Jump to content
Sign in to follow this  
Guest ERICH TOPP U-552

Tavola 11

Recommended Posts

Guest ERICH TOPP U-552

….AEREI – NEMICO MORTALE….

 

 

Il bollettino n° 117 del 2 ottobre 1940,edito dal Quartier Generale delle Forze Armate,attribuiva al R. Sommergibile “Medusa†l’abbattimento nelle acque del Mediterraneo Centrale di un grosso quadrimotore tipo Sunderland appartenente alla r.a.f. che,scoperto il nostro battello tentava di affondarlo bombardandolo,ma grazie alla pronta controreazione dell’equipaggio del Medusa,dopo un duello all’ultimo sangue,il veicolo inglese aveva la peggio e precipitava in mare.

 

In altri testi,l’abbattimento viene attribuito al R. Smg. Sirena.

 

imgrj0.jpg

Shot with unknown

 

(tavola tratta da cartolina propagandistica)

 

 

 

 

Il problema della stretta sorveglianza aerea alleata fu sempre un grosso problema sia per i nostri Regi Sommergibili,come per gli U-boot degli alleati tedeschi,che purtroppo portò alla perdita di numerosi battelli delle Forze dell’Asse.

 

u848208284za0.jpg

Shot with unknown

(l'U-848 ripreso dall'aereo alleato che lo sta per affondare)

 

decimagondardsunkkc0.jpg

Shot

(il R. Smg. Gondar ripreso dall'aereo inglese ch lo ha colpito,pochi minuti prima di affondare)

 

 

 

In particolar modo in Atlantico,i convogli di rifornimenti destinati all’Inghilterra che partivano dagli Stati Uniti,venivano sempre,oltre che fortemente scortati da unità di superficie,anche protetti dal cielo,grazie a una semitotale copertura aerea,lasciando i convogli “scoperti†solo per brevi tratti oltre la metà del percorso,a causa di problemi legati all’autonomia degli apparecchi stessi. E proprio un quel braccio di mare dove la copertura aerea veniva a mancare che i famosi “branchi di lupi†tedeschi colpivano maggiormente e duramente.

 

convoy600zs7.jpg

Shot with unknown

(il convoglio "600" in partenza dalle coste degli Stati Uniti e diretto verso l'Inghilterra)

 

brienmy0.jpg

Shot

(il mercantile Liberty "Jeremiah O'Brien"

 

u552vedettenel1942kh8.jpg

Shot with unknown

(vedette sulla plancia dell'U-552 nel 1942)

 

prisenordnung2qz8.jpg

Shot

(gli inservienti al cannone di prua di un U-boot,osservano gli effetti dei loro colpi inferti ad un mercantile alleato)

 

prisenordnung1kh2.jpg

Shot

(superstiti di un mercantile alleato silurato,vengono assistiti dal personale di un U-boot)

 

fadenkreuz3pc2.jpg

Shot

(un unità di scorta ad un convoglio,si dirige ad alta velocità verso il punto in cui è stato individuato l'U-boot che lo sta osservando attraverso il periscopio)

 

topp29qn1.jpg

Shot

(l'asso tedesco Fregatenkapitan Erich Topp,mentre guarda attraverso il periscopio dell'U-552)

 

 

 

A quel punto gli alleati iniziarono ad affiancare ai convogli anche delle portaerei di scorta,alle quali nel mese di maggio del 1943,si unì per la prima volta l’Empire Macalpine.Si trattava del primo esemplare di “M.A.C. ships†( Merchant Aircraft Ships),una nave mercantile,la cui coperta era stata trasformata in una pista di decollo.In una aviorimessa,erano sistemati alcuni Swordfish,che dovevano levarsi in volo durante l’attraversamento della zona pericolosa,dove non si poteva contare sull’aiuto di nessun aereo di base sulla terraferma.

 

Le lunghezze dei M.A.C. ships,variavano da 135 a 150 metri ed erano larghe una ventina di metri.Secondo la loro velocità,da 11 a 13 nodi,venivano assegnati ai convogli lenti o rapidi.

 

empiremacalpineso5.jpg

Shot

(il M.A.C. ships classe Empire "MacAlpine")

 

empiremacmahongf3.jpg

Shot

(il M.A.C. ships classe Empire "MacMahon")

 

empiremaccabe1943ei5.jpg

Shot

(il M.A.C. ships classe Empire "MacCabe")

 

kareldoormannlpt2.jpg

Shot

(il M.A.C. ships della marina reale olandese "Karel Doormann")

 

 

 

I caccia che imbarcavano potevano sganciare bombe di profondità e sparare con le mitragliere e con il tempo furono anche dotati di lanciarazzi,inoltre erano dotati di radar metrico di scoperta,anch’esso poi sostituito da quello centimetrico,su banda “Sâ€Â.

