Jump to content
Sign in to follow this  
walter leotta

Le Perdite Della Regia Marina Nella Seconda Guerra Mondiale

Recommended Posts

In un momento di follia, uno dei tanti, ho compilato un elenco delle perdite della Regia Marina nella Seconda Guerra Mondiale utilizzando le pubblicazioni dell'USSM. OGNI CORREZIONE è BEN ACCETTA!!!!!

 

La partecipazione della Regia Marina alla Seconda guerra mondiale è stata segnata da perdite pesantissime. L’estenuante lotta per mantenere libere le rotte con l’Africa settentrionale e il conseguente contrasto aeronavale alleato dissanguò la forza armata. Dal 10 giugno 1940 all’8 settembre 1943 la Regia Marina perse 390 unità per complessive 470.455 t così suddivise: 1 nave da battaglia, 13 incrociatori, 43 cacciatorpedinieri, 41 torpediniere, 1 avviso, 4 corvette, 86 sommergibili, 16 cannoniere, 28 mas, 6 motosiluranti, 8 vas, 21 dragamine, 2 posamine, 58 motozattere, 19 ausiliarie, 43 rimorchiatori.

Le pessimistiche previsioni di Supermarina circa l’esito di un conflitto contro le navi di Sua Maestà trovarono immediatamente conferma già nelle prime settimane di guerra. Nel mese di giugno del 1940 gli italiani sopportarono la perdita di ben dieci sommergibili; il mese successivo andarono a fondo il primo incrociatore e tre cacciatorpedinieri e così di seguito. Dopo i disastri di Taranto e Capo Matapan, la malinconica fine della presenza italiana dal Mar Rosso, fu la volta dei continui agguati ai convogli scortati da naviglio sottile e i martellanti bombardamenti aerei dei porti nazionali: un calvario ininterrotto durato quaranta mesi con l’unica eccezione del febbraio 1942, durante il quale la Regia Marina non subì alcuna perdita.

 

DOPO I POST DELLA DISCUSSIONE LA CIFRA SCENDE A 389 E IL TONNELLAGGIO DIMINUISCE DI 29.100 TONNELLATE PER "L'ELIMINAZIONE" DELLA CAVOUR DALL'ELENCO

 

 

1940

n giugno

[1 ct, 10 smg, 1 cann]

cann Berta [12]; smg Macallè [15]; smg Provana [17]; smg Galilei [19]; smg Diamante [20]; smg Torricelli [23]; smg Galvani [24]; smg Liuzzi [27]; ct Espero [28]; smg Argonauta, smg Rubino, smg Uebi Scebeli [29];

 

n luglio

[1 inc, 3ct]

ct Zeffiro [5]; inc Colleoni [19]; ct Nembo, ct Ostro [20];

 

n agosto

[1 smg]

smg Iride [22];

 

n settembre

[2 ct, 1 tp, 1 smg, 1 mas]

Mas-537 [4]; ct Aquilone, ct Borea [17]; tp Palestro [22]; smg Gondar [30];

 

n ottobre

[2 ct, 2 tp, 5 smg, 2 aus]

smg Berillo [2]; smg Gemma [8]; ct Artigliere, tp Airone, tp Ariel [12]; smg Durbo [18]; smg Lafolè [20]; ct Nullo [21]; aus Giasone I [24]; aus Betta 6 [29]; smg Foca [?];

n novembre

 

[1 tp]

tp Confienza [20];

 

n dicembre

[2 tp, 3 smg]

tp Calipso [5]; smg Naiade [14]; smg Tarantini [15]; tp Cairoli [23]; smg Faà di Bruno [?];

 

 

 

1941

 

n gennaio

[1 inc, 1 tp, 2 smg, 2 rim]

tp Vega [10]; inc San Giorgio, rim Albenga, rim Nisida, [22]; smg Nani [?]; smg Neghelli [?];

 

n febbraio

[1 inc, 1 smg, 2 rim]

rim Egadi [10]; smg Marcello [22]; inc Diaz, rim Baia [25];

 

n marzo

[3 inc, 2 ct, 2 tp, 2 smg, 1 aus]

smg Anfitrite [6]; tp Andromeda [17]; aus Verde [26]; tp Chinotto [28]; inc Pola, inc Zara [29], inc Fiume [28]; ct Alfieri, ct Carducci [28]; smg Capponi [31];

 

n aprile

[8 ct, 3 tp, 5 mas, 2 cann, 1 psm, 8 rim, 4 aus]

ct Leone [1]; ct Battisti, ct Manin, ct Sauro [3]; ct Pantera, ct Tigre, tp Acerbi [4]; tp Orsini, Mas204, Mas206, Mas210, Mas213, Mas216, cann Biglieri, cann Porto Corsini, psm Ostia, aus Bacchiglione, aus Sebeto, aus Sile [8]; rim Ausonia, aus Niobe, rim Panaria, rim Porto Venere [15]; ct Baleno, ct Tarigo [16]; tp Schiaffino [24]; rim Oneglia, rim Pirano [29]; rim San Paolo [?]; rim Formia [?]; rim Malamocco [?]

 

n maggio

[1 ct, 4 tp, 1 cann]

tp Canopo [3]; tp La Farina [4]; tp Curtatone [20]; ct Mirabello, cann Matteucci [21]; tp Pleiadi [30];

 

n giugno

[2 smg, 3 cann]

cann Valoroso [5]; cann Cirene, cann Mario Bianco [11]; smg Glauco, smg Salpa [27];

 

n luglio

[2 smg, 1 cann, 2 mas]

smg Jantina, smg Bianchi [5]; cann De Lutti [6]; Mas-451, Mas-452 [26];

 

n agosto

[1 smg, 1 cann, 1 aus]

smg Tembien [2]; aus Lussin [22]; cann Grazioli Lante [24];

 

n settembre

[1 tp, 5 smg, 1 rim]

smg Baracca [8]; tp Albatros [27]; smg Fisalia [28]; rim Follonica [29]; smg Adua [30]; smg Smeraldo [?]; smg Malaspina [?];

 

n ottobre

[2 tp, 2 smg]

tp Aldebaran, tp Altair [20]; smg Ferraris [25]; smg Marconi [?];

