Jump to content
Sign in to follow this  
Guest Kashin

Tavola 13

Recommended Posts

Guest Kashin

La vita su un sommergibista era dura,vissuta intensamente

La cosa più bella e umanamente significativa era che su un battello si fosse

tutti molto uniti , affiatati e compatti, sia nel lavoro che nella vita a terra, dal

Comandante fino all'ultimo marinaio .

 

immaginevm8.jpg

 

La cosa più fastidiosa era la scarsa possibilità di lavarsi bene e con acqua dolce.

Nelle missioni di guerra il tempo, veniva ritmato dal cambio delle guardie.

Si alternava diviso in due squadre ogni quattro ore ai rispettivi

posti di guardia e di lavoro, secondo lo schema 4 e 4: quattro ore di guardia e

quattro di riposo. Ciò valeva per tutti i componenti dell'equipaggio , con escusione ai tre addetti dei sensori A.S., normalmente su "4 e 8" perché dovevano essere più … Freschi.

 

immagine001vf1.jpg

 

A questo tipo di turnazione si doveva però aggiungere l'organizzazione

giornaliera di due mense diurne e due serali a cavallo dei cambi di guardia.

Spesso, molte ore di esercitazioni erano necessarie per gli assetti di 1° grado di approntamento - per l'intero equipaggio al posto-di-combattimento.

 

immagine002az3.jpg

 

Ancora, molte altre ore erano dedicate ad affrontare avarie e situazioni di

emergenza. Da questo quadro si può comprendere che le ore realmente

disponibili per il riposo e il sonno, igienicamente importante, si potevano ridurre

ad una media di circa quattro ore su ventiquattro.

L’equipaggio di bordo veniva organizzata per la branda calda (condivisione alterna con

un collega) per il bene della salute e per risparmiare ossigeno e forze.

 

immagine004ar7.jpg

 

I viveri di bordo venivano sistemati e conservati nei posti più vari, oltre ai due

piccoli frigoriferi (non in tutti i battelli) ; era normale occupare con cassette di frutta e verdura e scatole di acqua anche due tubi-lanciasiluri. L'interno del Battello si sfruttavano ogni anfratto

per appendere negli impianti piu’ disparati , salumi ,formaggi, con la vigilanza del Capo Silurista; “l’Aiutante di bordoâ€Â.

A questo stato di cose bisognerebbe aggiungere la continua presenza dei rumori dei motori in superfice e dei ronzii durante le immersioni ,all’alternarsi di brevi periodi di luce bianca e dei lunghi periodi di luce rossa .-

 

immagine005eh9.jpg

 

Il tempo da trascorrere in navigazione, quasi esclusivamente in immersione, era

variabile a seconda del tipo di missione. La cognizione del tempo viene perduta in una perfetta simbiosi con il mezzo !

Ognuno sapeva ciò che si dovesse fare e tutti i controlli e i collaudi venivano eseguiti bene prima di riprendere il mare, oltre alla preoccupazione, continua data dalla continua prevenzione contro i rischi delle collisioni, delle falle, degli incendi.Ore di attesa ritmate dai cambi di guardia , non sempre premiati da un buon bersaglio. Cibo stantio, sudore, tensione, sonno inesistente,tensione

 

immagine006rj3.jpg

 

Stress……a volte allentate da un po di musica irradiata dalla stazione radio di bordo (quando e se possibile)…..Ritornati dalla missione , impregnati dall’odore del proprio mezzo, si andava alla ricerca di un bagno caldo, latte, formaggio e una lunga…lunga dormita…in attesa di un’altra interminabile missione.-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest ERICH TOPP U-552

….PADRE CARLO MESSORI RONCAGLIA….

 

 

….†Li ho visti sorridere nella freschezza della loro giovane età.Li ho visti pensosi nell’affrontare l’impegno di eroismo.Li vedo nella gloria di Dio che premia chi si immola per gli altri nell’amore.Dalle loro mani le generazioni nuove di marinai ricevano la fiaccola della luce d’Italia che non si deve estinguere “….

 

 

Questa è la dedica apposta da Padre Carlo Messori Roncaglia sul Libro d’Oro dei Sommergibilisti custodito nella Cappella della Caserma Farinati di Maricosom a Taranto.

 

 

Padre Carlo Messori Roncaglia,classe 1904,appartenente all’Ordine dei Gesuiti,venne assegnato alla Base Atlantica di Bordeaux (Betasom) già dal 1940 come Capellano militare e subito fu accolto e stimato da tutto il personale della base stessa,in quanto rivelatosi fin dall’inizio come un uomo di Fede e di azione.

