Jump to content
Sign in to follow this  
Truffa

Debriefing Sub Vs Sub 07/02/07

Recommended Posts

Truffa, Goldorak - Akula II

R.Hunter, Schaitan - 688i

Stefano74, Berry - 688i

 

Partiamo nella zona abbastanza centrale del cerchio di ricerca, sentiamo subito 2 contatti, le 7 pale dello yacht traggono quasi in inganno goldrake che mi dice di lanciare non appena ho una soluzione decente, fortunatamente vengo bloccato in tempo.

 

Cambiamo rotta ed individuiamo un 688i, a nord della nostra posizione, un buon segnale. TMA incrociata dal sonar filato e da quello sullo scafo, mi danno una soluzione convincente e decidiamo di lanciare velocemente un filoguidato da 53cm . Dopo pochissimo tempo partono dei lanci in risposta ai nostri, lanciamo uno squal sul rilevamento dei lanci, lanciamo una contromisura, andiamo in frofondità e cerchiamo di spostarci veloci. Lo squal sembra proseguire la propria corsa fino ad esaurire il propellente senza colpire nessuno... altri lanci in acqua, ma sembra che non siano per noi.

 

Esplosione su rilevamento master 3, Hunter e Schaitan stanno affondando!! :s51: Poco dopo tiriamo un sospiro di sollievo sentendo che i ping dei siluri diretti verso noi vanno scemando verso sud. Salvi per ora ma ancora un 688i manca all'appello...

 

Nel frattempo si sente un'altra esplosione, un siluro vagante ha colpito il solito yacht di Bill Gates :s03: , dovrebbe perdere il vizietto di mettersi in mezzo a lanci di siluri. :s03:

 

Torniamo a velocità contenuta per cercare di individuare l'altro americano, e non dobbiamo aspettare nemmeno molto...

Altro rilevamento sempre a nord della nostra posizione, molto debole, velocità sconosciuta. Dopo una difficile tma con il contatto solo sul sonar trainato, decidiamo di fare un lancio approsimativo.

Lascio attivare il siluro nella speranza di spaventare gli avversari con i ping inducendoli ad accelerare in modo da avere una soluzione più precisa ma non notiamo sostanziali differenze...una soluzione decente mi esce proprio quando stavo perdendo le speranze, grazie alla nostra velocità di 7 nodi abbiamo fatto diversa strada verso ovest, in questo modo i vari rilevamenti per la tma sono stati fatti da posizioni tutto sommato abbastanza diverse... ho notato quindi un incrocio di tutti i rilevamenti in un raggio abbastanza ristretto di mare, ho interpretato questo come una specie di triangolazione fatta da diversi punti su un bersaglio a bassa velocità ed ho deciso che il nemico dovesse essere li. Cambiata la rotta al siluro lo attivo in prossimità di quella zona, e dopo poco... boooom!!! Vittoria! :s08:

 

 

Ringrazio goldrake per le dritte che mi ha dato ed anche tutti gli altri per la bella partita di ieri sera.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei aggiungere tre cose : le tattiche di evasione dei due 688i.

Ho notato che quando il nostro siluro e' stato lanciato sul primo 688i quest'ultimo si e' spostato verso est lanciando una coppia di contromisure.

E fin qui tutto giusto.

Ad un certo punto mentre il nostro siluro stava suprando indenne le contromisure il 688i fa un dietrofront di 180 gradi e si mette in rotta di collisione col siluro.

Questo e' stato l'errore che ha affondanto il 688i.

Mai mai mai andare incontro al siluro, tenete presente che le contromisure vengono lanciate a poppa, quindi se vi mettete in rotta di collisione, diventano inutili.

 

Il secondo 688i ha fatto un errore ancora peggiore.

Appena rilevato il lancio del secondo siluro piu' tardi nella partita, incomincia a fare la manovvra di evasione. Ma si mette sulla rotta del siluro, proprio di prua.

E lancia le contromisure a poppa.

Ovvio che si rivelino inutili in quanto il siluro acquisice il sottomarino frontalmente e a quel punto la frittata e' fatta.

 

Quindi se vi lanciano un siluro, prendete una rotta che mette il siluro a 120 gradi rispetto alla votra prua. Dovete mantenere il siluro sempre in posizione da cui il lancio della cm siano efficiaci.

 

Un'altro piccolo dettaglio : il lancio in snapshot e' un atto di disperazione.

Contro un buon giocatore, i siluri non andranno a segno.