 

n novembre

[2 ct, 1 cann]

ct Fulmine, ct Libeccio [9]; cann Zirona [25];

 

n dicembre

[2 inc, 1 ct, 1 tp, 1 smg]

ct Da Mosto [1]; tp Alcione, smg Caracciolo [11]; inc Da Barbiano, Di Giussano [13];

 

 

 

1942

 

n gennaio

[2 smg, 2 mas]

smg Saint Bon [5]; Mas-512, Mas-513 [24]; smg Medusa [30];

 

n febbraio [-]

 

n marzo

[2 ct, 3 smg]

smg Millo [14]; smg Guglielmotti [17]; smg Tricheco [18]; ct Lanciere, ct Scirocco [23];

 

n aprile

[1 inc, 1 mas]

inc Delle Bande Nere [1]; Mas-1D [19];

 

n maggio

[1 ct]

ct Pessagno [29];

 

n giugno

[1 inc, 2 ct, 1 avv, 3 smg, 1 drag]

ct Usodimare [8]; smg Zaffiro [9]; smg CB-5 [13]; inc Trento, drag RD-7 [15]; ct Strale [21]; avv Diana [29]; smg Veniero [?];

 

n luglio

[3 smg, 1 mz]

smg Perla [9]; smg Ondina [11], smg Calvi [15]; Mz-718 [29];

 

n agosto

[1 tp, 4 smg, 1 ms, 14 mz]

Mz707 [2]; Mz-723 [4]; Mz-712, Mz-738 [7]; Mz-735 [9]; smg Scirè, Mz-761 [10]; Ms-14, Mz-703 [11]; smg Dagabur, smg Cobalto, Mz-701 [12]; Mz-715 [13]; Mz-719 [14]; Mz-710 [17]; Mz-752 [20]; tp Cantore [22]; Mz-762, Mz-763 [26]; smg Morosini [?];

 

n settembre

[1 tp, 1 smg, 2 mas]

tp Polluce [4]; Mas-571, Mas-573 [9]; smg Alabastro [14];

 

n ottobre

[1 ct, 1 mz]

Mz-731 [7]; ct Da Verazzano [19];

 

n novembre

[2 tp, 4 smg, 1 cann, 1 mz, 5 rim]

tp Centauro [4]; smg Sciesa, cann Selve [6]; smg Granito [9]; smg Emo [10]; Mz-716 [16]; rim Porto Levante [17]; rim Generale Gerbi, rim Giglio, rim Tremiti [18]; rim Pantelleria [19]; tp Circe [27]; smg Dessiè [28];

 

n dicembre

[1 inc, 2 ct, 1 tp, 3 smg, 2 mz, 1 drag, 1 rim]

ct Folgore, tp Lupo, rim Montecristo [2]; inc Attendolo, Mz705 [4]; smg Porfido [6]; smg Corallo [13]; smg Uarsciek [15]; ct Aviere [17]; drag RD-30 [26]; Mz-740 [28];

 

 

 

 

1943

 

n gennaio

[3 ct, 2 tp, 1 cv, 3 smg, 2 cann, 4 drag, 3 mz, 3 rim, 2 aus]

ct Bersagliere [7]; ct Corsaro, drag RD-56 [9]; tp Ardente [12]; smg Narvalo [14]; Mz-750 [16]; ct Bombardiere, aus Tanaro [17]; smg Tritone, cann Eso, aus Stromboli [19]; smg Santarosa, drag RD-31, drag RD-39, [20]; drag RD-33, rim Porto Ercole [22]; rim Luni [23]; Mz-702, Mz-725 [27]; cann Unie [30]; tp Prestinari, cv Procellaria [31]; rim Fianona [?]

 

n febbraio

[1 ct, 1 tp, 4 smg, 1 cann, 2 mz, 1 drag, 1 rim, 1 aus]

ct Saetta, tp Uragano [3]; rim Rapallo [8]; smg Avorio, smg Malachite [9]; smg Asteria [17]; Mz-714, drag RD-24 [18]; Mz-739 [19]; cann Palmaiola [27]; smg FR-111, aus Brembo [28];

 

n marzo

[4 ct, 2 tp, 1 smg, 4 mas, 1 vas, 2 mz, 1 rim, 1 aus]

ct Geniere, tp Monsone, Mz-741, rim Porto Adriano [1]; tp Ciclone [8]; aus Devoli [17]; Mz-786 [21]; smg Delfino [23]; ct Ascari, ct Malocello [24]; Vas-216 [25], ct Lubiana, Mas-530, Mas-532, Mas-560, Mas-563 [31];

 

n aprile

[1 inc, 3 ct, 3 tp, 1 smg, 5 mas, 2 ms, 1 vas, 5 mz, 1 drag, 2 rim, 2 aus]

Mas-533, Mas-576, Vas-202, Mz-779, aus Cariddi [6]; Mz-771 [7]; inc Trieste, Mas-501, Mas-503, aus Isonzo [10]; Mz-773, Mz-782, drag RD-20 [11], rim Teseo [11]; Ms-13 [11]; smg Archimede [15]; tp Medici, tp Cigno [16]; Mz-747 [17]; ct Alpino [19]; rim Valente [22]; tp Climene [28]; ct Lampo, ct Pancaldo, Mas-552, Ms-25 [30];

 

n maggio

[5 tp, 4 smg, 1 cann, 1 cv, 1 mas, 1 ms, 6 vas, 10 mz, 11 drag, 2 rim]

tp Perseo [4]; Mz-789, Mz-793, Vas-223, drag RD-23, drag RD-57, drag RD-44 [5]; cann Levanzo, drag FR-74, drag FR-75, drag FR-76, drag FR-77, drag FR-78, drag FR-79 [6]; Mz-797 [6]; tp Tifone, Ms-22, Vas-231, Mz-788, rim Porto Cesareo [7]; Mz-720, Mz-794, Mz-796 [8]; Vas-212, Vas-213, Vas-229, Vas-230, rim Arsachema [9]; Mz-717, Mz-728 [11]; Mas-572 [12]; smg Mocenigo [13]; drag RD-38 [18]; Mz-733 [21]; smg Da Vinci [23]; tp Groppo, drag RD-55 [25]; tp Antares, tp Bassini, cv FR-52 [28]; smg Gorgo [?]; smg Tazzoli [?];

