Jump to content
Sign in to follow this  
Guest ssbn

Scirè Storia Di Un Sommergibile E Degli Uomini Che Lo Resero Famoso

Recommended Posts

Guest ssbn

Carissimi Comandanti;

 

Mi pregio di relazionarvi sul libro di Sergio Nesi "SCIRE' storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso" casa editrice Lo Scarabeo in uscita a Gennaio 2007.

 

post-442-1166796914_thumb.jpg

 

titolo:SCIRE' - storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso

autore: Sergio NESI

editore:Lo Scarabeo - Bologna

anno edizione: 2006 ediz speciale limitata - 2007 edizione normale

pagg. 284, 101 tra illustrazioni e cartine in b/n, brossura

Cm 15,5 x 21,

prezzo: 23,00 Euro

 

sono state pubblicate 2 edizioni del libro, la prima con copertina rigida stampata per l'equipaggio del nuovo Scire¨ e per i pochi fortunati che hanno potuto acquistare il residuo delle 100 copie.

l'edizione commerciale è uscita a febbraio 2007 e differisce per le dimensioni leggermente ridote e copertina non rigida [/i]

 

 

Il libro è introdotto dalla prefazione della M.O.V.M. Ammiraglio di Squadra Gino Birindelli che ripercorre e definisce la stretta simbiosi tra X FlottMAS ed il Smg. SCIRE'; prosegue la M.O.V.M. Capitano di Fragata Mario Arillo.

 

Con il varo dello SCIRE', il 6 Gennaio del 1938 nei cantieri del Muggiano (SP), (dove il nuovo Smg. SCIRE' è¨ stato costruito e verra  consegnato alla Marina Militare a breve); prende il "largo" questa affascinante pagina della Nostra Storia.

 

Viene definito il compito dello SCIRE' con i mezzi d'assalto della X Flottiglia M.A.S. e partono le descrizioni delle missioni che lo hanno visto protagonista:

Operazione B.G.1 / B.G.2 / B.G.3 / B.G.4 / G.A.3. / S.L.1

Le Operazioni vengono "raccontate" grazie ai rapporti e diari dei protagonisti come:

Rapporti dei Comandanti Borghese, Zelik;

Diario del C° Segnalatore Villa;

Rapporti delle coppie: de la Penne - Bianchi; Tesei - Pedretti; Birindelli - Paccagnini; Visintini - Magro; Catalano - Giannoni; Martellotta - Marino; Marceglia - Schergat; Vesco - Zozzoli;

Rapporti originali Britannici.

 

Si arriva alla descrizione del recupero di parti dello scafo e dei resti mortali dell'equipaggio dello Scirè; definendo le motivazioni che hanno portato a questa scelta.

 

Infine l'arrivo del Nuovo Sommergibile SCIRE'.

 

In appendice, molto interessante, lo stralcio dell'intervista sul Corriere della Sera di Emilio Bianchi, nel quale Bianchi riporta la sua versione sull'attacco alla Valiant.

 

Sperando di avervi dato una piccola idea di quello che vi aspetta nella lettura; approfitto per porgevi i piu sinceri saluti.

 

ssbn

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie della segnalazione. Una preghiera, quando esce lancia........... un siluro; il botto ci ricordera  di acquistarlo.

 

Onori al R.Smg. Scire :s67: :s67: :s67:

Share this post


Link to post
Share on other sites

cari amici

ho potuto prendere la copia del libro durante il pranzo di natale della Decima, a Bologna, al quale era presente (insieme ad altri reduci) propio il C.te Nesi che mi ha firmato questo e un altro suo libro...

sfortunatamente le copie del libro Scire sono finite (l'ultima è stata proprio la mia :s43: ) ma parlando con l'editrice è in stampa una nuova edizione, piu economica e con la classica copertina morbida delle edizioni Lo Scarabeo... mentre questa era cartonata e piu costosa....

