Jump to content
Sign in to follow this  
Djmitri

(ritorno) - Operation Paranza

Recommended Posts

bnatosi0.png

 

BRIEFING (Uguale per entrambe le Squadre)

A. LA NATO HA ORGANIZZATO UN'ESERCITAZIONE NEL MAR MEDITERRANEO CON LO SCOPO DI TESTARE NUOVI E MODERNI SENSORI INSTALLATI SULLE NAVI CHE NE PRENDERANNO PARTE E CHE VERRANNO POI UTILIZZATE IN MISSIONI FUTURE.

LA TASKFORCE E' COMPOSTA DA DUE FREGATE CLASSE OLIVER HAZARD PERRY, DUE DD CLASSE ARLEIGH BURKE, DUE INCROCIATORI LANCIAMISSILI CLASSE TICONDEROGA, UNA CARRIER CLASSE NIMITZ ED INFINE UNA NAVE DI SUPPORTO CLASSE SUPPLY AOR.

COME SUPPORTO AEREO SARANNO IMPIEGATI UN P-3 ORION, 3 ELICOTTERI CLASSE MH-60R E UN E-2C HAWKEYE.

L'OBBIETTIVO DELLA TASKFORCE SARA' QUELLO DI DIFENDERE E SCORTARE LA CARRIER ED IL SUPPLY.

B. LA SQUADRA DI ATTACCO CHE DOVRA' AFFONDARE LA CARRIER ED IL SUPPLY E' COMPOSTA DA DUE SOTTOMARINI CLASSE LOS ANGELES (668-I).

 

OBBIETTIVI

SQUADRA D'ATTACCO (SUB)

A. OBBIETTIVO PRIMARIO: AFFONDARE LA CARRIER.

B. OBBIETTIVO SECONDARIO: DOPO AVER AFFONDATO LA CARRIER, AFFONDARE IL SUPPLY.

 

TASK FORCE

A. OBBIETTIVO PRIMARIO: EVITARE CHE LA CARRIER VENGA AFFONDATA.

B. OBBIETTIVO SECONDARIO1: LOCALIZZARE, IDENTIFICARE ED AFFONDARE ALMENO UNO DEI DUE 688-I.

C. OBBIETTIVO SECONDARIO2: EVITARE CHE IL SUPPLY VENGA AFFONDATO.

 

 

Ultima Tule: SQUADRA D'ATTACCO Tutti gli Obbiettivi Completati

MH-60R:
Truffa
- 0 Kill - SURV

 

P-3 Orion:
Stefano74 - R. Hunter
- 0 Kill - SURV

 

FFG:
Goldorak - Schaitan
- 0 Kill - SURV

 

Star Fleet: SQUADRA D'ATTACCO Nessun Obbiettivo Completato

688-I:
Djmitri - Leon X
0 Kill - KIA

 

688-I 2:
Los Angeles
0 Kill - KIA

Share this post


Link to post
Share on other sites

Agente segreto R.Hunter a rapporto. :s45:

 

Infiltrazione in squadra Ultima Tule riuscita. :s03: :s03:

Rubati importanti schemi e tattiche di combattimento. :s43:

Per non svelare la mia natura di doppiogiochista ho dovuto attenermi alla regola base: massimo impegno comunque, il nemico non deve capire. :s11:

 

Missione estenuante passata a setacciare il mare con le sonoboe: acquisiti più volte fugaci contatti di un 688i in avvicinamento al convoglio (prima a nordovest e poi a sud del convogllio stesso), ma senza mai riuscire poi a darne un'individuazione certa.