 

n giugno

[1 inc, 1 tp, 2 smg, 2 mas, 3 mz, 1 rim, 1 aus]

tp Castore [2]; smg H-8 [5]; Mas-539, Mas-564, Mz-708, Mz-721, Mz-727, rim N-28 [11]; aus Velino [20]; inc Bari [28]; smg Barbarigo [?];

 

n luglio

[1 cv, 8 smg, 1 cann, 3 mas, 1 ms, 1 mz, 1 psm, 2 drag, 7 rim, 1 aus]

Mas-536 [7]; cann Oriole [10]; smg Flutto [11]; smg Bronzo [12]; smg Nereide, smg Acciaio, Ms-62 [13]; smg Remo, Mas-535, Mas-548 [15]; smg Romolo [18]; psm Durazzo, rim Terracina [22]; smg Ascianghi, drag RD-16 [23]; cv Cicogna [24]; drag FR-70, rim San Bartolomeo [25]; smg Micca [29]; Mz-734 [31]; rim N-85 [?]; rim Procida [?]; rim Santa Maria [?]; rim Sant’Angelo [?]; rim Sciacca [?]; aus Betta 24 [?];

 

n agosto

[2 ct, 2 tp, 1 cv, 1 smg, 1 ms,13 mz, 7 rim, 3 aus]

rim Tenace [1]; smg Argento, Ms-66 [3]; tp Pallade, cv Gazzella [5]; Mz-756, Mz-765, Mz-775, rim Forte, rim Porto Recanati [6]; Mz-787 [7]; ct Freccia [8]; ct Gioberti [9]; aus Asmara [11]; Mz-701, Mz-732, Mz-755 [14]; Mz-746, Mz-774, rim Boeo [15]; rim N-29, rim Teulada [16]; rim Rialto, Mz-711, Mz-757, Mz-772, Mz-790 [17]; tp Lince [28]; aus Flegetonte [31]; aus Avisio [?]

 

n settembre [1 smg]

smg Velella [7]

Edited by walter leotta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riguardo alla corazzata Cavour occorre dire che non ando' " persa " a causa dell azione notturna inglese a Taranto .

La nave venne tirata a galla ed inviata a Trieste per riparazioni , riparazioni che richiesero un tempo enorme anche perche' la Regia Marina si era messa in testa di modernizzarla ( sostituzione artiglierie secondarie ed a/a tra l' altro )

In data 8 settembre 1943 la nave era ancora a Trieste per i lavori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tua osservazione è corretta, da un punto di vista "amministrativo"... ma è innegabile che la causa principale dell'affondamento sia da ricercarsi negli avvenimenti del novembre 1940... si tratta di interpretazioni. Per tagliare la testa al toro l'USSM segnala ambedue le perdite (novembre 1940 appunto e settembre 1943)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Kashin

Gent.mo Sign. Leotta,

i sui stati di pazzia hanno in me il potere di deprimermi in maniera devastante, ho iniziato e spero abbiano effetto una cura a base di psicofarmaci, il mio medico di fiducia mi ha detto che necessito di una buona e massiccia cura di buone notizie , potrebbe, ella che è fuor di dubbio è un eccellente storico, raccontarmi delle gesta della Decima MAS (Mi accontento anche pre 8 Settembre), gioverebbe molto ricordarmi il tonnellaggio che pochi uomini della R.Marina riuscirono ad affondare, sempre grato....cordialmente ..... :s15:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

In effetti molti considerano che la perdita della "Cavour" è da far risalire al momento del suo affondamento per siluramento, la notte dell'11 novembre 1940. E' vero che fu riportata a galla nel 1941 e inviata a Trieste per le riparazioni e per le modifiche, che comportavano un nuovo e più efficace armamento contraereo, ma in quel porto rimase per sempre immobilizzata per gli avvenimenti dell'8 settembre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Kashin.... cercherò di fare quanto possibile sulla X... però nel frattempo mi controlli - tramite le tue fonti oltrecortina - l'organizzazione dei sommergibili sovietici al 3 settembre 1939? ti ricordi il post ante - black out e ora ripostato?....

 

Salti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Kashin
ciao Kashin.... cercherò di fare quanto possibile sulla X... però nel frattempo mi controlli - tramite le tue fonti oltrecortina - l'organizzazione dei sommergibili sovietici al 3 settembre 1939? ti ricordi il post ante - black out e ora ripostato?....

 

Salti

 

Ogni suo desiderio è un ordine ....sono gia' al lavoro .....

Share this post


Link to post
Share on other sites
In effetti molti considerano che la perdita della "Cavour" è da far risalire al momento del suo affondamento per siluramento, la notte dell'11 novembre 1940. E' vero che fu riportata a galla nel 1941 e inviata a Trieste per le riparazioni e per le modifiche, che comportavano un nuovo e più efficace armamento contraereo, ma in quel porto rimase per sempre immobilizzata per gli avvenimenti dell'8 settembre.

 

 

Indubbiamente , occorre pero' considerare che la Cavour dopo l' 8 settembre venne nuovamente affondata dai bombardieri americani.

A questo punto la faccenda diventa ancora piu' intricata :s15:

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un quesito che non troverà mai risposta, sul tipo il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

La questione del Cavour è la stessa dell'incrociatore britannico York perduto per l'attacco della X-MAS oppure ad opera della Luftwaffe? e ancora: la perdita del caccia Havoc è da attribuirsi a un sinistro marittimo o al sommergibile Aradam?

Edited by walter leotta

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' un quesito che non troverà mai risposta, sul tipo il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

La questione del Cavour è la stessa dell'incrociatore britannico York perduto per l'attacco della X-MAS oppure ad opera della Luftwaffe?

 

oppure ad opera dell esercito tedesco che aveva conquistato Creta e la base dove si trovava la nave danneggiata ?

