Jump to content
Sign in to follow this  
15x60

Foro Smg Italiano Non Meglio Identificato

Recommended Posts

Stamani ho comperato questa foto. Il venditore mi ha detto che questa foto è stata poi pubblicata su di un quotidiano inglese, tant'è che sul retro è incollata la stessa foto, ma come ritaglio di giornale di quell'articolo a corredo del quale la foto era stata abbinata.

 

smgitalianononidentificbt6.jpg

 

smgitalianononidentificmv9.jpg

 

smgitalianononidentifichm7.jpg

 

fabio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si tratta del Sommergibile Gondar della classe 600 serie Adua: il nome lo si può leggere scritto a matita blu sotto il ritaglio dell'articolo.

A conferma di questo leggasi la data scritta a macchina nel trafiletto incolalto sotto la foto originale: 30 Settembre.

 

Il Gondar enne attaccato dal caccia inglese Stuart con bombe di profondità e da un idrovolante Sunderland. Costretto a riemergere, venne autoaffondato. L'intero equipaggio venne salvato ad eccezione di una vittima dell'attacco aereo. Era alla prima missione con

 

Autoaffondato il 30/9/40 presso Alessandria d'Egitto dopo una violenta caccia antisom da parte dei cacciatorpediniere inglesi Stuart ed H-22.

 

Dal sito: Trento in Cina

http://www.trentoincina.it/dbsomm2.php?short_name=Gondar

Edited by Argo75

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissime foto! Complimenti!

 

Se non sbaglio il Gondar era stato trasformato per il trasporto degli S.L.C., e doveva svolgere proprio una missione di questo tipo quando fu affondato.

 

luca

 

P.S. Non si potrebbe spostarlo in Storia?

Edited by brin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non si tratta del Gondar. Il Gondar venne autoffondato nel Golfo di Bomba il 30 settembre 1940 dopo essere stato attaccato dall'HMAS Stuart e da un idrovolante Sunderland. Tuttavia, il Gondar imbarcava in coperta tre cilindri per il trasporto degli SLC (uno a proravia della falsatorre e due a poppavia) e il battello della foto non li ha.

La fotografia raffigura il sommergibile Uebi Scebeli, in affondamento il 29 giugno 1940, 35 miglia a NE di Derna; il caccia sullo sfondo a sinistra è l'HMS Defender, che prese parte alla caccia a/s al termine della quale il battello italiano venne affondato. Risulterebbe che l'unità italiana non affondò subito, il che permise ad un "boarding party" della Royal Navy (è visibile la lancia in primo piano) di impadronirsi di alcune pubblicazioni classificate dell'archivio di bordo.

Le date e le scritte sulle fotografie sono evidentemente errate.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s68: :s68: :s68:

 

Mi pareva strano di non vedere i cassoni.....Bravo Mau! :s20: :s20: :s20:

 

:s68: :s68: :s68:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per il tuo contributo Alagi. Non c'è verso, non riesco a dire di no...30 Euro non sono pochi...,ma non ho resistito... :s06:

 

fabio

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti mancano i cassoni: ad ogni modo la data ed il nome aggiunto a penna, che credo non siano casuali, mi fanno pensare ad un falso d'epoca: ossia ad un immagine presentata dalla stampa di allora come se fosse il Gondar... altrimenti non si spiega la data.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non si tratta del Gondar. Il Gondar venne autoffondato nel Golfo di Bomba il 30 settembre 1940 dopo essere stato attaccato dall'HMAS Stuart e da un idrovolante Sunderland. Tuttavia, il Gondar imbarcava in coperta tre cilindri per il trasporto degli SLC (uno a proravia della falsatorre e due a poppavia) e il battello della foto non li ha.

La fotografia raffigura il sommergibile Uebi Scebeli, in affondamento il 29 giugno 1940, 35 miglia a NE di Derna; il caccia sullo sfondo a sinistra è l'HMS Defender, che prese parte alla caccia a/s al termine della quale il battello italiano venne affondato. Risulterebbe che l'unità italiana non affondò subito, il che permise ad un "boarding party" della Royal Navy (è visibile la lancia in primo piano) di impadronirsi di alcune pubblicazioni classificate dell'archivio di bordo.