 

secondo me, rispetto alla stessa missione giocata con Starfleet, la differenza l'ha fatta la Perry: quella volta Leon era risucito ad acquisire il contatto passivo che ha poi portato all'affondamento in extremis dell'ultimo 688i; questa volta invece le avarie ai sistemi elettronici di navigazione della fregata (non imputabili a nessuno dei due comandanti imbarcati) le hanno impedito di svolgere un ruolo efficace. Quindi tutto il lavoro l'hanno fatto le unità AI, ma in entrambi i casi i comandanti della Tule erano lì presenti, pronti ad intervenire, anche se non siamo riusciti ad impedire il danneggiamento ed il quasi affondamento della Nimitz (sfiga colossale il siluro che si disattiva a poche yds, va detto...): vista la difficoltà della missione credo che Djmitri/Leon siano stati davvero superlativi!

 

Alla fine prima vittoria di obiettivi per ii Tuleiani: bravi tutti! :s20: :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Resoconto di questa sfortunatissima missione... :s68:

 

 

Partiamo molto distanti dalla TF, due rapidi calcoli per fare il punto rotta e poi ci buttiamo sotto a velocità max per intercettarla.

 

I nostri calcoli sono precisi, niente da dire, però abbiamo calcolato alla testa del convoglio, mentre la carrier è leggermente staccata, poco male, viriamo di qualche grado verso sud...

Iniziamo a sentire i primi ping, ma non ci preoccupano più di tanto...siamo belli profondi e filiamo a tutta velocità...

Ogni tanto risaliamo sopra il layer per fare il punto della situazione, markare i contatti e vedere di trovare la carrier...Siamo ancora lontani e sul sonar sento delle debolissime frequenze...

Ritorniamo sotto il Layer, per lo sprint finale :s08: : 33 nodi e 1350 piedi... :s43: Dei rumori inquietanti ci tengono un po in ansia: da un momento potremmo implodere...ma incrociamo le dita e ci raccomandiamo ai Gufi Betullosi...

Nel Frattempo il nostro collega ci abbandona, un siluro lo aggancia e nn ha tempo e modo di evadere...si posa sul fondo...

Torniamo sopra il Layer, adesso siamo molto vicini...Se i nostri calcoli non sono errati, dovremmo essere all'interno dei 9 nm di distanza minima per effettuare il lancio, come da Briefing...Ci mettiamo in posizione per poter ascoltare bene con tutti e tre i sensori, adesso abbiamo un'ottima Soluzione di Tiro, quindi preparo 4 Siluri (maledetto 688-I :s68: ) e lanciamo. Ormai i ping sono tantissimi, ogni tanto mi tolgo la cuffia x riacquistare un po di udito.

Intanto ci sono molti siluri in acqua, lancianti molto probabilmente dalle Navi che fanno parte della TF. I lanci, come sempre, sono imprecisi e non ci preoccupano minimamente.

Torniamo sopra il layer, stavolta a bassa velocità per poter guidare i siluri...ma l'equipaggio non ci aggiorna la soluzione di tiro :s45:

Siamo costretti ad andare alla cieca e facendo supposizioni...Niente quei maledetti staranno a vedere i porno invece di fare il proprio dovere. Ci consultiamo rapidamente e decidiamo di andare a quota Radar per dare un occhiata: a mani estremi, estremi rimedi!

Finalmente quei pervertiti della TMA ci aggiornano la soluzione di tiro, faccio virare i siluri e pochi instanti dopo sentiamo 3 forti eplosioni, la carrier sta per affondare manca l'ultimo siluro, lo filoguido in direzione della Carrier moribonda...Chiedo a leo di calcolare rapidamente la distanza, la distanza è circa 500 yard...siamo inchiodati al display della filoguida del siluro aspettando la ultima esplosione...quando il siluro si spegne!!! :s05:

Partono imprecazioni a più non posso...nel frattempo abbiamo tutta la TF intorno che ci da la caccia...

Faccio ricaricare i siluri e nel frattempo ci dirigiamo verso la Carrier per sferrare l'ultimo colpo, il colpo letale...