 

Questi M.A.C. ships si resero molto efficienti soprattutto durante il maltempo,in quanto tenevano molto bene il mare.Un caccia riuscì ad appontare di prora sull’Empire Maorae in pieno uragano e con vento di coda a 70 nodi.

 

swordfishinformazionemq2.jpg

Shot

(uno stormo di Swordfish sorvola un M.A.C. di scorta ad un convoglio)

 

 

Oltre ai M.A.C. vennero allestiti anche alcuni esemplari di C.A.M. (Catapult Aircraft Merchantman) ovvero dei mercantili,dove sulla loro zona prodiera,venivano poste delle catapulte a razzo per il lancio di un aereo,che tendenzialmente si trattava di Hawker Hurricane piuttosto malconci,considerando che trovandosi in alto mare,per loro non era previsto il recupero,a meno che non fossero giunti vicino a qualche base in terraferma.

 

Il pilota al suo ritorno,doveva portarsi il più vicino al convoglio da dove era stato lanciato e poi cercare di ammarare,dove sarebbe stato recuperato da qualche unità di scorta.

 

camshipmf9.jpg

Shot

(un C.A.M. ships dove si può notare oltre alla ctapulta di prua,anche il grosso cannone di poppa)

 

hurricaneoncatapultofcage1.jpg

Shot

(particolare di un C.A.M. ships con la catapulta di prua)

 

hurrihist25st8.jpg

Shot

(il momento in cui un Hurricane,viene lanciato dalla catapultqa con il sistema a razzo)ù

 

hawkerseahurricanesvc5.jpg

Shot

(uno stormo di Hawker Sea Hurricane in volo)

 

 

 

Di contro le forze dell’Asse dovettero cercare di attuare delle contromisure per contrastare gli attacchi alleati che provenivano dal cielo,perciò,in particolar modo i tedeschi,iniziarono a potenziare le difese antiaeree dei propri sommergibili aumentandone l’armamento e iniziando ad installare da prima mitragliatrici a singola canna,ma più potenti e poi via a via fino a complessi binati da 20 mm. e dopo il 1943 arrivando a complessi quadrupli adirittura da 37 mm. con tanto di scudi protettivi per gli inservienti,ovviamente,dovendo apportare numerose modifiche alle torrette e false torri allungandole e creando delle “controplance†posizionate su livelli differenti.

 

20062146335523204xi8.jpg

Shot

(mitragliatrici antiaeree posizionate su più livelli della torretta di un U-boot classe "VIIC")

 

flak4zg3.jpg

Shot

(una posizione quadrinata posta su un incastellatura a poppa della torretta di un U-boot)

 

u15501ka2.jpg

Shot

(la postazione quadrinata posta sull'U-155)

 

 

 

Altri sistemi per cercare di migliorare l’occultazione,nonché la scoperta di mezzi nemici,consistettero nel riportare alla luce vecchi progetti del Prof. Hellmuth Walter,che già dal lontano 1933 aveva perfezionato un impianto (per altro ideato dall’italiano Capitano Pericle Ferretti già nel 1925,sperimentandolo con discreti risultati su alcuni sommergibili) per l’introduzione dell’aria esterna,mentre il battello si trovava sotto la superficie,attraverso una manica d’aria allungabile e denominato “Snorkelâ€Â.Il sistema permetteva al sommergibile di rimanere sott’acqua e di poter far funzionare i propri motori termici,per poter effettuare la ricarica degli accumulatori,rimanendo al riparo dalla portata dei radar nemici ed in parte dalla ricognizione aerea.

 

schnorklsg8.gif

Shot

(schema di un impianto "snorkel")

 

setbamesu995snorchel2nr9.jpg

Shot

(l'apparato "snorkel" posizionato nella sua sede in coperta sull'U-995 presso il museo di Laboe)

 

 

 

A partire dal 1942 inoltre iniziarono a dotare i battelli di impianti di rivelazione radar come ad esempio il mod. FuMB 1 Metox 600 e il FUG 350 Naxos I

 

naxossuu952ef0.jpg

Shot

(l'apparato di ricerca radar "naxos" installato a bordo dell'U-952)

 

2006214753182388pp1.jpg

Shot

(inseguimento di un convoglio da parte di un U-boot munito di apparato "naxos")

 

u55203fr4.jpg

Shot

(il ritorno alla base dell'U-552 al comando del Fregatenkapitan Erich Topp,con gli immancabili mazzi di fiori che contornano la toretta)

 

 

:s67: Mau

 

 

Citazioni :

 

www.u-boot.net

www.u-bootarchive.com

www.hazegray.org

www.wikipedia.it

www.regiamarina.net

"La battaglia dell'Atlantico" di L. Peillard

"Ricordati degli uomini in mare" di E.Cernigoi e M. Giovanetti

"U-boat" di E.Rossler

Share this post


Link to post
Share on other sites

ANNUNCIO IMPORTANTE

in relazione all'argomento della tavola 11 la commissione vuole precisare che l'argomento principe è il sommergibile (come si evince dalla tavola) e in questo solo caso la sue correlazione con l'aereo.