La tattica da adottare e' : usare il sonar attivo per avere la posizione esatta del nemico e quindi impostare

correttamente il vostro controattacco.

Altrimenti, se non volete usare il sonar attivo perche' ci sono altri sub nemici in zona ( come ieri) fate una tma aprossimativa sul siluro nemico.

Questo vi dara' un stima piu' o meno precisa sulla distanza da cui e' stato lanciato.

 

 

Ultimo appunto, quando abbiamo evaso i 2 siluri in snapshot mi sono spostato a 30 nodi per 5-6 minuti, quindi dovevo essere rilevato sul sonar del 688i.

Invece pare che durante tutta la partita l'akula non fosse stato rilevato da nessuno dei 2 688i.

Forse gli operatori sonar americani erano in bagno ? :s03: :s43:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto mi riguarda,essendo equipaggio del 688 pilotato da berry, la partita a livello di risultato,come ho detto ieri sera in TS era già scontato dall'inizio, Goldrake - Truffa erano un equipaggio molto esperto e penso anche molto affiatato.

Sia Berry che Schaitan erano alle prime esperienze in multy,avranno fatto i loro errori ,ma sono comprensibili e cosa + importante ,con l'esperienza saranno risolti.

Personalmente ero arrugginito,nn mi immergevo da circa 2 mesi, e per il TMA manuale ho bisogno di molto addetramento (Umberto aiutami te :s20: ).

Sono d'accordo con Goldrake x l'analisi della partita ,ma ripeto l'importante e capire i propri errori e cercare di nn ripeterli,con l'esperienza daremo filo da torcere anche a ai RUSSOSKI!!!! :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per quanto mi riguarda,essendo equipaggio del 688 pilotato da berry, la partita a livello di risultato,come ho detto ieri sera in TS era già scontato dall'inizio, Goldrake - Truffa erano un equipaggio molto esperto e penso anche molto affiatato.

 

No, era la prima volta in multistation anche per noi. :s02:

 

Sia Berry che Schaitan erano alle prime esperienze in multy,avranno fatto i loro errori ,ma sono comprensibili e cosa + importante ,con l'esperienza saranno risolti.

 

Infatti, l'esperienza risolve tutti i problemi.

Tutti (a meno che non lavorino in marina) hanno problemi col sonar, col tma, con le tattiche di evasione e il contrattacco.

Col tempo si impara quello che ha senso fare e cosa non fare.

La mia prima missione in multiplayer sono riuscito ad essere affondato dai miei stessi siluri. :s68:

Dovevo affondare una portaerei, lancio 5 siluri filoguidati, e come un pirla mi metto su una rotta parallela.

Quando i siluri diventano attivi, cado nel cono di acquisizione di uno di loro e sono c@zzi amari.

 

 

Personalmente ero arrugginito,nn mi immergevo da circa 2 mesi, e per il TMA manuale ho bisogno di molto addetramento (Umberto aiutami te :s20: ).

Sono d'accordo con Goldrake x l'analisi della partita ,ma ripeto l'importante e capire i propri errori e cercare di nn ripeterli,con l'esperienza daremo filo da torcere anche a ai RUSSOSKI!!!! :s03:

 

Per il TMA manuale ce' un manuale in inglese che e' ottimo.

Non e' il Blue Book ma il "Multiplayer Tactical Employement Manual" che si puo' scaricare da www.subguru.com.

E' stato compilato per sub command, ma molte cose, tra cui la TMA si applicano senza problemi a DW.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se era la prima volta,figuriamoci le altre!!!!!

Grazie x la dritta sul manuale x il TMA ,corro a scaricarlo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora la situazione è decisamente più chiara : anche io sono stato tratto in inganno dallo yatch ( vada per le 7 pale ma 30 nodi... :s09: ). In effetti al primo TIW mi sono fatto un po' intimidire è non mi sono accorto che il lancio non era diretto a me ma all'altro 688 e credo che l'errore sull'evasione si dipeso dalla confusione nella mi testa :s68: .

Ma ho fatto anche di peggio : sentendo vicini i ping del primo lancio ho fatto un'emersione di emergenza e sono rimasto senz'aria compressa per lanciare uno snap verso l'Akula ( quanto meno per andare giù con un po' di onore :s11: ).

Credo che la lettura del manuale farà MOLTO comodo anche a me !!!

:s55:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innanzitutto grazie a tutti per la stupenda esperienza.

