si fa ad aprire gli appunti, nè cosa sia uno screenshot :s14:

 

Una volta che hai schiacciato il tasto "Stamp", il fermo immagine di tutto quello che si vede nello schermo (ossia lo screenshot), rimane memorizzato all'interno del tuo computer in una sezione denominata "appunti". Non è necessario aprire gli appunti, il tuo "fermo immagine" è già memorizzato lì in formato jpg.

A questo punto procedi così:

1) Apri il programma Photoshop;

2) Nel menù a tendina "File" seleziona "Nuovo" (la prima opzione dall'alto);

3) L'operazione 2) aprirà una nuova finestra dalle dimensioni e dalla densità in pixel dell'immagine "screenshot" già catturata in formato jpg;

4) Schiaccia insieme il tasto "control" e il tasto "V" (come nella procedura "incolla" di un normale processo di "copia e incolla" di word) e l'immagine dello schermo verrà incollata nella nuova finestra;

5) Nel menù a tendina "Livelli" selezione "unico livello" (l'ultima opzione in basso)

6) Se necessario, fai tutte le modifiche del caso alla fotografia (ritaglia, luminosità, controllo colore ecc.), salva l'immagine e la procedura è completata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti per i suggerimenti...

 

Io per salvare qualsiasi schermata da Windows schiaccio contemporaneamente alt+stamp poi apro un qualsiasi programma di grafica (anche Paint) creo un nuovo documento ed incollo.

 

Per salvare le immagini da Google earth basta andare in File, salva, salva immagine oppure fare ctrl+alt+s

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie dell'aiuto passo per passo ma arrivato ad incolla non lo posso fare perchè nella finestra a scorrere non è disponibile nessuna voce da cliccare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembra di capire che non si riesca a catturare la schermata. Vedo se esiste qualche software gratuito, che consenta automaticamente la cattura ed il salvataggio. :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie iy appena posso ci provo! :s01:

A proposito hai visto i cacciamine e la nave che sono in porto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie iy appena posso ci provo! :s01:

A proposito hai visto i cacciamine e la nave che sono in porto?

 

 

Li ho visti arrivare questa mattina, da vicino ancora no, magari ci faccio un salto nel pomeriggio :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Meglio tardi che mai :s03: :s03:

Meno male :s02: Ho già fatto qualche foto ma torno nel pomeriggio sperando in una luce migliore.

Edited by gichiano

Share this post


Link to post
Share on other sites

ieri mi sono arrivate in ufficio le fotografie di alcuni candidati, ovvero la classica foto elettorale, ognuna delle quale pesava 20 Mk!!!!!!!!!!!!!!!

.. se per fotine del genere si sprecano inutilmente migliaia di pixel (vi assicuro che per questo genere di immagini alta o bassa non cambia nulla, nessuno si accorge della differenza), la mia domanda da profano è: le foto storiche cartacee come possono essere ad alta risoluzione? o alla fine il concetto di alta e bassa risoluzione significa solamente foto grande o piccola?

Edited by walter leotta

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest ERICH TOPP U-552

....Caro Walter....premesso che non sono un "tecnico fotografico" !!....

 

....provo a darti una umile "opinione" su quanto domandato da te....

 

....mi viene da pensare che un tempo, ovviamente la "qualità" fotografica, fosse piuttosto "limitata"....oggi, grazie ad elaborazioni informatiche, miglioramento inerente alla "carta fotografica" stessa e tutto ciò che concerne la fotografia, la qualità stessa, ha fatto "passi da gigante" (come del resto un pò tutta la tecnologia in generale)....

 

....Oggi sicuramente, confrontando un foto d'antan, con una odierna, ci "scappa da ridere" sulla qualità....è altresì anche vero, che nei più importanti Archivi nazionali dei vari paesi del mondo, partendo da una foto "originale" d'epoca, riescono a migliorarla qualitativamente e di conseguenza poi, dietro richiesta di chiunque di noi, a fornirla in qualità digitale, con risultati oserei dire eccezzionali, aumentandone sicuramente la "nitidezza" e la "risoluzione"....ovviamente modificandone i "pixel"....

