Jump to content
Sign in to follow this  
Sgt. Bull

Storia Della X Mas...

Recommended Posts

Le Origini Della X° MAS:

Sin dall'inizio del XX secolo, vennero ideati e sperimentati in Italia, mezzi insidiosi per l'attacco alle unità navali; infatti l'origine dei mezzi con i quali la Regia Marina Italiana ottenne i suoi più strepitosi successi durante la seconda guerra mondiale, si ricollega all'esperienza maturata nella guerra 1915-1918.

 

In quel conflitto le imprese compiute in Adriatico contro la flotta austro-ungarica videro spesso in azione mezzi di superficie come i MAS siluranti trainati nelle vicinanze dei porti nemici da torpediniere; o i barchini assaltatori, capaci di superare le ostruzioni retali mediante cingoli a cremagliera.

 

E furono utilizzati anche mezzi subacquei come torpedini semoventi quali la Mignatta: in pratica un siluro con motore ad aria compressa che portava una testa di guerra staccabile, contenente due torpedini dotate di spoletta ad orologeria da applicare magneticamente alla chiglia delle navi nemiche.

 

Con questo mezzo, nel novembre 1918 Raffaele Rossetti e Raffaele Paolucci avevano attaccato ed affondato la corazzata austro-ungarica Viribus Unitis, nella base di Pola.

 

Nell'autunno del 1935, la crisi etiopica fece comparire il rischio di doversi misurare con la Royal Navy: Due tenenti del Genio Navale, Teseo Tesei ed Elios Toschi, studiarono un miglioramento radicale della mignatta per attaccare le corazzate britanniche alla fonda nei porti:

 

Nello stesso tempo, presso la base di La Spezia, si stavano svolgendo esperimenti con assaltatori subacquei che, muniti di autorespiratori, si esercitavano in marce sul fondo marino portando cariche esplosive da depositare sotto le navi ferme in porto.

 

Dall'insieme di tali iniziative nacque un preciso programma per la costruzione di torpedini semoventi, condotte da operatori subacquei, e nell'autunno del 1935 si svolsero le prime prove con esito favorevole ed incoraggiante.

 

Erano così nati i Siluri a Lenta Corsa costituenti il primo nucleo dei futuri mezzi d'assalto della Regia Marina.

 

Nel corso di un'esercitazione, Teseo Tesei disse al suo secondo operatore di "legare il maiale", non si sa perché usò quel termine, ma da quel momento l'SLC diventò per tutti il "maiale". L’espressione piacque ed era anche "comoda" perché permetteva di parlare liberamente di un mezzo la cui segretezza era essenziale.

 

Intanto la crisi etiopica provocava anche un'accelerazione degli studi per lo sviluppo dei mezzi d'assalto di superficie. Agli inizi del 1936 l'Ammiraglio Aimone di Savoia-Aosta riuscì a far allestire una prima serie di barchini da lui progettati.

 

Con struttura in legno e capaci di oltre 30 nodi di velocità, erano condotti da un pilota collocato a poppa estrema con possibilità di eiettarsi con uno zatterino salvagente, che gli consentiva di porsi in salvo dopo aver lanciato il mezzo contro il fianco della nave attaccata ed aver bloccato i comandi al momento opportuno.

 

All'impatto la parte prodiera contenente 300 Kg di esplosivo affondava, sino a quando un dispositivo pressostatico, precedentemente regolato, provocava l'esplosione a contatto con la parte meno difesa della fiancata della nave.

 

I barchini, superati positivamente i collaudi, vennero denominati MTM, Motoscafi da Turismo modificati e successivamente diedero luogo a diverse versioni tra cui una ridotta, MTR ed una destinata al trasporto degli SLC denominata Lenta, MTL.

 

I barchini siluranti, MTS, in pratica dei piccoli MAS, nacquero alla fine del 1939 e divennero operativi nei primi mesi del 1941. Condotti da due operatori potevano lanciare un silurotto a carica ridotta; l'arma veniva espulsa da poppa.

 

Seguirono le versioni Modificato MTSM, più lungo e più largo, armato anche di due bombe di profondità, e nel 1943 l'Allargato MTSMA, ancora più grande, divenuto poi SMA.

 

Ecco il Link con Tutti gli altri argomenti sulla X MAS

 

X° MAS

Edited by Sgt. Bull

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      44,530
    • Total Posts
      516,285
×