In effetti è piuttosto problematico attribuire il merito in certi casi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

Sull'affondamento dell'incrociatore "York" riporto, dalle mie statistiche personali sulle perdite navali degli Alleati (già pubblicate in sette puntate nel Bollettino d'Archivio dell'Ufficio Storico della Marina Militare) , quanto segue:

 

3) York – 8250 tonn. (26 marzo – 24 maggio 1941)

Apparteneva alla 3^ Divisione Incrociatori della Mediterranean Fleet, ed era entrato a Suda per rifornirsi dopo aver partecipato alla scorta del convoglio MW .6 (operazione MC. 9), partito da Alessandria ed arrivato a Malta il 23 marzo 1941. Nelle prime ore del giorno 26, trovandosi all’ancora nella Baia di Suda (Creta), lo York (capitano di vascello R.H. Portal) venne attaccato da sei barchini d’assalto italiani del tipo MTM, trasportati a sole dieci miglia di distanza dal porto dai cacciatorpediniere Crispi (capitano di fregata Ugo Ferruta) e Sella (capitano di corvetta Arturo Radaelli). Nel corso dell’attacco, che fu guidato dal tenente di vascello Luigi Faggioni, furono prese a bersaglio diverse navi, due delle quali, l’incrociatore York e la cisterna militare Pericles (vedi Pericles) furono centrati dai barchini del sottotenente di vascello Angelo Cabrini e del capo meccanico Lino Beccati. Alle 05.11 lo York venne colpito a poppa e sbando sulla dritta. L’energia elettrica venne a mancare, rendendo impossibili le operazioni di manovra, e l’unità, completamente al buio, cominciò ad immergersi di poppa. Più tardi, nel corso della mattinata, con i locali caldaie e macchine allegati, l’incrociatore venne rimorchiato in secca dal cacciatorpediniere Hasty e da un rimorchiatore, che lo portarono ad ancorare, di poppa, in un fondale di 25 piedi Rimasto in tal modo fuori combattimento, non avendo vapore né forza per espellere l’acqua, per l’illuminazione e per brandeggiare le torri delle artiglierie, fu dapprima utilizzato come batteria contraerea galleggiante, ricevendo l’energia elettrica dal sommergibile Rover, appositamente mandato a Suda da Alessandria. Al momento dell’evacuazione inglese dalla Grecia, verificatasi nel corso della terza decade di aprile, l’incrociatore fu impiegato come quartier generale per la direzione delle operazioni. Nei giorni seguenti venne a più riprese bombardato da aerei tedeschi dell’8° Corpo aereo (Fliegerkorps 8) che lo colpirono in tre occasioni: Il 24 aprile, ad opera degli Ju. 88 della 1^ Squadriglia del !° Stormo Sperimentale (1/LG.1), guidati dal sottotenente pilota Walter Bunde, e successivamente fu nuovamente colpito il 6 e il 22 maggio. Gli aerei tedeschi smantellarono definitivamente lo York il 24 maggio, quando l’incrociatore fu attaccata pesantemente in picchiata da tre bombardieri Ju 88 della 3^ Squadriglia del 1° Gruppo del 1° Stormo Sperimentale (3/LG.1), comandati dal capitano pilota Horst Bergen. Lo scafo dello York – che dopo la conquista di Creta tecnici della Marina germanica ispezionarono, arrivando però alla conclusione che non era possibile recuperarlo – nel dopoguerra fu rimorchiato a Taranto e poi smantellato a Bari nel 1952.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora nelle statistiche lo York va assegnato alla X o agli aerei tedeschi? Penso alla X...

Invece per quanto riguarda l'Havoc ritengo che si debba parlare di sinistro e non di Aradam...

 

Ma davvero ti hanno messo al bando per il libro sulla partecipazione aeronavale tedesca ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

Secondo la mia opinione lo "York" aveva ricevuto un danno grave, ma non mortale nell'attacco dei barchini esplosivi della X Flotmas. Si era portato ad incagliare, come era successo a tantissime navi durante la guerra (vedi ad esempio il "Bolzano" all'isola di Panarea), ed era pertanto recuperabile. A Suda, sotto le bombe, non vi era al momento una organizzazione efficiente per tentarne il recupero, e non vi fu il tempo di iniziare i lavori, perchè gli aerei tedeschi dettero all'incrociatore il colpo di grazia.

 

Per quanto riguarda il libro "La partecipazione tedesca...", debbo confermare che alla sua uscita ha fatto arrabbiare gli addetti ai lavori dell'Ufficio Storico Marina, perche dimostrava avvenimenti e nostri scarsi successi contro il nemico, che loro, nelle loro pubblicazioni, non si erano sentiti di riferire all'opinione pubblica italiana. Poi si sono necessariamente adeguati, ma nella lapide dell'Accademia di Livorno resta, fissata sul marmo, l'impressione che le navi britanniche e dei loro alleati, affondate nel Mediterraneo nella 2^ Guerra Mondiale, lo siano state , non dai tedeschi, ma dalla Regia Marina, mentre in realtà i maggiori successi furono conseguiti, come tutti sanno, dai sommergibili tedeschi e dalle mine tedesche posate dalle navi italiane.

 

Sull'"Havock" e sull'attacco dell'"Aradam" riporto quanto ho inviato recentemente a uboat.net per aggiornamento:

 

26) "Havock" – 1.340 tonn. (6 aprile 1942)

Nel pomeriggio del 22 marzo 1942 il convoglio britannico “MW.10â€, partito da Alessandria e diretto a Malta, era stato intercettato da navi italiane di superficie nel Golfo della Sirte (vedi cacciatorpediniere Southwold). Nel corso del lungo combattimento che ne seguì un proiettile da 381 mm della corazzata "Littorio" colpì l’ "Havock" (capitano di fregata G.R.G. Watkins) danneggiandolo seriamente. Il cacciatorpediniere riuscì ugualmente a raggiungere il porto di Malta e vi rimase, per svolgere riparazioni sommarie, fino alla sera del 5 aprile, quando partì per Gibilterra trasportando cento passeggeri. Il mattino del 6, mentre per evitare i campi minati del Canale di Sicilia navigava sotto la costa nord-orientale della Tunisia, l’ "Havock" fu attaccato a sud di Capo Bon dal sommergibile italiano "Aradam", comandato dal tenente di vascello Oscar Gran, il quale ritenne di aver centrato il bersaglio con un siluro. La versione inglese asserisce che la nave non fu colpita. Sta di fatto che a quell’ora, alle 04.15, forse (?) per evitare il siluro lanciato dall’ "Aradam", l’ "Havock" si incagliò a grande velocità sulla costa, in una zona situata 2 miglia e mezzo per 020° da Punta Kelibia (lat. 36°48’N, long. 11°08’E). In conseguenza dei danni riportati, e soprattutto della impossibilità di poter essere disincagliato, il cacciatorpediniere fu fatto saltare dal suo stesso equipaggio che, dopo averlo abbandonato, raggiunse la vicina spiaggia e fu poi internato dalle autorità francesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

La variazione che ho proposto a uboat.net riguarda la seguente inesattezza: "Later the ship is also hit by a torpedo from the Italian submarine Aradam".