Ma l'esercitazione non è ancora finita...Siamo circondati: ping e siluri ovunque. L'altra Fregata ci lancia un siluro che evadiamo magistralmente...Ma poi ritorna all'attacco e ce ne lancia un'altro, è vicinissimo le Contromisure le stanno ancora ricaricando, ordino a Leo, manovre evasive, ma il siluro è troppo vicino e non possiamo fare altro che arrenderci...

 

Missione molto sfortunata, sarebbe bastato un altro siluro e la Carrier sarebbe affondata...Era messa davvero male: 80% di danni... :s68:

Il Destino ha voluto altro...

Bella Missione comunque, a parte le AI, che ormai conosciamo fin troppo bene.

Complimenti alla Squadra Ultima Tule, che per la prima volta riescono a completare tutti e tre gli Obbiettivi e portare a casa la Chiglia intatta... :s03:

 

Alla prossima.

Grazie a tutti per la bella partita :s15:

 

 

 

*******************************************

Per chi volesse vedere il Replay, della Missione, eccolo QUI

 

Tasto destro e salva oggetto con nome, utilizzare IE.

Edited by Djmitri

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parto un 20nm a sud del convoglio, procedo a massima velocità e, dopo essermi accordato con il P3, inizio a coprire di sonoboe il lato orientale, loro staranno ad ovest, l'elicottero della fregata sarà l'avanguardia.

 

Terminato di stendere la prima fila di boe, sento un contatto a nord, possibile 688i, lancio altre sonoboe per cercare di avere una triangolazione, pare molto lontano... dopo un quarto d'ora di ricerche, con attivo, passivo e deeping sonar mi sorge un dubbio; accendo il radar e vedo che molto a nord c'è una nave :s68: tempo perso, cambio allora zona di ricerche, ed inizio a setacciare una ad una tutte le boe... dopo un po' di tempo ho un rilevamento attivo, quello che prima si confondeva vicino ad una nave civile ora è chiaro, un 688i è pericolosamente vicino al convoglio, marco il contatto come ostile, imposto un mk50 attivazione 2nm, non vorrei rischiare di colpire il convoglio e quindi mi porto un posizione tale che il lancio parta da ovest e vada verso est, siluro in acqua. Con sgomento osservo il mio siluro che invece di procedere in direzione giusta vira brutalmente e va nella direzione opposta, verso il convoglio... Nel frattempo vedo una nave del convoglio che sta lanciando missili all'impazzata verso il mio contatto, dopo un po' un'espolosione, un siluro ha raggiunto il bersaglio.

Il mio siluro, dopo essere passato pericolosamente vicino ad alcune navi, fortunatamente si disattiva.

 

Ancora incapace di comprendere il motivo di un simile evento mi dirigo ad ovest verso un contatto segnalatomi dal P3, sgancio altre boe e faccio molte ricerche con il deeping, ma ho solo contatti fugaci... alla fine succede il chaos: la portaerei inizia ad incassare siluri, le navi del convoglio prendono le rotte più strane, sonoboe poco usabili... l'unico contatto sospetto lo rilevo con l'attivo dal deeping ma lo scambio erroneamente per una nave... alla fine si rivelerà il 688i, vicinissimo al convoglio...

 

Fortuna voglia che l'ultimo siluro lanciato dal 688i non sia riuscito a dare il colpo di grazia alla Nimiz e che uno dei tanti lanciati, lanciati dai dd, colpisca l'ultimo Los Angeles rimasto e ponga fine alla missione.

 

 

 

Missione molto complessa, a mio parere, dato il grande traffico presente, il lavoro alle sonoboe è stato estenuante... sono riuscito a rilevare Daniele, ma il mio siluro dopo essere entrato in acqua ha invertito la rotta e devo ancora capire perchè... ho quasi tirato un sospiro di sollievo quando la nave lo ha affondato, non so se avrei avuti il coraggio di lanciare un altro siluro dovo aver visto la piega che ha preso il primo lancio... seguiranno indagini e test...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Debrifing fatto in maniera ottimale da i miei colleghi.