Io avevo la guida e la suite sonar, mentre Hunter aveva la Tma ed il controllo del fuoco ,quindi la resposabilità dell'affondamento ricadono su di me.Concordo con l'esame fatto da Goldorak. La mia manovra complessiva di evasione è stata errata. La prima parte di essa era giusta; abbiamo evaso verso nord/ est e per qualche attimo ho visto l'intervallo tra i ping aumentare. Però ho sbagliato a non portarmi subito alla massima velocità. Ero incerto se evadere a 120 oppure se evadere più stretto, a minore velocità, per cercare di uscire subito dal cono di acquisizione del siluro ma continuare ad ascoltare. Ho perso tempo prezioso. Questo è un derivato da 688HK. In quella sim si passava da 5 a 30 nodi in un tempo irrealisticamente breve. Qui è diverso. Infatti, non ricordo bene ma mi sembra che al momento del colpo, non ero ancora a velocità massima.

Quando ho sentito i ping ravvicinati con intervallo di 1 secondo ho tentato una cosa che non è riuscita. Ho pensato di poter virare all'interno dello spazio di virata del siluro e di invertire la rotta guadagnando yards preziose. In realtà, forse il siluro era ancora relativamente lontano per tentare un tale tipo di manovra, col risultato di trovarmelo di fronte.

Più in generale, non sono riuscito a costruirmi quella che Goldorak chiama"situational awarness". Solo per un fugace momento credo di aver individuato l'Akula ma non sono riuscito a fornire ad Hunter contatti utili sui quali operare una Tma.La cosa mi ha amareggiato molto perchè non riesco a capire como non si possa sentire un sub che viaggia a 30 nodi! Anzi, sono veramente dispiaciuto per Hunter; in pratica ho impedito a lui di giocare! Speriamo di migliorare...

Colgo l'occasione per chiedere : come si fa ad operare col sonar attivo mentre si fugge da un siluro? Sapevo che le trasmissioni in attivo richiedono basse velocità. O forse intendevi fare rilevamenti con L'Active Intercept?

 

Un' altra cosa volevo chiedere: è sempre davvero sbagliato dirigersi verso il siluro? Se un sub si dirige alla massima velocità sulla direzione del siluro con l'intento di raggiungerlo ed oltrepassarlo prima che si abiliti; è ipotizzabile come tattica? Tra l'altro , questo comportamento potrebbe anche creare qualche incertezza all'operatore Tma e controllo del fuoco del sub lanciante.

Edited by Schaitan

Share this post


Link to post
Share on other sites
Colgo l'occasione per chiedere : come si fa ad operare col sonar attivo mentre si fugge da un siluro? Sapevo che le trasmissioni in attivo richiedono basse velocità. O forse intendevi fare rilevamenti con L'Active Intercept?

 

Il sonar attivo lo usi a bassa velocita'.

Prima di fare le manovvre di evasione, se non hai una tma sul nemico fai uno o piu' ping, marchi il contatto nemico e dai al tuo weapons officer il via per il contrattacco.

Solo dopo, vai a massima velocita' con cambi di direzione per cercare di uscire dal cono di acquisizione del siluro.

Se non senti piu' ping e ti senti tranquillo abassa la velocita' e cerca di ricostruire tramite lo storico del sonar quello che e' successo.

 

 

Un' altra cosa volevo chiedere: è sempre davvero sbagliato dirigersi verso il siluro? Se un sub si dirige alla massima velocità sulla direzione del siluro con l'intento di raggiungerlo ed oltrepassarlo prima che si abiliti; è ipotizzabile come tattica? Tra l'altro , questo comportamento potrebbe anche creare qualche incertezza all'operatore Tma e controllo del fuoco del sub lanciante.

 

Ehhhhh :s03: non siamo in caccia ad ottobre rosso.

Il punto e' questo, se un siluro diventa attivo e quindi lo senti sul active intercept la tua tattica non funziona.

Se invece non si e' attivato, e lo rilevate sul sonar potete cercare di fare una tma su di lui.

Ma il tempo corre, e non dimenticate che chi ha sparato, quasi certamente non ha fatto un lancio snaphsot (percui questa tattica potrebbe funzionare) ma avra' lanciato un siluro filoguidato e quindi che puo' essere manovrato per evitare una collisione frontale (e che puo' essere attivato in qualsiasi momento).

 

Il succo del discorso e' questo : ce' un siluro che vi viene incontro ?