 

__________________________________

 

Lost: 6 Apr, 1942

Loss position: 37.47N, 11.05E (See a map)

 

History:

HMS Havock (Lt.Cdr. Geoffrey Robert Gordon Watkins, DSC, RN) grounded off Kelibia, Tunisia in position 37º47'N, 11º05'E while on passage from Malta to Gibraltar and scuttled by her crew. Later the ship is also hit by a torpedo from the Italian submarine Aradam.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo lavoro :s20: :s20:

Sarebbe bello creare un database consultativo (ora siamo fuori dai limiti della pazzia :s11: :s11: )

 

Vespucci

Share this post


Link to post
Share on other sites

se la direzione del sito è d'accordo la proposta del database è ottima...

 

per quanto riguarda l'intervendo di Mattesini sulla vicenda York, se i criteri sono questi a questo punto il Cavour (o la Cavour, io preferisco la versione al femminile, come una volta) è da considerarsi perduto l'8 settembre 1943 (o nel 1944 per bombardamento alleato) e non nel novembre 1940

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

E' un sistema quello adottato, che non riporta le domande e le risposte in modo cronologico, che ritengo poco pratico ad un attenta consultazione.

 

Per quanto riguarda la "Cavour", dopo che era stata acatturata intatta dai tedeschi, non furono continuati i lavori di ammodernamento, e la corazzata fu praticamente abbandonata. Venne "affondata" (e questa è la data esatta dell'affondamento) il 20 febbraio 1945. Infatti, colpita da due bombe, si allagò e si adagiò di fianco sul fondale. Fu recuperata soltanto per essere demolita.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' un quesito che non troverà mai risposta, sul tipo il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

La questione del Cavour è la stessa dell'incrociatore britannico York perduto per l'attacco della X-MAS oppure ad opera della Luftwaffe? e ancora: la perdita del caccia Havoc è da attribuirsi a un sinistro marittimo o al sommergibile Aradam?

 

Non mi pare la stessa cosa...Non ci sono dubbi su chi abbia messo fuori combattimento la Cavour: il successo và ascritto all'Aviazione Navale Britannica, punto. La nave non rientrò mai più in servizio, dal punto di vista strategico è da considerare persa al 12 novembre 1940. Sulla paternità della definitiva messa fuori combattimento dello York può esserci maggior discussione ma ammesso che i danni già subìti ad opera della X° non fosssero ancora irreparabili chi può negare che senza quei danni (e conseguente immobilizzazione della nave) la Luftwaffe avrebbe avuto altrettanto facile gioco a colpire la nave in maniera definitiva?

 

Ancora una cosa. Continuo a leggere che la stragrande maggioranza degli affondamenti sarebbe stato opera di navi tedesche; questa conta si riferisce solo alle unità di squadra inglesi o vorrebbe comprendere anche i sommergibili e le unità minori?

 

@ dott. Mattesini.

"...mine tedesche posate dalle navi Italiane..."; quindi anche qui tutto il merito ai Tedeschi?

Allora, tanto per fare un esempio, se i piloti Israeliani hanno fatto strage di aerei Egiziani e Siriani pilotando aerei Francesi e USA il merito delle vittorie è Francese e Americano?

Edited by GFGPriaroggia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Walter dopo questo bel lavoro (o questa pazzia come dici tu) che hai svolto, non sarebbe più interessante sapere come queste navi sono affondate?

 

Mi spiego meglio quante di queste navi sono state affondate in combattimento navale, quante da siluri, quante da mine e soprattutto quante affondate da bombardamento/siluramento aereo??

 

Così forse riusciremo a capire dove la nostra Marina è più mancata e quale è stata l'arma (o le armi) che hanno realizzato questa distruzione (e quindi come si era evoluta la guerra navale in quell'epoca).

 

magico_8°/88

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

Citazione di GFGPriaroggia

 

Ancora una cosa. Continuo a leggere che la stragrande maggioranza degli affondamenti sarebbe stato opera di navi tedesche; questa conta si riferisce solo alle unità di squadra inglesi o vorrebbe comprendere anche i sommergibili e le unità minori?

 

@ dott. Mattesini.

"...mine tedesche posate dalle navi Italiane..."; quindi anche qui tutto il merito ai Tedeschi?

Allora, tanto per fare un esempio, se i piloti Israeliani hanno fatto strage di aerei Egiziani e Siriani pilotando aerei Francesi e USA il merito delle vittorie è Francese e Americano?

 

__________________

 

Per quanto riguarda la perdita di sommergibili ho già detto che gli italiani ne hanno affondati molti di più di quelli affondati dai tedeschi: rispettivamente 32 per la Regia Marina e 9 per la Kriegsmarine.

 

Per quanto riguarda il naviglio minore, purtroppo, i sommergibili e le motosiluranti tedesche, andando ad operare sottocosta in acque controllate dal nemico (quello che non facevano i nostri mas e le nostre motosiluranti), hanno affondato un numero rilevante di unità nemiche: Ricordo, tra i tanti successi degli U-boote germanici, gli affondamenti della corazzata “Barhamâ€, delle portaerei "Ark Royal" e “Eagleâ€, degli incrociatori “Galateaâ€, “Naiadâ€, “Hermione†e “Penelopeâ€, del posamine veloce “Welshmanâ€, di 16 cacciatorpediniere, 1 fregata, uno sloop, 1 corvetta, 2 dragamine di squadra, 1 cannoniera fluviale, 1 grande nave appoggio sommergibili (“Medwayâ€), e altre 16 unità minori e ausiliarie.