Le date e le scritte sulle fotografie sono evidentemente errate.

 

 

Mauri, bisogna farla avere a Nappi...... suo fratello era lì........

 

Ciao luca

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non si tratta del Gondar. Il Gondar venne autoffondato nel Golfo di Bomba il 30 settembre 1940 dopo essere stato attaccato dall'HMAS Stuart e da un idrovolante Sunderland.

 

Sto cercando di chiarirmi le idee...dunque, Toschi nel suo "In fuga oltre l'Himalaya" parla chiaramente di due cacciatorpediniere e una corvetta (oltre al Sunderland). Nomina però solo un CT, lo Stuart.

 

Pegolotti (direi che è lui, in questo momento non l'ho sottomano) parla di due CT, l'australiano Stuart e l'inglese H22, più una non identificata corvetta.

 

Trenmtoincina http://www.trentoincina.it/dbsomm2.php?short_name=Gondar parla di CT Stuart e Diamond, e corvetta H22

 

Questo sito http://www.absoluteastronomy.com/topics/60...class_submarine parla di Stuart e Diamond

 

Uboat net http://www.uboat.net/allies/warships/ship/4371.html dice che il Diamond era H22, anche se non cita il Gondar tra le sue prede, mentre lo cita tra i successi dello Stuart...http://www.uboat.net/allies/warships/ship/4287.html

:s68:

 

Qualcuno mi può fare chiarezza per favore???

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal Rohwer risulta che UEBI SCEBELI è stato affondato da DAINTY (H 53) e ILEX (D 61). H 22 era effettivamente il DIAMOND. GONDAR, invece, venne affondato da HMAS STUART (D 00) e un idro Sunderland del 230 Squadron della RAF. Quanto alle corvette, non ce n'erano ancora nel Mediterraneo all'epoca. Caso mai avrebbe potuto essere uno sloop o un dragamine: ma non c'era.

P.S. Il 23/24 agosto 1940 STUART, DIAMOND, JUNO e ILEX compiono insieme una missione nel Golfo di Bomba. Dal 29 agosto al 6 settembre JERVIS, JUNO, DAINTY e DIAMOND scortano un convoglio da Alessandria a Malta.

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quanto alle corvette, non ce n'erano ancora nel Mediterraneo all'epoca. Caso mai avrebbe potuto essere uno sloop o un dragamine: ma non c'era.

 

Strano....Toschi parla espressamente e ripetutamente di corvetta: anzi, scrive che fu proprio dalla corvetta che fu recuperato; descrive ampiamente (pp. 63/64), l'imbarcazione (una specie di barca da pesca riciclata), l'equipaggio ( 5 uomini, di cui tre "specialisti della Marina da guerra per il lancio delle bombe di profondità e per gli apparecchi elettroacustici" il comandante , ex padrone di navi da pesca, "ha già partecipato a molte cacce contro sommergibili tedeschi nel mare del Nord", ecc.

 

Si trattava probabilmente dell'"Armed trawler", il peschereccio armato, di cui parla Walter in altro topic simile...

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites
Strano....Toschi parla espressamente e ripetutamente di corvetta: anzi, scrive che fu proprio dalla corvetta che fu recuperato; descrive ampiamente (pp. 63/64), l'imbarcazione (una specie di barca da pesca riciclata), l'equipaggio ( 5 uomini, di cui tre "specialisti della Marina da guerra per il lancio delle bombe di profondità e per gli apparecchi elettroacustici" il comandante , ex padrone di navi da pesca, "ha già partecipato a molte cacce contro sommergibili tedeschi nel mare del Nord", ecc.

 

Si trattava probabilmente dell'"Armed trawler", il peschereccio armato, di cui parla Walter in altro topic simile...