Contrattaccate e andate via e non incontro al siluro.

Le vostra chances di sopravvivenza aumenteno in modo notevole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bah io l'attivo io non lo uso mai....anche perchè è praticamente inutile dato che ha una portata di 20 KM e se nn ricordo male, specie nei sub russi, diventa davvero dura vedere un contatto che sta oltre le 5/6 nm...

 

Quindi è inutile, specie se ci sono altri sub nei paraggi...comunichi a tutti dove stai.... :s14:

 

:s41:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bah io l'attivo io non lo uso mai....anche perchè è praticamente inutile dato che ha una portata di 20 KM e se nn ricordo male, specie nei sub russi, diventa davvero dura vedere un contatto che sta oltre le 5/6 nm...

 

Quindi è inutile, specie se ci sono altri sub nei paraggi...comunichi a tutti dove stai.... :s14:

 

:s41:

 

 

Loro erano sul 688i che ha un sonar attivo migliore.

E comunque il suo utilizzo dipende dalle situazioni, se devi fare un contrattacco in pochi secondi (e non hai una soluzione di tiro dal tma) e' meglio lanciare una serie di ping per determinare la posizione del nemico e fare fuoco.

Se lanci solo dei siluri in snaphshot al 90% non colpiscono il bersaglio.

Se ci sono altri sottomarini in zona (come ieri) magari non lo si usa, ma in 1 vs 1 e' una tattica da usare.

Edited by goldorak

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si senz'altro...l'attivo del 688-I è migliore di quello russo...qui non ci sono dubbi...

 

Cmq lo snapshot, anche se nn hai una soluzione di tiro precisa, serve a far ca##re un po addosso il sub nemico :s03: :s03: :s03: e costringerlo ad evadere i tuoi siluri, invece di stare li fermo, comodamente seduto in poltrona a filoguidare i siluri.... :s10:

 

 

:s20: :s11:

Edited by Djmitri

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, cosa mi combinate, arrivo dopo qualche ora e mi trovo un debriefing già bello approfondito!!! :s03: :s03: :s03:

Non ho molto da aggiungere, sicuramente la scarsa esperienza di noi USA ha avuto il suo peso, ma non vorrei sminuire la partita di Goldorak e Truffa che sono stati praticamente perfetti sia in attacco che in difesa.

Sul nostro affondamento faccio un appunto per ciascuno: Schaitan secondo me devi allenarti col sonar a essere più veloce nei rilevamenti, non è solo questione di farsi o meno il quadro della situazione, ma anche in quanto tempo te lo fai. Noi eravamo un comodo bersaglio per l'akula quando ancora stavamo cercando di capire quante fossero le powerboat in circolazione...come insegnava Djmitri in altri topic la ricerca si fa in bandastretta, io solitamente lascio anche stare i "picchi" e scorro il campo d'azione dei sensori nella frequenza ottimale per il sonar che sto usando (es: alta con lo sferico, bassa con il rimorchiato, media con quello di scafo) per individuare anche i più deboli pixel. Lascia stare il bandalarga se non per avere in un secondo tempo i dati da trasmettere al demon e soprattutto lo storico è l'ultima cosa che ti serve guardare...non che non sia importante, ma non quando non hai ancora idea di cosa ti stia girando intorno :s03: :s02:

Per quanto mi riguarda, mi dispiace di averti fatto confusione nel momento della manovra evasiva, quella che avevi impostato era veramente ottima, compresa la velocità: dovevo essere più calmo e lucido, purtroppo era la prima volta che non avevo i comandi di navigazione e mi sono innervosito, facendoti probabilmente fare manovre sbagliate. Bisogna però dire che nella correzione "fatale" ci ha fregato il secondo lancio di siluri su di noi dall'altro 688, eravamo davvero presi tra due fuochi!!!

 

Ad ogni modo, visto che l'appetito vien mangiando, ho una gran voglia di pronto riscatto!!! :s51:

 

Ancora complimenti all'equipaggio di marina di grande madre Russia, essere stati peggio di tritacarne! :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve;

devo dire che non avevo in mente L'Ottobre Rosso quando parlavo di quella possibile tattica; non ricordavo neppure che vi fosse qualcosa di simile in quel film! La mia era solo una curiosità tecnico/tattica. In effetti, la filoguida e l'impossibiltà di sapere a priori quando il siluro si attiverà, rendono questa tattica inapplicabile agli effetti pratici...eppure...qualcosa mi dice che può anche avere successo; al limite rivedrò gli splendidi fondali che ho visto l'altra sera!! :s15:

 

Hunter, mi trovo sostanzialmente d'accordo con te, soprattutto quando ti riferisci alla mia lentezza.Devo dire tuttavia che non condivido del tutto l'opinione di non usare il banda larga. Per avere una consapevolezza tattica completa, dobbiamo conoscere anche il traffico di superficie. Il banda larga credo sia molto utile in questo senso dato che abbraccia uno spettro di frequenze più ampio, non solo i tonali ma anche i rumori di flusso molto forti in presenza di battelli di superficie. Certo, va usato velocemente...