Scrivo solo x fare i mie complimenti ai C.ti Dimitri e Leon,se l'ultimo siluro nn si fosse spento a questo punto staremo a parlare di un altra missione.

Sapevo che erano dei fenomeni,ma ieri sera mi hanno veramente sorpreso.BRAVI!!!

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh che dire, partita affascinante se non per il fatto che l'ho sentita in cuffia invece di essere al commando della fregata.

Ieri non era proprio serata per me, due crash di fila e impossibilato ad aiutare Schaitan sulla fregata impazzita. :s03:

Volevo semplicemente fare un appunta durante la prima volta che abbia ricominciato la partita.

Ad un certo punto ricevo sulla navmap un contatto dal link, credo sia stato il Mh-60R di truffa o il p-3 di stefano ad avere usato il radar e trovano un contatto a nord ovest, proprio dove si trova uno dei 688 quello di djmitri.

Cambio rotta e mi dirigo sul presunto bersaglio ma poco dopo controordine si tratta solo di una nave di superficie.

Quindi dietrofront e lasciamo djmiotri indisturbato.

Ecco forse avremmo dovuto dare un occhiata a quel contatto, anche se si trattava di una nave di superficie, chissa' col sonar o con le sonoboe avremmo potuto rilevare il 688i.

Anche perche' dal punto di vista tattico era ragionevole pensare che i due 688i che avrebbero aspettato a nord/nord est/nord ovest, mentre era molto piu' improbabile che si trovassero alle nostre spalle.

Comunque sia, partita lunga ed estenuante e per la prima volta vittoria totale. :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gold su quel contatto a nordovest è stata fatta un po' di confusione: effettivamente all'inizio, ho usato il radar e mi ha tratto in inganno il fatto che all'inizio mi era apparso quel contatto e poi alla spazzata successiva non c'era più...allora ho pensato che si poteva trattare di un sub e vi ho allertati. Poi invece è tornato sul radar e non se ne è più andato, probabilmente era successo perchè, essendo in avvicinamento rapido col P3, non avevo più definizione sul radar con il range massimo e quando l'ho diminuito mi si è riposizionato là dov'era. Ad ogni modo quel contatto era effettivamente la nave da crociera...purtroppo come dici bene tu lì vicino c'era Djmitri (a cercare bene prima magari qualcosa di buono saltava fuori...) e me ne sono accorto dopo sui privi rilevamenti dati dalla terza fila di sonoboe nella parte a nord (dalla 44 alla 48, per intenderci). Lì però ho solo avuto un paio di incroci sul passivo mai confermati dal mad o dalle pingate fatte in modalità attiva. Era piuttosto frustrante: sapevo che erano lì ma non avevamo modo di trovarli, infatti stavano filando a 1350 ft! :s20:

 

Concordo con Umberto sul fatto che questa Paranza si è rivelata una missione difficilissima (per i sub direi suicida: 6 affondamenti su 6, test compreso) : ogni mezzo andava forzatamente condotto al limite delle proprie possibilità di manovra e di rilevamento... questo però da ancora maggior valore alle imprese che sono state fatte: penso al quasi affondamento della Nimitz nella missione di ieri (le tabelle diranno anche il contrario, ma moralmente l'obiettivo era raggiunto!) o all'affondamento del secondo 668i all'andata... :s20: :s20: :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

La situazione tattica è stata già molto ben delineata. Concordo sul concetto: vittoria di punteggio ma sconfitta dal punto di vista operativo . In effetti non siamo riusciti ad avere una chiara identificazione dei bersagli e la Nimitz possiamo considerarla moralmente affondata.

Mi associo ai complimenti a Fede e Leo; immaginavo che sarebbero andati velocissimi e profondi fin dove possibile, ma la loro furtività è stata veramente encomiabile e degna di miglior sorte. Di questo passo, c'è da aver paura pure a farsi una doccia; temo di vedere un periscopio che sbuca nella vasca e mi fa ciao ciao!!