 

Complessivamente, includendo i successi conseguiti dalle motosiluranti e dagli sbarramenti minati posati esclusivamente dalle unità della Kriegsmarine, le unità navali germaniche affondarono: 1 corazzata, 2 navi portaerei, 4 incrociatori (5 se si considera il “Delhi†non riparato dopo il danneggiamento), 29 cacciatorpediniere, 9 sommergibili, 2 posamine veloci, 1 fregata, 1 sloop, 1 corvetta,6 dragamine di squadra, 1 cannoniera, 1 cannoniera fluviale, 1 nave appoggio sommergibili, e altre 63 unità minori e ausiliarie.

 

Per quanto riguarda la questione delle mine tedesche, qui il discorso si fa molto complesso, e per molti versi antipatico. E’ vero che le mine magnetiche furono posate da navi italiane, ma la loro l’attuazione e il metodo dell’ancoraggio furono anche responsabilità e attività germaniche, dal momento che, per armare e posare le mine in sbarramenti realizzati dalla Regia Marina sugli studi germanici, durante le missioni marinai tedeschi effettuarono servizio sulle unità della Regia Marina impegnate nelle operazioni, che tra l’altro portarono all’affondamento dell’incrociatore “Neptuneâ€.

 

Vi è poi il fatto, non trascurabile, che le mine (almeno quelle posate dagli incrociatori nelle acque di Tripoli e di Capo Bon nella primavera del 1941, sbarramenti “T†e “Sâ€) erano di proprietà tedesca e non italiana. Le mine furono portate in Italia al solo scopo di essere impiegate negli sbarramenti difensivi da realizzare per la difesa del traffico con la Libia, e del porto di Tripoli in particolare, nel momento in cui vi stavano affluendo le unità terrestri dell’Afrika Korps e dei servizi della Luftwaffe, della cui incolumità (e pertanto dei convogli germanici) i tedeschi erano fortemente preoccupati per l’attività offensiva della Royal Navy.

 

Infine, ricordo a Walter Leotta che il sommergibile "Da Vinci" ha affondato 17 navi mercantili per 120.243 tssl. A bordo del piroscafo "Sambilan" vi erano inoltre due mezzi da sbarco di 11 tonn. ciascuno (LCP 180 e LCP 782), e questo porta ad assegmnare al nostro sommergibile l'affondamento di ben 19 unità navali, per 120.265 tonn.

Edited by Mattesini

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Mattesini

Giustissima correzione. Come sempre errore dovuto alla fretta e a lupsus. Francesco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda i sommergibili inglesi nella WWII la Royal Navy ne perse 76, esclusi quelli persi sotto bandiera di altri paesi alleati

Di questi, 26 scomparvero nel teatro Europa-Atlantico, 5 in Oriente e 45 in Mediterraneo (41 entro il settembre 1943)

 

PERDITE SMG INGLESI IN MEDITERRANEO

41 sommergibili 10-6-40 - 8-8-43

 

- 3 affondati a Malta per bombardamenti aerei

P39 19420326 ae port

Pandora 19420401 ae port

P36 19420401 ae port

 

 

- 16 affondati da mine (o presunti tali)

Regulus 19401100 mine

Triton 19401200 mine

Usk 19410400 mine

Undaunted 19410500 mine

P33 19410800 mine

P32 19410818 mine

Tetrarch 19411000 mine

Perseus 19411206 mine

Triumph 19420100 mine

Urge 19420429 mine

Olympus 19420508 mine

Talisman 19420900 mine

Traveller 19421200 mine

P311 19430100 mine

Regent 19430400 mine

Parthian 19430700 mine

 

- 2 affondati da navi tedesche

Tigris 19430227 ships ger

Splendid 19430421 ships ger

 

 

- 17 affondati da navi italiane

Odin 19400613 ships it

Grampus 19400616 ships it

Orpheus 19400619 ships it

Phoenix 19400716 ships it

Oswald 19400801 ships it

Rainbow 19401015 ships it

Union 19410720 ships it

Cachalot 19410730 ships it

Tempest 19420213 ships it

P38 19420223 ships it

Thorn 19420806 ships it

P222 19421124 ships it

Utmost 19421125 ships it

P48 19421225 ships it

Thunderbolt 19430314 ships it

Sahib 19430424 ships it

Saracen 19430818 ships it

 

- 1 affondato da sommergibili italiani

Triad 19401015 smg it

 

- 2 cause sconosciute (sull'Upholder vedasi l'apposito post)

Upholder 19420400 unk

Turbulent 19430300 unk

Edited by walter leotta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per contro a dimostrazione dell'incapacità della Regia Marina di un'efficace sorveglianza antisom presso le nostre basi, i sommergibili britannici si distinsero nella caccia ai sommergibili avversari cogliendo ben 34 successi, un record assoluto nella storia della Seconda Guerra Mondiale, di cui 17 contro unità italiane: Acciaio, Capponi, Diamante, Granito, Guglielmotti, Jantina, Medusa, Micca, Millo, Porfido, Remo, Saint Bon, Salpa, Tricheco, Velella in Mediterraneo; Bianchi, Tarantini in Atlantico.

 

Più 14 tedeschi [u36, U51, U308, U335, U486, U644, U771, U864, U987 in Europa; U301, U303, U374 in Mediterraneo; U859, UIT-23 in Oriente]; 2 giapponesi [i-34, I-166, Oriente]; 1 francese [souffleur, Mediterraneo]. Tra gli attaccanti si distinsero per le loro duplici vittorie i sommergibili Parthian, Saracen, Tigris, Unbeaten, Upholder, Venturer con quest’ultimo che ottenne l’unico successo colto da un battello in immersione contro un altro in immersione [u864, 9 febbraio 1945].

Edited by walter leotta

Share this post


Link to post
Share on other sites

2° elenco Navi perdute Regia Marina

 

Le navi perse a seguito dell’Armistizio dell8 settembre 1943 furono le seguenti [a=autoaffondata, c=catturata, comb=combattimento].

