Jump to content
Sign in to follow this  
Ursus Atlanticus

Smg. Balilla (1913)

Recommended Posts

Dist.smg.RM.(trasp).png

 

Regio sommergibile Balilla
Che l'inse

1913.Smg.BALILLA-.I.sommergibili.Italian
da "I sommergibili italiani" di Paolo M. Pollina - USMM - 1963, per g.c. Sergio Mariotti

Caratteristiche generali

Tipo: Sommergibile di media crociera

Cantiere: Fiat-San Giorgio, La Spezia
Impostazione: 18 Agosto 1913
Varo: 8 Agosto 1915
Consegna: 8 Agosto 1915
Affondato:14 luglio 1916
Radiazione: 4 gennaio 1917
Dislocamento:
- in superficie: 728 t
- immersione: 875 t
Dimensione:
- Lunghezza: 65,0 m
- Larghezza: 6,05 m
- Immersione: 4,17 m
Apparato motore in superficie: 2 motori Diesel FIAT, 2 eliche
- Potenza: 2600 cv
- Velocità max. in emersione: 14.0 nodi
- Autonomia in emersione: 3500 miglia a 10 nodi
Apparato motore in immersione: due motori elettrici, due eliche
- Potenza: 450 Kw
- Velocità max. in immersione: 9.00 nodi
- Autonomia in immersione: 85 miglia a 3,0 nodi
Armamento:
- 2 tls AV da 450 mm
- 2 tls AD da 450 mm
- 2 cannoni da 76/30 mm a.a.
Equipaggio: 4 ufficiali, 34 sottufficiali e marinai
Profondità di collaudo: 50 m

 

5nrgr5.jpg

 

 

 

Generalità
Il Balilla venne requisito dalla R. Marina nel giugno 1915 mentre si trovava in avanzato stato di costruzione per la Marina Imperiale Germanica.
Le sue dimensioni, le caratteristiche, la potenza ed il tipo dell'apparato motore e, nel complesso, le varie sistemazioni di bordo erano di massima quelle della classe "Pacinotti". Differisce da essa nelle forme delle soprastrutture e nell'armamento subacqueo ridotto a quattro tubi di lancio.

 

Smg.BALILLA_via.Alessandro.Burla.jpg

Immagine particolarmente nitida del sommergibile Balilla dopo il varo, per g.c. Alessandro Burla


Attività operativa
Ultimate le prove ed i collaudi, il Balilla raggiunse Brindisi nel febbraio 1916 e fu aggregato alla 4^ Squadriglia (Gruppo autonomo). L'unità fu impiegata, secondo i criteri allora vigenti, in brevi missioni di agguato nei pressi dei più importanti sorgitori nemici e per contrastare eventuali azioni dellavversario dirette contro le nostre coste.
Durante una missione di agguato nelle acque di Lissa al comando del C.C. Paolo Tolosetto Farinati degli Uberti, la sera del 14 luglio 1916, mentre aveva da poco iniziato la carica degli accumulatori, venne attaccato dalle torpediniere austro-unghariche T 65 e T 66; dopo un movimentato ed epico combattimento, il Balilla fu più volte colpito dalle artiglierie dellaT 66 e affondò con tutti i suoi uomini.

Discussioni correlate
storia e cimeli del c.te Farinati degli Uberti http://www.betasom.it/forum/index.php?showtopic=40673&hl=

 

Smg.BALILLA.varo.0_via.M.Risolo.jpg

Smg.BALILLA.collaudo_via.M.Risolo.jpg


Smg.BALILLA.defila_via.M.Risolo.jpg



Smg.BALILLA.lento.moto_via.M.Risolo.jpg


Smg.BALILLA.varo.1_via.M.Risolo.jpg

Smg.BALILLA.varo.2_via.M.Risolo.jpg

Smg.BALILLA.varo.3_via.M.Risolo.jpg

Smg.BALILLA.velocita_via.M.Risolo.jpg

Edited by magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites

In attesa di recuperare le foto perse, Alessandro Burla ci dona queste dal suo archivio

Quote

 

Da un album trovato tanti anni fa con una ventina di foto originali di grande formato dedicate a sommergibili costruiti e varati presso i cantieri FIAT-San Giorgio del Muggiano, il Regio Sommergibile Balilla ripreso nelle acque antistanti il Muggiano, il giorno del varo, l’8 agosto del 1915, giorno che stranamente coincide con quello dell’entrata in servizio.

Il Balilla, destinato originariamente alla Kaiserliche Marine che voleva sperimentare un sommergibile di grande crociera, all’ingresso dell’Italia nella Grande Guerra fu requisito ed incorporato nella Regia Marina. Come già detto fu varato e dichiarato in servizio lo stesso giorno, l’8 agosto 1915 mentre in realtà le prove ed i collaudi operativi andarono avanti per svariati mesi, fino al febbraio 1916, quando, finalmente operativo, venne assegnato, al comando del C.C. Paolo Tolosetto Farinata Degli Uberti, alla IV Squadriglia Sommergibili, a Brindisi. Ebbe una vita breve ed una fine tragica, il 13 luglio 1916 partì per la sua seconda missione e non fece più ritorno....solo in seguito si seppe da sommergibilisti austriaci presi prigionieri cosa gli fosse accaduto mentre i dettagli della sua fine vennero in seguito accertati in seguito all’apertura ed alla consultazione degli archivi della K.u.K. Marine: era stato prima avvistato al largo di Lissa il 14 luglio ed intercettato la sera stessa presso Capo Planka da due torpediniere austriache, la T.65 e la T.66, che riuscirono, dopo un epico combattimento, prima a danneggiarlo e poi affondarlo senza superstiti. Per la cronaca la T.65 ne uscì seriamente danneggiata mentre fu la T.66 ad affondarlo con due siluri a centro nave che lo spezzarono in due facendolo affondare con tutto l’equipaggio. Malgrado fosse pressoché immobilizzato e impossibilitato a manovrare per i danni riportati al timone nella fase iniziale dello scontro, il sommergibile aveva continuato a combattere sino alla fine. Medaglia d’Oro al Valore Militare (alla memoria) al comandante Farinata degli Uberti e tutto il restante equipaggio decorato di argento e bronzo sempre alla memoria...

Collezione personale

 

1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,531
    • Total Posts
      516,312
×