Jump to content
Sign in to follow this  
R.Hunter

(andata) - Operation Paranza

Recommended Posts

Prendo posto in cabina di pilotaggio/stazione TACCO e Infrared dell’Orion P3, Djmitri all’Acustica e sonoboe, e partiamo. L’obiettivo iniziale è di raggiungere la task force e posizionare una doppia barriera di sonoboe ai suoi lati. Il cielo è nuvoloso, la visibilità sulla superficie molto ridotta, la telecamera serve a qualcosa solo in modalità infrared, le altre è meglio lasciarle perdere. L’idea iniziale è che si tratti di un’operazione piuttosto semplice, le sonoboe faranno il loro mestiere e c’è un’intera task force alla ricerca dei due sub. Come ci sbagliavamo…il convoglio acceca presto tutte le soonoboe, ricavarne qualcosa è molto difficile, e ci rendiamo conto che uno strato termico molto profondo costituisce un vantaggio enorme per i sub. Il MAD è praticamente inutile, anche volando radenti alla superficie del mare. Ad un certo punto rileviamo un possibile contatto sub a nordest del convoglio, ad una distanza di una quindicina di miglia dalla USS Nimitz, forse qualcosa di più. Ripetuti passaggi sulla testa di questo contatto non danno alcun risultato, nemmeno le sonoboe in modalità attiva aggiungono niente. Nel frattempo appaiono altri presunti contatti da verificare, e ci allontaniamo da lì. Il tempo passa e temiamo che i sub si stiano per avvicinare al momento del lancio, e non possiamo farci proprio nulla. Stavolta ci sono grosse probabilità che ce la facciano sotto il naso…Come se non bastasse, improvvisamente l’MH-60r dei C.ti Los Angeles e Palmuzz si schianta in mare, probabilmente risucchiato in manovra dal dipping sonar… Andiamo bene, senza questo prezioso orecchio le nostre possibilità di cavarne un ragno dal buco diminuiscono ulteriormente…Siamo un po’ intristiti da queste riflessioni quando accade la svolta. Un MH-60r in volo lancia un siluro nella zona del nostro primo rilevamento e…BUM! Centrato il 688i del C.te Truffa. Non sappiamo se essere contenti o imprecare per esserci lasciati sfuggire la preda. :s68: Djmitri opta per la seconda opzione. A questo punto però manca meno di un’ora, il secondo sub dovrebbe essere ormai prossimo al lancio, e non ne abbiamo traccia. Ci spostiamo a nordovest della task force per verificare qualche contatto ma niente da fare. Ad un certo punto arriva un’indicazione dalla Perry di Leon: il suo passivo ha rilevato un contatto a ovest della task force. Scendiamo per vedere, nel frattempo la fregata lancia sul contatto e…zac, rilevato col MAD! Il sub è bravo nell’evasione, probabilmente anche da un siluro lanciato da un eli, ma non ne sono certo, però lascia una scia di contromisure che ci consentono di capirne la direzione. Preparo tre siluri a profondità diverse, la manovra di avvicinamento è resa difficile dal fatto che inizialmente le contromisure ci ingannano in continuazione sul contatto reale. Mancano solo 2 minuti allo scadere del tempo, finalmente la posizione è buona…lancio! I siluri mi sembrano prendere una direzione sbagliata…mi dico che forse riesco a lanciarne un quarto, giro strettissimo e lancio proprio allo scadere, 17:30. Questo siluro mi sembra andare nella direzione giusta, e mentre penso se un eventuale affondamento sia o meno regolare, è invece il primissimo siluro lanciato che punta deciso verso sud…e affonda in extremis il secondo 688i. :s51:

Mi dispiace sinceramente per Stefano e Simone: essere affondati all’ultimissimo minuto non deve essere simpatico, soprattutto al termine di una missione che li aveva visti praticamente invisibili, anche se oramai giocavano solo per il SURV, visto che il prezzo per questa invisibilità era stata l’impossibilità a conseguire entrambi gli obiettivi… :s43:

Ancora una volta molto buona la cooperazione aereo-navale tra le diverse unità della nostra squadra, peccato per l’MH-60r ma credo siano incidenti che capitano, sicuramente abbiamo dovuto tutti prenderci i nostri bei rischi, ricordo un paio di virate a 150 ft dalla superficie del mare volando a più di 300 kts… :s68:

 

Bravi tutti, devo dire che mi sono proprio divertito, senza problemi di crash e altro…missione molto bella e difficile credo per entrambe le parti, ‘sta Paranza!!! :s20: :s20: :s20:

Edited by R.Hunter

Share this post


Link to post
Share on other sites

bnatosi0.png

 

BRIEFING (Uguale per entrambe le Squadre)

A. LA NATO HA ORGANIZZATO UN'ESERCITAZIONE NEL MAR MEDITERRANEO CON LO SCOPO DI TESTARE NUOVI E MODERNI SENSORI INSTALLATI SULLE NAVI CHE NE PRENDERANNO PARTE E CHE VERRANNO POI UTILIZZATE IN MISSIONI FUTURE.