 

navi da battaglia

Oltre all’affondamento della Roma, a Trieste i tedeschi s’impadronirono della nave da battaglia Cavour, ancora ai lavori dopo l’attacco del novembre 1940 contro il porto di Taranto.

 

incrociatori

A La Spezia furono catturati gli incrociatori Bolzano, Gorizia, Taranto: i primi due si trovavano ai lavori per i gravi danni subiti nel corso delle azioni contro gli alleati mentre il terzo venne autoaffondato. A Livorno i tedeschi s’impossessarono del Bari, ridotto ormai a un relitto dopo un bombardamento del giugno 1943, e a Tolone dei FR-11 [ex Jean de Vienne] e FR-12 [ex La Galissonière] in allestimento.

 

cacciatorpedinieri

Corazziere [a, Genova], Crispi [c, Pireo], Da Noli [comb], Dardo [c, Genova], FR-21, FR-22 [La Spezia], Maestrale [a, Genova], Premuda [c, Genova], Turbine [c, Pireo], Zeno [a, La Spezia], Pigafetta [c, Fiume, 14/9], Sebenico [c, Venezia, 11/9], Sella [comb], Vivaldi [comb}

 

torpediniere

Ardito [c, Portoferrario, 17/9], Audace [c, Venezia, 12/9], Calatafimi [c, Pireo], Cascino [a, La Spezia], Castelfidardo [c,Suda], Dezza [Fiume, 14/9], Impavido [c, Portoferraio, 17/9], Missori [c, Durazzo, 10/9], Ghibli [a, La Spezia], Insidioso [c, Pola, 11/9], La Masa [c, Napoli, 11/9], Lira [a, La Spezia], Montanari [a, La Spezia], Papa [c, Genova], Partenope [c, Napoli, 11/9], Procione [a, La Spezia], T3 [c, Fiume, 16/9], T6 [a, al largo di Cesenatico, 11/9], T7 [c, Gravosa, ?], San Martino [c, Pireo],

 

sommergibili

Ambra, Bajamonti, Murena, Sirena, Sparide, Volframio [a, La Spezia]; S-1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 [c, Danzica]; Aradam [a, Genova], Argo [a, Monfalcone], Bagnolini [c, Bordeaux], Finzi [c, Bordeaux], Cappellini [c, Sabang, 10/9], Giuliani [c, Singapore, 10/9], Torelli [c, Singapore, 10/9], Nautilo [c, Venezia, 11/9], Ametista [a, al largo di Ancona, 12/9], CB7 [c, Pola, 12/9], Serpente [a, al largo di Ancona, 12/9], H6 [c, Bonifacio, 14/9], Rismondo [c, Bonifacio, 14/9]

 

corvette

Antilope, Artemide, Camoscio [c, Livorno]; Perdute in combattimento: Berenice

Euterpe, Perseone [a, La Spezia], Vespa [c, Pozzuoli, 11/9]

 

n MAS

Mas-424 [a, Saint Manadier], 437 [a, Saint Manadier], 502 [c, Voltri], 504 [c, Voltri], 525 [a, La Spezia], 531 [c, Bocche di Magra], 542 [c, Pireo], 544 [c, Portoferraio, 18/9], 549 [c, Viareggio], 550 [c, Monfalcone], 551 [c, Portoferraio, 16/9], 553 [a, Lerici], 554 [c, Venezia], 556 [c, La Spezia], 557 [c, Bocche di Magra], 558 [c, Varazze], 561 [c, Varazze], 562 [c, Voltri], 423 [a, Pola, 11/9], 430 [c, Sebenico, 11/9], 431 [c, Spalato, 11/9], 518 [c, Venezia, 12/9], 522 [c, Sira, 18/9]

 

motosiluranti

Ms-12 [a, Viareggio], Ms-16 [c, Voltri], Ms.34 [c, Bocche di Magra], Ms-36 [a, Venezia], Ms-42 [c, Pireo], Ms-43, 44, 46 [c, Suda], Ms-51 [c, Bocche di Magra], Ms-63 [c, Varazze], Ms-71 [c, Gaeta], Ms-75 [c, Venezia], Ms-41 [c, Monfalcone, 11/9], Ms-45 [c, Cattolica, 18/9]

 

vedette antisommergibili

Vas-203 [c, Varazze]; Vas-207, 225 [c, Bocca di Magra]; Vas-210, 215, 221, 227 [c, Cannes]; Vas-238, 239, 305 [c, Livorno]; Vas-301, 304, 306 [c, Genova], Vas-302, 303 [c, Civitavecchia], Vas-205, 218, 226 [c, Napoli, 11/9], Vas-228 [a, Portoferraio, 16/9], Vas-209, Vas-217 e Vas-232 [c, Portoferraio, 17/9].

Perduti in combattimento: Vas-234, 247, 208, 214, 219, 220

 

n motozattere

Mz703 [c, Livorno], 704 [c, Torvaianica], 706 [a, Viareggio], 709 [c, Livorno], 724 [c, Civitavecchia], 736 [a, La Spezia], 743 [a, Castellamare di Stabia], 744 [a, Viareggio], 745 [a, Castellamare di Stabia], 748 [a, La Spezia], 749 [c, Livorno], 751 [a, Viareggio], 754 [a, Viareggio], 759 [c, Genova], 760 [c, Genova], 777 [c, Civitavecchia], 783 [c, Livorno], 792 [a, Castellamare di Stabia], 795 [c, Civitavecchia], 799 [a, Viareggio], 785 [c, Portoferraio, 16/9]

Perduti in combattimento Mz-753;

 

cannoniere

Alula [c, Pireo], Carlotto, Lepanto [a, Shangai], Rimini [c, La Spezia], Cattaro [c, Pola, 11/9], Scilla [c, Napoli, 11/9], Caboto [c, Rodi, 12/9], Lido [c, Venezia, 14/9]

Affondate: Aurora.