comunque sara  prestissimo disponibile... quando esce, vi informero se possibile

un caro slauto a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi invio la recensione - che ho preparato per "STORIA MILITARE" e che comparira sulla rivista, di questo bel volume le cui prime copie in assoluto hanno circolato al nostro raduno di Bocca di Serchio del 28.1.07

------------------------------

 

Sergio NESI

SCIRE' - storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso

Bologna, Lo Scarabeo, 2006, pagg. 284, 101 tra illustrazioni e cartine in b/n, brossura

Cm 15,5 x 21, Euro 23,00

 

Il sommergibile Scirè, con ogni probabilita, è il piu famoso battello ad aver prestato servizio con la Marina Italiana: una fama meritata per le vicende e le azioni che sino all'affondamento lo videro coinvolto, e recentissimamente rinverdita dall'entrata in servizio dell'omonima unita subacquea tipo “212" che ne perpetua il nome e la memoria.

Sergio Nesi, autore ben noto per le numerose e documentate pubblicazioni relative agli uomini e alle vicende dei reparti d'assalto della Marina Italiana nella seconda guerra mondiale (e specificatamente a quelle della Xa Flottiglia MAS), ha affrontato l'argomento dal particolare punto di vista dell'attività operativa del sommergibile che, per l'appunto, fu l'“avvicinatore" piu noto e fortunato dei “siluri a lenta corsa" (SLC) della Regia Marina nel corso delle loro azioni contro le basi britanniche di Gibilterra e Alessandria d'Egitto.

Vengono quindi giustamente lasciati in disparte gli aspetti tecnici del battello (limitati a essenziali ma precisi dati sulle unita della classe "Adua", di cui lo Sciré faceva parte), destinando peraltro alcune interessanti note alla trasformazione dello Sciré in unità predisposta al trasporto e al rilascio dei maiali nelle vicinanze dell'obiettivo.

L'aspetto piu significativo del volume è costituito dalla presentazione e dal commento di un imponente apparato documentale: si tratta, non soltanto, di materiale e relazioni già note o pubblicate in altre opere, ma di ulteriori apporti inediti che contribuiscono ad accrescere l'interesse, la completezza e l'esaustività di questo libro che non esito a definire affascinante. In particolare, sono riportati - tradotti in italiano- numerosi estratti di relazioni ufficiali britanniche dell'epoca, come pure ampie porzioni di un diario tenuto dal Capo Segnalatore di 3a classe Livio Villa, che imbarcò sullo Scirè per tutto il periodo bellico e che peri nell'affondamento dell'unità, al largo di Haifa, il 10 agosto 1942.

Questa documentazione, sino ad oggi non portata a conoscenza del pubblico, è raffrontata ed incrociata con le ben note relazioni degli operatori dei mezzi subacquei, con i dispacci e i messaggi di Supermarina e con le testimonianze dirette del c.c. Junio Valerio Borghese, che dello Scirè fu il comandante per antonomasia. A questo scopo sono anche presentati ampi estratti del volume di Borghese Decima Flottiglia MAS dalle origini all'armistizio (recentemente ristampato per i tipi di Albertelli Edizioni Speciali vds. recensione su “STORIA Militare" n. 142, luglio 2005) e del quale SCIRE' - storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso costituisce il quasi naturale completamento.

Nelle pagine di questo bel volume rivivono non soltanto le vicende delle operazioni B.G.1, 2, 3 e 4 contro Gibilterra e della ben nota G.A.3 contro Alessandria del dicembre 1941, ma anche le prime missioni tradizionali dello Scirè all'inizio del conflitto (al comando del t.v. Adriano Prini dal giugno al settembre 1940), nonchè la sfortunata missione S.L.1 contro Haifa, nel corso della quale il battello andò perduto (al comando del c.c. Bruno Zelik).

L'apparato iconografico, anche se la qualita  delle riproduzioni non sia talvolta ottimale, è completo e puntuale nell'affiancare quanto descritto nei testi, anche attraverso la riproduzione di documenti originali sia italiani sia inglesi. Tra i numerosi schemi e cartine, riveste un particolare interesse lo schizzo di un'operazione “tipo" dell'entrata nella baia di Algesiras, redatto con felice mano artistica su precise istruzioni del com.te Borghese dalla moglie, donna Daria Olsoufieff.

