Jump to content
Guest seicolpi

Quiz Foto: Le Altre Forze Armate

Recommended Posts

 Lo Skoda 8,35 cm PLK  montato sul Dubrovnik, poi Premuda , poi T.A. 32 ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il suo derivato ?

 

In medio stat virtus .... Danilo e Massimiliano ci si stanno avvicinando

Edited by stecol

Share this post


Link to post
Share on other sites

In medio stat virtus .....

 

Non è il 9 cm M.12 Austro ungarico, non è lo Skoda 8,35 cm PLK  montato sul Dubrovnik, era in servizio con la Marina Jugoslava, imbarcato su alcuni dei posamine classe Galeb .... che altro vi devo dire ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 hours ago, stecol said:

In medio stat virtus .....

 

Non è il 9 cm M.12 Austro ungarico, non è lo Skoda 8,35 cm PLK  montato sul Dubrovnik, era in servizio con la Marina Jugoslava, imbarcato su alcuni dei posamine classe Galeb .... che altro vi devo dire ?

Quello che  ti posso dire io è che mi sono sciroppato le 16 pagine di Paluba info relative a quella classe, scoprendo solamente la località dove è stata scattata la foto: Baska nell'isola di Veglia (Krk), ma dato che il quiz non è indovina il luogo, non me ne faccio proprio  nulla :biggrin: 

Né il forum Paluba, né Adriatic Naval War 1940/45 di Zwonimir Freivogel e Achille Rastelli parlano di differenze di armamento tra le sei unità. Non mi do comunque pervinto e indagherò  altrove ma, vista l'ora, rimando il tutto a domani e non sarei affatto dispiaciuto se qualche comandante del solito branco di lupi lanciasse prima di me !

EDIT: In barba all'ora dovrei esserci  arrivato. Rilevo che nel 1931 gli originari  cannoni Skoda  da 90 mm vennero sostituiti con gli Skoda da 83,5 mm ( 3,29 in) denominati 83/52, nel Galeb, Labud, Orao e Kobac. Non trovo però documentazione su questo pezzo.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo che si tratta di una "riduzione" dei vecchi 9 cm M.12 (alias 90/42) ad un calibro più moderno.

 

Ma affusto, organi elastici e culatta restavano gli stessi, venne solo cambiata la canna in effetti. Quindi non sostituiti ma trasformati in cal. 83 o 84 (83,5 effettivi) a seconda delle fonti.

 

Direi che Danilo ha centrato la risposta.

 

 

 

 

SKODA90.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perfettamente d'accordo che sia più appropriato il termine "trasformazione".  Restando nel campo delle artiglierie, ecco il nuovo pezzo da identificare.

 

img504rr.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho usato l'antico termine "Ridotto" giusto per non perdere la memoria di certi vocaboli, ma in effetti hai ragione Tu, si tratta di una trasformazione.

Tra l'altro non sapevo che la canna fosse da 52 calibri .... Non si finisce mai d'imparare ! 👍👍

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo ho scopiazzato dal blog del nostro forumista LColombo (che ringrazio) http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2018/03/selve.html

1931: A seguito della decisione da parte della Marina jugoslava di standardizzare le artiglierie del proprio naviglio, i cannoni Škoda da 90 mm del Galeb (e dei gemelli Kobac, Orao e Labud) vengono sostituiti con pezzi Škoda da 83/52 mm, modello adottato dalla Marina jugoslava come cannone standard di medio calibro, in modo da poter usare le stesse munizioni dei cannoni  dell’incrociatore leggero Dalmacija.

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 2/2/2021 at 22:29, danilo43 said:

....  Restando nel campo delle artiglierie, ecco il nuovo pezzo da identificare.

 

img504rr.jpg

 

E' il prototipo di un'arma di progettazione italiana la cui messa a punto fu lunga e ricca di difficoltà ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come ho già detto questo era uno dei prototipi ma il cannone era destinato ad essere imbarcato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Danilo, ma era soltanto destinato, oppure è stato effettivamente imbarcato?

 

Se è la seconda, penserei al 90/50 mod 1939, arma antiaerea che ha avuto molti problemi alla stabilizzazione elettrica.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo dapprima a Ocean's One confermando che l'arma era destinata a due classi di navi italiane; non venne però mai imbarcata su unità nazionali, ma dopo l'8 settembre su alcune unità della Kriegsmarine.

