Jump to content
Sign in to follow this  
Guest Kashin

Addio Ciliegi In Fiore

Recommended Posts

Guest Kashin

Editore Piemme € 12,90

 

Questo libro è ritenuto un classico della letteratura di guerra, e lo è. Noi della generazione post bellica quando immaginiamo la guerra dell'America contro il Giappone, immaginiamo i Kamikaze che si lanciano sul nemico coi loro aeroplani al grido di "Banzai!", esaltati dal fuoco divino che brucia in loro, pronti a morire per l'onore del Giappone e dell'Imperatore. Questo in parte è vero, ma questo libro fa ripensare completamente la visione "occidentale", distorta e semplicistica che abbiamo noi della mentalità giapponese, ed è un bene; questo libro aiuta a comprendere e riavvicina due mondi talmente lontani e lo fa con vigore, poesia, crudezza e amore infiniti . Mentre leggevo le pagine del libro di Yoshida Mitsuru sono rimasto incantato, sorpreso e affascinato, brani di vera intensa poesia ci trasportano lungo tutto il racconto dell'affondamento della corazzata giapponese più grande di tutti i tempi, Yamato. Pagine raccontate da un giovane ufficiale di vent'anni scampato miracolosamente alla morte. Yamato, sempre e solo "Yamato", mai "La Yamato", per tutto il libro la corazzata viene nominata con rispetto, come se fosse stata una cosa viva, quasi un essere umano. Yamato in giapponese simboleggia l'essenza geografica e sacra del Giappone, Yamato è il Giappone inteso nel senso più spirituale del termine, per questo tutte le volte che viene nominata la corazzata viene chiamata col nome e viene sempre omesso l'articolo. Yamato è orgoglio, amore, e rimpianto, l'affondamento della nave è la fine del Giappone, la sconfitta di un simbolo quasi sacro. Pagine di intensa poesia descrivono la sconfitta e la consapevolezza della partenza per una missione disperata, senza speranza, una missione Kamikaze. Una task force di molte navi parte per Okinawa, per contrastare l'attacco americano, ma a metà strada centinaia di aerei nemici attaccano il convoglio e affondano quasi tutte le navi, migliaia di giovani vengono uccisi, la crudezza delle descrizioni di morte viene portata avanti con serenità assoluta, con la rassegnazione di un destino inevitabile, con il terrore negli occhi e nel cuore e con la paura di dimostrarlo, con la ricerca continua della dignità nel momento del passaggio tra la vita e la morte. Essere degni di morire. L'istante del passaggio tra la vita e la morte viene vissuto come una occasione unica, unica e irripetibile, che va vissuta con onore, con piacere e che non deve essere sprecata inutilmente. Vi propongo alcune pagine in modo tale che possiate assaporare lo stile e l'animo dell'autore:

 

"Dalla nave si vede la costa e " Una voce grida: "Fiori di ciliegio". E' un marinaio alla terza postazione di guardia. Ha rivolto il binocolo in dotazione alla vigilanza verso la costa; gli occhi incollati alle lenti, ha alzato la mano per l'eccitazione.

 

Dev'essere una varietà a fioritura precoce.

 

Sgomitando per essere i primi della fila, afferriamo il binocolo, cercando di imprimerci nella retina l'immagine dei boccioli, petalo per petalo.

 

Radiosi e magnifici nella visuale sfuocata del binocolo, ci incantano con il loro fremito incessante. Fiori di ciliegio, oh fiori di ciliegio del Giappone, addio!"

 

e poi ancora, quando nei suoi pensieri ci sono i cari e il pensiero dell'abbandono degli affetti:

 

"Padre, madre, sorella, il cognato disperso in battaglia un anno fa. Li vedo tutti distintamente davanti a me.

E i volti di conoscenti, insegnanti e amici scorrono nella mia mente e svaniscono.

Persone che ho conosciuto nella mia breve vita e che non posso dimenticare: le loro immagini si affollano davanti ai miei occhi e io li saluto come fossero davvero di fronte a me.

Sono pallidi fantasmi, ma quando mi rivolgono un sorriso mesto riconosco i loro volti.

«Vi sono grato» sussurro più volte, istintivamente.

La bontà che avete dimostrato perdonando i miei capricci infantili, offrendomi la vostra compagnia.

Ho intrapreso il cammino che conduce a una morte facile. La morte è facile.

Voi che non avete la fortuna di morire, voi che siete ancora condannati a vivere. Come farete a sopportare tutti i giorni che verranno dopo domani?"

 

O quando incontrando un amico disperato ha il desiderio di consolarlo:"..., consolarci a vicenda ci avrebbe regalato un attimo di felicità.

Triste e scontroso compagno. Se morirà conservando questa mentalità meschina, non potrà sopravvivere in sua moglie.

Non volevo consolarti. So di non essere la persona adatta. Speravo solo di godere con te di quest'ultima mattina, e di questa fresca, frizzante aria salmastra.

Non ho moglie. Né figli, naturalmente. Solo i miei genitori e mia sorella piangeranno la mia morte.

Non ho conosciuto la fiamma dell'amore.

Di fronte alla morte, non ho legami la cui fine mi appaia intollerabile.

Tra il sottufficiale Katahira e me, chi è il fortunato? Chi lo sfortunato?

Dovrei accontentarmi della fortuna di avere l'animo in pace, poiché solo la carne della mia carne piangerà la mia scomparsa?

0 il vero significato della vita risiede in tormenti strazianti come il suo?

I miei occhi, fissi nel vuoto mentre rifletto, sono gonfi di sonno e doloranti, sferzati dall'aria fresca.

Il sole del mattino, con i suoi torpidi raggi dorati che filtrano dagli squarci nelle nuvole e si riflettono sulle onde, è abbacinante ma piacevole.

Con animo sereno mi chiedo: da quando fui svezzato dal seno di mia madre e imparai a gustare il pasto del mattino, quante migliaia di volte - quante decine di migliaia di volte - ho fatto colazione?

La colazione: da oggi io e la colazione non avremo più alcun rapporto. Scuoto la testa incredulo.

Il mare è di un azzurro straordinario; onde possenti si abbattono sulla fiancata della nave."

 

Non è possibile descrivere l'intensità di questo libro con solamente poche scarne parole, non basta dire che è Bello, ho preferito regalarvi qualche pagina e darvi un "vero" assaggio di questa indimenticabile lettura.

 

addiomo9.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto questo libro qualche anno fa.... è veramente molto bello e particolare, quasi surreale pensando all'autore, un giovanissimo guardiamarina, colto, intellettuale, per nulla aderente allo stereotipo del cieco militarista, che si appresta ad una missione senza ritorno pur sapendo che la guerra è irrimediabilmente persa e non condividendo affatto la condotta criminale della leadership nipponica.Assolutamente un testo da non far mancare nella propria biblioteca

Share this post


Link to post
Share on other sites

pensare che sono anni che l'ho comprato ma non ancora avuti tempo di leggerlo, me ne avete fatto venire voglia. grazie

Museo Yamato

dscf0064qt8.jpg

dscf0118vg8.jpg

 

Oppure dal set del film

 

dscf0027ci9.jpg

dscf0051ep9.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,530
    • Total Posts
      516,292
×