SCIRE' - storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso termina con un'ampia e documentata appendice ove sono descritti i diversi tentativi di recupero avvenuti a piu riprese nel tempo di parti dello scafo e di cimeli del battello, culminati (nel 1984) con la missione di Nave Anteo della M.M. che portò al recupero dei resti di 42 membri dell'equipaggio, successivamente tumulati nel Sacrario dei Caduti d'Oltremare a Bari.

Si tratta, in definitiva, di un ottimo volume che puo quasi essere considerato l'opera definitiva sull'argomento: sicuramente da consigliare a tutti gli appassionati e agli studiosi dell'attività della Regia Marina nel corso della seconda guerra mondiale.

Edited by Alagi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era questa, in effetti la sorpresa che andavo preparando...

 

ho dovuto "tampinare" per un po sia l'editore che Nesi per riuscire a metterci mano sopra e quelle che circolavano al raduno sono le prime 15 copie in assoluto della edizione economica.

 

Devono ancora finire di stamparle, ed è tutto dire, al punto che ho ritirato le copie sabato mattina ancora fresche dell'inchiostro di stampa ma sopratutto dell'autografo di Nesi.

 

Il libro devo ancora leggerlo ma a una prima occhiata mi sembra di vedere molte cose inedite...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Perla

Acquistato e letto, finalmente....davvero bello, scritto con il solito rigore storico e precisione di particolari che caratterizza l'autore...commovente ed interessante soprattuto negli ultimi capitoli, quelli dedicati al recupero del relitto... :s15: :s20:

Edited by Perla

Share this post


Link to post
Share on other sites

:s55: Buonasera a Tutti!

Ho letto il libro su consiglio (ottimo) di TOTIANO. E' veramente interessante se non altro per la presenza di notizie inedite e "scomode". Ad esempio da questo libro ho saputo che la "brillante" idea di recuperare parte delle Salme dei Marinai dello SCIRE' fu di Giovanni SPADOLINI, allora Ministro della Difesa, "istigato" da alcuni articoli di giornali Israeliani denuncianti il nostro (presunto) disinteresse per quel relitto ed i suoi Morti.

 

Personalmente, anzichè sprecare un mucchio di pubblico denaro per quel recupero eseguito da Nave ANTEO, avrei lasciato i Morti in quella "bara d' acciaio": approvo il prelievo di alcuni cimeli e mi sarei accordato con gli Israeliani per dichiarare la zona del relitto interdetta all' ancoraggio ed alla pesca, cosa che mi sembra sia stata fatta pochi anni fa. Con solo una minima parte del denaro così risparmiato avrei promosso una forte campagna pubblicitaria sull' Impresa di Alessandria in modo particolare nelle scuole.

 

Un altra cosa che non sapevo è che in navigazione di superficie l' SLC era appoppato con il grave incoveniente che l' operatore seduto dietro doveva usare l' autorespiratore per un tempo assai maggiore di quello seduto a prua che invece poteva respirare normalmente ed usare l' autorespiratore solo al momento dell' immersione per la fase finale dell' attacco. Da questo "sfasamento" nell' uso dell' autorespiratore son derivati inconvenienti per la salute degli Operatori che han rischiato di far fallire la missione. Nel caso della coppia DE LA PENNE-BIANCHI, penso che se BIANCHI non avesse avuto dei problemi fisici, l' ordigno avrebbe potuto esser sistemato meglio sotto la VALIANT creando alla corazzata Inglese maggiori danni da riparare in ben oltre i quattro mesi che occorsero.