 

In generale, aldilà delle capacità tecnico/tattiche/strategiche ecc. credo che entrino in gioco anche semplici stili comportamentali. Mi spiego. Goldorak suggerisce di usare il sonar attivo per rilevare la piattaforma contro la quale contro attaccare;Djmitry sostiene invece la sua sostanziale inutilità in presenza di altri battelli nemici nella zona. Hanno torto oppure hanno ragione? Secondo me vi sono buone ragioni per essere sia in accordo che in disaccordo. Ogni tecnica o tattica ha i sui pregi ed i suoi difetti.

Io ad esempio non ho l'abitudine di marcare e plottare tutti i contatti che vedo o sento.Cerco di marcare solo quelli nemici o rilevanti allo scopo della missione. Giusto, sbagliato? Non so.

Una brutta conseguenza di questo mio comportamento l'ho avuta in una precedente partita in multy, dove, mi sembra , ho centrato una nave civile da crociera ! Però, come lato positivo si potrebbe dire che riduce le variabili in campo e fa risparmiare tempo, anche perchè se uno scegle di marcare tutti i contatti di superficie , dovrebbe poi anche plottarli con la Tma per tracciare le loro rotte e spostamenti altrimenti rischierebbe comunque di centrarli per errore. Tutto ciò richiede un sacco di tempo.

In conclusione poi va detta una cosa, e qui rischio di diventare noioso. Quando giochiamo in multy, manca la fase preliminare, di approccio all'area di combattimento. Lo so che manca perchè non abbiamo tempo a sufficienza, ma manca. Manca la fase in cui programmare le cose, allagare i tubi senza essere scoperti subito, manca l'attesa:manca secondo me, l'effetto sorpresa. Io non vorrei entrare in un area di combattimento a 8 nodi con un battello di 7mila tonnellate ma "devo" farlo perchè altrimenti il gioco proseguirebbe troppo a lungo.

Allora accade che giocatori con le p...non hanno problemi mentre giocatori inesperti si trovano esposti da subito.

Credo anche che aldilà della oggettiva mancanza di tempo, in multy vi sia troppa voglia di concludere, di andare al lancio di siluri o all'evasione degli stessi a tutti i costi.

Mi spiego e chiudo: considerando un tempo medio di gara di 2 ore, personalmente considererei bellissimo il cercarci, entro un'area prestabilita chiaro, ed il non riuscire a trovarsi. Lo troverei eccitante e peculiare al mezzo. Invece ho notato che si viene incitati a lanciare e quando la partita"ristagna" perchè due sub si cercano e non riescono a trovarsi o ad approntare soluzioni di tiro, ciò crea quasi noia.

Credo che questo atteggiamento non sia del tutto giustificato dalla mancanza di tempo ma sia indice anche di un atteggiamento mentale.

Ovviamente dico tutto questo senza nessuna vena polemica per carità ma solo a mò di constatazione personale e se volete a mò di spunto di conversazione. Sarei dispiaciuto se la interpretaste in maniera diversa!!

Salve a tutti e grazie pela pazienza!!

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ehm no, io non ho mai detto di usare il sonar attivo per attacare.

Ho detto che in alcuni frangenti puo' essere utile usare il sonar attivo per contrattaccare.

La differenza e' notevole.

 

Sulla dimensione dell'area hai ragione.

Io direi che una area di 20nm x 20nm dovrebbe garantire spazio di manovvra sufficiente per i vari sottomarini.

Questo significa pero' che i sottomarini devono muoversi, perche' una cosa che ho notato e' che molti di voi amano restare sulla stessa posizione in attesa che il nemico arrivi. Una parte della battagli navali e' il posizionamento dei sottomarini/navi.

Non siate statici, muovetevi.

Non pensiate che a 5 nodi fate meno rumore che a 7 nodi.