Detto questo dobbiamo anche dire che altre volte siamo stati noi molto sfortunati e , soprattutto, ieri sera abbiamo giocato senza la fregata. Credo che se Gold fosse stato interamente in partita, le cose sarebbero potute anche andare diversamente, soprattutto per eventuali coordinazioni tra lui ed i velivoli di Hunter, Truffa e Stefano.

Memorabile, la visione ,dal ponte ,della fregata che girava in tondo come un'ossessa!! Forse aveva il timone bloccato, non so.

Comunque bellissima serata , grazie a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Leon X

Era da tanto che non mi divertivo così con DW.

Dubito persino che io e Fede siamo mai andati insieme sullo stesso sub, stessa squadra sì ma su diverse unità.

La missione è stata molto divertente e pericolosa, più volte abbiamo corso il rischio di fondere il reattore, siamo andati per un buon 90% dell'esercitazione alla velocità massima di 33 nodi e vicinissimi alla quota operativa di 1400 piedi (un paio di volte durante alcune manovre è stata anche superata).

Durante le risalite oltre il layer i sensori riacquistavano vita, qualunque strumento impazziva, ping, sonar rimorchiato, radar, alberi esm. Eravamo al centro di una colossale esercitazione ed effettuare un lancio simulato sui nostri bersagli non sarebbe stato assolutamente facile poichè i nostri rivali stavano proteggendo il convoglio praticamente ovunque creando una barriera di sonoboe intorno ad esso.

Il nostro sub alleato, un Los Angeles comandanto dal C.te Los Angeles (che fantasia ... :s68: :s03: ) nel tentativo di forzare il passaggio tra due sonobe inciampa in un siluro lanciato mezz'ora prima da un dd USA contro un branco di storioni dalle pinne viole, una rarità di questi tempi che troppo spesso finisce nei migliori ristoranti.

Il Bucley non contento lancia altri siluri un po' ovunque nel tentativo di prendere rispettivamete due balenottere a nord della nostra posizione e un branco di gamberetti in profondità vicino il nostro sub.

Malauguratamente i gamberetti iniziano a cantare fortissimo in acqua E Raffaella è mia e creando una miriade di bolle formano una vera e propria contromisura naturale; il siluro stordito da cotanto macello e un po' perchè odia Tiziano Ferro, effettua una virata e nel momento che è certo di aver superato i gamberetti riattiva l'attiva proprio mentre passiamo nel suo cono operativo.

Ci acquisisce, la tensione ora è tantissima è aumenta ad ogni istante. Fede al sonar mentre controlla il siluro e misura il tempo e la distanza che ci separa da esso mi da una rotta evasiva e lancia un paio di cm. Il siluro non la beve e continua a pingarci in maniera rapidissima, ormai è a 500 yarde, forse anche meno.

Non c'è più tempo per pensare, svuoto le casse zavorra di un terzo e viro cambiando in un istante di tempo il layer, il siluro è a pochi metri, i suoi ping si sentono praticamente in ogni stanza del battello, si avvicina ...

D'un tratto il botto: abbiamo sfondato il muro dell'acqua ... :s14: :s03:

Saliamo rapidissimi a oltre 38 nodi, il siluro ci ha perso ed è rimasto sotto il layer, purtroppo ora siamo saliamo a pallone perchè nonostante abbia livellato a 500 piedi la velocità assurda e i 35° di angolo dei timoni a salire ci lasciano praticamente in balia delle leggi della fisica. Riduco velocità, emergiamo un attimo e poi di nuovo sotto alla massima velocità, le unita nemiche non hanno fatto caso a noi, probabilmente nessuno era al radar essendo tutti impegnati al passivo a sentire il concerto dei giovani gamberetti fans di Tiziano Ferro.

Lanciamo l'attacco sulla Nimitz e nonostante altre decine di siluri in acqua riusciamo a tenere la situazione sotto controllo.