 

....se non dico delle castronerie, la differenza tra "alta" e "bassa" risoluzione, si gioca semplicemente sul numero di "pixel" da cui è formata la foto stessa....più "pixel" ci sono (ovviamente il "numero" aumenta in proprorzione alla sua "grandezza"....più ce ne sono e più la "grana" della foto, diventa "compatta") e più risulterà "nitida", aumentandone di conseguenza il suo "peso" (Kb, Mb, Gb, etc.)....

 

....per cercare di spiegarmi meglio, immagina un "puzzle"....si, proprio quello composto da tanti "taselli"....ecco, oggi una foto digitale è composta da "quelli" (inteso come tasselli, che sarebbero i famosi "pixel")....proporzionalemente....meno e più grandi ce ne sono, e più la foto rimarrà "sgranata"....viceversa....più ce ne sono, e ovviamente, più piccoli sono e più rimarrà "nitida" e meno "sgranata"....al tempo stesso, più ce ne sono....e più diventa "grande" (inteso sempre come "peso").... :s02:

 

....spero di essermi spiegato nel modo giusto....? :s19:

 

 

 

:s67: Mau

Share this post


Link to post
Share on other sites
....se non dico delle castronerie, la differenza tra "alta" e "bassa" risoluzione, si gioca semplicemente sul numero di "pixel" da cui è formata la foto stessa....più "pixel" ci sono (ovviamente il "numero" aumenta in proprorzione alla sua "grandezza"....più ce ne sono e più la "grana" della foto, diventa "compatta") e più risulterà "nitida", aumentandone di conseguenza il suo "peso" (Kb, Mb, Gb, etc.)....

Confermo quanto detto da Mauro: il punto, per una foto cartacea, sta solamente nella densità in pixel con cui è stata rilevata allo scanner.

Mi spiego meglio: per la classica foto in formato "cartolina" 8x12 oppure 9x15, una densità di 300 dpi (ovvero pixel per pollice quadrato) sarà sufficiente a consentirne la riproduzione a stampa nel formato originale oppure anche maggiorato max di un 15/20 %.

Se si vuole riprodurre un'immagine a stampa (e con buone caratteristiche) a dimensioni doppie occorrerà riprenderla a 6/700 dpi. Per ottenere qualità (e/o dimensioni ancora maggiori) bisognerà riprendere la fotografia a dimensioni in pixel ancora maggiori: solitamente, uno scanner non professionale può arrivare anche a 1.500/2.000 dpi.

In ogni caso, se una foto "storica" (intendendo per tale una foto cartacea) deve essere riprodotta a stampa, una densità di 400 dpi è più che buona.

Una notazione importante: se una foto viene riprodotta da un libro o rivista, andrà eliminato l'effetto "puntinato" attivando l'opzione "deretinatura" nelle preferenze dello scanner. In questo caso, però, la densità di rilevamento non dovrà superare i 300/350 dpi, perchè - con densità maggiori - l'effetto "deretinatura" non funziona correttamente.

Il discorso è diverso se la foto deve essere pubblicata su internet (senza la necessità, ovviamente di doverla scaricare ad alta risoluzione). In questo caso, la "classica" densità di 72 dpi va benissimo, e consente la riproduzione a video a dimensioni più che accettabili, evitando di appesantire inutilmente il sito su cui l'immagine andrà pubblicata. Ovviamente, anche in questo caso bisognerà utilizzare l'opzione "deretinatura" nel caso di immagini rilevate da carta stampata.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buona giornata e complimenti, una spiegazione molto professionale!

Si nota lo zampino di un Mac user :s41: (se non sbaglio)

 

Mauro

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si nota lo zampino di un Mac user :s41: (se non sbaglio)

 

Non sbagli! :s20: :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ero rimasto alle lezioni di fotografia alle medie con vecchi rullini in bianco e nero e acidi vari :s03:

 

tnx per le info :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie mille ai due comandanti per la lezione molto interessante.

una domanda ad Alagi: anch'io utilizzo mac anche se la mia conoscenza è a livelli minimi... come programma ho un Adobe Photoshop 7.01 ma non riesco a trovare la funzione "deretinatura"... DOMANDA: è perchè sono imbranato oppure è una versione arcaica?