Per Iscandar:  Non vorrei essere troppo pignolo, cerca di affinare il tiro. Ci sei quasi ma c'è un errore (o un refuso) nella tua risposta.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ti riferisci alla lunghezza durante lo sviluppo partì da 56, poi 62 ed infine 64, e si il 54 è un refuso del sito dove l'ho trovato

Share this post


Link to post
Share on other sites

OK ! A te il timone. E' il 65 mm/64 Ansaldo, Modello 1939 https://it.wikipedia.org/wiki/65/64_Mod._1939

Preciso inoltre che sul  Petsamo,  (l'ex Tonno - F 64) citato da Wikipedia, venne installato il pezzo in versione scudata gemello di quello conservato nel Museo Tecnico Navale spezzino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente provenivano tutti e due dal lotto destinato alla NPA Aquila.

 

Oltre che su questa unità, ne era prevista l'assegnazione agli incrociatori classe Capitani Romani, Etna e sul Cavour.

Share this post


Link to post
Share on other sites

.

42 minutes ago, Ocean's One said:

Saro franco: vuole fare il verso al Sunderland ma non ci riesce.

Secondo me volava anche male...

 

..  ed aveva notevoli carenze costruttive, considerando il fatto che oltre il 50 % degli esemplari costruiti andarono perduti per incidenti vari...

Share this post


Link to post
Share on other sites

O Vate @Ocean's One

io so che tu sai che io so che tu sai, ma anche gli altri vogliono sapere ciò che tu sai in maniera di sapere anche loro ciò che noi sappiamo.

 

la scia  è tua scrivendo il nome

Edited by Iscandar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, certo: Saro è il maschile di Sara!

Tu pensavi volesse dire Saunders-Roe? :biggrin: 

 

Ecco allora il mio nuovo soggetto.

Purtroppo l'ho beccato mentre stava facendo il tagliando...

 

Quiz-210216.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bravo Danilo!

Preciso ed implacabile.

 

Pensavo di farla franca non facendo vedere il portellone prodiero, ma l’hai abbattuto lo stesso.

A te il gioco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai visto?

O tempora, o mores!

 

Certo che speravo che almeno il pomeriggio questo modello lo passasse, se non altro perché era parzialmente nascosto...


(cecchino Danilo, ma l’hai capito dalle turboeliche?)

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 hours ago, Ocean's One said:

....ma l’hai capito dalle turboeliche?)

determinanti sono stati i quattro motori con eliche coassiali e la forma della carena.  Il marcato redan sotto l'ala e la forma della poppa sono caratteristici di un idrovolante. Sommando questi elementi il campo di tiro si è così notevolmente ristretto.

Passiamo al prossimo. Faccio anch'io omaggio delle insegne di nazionalità.

 

img519r.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

per il resto della platea "Martin 187 Baltimore", l'aereo che non ti frega in volo, ma al decollo, e per assurdo troppa potenza nei motori.

la mia proposta

PS. per il vate @Ocean's One, questo anche se di uso limey è di progettazione gringos

 

image.png.f787eb6292b6c22032c6ea54e924a916.png

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours ago, Iscandar said:

...per il resto della platea "Martin 187 Baltimore", l'aereo che non ti frega in volo, ma al decollo, e per assurdo troppa potenza nei motori..

 

Esattamente così. Quello della foto da me proposta è uno dei 30 Martin modificati per il trasporto, ripreso all'aeroporto dell'Urbe nel primissimo dopoguerra. C'è da dire che questi velivoli adattati al nuovo compito per evitare la demolizione imposta a fine conflitto, eseguiranno a tutto il 1946 ben 3129 ore di volo senza subire alcun inconveniente.

Per il nuovo Quiz  quel velivolo pare di stampo tedesco.

Edited by danilo43

Share this post


Link to post
Share on other sites

E tu pensa che mi ero messo a cercare il nuovo soggetto che hai proposto fra i progetti USA ceduti alla RAF!!!

Ma tu intendevi il Baltimore... :doh:

 

Allora questo è crucco.

Un piccolo aereo da addestramento o collegamento, probabilmente derivato da un civile, visti i vari finestrini.

I motori sembrerebbero gli Argus, che non sono certo uno sproposito di potenza...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,335
    • Total Posts
      510,936
×