La Nimitz tuttavia effettua una efficace manovra evasiva, dobbiamo tornare a 50 piedi e spazzare due volte con il radar per avere di nuovo una soluzione di tiro efficace; dalla sala siluri il C.te Djmitri reindirizza i quattro MK 48 sulla nuova soluzione e torniamo sotto lo strato mentre motori avanti tutta ci continuamo ad avviciniare ad essa nel tentativo di ritentare il lancio in caso di fallimento. Tre siluri vanno a segno centrando l'unità l'ultimo esaurisce il suo combustibile a meno di 400 yarde dalla grossa unità nemica.

Continuamo ad avvicinarci ad essa e contemporaneamente ricarichiamo i tubi, guadagniamo velocemente terreno in quanto l'unità è gravemente danneggiata, tuttavia non ci accorgiamo di una fregata Perry che sta venendo da nord e ci acquisisce mentre le offriamo il sub per tutta la sua lunghezza. Lancia un siluro, purtroppo siamo sotto lo strato e non lo sentiamo pingare, almeno fino a quando non buca il layer e i suoi ping fanno impazzire me e Fede; cinque ping ravvicinatissimi in totale, angolo di discesa del siluro pazzesco, range di tempo dalla scoperta dell'acquisizione del siluro al botto 5 secondi, nessuna contromisura disponibile ... siamo spacciati. Stavolta il siluro ci prende in pieno e non abbiamo il tempo materiale di effettuare nessuna manovra: esercitazione finita, obiettivo fallito nonostante la magra consolazione di essere arrivati ad un soffio dal successo. Complimenti a tutti i partecipanti, ieri hanno dato veramente il massimo.

L'unico appunto tattico va alle unità aeree che nonostante hanno giocato bene, hanno all'inizio sprecato una quantità mostruosa di sonoboe creando una cortina ai lati del convoglio. In realtà la barriera andava si creata, ma ben 15 miglia più a nord, in quanto noi eravamo molto molto lontani dal convoglio e non saremmo mai riusciti a passare tra le fila di sonoboe piazzate all'inizio del game ai due lati e alle spalle del convoglio. Sarebbe stato più ragionevole piazzarle a nord per riuscire efficacemente a proteggere i lati del convoglio nel momento che avremmo cercato di forzare il passaggio in esso.

Edited by Leon X

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella missione veramente.... peccato per la mia uscita di scena un po' prematura....

 

Dopo quasi un'ora di avvicinamento a velocità curvatura ( :s11: ), rallento per fare un po' il punto della situazione (e per togliere strane membrane lasciate in mare da quell'inquinatore di leo... :s11: :s58: ).

Valuto la distanza dalla carrier, circa 16 nm... e cominciano i primi ping.... Giù di nuovo sotto il layer e velocità massima. Nonostante la profondità sento dei ping molto forti venire da due boe, viro per passarci giusto nel mezzo (non accorgendomi però che stavo passando proprio sotto ad una boa passiva). Ho stimato sulla mappa la posizione della Nimitz ogni 30 minuti, così mi risparmio pericolose salite sopra il layer, e concentro la mia attenzione sull'intercettazione attiva. La manovra sembra riuscire e sto per lasciarmi le due boe alle spalle, quando comincio a sentire lanci di siluri su rilevamenti diversi.

Alcuni siluri rilevati a nord-est della mia posizione non danno segnali, quindi penso che siano dei lanci errati (io procedevo verso la TF per rotta Sud-Ovest).

Secondo la mia stima la Nimitz si trova a poco più di 9nm dalla mia posizione. Sono quasi in zona di lancio quando mi appare una nuova traccia sull'intercettazione attiva, dritta di prua, la frequenza è quella di un siluro, gli impulsi così ravvicinati da sembrare un suono unico... ordino una rapida virata e le contromisure... ma dopo pochi secondi il siluro colpisce lo scafo del mio Los Angeles, mandandomi sul fondo a far compagnia a Gamberetti e Balene danzanti (sulle note di chi... lo sapete :s03: ).