LA TASKFORCE E' COMPOSTA DA DUE FREGATE CLASSE OLIVER HAZARD PERRY, DUE DD CLASSE ARLEIGH BURKE, DUE INCROCIATORI LANCIAMISSILI CLASSE TICONDEROGA, UNA CARRIER CLASSE NIMITZ ED INFINE UNA NAVE DI SUPPORTO CLASSE SUPPLY AOR.

COME SUPPORTO AEREO SARANNO IMPIEGATI UN P-3 ORION, 3 ELICOTTERI CLASSE MH-60R E UN E-2C HAWKEYE.

L'OBBIETTIVO DELLA TASKFORCE SARA' QUELLO DI DIFENDERE E SCORTARE LA CARRIER ED IL SUPPLY.

B. LA SQUADRA DI ATTACCO CHE DOVRA' AFFONDARE LA CARRIER ED IL SUPPLY E' COMPOSTA DA DUE SOTTOMARINI CLASSE LOS ANGELES (668-I).

 

OBBIETTIVI

SQUADRA D'ATTACCO (SUB)

A. OBBIETTIVO PRIMARIO: AFFONDARE LA CARRIER.

B. OBBIETTIVO SECONDARIO: DOPO AVER AFFONDATO LA CARRIER, AFFONDARE IL SUPPLY.

 

TASK FORCE

A. OBBIETTIVO PRIMARIO: EVITARE CHE LA CARRIER VENGA AFFONDATA.

B. OBBIETTIVO SECONDARIO1: LOCALIZZARE, IDENTIFICARE ED AFFONDARE ALMENO UNO DEI DUE 688-I.

C. OBBIETTIVO SECONDARIO2: EVITARE CHE IL SUPPLY VENGA AFFONDATO.

 

 

Ultima Tule: SQUADRA D'ATTACCO Nessun Obbiettivo Completato

688-I 1:
Truffa
- KIA

 

688-I 2:
Schaitan - Stefano74
- KIA

 

Star Fleet: TASK FORCE Tutti gli obbiettivi Completati

P-3 ORION:
Djmitri - R. Hunter
SURV

 

MH-60R:
Los Angeles - Palmuzz
KIA

 

FFG:
Leon X
SURV

 

 

Abbiamo sottovalutato non poco, la difficoltà della missione. Pensavamo fosse un gioco da ragazzi, ma invece non lo è stato. :s68:

E' stata molto dura scovare i due 688-I, perchè, come detto dal mio compagno R.Hunter, era presente un Strato Termico molto in profondità (intorno ai 1200-1300 ft), il quale ha avvantaggiato non poco i due sottomarini americani. Truffa lo avevamo trovato quasi subito sia con il passivo che con l'attivo, ma poi è sparito...Dopo poco è arrivato un MH-60B ed ha fatto il lavoro sporco al posto nostro.

Però ci siamo rifatti con l'altro 688-I. Sono rimasto di sasso, quando ho visto sparire nell'acqua il nostro fido MH-60R pilotato da Palmuz - Los Angeles. Una probabile manovra azzardata a bassa quota.

 

C'è poco da aggiungere al già ottimo reseconto di Hunter...Ha già detto tutto lui :s15:

Vorrei solo aggiungere alcune manovre del sopracitato pilota a bassissima quota ( 100 ft = 30 mt :s45: ) che mi hanno fatto venire un po di "culino" :s11:

 

 

Ottima cooperazione tra mezzi aerei e navali, stavolta TS2 era perfetto, niente Mercato del Pesce di Marina di Pisa :s03:, anche se qualche volta ho fatto un po di casino cn i tasti :s68:

Bella Missione, molto difficile a mio avviso ma allo stesso tempo divertente e che riesce a darti quel senso di terrore: l'ho ripetuto più volte ad Hunter che da un momento all'altro ci avrebbero fregato.