La scala del rumore in dangerous waters non e' lineare ma procede a salti.

 

Per quanto riguarda la necessita' di marcare tutti i contatti.

Tu parti da una idea sbagliata e cioe' che marcare i contatti significa automaticamente dover fare una tma su di loro.

Niente di piu' sbagliato.

I contatti di superficie, biologici, sottomarino si marcano usando tutti i sensori disponibili, poi sara' compito del uomo sonar discriminare quali sono i contatti di interesse e informarare la stazione tma per fare una tma solo su di loro.

Per gli altri contatti non occorre fare una tma.

Pero' bisogna marcare tutti i contatti rilevati perche' anche senza tma e' importante sapere su quale rilevamento si trovano.

Magari un sottomarino si nasconde sullo stesso rilevamento, chesso' dietro ad una nave etc...

E poi per ultimo, in alcune gare e' proibito affondare navi civili, pena la perdita della partita quindi e' importante sapere su quale rilevamento si trovano per evitare di lanciare siluri in quella direzione.

Edited by goldorak

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah l'eterno dilemma: accelerare il gioco e "perdere" in simulazione, o nascondersi negli abissi con buona pace dell'orologio? :s03: :s03:

 

D'accordissimo sulla fase iniziale di approccio, forse siamo passati da mission con approcci estremamente lunghi (se poi però metà dei comandanti si suicidano perchè il giorno dopo c'è lavoro dove sta il bello della simulazione? :s03: ) a missioni "lampo". Trovare un giusto mezzo come diceva Goldorak mi sembra saggio. Però il mio amico Schaitan non mi trova molto d'accordo su questo:

 

Mi spiego e chiudo: considerando un tempo medio di gara di 2 ore, personalmente considererei bellissimo il cercarci, entro un'area prestabilita chiaro, ed il non riuscire a trovarsi. Lo troverei eccitante e peculiare al mezzo. Invece ho notato che si viene incitati a lanciare e quando la partita"ristagna" perchè due sub si cercano e non riescono a trovarsi o ad approntare soluzioni di tiro, ciò crea quasi noia.

 

Il rischio è che uno fermi i motori (o vada a 3 nodi, è lo stesso) e le partite terminino sempre in un nulla di fatto. Ok, se questo volesse dire "simulare", ci starei anche. Ma siamo così sicuri che questo avvenga sempre nella realtà? Non me li vedo i superbi Los Angeles o i perfidi Akula insabbiarsi sistematicamente per paura di correre rischi. Ci saranno le volte in cui sarà essenziale essere muti come pesci e altre in cui raggiugere il bersaglio entro un certo tempo renderà "necessario" correre dei rischi. Ponendo determinate regole di "velocizzazione" al gioco altro non si fa che, per venire incotro alle esigenze di tempo delle partite, simulare queste ultime situazioni. Credo dunque che si possa parlare di vere e proprie simulazioni sia nel caso di missioni "long" che nel caso di missioni "short". Dipende. faccio un altro esempio. Se a una formazione di due 688 viene ordinato di procedere a 10 nodi e uno va avanti a 3, questo sarà impossibilitato a soccorrere il compagno in caso di bisogno (leggi, aiutarlo nel contrattacco).

 

Tanto più che ora con il nuovo assetto Patch 1.04 + Mod 3.05 colpire ed essere colpiti si è fatto decisamente più complicato, ieri sera ho affrontato 2 Akula in una partita esaltante che si è conclusa dopo 2 ore e mezzo con niente di fatto, e una bella serie di lanci da entrambe le parti evitati grazie alle contromisure... CONFIGURAZIONE DA SBALLO!!!!! :s20: :s20: :s20:

 

Per finire una parola sul sonar...effettivamente quando ho scritto di non cercare sul bandalarga stavo pensando alla ricerca di sottomarini, anch'io faccio sempre una veloce passata iniziale in BL per rilevare biologici e contatti di superficie, se del caso, come si diceva poi l'altra sera, si può fare anche un'uscita con periscopio e ESM...però una cosa veloce, per poi concentrarmi sul bandastretta, dove comunque i contatti di superficie si rilvano ugualmente bene.