 

posamine

Arbe [c, Genova], Buccari [a, La Spezia], Crotone [a, La Spezia], Fasana [c, Trieste, 10/9], Laurana [c, Venezia, 11/9], Vieste [c, Napoli, 11/9], Albona [c, Sira, 14/9], Rovigno [c, Siro, 14/9]

 

dragamine

RD9 [c, Pireo], RD13 [a, Viareggio], RD17 [c, Pireo], RD26 [c, Pireo], RD49 [c, La Spezia], RD62 [c. Genova], D10 [c, Teodo, 11/9], RD35 [c, Sira, 14/9], Vigilante [?, lago di Scutari]

 

rimorchiatori

Alghero [c, Patrasso], Ardenza [c, Pireo], Atlante [c, La Spezia], Brava [c, La Spezia], Capodistria [a, La Spezia], Capri [a, La Spezia], Carbonara [c, La Spezia], Chirone [c, Trieste], Colosso [c, Genova], Licosa [c, Nettuno], Marsigli [a, Genova], Mesco [a, La Spezia], N9 [c, La Spezia], N10** [c, La Spezia], N37 [c, La Spezia], N53 [c, La Spezia], N55 [c, La Spezia], Palmaria [c, Genova], Parenzo [c, Pola], Polifemo [c, Piombino], Porto d’Anzio [c, Genova], Porto Salvo [c, Pireo], Porto Sdobba [a, La Spezia], Robusto [a, La Spezia], Sant’Alessio [c, Patrasso], Sant’Antioco [c, Genova], Sant’Elia [c, Pireo], Santo Stefano [c, La Spezia], Senigallia [c, La Spezia], Taormina [c, La Spezia], Titano [c, Gaeta], Torre Annunziata [c, La Spezia], Favignana [a, Pietraligure, 10/9], Pertinace [c, Pola, 10/9], Sant’Andrea [c, Durazzo, 10/9], Atleta [c, Napoli, 11/9], Capraia [c, Piombino, 11/9], Cefalù [c, Napoli, 11/9], Ciclope [a, Napoli, 11/9], Costante [c, Pola, 11/9], Gigante [c, Napoli, 11/9], Liscanera [c, Napoli, 11/9], N7 [c, Sebenico, 11/9], N8 [c, Spalato, 11/9], N10* [c, Sebenico, 11/9], N12 [c, Sebenico, 11/9], N14 [c, Teodo, 11/9], N15 [c, Teodo, 11/9], N16 [c, Sebenico, 11/9], N18 [c, Sebenico, 11/9], N19 [c, Teodo, 11/9], N20 [c, Teodo, 11/9], N21 [c, Spalato, 11/9], N105 [c, Teodo, 11/9], N106 [c, Teodo, 11/9], N108 [c, Teodo, 11/9], NE13 [c, Teodo, 11/9], NE14 [c, Teodo, 11/9], PE107 [c, Gravosa, 11/9], Portorose [c, Napoli, 11/9], Porto Tricase [c, Napoli, 11/9], Pozzi [c, Venezia, 11/9], RL1 [c, Venezia, 11/9], RL2 [c, Venezia, 11/9], RL3 [c, Venezia, 11/9], RL9 [c, Venezia, 11/9], Rondine [c, Sebenico, 11/9], Tino [c, Napoli, 11/9], Veglia [c, Gaeta, 11/9], Porto Palo [c, Piombino, 12/9], Marittimo [c, Ancona, 14/9], Molara [c, Ancona, 14/9], N5 [c, Portoferraio, 16/9], Pianosa [c, Fiume, 16/9], N75 [?], N78 [c, Venezia, 11/9], N87 [?], N88 [?], N90 [?], N91 [?], N94 [c, Venezia, 11/9], N95 [?], San Cataldo [c, ?]

 

navi ausiliare

Anteo [c, La Spezia], Città di Milano [a, Savona], Giasone II [c, Genova], Magnaghi [c, La Spezia], Quarnaro [c, Gaeta], San Marco [c, La Spezia], Palinuro [c, Ortona, 10/9], Marco Polo [c, Venezia, 12/9], Gallipoli [c, Sira, 14/9/], Otranto [c, Sira, 14/9], Savoia [c, Ancona, 14/9]

 

navi trasporto materiale

Betta N5 [c, La Spezia], Betta N16 [c, La Spezia], Buffoluto [c, Livorno], Montecengio [c, La Spezia], Panigaglia [c, La Spezia], Vallelunga [a, La Spezia], Palermo [c, Scutari, 10/9], Pluto [c, Trieste, 11/9]

 

cisterne

Adige [c, Patrasso], Arno [c, Gaeta], Bormida [c, La Spezia], Cerere [Pireo], Cocito [c, Savona], Dalmazia [c, La Spezia], Garda [c, Spalato], Leno [c, La Spezia], Pagano [a, La Spezia], Scrivia [a, La Spezia], Stura [c, La Spezia], Timavo [c, La Spezia], Sprugola [c, La Spezia], Volturno [c, La Spezia], Aniene [c, Venezia, 11/9], Brenta [c, Napoli, 11/9], Cherca [c, Spalato, 11/9], Isarco [c, Venezia, 11/9], Pellice [c, Venezia, 11/9], Pescara [c, Venezia, 11/9], Possente [?], Stige [c, Venezia, 11/9], Verbano [c, Venezia, 12/9], Vippacco [c, Venezia, 11/9]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Walter,

se all'elenco delle unità perdute in seguito all'armistizio consideri i relitti ormai fuori uso (vedi il Bari a Livorno) o in ripristino (FR a Tolone) dovresti probabilmente considerare anche quelle già varate ed in allestimento..

ad esempio le tp tipo Ariete (alcune ormai prossime alla consegna), i due incrociatori "Capitani Romani" ad Ancona e Castellammare di Stabia, la nnbb Impero, la np Aquila ecc ecc

 

Ottimo lavoro!

Ciao!

:s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok Walter.. aspettiamo la fine della tua fatica!

 

Perduti in combattimento: 208, 214, 219, 220

 

appartenenti alla 5° Squadriglia VAS, distrutte a meno di 1 km da questo pc.. fortunatamente senza perdite fra gli equipaggi! :s02:

Edited by bacchiola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su una rivista avevo letto che le perdite della Regia Marina dovute ai fatti dell 8 settembre furono superiori ( in termini di dislocamento ) a quelle subite nei 3 anni di guerra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,099
    • Total Posts
      507,575
×