 

Le prime corvette della classe FLOWER sono entrate in servizio proprio nel maggio-giugno 1940, e tutte riservate alla scorta dei convogli nell'Atlantico. Prima, di corvette nella Royal Navy c'era solo la classe KITTIWAKE, usata esclusivamente per la scorta di convogli costieri intorno al Regno Unito causa insufficienti doti marine. Quindi poteva esser un trawler (peschereccio oceanico con rimorchio di reti a strascico): ma l'equipaggio era sempre di 12-15 persone, non meno. Più piccoli erano i drifter (pescherecci locali con reti lasciate derivare), ma pur sempre con una decina di persone di equipaggio. Le corvette ne avevano 50-60 ed oltre, a seconda dell'armamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dal Rohwer risulta che UEBI SCEBELI è stato affondato da DAINTY (H 53) e ILEX (D 61). H 22 era effettivamente il DIAMOND. GONDAR, invece, venne affondato da HMAS STUART (D 00) e un idro Sunderland del 230 Squadron della RAF. Quanto alle corvette, non ce n'erano ancora nel Mediterraneo all'epoca. Caso mai avrebbe potuto essere uno sloop o un dragamine: ma non c'era.

P.S. Il 23/24 agosto 1940 STUART, DIAMOND, JUNO e ILEX compiono insieme una missione nel Golfo di Bomba. Dal 29 agosto al 6 settembre JERVIS, JUNO, DAINTY e DIAMOND scortano un convoglio da Alessandria a Malta.

 

 

Sul libro di A Turrini, i sommergibili italiani tra le 2 guerre mondiali, all'affondamento dell'UEBI SCEBELI partecipò anche il ct DEFENDER

 

Però, leggendo il libro, mi sono preso la briga di ricordare anche altri battelli che per un motivo o l'altro, si sono trovati vicino a unità nemiche che ne hanno raccolto i naufraghi. Non mi sono fermato però a distinguerli per la classe di appartenenza, quindi potrei dire cose fuori tema:

 

1) Smg PERLA aff 09 lug 1942 - Tentativo di autoaffondamento, raccolta dei naufraghi ma recupero del battello da parte della Corvetta Britannica HYAGINTH. Ribatezzato prima P712 e poi ceduto alla Grecia e rimasto in servizio sino al 1947

 

2) Smg BRONZO aff 12 lug 1943 - attaccato da unità leggere antisomm SEAHAM, BOSTON, POOLE e CROMARTY, che uccisero il Comandante, il secondo a ltri membri dell'equipaggio. Lo smarrimento facilitò la cattura da parte del nemico. Rimorchiato a Siracusa, venne ribattezzato P714 (Britannici) e ceduto nel 44 alla Francia (Narval) e radiato nel 1948

 

3)Smg UARSCIEK aff 15 dic 1942 dopo attacco a formzione Britannica (1 inc.legg e 3 ct), venne sottoposto a caccia che lo costinsero all'affioramento per continuare la battaglia al cannone. Dopo l'uccisione del C/te (che nel frattempo aveva comandato l'autoaffondamento) , del secondo e di numerosi altri membri dell'equipaggio, il ritardo nelle operazioni di autoaffondamento permisero ad unità Britannica di prendere a rimorchio il UARSCIEK, ma subito dopo il sommergibile affondò. L'equipaggio superstite venne recuperato dai britannici

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.navalassoc.org.au/Messdeck%20Mu...02006%20(2).pdf

 

Su questo sito australiano si fa un resoconto sull'affondamento del GONDAR.

Naturalmente, si massimizza il ruolo del ct. STUART e si minimizza quello dell'idrovolante Sunderland.

Si dice anche che il trawler SIDONIS ha partecipato al salvataggio dei superstiti del sommergibile.

 

Voglio fare una ricerca per vedere di che battello si trattava.

 

N.B. Come sempre, gli errori non mancano: HMS ILEX diventa prima FLEX e poi HEX, Ras el Tin diventa Has el Tin ecc:

Edited by de domenico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho fatto la ricerca. Né il monumentale Lenton ("British and Empire Warships of W.W.II") né il Toghill ("Trawlers of the Royal Navy", in due volumi) menzionano questo SIDONIS. Quindi, delle due l'una: o il nome è immaginario o sbagliato oppure (più probabilmente) si trattava di un motoveliero, un "motorschooner" requisito dagli inglesi in Palestina o nel Libano (Siria) francese (non in Egitto che restava formalmente neutrale) e inferiore alle 100 tonnellate. Si spiegherebbe allora l'equipaggio di cinque persone: solo che siamo un po' lontani da una corvetta (o siamo al modello BARBARIGO).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,531
    • Total Posts
      516,325
×