 

Mi è dispiaciuto, infine, di aver letto che i rapporti personali tra DE LA PENNE e BIANCHI non fossero idilliaci. In particolare BIANCHI accusa il suo Supriore di averlo trattato sempre con distacco. I rapporti si mantennero freddi anche dopo la fine della guerra quando ormai certi formalismi non avevan più ragion d' essere. In un reparto speciale come la X MAS è fondamentale il senso di cameratismo fra i componenti d' ogni grado: pur non pretendendo che DE LA PENNE andasse d' accordo con tutti quelli della "Decima", è chiaro che avrebbe almeno dovuto considerare il proprio..."compagno di maiale" :s03: come un fratello al quale più che ordini dare consigli.

Edited by Alfabravo 59

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono riuscito a reperire, con un colpo di fortuna, il volume di Sergio Nesi "Scirè, storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso".

L'edizione è quella del 2006 con copertina rigida, ho letto nella recensione del libro, su questo stesso forum, che di questa edizione sono state stampate un numero limitato di copie; non ho però trovato sul volume alcuna indicazione circa il numero esatto.

Qualcuno conosce, anche approssimativamente, questo numero?

Ringrazio

Topazio

Share this post


Link to post
Share on other sites

se ben ricordo l'Autore stesso affermo a Ravenna che ne furono stampate 100 copie in copertina rigida. comunque molto poche perche per volontà del Nesi dovevano essere destinate per "rappresentanza", ne dono infati una copia ad ognuno dei mebri del nuovo Scirè, ad esempio.

Puoi provare a chiedere alla casa editrice, cmq, sono molto diposnibili...

 

pensavo di unire alla recensione sul libro questo post, visto che cmq lo riguarda: che ne dici?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per il suggerimento, farò così.

Per quanto riguarda lo spostamento del post, non posso che essere d'accordo; solo che, se fosse possibile, vorrei integrarlo con un paio di foto del mio volume. ok?

 

Topazio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco l'immagine della copertina (RIGIDA) e dei dati di edizione: "1^ edizione 2006"

 

p1000485u.jpg

 

p1000486p.jpg

 

Credo che adesso il post sia completo.

Saluti

Topazio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Titolo: Scirè. Storia di un sommergibile e degli uomini che lo resero famoso

Autore: Sergio Nesi

Casa editrice: Lo Scarabeo (Milano) (http://www.libreriauniversitaria.it/libri-editore_Lo+Scarabeo+(Milano)-lo_scarabeo_(milano).htm)

Anno di edizione: febbraio 2007

Pagine: 288

Prezzo originale: euro 25,00

Reperibilità: facile

 

51bikHFP0iL.jpg

 

Il libro di Sergio Nesi ha come protagonista il Regio Sommergibile Sciré, uno dei quattro battelli trasportatori di mezzi d'assalto della X Flottiglia MAS, e del suo equipaggio che, nella prima metà della seconda guerrà mondiale, contribuì a scrivere una delle più belle pagine della Marina Italiana.

 

Il libro è costruito in modo da lasciare direttamente agli uomini protagonisti delle vicende la narrazione, inserendo gli stralci più significativi di diari personali e ufficiali e i documenti agli atti, dove necessario anche in forma integrale.

 

Nesi cerca di non influenzare il lettore nell'analisi dei fatti e, a mio parere, ci riesce molto bene; inserendo le tesimonianze scritte di entrambi gli schieramenti e di tutte le persone che hanno avuto un ruolo nella storia, il lettore è in grado di conoscere i diversi punti di vista e può autonomamente farsi un'idea di quello che accadde. L'autore si riserva comunque di inserire puntualizzazioni e chiarimenti, in modo da guidare il lettore per contuestualizzare i documenti, laddove necessario.

 

Sono molte e interessanti le foto.

 

Un libro che mi ha molto appassionato e, lo ammetto, anche commosso.

 

Non ho trovato la recensione di questo libro, nel caso mi sia sfuggito prego i moderatori di eliminare o spostare questa discussione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
.

 

Non ho trovato la recensione di questo libro, nel caso mi sia sfuggito prego i moderatori di eliminare o spostare questa discussione.

 

Fatto :s02:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,301
    • Total Posts
      510,371
×