Share this post


Link to post
Share on other sites
grazie mille ai due comandanti per la lezione molto interessante.

una domanda ad Alagi: anch'io utilizzo mac anche se la mia conoscenza è a livelli minimi... come programma ho un Adobe Photoshop 7.01 ma non riesco a trovare la funzione "deretinatura"... DOMANDA: è perchè sono imbranato oppure è una versione arcaica?

 

La funzione "deretinatura" non è in Photoshop (la versione che hai tu va benissimo). Trovi questa funzione nel programma che gestisce lo scanner, difatti la "deretinatura" va attuata in sede di rilevamento dell'immagine e non di fotoritocco.

In pratica - indipendentemente dal modello e dalla marca di scanner che hai - quando apri lo scanner ti comparirà a video un pannello di controllo. Da qualche parte dovrai trovare un comando del tipo "Attiva / Disattiva deretunatura": selezionandolo (e ricordandoti di non superare mai i 350 dpi con la deretinatura attivata), rileverai le foto da stampa eliminando l'effetto puntinato.

A questo punto accorpo a questa discussione la vecchia discussione sul fotoritocco con Photoshop, così mettiamo tutto insieme. :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io, quando posso, digitalizzo direttamente dai negativi o dalle diapositive ... in questo caso però 1200/2400 dpi sono indispensabili.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tratta da un altro topic, inserisco qui la procedura per ridurre le dimensioni informatiche di un'immagine, penso possa servire... :s02:

1) Si apra l'immagine in "Photoshop" (ne ho scelta una da 2.3 MB, quindi enorme e molto pesante). Dalla barra dei menù a tendina in alto, selezionare "immagine" e - dalla tendina che si aprirà verso il basso - selezionare "Dimensione immagine" (oppure "resize image" per chi ha Photoshop in inglese), Si aprirà un pannello come quello della foto in basso:

immagine1b.png

Questo pannello ci dice che l'immagine ha una densità di 200 dpi e dimensioni pari a cm 141 x 105. Ecco perchè è così lenta a caricare... ha le dimensioni di un cartello pubblicitario!

 

2) Nel pannello spuntare la dicitura "Ricampiona immagine" (freccia rossa).

immagine1stz.png

Questo comando farà sì che la "parentesi graffa" che - nel pannello precedente - univa insieme i tre valori di altezza, larghezza e risoluzione dell'immagine, ora terrà collegati insieme solo la larghezza e l'altezza, svincolando la risoluzione (freccia gialla).

 

3) Portare il puntatore nello spazio bianco dove è indicata la densità in pixel dell'immagine e sostituire al valore preesistente una densità pari a 72, cioè quella ottimale per la pubblicazione sul web (freccia rossa).

immagine1t.png

NOTA: se la foto ha già densità di 72 dpi (come in effetti accade con molte fotocamere digitali) ma le dimensioni risultano comunque enormi, il che porta comunque alla "pesantezza" in MB dell'immagine, saltare questo punto e passare al punto successivo.

 

4) Dobbiamo ora ridurre le dimensioni "fisiche" dell'immagine (larghezza e altezza); il fatto che la "parentesi graffa" unisca questi due valori farà sì che sia sufficiente modificarne uno per variare di conseguenza - e proporzionalmente - anche l'altro.

Portare il puntatore nello spazio bianco dove è indicata la larghezza e inserire il valore "20". In automatico varierà proporzionalmente anche il valore dell'altezza (freccia rossa).

immagine1ypn.png

Si noti che - espressa in cm - questa è già una dimensione "limite": "15" o al max "17" possono andare anch'essi benissimo.

Rispetto ai 2.3 MB iniziali, l'immagine ora pesa solamente poco meno di 300kb.

 

5) Cliccare su OK, salvare l'immagine così modificata e caricarla con "Imageshack", "Tinypic" o un altro programma analogo

Nota: è sempre meglio lavorare su copie delle immagini, per evitare di modificare irrimediabilmente gli originali.