A seguito di attenta e prolungata valutazione, pur esprimendo profonda ammirazione per il lavoro di ricerca effettuato dal comandante Erich Topp U552, la Commissione si vede costretta a non prendere in considerazione 5 delle foto del post relativo a questa tavola da parte dello stesso c.te.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Kashin

La Battaglia Contro i sommergibili dell’Asse fu’ una delle componenti più importante del II WW

. La Marina militare Alleata era oppressa dalla notevole minaccia dei sottomarini dell'Asse,. La ferocia del conflitto può essere giudicato dal grande numero di battelli affondati dagli Alleati

con la perdita di un gran numero di equipaggi.

Contro tale minaccia, a protezione dei mercantili e unita’ combattenti di superfice gli Stati Uniti e gli Inglesi misero a protezione delle loro flotte unita’ di superfice con questi compiti (AS), CV e persino mercantili trasformati in portaerei di scorta con un adeguato numero di velivoli per la protezione locale, furono infatti installate rampe di lancio a prua di alcune navi da carico note come Mercantili con Catapulta (CAM), armate con un aere. Quando necessario, il caccia veniva lanciato della rampa con un grande razzo, il pilota in seguito ammarava e veniva raccolto in una delle navi di scorta. Con questo sistema impegnavano sia unita’ immerse che Aerei da ricognizione a lungo raggio Tedeschi e ben sei aerei dell’ Asse furono abbattuti. La Luftwaffe aveva infatti contribuito con un piccolo numero di velivolo alla battaglia dell'Atlantico dal 1940 in poi. Questi erano soprattutto aerei a lungo raggio di ricognizione marittima , in primo luogo con Focke-Wulf 200 e successivamente da Junkers 290. Gli Alleati inoltre istituirono aerei di perlustrazione a largo raggio in tutte le rotte , dal Sud Pacifico, Atlantico, Mediterraneo.

L'uso di aerei a lungo raggio e i loro voli specialistici iniziarono nel tardo 1942 e erano sempre presenti, aumentando costantemente il numero ed utilizzando molti quadrimotori adattati a questo compito.Il culmine massimo si ebbe nel 1943 nella battaglia dell’Atlantico. Nel Pacifico, la sorveglianza A/S era assegnata ad una combinazione di caccia da perlustrazione a lungo raggio , basati a terrai e gruppi di volo delle portaerei.

I rischi in combattimento con le forze sottomarine dell'Asse non era totalmente a favore degli Alleati. Con il perdurare della guerra i sommergibili tedeschi in particolare divennero sempre piu’ armati con difese aeree piu’ consistenti , almeno 57 aerei Americani furono abbattuti da sommergibili alleati contro 12 Sottomarini persi in questi attacchi. La RAF, nel suo Comando litoraneo perse una quantita’ enorme di aerei ,ma ben piu’ gravi furono le perdite dei battelli alleati ma ben oltre 700 aerei vennero impiegati nella lotta antisom (e non dimentichiamo con centinaia di abbattimenti) .La tecnologia utilizzata da ambo le parti fu’ vasta e differenziata ed ad ogni misura ,veniva sperimentata e usata una contromisura per tutto il perdurare del conflitto.

-Dal lato alleato i vantaggi dell’ASDIC, aereo-trasportato, radar, razzi e siluri homing

-L’ASSE con tattiche di wolfpack ed armamenti AA migliorati sviluppati dai tedeschi ,schnorkel , radar imbarcati ,la costruzione dei Tipo veloce XXI, XXIII e Unita’ elettriche.

L'uso di velivoli particolari nella caccia AS a lungo raggio furono i Liberators B-24 durante la seconda guerra mondiale particolarmente tra le zone :Islanda e Groenlandia . Il velivolo nato a tali scopi fu il Sunderland della Gran-Bretagna e il PBY Americano- Catalina.

 

immaginepp6.jpg

 

Unita' mercantile con catapulta

immagine001lv4.jpg

immagine002pd3.jpg

Mitragliamento di un U-Boat da parte di un "Sunderland"

immagine003xq3.jpg

Snorkel

immagine004lp6.jpg

Flak 4 x AA su U-Boat

immagine005uy7.jpg

immagine006ny5.jpg

Effetti da attacco aereo

immagine007mz1.jpg

Postazione AA su R.Smg

immagine008wx7.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,335
    • Total Posts
      510,936
×