Concordo infine assolutamente sulla necessità di marcare tutti i contatti e magari fare la TMA solo su alcuni...sennò Bill Gates chi lo sente più!!! :s03: :s03: :s03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda il dilemma tra accelerare o meno il gioco secondo me è giusto un approccio che rappresenti un compromesso : quando si gioca da soli è molto bello fare le cose in maniera molto realistica magari studiando lo scenario per ore e questo è possibile perchè ( io personalmente lo faccio spesso ) si possono salvare le missioni e riprendere quando si ha tempo. Credo che la guerra sottomarina sia un po' come un partita a scacchi e forse è anche per questo che ci piace così tanto :s02: .

E' altrettanto vero però che sarebbe quasi improponibile fare un multi che duri tante ore o addidittura giorni quindi la velocità dell'azione spesso va preferita alla fase di approccio e studio che comunque è altrettanto importante ed anche bella per gli amanti della strategia.

Concludo dicendo che però quando l'azione si fa "veloce" e i tempi di reazione devo essere rapidi si vede la bravura e l'esperienza degli equipaggi ed è per questo che la partita in multiplayer è un ottimo modo per confrontarsi ed imparare da chi ci sa fare :s11:

 

:s55:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente,come Hunter e molti altri ,faccio una bella passata in banda larga x vedere un pò "il mondo che c'è fuori" marko tutto ,roba interessante e nn ,la roba che ritengo superflua o nn inerernte alla missione, la disigno magari con roba inutile ,pescherecci, navi cargo, ecc...,ma almeno evito di riaverla fra le mani.

Solo dopo questo stendo il rimorchiato e lavoro sulle frequenze più "sottili",ma nn dico che la mia sia la tattica + giusta o meno,nn ho questo dono ne l'esperienza x affermarla,solamente che nelle mie partite mi sono trovato meglio cosi.

Per quanto riguarda la locazione del campo di battaglia, un 20 mn x 20 mn è sufficente,sempre a seconda della missione.

Per un Tutti Vs Tutti va benissimo,anche x una missione ,diciamo con "scopo"

Personalmente ,sarà xchè mi diverto a maneggiare con l'editor,preferisco le missioni con trama ,magari inserendoci anche l'AI. es. una scorta a una portaerei ,o un bombardamento di una fabbrica.......

Certo questo dipende da quane persone partecipano alla missione e il tempo a disposizione.

Il tempo è la grande spada di damocle che ci pende sul collo ogni volta che decidiamo di fare una missione, x questo quando è possibile voglio iniziare presto,max alle 21 e 30 ,ma no xchè voglio scremare le persone,+ siamo e + ci divertiamo, ma fra settare TS decidere la missione ,magari farla xchè nn l'abbiamo pronta, decidere gli equipaggi vengono persi minuti preziosi che poi vengono "mangiati" al gioco effettivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Goldorak suggerisce di usare il sonar attivo per rilevare la piattaforma contro la quale contro attaccare";

 

Salve! Grazie a tutti per le rispost che mi danno modo di imparare sempre nuove cose.

Sono d'accordo con te Goldorak sul 20x20. Volevo dirti che comunque avevo bene inteso le tue parole. Se rileggi il mio post vedi che , riguardo al sonar attivo, parlavo di contro attacco e non di attacco.

Interessante il discorso sui livelli di intensità del rumore. Allora considerando che esso in DW non è lineare, dovremme prestare attenzione allla scala del Passive Noise Level credo. Osservandola in effetti si nota come l'intensità del rumore passivo non aumenti in maniera direttamente proporzionale alla velocità, bensì, come dicevi tu, a gradoni, a scatti.

"Tu parti da una idea sbagliata e cioe' che marcare i contatti significa automaticamente dover fare una tma su di loro.

Niente di piu' sbagliato."

 

Vero. In effetti mi comporto così. Perchè mi dico: se quella nave ora non importante vira e si mette in una direzione di tiro...e allora credo di doverla tracciare.Cercherò di correggere questo errore mentale.

 

Rispondendo all'amico Hunter.

"Il rischio è che uno fermi i motori (o vada a 3 nodi, è lo stesso) e le partite terminino sempre in un nulla di fatto. Ok, se questo volesse dire "simulare", ci starei anche. Ma siamo così sicuri che questo avvenga sempre nella realtà? "

Vero; probabilmente io identifico la simulazione vera con l'andatura a bassa velocità ed è sbagliato.Tuttavia devo dire che il mio rilievo si riferisce a missioni sub contro sub in un tutti contro tutti ravvicinato.So benissimo che se dobbiamo raggiungere una locazione( ad esempio per un lancio di missili da crociera) in un certo tempo, non possiamo andare a 1 nodo! Così come se dobbiamo scortareun convoglio ecc.