Complimenti ai due equipaggi dei 688-I, ottimo avvicinamento, silenziosi come tombe, è stata durissima localizzarvi. Forse avete a mio avviso temporeggiato un po troppo...noi aspettavamo il lancio da un momento all'altro, che poi nn è mai arrivato.

Bravi davvero...I miei complimenti... :s20:

 

Ci vediamo in Russia...Petropavlovsk :s08:

 

Djmitri

Edited by Djmitri

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altro giro sfortunato per me, probabilmente mi avevate sentito all'inizio, quando ogni tanto risalivo sopra il layer per sfilare il rimorchiato e cercare di capire dove si trovasse il convoglio, pensando di essere ancora ben lontano dalla zona operativa non mi sono fatto tanti problemi sul restare silenzioso...

 

Ad un certo punto sono partiti gli attivi, stavolta ero in buona posizione, di prua ai ping e su layer diverso, ritenevo difficile essere stato individuato. Ogni tanto sentivo attivarsi qualche altra boa, però il layer mi dava sicurezza e non mi sono fatto prendere dal panico, ho approfittato della vostra ricerca attiva per manovrare in modo da offrire minor superfice di sub a tutte le boe e per rallentare in modo da sentire il convoglio, al momento opportuno sono risalito sopra al layer ed ecco, rotta e velocità di almeno 3 navi, distavano 20 miglia da me avevo una rotta di intercettazione e loro venivano nella mia direzione, ho fatto quattro calcoli veloci ed ho ritenuto di essere in posizione di tiro da li a 3/4 d'ora scarsi.

 

Ora la parte critica, avevo la posizione perfetta della sonoboa attiva, la dovevo superare, il che ha significato il dover esporre un lato del sub, ho deciso di passare in manera veloce in modo da riallinearmi in seguito ad essa nel minor tempo possibile, sperando che non foste li a guardarla... appena superata la boa, a 25 nodi sotto il layer, sento un siluro in acqua, lancio immediatamente una contromisura e viro per 00, ma ahimè il lancio è stato troppo preciso e non ho avuto scampo. (maledetta IA, al pc non serve il multistation per tener d'occhio tutte le boe contemporaneamente :s05: ) Successivamente ho passato un'ora di depressione e sconforto, per i miei pessimi risultati, aspettando e sperando che i miei soci arrivassero in zona lancio, purtroppo anche loro alla all'ultimo hanno fatto la mia stessa fine.

 

Complimenti a tutta la squadra avversaria, spero di potermi rifare al più presto sennò rischio di non dormirci più la notte per l'ansia :s68:

Edited by Truffa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che dire ,la missione mi è piaciuta molto,anche se la mia fine è stata misera.

Iniziamo a sud est della presunta posizione del convoglio ,Simone (schiatan) calcola mezzora,x mezzora la presunta posizione del convoglio,x avere una idea minima di dove andare a interccettare il convoglio.

lo strato è intorno ai 1200 piedi ci permette di essere abbastanza protetti da sonoboe e MAD,buono..........iniziamo l'avvicinamento 32 nodi a 1200 piedi di profondita,rotta 040.

Preoseguiamo cosi x circa 40 minuti ,il dubbio è quello che la nostra mossa ,quella di cercare il convoglio,sia troppo scontata,ma la velocità del convoglio e la nostra distanza,purtroppo non ci permette altre tattiche.

Cerchiamo di giocare con lo strato,saliamo a 1000 piedi,x ascoltare,ma niente solo balene e una nave civile,ci ributtiamo sotto lo strato e proseguiamo a 32 nodi.

Ci teniamo costantemente in contatto con Truffa, ma anche lui nn rileva niente.

Dopo circa un ora di missione Truffa ci avverte ,che ha dei ping attivi sulla testa,probabilmente l'hanno individuato........

mi riporta a 1000 piedi e stendo il trainato.............niete.......niete..........ecco ,qualcosa,un piccolo contatto a est della nostra posizione, cerchiamo di coordinare nel possibile la strategia con Truffa, lui dice che probabilmente l'hanno individuato,ci da una possibile posizione della portaerei, improvvisamente sentiamo un siluro in acqua,dopo poco truffa ci dice che l'hanno colpito.......maledizione,siamo soli...........

La presunta posizione della portaaerei nn collima x niente con le nostre previsioni, purtroppo nei sensori nn riesco a sentirla ,le fregate fanno una barriera davanti alei e nn riesco a isolare le frequenze.