 

Come ho detto in precedenza, invito tutti - per quanto possibile - a seguire questa procedura. Purtroppo ci sono parecchi post (soprattutto quelli con numerose immagini) che impiegano tempi lunghissimi ad aprirsi proprio perchè contengono fotografie di dimensioni informatiche enormi. L'apertura di ogni singola immagine occupa parecchia memoria RAM, e il topic, a un certo punto, potrebbe anche non aprirsi o - peggio - incatastare tutto il computer, rendendo necessario uno spegnimento forzato e il conseguente riavvio del macchinario. Senza contare che, caricando foto così grandi, tanti comandanti possono non vederle, oppure possono bloccare per tempo l'apertura del topic per evitare i problemi sopradescritti ma, a questo punto, perdendo la possibilità di leggere anche solo i testi... :s02:

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille carissimo Alagi. Pensa io ho Photoshop 7.0 e non sono mai stato capace di usarlo. Per quel poco che ci hai insegnato e veramente ottimo. Io uso Paint perchè è abbastanza semplice, ma vedo che photoshop sapendolo usare è miracoloso. Pensa caro Alagi io sono un vecchio, dico vecchio perchè sono già in pensione da qualche annetto tipolitografo, quindi ho vissuto la mia esperienza lavorativa dalla stampa tipografica, quella litografica offset a quella digitale. Dove lavoravo come ti dicevo abbiamo subito il digitale, ma non mi sono mai applicato nell'adoperare tale programma. Avevamo degli operatori che facevano miracoli con il photoshop. Tutto questo per dirti che conosco bene il tutto, ma come dicevo non mi ci sono mai applicato. Grazie ancora per le dritte.

Salutoni da Pennabianca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Maurizio...

 

Come si procede per inserire una foto in un'altra foto?

 

BERILLO :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Come si procede per inserire una foto in un'altra foto?

Dipende cosa vogliamo fare: se vogliamo inserire una foto all'interno di un'altra più grande, come in un "riquadro", la procedura è molto semplice e di facile esecuzione.

 

1) Apriamo in Photoshop la foto "base", ad esempio questa:

immagine1ezq.png

e immaginiamo di voler inserire, in alto a sinistra, un riquadro con la fotografia di un altro sommergibile.

 

2) Apriamo quindi in Photoshop la foto da inserire nel riquadro, ad esempio questa:

immagine2ghh.png

 

3)Una volta aperta in Photoshop la foto di cui all'esempio 2), applichiamo una procedura mutuata da "Word": si tratterà di attuare un "copia e incolla", e andiamo quindi a selezionare l'immagine 2) con questa sequenza:

- "control" / A per selezionare tutta l'immagine

- "control" / C per copiare l'immagine

(gli utenti MAC useranno il tasto "mela" al posto del tasto "control")

 

4) a questo punto, riaprire l'immagine 1) e incollare con "control" / V l'immagine 2. Il risultato potrebbe essere di questo tipo:

immagine3cny.png

E' chiaro che dovremo ridimensionare e riposizionare l'immagine sovrastante.

 

5) Per ridimensionare l'immagine:

Nel menù a tendina "Modifica" scegli "Trasforma": si aprirà un'ulteriore tendina con varie opzioni:

immagine1hvo.png

 

6) Nell'ultima tendina aperta selezionare "Scala" e - TENENDO PREMUTO IL TASTO MAIUSCOLE - fare clic con il tasto sinistro del mouse sull'angolo in basso a destra della fotografia sovrastante. Tenendo premuto il tasto sinistro e spostando il mouse potremo ingrandire/rimpicciolire l'immagine sovrastante (nel nostro caso va rimpicciolita):

immagine2awb.png

E' importante compiere questa operazione tenendo premuto il tasto delle maiuscole: se non lo facciamo, la trasformazione sarà libera e non verrà mantenuta la proporzione tra altezza e larghezza dell'immagine da sovraimporre.

 

7) A questo punto, dobbiamo riposizionare l'immagine, in alto a sinistra:

Utilizziamo il comando "freccia" (indicato dalla freccia rossa) e, una volta selezionato, spostare l'immagine nella posizione desiderata.

immagine1v.png

 

8) Per completare l'operazione, diamo un comando "invio" e - sempre in ambiente Photoshop - dal menù a tendina "Livello" selezioniamo "Unico livello" (è uno degli ultimi comandi verso il basso del menù a tendina). Questa operazione termina la procedura e consente di salvare l'immagine con un "peso" in kb molto inferiore ad un'immagine in cui i livelli non sono stati unificati.