 

Quest’uomo che amava definirsi un combattente Ministro di Dio,diventò un “punto fermo†per tutti gli uomini della base,dando sostegno spirituale,sociale e quella serenità di cui avevano bisogno tutti coloro che si apprestavano a partire in missione,oppure al rientro.

 

messorironcaglia10luglipz2.jpg

Shot at 2007-06-30

(Padre Carlo Messori Roncaglia)

 

 

Oltre alla sua opera a terra,Padre Messori,partecipò anche a parecchie missioni in mare,insieme agli equipaggi dei battelli,condividendo insieme a loro l’euforia per una vittoria,facendo sentire la sua voce unita a quella del resto dell’equipaggio in un “Hurrà !!â€Â,quando un siluro centrava il suo bersaglio,ma al tempo stesso raccogliendosi in preghiera per cercare di affidare le anime a Dio di coloro che in quel frangente perdeva la vita,anche se di schieramento opposto.

 

regimarinaimq5.jpg

Shot at 2007-06-30

(il viso sempre sereno degli uomini imbarcati sui sommergibili)

 

 

 

Scherzando su queste sue esperienze,dopo il termine della guerra,amava spesso dire di aver celebrato le “Messe più profonde della storia†e sicuramente aveva ragione,in quanto durante gli imbarchi che effettuò,celebrò parecchie Messe a bordo in navigazione profonda,raccogliendo intorno a se in camera lancio dei siluri,tutti coloro che non erano di guardia,aprendo la sua scatolina di legno al cui interno conservava un calice smontabile e alla cui base lentamente incise i nomi di tutti i sommergibili che si avvicendarono a Betasom durante la guerra.

 

calicepadremessorimh2.jpg

Shot at 2007-06-30

(il Calice di Padre Messori,con incisi alla base i nomi di tutti i battelli che si avvicendarono a Bordeaux)

 

 

 

La missione più famosa a cui partecipò fu quella a bordo del R. Smg. Archimede,della durata di quasi 3 mesi e durante la quale,la notte di Natale del 1942,celebrò la S. Messa che in seguito fu ricordata da una “tavola†della Domenica del Corriere pubblicata il 3 gennaio del 1943.

 

smessaabordodirsmgnb4.gif

Shot at 2007-06-30

 

01aechimedenuovoqr8.jpg

Shot at 2007-06-30

(il R. Smg. Archimede)

 

 

 

Padre Messori,tra le sue tante opere svolte in quel periodo,con i soldi delle offerte dei sommergibilisti atlantici,fece acquistare la statua di una Madonnina,che venne intitolata appunto ai sommergibilisti,ponendola all’interno della Cappella della base di Betasom e alla quale tutti si rivolgevano in preghiera,in terra,come in mare.

 

 

A seguito delle travagliate vicende postume all’armistizio,Padre Carlo Messori Roncaglia,fu rimpatriato in Italia per cause di forza maggiore,la Cappella di Betasom,venne spogliata di tutti i suoi arredi e anche la Madonnina,divenne “preda di guerraâ€Â,fino a quando grazie all’impegno profuso da parte di un Capellano militare dell’esercito,Don Aldo Negri,coadiuvato da numerosi marinai rimasti in terra di Francia,riuscì a riportare la Sacra statua in Italia,dove per un quarantennio la custodì gelosamente nella sua casa natale,fino al 2 giugno 1985,anno in cui venne portata all’interno della Cappella di Maricosom di Taranto,dove si trova tuttora,meta delle preghiere di coloro,che,come sessant’anni prima le rivolgevano il loro appello.

 

madonninadeisommergibilwy8.jpg

Shot at 2007-06-30

(la statua della Madonnina dei Sommergibilisti)

 

 

 

Padre Carlo Messori Roncaglia,fu l’unico Cappellano ad essere autorizzato a fregiarsi del distintivo dorato dei sommergibilisti con la “A “ di “Atlantici†sovrapposta e recante la corona reale sulla parte superiore,fino a quando il 15 agosto 1996,la sua anima fu chiamata ai Cieli,sicuramente per continuare la sua opera spirituale e volgere sempre uno sguardo vigile a coloro che rappresenteranno anche in futuro quella “categoria†di marinai a lui così cara .

 

distintivobetasomdk6.jpg

Shot at 2007-06-30

(il distintivo dei Sommergibilisti Atlantici)

 

 

:67: Mau

 

 

Citazioni :

 

Ufficio Storico della Marina Militare

www.regiamarina.net

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,335
    • Total Posts
      510,936
×