Jump to content
Sign in to follow this  
Totiano

Quando Vararono Il Diaz

Recommended Posts

lo confesso, non sapevo proprio se postarlo in collezionismo, in quadrato o in storia...

 

ma osservatela anche voi e, vi prego, lasciate da parte tutti i richiami al ventennio.

questa che state osservando è l'ascia d'onore impiegata per il varo del Regio Incrociatore "A. Diaz", in avorio e oro. quella del "in nome di Dio, Taglia!"

sul bordo in oro della scure si legge inciso il nome della nave (R.I. Armando Diaz), sui lati le scritte: "Napoli - A. XII. E.F. - 22 Aprile 1934" (data del varo) e il motto della nave: "Con fede incrollabile e tenace valore".

Fu consegnato il giorno del dono della bandiera di combattimento alla nave dalla vedova del Maresciallo d'Italia Armando Diaz, signora Sara.

 

asciaape7.jpgasciabjs1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest luciano pietri

Penso che nesuno possa mischiare il ventennio con un finissimo oggeto e per di più storico.

Grazie per averlo postato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Penso che nesuno possa mischiare il ventennio con un finissimo oggeto e per di più storico.

Grazie per averlo postato

 

Concordo pienamente. Bello il motto, che riprende una delle frasi del Bollettino della Vittoria.....non poteva essere più indovinato....

 

Luca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riguardo a Diaz c' è un articolo molto interessante su Storia Militare di aprile , dopo averlo letto ritengo che Diaz avrebbe meritato di vedere il suo nome su una nave assai migliore di quel mediocre incrociatore leggero :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che l'intitolazione di questa nave al Maresciallo Diaz, sia dovuto al fatto che Diaz era intimamente legato alle gloriose giornate del novembre 1918, mentre l'intitolazione del gemello a Cadorna credo si possa vedere nell'ambito del recupero, della valorizzazione e della rivalutazione di questa figura, che fu fatta dal fascismo. Il tutto nell'ambito della lunga serie dei Condottieri.

 

Luca

Edited by brin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spettacolo Direttore...ma dove hai trovato quest'immagine?

Dove si trova ques'ascia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

n0423-00ag.jpg

 

certo non è stata una nave eccezzionale, ma sicuramente i marinai che sono morti nel siluramento del '41 quel nome lo portavano con orgoglio...

 

è in vendita presso una casa d'aste assieme ad altre mirabilile e cimeli che, invece, andrebbero conservati in un museo. come il lascito dell'amm.Pelosi...

 

www.sangiorgioaste.com

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest luciano pietri

Giusto, è un peccato veder dissipare un insieme di oggetti insigni, così pieni di significati.

Speriamo solo che vadano in mano a persone degne ,capaci cioè di salvarle dal declino in qualche anonima vetrina di salotto.

Luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vado a visionare il sito della casa d'aste...non sarebbe pernsato male che qualche betasoniano investisse del denaro in queste meravigliose opere cariche di storia e memoria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

More !

fammi conoscere altre informazioni che acquisisci,

 

abbraccio,masssimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

............ se la Marina avesse qualche soldo in più da usare, tutta questa storia non andrebbe dispersa..........................

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest bollazero
............ se la Marina avesse qualche soldo in più da usare, tutta questa storia non andrebbe dispersa..........................

CONCORDO PERFETTAMENTE :s06:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate ma leggo solamente adesso questa discussione.

Credo che ci siano delle riflessioni da fare.

Riflessioni che entrano nel vivo della faccenda;ma da fare!!

Quando vengo a conoscenza di faccende come questa ne resto sbalordito

e profondamente dispiaciuto!!!

Mi piacerebbe proprio conoscere le vicende di quell'Ascia!

Per quali vie è andata a finire in un' asta?

Come ci è arrivata?

Chi l'ha venduta?

Dopo il siluramento della nave in che mani è andata a finire?

E' stata per caso consegnata alla Vedova del Maresciallo Diaz se questa era ancora in vita,

e poi successivamente rimasta a qualche suo erede che a sua volta l'avrebbe venduta ?

Ma la Marina Militare è al corrente di ciò?