Continuo a credere tuttavia, che i situazio ni reali, un sottomarino non venga impiegato come un carro armato o un blindato o un aereo. I tempi di ridispiegamento anche rapido di tali mezzi sono quasi sempre piuttosto lunghi se paragonati a quelli di altri mezzi militari.E' più che ovvio che non possiamo simulare tali tempi ma credo che una via di mezzo che tenga conto di ciò sia possibile.

Credo che fermare i motori al momento dell'entrata nel teatro di combattimento non sia una cattiva idea proprio al fine di silenziarsi il più possibile per meglio ascoltare eventuali contatti sommersi. Credo sia contemplata anche su qualche manuale di cui ora non ricordo il nome.

Barry

"Per quanto riguarda il dilemma tra accelerare o meno il gioco secondo me è giusto un approccio che rappresenti un compromesso : quando si gioca da soli è molto bello fare le cose in maniera molto realistica magari studiando lo scenario per ore e questo è possibile perchè ( io personalmente lo faccio spesso ) si possono salvare le missioni e riprendere quando si ha tempo. Credo che la guerra sottomarina sia un po' come un partita a scacchi e forse è anche per questo che ci piace così tanto

E' altrettanto vero però che sarebbe quasi improponibile fare un multi che duri tante ore o addidittura giorni quindi la velocità dell'azione spesso va preferita alla fase di approccio e studio che comunque è altrettanto importante ed anche bella per gli amanti della strategia.

Concludo dicendo che però quando l'azione si fa "veloce" e i tempi di reazione devo essere rapidi si vede la bravura e l'esperienza degli equipaggi ed è per questo che la partita in multiplayer è un ottimo modo per confrontarsi ed imparare da chi ci sa fare "

Sottoscrivo in pieno e credo sintetizzi bene sia la realtà di ciò che avviene con DW, sia di ciò che realisticamente possiamo fare.

 

Dato che nessuno mi ha costretto ad entrare in Betasom, mi propongo di non rompervi più i ...maroni/siluri con questa mia idea di realismo/lentezza ecc. ecc.!!

Grazie a tutti per le ricche risposte!!

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vero; probabilmente io identifico la simulazione vera con l'andatura a bassa velocità ed è sbagliato.Tuttavia devo dire che il mio rilievo si riferisce a missioni sub contro sub in un tutti contro tutti ravvicinato.So benissimo che se dobbiamo raggiungere una locazione( ad esempio per un lancio di missili da crociera) in un certo tempo, non possiamo andare a 1 nodo! Così come se dobbiamo scortareun convoglio ecc.

 

intendevo quaalcosa di un po' più generale. Prendiamo una situazione sub contro sub come quella che intendi tu. Potrei aver ricevuto un ordine del tipo: elimina se possibile i sub nemici, tassativo non farsi scoprire. In questo caso avrebbe senso procedere a 3 nodi, prendersi tutto il tempo che serve, aspettare un'occasione ideale e, se questa non si presenta, pazienza.

Però, a parità di scenario, distanze, ecc... i miei ordini avrebbero anche potuto essere, che ne so: minaccia di lancio missili balistici, elimina ad ogni costo i sub nemici prima che possano lanciare.

In questo caso star nascosti non serve a niente, l'urgenza della situazione richiede un'azione più rapida e dinamica, a costo di qualche rischio in più.

 

Dandoci certe regole di "rapidità", certo per venire incontro ad esigenze di tempi ecc..., a mio avviso non facciamo altro che simulare situazioni del secondo tipo, sempre comunque aderenti a un certo tipo di condizioni reali. :s08:

Che ne pensate?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo con te Hunter,tutto dipende da quello che bisogna fare.

Non si può essere "rapidi" se l'obbiettivo è non farsi scoprire,può essere vero che + velocità non vuol dire farsi scoprire prima, ma tutto va rapportatato a quello che bisogna fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bè quello è senza dubbio vero...

 

Però in missioni come queste, che non sono coop, bensì un tutti vs tutti, dove non si hanno particolari obbiettivi, ma l'unico è quello di affondare tutti e rimanere l'unico superstite :s10:

Bè c'è poco da far tattica :s03: :s03: :s03:

 

Se invece è una missione un po + "seria" allora...è giustissimo fare tattica, sempre nei limiti del possibile, dato che nn possiamo giocare x la notte intera... :s58: :s68:

 

 

:s20:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,288
    • Total Posts
      510,036
×