Ormai manca poco alla fine della missione,ci assale il dubbio ,sopravvivere e fare passare il convoglio o provare.........

Decidiamo di provare ,ci buttiamo sotto lostrato e via rotta 090 x vedere di passare la barriera delle fregate e colpire la portaeri.......

Dopo nemmeno 5 minuti sentiamo che ci hanno individuato, e un siluro ci sta venendo contro,cambio di rotta .....................

da qui in avanti inizia un gioco, devo dire veramente coinvolgente è emozionante.............vari siluri in acqua,contromisure lanciate all'ultimo istante ,virate strette,sulla nostra destra la barriera formata la fregata di Leon , dietro ,nn so quanti siluri che pingavano......

L' atto finale,inizia con il lancio di Dimitri/Hunter davanti a noi, cerco di cambiare rotta ,ma siamo circondati,allora cambio di profondità,ma alla fine un siluro ci colpisce.

Missione finita,rammarico accressciuto dal fatto che praticamente siamo stati affondati alla fine della missione.

Le mie personalissime considerazioni iniziano con le mioe scuse a simone (schiatan) ,nn sono stato in grado di dargli dati precisi x una TMA sulla portaerei, c'ho mi dispiace,quanto essere stato affondato in zona "cesarini" ,va bè cosi è la vita,andra meglio la prossima volta.

Ovviamente devo fare i mie complimenti alla squadra avversaria la coordinazione aereo-navale è stata perfetta,all'limite del professionismo.Bravi.

Purtroppo e parlo x la mia squadra ci troviamo praticamente a zero,dopo 2 partite,dobbiamo rimbboccarci le maniche e studiare nuove soluzioni,i nostri avversari sapevo che sono tosti, dopo queste 2 missioni hanno dimostrato che lo sono di + .

grazie a tutti x la bella serata

ciauzzz

Share this post


Link to post
Share on other sites

eccomi qua... ripescato da un peschereccio assieme al c.te Palmuzz e sfuggito alla vendita a tranci al mercato... :s68:

 

che dire.... la missione è stata bella finché è durata... poi quella manovra.... la cosa strana è che l'altimetro segnava 44ft e dopo un secondo siamo spariti nell'abisso... forse è andata come ha illustrato leon o forse una balena ha scambiato il mad per un bocconcino prelibato.... mah.... l'unica cosa certa è che siamo precipitati rovinosamente lasciando al resto della squadra il più bello del lavoro... e dire che c'eravamo eh il sub di Truffa non era per niente lontano...

 

Comunque complimenti ai sub e complimenti al resto della squadra per il finale al cardiopalma... bravi bravi :s20: :s20:

 

L.A. :s14:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh eccomi qua, ho ancora addosso il salmastro accumulato in queste due prime missioni...Scherzi a parte voglio ringraziarvi tutti per la bellissima partita, veramente carica di emozione e difficile sotto vari aspetti! Concordo con Stefano: qui abbiamo a che fare con professionisti! Davvero complimenti, e aggiungo che sono sempre più felice di avervi conosciuto tutti quanti perchè qui posso imparare moltissimo, sempre che ci riesca...la mia curva di apprendimento è molto...lasciam perdere.

Sulla missione è stato già detto tutto in modo molto esauriente. Devo complimentarmi con Stefano per l'ottima conduzione del sub, meno con me stesso per non aver calcolato bene quanta distanza chiudevamo rispetto al convoglio.Personalmente ho convissuto per tutta la gara con un dubbio: non sapevo come si sarebbe comportato il convoglio alle prime avvisaglie della presenza dei sub. Non sapevo se avrebbe accellerato proseguendo sulla rotta prevista o se avrebbe rallentato defilando la Nimitz, in attesa che le forze di difesa "ripulissero" le zone. Questo dubbio ha fatto sì che sia stato di poco aiuto a Stefano nel delineare una precisa strategia...mentre intanto la Nimitz si allontanava e si avvicinavano.. i siluri!!

Finale che vale il prezzo del biglietto...con Stefano che sfugge ottimamente a 2 siluri credo. Tutti aspettavamo il fischio finale dell'arbitro...e invece abbiamo preso gol!!! :s12: A Stefano dico di non dire stupidaggini!! Non ti devi assolutamente scusare con me !

 

 

P.s Vorrei proporre di effettuare le missioni il mercoledì se possibile, altrimenti ok per giovedì

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,689
    • Total Posts
      518,745
×