E se l'avesse venduta la stessa Marina Militare,con quali criteri vengono scelti gli oggetti

da vendere e con l'avallo di chi?

Quì non si parla di un oggetto qualsiasi!!!

L'oggetto apparteneva ormai ad una nave Militare che combattè,fu silurata ed ebbe dei Caduti!!

E quindi cimelio della stessa nave !!!

Non credete che l'oggetto dovrebbe essere proprietà dello Stato e quindi Nostro ?

Non credete che forse sarebbe ora che si facesse una "leggina"nella quale s'imponesse

che certi cimeli vanno ,obbligatoriamente,denunciati

allo Stato attraverso il Ministero della Difesa o dei Beni Culturali i quali potrebbero anche acquistarli,

se il proprietario volesse venderli e che, in mancanza di eredi alla morte del proprietario,

ne diventi proprietario lo Stato stesso ?

Lo so è quasi utopistico ciò,ma a volere credo si possa fare!

 

Fin dove è giusto che questo tipo di cimenli vadano a finire in mano di privati?

Non sarà stata venduta perchè raffigura il simbolo dell'Era che in questo caso non c'entra più proprio

niente?

Io credo che questa discussione vada accostata a quella dell'Amm. Pelosi in quanto riguardante ad aste di cimeli

di grande importanza Storica Nazionale.

Proporrei anche,in questo caso,d'aprire anche un Sezione a parte, quì a BETASOM,per questi

casi!!!

 

Red

Edited by Red

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una piccola curiosità sulla storia del Diaz.

 

Raimondo Franchetti, gran viaggiatore africanista, esploratore della Dancalia etiopica, conoscitore di molti ras e feudatari etiopici, nel 1935 si era stabilito a Beilul, in Eritrea , ma assai vicino ai confini con l'Etiopia, da dove svolgeva attività di intelligence in vista della preparazione della guerra d'Etiopia. Ai primi di agosto rientrò per una breve visita in Italia, ebbe un incontro con Mussolini, poi si affrettò a rientrare. Approfittò dell'aereo del Ministro dei Lavori Pubblici Luigi Razza, un S 81 che si stava recando ad Asmara. Dopo una tappa al Cairo per passare la notte, l'aereo ripartì la mattina del 7 agosto, ma dopo pochi minuti esplose in volo. Incidente quanto mai dubbio, ma non è questo il punto.

Franchetti aveva detto da tempo di voler sepolto in Eritrea, e lì è ancora; ma per i corpi degli altri sei (Razza, il suo segretario e i quattro uomini dell'equipaggio) venne inviato ad Alessandria appunto l'incrociatore Diaz, che li trasportò in Italia, dove ebbero funerali di Stato.

Edited by malaparte

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi associo alle domande di red, in particolare, al fatto che, a quanto si capisce, l' ascia, dopo la consegna della BdC, e' stata collocata a bordo del R.I. (presumo nel quadrato, nei pressi del cofano della BdC) quindi la domanda naturale rimane: dopo il siluramento che vicende ha avuto ?

 

due possibili risposte:

 

1) nel Giugno 1940, insieme agli altri "oggetti artistici" di bordo sia stato immagazzinato a terra (difatti le foto della Cesare post-giugno 1940 mostrano l' assenza del vistoso bassorilievo collocato sulla barbetta della torre 3 di g.c.)

 

2) sia stato recuperato nel corso del primo ritrovamento, del 1950 (difatti la MiCoPeri pare avesse anche presentato un dettagliato piano di recupero stante le incredibilmente ottime condizioni del relitto, analoghe a quelle del Trieste, ma la MMI (saggiamente, IMRHO) lascio' cadere l' idea del recupero e riattamento del Diaz)

 

Saluti,

dott. Piergiorgio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1) nel Giugno 1940, insieme agli altri "oggetti artistici" di bordo sia stato immagazzinato a terra (difatti le foto della Cesare post-giugno 1940 mostrano l' assenza del vistoso bassorilievo collocato sulla barbetta della torre 3 di g.c.)

 

Incidentalmente, questo risponde ad una curiosità che avevo avuto da quando avevo saputo di quel bassorilievo, che credevo fosse solo stato pitturato in grigio :s68:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,691
    • Total Posts
      518,805
×