 

La procedura per inserire persone in una fotografia, sostituire volti ecc. è analoga anche se, ovviamente, è più complessa e rende necessario l'uso di ulteriori comandi e specifiche azioni combinate.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao carissimo Alagi ho eseguito il "compito" come vedi, addirittura sono riuscito a fare due inserimenti. Però credo di avere appesantito di molto la foto.

Come noterai la foto ha diverse macchie sgranate, tu cosa ne dici? Questo però mi succede solo quando la carico su ImageShack, perchè la foto originale con gli inserimenti salvata su immagini del mio computer è perfetta. Anzi ho fatto fatica a salvarla, perchè ogni volta che tentavo di prelevarla da immagini, mi si apriva il programma Photoshop con la fotografia in questione, sono poi riuscito a copiarla passandola su ImageReady. Non chiedermi come ho fatto.

inserimentoconleduetorr.gif

By pennabianca

 

In attesa di correggermi il compito :s68: :s68: ti saluto.

Ventoinpoppa da Pennabianca :s55: :s55: :s55:

Edited by pennabianca

Share this post


Link to post
Share on other sites
In attesa di correggermi il compito :s68: :s68: ti saluto.

Il compito è buono, diamo un bell' 8 e 1/2. :s20:

Per ridurre il peso informatico dell'immagine, prova a registrarne una copia, e provvedi a modificarla come indicato qui:

http://www.betasom.it/forum/index.php?s=&a...st&p=276381

Dovrebbe funzionare... :s02:

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

daprovareperweb.gif

By pennabianca

Carissimo Alagi, come vedi ho cercato di rimediare e ho postato un'altra foto facendo tesoro dei tuoi suggerimenti. Ho alleggerito la foto come hai detto tu nei post precedenti, poi l'ho salvata per il web ed ecco tutto, anche perchè non riuscivo a caricarla su ImageShack, quando dovevo copiarla dalla cartella immagini mi si apriva Photoshop con la foto, salvandola per il web eccoci qua, mi sembra ottima. :s03: :s03: :s20: :s20:

Edited by pennabianca

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carissimo Alagi, come vedi ho cercato di rimediare

 

Il voto passa quindi a 10! :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il voto passa quindi a 10! :s03:

 

Grazie carissimo e se hai altre dritte, ben vengano.

Ho imparato di più in questi due giorni da te di photoshop che in 38 anni di cariera tipolitografica. :s03: :s03: :s03: Pensa che per fare quegli inserimenti in pellicola retinata per la stampa, dovevo fare un enorme lavoro di maschere e contromaschere. Grazie a presto ciao :s20: :s20: :s20:

Edited by pennabianca

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s06: help!

 

Il mio metodo per realizzare i disegni con Photoshop CS 2, consiste nel preparare uno schema di base grezzo ed elaborarlo in formato jpeg; che alterno con il formato psd, che è molto utile perché supporta i livelli e li mantiene, anche dopo essere salvato; quando ho terminato il disegno procedo alla colorazione in formato jpeg.

 

 

 

L’inconveniente che si verifica con questo metodo si manifesta quando al termine della lavorazione procedo a modifiche e ritocchi; in questi casi il colore s’inquina col manifestarsi di pixel sbiaditi che si discostano dalla colorazione base.

 

 

 

Da poco tempo però ho iniziato a elaborare i disegni con il formato BMP alternandolo comunque al psd, quando ho necessità di lavorare su livelli diversi; terminato il lavoro trasformo il file in formato jpeg; ho verificato che se trasferisco via internet il file originale, la qualità dell’immagine resta immutata, se procedo ad una riduzione la qualità scade in funzione della riduzione effettuata.

 

 

 

Non sono completamente certo che passando al formato BMP abbia completamente risolto il problema, per cui chiedo se esistono altre alternative e vorrei sapere in quale formato è consigliabile archiviare i file.

 

 

 

Ho notato che ci sono disegni in TIFF, GIF e PNG, si può sapere qualcosa di più sulle caratteristiche di questi formati finalizzati alla realizzazione e conservazione dei disegni?

 

ringrazio chiunque vorrà intervenire

Buffoluto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,531
    • Total Posts
      516,305
×