Dal replay ho visto come il DD prima di scatenarsi con i subrock abbia lanciato un normale mk50 nella mia direzione e io gli andassi incontro alla Ivan in Matto... e per un pelo la cosa non riusciva, bastavano pochi secondi e il siluro si sarebbe attivato dietro di me... peccato.

Comunque complimenti a Fede e Leo... ho ascoltato silenziosamente tutto il resto della missione e devo dire che sono molto affiatati... :s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh sullo stare più a nord sono d'accordo con Leon, infatti lo avevo detto anch'io ieri sera a quelli del p3 e se notate ho concentrato le mie ricerce a Nord/Est del convoglio :s10:

 

Mi è venuto anche un altro dubbio: dopo aver individuato Dani con l'attivo, ho prommosso il link, che a quelli del P3 ovviamente non è arrivato :s09: ... è possibile che il dd che c'era nella mia zona, abbia usato le mie coordinate per lanciare? Infatti dal replay si vede che prima effettua un lancio su una balena, e successivamente ha preceduto il mio lancio con uno perfetto sul mio obiettivo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beh sullo stare più a nord sono d'accordo con Leon, infatti lo avevo detto anch'io ieri sera a quelli del p3 e se notate ho concentrato le mie ricerce a Nord/Est del convoglio :s10:

 

Infatti ottima tattica.

 

Mi è venuto anche un altro dubbio: dopo aver individuato Dani con l'attivo, ho prommosso il link, che a quelli del P3 ovviamente non è arrivato :s09: ... è possibile che il dd che c'era nella mia zona, abbia usato le mie coordinate per lanciare? Infatti dal replay si vede che prima effettua un lancio su una balena, e successivamente ha preceduto il mio lancio con uno perfetto sul mio obiettivo...

 

Si, una volta che promuovi un contatto sul link, tutte le unita' amiche ne hanno conoscenza e possono intraprendere le giuste misure.

Per quanto riguarda il p-3, beh forse non l'hanno visto sulla navmap o forse la navmap era talmente piena che il nuovo contatto non e' stato preso nella dovuta considerazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

con il senno di poi ovviamente,potevamo stare ,diciamo + attenti,se vedete il replay abbiamo lanciato una fila di boe + a Nord ,rispetto alle prime file,avevamo preso in considerazione l'ipotesi che il 688 sopraavanzasse il convoglio è aspettasse lo stesso.

Ripeto le mie considerazioni, solo la bravura dell'equipaggio del 688 ci ha impedito di affondarlo.............

ciauzz

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per quanto riguarda il p-3, beh forse non l'hanno visto sulla navmap o forse la navmap era talmente piena che il nuovo contatto non e' stato preso nella dovuta considerazione.

 

negativo, è arrivato ma dopo qualche minuto, quando Umberto aveva già lanciato. Infatti ci siamo diretti lì ma il DD è intervenuto prima che potessimo arrivare (si vede tutto nel replay) :s02:

 

Per quanto riguarda le sonoboe più a nord, quando ci siamo resi conto che una fila di nove copriva poco il convoglio nella sua traiettoria, abbiamo anche noi allungato la terza fila...comunque i sub sarebbero potuti arrivare anche da sud eh...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora sono contento di aver dato, se non altro, un minimo contributo per un affondamento, almeno non mi sento proprio nullo in questa missione, purtroppo almeno per me, questa, anche se prima vittoria della nostra squadra, è una di quelle che lascia un po' di amaro in bocca, gli affondamenti fatti dall IA danno sempre poca soddisfazione, e se non fosse stato per quella, almeno un sub sarebbe riuscito a portare a termine gli obiettivi...

 

Complimenti a tutti ragazzi, livelli di gioco sempre eccelsi, grazie a questa campagna penso di aver migliorato notevolmente le mie abilità, soprattutto osservando le tattiche degli altri :s01:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,689
    • Total Posts
      518,745
×